IL COLUMNIST / A VALDAGNO CI ERAVAMO LAUREATI CON LODE, CONTRO MEZZOLARA E CORREGGESE ABBIAMO MATURATO DUE DEBITI DA RECUPERARE NELLE PROSSIME 48 ORE…

(Luca Russo) – Se a Valdagno ci siamo laureati con lode, contro Mezzolara e Correggese abbiamo maturato due debiti che ci toccherà ‘recuperare’ tra quarantotto ore, quando al Tardini calerà la Clodiense, non la rivale più terribile e temibile del mazzo, ma che, per come siamo messi di questi tempi, qualche fastidio può crearcelo. Nelle ultime 4 partite, i Crociati hanno raccolto 2 vittorie e 2 pareggi, per un totale di 8 punti: non sarebbe nemmeno una media disastrosa, se non fossimo il Parma; ma proprio perché lo siamo, è un rendimento tutt’altro che eccelso, considerando il potenziale di cui disponiamo e la caratura tecnica degli avversari che abbiamo incrociato nel periodo preso in considerazione. Come ho scritto ieri, è prematuro aprire lo stato di crisi, però una domanda, solo una, è giusto porsela: per quale ragione i nostri non riescono più ad essere quelli belli e straripanti – e parlo di consistenza delle prestazioni, non necessariamente di numero di reti segnate – di inizio stagione? Qualcuno sospetta che abbiano finito la benzina; qualcun altro sostiene che gli avversari ci abbiamo ormai preso le misure; e il resto comincia a manifestare insofferenza nei confronti di Apolloni. Escluso l’ultimo capo di imputazione, che anche uno ipercritico come il sottoscritto trova troppo ‘spinto’, in linea di principio non si può dar torto a nessuno.

Checché ne dica (sempre nel lecito) il Capitano Mio Capitano, che ieri a fine partita ha voluto rassicurare la tifoseria dichiarando che “non c’è un calo fisico”, la squadra mi pare realmente sulle gambe, in bolletta o in riserva, fate voi. Così come al cospetto di Altovicentino e Mezzolara, anche a Correggio le seconde palle son state conquistate quasi tutte dai nostri dirimpettai. E anche a Correggio l’undici Crociato è arrivato col fiatone al tramonto del match. Lungi dal credere che Baraye e soci abbiano esaurito le cartucce a disposizione, credo (e spero) che l’accensione della spia della riserva sia solo una falsa segnalazione del computer di bordo, e che la nostra condizione fisica attuale, non esattamente ottimale, eventualmente dipenda dall’aver fatto il pieno, in termini di carichi di lavoro, nella seconda parte di gennaio, così da attraversare lo snodo cruciale della stagione con un bel po’ di carburante nelle gambe. Normale, dunque, che ora risultino appesantite e imballate.

Quanto alla manovra, è innegabile che il Parma sia in flessione da almeno un mesetto a questa parte. L’orchestra di inizio anno ha ceduto il passo all’ammucchiata di bravi solisti di adesso. Solisti che saranno appunto bravi, non lo nego, ma restano pur sempre solisti, e cioè gente che può offrirti garanzie per un concerto, non per una tournée intera. La coralità di qualche settimana fa non è che un lontano e sbiadito ricordo. Oggi la squadra vive e si nutre delle invenzioni dei singoli. Per tacere del fatto che al momento gli riesce più il gioco speculativo che non quello propositivo. Quando c’è da piantare le tende dalle parti dell’estremo difensore avversario e fare la partita, andiamo in sofferenza; quando possiamo ricorrere al sempre attuale istituto del contropiede, non ce n’è per nessuno. E poi c’è da prendere in considerazione anche un’altra sfumatura, non meno significativa delle altre: gli avversari hanno allevato e sviluppato anticorpi efficaci contro di noi e affinato le proprie strategie difensive, per cui quando ci hanno di fronte, sanno esattamente cosa fare per impedirci di innestare le marce alte. In buona sostanza, hanno capito che, per metterci in difficoltà, devono raddoppiare se non addirittura triplicare i due trequartisti che agiscono sulle corsie esterne, fare pressing sul nostro portatore di palla (che in questo modo finisce con l’impostare quasi sempre spalle alla porta: non un gran bel vedere, sotto il profilo del linguaggio del corpo), intasare gli spazi a metà campo e sporcarci le linee di passaggio. Il che, aggiunto ad un Parma penalizzato dall’eccessivo immobilismo dei tre alle spalle dell’unica punta e dalla scarsa propensione all’incursione dei due centrali di centrocampo, ci spiega perché i gialloblù fatichino a ritrovare lo sprint del girone d’andata.

Sul conto di Apolloni, poi, è stato detto un po’ di tutto. E cioè che gli manca esperienza; che a certi livelli è stato sempre esonerato; che opera cambi troppo cervellotici; che non sa leggere le partite; e che gli è andata bene solo in Slovenia, perché si trattava appunto di un campionato minore e fondamentalmente ‘abbordabile’ come quello della più ricca delle sei repubbliche dell’ex Jugoslavia. Alt. Detto che le sue sostituzioni non sono contorte, ma dettate dalla voglia di modificare lo spartito tattico della gara (tipo quella con la quale ieri ha inserito Mazzocchi, tirato via Agrifogli e spostato Ricci tra i quattro di difesa); che le partite sa interpretarle e stravolgerle a suo piacimento (è accaduto a Rovigo e non solo a Rovigo); e che ha saputo addestrare la sua truppa ad accontentarsi finanche di un brodino, quando non è in giornata (particolare da apprezzare, perché un punto fa classifica più di una sconfitta, anche se alcuni passi falsi garantiscono maggiori benefici a lungo termine, dato che costringono a prendere decisioni precedentemente rinviate), mettersi a criticare un allenatore imbattuto e in grado di far sfrecciare i suoi uomini a velocità elevatissime, è ingeneroso. Se il Parma è primo con sette punti di vantaggio sul Forlì secondo e nove rispetto all’Alto che occupa la terza piazza, il merito è sì di chi scende in campo, ma pure del tecnico laziale. Che, in barba a certi luoghi comuni tanto in voga in città, mi viene descritto come un allenatore molto pignolo, attento ad ogni dettaglio e dotato di una personalità niente male. È uno che, insomma, ha polso, pure se una parte della tifoseria gli muove l’addebito esattamente contrario. Mai fidarsi delle apparenze. Per lui, comunque, parlano la classifica e il bilancio che l’ha originata: 18 vittorie, 7 pareggi e 0 sconfitte, non le fai, se sei uno sprovveduto. Un ruolino che assume ancor più valore al lume delle premesse estive: ad agosto il Centro Sportivo di Collecchio era abbandonato a sé stesso e la squadra, tolto qualche elemento, si componeva esclusivamente di giocatori in prova. Apolloni in pratica ha dovuto rinunciare alla preparazione, o perlomeno l’ha iniziata parecchio tardi rispetto alla concorrenza: come se un centometrista fosse costretto a lasciare i blocchi di partenza due o tre secondi dopo il via dello starter. E la squadra è stato costretto a forgiarla a campionato in corso d’opera, alla stregua degli allenatori NBA, che i propri team li allenano quasi in aeroporto, tra un coast to coast e l’altro. Non un lavoro di semplice esecuzione. Eppure siamo lì: davanti a tutti, malgrado tutto. È per questo che Apolloni merita applausi e fiducia. Luca Russo

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

UN LUOGO INCERTO di Luca Tegoni / CAPITANO, MIO CAPITANO

LUCARELLI: “NON C’E’ UN CALO FISICO, NE’ TANTOMENO MENTALE: C’E’ SOLO LA NOVITA’ DEI DUE PAREGGI CONSECUTIVI CHE NON AVEVAMO MAI FATTO SINO AD ORA, MA NESSUN SENTORE NEGATIVO”

APOLLONI: “CI SON MOMENTI IN CUI SI RACCOGLIE E ALTRI IN CUI CI SI DEVE ACCONTENTARE: NON HO NULLA DA RIMPROVERARE AI RAGAZZI. IL FORLI’ E’ A–7? IO GUARDO IN CASA MIA E COSA FAN LORO NON MI INTERESSA”

IL COLUMNIST / E’ PREMATURO SOSPETTARE UNA PAREGGITE O APRIRE LO STATO DI CRISI, MA LA SPIA DELLA BENZINA STA LAMPEGGIANDO DA UN MESE…

19 pensieri riguardo “IL COLUMNIST / A VALDAGNO CI ERAVAMO LAUREATI CON LODE, CONTRO MEZZOLARA E CORREGGESE ABBIAMO MATURATO DUE DEBITI DA RECUPERARE NELLE PROSSIME 48 ORE…

  • 8 Febbraio 2016 in 18:46
    Permalink

    Molta gente è esattamente quello che rinfaccia ai giocatori: arrogante. Pretende di avere la verità in tasca, quando come dice giustamente l’autore dell’articolo, il Parma era un cantiere aperto fino a pochissimi giorni dell’esordio ad Arzignano. Ricordiamoci di questa cosa.

    • 8 Febbraio 2016 in 18:48
      Permalink

      *prima dell’esordio

    • 8 Febbraio 2016 in 20:47
      Permalink

      Si Luca ma siamo a metà Febbraio…direi che la scusa del “Siamo partiti ieri” sia un po scenata dopo 6/7 mesi

      • 8 Febbraio 2016 in 21:21
        Permalink

        No. Rimane un dato di fatto. La squadra ha avuto una sua fisionomia ed alchimia malgrado sia stata allestita totalmente e xxx novo e in ritardo sugli altri la scorsa estate

        • 8 Febbraio 2016 in 21:48
          Permalink

          Si?!?! Bene. Quante squadre si allenano quanto noi? Quante squadre fanno i professionisti? Direi che dopo 7 mesi questi 2 fattori dovevano non dico compensare ma addirittura soccombere quel ritardo di 15/20 giorni su squadre di giocatori che durante la settimana vanno a lavorare regolarmente. Non attacchiamoci a scuse inutili…

          • 8 Febbraio 2016 in 21:52
            Permalink

            Non mi pare che vadano a lavorare regolarmente e non si allenino da professionisti i calciatori di san marino, altovicentino o delta rovigo o forli che hanno peraltro un’ossatura consolidata da tempo

          • 8 Febbraio 2016 in 23:19
            Permalink

            Peccato che i 2 pareggi sono arrivati contro la Correggese e il Mezzolara…

  • 8 Febbraio 2016 in 19:05
    Permalink

    Siamo sicuri ke la Slovenia risulti la più ricca

    Delle 6 Repubblike della ex Jugoslavia ho dei dubbi

    Secondo me Russo è la Croazia ma forse mi sbaglio

    Sono stato recentemente a Ragusa bel posto suggestivo

    Sul Competente Apolloni quoto la tua opinione anzi

    Tanto di cappello al Tecnico di Frascati

    FORZA PARMA….Vincere x Resistere Avanti Crociati

    • 8 Febbraio 2016 in 19:44
      Permalink

      Se per comparare la ricchezza dei due paesi utilizziamo come parametro il PIL pro-capite nominale, Russo ha ragione: la Slovenia ha un PIL pro capite di 22.000 e rotti € contro i 12.800 circa della Croazia… di qui a dire se il dato significhi qualcosa in concreto non saprei, non è la mia materia 😉

      • 8 Febbraio 2016 in 19:50
        Permalink

        Egregio dott. Dondi,

        lei ha indubbiamente uno stile originale ed entusiasmante, mai noioso e, nel leggerlo, ci si diverte imparando. Anche la geografia. Mi ha proprio colpito. Sa, in un marasma mediatico fatto di innumerevoli proposte on line, è facile dire sempre le stesse cose trite e ritrite, usare le stesse espressioni dette e ridette, ed anche le testate più seguite, a ben guardare, sono quello dove il lavoro di approfondimento lascia spesso il tempo che trova, a vantaggio di un cumulo di informazioni trangugiate e mal presentate. Lei dottore va invece con coraggio in un’altra direzione, e questo sentiero alternativo cattura, anche per la delicatezza, con il quale viene tracciato. Lei è riuscito fare, in soccorso al dottor Russo, una sintesi geografica pregna.

        Ossequi

        Anna

        • 9 Febbraio 2016 in 00:21
          Permalink

          Gentile dottoressa Fanerani, gradirei conoscerla di persona e avere l’onore di offrirle un caffè. Si metta in contatto col Direttore, che autorizzo fin da subito a concederle il mio numero privato. È da tempo che sono in cerca di una persona con la quale affrontare non i soliti discorsi triti e ritriti. Aspetto un suo cenno alla presente.

          • 9 Febbraio 2016 in 07:14
            Permalink

            Uè Uè, u cascamorto

    • 8 Febbraio 2016 in 20:49
      Permalink

      Indipendentemente dal dato richiamato dall’ottimo Dondi, avendo delle amicizie sia in Serbia che in Bosnia che nella stessa Slovenia, queste mi han sempre raccontato dell’ultima come la più ricca delle sei repubbliche un tempo facenti parte dell’ex Jugoslavia. Solo la Vojvodina, che però ai tempi faceva provincia autonoma alla pari del Kosovo, poteva competere alla lontana per ricchezza. Tant’è vero che veniva considerata per la Jugoslavia alla stessa maniera del NordEst per l’Italia, ossia una delle regioni più produttive ed economicamente dotate. Detto questo, nel 2013 anche la Slovenia è rimasta vittima di una crisi bancaria, per cui dopo il boom economico, favorito dalla concessione di prestiti su prestiti, c’è stato il ‘rimbalzo’, con conseguenti danni permanenti…

      • 9 Febbraio 2016 in 11:22
        Permalink

        Risposte di un’ Efficientismo lodevole direi

        Sia da Dondi e da Russo ke ringrazio

        NON si finisce mai di imparare è proprio vero

        Meglio tardi ke Mai

  • 8 Febbraio 2016 in 22:50
    Permalink

    salve una domanda tema stadi ma xke ce sta cavolo d burocrazia per costruirli??? m pare all estero nn c siano ttte ste rotture di coglioni

    • 9 Febbraio 2016 in 01:08
      Permalink

      Forse perché in Italia chi li costruisce vorrebbe agevolazioni sui terreni il più delle volte comunali…

  • 9 Febbraio 2016 in 09:58
    Permalink

    Esempio lampante a Parma Via Puccini (dietro la Curva ospiti)
    vero Dottor Majo?
    Per quanto riguarda il prossimo anno,
    consiglio a Minotti & c. di non fermarsi in romagna,
    ma di giocatori adatti alla lega pro nè esistono anche
    in altre località fuori dall’Emilia Romagna.

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI