TETTOIA DISABILI STADIO TARDINI: DOMENICA L’INAUGURAZIONE E L’ENTRATA IN SERVIZIO. CROCIATI IN CARROZZINA (FINALMENTE) PROTETTI DALLE INTEMPERIE

gabriele majo per slide(gmajo) – StadioTardini.it non ne aveva fatta una semplice polemica, ma una vera e propria battaglia di civiltà: iniziammo la campagna di sensibilizzazione nel 2011 con il garbato appello del tifoso in carrozzina Fabio Giarelli e proseguimmo per tanti anni tra promesse non mantenute, piccate conferenze stampa e spettacolari rendering rimasti solo virtuali. Intanto i disabili, nelle giornate di pioggia, continuavano ad esser esposti alle intemperie. Oggi, finalmente la bella notizia diffusa da parmacalcio1913.com: “Sono terminati questa mattina, nella Tribuna Est dello stadio Ennio Tardini, i lavori di installazione della nuova tettoia per il settore disabili, realizzata grazie al TettoiaDisabili2contributo di Chiesi Farmaceutici Spa. L’inaugurazione della struttura avverrà alle ore 14 di domenica 28 febbraio, prima della partita di campionato tra Parma Calcio 1913 e Lentigione. Interverranno Alessandro Chiesi, Region Europe Head di Chiesi Farmaceutici Spa, Nevio Scala, Marco Ferrari e Luca Carra, rispettivamente Presidente, Vice Presidente e Direttore Generale del Parma Calcio 1913. La tettoia disabili entrerà in funzione durante una giornata in cui si prevedono forti precipitazioni”.

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

PROPOSITIVO FACCIA A FACCIA LEONARDI-MAJO DURANTE LA CONFERENZA STAMPA DEL PLENIPOTENZIARIO SUGLI AIUTI AGLI ALLUVIONATI E SUL SETTORE DISABILI – Video upload by COMeSER

CALCIO & CALCIO PIU’ / IL TIFOSO IN CARROZZINA GIARELLI A GHIRARDI CHE VOLEVA CEDERE IL SUO BOX AI DISABILI: “IO NON CI VADO: IL BUONISMO IRONICO NON SERVE A NESSUNO”– video clip

GHIRARDI: “MAJO, LEI E’ PERSONA SGRADITA E UN NEMICO DEL PARMA, PERCHE’ HA INTENTATO UNA CAUSA PER ARRICCHIRSI”

GHIRARDI: “AI DISABILI DO’ IL MIO BOX, IO VADO A VEDERE LA PARTITA IN CURVA NORD. MAJO DEVE DARCI UN TAGLIO A FARSI PUBBLICITA’ SULLE DISGRAZIE ALTRUI”. La risposta del direttore di stadiotardini.it

UN TETTO PER I DISABILI DEL TARDINI / MAJO INTERVISTATO DA “REDATTORE SOCIALE”: “E’ DAL 2011 CHE CHIEDIAMO UNA SOLUZIONE: A OGGI TANTE PAROLE, MA NESSUN FATTO”

UN TETTO PER I DISABILI DEL TARDINI / DAL 30 SETTEMBRE ANCORA NESSUNA “COMUNICAZIONE SULLO STATO DI AVANZAMENTO DELL’INTERVENTO”

SETTORE DISABILI / MAJO SULLA NOTA STAMPA DI IERI DEL PARMA: “SPERO NON SI TRATTI DELL’ENNESIMA PRESA DI TEMPO, PERCHE’ SE NE E’ GIA’ PERSO ANCHE TROPPO”

SETTORE DISABILI / IN CONSIGLIO COMUNALE NUOVA INTERROGAZIONE DI VESCOVI (“E’ UNA QUESTIONE DI CIVILTA’ E RISPETTO DELLE PROMESSE”) CON LA RISPOSTA DEL SINDACO CHE HA PRECEDUTO UNA NOTA DEL PARMA

SETTORE DISABILI / LA TRACCIA SCRITTA DELLA INTERROGAZIONE DI MAURIZIO VESCOVI LETTA DURANTE IL CONSIGLIO COMUNALE DI IERI

LETTERA DI MAJO ALLA GAZZETTA DI PARMA: “I TIFOSI CROCIATI IN CARROZZINA RESTERANNO ANCORA A LUNGO ESPOSTI ALLE INTEMPERIE NELL’INADEGUATO SPAZIO LORO RISERVATO IN TCE?”

LA RIAPERTURA DEL “BORTOLON”: MA NON AVREBBE DOVUTO OSPITARE IL NUOVO AVVENIRISTICO SETTORE DISABILI? Editoriale di Gabriele Majo, direttore di StadioTardini.it

NUOVO SETTORE DISABILI DELLO STADIO TARDINI, ORA C’E’ L’OK DEL COMUNE: I LAVORI POSSONO PARTIRE

LEONARDI A STADIOTARDINI.IT DOPO IL SOPRALLUOGO DELL’UEFA: “IN CASO DI EUROPA LEAGUE IL PARMA GIOCHERA’ AL TARDINI” – Video intervista di Gabriele Majo

L’ASSESSORE ALLO SPORT MARANI SU PARMA.REPUBBLICA: “LA TRIBUNA DISABILI HA AVUTO UN ITER SFORTUNATO…”. LE RISPOSTE DI GHIRARDI A RADIO PARMA SUL TEMA STADIO

UN TETTO PER I DISABILI DEL TARDINI /IL GEOM. FORLEO SCRIVE A STADIOTARDINI.IT E SPIEGA IL RITARDO: “NE’ IL GRUPPO DI LAVORO, NE’ IL PARMA FC SONO RIMASTI CON LE MANI IN MANO”

UN TETTO PER I DISABILI DEL TARDINI / TRA IL RENDERING E IL FARE C’E’ DI MEZZO IL MARE…

MAJO: “IL GENEROSO GHIRARDI NON BADA A SPESE PER IL NUOVO FARAONICO SETTORE DISABILI, MA IO NON LI USEREI COME ‘SCUDO UMANO’, O DETERRENTE ALLA VIOLENZA”

LEONARDI (LEGGENDO UNA TRACCIA SCRITTA) HA PRESENTATO LA RIQUALIFICAZIONE A NORMA UEFA DEL TARDINI. PRIMO STEP: IL NUOVO SETTORE DISABILI AL COPERTO NEL SETTORE BORTOLON

ALLE 17.30 CONFERENZA STAMPA CONGIUNTA DI COMUNE E PARMA FC. STADIOTARDINI.IT RIBADISCE: NO ALLA GHETTIZZAZIONE DEI DISABILI NEL SETTORE BORTOLON

PANORAMA: “STADIO DI PARMA, PIOVE SUI DISABILI”

UN TETTO PER I DISABILI DEL TARDINI / LEONARDI A MAJO DURANTE CALCIO & CALCIO PIU’ : “E’ DA MESI CHE LAVORIAMO SULLE INFRASTRUTTURE, MA NON CERCHIAMO PUBBLICITA’ OCCULTA”

NO ALLA GHETTIZZAZIONE DEI DISABILI NEL “SETTORE BORTOLON”: GLI SI DIA UNA TETTOIA LA’ DOVE SONO ORA. (SE PROPRIO NON SI VUOL FARE UNO SKY BOX PER LORO…)

LEONARDI E IL GEOMETRA FORLEO DI BUON MATTINO AL TARDINI: ERA PER IL SOPRALLUOGO PREANNUNCIATO DA MARANI PER LA TETTOIA DEI DISABILI?

IL FATTO QUOTIDIANO / STADIO DI PARMA, PIOVE SUI POSTI PER I DISABILI: “TETTOIA PROMESSA DA 3 ANNI”

CONSIGLIO COMUNALE, IL CONSIGLIERE VESCOVI: “LA FOTO DEI DISABILI CON L’OMBRELLO AL TARDINI NON E’ SPETTACOLO DA SQUADRA DI SERIE A”. MARANI: “SOPRALLUOGO DOMATTINA”

LA FOTOGALLERY DI PARMA.REPUBBLICA.IT: “TARDINI, CONTINUA A PIOVERE SUI DISABILI”

DISABILI, ACCORATA LETTERA SULLA GAZZETTA DI PARMA DI SIMONA VITALI, FIGLIA DELL’EX ALA CROCIATA LUCIANO: “PARMA E COMUNE, AVETE IL DOVERE DI GIOCARE LA PARTITA DELLA CIVILTA’”

CALCIO & CALCIO / MAJO: “SE GIARELLI E’ L’UNICO TIFOSO IN CARROZZINA CHE HA ESPOSTO PUBBLICAMENTE IL PROBLEMA, CIO’ NON SIGNIFICA CHE PIOVA SOLO ADDOSSO A LUI”

SIMONA VITALI TRA IL 97° ED IL NATALE

LETTERA DI MAJO PUBBLICATA DALLA GAZZETTA DI PARMA: “PROTEGGERE I DISABILI ALLO STADIO E’ UN DOVERE CIVICO CUI PARMA FC E COMUNE NON POSSONO PIU’ SOTTRARSI”

MODENA QUI: “IL PARMA DEDICA LA GARA AI DISABILI DELLA TANZANIA. INTANTO I SUOI…”

FERRAGUTI A “CITTA’ SERA” RILANCIA “UN TETTO PER I DISABILI DEL TARDINI”, MA IL SINDACO E’ FUMOSO: “STIAMO DIALOGANDO COL PARMA CALCIO PER MIGLIORARE IL SISTEMA STADIO NEL COMPLESSO”

IL TETTO PER I DISABILI DEL TARDINI NON PUO’ ASPETTARE LA RIQUALIFICAZIONE DELL’ENNIO – editoriale di Gabriele Majo, direttore di stadiotardini.it

LA TETTOIA PER I DISABILI DEL TARDINI NON E’ UN “RATTOPPO” E VA FATTA IL PRIMA POSSIBILE

CALCIO & CALCIO PIU’ / MAJO E LA TETTOIA PER I DISABILI DEL TARDINI: “NON E’ UN RATTOPPO, MA UNA PRIORITA’”

PARMA-SASSUOLO DEDICATA ALLA TRAVERSATA IN HANDBIKE DELLA TANZANIA DI NORBERTO DE ANGELIS. Il video della conferenza stampa di presentazione

GHIRARDI PROMETTE LA TETTOIA DEI DISABILI, SVELA CHE BARILLA FORNISCE LA PASTA AL PARMA E SPIEGA LA FILOSOFIA DEL MERCATO MINORE DA RECORD

INAUGURAZIONE PARMA BRAND / GHIRARDI: “ABBIAMO INIZIATO A METTERE MANO ALLE STRUTTURE DEL TARDINI. IL RESTO DELLA RIQUALIFICAZIONE DIPENDE DA UN MIX DI SITUAZIONI”

L’APERITIVO CROCIATO NELLA PALAZZINA MARIA LUIGIA PER LA PRESENTAZIONE DELLA NUOVA LINEA ABBIGLIAMENTO CASUAL GRIFFATA PARMA FC E IL ROMPETE LE RIGHE–Video e fotogallery amatoriale

E ANCHE IERI I DISABILI SENZA TETTO AL TARDINI HANNO DOVUTO ZUFOLARE SOTTO LA PIOGGIA. Nuova video testimonianza del tifoso in carrozzina Fabio Giarelli

PIZZAROTTI RIVORREBBE IL PARMA IN CITTADELLA. E A ME PIACEREBBE CHE IL SINDACO PENSASSE ANCHE AL MUSEO DEL TARDINI E ALLA COPERTURA DEL SETTORE DISABILI

GRANDI PULIZIE DI FERRAGOSTO AL TARDINI

DEGRADO TARDINI / REPORTAGE FOTOGRAFICO DAL “SECONDO STADIO PIU’ BELLO D’ITALIA”

E SE GIORNALISTI E DISABILI VENISSERO DELOCALIZZATI NEL “SETTORE BORTOLON” DEL TARDINI?

UN TETTO PER I DISABILI DEL TARDINI / CASSANO: “FAREI VOLENTIERI QUALCOSA, MA NON E’ IL MIO CAMPO…” – Il video della prima parte della conferenza stampa

UN TETTO PER I DISABILI DEL TARDINI / MAJO: “LA CAMPAGNA DI SENSIBILIZZAZIONE NON PUO’ ESSERE SOLO NOSTRA: GRAZIE A CHI CI HA RIPRESO, MA ALL’APPELLO MANCA QUALCUNO…”

UN TETTO PER I DISABILI DEL TARDINI /MARANI: “PRIMA DI TUTTO SERVE UN PROGETTO. L’OPERA SIA FINANZIATA DAGLI STESSI CALCIATORI”. L’ASSESSORE PARLA ANCHE DELLA COPERTURA DELLA NORD…

VALENTINI (STS) E’ IL NUOVO AD DEL PADOVA: “AMICI SI’, MA NON SATELLITI DEL PARMA. LA RISTRUTTURAZIONE DEL TARDINI E’ POSSIBILE ANCHE SENZA LA LEGGE SUGLI STADI”

“UN TETTO PER I DISABILI DEL TARDINI” – L’APPELLO DEL TIFOSO IN CARROZZINA FABIO GIARELLI A “CALCIO & CALCIO ESTATE” RIPRESO DAL TG DI TELEDUCATO (video)

MAJO, AL TG DI TELEDUCATO, RILANCIA: “UN TETTO PER I DISABILI DEL TARDINI”. L’APPELLO DEL TIFOSO IN CARROZZINA FABIO GIARELLI STASERA ANCHE A CALCIO & CALCIO

L’APPELLO DI FABIO GIARELLI AL SINDACO, A GHIRARDI E A CASSANO: “PER IL CENTENARIO PROTEGGETE I DISABILI DEL TARDINI DALLE INTEMPERIE”

FABIO E L’UPPER CLASS AL TARDINI PER I DISABILI

DISABILI, ALLA TETTOIA CI PENSA G SPORT

DISABILI, LA TETTOIA SI FARA’ ANCHE SENZA I G LUX. E I SEGGIOLINI NON ERANO FINITI A LEVICO…

GIOVANNI PAOLO BENEDICE L’IDEA “G HANDICAP”

ANTONINI E I DISABILI AL TARDINI: “INTEGRAZIONE, NON SOLO COPERTURA”

CALCIO & DISABILI: LA LEZIONE DI CIVILTA’ DEL SIENA. SPERIAMO CHE IL PARMA TROVI UNA SOLUZIONE PER LA PIOGGIA SULLE CARROZZINE ALMENO NELL’ANNO DEL CENTENARIO…

MARCO FEDERICI NEL RICORDO DELL’AMICO DI INFANZIA FABIO GIARELLI

IL TARDINI CHE CAMBIA / ADDIO CAMERA OSCURA, ARRIVA IL G GOLD

LEONARDI, LA PROMESSA: “AL TARDINI, PER SEMPRE, INDISCUTIBILMENTE”

NATALE GIALLOBLU’ / IL ‘CONDUCATOR’ LEONARDI STRAVINCE ALL’APPLAUSOMETRO DELLA “NOSTRA GENTE”, MA SUL SOLENNE IMPEGNO CHE AVEVA PRESO DI COPRIRE LE CURVE DEL TARDINI MI E’ PARSO INDIETREGGIARE…

COPERTURA CURVE DEL TARDINI, LA PUNTUALIZZAZIONE DI LEONARDI: “E’ UNA QUESTIONE DI BUROCRAZIA, NON DI SOLDI…”

TARDINI COPERTO O RIFATTO PER IL CENTENARIO? NON E’ UNA MISSION IMPOSSIBLE…

VALENTINI (STS) E’ IL NUOVO AD DEL PADOVA: “AMICI SI’, MA NON SATELLITI DEL PARMA. LA RISTRUTTURAZIONE DEL TARDINI E’ POSSIBILE ANCHE SENZA LA LEGGE SUGLI STADI”

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

60 pensieri riguardo “TETTOIA DISABILI STADIO TARDINI: DOMENICA L’INAUGURAZIONE E L’ENTRATA IN SERVIZIO. CROCIATI IN CARROZZINA (FINALMENTE) PROTETTI DALLE INTEMPERIE

  • 26 Febbraio 2016 in 21:36
    Permalink

    Anche da queste cose si vede la serietà e che andremo lontano….

  • 26 Febbraio 2016 in 22:46
    Permalink

    Majo però potevi metterlo un qualche articolo correlato è…

    • 26 Febbraio 2016 in 22:54
      Permalink

      Volevo ricordare quanto stadiotardini.it si fosse occupato della vicenda. E non cwrto per far polemica…

  • 26 Febbraio 2016 in 23:31
    Permalink

    Direttore ancora una volta zero parole solo fatti……ma è una cosa provvisoria ?visto che poi un domani riaperto il settore dietro la tettoia non si vede niente…….complimenti a lei e alla società

    • 26 Febbraio 2016 in 23:47
      Permalink

      Grazie,
      La struttura è provvisoria e modulare, nel senso che a seconda delle prossime esigenze sarà adattabile.
      È prematuro, oggi, dire se la tribuna est sarà aperta al pubblico nella prossima stagione o meno. Se fosse chiusa, come in questa, nessun problema. Fosse aperta aperta, anche se non lo ritengo probabile, sarebbero in vendita posti dalla visuale non ostruita dalla nuova opera. La struttura al momemto può ospitare circa 15 disabili in v arrozzina, e volendo anche qualcuno in più, però volendo potrebbe esser estesa visto che occupa solo uno spazio del settore.
      Ciò non toglie che un domani il Tardini potrà esser ripensato.
      Comunque mi fa piacere che abbia notato lo stile dell’attuale gestione: fatti e no parole. Altro che rendering spettacolari…

      • 27 Febbraio 2016 in 12:38
        Permalink

        Rendering spettacolari poi neanche tanto, erano una schifezza per non esser volgari, sia come qualità dei render che come progetto architettonico, snaturava totalmente il Tardini, e fosse pure lesivo anche per la dignità dei disabili che venivano in questo modo ghettizzati in un angolo, era di fatto un modo per sbloccare un area dello stadio sotto sequestro giudiziario. Per come la vedo io i disabili in futuro andranno inseriti in armonia con tutti gli altri tifosi. E’ inevitabile che in futuro il settore distinti verrà completamente rifatto assieme ad una parziale ristrutturazione con copertura della curva nord e sud, se si vorrà essere al pari con i grandi club seri europei che fanno quadrare il bilancio e rendono lo stadio un bel posto dove andare a divertirsi, vedere e fare sport. Per ora è una bella cosa la tettoia provvisoria, non risolve definitivamente il problema, costringe gli accompagnatori dei disabili a stare in piedi o ad allontanarsi dalla zona per sedersi, ma almeno non si vedranno più le scene da terzo mondo a cui abbiamo assistito negli ultimi anni, con questi poveri tifosi inermi in balia degli eventi atmosferici. Una buona azione

  • 26 Febbraio 2016 in 23:35
    Permalink

    Un grande ringraziamento alla Chiesi per aver contribuito a rendere il nostro stadio più confortevole ed accessibile a tutti..

  • 26 Febbraio 2016 in 23:39
    Permalink

    Domenica è prevista pioggia..;)

    Bellissima notizia. Era ora.

  • 27 Febbraio 2016 in 00:06
    Permalink

    Anche noi, nel ns. piccolo, con educazione e civiltà abbiamo chiesto lumi ed info…e, in prima persona , sono grato a tutti coloro che hanno contribuito attivamente ed economicamente alla realizzazione dell opera.
    Non proclami bla bla bla, fatti concreti, reali visibili,
    e non”andiamocela a riprendere” ..ma dove ???
    A RIPRENDERLA NEL…..NOOOOOO…BASTA….FA MALE

  • 27 Febbraio 2016 in 00:19
    Permalink

    Un gesto di civiltà tanto atteso che dimostra le intenzioni del nuovo Parma 🙂

  • 27 Febbraio 2016 in 00:22
    Permalink

    Un grazie a Chiesi, meno male però che è una struttura provvisoria, perché se fosse stata definitiva la delusone sarebbe stata tanta.

  • 27 Febbraio 2016 in 08:50
    Permalink

    Ho letto un’intervista a Fulvio Ceresini. Premesso che non ho mai capito quali meriti abbia (tranne esser figlio di suo padre), mi è sembrato che se avessero intervistato Max Pernigotti le risposte sarebbero state piu o meno le stesse. Anche lui era un corradiano convinto o c’è dell’altro?

    • 27 Febbraio 2016 in 09:25
      Permalink

      Credo rientrasse in un qualche modo nel magico organigramma, e non ha mai nascosto le sue simpatie corradiane: c’è anche una mia intervista a lui di qualche mese fa, quando Giuseppe & Giovanni ci avevano collettivamente illusi, assieme ai Curastars, che la B la si potesse salvare.
      Ricordo che fino a quando i Corrado’s erano in lizza per salvare la B godevano anche del mio fiducioso appoggio, sebbene in par condicio con Mike Piazza: quando costoro iniziarono a trafficare per la D, invece, manifestai pubblicamente la mia delusione per il “fallimento” della loro precedente manovra di salvataggio non riuscita, manifestando decisamente il mio ostracismo ai loro tentativi per la D.
      Con Fulvio – persona con cui credo ci sia stata e resti, al di là di qualche divergenza di vedute su questo specifico tema, una reciproca stima – mi confrontai apertamente sul tema Corrado, durante una telefonata la scorsa estate, spiegandogli bene il perché di quella mia delusione nei Corrado. Lui, invece, pur essendo tornato a gioire al Tardini, mi pare resti molto affezionato ai Magici: e i dubbi che insinua nella conversazione con Trupo (cui peraltro la nuova proprietà ha concesso di presentare un libro sul Parma di Nevio Scala, mettendo a disposizione mezzi, persone e risorse) già sintetizzati nella titolazione, non mi pare siano esattamente propositivi verso chi ha dimostrato concretamente, e non a paroloni, di darsi sul serio da fare per mantenere il calcio in città, nonostante il crac. Fino a quando aleggiano certi fantasmi e dubbi i fantasiosi personaggi come Pernigotti & C. mi posso fare anche un’amara risata, ma che lo faccia il figlio del Grande Ernesto…

      • 27 Febbraio 2016 in 12:53
        Permalink

        Caro Gabriele ci conosciamo da una vita e a volte non capisco se ci sei o ci fai, veramente non ti capisco. Io sono , e non credo solo a parole, un grande tifoso del Parma, società per la quale mi sono speso per 26 anni. Personalmente non mi è mai interessato chi prendesse la società , ho solo sperato che qualcuno riuscisse ha ma tenerla nel calcio professionistico che si chiamasse CORRADO o Majo, evitando che venisse cancellata dal panorama calcistico nazionale. Sono riconoscente a chi là ha fatta rinascere, Marco Ferrari in primis , e recentemente ho detto che , per passione, lo ritengo il vero erede di Ernesto Ceresini.Io non insinuo nulla nella mia intervista al bravo Trupo, è visto che io, conosco il calcio e le dinamiche delle società di calcio, sai 26 anni non sono pochi, occorrerà essere bravi e pronti a gestire le difficoltà che arriveranno. Non capisco veramente perché mi devi coinvolgere in polemiche che non esistono , che non mi riguardano. Se ancora non lo hai capito , io amo il Parma e tifo per vederlo ai massimi livelli, e il resto compreso le tue masturbazioni mentali non mi interessa e gradirei se ti fosse possibile di evitare di coinvolger i. Ti ringrazio. Fulvio Ceresini

    • 27 Febbraio 2016 in 13:11
      Permalink

      Mi dicono che Luca con la S maiuscola, sei nickname di un collaboratore di Majo, poco importa, confermo che l’unico mio merito e ‘ di essere un super tifoso del Parma.Fulvio

      • 27 Febbraio 2016 in 13:20
        Permalink

        Smentisco categoricamente. E “Luca con la S maiuscola” non potrà che confermarlo.

        Sebbene il nome “Luca” sia molto gettonato tra gli autori del sito (Russo, Savarese, Tegoni, tanto per citare le firme più abituali) nessuno di essi corrisponde all’identità di “Luca con la S maiuscola”.

        Su StadioTardini.it gli autori, anche quando postano liberi commenti, hanno la sana abitudine di mettere il nome e cognome reale e non di fantasia, tipo, che so… Max Pernigotti.

        E’ sempre bene verificare le insinuazioni…

        Gmajo

        • 27 Febbraio 2016 in 13:34
          Permalink

          Concordo con te , è sempre bene verificare le insinuazioni………….

      • 27 Febbraio 2016 in 14:44
        Permalink

        Lei conosce il gruppo “L’era biologica fans club”? Conosce i suoi membri e l’identità di coloro che si nascondono dietro i nicknames? Condivide la loro linea editoriale nei contenuti e nei modi? O si dissocia? Glielo chiedo perché è gente che insulta e prende per i fondelli chi tifa parma oggi, hanno offeso pesantemente, e di recente l’hanno eletta a loro bandiera. Ora, vedere il nome “Ceresini” issato a bandiera da parte di questa gente che si comporta in questo modo, per me è un assurdo, e quindi, proprio per il nome che porta, sarebbe bene a mio avviso che chiarisse la sua posizione rispetto a quella gente. Grazie

        • 27 Febbraio 2016 in 16:50
          Permalink

          Per favore chiudiamola qui perché non meritano il nostro tempo e la nostra attenzione.

          • 27 Febbraio 2016 in 17:08
            Permalink

            Vero, fino a quando non ti viene il dubbio (e mi piacerebbe che fosse chiarito) che una persona con un cognome così importante simpatizzi per loro e magari si senta con loro (chi è il soggetto del “mi dicono”?). Sarebbe brutto scoprire che Ceresini simpatizzi per chi ad esempio dice che Scala è una cariatide con la dentiera (ho fatto solo un esempio, potevo farne altri…), per questo sarebbe meglio anche per lui che si dissociasse in toto da quella gente. Se vuole farlo, ovviamente. Se invece non vuole, ognuno trarrà le conclusioni che vuole…

          • 27 Febbraio 2016 in 18:41
            Permalink

            Mi pare che fulvio ceresini nella sua risposta a un suo altro commento abbia preso le distanze da quel tipo di fenomeno che conosciamo.
            Prendiamo atto che Fulvio ceresini è il primo tifoso della nuova società, per cui cerchiamo di andare tutti d’accordo con scorno di chi sta giocando a seminar zizzania.

        • 27 Febbraio 2016 in 17:25
          Permalink

          evidentemente non sa chi siano sti qua,del resto quando sei impegnato a seguire con passione il parma certe cose mica le puoi sapere,poi oh magico parma la serie a la voleva in tre anni eh ? si e cucu’

        • 27 Febbraio 2016 in 17:36
          Permalink

          Quello che penso lo ho detto nell’intervista, e nella risposta a Majo. Ho sperato che il,Parma fosse salvato in serie B da Corrado ,che conosco e stimo, o da chiunque avesse cercato , con serietà di farlo. Visto che non è stato possibile sono il primo sostenitore della nuova proprietà , dove ci sono tanti amici e uno staff dirigenziale e tecnico composto, guarda un po’ il caso, da tutte persone portate a suo Tempo a Parma da Ceresini. Non sono informato su L’era biologica fans club, quindi non sono in grado di risponderle, in ogni caso non permetto a lei e chiunque altro, di strumentalizzare la mia persona, per diatribe che non mi riguardano e non mi interessano. Le ho riposto per cortesia nonostante non sia mia abitudine rispondere a chi si nasconde dietro un nickname . Può richiedere la mia mail al suo direttore nel caso non le bastasse. Cordialmente Fulvio Ceresini.

          • 27 Febbraio 2016 in 18:37
            Permalink

            Non sono il suo direttore, come ho già puntualizzato prima. Nel senso che l’utente “luca con la s maiuscola” utilizza lo spazio commenti come ogni altro lettore che lo desidera, ma non è un autore di stadiotardini checché possano aver riferito a fulvio ceresini le sue fonti.
            Direi, comunque, di chiudere il discorso che non porta da nessuna parte.

          • 27 Febbraio 2016 in 18:46
            Permalink

            ecco appunto mi sa che sti signori la stiano strumentalizzando mica da ridere,quantomeno si tiri via da quel gruppo

            se l’hanno tirata dentro a sua insaputa,gente il signor scala considera una cariatide una mummia e i tifosi del parma dei minus habens ,facci lei ragioniere

          • 27 Febbraio 2016 in 18:56
            Permalink

            Io non lo vedo tra gli utenti di quel gruppo.

          • 27 Febbraio 2016 in 20:03
            Permalink

            Che sia stato issato, sicuramente inconsapevolmente, come bandiera mi pare chiaro…

          • 27 Febbraio 2016 in 19:26
            Permalink

            Assio ,Non posso tirarmi via da quel gruppo…….in quanto non ci sono.

          • 27 Febbraio 2016 in 20:00
            Permalink

            Fulvio, te l’ho detto perche’ per un po ti ci hanno iscritto, e per un attimo ho avuto la bile sopra i livelli consentiti,per il resto non avevo dubbi,come quando andai a trieste,poi non ti preoccupare che se qualcuno vuol vivacchiare saro’ il primo brangognone

    • 27 Febbraio 2016 in 14:21
      Permalink

      Pensate che io Fulvio Ceresini lo vedrei bene nel CDA del Parma come rappresentante di Parma partecipazioni calcistiche. Se lo meriterebbe di più dei soliti prezzolati che ronzano intorno al Parma…

      • 27 Febbraio 2016 in 14:24
        Permalink

        Sì, avevo letto Pinguino… E’ una stupenda nomination, anche se non è corretto che Tu dia del “prezzolato” agli attuali rappresentanti di PPC nel Parma Calcio 1913. Peraltro non so se Fulvio sia tra i soci di Parma Partecipazioni Calcistiche.

        Cordialmente

        Gmajo

        • 27 Febbraio 2016 in 16:32
          Permalink

          Ottima cosa sarebbe la presenza di Fulvio Ceresini in parma Partecipazaioni sportive.

          Complimenti alla Chiesi per la tettoia . se poi volessero entrare in società ancora meglio

      • 27 Febbraio 2016 in 20:05
        Permalink

        ti garantisco che per un certo periodo risultava tra gli iscritti ,ad onor del vero iscritto da qualcun altro.

        quindi se a me mi iscrivono da qualche parte amici di fb lo so

        • 28 Febbraio 2016 in 09:54
          Permalink

          Va beh, qui è un continuo tenere il piede in due scarpe… E allora l’informatore sulla mia presunta identità chi è, il mago zurlï? Comunque tra i suoi amici di Facebook ci sono : Max Pernigotti, Benedetto Campi, Daniela Chiesi, Francesco el rejo Reggiani. Così, tanto per dirla tutta e perché tutti sappiano e possano farsi un’idea. Dove l’ha conosciuto Pernigotti, forse nella sua Firenze…?. Se uno dice che gli abbonati del parma di quest’anno sono tutti dei minus habens, o che scala è una cariatide con la dentiera (e potevo fare altri 20 esempi), io non sono suo amico. E quelli che le ho detto prima, non sono forse nicknames (che lei aborra)? Oppure certi nicknames vanno bene e altri no? Ho l’impressione che con certe risposte si voglia solo nascondere la polvere sotto il tappeto…

          • 28 Febbraio 2016 in 11:40
            Permalink

            Ascolti , io ho 1000 amici in FB! Chi mi chiede l’amicizia gliela do’ , ne conoscerò personalmente una decina, di quei nomi non conosco nessuno, non mi interessa chi sono cosa fanno e cosa scrivono, se lei ha dei problemi con loro, li risolva con loro e non rompa i coglioni a me.comunque per quanto mi riguarda ha vinto lei, in quanto faccio mia una bella citazione:” quando ci trova dinanzi l’ignoranza, se non l’aperta stupidità , mista alla presunzione, e’ il momento di darsela a gambe. E anche in fretta”Cordialmente.

          • 28 Febbraio 2016 in 12:37
            Permalink

            Credo che Luca S si riferisse ad Assioma. Comunque dei nomi da lui citati l’unico che, a quanto mi consta, ha una vera identità è Francesco Reggiani. Gli altri credo siano frutto della fantasia.

            Ritengo, comunque, che sia sbagliato fare il gioco di questi individui dando loro importanza, o facendosi strumentalizzare. Cosa che succede spesso anche a me, visto come riescono, in modo perverso, ad utilizzare le mie affermazioni a proprio uso e consumo capovolgendo la frittata. Chi sta remando contro il Parma – e quelli che Luca S ha citato lo fanno apertamente – non merita attenzione. Anche perché tutto questo non viene fatto in modo propositivo per migliorarci, ma solo per denigrare, sfruttando, peraltro, la ferita ancora aperta nella tifoseria per quello che è successo, insinuando dubbi strampalati che non stanno in piedi, ma che trovano terreno fertile in chi così duramente è stato provato.
            Colgo l’occasione per scusarmi, qualora ce ne fosse bisogno, con Fulvio Ceresini per questo piccolo incidente diplomatico, derivante dalla mia sensibilità sul pericolo che il tifoso medio, appunto ancora con la ferita aperta per i noti accadimenti, potesse aver timori sul futuro, se esposti da un “monumento” quale Fulvio è e resta.
            Cordialmente
            Gmajo

          • 28 Febbraio 2016 in 12:39
            Permalink

            chi tace acconsente

          • 28 Febbraio 2016 in 13:08
            Permalink

            Luca con la s maiuscola atsi pes con la P maiuscola…

          • 28 Febbraio 2016 in 16:49
            Permalink

            La domanda su chi è stato il suggeritore continua a venire elusa comunque va bene, chiudiamola qua… Aggiungo però che è un bene per tutti che il parma non sia andato “in mano” (come recitava un gruppo Facebook famoso…) a Corrado, specie ora che la sua prima linea è nota (alcuni sono membri dell’era biologica…) perche di certi modi di fare ne faccio volentieri a meno. Peccato però, la barzelletta dell’avvocato era davvero spassosissima…

  • 27 Febbraio 2016 in 10:03
    Permalink

    Ma se il parma viene promossa sky tramettera’ le pertite anche prossimo anno paolo

  • 27 Febbraio 2016 in 10:19
    Permalink

    in che senso

    • 27 Febbraio 2016 in 10:21
      Permalink

      I diritti collettivi vengono venduti dalla Lega. E la Lega Pro ha in essere un accordo con la Rai: non so che spazi ci possano essere per Sky. Sarà un problema che verrà affrontato a suo tempo. Adesso stiamo concentrati sul presente. Poi ci sarà chi lavorerà per il futuro

  • 27 Febbraio 2016 in 10:36
    Permalink

    il parma puo venire trasmesso della rai fammi sapere

    • 27 Febbraio 2016 in 10:37
      Permalink

      Trasmettono un insieme di squadre, non una sola

  • 27 Febbraio 2016 in 10:37
    Permalink

    sa si qualcosa per teleducato

    • 27 Febbraio 2016 in 10:51
      Permalink

      E’ stata acquistata dalle Coop: vedremo gli sviluppi

  • 27 Febbraio 2016 in 10:48
    Permalink

    Dopo molti tentativi forse è la volta buona direi complimenti

    Finalmente un posto più Dignitoso x i Diversamente Abili

    Volevo sapere Majo la situazione del cuscinetto Bortolon

    Nel senso se è Agibile in futuro o rimane tristemente vuoto

    IL Delegato alla Sicurezza Perrone cosa dice in merito

    Sempre con le dovute cautele e non solo

    CIAO…. Bortolon Salutami il Tino

    • 27 Febbraio 2016 in 11:00
      Permalink

      Il “Bortolon” è già stato utilizzato lo scorso anno per la tifoseria ospite. Quindi immagino che nelle stagioni future, quando ci sarà un maggior afflusso di “forestieri” possa svolgere la sua funzione.

      Ritengo scongiurato il rischio che venga destinato ai disabili: scelta che avevo contestato temporibus illis, visto che non mi pareva carino utilizzarli come “scudi umani”.

      La nuova copertura, come scrivevo ieri, è ovviamente provvisoria (ciò non toglie che possa durare parecchio, giacché per definizione gli stessi tubolari sonio provvisori, mentre sono provvisoriamente lì da 20 anni…) e modulare. E’ stata progettata per soddisfare le attuali esigenze, ma qualora dovesse esserci una maggiore richiesta potrà, semmai, esser estesa. Anche se ci sono vari progetti alternativi che potrebbero essere presi in considerazione. L’importante, però, era dare una risposta rapida all’esigenza.

  • 27 Febbraio 2016 in 11:18
    Permalink

    credo che che rai abbia i posticipi non se mi puoi dare conferma

  • 27 Febbraio 2016 in 20:30
    Permalink

    tanto per rientrare in tema ti ricordi cosa scrissi 3 anni fa eh ?

