IL COLUMNIST / GASTONE LONGOBARDI & PAPERINO GUAZZO…

(Luca Russo) – Ci serviva una vittoria, per riprendere la marcia trionfale verso la Lega Pro. Siamo stati accontentati con un poker da sballo, almeno nelle proporzioni. E questa è la prima buona notizia di giornata. La seconda è l’aver guadagnato due punti su Forlì e Altovicentino, che si sono frenate a vicenda con un 2-2 che accontenta più noi che loro. L’altra sta nel ritorno al gol di Gastone Longobardi, che al contrario di Paperino Guazzo al quale da un po’ di tempo a questa parte non riescono nemmeno le cose elementari, l’ha messa dentro al secondo tiro in porta e dopo un’assenza e un digiuno forzato di oltre 90 giorni. Giù il cappello dinnanzi a Christian. Evidentemente la fortuna è DSC01170di chi se la cerca, non solo di chi la trova lungo la strada. Per il resto, opinione mia, non è stato un mercoledì da incorniciare, se non per il risultato, appunto. Si è visto il solito Parma delle ultime settimane. Una squadra larga e lunga, quasi sfilacciata, che, nel tentativo di spingere e sbloccare lo 0-0 di partenza, non di rado si è fatta trovare impreparata e in inferiorità numerica, specie nelle prima frazione; e che, quando si è accampata nella metà campo avversaria, ha attaccato praticamente da fermo, spesso spalle alle porta (a danno della pericolosità e in barba al linguaggio del corpo), con poche idee e parecchio confuse. La sensazione è che, perlomeno adesso, i Crociati riescano ad essere più incisivi agendo in contropiede che non manovrando secondo i più diffusi canoni continentali. Come se la squadra avesse bisogno di profondità, di spazio, per sprigionare tutto il suo potenziale. E in effetti il vantaggio è sbocciato da una mezza ripartenza. Arma che avremmo dovuto sfoderare anche successivamente, quando la Clodiense, per cercare di risalire la corrente, ci ha offeso, ma senza buon senso, e cioè scoprendosi fianchi, cosce, gambe e piedi. E invece l’undici Crociato si è incaponito col suo gioco fatto di trame sistematicamente rallentate dal tocco di troppo ed eccessivamente orizzontali. Così il raddoppio ha stentato a materializzarsi. E se lo abbiamo siglato, grazie a Musetti, una parte del merito va ascritta al direttore di gara, che in occasione del contatto tra Baraye e Clede non ha ravvisato gli estremi della carica del primo ai danni del secondo. Che io, per inciso, avrei sanzionato. Ecco, il 2-0, giunto quasi accidentalmente, ha dopato il match, rendendocelo più facile di quanto non lo fosse stato in precedenza. Da quel momento in poi la Clodiense ha perso le staffe e noi, sull’onda dell’entusiasmo, abbiamo messo i tre punti in ghiaccio. Con Baraye, che ha segnato alla sua maniera, e soprattutto con Longobardi, che ci ha dimostrato una volta ancora cosa significhi avere senso della posizione e fiuto del gol. A proposito dei singoli, ho goduto fino a lì la prestazione di Miglietta, che oggi mi ha ricordato il Montolivo non esattamente smagliante del Milan, ossia un giocatore che alterna giocate geniali (tipo la rifinitura al bacio per il rientrante numero 20) a passaggi a vuoto a dir poco preoccupanti (nel primo tempo ho contato almeno 3 o 4 rifornimenti nel nulla da parte sua). Di Guazzo, oltre che la performance, mi è piaciuta poco pure l’uscita dal rettangolo verde: un saluto o un cenno d’intesa con Apolloni gli sarebbe costato troppo? Capisco il disappunto che nutre nei confronti di sé stesso, perché è di questo che si tratta, e non di polemica nei riguardi del tecnico, come qualcuno ha ipotizzato maliziosamente in sala stampa a fine partita, ma un giocatore del suo calibro dovrebbe sempre anteporre il bene del collettivo al proprio tornaconto. Mi hanno invece entusiasmato Mazzocchi, che per un tempo e mezzo ha spinto come un forsennato, Giorgino, che, da buon tuttocampista quale è, ha generato utili sia in fase di costruzione che in quella di interdizione, Longobardi, per la rete e per la sana e genuina foga con la quale ha affrontato il riscaldamento prima di entrare in campo, e Zommers. Sì, anche il nostro baluardo difensivo si è guadagnato la citazione tra i migliori di giornata. E il perché è presto detto: un buon portiere non lo si vede dalla quantità di parate che effettua, ma dalla loro qualità. Il lettone oggi non ha dovuto fare gli straordinari, ma quando è stato chiamato in causa, ha risposto presente, togliendoci le castagne dal fuoco con due interventi non miracolosi, ma decisivi ai fini del risultato. Pure Ricci non mi è dispiaciuto affatto: di certo ha spinto molto di più e con maggiore convinzione rispetto al suo pari ruolo Messina, che sulla corsia opposta mi è parso fin troppo timido e bloccato. Nel complesso, si può sinteticamente affermare che il Parma ha vinto, ma non convinto del tutto. Certo, se si fa bottino pieno o si pareggia perfino a margine di incontri giocati così così, vuol dire che questo è il nostro anno e che questa formazione ha un allestimento di tutto rispetto e mezzi e preparazione da vendere, quantomeno in quarta serie. Quanto al prossimo impegno contro la Ribelle, mi aspetto una squadra grintosa e volitiva come quella di inizio stagione; che sfrutti l’occasione per scaldarsi e trovare il ritmo in vista del delicatissimo confronto di Forlì; che, concedetemi il gioco di parole, voglia ribellarsi alla monotonia e al grigiore delle sue ultime apparizioni; e che, pur senza modificare l’assetto, cambi perlomeno l’approccio al match: vorrei un Parma chiuso a riccio, rannicchiato, che lasci il pallino nelle mani degli avversari, per poi colpirli alle spalle, in contropiede, in perfetto stile italico. È questo il gioco che al momento, secondo il mio modesto parere, gli riesce meglio. Lo pratichi: se non altro a fine campionato potremo dire di aver battuto ed esplorato qualsiasi sentiero pur di arrivare alla tanto desiderata promozione. Luca Russo

