ADOBATI (FORLI’): “DOBBIAMO ESSERE REALISTI E SINCERI: SE IL PARMA E’ QUESTO, CHE A FEBBRAIO NON HA MAI PERSO E HA 10 PUNTI DI VANTAGGIO, E’ DURA PENSARE DI POTERLO SUPERARE…” video

fabio adobati(Ilaria Mazzoni) – Difensore centrale acquisito dalla Lega Pro, Fabio Adobati, parla di una partita difficile, perché non è mai semplice con la squadra prima in campionato, il Parma, poi, è una formazione molto compatta e che schiera nel suo ruolo due giocatori che, sia per età che per esperienza, sicuramente sanno il fatto loro. Gialloblù che non gli hanno permesso di impostare il tipo di gioco che preferiscono, quello basato sul farsi attaccare per poi agire di ribattuta; Forlì che, comunque, si è comportato bene fornendo una buona prestazione in una gara che poteva essere decretata da due episodi.  Il campo, comunque, per il giocatore, non ha favorito lo sviluppo del bel gioco, fatto per cui si dispiace molto, soprattutto considerando la bella cornice fornita dal pubblico e per l’importanza della gara stessa.

Rammarico solo per quell’occasione sprecata, anche se molto ha fatto anche la bravura di Giorgino che, salvando quel pallone, ha segnato un goal per il Parma, a dieci minuti dalla fine; un contropiede che, se fosse stato ben gestito avrebbe potuto decretare la vittoria del Forlì. Su un campo normale, ribadisce, quello, però, sarebbe stato un goal; partita, comunque, molto tattica, anche per via, appunto del campo.

massimo gaddaGialloblù, che, comunque, anche a detta dell’allenatore della squadra di Adobati, Mister Gadda, per tutta una serie di motivi, sin dall’inizio del campionato era una squadra a sé; perciò il Forlì non ha mai pensato al primo posto. Devono, pertanto, fare la corsa sul secondo posto, anche se sognare, ovviamente, non costa niente. Rimangono dieci punti di distacco, d’obbligo, perciò, per il difensore essere realistici: se il Parma è questo, una squadra che non perde fino a febbraio, beh, c’è poco da fare..

Cosa è mancato al Forlì? Personalmente per il giocatore il Parma è una vera squadra, e si comporta in modo da dimostrarlo in campo, conta anche molto anche l’esperienza che vantano i giocatori crociati. Ilaria Mazzoni

Il video della conferenza stampa del difensore romagnolo Fabio Adobati dopo Forlì-Parma 0-0

IL VIDEO DELLA CONFERENZA STAMPA DI MISTER MASSIMO GADDA DOPO FORLI’-PARMA 0-0

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

31 pensieri riguardo “ADOBATI (FORLI’): “DOBBIAMO ESSERE REALISTI E SINCERI: SE IL PARMA E’ QUESTO, CHE A FEBBRAIO NON HA MAI PERSO E HA 10 PUNTI DI VANTAGGIO, E’ DURA PENSARE DI POTERLO SUPERARE…” video

  • 21 Febbraio 2016 in 20:31
    Permalink

    Direttore, quando rientra Lauria?

  • 21 Febbraio 2016 in 23:32
    Permalink

    Perché da Capolista soffriamo con tutti e subiamo il gioco degli altri che sia la seconda in classifica o L ultima . Invece di imporre noi la nostra forza ? Questo è a dir poco strano …

      • 21 Febbraio 2016 in 23:40
        Permalink

        In che ruolo gioca? È un Under?

      • 21 Febbraio 2016 in 23:42
        Permalink

        Figa…nembo kid…atsi antig me il scoresi 🙂

  • 22 Febbraio 2016 in 00:50
    Permalink

    Subire cosa? Siamo primi!!!!!!!!!!! Chi critica vada a vedere la Regia. Fanno bene quelli che in curva zittiscono la giente come te! L’hanno prossimo torneremo tra i profesionisti e tu non lo sarai mai. Stai a casa!

  • 22 Febbraio 2016 in 06:53
    Permalink

    Mi aspettavo da un giornalista una risposta più tecnica …

  • 22 Febbraio 2016 in 09:14
    Permalink

    Ma basta lamentosi stiamo andando in lega pro in carrozza ,unici imbattuti in Italia con la miglior difesa d Italia e godetevi sto finale di stagione e non rompete troppo i coglioni a squadra e allenatore per qualche scelta discutibile…AVANTI APOLLO

  • 22 Febbraio 2016 in 09:15
    Permalink

    Direttore Lei deve sempre difendere da aziendalista la sua famiglia Parma. Siamo tutti tifosi e amanti di questa squadra, ma ogni tanto le critiche vanno prese per migliorarsi. Stiamo giocando male, in molte partite ci è andata bene, per i giocatori che abbiamo avremmo già dovuto mettere in tasca in campionato, invece dobbiamo soffrire con il mezzolara e tante altre squadrette che vivono alla giornata…. Qualcuno poi incentiva la situazione dicendo che siamo già sotto di un milioncino per questo campionato, quindi SVEGLIA!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    • 22 Febbraio 2016 in 14:27
      Permalink

      Le critiche costruttive sono bene accette, ma non mi pare il caso di chi, da settimane, sta facendo il tiro al piccione con Apolloni.

      I provocatori e soprattutto chi diffonde voci false e tendenziose qui non sono i benvenuti. Pertanto, a malincuore, la espello dalla community di StadioTardini.it.

      Le calunnie di taluni pittoreschi personaggi – che si commentano da sole – qui non trovano albergo e se lei le riporta diventa come loro, rimediando lo stesso trattamento. Pertanto smentisco la balla del milioncino sotto.

  • 22 Febbraio 2016 in 11:10
    Permalink

    La miglior difesa d’Italia???? ha ha…
    La miglior difesa del girone D dei dilettanti.
    Ripeto DILETTANTI mica del campionato di serie A
    nè tanto meno del campionato cadetto.
    Fenomeni….
    ma siete così tanto sicuri di arrivarci in Lega pro?
    Il campionato dei DILETTANTI non è finito ieri.
    Vi consiglio testa bassa e pedalare.
    E leggete meno i quotidiani LOCALI e REGIONALI.

    • 22 Febbraio 2016 in 11:44
      Permalink

      Meno male che ci sono persone come che ci aprono gli occhi.

    • 22 Febbraio 2016 in 12:20
      Permalink

      Sei ampiamente l’emblema dell’essenza del tuo territorio.

  • 22 Febbraio 2016 in 11:46
    Permalink

    Pensavo riuscissi ad arrivarci anche tu Duca….mi sbagliavo. Parlavo di numero di gol presi in tutte le categorie non certo come valore .lo so anche io che in A e b ci sono difese migliori.

    E tu che invece che testa bassa, mi sa che sei u a testa quadra ti riesci a iscrivere a un campionato l anno venturo? Mi sa che l anno venturo ci vai tu a lentigione…
    Va be dai cosi sarai contento ed eviterai di prendere tre pere sia a Parma che a rez

  • 22 Febbraio 2016 in 11:57
    Permalink

    Bah a me non dispiace la squadra, ho i due o tre che non posso vedere ma come ognuno di noi ha chi preferisce e chi meno, e a dirla tutta non giocherei con il modulo che adotta apolloni, detto cio, fintanto che sarà alla guida del Parma io tiferò anche per lui, spiace per la pareggite…questo si…ma come diceva qualcuno piu su nei commenti…finchè siamo primi cosa abbiamo da lamentarci?! sono d’accordo….

    Poi se si tratta di critiche costruttive..io inviterei più lo staff ad approfondire i motivi di questa pareggite…

    -che sia un calo psicologico?
    -mancano motivazioni?
    -mancano idee nuove? (vedi schema su cacioli che ormai lo marco anche io col mysky)
    -un calo fisico?

    -gli avversari che hanno migliorato lo stato di forma?
    -gli avversari ci affrontano con meno timore reverenziale?
    -gli avversari hanno imparato a chiudersi?

    insomma analizzerei la cosa per arginare i pochi pericoli che corriamo anziche dare in testa a chi fino a prova contraria sta asfaltando il campionato 🙂

    Forza Parma Sempre

  • 22 Febbraio 2016 in 12:08
    Permalink

    su Apolloni
    qualche errore lo ha fatto, nessuno è perfetto, ovvio… ha la scusante di esser partito in ritardo e col materiale che gli hanno messo a disposizone ha portato la squadra in vetta mantenendola capolista, imabattuta e miglior difesa… che dire… poi, il gioco non sempre è stato spumeggiante, anzi, siamo più una squadra rocciosa e grintosa un pò com’era il mister quando giocava..
    solo il prossimo anno, a mio avviso, partendo da luglio, potremo giudicare meglio il gioco e l’operato del mister.

    sulla Lega Pro
    non sarà facile, e secondo me metà squadra sarà da rifondare in quanto alcuni under hanno deluso e non saranno all’altezza così come alcuni Big:

    GUAZZO, per me OUT, non si è legato ai tifosi, non è l’ambiente adatto a lui, credo, non si è eccesa la scintilla.

    LONGOBARDI / MUSETTI l’impegno non è mai mancato, non gli si può dire nulla, il primo un trascinatore, il secondo grande lottatore, però mi sembrano avanti con l’età e piuttosto fragili, temo ne resterà solo uno.

    CORAPI / GIORGINO / MIGLIETTA i primi due non si toccano, il terzo, purtroppo, penso che con il suo stipendio da Big si possa trovare di meglio per la Lega Pro.

    LUCARELLI / CACIOLI / BENASSI I da confermare assolutamente tutti e tre.

    LAURIA / BARAYE / MELANDRI idem come sopra, da confermare tutti e tre.

    RICCI / MAZZOCCHI / SERENI i primi due non si toccano, il terzo, pistapocci, può rifarsi altrove, grazie e auguri!!!

    ZOMMERS / RICCI / AGRIFOGLI / ADORNI / RODRIGUEZ / SIMONETTI / SAPORETTI / MESSINA da prospettiva, quindi da tenere tutti.

    che ne pensate?

    • 22 Febbraio 2016 in 12:15
      Permalink

      con una rosa da 23, portieri esclusi, gli innesti sarebbero 7 innesti di giocatori di categoria (Lega Pro o Serie B), alcuni titolati alcuni da turnover:
      2 difensori centrali
      2 centrocampisti
      2 esterni
      1 centravanti boa

    • 22 Febbraio 2016 in 12:31
      Permalink

      Sarò impopolare lo so…ma per me è out anche Cacioli…per carità il fabbro nelle categorie inferiori serve sempre…ma io…senza offesa perchè sono 15 anni che ritengo chiellini uno buono per pestare l’uva eppure è titolare in nazionale…uno che procura 1 rigore o 1 ammonizione a partita non lo ritengo adatto al palato fine di chi tiene per questa squadra…probabilmente era il meglio che potessimo permetterci…quindi va bene…ma in futuro auspico a qualcuno di meno irruento ecco…

      • 22 Febbraio 2016 in 13:13
        Permalink

        ci stà il tuo discorso LucaDena,
        però…
        Cacioli, nonostante tutto.. è stato un punto fermo in questo campionato pertanto me lo porterei in Lega Pro. detto questo non è scritto che debba fare il titolare, stesso discorso per il nostro capitano (come per Totti anche per lui passano gli anni), di fatti ho inserito nella lista della spesa:
        2 difensori centrali (di livello)
        che con Lucarelli / Cacioli / Benassi formerebbero un bel numero di centrali e ci darebbero garanzie (sulla carta).
        🙂

  • 22 Febbraio 2016 in 12:15
    Permalink

    Nessuna squadra in qualsiasi categoria marcia sempre al 100%.

    Facendo una proiezione “sui risultati ottenuti fino ad oggi” il Parma raggiungerete 90 punti e l’ AltoVicentino 80.

    però purtroppo nel girone di ritorno abbiamo perso punti nei confronti proprio dell’ AltoVicentino forse 3 o 4… (non ho controllato)..

    è indubbio che la “pareggite” non può continuare a lungo.

    • 22 Febbraio 2016 in 12:32
      Permalink

      Pienamente d’accordo

    • 22 Febbraio 2016 in 13:07
      Permalink

      il Parma poteva ambire ad un recordo storico in un campionato a 20 squadre: i 100 punti !

      ma ci dovremo “accontentare” dei 90 punti come da tua proiezione.

      il Piacenza, nel girone B, probabilmente più abbordabile, ha una proiezione di 99 punti…

      • 22 Febbraio 2016 in 13:16
        Permalink

        aggiungo..
        il Piacenza ha 1 sconfitta,
        ma se le vince tutte… va a 103 punti !
        103.

        e mi ruga un pò…

        • 22 Febbraio 2016 in 13:21
          Permalink

          Mah… Io, sinceramente, me ne infischio… (Celentano). ‘Sti record platonici non mi affascinano: io sono molto terra terra, e penso che la cosa fondamentale sia raggiungere l’obiettivo, cioè la promozione. Se anche fosse con un solo punto più dell’Altovicentino non mi cambierebbe molto. Non è che siamo in serie D con la squadra della A, suvvia…

          • 22 Febbraio 2016 in 13:33
            Permalink

            scontato che ” la cosa fondamentale sia raggiungere l’obiettivo”, ma non voglio nemmeno pensare sia in discussione..

            ottenerlo “con un solo punto più dell’Altovicentino” invece mi preoccuperebbe un pochetto..

            i record (platonici..) fanno storia..
            eccome se la fanno.

            sul piacenza.. Majo un minimo di campanilismo però lasciacelo..

            😉

          • 22 Febbraio 2016 in 13:41
            Permalink

            Ma sì, teniamo tutto il campanilismo che vogliamo, però ricordiamoci per bene la realtà, senza eccessivi voli pindarici… Il fatto che sia una D dorata (ben diversa dalla D reale che vivono altri) non ci dovrebbe mai far dimenticare in che luogo siamo caduti, e come ci siamo caduti. Sicché con un po’ di umiltà cerchiamo di capire quello che è essenziale, e cioè venircene fuori. Non è che il raggiungimento dell’obiettivo sia in discussione, ma a me piace essere realista, essenziale e terra terra. E poi il “Piace” mica è la Regia… Vincono con 100 punti: bravi, ma alla fine chissefrega… Del resto in quel girone lì, fossimo stati al loro posto, forse li facevamo anche noi.
            Non dimentichiamoci mai che ci sono squadre, come parco calciatori, che hanno investito anche più del Parma e che se non si fossero trovati i crociati tra gli zebedei (magari dopo aver avuto altre P prima…) avrebbero dominato il proprio girone come il Piacenza, raggiungendo l’anelata promozione…
            Cordialmente
            Gmajo

      • 22 Febbraio 2016 in 13:39
        Permalink

        Se finissimo il campionato come da “proiezione” sarebbe accontentarci? No, certo!
        Sarebbe fantastico.
        Per vincere però basta avere un punto in più (sono d’accordo col direttore)…
        E negli annali del calcio si ricorderà solo chi ha vinto ed è questo che importa a tutti noi.
        Vincere ed uscire da questa categoria.

        • 22 Febbraio 2016 in 14:57
          Permalink

          anche io sono d’accordo col direttore che per vincere basta avere un punto in più.. però, come ho scritto, se si verificasse ciò (pur essendo fantastico), preoccuperebbe il fatto di perdere 6 punti di vantaggio sulla seconda, per fare un’esempio giocando l’ultima gara in trasferta con l’obbligo di vincerla a tutti i costi per non farsi scavalcare e restare primo. tutto qua.

          • 22 Febbraio 2016 in 15:32
            Permalink

            E’ ovvio che anche la mia è una iperbole, poiché alle coronarie – alla mia veneranda età e col vizio di mangiare oltre il necessario per la sopravvivenza – ci tengo… Per cui spero che il livello di guardia non si abbassi da 7 a 1. Però rimane il fatto che tutti gli altri fronzoli non c’entrano con quello che non si può sbagliare, ovvero centrare l’obiettivo. Galassi ha ragione a dire che sono gli altri che debbono preoccuparsi, avendo minimo 7 lunghezze da riempire, però nello stesso tempo la concentrazione e l’attenzione deve essere massima perché il calcio non perdona. Qualcuno ieri argomentava che sono gli scontri diretti ad aver fatto la differenza sino ad ora: ecco, appunto… Vuol dire che ora che gli scontri diretti sono terminati non bisogna snobbare o prendere sotto gamba gli impegni alla portata. Quindi restiamo in tiro, ma senza le “sboronate” alla parmigiana sul numero di gol da dare agli avversari, sui punti di distacco, o sulla bontà o meno del gioco. Quisquilie che non portano niente.
            Cordialmente
            Gmajo

  • 22 Febbraio 2016 in 19:37
    Permalink

    Ma sì, in fondo ci anima tutti questo amore per il nostro Parma. Ci anima la paura e il desiderio di essere o non essere delusi.. cerchiamo di scoprire tutte le pecche possibili perchè vorremmo trovare le soluzioni, siamo pronti a dare mille suggerimenti, e tutto perchè amiamo questo Parma.
    ci piacerebbe primeggiare alla grande
    (sempre di più) qui in D per confortare il nostro orgoglio ferito.. per cui dare tanti punti alla seconda sarebbe come una bella sciarpa calda dopo il gelo dell’anno scorso. Intanto godiamoci questo distacco che è significativo..sarà lega pro.

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI