giovedì, Aprile 18, 2024
In EvidenzaNews

ParmalanD 1913 di Mauro “Morosky” Moroni / PARTITA MEDIOCRE, GIOCO MEDIOCRE, CONDIZIONE FISICA MEDIOCRE, ARBITRO MEDIOCRE (MA NON CI HA DANNEGGIATO): BENE IL PARI VISTA LA PRESTAZIONE

(Mauro “Morosky” Moroni) – Partita mediocre… Gioco mediocre..
Condizione fisica mediocre… Arbitro mediocre (ma, sicuramente non ci ha danneggiato)… Avversari tosti e battaglieri, nessuno escluso e, vorrei precisare che avevano in campo 5 under
portiere, terzini, centrale difensivo e centravanti (1, 2, 3, 6, 9), fra l’altro tutti hanno giocato molto bene!!! Il pari va bene vista la prestazione: giustamente già qualcuno ha fatto rilevare che seppur giocando poco e male pareggiamo, giocando così così si vince, alla fine 7 piccoli passi falsi (1 punto cad.) e 18 tripli passi
a occhio e croce fanno 61 punti, 55 gol fatti e 11 subiti, senza sconfitte… Provate a guardare altrove i ruolini: non solo il Piacenza che sta stra-dominando in un girone forse pure meno impegnativo, dico forse ma non lo so; guardate le prestazioni di Inter, Milan, Lazio e Roma, nonché score e rispettive classifiche: credo che ci sia da riflettere prima di denigrare.
Certo: ultimamente non stiamo giocando benissimo, ma i risultati sono li sotto gli occhi ed il campo sta dicendo la sua. Presto torneranno due titolari inamovibili, il fattore ELLE, pulce LAURIA e Attila Cris LONGOB e vediamo che succede…
eugenio benuzziIo sto con i saggi ottimisti e non mi preoccupo di sette pseudo battutine a un punto (il che non è vuoto), ma ritengo che bisogna aver rispetto anche per gli avversari che, sì è vero, contro il Parma lottano molto di più che nel resto delle partite per questione di fascino, di impresa e di titoli sulla stampa nazionale o per la ribalta Sky come ha ammesso ieri sera candidamente, nella sua conferenza show, Mr. Benuzzi, l’allenatore della Correggese…
IMG-20160208-WA0009Ribadisco l’antico concetto che per vincere devi attaccare e per vincere il campionato devi imporre gioco, uomini e caratura tecnica: chi è venuto al Tardini a fare partitoni (Forlì, Imolese, Sammaurese, Ravenna in parte) ha giocato con un arcigno catenaccio 4-4-2 e via di contropiede, lasciando iniziativa al Parma, schierando difesa e centrocampo arroccatissimi e davanti a cercare di mettertelo nel… la porta di Zommers…
Non ho altro da dire. E’ presto per cantare vittoria, ma pure per fare il funerale e il Forlì, se vorrà vincere, tra 13 giorni, dovrà farsi sotto ma, soprattutto, dovrà farsi su le maniche stando attento a non farsi togliere le…mutande. Iv capì o no ??

Dallo stadio Borelli di Correggio e dai campetti di Via Zarotto…

Cordialmente…

Mauro “Morosky” Moroni

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 60 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 a Dicembre 2023 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società. Dal 2010, a conferma di una indiscussa poliedricità, ha iniziato un percorso come attore/figurazione speciale di film e cortometraggi: l'apice l'ha raggiunto con il cammeo (parte parlata) all'interno del pluripremiato film di Giorgio Diritti "Volevo Nascondermi" (con presenza nel trailer ufficiale) e partecipazioni in "Baciato dalla Fortuna", "La Certosa di Parma", "Fai bei sogni" (del regista Marco Bellocchio), "Il Treno dei bambini" di Cristina Comencini, "Postcard from Earth" del regista Darren Aronofsky, "Ferrari" del regista Michael Mann. Apparizioni anche nei cortometraggi nazionali "Tracce", "Variazioni", "L'Assassinio di Davide Menguzzi", "Pausa pranzo di lavoro"; tra i protagonisti (Ispettore Majo) della produzione locale della Mezzani Film "La Spétnèda", e poi nei successivi lavori "ColPo di Genio" e "Franciao".

10 pensieri riguardo “ParmalanD 1913 di Mauro “Morosky” Moroni / PARTITA MEDIOCRE, GIOCO MEDIOCRE, CONDIZIONE FISICA MEDIOCRE, ARBITRO MEDIOCRE (MA NON CI HA DANNEGGIATO): BENE IL PARI VISTA LA PRESTAZIONE

  • BEL BOMBE'

    Bravo Moro! Mediocre è proprio l’aggettivo giusto!

    Il problema è che se si è mediocri si rimane in serie “D” come Domodossola! 🙁

  • Un calo fisiologico era preventivabile. Con la primavera miglioreremo. O vogliamo arrivare a maggio con la lingua di fuori?

  • Mi piace che qualcuno cerchi di fotografare la realtà di questo momento. Ora, non domani o l’anno prossimo. Ad ora questo siamo. Noi adesso siamo davanti, tocca agli altri riprenderci quindi al momento se il Forlì vuole vincere il campionato ha più problemi di noi. Forza Parma ma forza anche a noi tifosi sempre pronti a stracciarci le vesti, nel senso di essere disperati o arrabbiati.

    • mariliana

      Cara amica tifosa, in tempi non sospetti avevo messo in allarme tutti del Forlì, una squadra costruita per la lega Pro, poi sappiamo tutti come è andata, e dopo aver pagato dazio è prepotentemente avanzata. L’unico rimedio a questa situazione è che i dirigenti diano e controllino la squadra in modo più che perfetto e che i tifosi facciano sentire il loro calore con lo stadio pieno zeppo, e che l’allenatore tenga bene aperti gli occhi.
      Grazie .

      • La ringrazio per la puntualizzazione. Avere tifosi consapevoli ed informati fa sempre piacere io non ero a conoscenza di quanto da lei detto tempo fa sul Forlì. Credo che dirigenza e squadra sapranno bene anche loro “chi” è il Forlì.

  • Meno male che a marzo c’è la sosta…

  • Luca Russo

    A non farsi togliere le mutande, ma sempre nel lecito, checché se ne dica, caro Morosky 😉

  • carlo pedrini

    … aggiungo articolo …. mediocre!!!!!!

  • Si sono d accordo ..anche io penso che sia mediocre …ad ghe propria ragion..

  • mauro "morosky" moroni

    Noto con piacere che, con qualche lettore, siamo in sintonia nel senso di vederla sulla stessa lunghezza d’onda;
    X BEL BOMBE’ : non è detto che una partita mediocre oppure sette pareggi così così ( qualcuno anche molto stiracchiato a ns favore ) ci possano far classificare mediocri da serie D, tutt’altro, sono solo partite magari ostiche, sottotono da parte crociata, avversari particolarmente agguerriti, ecc. ecc…diciamo che ci possono stare viste le tante componenti che fanno maturare partite, risultati, classifiche e così via.
    Guarda caso, spesso sono state gare in cui la maggior parte dei componenti era sottotono o in giornata meno pimpante del solito e, voglio ricordare, cosa sempre da tenere in considerazione, gli avversari, pure loro ci sono, incidono, corrono, lottano e si danno da fare x i punti, x la vittoria, per la gloria anche se di giornata, giusto ?

    av salut tutt …as vedema incò dop mesz di
    morosky

I commenti sono chiusi.