15 pensieri riguardo “IL COLUMNIST / GASTONE LONGOBARDI & PAPERINO GUAZZO…

  • 11 Febbraio 2016 in 08:32
    Permalink

    Concordo. Ora che servono solo i punti dobbiamo essere pratici e pragmatici, utilizzando il modulo che al momento rende di più.

  • 11 Febbraio 2016 in 09:33
    Permalink

    Luca Russo concordo in tutto.
    Non è per caso che mi hai letto nella mente?
    Occhio a Mazzocchi.
    È veloce salta l’uomo,è tecnico, è giovane
    Questo elemento è da blindare.
    In settimana la squadra è stata attaccata.
    Ha reagito con intelligenza e ora sotto con la Ribelle.
    L’ho vista giocare ultimamente e mi ha fatto una grande impressione.
    Penso che questa sia la squadra più in forma del Campionato.
    Va presa con le molle.
    Se l’affronti con poca concentrazione può addirittura batterci in casa.
    Occhio.
    Ricordatevi sempre che questo ve B lo dice n uno che di calcio se ne intende….

  • 11 Febbraio 2016 in 12:16
    Permalink

    Anche a me Mazzocchi è piaciuto molto e anche Miglietta mi è sembrato sul pezzo e ben ispirato. Però giocavamo contro una squadra materasso con 45 punti in meno di noi…
    Adesso che possiamo contare sul Longo, nel senso che sarà marcato stretto, la velocità di Mazzocchi e Baraye dovrebbe fare la differenza. Dai così!

    • 11 Febbraio 2016 in 12:24
      Permalink

      Proprio i 45 punti rendevano la gara di ieri molto insidiosa

  • 11 Febbraio 2016 in 12:18
    Permalink

    Purtroppo credo che il problema di guazzo sia una compatibilità con il nostro modulo…credo che lui abbia un altro modo di giocare rispetto al nostro. È ovvio che non possiamo snaturare un intera squadra per adattarla a un singolo giocatore.

    Comunque Majo ti ricordi quando ti avevo suggerito La Camera del Pavia? alla fine è andato in serie b al Como.
    A questo punto per giugno puntiamo sul cavallo di ritorno…Filippo Porcari.

    • 11 Febbraio 2016 in 13:17
      Permalink

      Ma La Camera è il marito della brava e splendida Monica Bertini, o mi sbaglio?

      • 11 Febbraio 2016 in 14:27
        Permalink

        Si

    • 11 Febbraio 2016 in 15:51
      Permalink

      Lui non va bene per nessun modulo perchè al suga par so cont.. Impari da Longobardi che forse è meno dotato di lui ma gioca che par la squadra e i palloni magicamente arrivano

  • 11 Febbraio 2016 in 13:25
    Permalink

    E voi pensate che i calciatori attulamente in serie B vogliano scendere in Lega Pro col Parma ? giusto perchè siamo belli, simpatici, con uno stadio importante, tifosi idem e Centro di Collecchio super attrezzzato ?
    Certo, uno come la Camera, che peraltro ha sempre bazzicato in Serie C ( marito della giornalista sky Bertini ) ci tornerà già col Como quindi potrebbe essere appetibile, esperto..tosto x la categoria ma Porcari, ora al Bari, dopo tanta serie B, un pò di serie A, vuoi che scenda nuovamente, seppur con Parma, in lega pro ?
    certo se si mette mano al portafogli..tutto può succedere…ma ai miracoli non credo molto..e nemmeno al biologico + di tanto..
    ..
    morosky

    • 11 Febbraio 2016 in 14:30
      Permalink

      Se alcuni lo hanno fatto dalla C alla D (dove il divario è molto più netto) non vedo perchè altri non possano farlo dalla b alla c dove sono sempre tra i professionisti.

    • 11 Febbraio 2016 in 14:33
      Permalink

      Porcari potrebbe essere l’uomo giusto per il doppio salto…oramai è un esperto di promozioni. Poi ha 31 anni, è l’età giusta per tornare a casa.

    • 11 Febbraio 2016 in 15:53
      Permalink

      Secondo me si.
      Piuttosto bisognerà stare attenti a certi profili, a quelli che guardano solo i soldi, ai nuovi Pera diciamo

  • 11 Febbraio 2016 in 16:45
    Permalink

    Si certo, dalla C alla D, vero, verissimo, ma prova a chiedere loro perché: essi ti risponderanno le solite frasi fatte, retoriche, trite e ritrite: IL PROGETTO, LA PIAZZA, IL BLASONE , LA STORIA,…ed io ribatto con ..gli euro..buoni..tanti oltre i 33.000 e, soprattutto, sicuri…certo..tutti i mesi , anche se piove oppure se cambia il governo, non come la borsa ( del nonno ) che scende…
    o credi ancora alla bella favoletta del biologico ???
    ..
    su la ragass..an diri’ miga dabon..

    • 11 Febbraio 2016 in 22:11
      Permalink

      Ma infatti io non credo ne al biologico ne tantomeno ai 33.000€ dei nostri giocatori…Però non pensare che Porcari prenda 500.000€ all’anno a Bari…E ovvio che pagando vengono…ma una squadra che punta a salire subito deve investire per forza!

  • 13 Febbraio 2016 in 04:09
    Permalink

    Infatti io non so quanto percepiscano né Caio ne Sempronio ma, per la gloria non si muove nessuno, ..il dio denaro ha ancora il sul potere e, se parliamo di Pera , credo che a fronte delle proposte rovigotte, si sussurravano 100.000 euro ( centomila / anno ) , sia andato volentieri visto che al momento dei contatti parmensi, i crociati non esistevano nemmeno , ne come società né come squadra né come iscrizione al campionato.

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI