UN LUOGO INCERTO di Luca Tegoni / L’INVOLONTARIA COMICITA’ DELLO SPEAKER (COL FISCHIO E COL CASCHIO…)

COL FISCHIO E COL CASCHIO(Luca Tegoni) –  L’involontaria comicità dello speaker (clip sopra a cura di Alessandro Dondi), distratto al punto da non accorgersi di un goal annullato intonando quindi la litania del marcatore e poi confondendo Miglietta, autore del quinto goal, con Melandri, a cui attribuisce la doppietta, fa sorridere lo stadio in modo inatteso quando si conclude la partita. Il sorriso non sarebbe certo mancato vista l’ampiezza del risultato, così è stato più scanzonato, meno sacrale.

SOGNIAMO CONFINI SENZA CUGINILa Curva Nord traduce “Parma siamo noi” in “l’Emilia siamo noi” esponendo prima dell’inizio dalla gara una minacciosa elaborazione grafica, realizzazione peraltro mirabile, su tela in cui un crociato nostrano esibisce la volontà d’annessione delle province vicine e storicamente ostili. Nei tempi che furono la rappresentazione era credibile, calcisticamente.

Parte bene Miglietta che, dalla trequarti in attacco, sembra perdere il tempo per la giocata e invece vede il movimento da centravanti di Corapi che si infila in area proprio dove Miglietta lo serve quasi senza guardare, il trequartista esegue una bella torsione del busto e, seppur un po’ defilato rispetto alla porta, calcia con potenza mandando la palla a sbattere sul palo lontano alla sinistra del portiere. La Fortis è bene organizzata in difesa, almeno per la prima mezz’ora, mantenendo la propria difesa alta in modo che gli esterni del Parma finiscano in fuorigioco o comunque non riescano a sviluppare manovre particolarmente pericolose. Ci vuole quindi la giocata imprevedibile. Questa volta tocca a Lucarelli. Recupera il pallone nella metà campo d’attacco, si defila verso l’esterno come per cercare l’appoggio di un compagno, mentre improvvisamente cambia idea ed entra in area saltando un difensore facendogli passare la palla tra le gambe, arriva sul lato corto dell’area piccola e serve la palla sul piede di Baraye che da un metro appoggia indisturbato. Segna Baraye, “gol” di Lucarelli, calorosamente festeggiato dal fortunato centravanti di giornata. La partita termina poco prima della fine del primo tempo quando, prima un rigore per fallo su Melandri e realizzato da Corapi, e poi, un gollonzo ruvidamente segnato ancora da Baraye dopo scontro tra portiere e difensore, concludono l’esperienza della Fortis senza possibilità di provarci.

Peccato per il goal annullato a Guazzo, entrato nel secondo tempo al posto di Baraye. Veramente un bel tiro al volo su invito di Miglietta, finalmente, a mio vedere, ottimo per tutta la partita. Peccato anche per il rigore, prima conquistato e poi sbagliato, dopo numerose finte, in troppo poco spazio. Il mal d’Egidio sembra insistere ed infierire su Melandri che, prima, da dentro l’area, colpisce al volo e cerca di spezzare la traversa, poi, quando Guazzo lo lancia nello spazio libero della difesa abbandonata della Fortis, ma riesce a farsi parare il tiro già in area, dopo una corsa veloce. Invece il nostro guarisce in breve e, con un’azione personale, mette la palla in rete incrociando il tiro che risulta inesorabile per il portiere. Bello anche l’ultimo goal, quello in cui lo speaker del Tardini confonde Miglietta con Melandri. Il centrocampista sembra riceve re palla al limite invece lascia che la palla scorra per raggiungere Guazzo che, con un abile tocco, serve in profondità lo stesso Miglietta che non esita a calciare forte e preciso nell’angolo destro della porta. L’unico tiro della Fortis, scoccato nel secondo tempo, finisce sulla traversa.

Le giornate si allungano e il sole continua a splendere anche dopo la fine dell’incontro, giri di campo e applausi in abbondanza. Non si allunga invece la distanza con l’Alto Vicentino che continua nel suo cammino vittorioso se pur a debita distanza. A Valdagno domenica prossima proveremo ad accendere la loro delusione. Sarà bene lasciare questo luogo incerto al più presto. Luca Tegoni

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 58 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

28 pensieri riguardo “UN LUOGO INCERTO di Luca Tegoni / L’INVOLONTARIA COMICITA’ DELLO SPEAKER (COL FISCHIO E COL CASCHIO…)

  • 18 Gennaio 2016 in 03:07
    Permalink

    Faccio un appello a Majo: al di là delle gaffe odierne( per carità, un inciampo può capitare a chiunque) , io continuo a trovare stonato questo deejay. Sinceramente quell’orribile musichetta ad ogni gol é talmente fastidiosa che quasi viene da augurarsi uno 0-0. In curva nessuno la apprezza, copre le urla di gioia al gol, ed è brutto sentirsi zittiti nel momento più bello. Esiste proprio questa necessità? Ci sono contratti per cui si è obbligati a sorbirsi questa bruttura? Se non è così, caro Majo, non si potrebbe convincere il deejay a evitare il jingle? Lasciamo la voce al campo, la musica ambientale è più che sufficiente. Grazie.

  • 18 Gennaio 2016 in 08:47
    Permalink

    D’accordo con Francesco… Il momento del gol deve essere accompagnato dalle urla dei tifosi, non dalla samba o dal merenghe, dai la!

    • 18 Gennaio 2016 in 09:41
      Permalink

      Vedi Simone noi a Parma abbiamo tifosi come AndreA.T che del Parma non gliene frega niente, perchè come puoi notare mai un suo commento su tutto quello che riguarda il Parma come squadra calcistica. Ma è in prima linea a difendere a spada tratta il buon pietro. Il tifoso moderno è questo,non esistono più i tifosi sentimentali come noi che mettono la squadra al primo posto. Meglio parlare di ex dirigenti no? Tu che dici gli crediamo?

  • 18 Gennaio 2016 in 09:14
    Permalink

    Melandri sta segnando abbastanza gol per non meritarsi la nomea di Egidio. Poi chi è che non sbaglia dei gol?

    • 18 Gennaio 2016 in 11:51
      Permalink

      Gentile Luca, anche Calloni segnava, purtroppo ne sbagliava di clamorosi. L’immagine del mal d’Egidio vuole risultare scherzoso e non denigratorio. la ringrazio per l’appunto ma soprattutto speriamo che Melandri mi impedisca di scherzare.
      cordialmente
      LT

  • 18 Gennaio 2016 in 10:04
    Permalink

    Guarda Michele, fortunatamente non tutti andiamo a spulciare nella vita sentimentale degli altri stile Novella 2000, e quelli come noi si limitano a leggere ciò che viene scritto e riportato dai giornalisti. A volte è un errore, nel senso che alcune notizie in effetti meritano approfondimento.
    Altre come questa invece trovo sia incomprensibile. Cercare di difendere un personaggio come Leonardi dopo quello che ha fatto a Parma insieme al suo socio in affari, lo trovo veramente incredibile.
    Il fatto che si sia chiuso negli spogliatoi con l’arbitro prima della partita, se è vero, è veramente di una gravità inaudita e sentire dire, si però Criscitiello è sposato con questa o quell’altra e quindi lo fa per interesse oppure si ma lo fanno tutti e lo può fare anche lui è veramente pazzesco.
    Poi la si può girare e rigirare mille volte, cercando di trovare mille appigli, ma la cosa rimane schifosa e ribadisco per l’ennesima volta che se tutto ciò che dice Criscitiello è vero allora la sua reazione è sacrosanta, e tutti i tifosi del Parma dovrebbero fregarsi le mani a leggere certe notizie anzichè come spesso accade fare i bastian contrari al punto di arrivare fino a difendere chi ci ha affossato!!!

  • 18 Gennaio 2016 in 11:15
    Permalink

    Ci sono elementi che dovrebbero essere tagliati dal passato,cose banali come lo speaker o le varie musichette jingle, samba. Non so che rapporto di lavoro abbia e se sia così facile cambiare deejay. Ma far pronunciare i gol da Ampollini è così un’eresia?

    • 18 Gennaio 2016 in 11:38
      Permalink

      a patto che lo faccia senza cravatta

    • 18 Gennaio 2016 in 13:28
      Permalink

      …solo a pensare alla voce squillanti di Ampollini mi vengono i brividi…

  • 18 Gennaio 2016 in 11:33
    Permalink

    eh dai va tutto parte dello show,ricordo ai piu’ giovani che uno storico telecronista in occasione di una partita del mondiale del 1974 disse per ben due volte POLONIA 2 CAPELLO 1

  • 18 Gennaio 2016 in 11:54
    Permalink

    Durante la partita a me basterebbe il cartellone ed alla fine uno speaker che comunica i risultati finali del girone D dellla serie D.

  • 18 Gennaio 2016 in 13:40
    Permalink

    Oggi al TG Parma la Strozzi ha replicato: doppietta di Melandri …

    • 18 Gennaio 2016 in 14:01
      Permalink

      Stavamo proprio pensando a lei come speaker al tardini…
      Del resto come alla mitica bianchi negli anni novanta…

      • 18 Gennaio 2016 in 15:20
        Permalink

        Quella si che era brava.
        Per restare in tema io invece non sopporto quella sorta di registrazione del coro che dura un quarto d’ora e che mettono poco prima del via.. fa veramente pena..cosi le abbiamo dette tutte

        • 18 Gennaio 2016 in 16:28
          Permalink

          Quella è la canzone dei crusaders ricantata dai coristi del Regio, quella prodotta per beneficenza dai boys con j lnricavato della vendita a favore dell’ospedale del bambino.
          Promozionarla è stata una scelta nostra, che magari, visto il genere particolare, bassi ha digerito fino li…
          Cmq ne hanno stampati 3.000 ma molti sono ancora invenduti, sicché se qualcuno fosse interessato…
          Cordialmente
          Gmajo

        • 18 Gennaio 2016 in 18:40
          Permalink

          Ah non ti piace Gabriele? Legittimo. Quanti anni hai? Quello è una storica canzone della Curva Nord anni 80 cantata per beneficenza dal coro del regio. Compra il cd

  • 18 Gennaio 2016 in 16:51
    Permalink

    Mura parlava di senzabrera, noi siamo coniltego

  • 18 Gennaio 2016 in 16:52
    Permalink

    Bassi è davvero l’anti speaker per eccellenza. Anche l’anno scorso in quello sciagurato Parma Milan finito 4-5 ne aveva combinate di cotte e di crude, solo per ricordare l’episodio più agghiacciante.
    Diciamo che è giusto prenderla sul ridere però sembra davvero che utilizzi i 90 minuti della partita esclusivamente per sponsorizzare il suo Campus Industry. Non chiedo che legga i risultati delle altre partite del girone a fine primo tempo e fine gara, come succede in molti altri stadi in cui sono andato quest’anno, però almeno che conosca i giocatori e che guardasse la partita.

    • 18 Gennaio 2016 in 16:53
      Permalink

      Sul fatto dei risultati dagli altri campi è colpa mia che non glieli do

      • 21 Gennaio 2016 in 01:06
        Permalink

        basterebbe che andasse sul televideo con il suo smartphone e li potrebbe vedere da solo

  • 18 Gennaio 2016 in 17:24
    Permalink

    Forse arrivo da un momento di eccessiva enfasi avendo assistito ad una partita di NBA al Madison si persona (kniks Vs. hawks)…

    Io credo, a patto che la qualità possa essere di un certo livello…che la partita possa essere uno SHOW, in questo modo potrebbe accattivare anche chi, del calcio, importa relativamente…molte mogli ad esempio…creando così ulteriori presupposti per portare le famose famiglie dentro gli stadi (per carità a parma non abbiamo mai avuto troppi problemi al riguardo)

    Mi spiego meglio, al madison, al prezzo di circa 80€ vedi una partita di NBA (mica di palla prigioniera) + tutta una serie di contorni, giochi di luce, contest musicali o gare di schiacciate di bambini durante i timeout, nell’intervallo corpi di ballo…cheerleaders che sparano tshirt dei kniks con dei cannoni ad aria compressa in tribuna…la celebre kisscam (ho assistito anche ad una dichiarazione…) o la Emoticam (consisteva nell’inquadrare un bambino nel megaschermo affiancato ad una Emoticon e questo doveva imitarne l’espressione)…Ovviamente ad ogni canestro musichina ok…alla lunga magari stanca…ma nel calcio non ci sono 80 90 goal a partita…senza contare che ti trovavi in una delle strutture piu fighe in assoluto del mondo…ripeto con 80 €

    In serie A…la maggiorparte delle società offrono a 100 euro una bella dose di geloni…condita da una partita noiosa che finisce 0-0…con l’emozione più grande scatenata dal mediano che pensa bene di dare un calcio in faccia all’attaccante avversario…per fortuna non sempre è cosi drammatica…ma siamo sicuri che non si possa rendere anche questo scenario un po’ piu meritevole di quei 100 euro spesi?

    Ok non tutto è applicabile al calcio, ma forse si può vendere qualcosa che può convincere anche chi non è ancora convinto…

    Poi mi sta bene noi siamo in serie D e non in A…però dato che siamo in vena di novità….io porto una carrettata di idee…il Direttore son certo che non le butterà tutte nel cestino..potrebbe essere un modo per arrivare ancora una volta prima degli altri…

    • 21 Gennaio 2016 in 18:40
      Permalink

      Le musichette le abbiamo già. ..kisscam e altre robe che hai descritto tipo le facciacce dei bambini mi fanno venire i brividi al solo pensiero…perdona ma di ste bambinate non ne abbiamo bisogno…come sei poi non costassero nulla. .e ti ricordo che al momento siamo in D e i soldi vanno usati diversamente

  • 18 Gennaio 2016 in 19:45
    Permalink

    Il calcio in sè è spettacolo, mica c’è bisogno di tanto enfatico contorno, solo disturbo a beneficio di chi non conosce il calcio è che così non lo conoscerà mai. Non voglio ragazze pon pon, musichette ed urletti, megafoni e bimbiminchia. Sono lì per vedere la tattica, l’assist, la parata, il gol, la diagonale, la veronica, la spallata. Allo stadio è meglio Pirlo di Nicole Kidman.

  • 18 Gennaio 2016 in 19:45
    Permalink

    Quello sopra ero io, scusate ho fatto casino

  • 19 Gennaio 2016 in 09:58
    Permalink

    Questa è l’arroganza di un mondo che non si muoverà mai dalla sua mattonella provinciale, la partita resta lì, la società guadagna il triplo, e…non ti ho parlato di bimbiminkia ma di gente che ti farebbe impallidire per quello che sa offrire, o di bambini, i tuoi figli, che magari si divertirebbero più che a vedere il padre insultare un avversario o il signore in giacchetta nera… Cerchiamo di guardare oltre, la partita resta lì, se vuoi vederla non devi far altro che guardarla…a meno che tu non abbia disturbi della soglia di attenzione…

    • 21 Gennaio 2016 in 18:49
      Permalink

      Ma mica c’è bisogno di spendere migliaia e migliaia di euro x telecamere che ci inquadrino tutti xche possiamo fare dichiarazioni o facce che imitano emoticon! Ma ti pare fattibile?! E le partite ti ricordo che quest’anno stanno 5 euro in curva..non molto di più in tribuna…cosa abbiamo a che spartire con quel mondo dorato che descrivi proprio non lo so! Non è arroganza ma concretezza e piedi x terra x evitare di tornare a culo all aria come la stagione scorsa…e scusa se x te è poco andare allo stadio e vedere quel che questa società ci permette, cioè vittorie ,rari pareggi e finora nessuna sconfitta! Gli insulti non c’entrano proprio nulla…non ci dovrebbero essere ma le kisscam ecc non c’entrano

I commenti sono chiusi.