    “l’unica e’ che si portino lombrello” , e giu di strali da parte di tutti,io non so perche’ non si afferri il mio sarcasmo

  • 27 Febbraio 2016 in 22:30
    Permalink

    Caro Direttore sei caduto ancora una volta nella trappola letale….forse è ora di fare un mea culpa….giornalista si ma alla vecchia maniera…

    • 27 Febbraio 2016 in 22:34
      Permalink

      Io non mi faccio pregare quando devo fare dei mea culpa, ma sinceramente non capisco per cosa e in quale trappola sarei caduto

  • 28 Febbraio 2016 in 01:20
    Permalink

    Mi chiedo sempre, ma perché se qualcuno ha qualcosa da dire, di sano, serio ed intelligente, anche se dovessero essere critiche, non ci mette la faccia, nome e cognome documentati, è non scrive apertamente senza tanti contorsionismi allusivi x i più incomprensibili ??
    an sarà miga difficil no ???

    • 28 Febbraio 2016 in 08:28
      Permalink

      Io non lo faccio perchè su fb per aver scritto che la curva nord è sporca e trascurata ho ricevuto un messaggio privato da una persona facilmente riconducibile alla società da chiunque che mi intimava di trattare questi argomenti esclusivamente in modo privato minacciando querele, io credo che quello che conta sono i contenuti, chiedere in modo minaccioso di metterci nome cognome ed indirizzo se si vogliono esprimere idee diverse mi pare proprio il tipo di approccio che fa nascere entità esclusivamente contro, sai la gente sa essere orgogliosa e spesso non è disposta a cedere alle minaccie e reagisce, è un vigliacco chi non è in grado di sostenere un confronto basato solo sulle idee e quindi preferisce passare alle minaccie (del tipo, ti vengo a prendere a casa o ti querelo), è chi minaccia che ha paura in questo caso e non chi ha un nickname, benvenuto nel 2016, qui contano i contenuti e non il titolo nobiliare, ma soprattutto le minacce ti si ritorcono contro.

      • 28 Febbraio 2016 in 10:05
        Permalink

        La sua è una calunnia, se non ha da provare che la persona che l’avrebbe contattata in privato minacciando querele sia riconducibile alla società. E sempre ammesso che l’ameno episodio da lei raccontato corrisponda al vero, perché, mi consenta, potrei nutrire qualche ragionevole dubbio. Anche a partire dal fatto che l’attuale gestione non ha la querela (o anche solo la minaccia) facile.

        Io, come ormai credo sia noto, vado molto orgoglioso delle mie idee per cui non capisco le difficoltà che altri hanno ad esporle mettendo il proprio nome e cognome e nascondendosi dietro nick name: pur essendo profondamente diverso da costoro, però, mi sono adeguato al web accettando i commenti anche con il nick name, ed evitando magari i fake. Però mi sarebbe sempre piaciuto dialogare – e l’ho sempre fatto senza tirarmi indietro anche con chi aveva diversità di vedute e di approccio – guardando idealmente in faccia con chi ho a che fare. Pare, e il suo commento lo dimostra, che questo sia proprio impossibile.

        E allora – e non legga questa come una minaccia, perché in giro c’è anche chi ha il coraggio di voltare la frittata e far la vittima – mi piacerebbe se mi venisse a trovare, mostrando il suo volto, e le prove che quello che ha scritto sopra è vero, consentendomi di avere una dinamica precisa dell’accaduto e se del caso porre riparazione.

        In conclusione: sono profondamente convinto, come lei, che i contenuti siano vitali, importanti e che debbano essere al primo posto: ma indubbiamente assumerebbero un valore maggiore se fossero posti da una persona credibile e spendibile. Perché in modo anonimo si può sostenere di tutto, senza prove. Non penso ci voglia molto coraggio ad avere una identità. Anche se adesso va di moda il passamontagna, io resto per il volto scoperto.

        Cordialmente

        Gmajo

  • 28 Febbraio 2016 in 11:01
    Permalink

    Io ho letto l intervista di Fulvio Ceresini, non mi pare abbia detto nulla di male. Come tutti sperava di non sparire, fa notare giustamente che la lega pro è molto più problematica. Non sono d accordo sulla necessità di accentrare la proprietà ma quello è opinabile. Ci ero rimasto invece male che fosse il presidente designato di Corrado, almeno a detta di quest’ ultimo, un personaggio con la dialettica e i modi di Leonardo ma con la differenza che l ex ad di calcio ne capisce.
    Per il resto 4 esserini che non fanno altro che gufare a spargere merda sul Parma solo per essere rimasti fuori dai giochini del tifo organizzato che qua a Parma attirano molto

  • 28 Febbraio 2016 in 21:34
    Permalink

    Resta il fatto che farsi riprendere dal nostro AMATO Fulvio Ceresini é tutto dire…..carissimo Sig.Majo ha fatto una pessima figura!!!

    • 28 Febbraio 2016 in 22:26
      Permalink

      Se lei ne è convinto…
      Io non lo credo affatto, anche perché non sono stato ripreso proprio da nessuno e da parte mia ho solo esposto situazioni certe senza aver offeso nessuno e peraltro ho anche incassato, senza chiosare, la replica decisamente dura a un pensiero espresso legittimamente. Rimane il fatto che, al di là del culto della personalità, sarebbe bello se le persone sapessero farsi una idea dei fatti indipendentemente dai simulacri. Del resto quando senza tanta compagnia attorno mostravo, senza mai sferrare colpi sotto la cintura, certe magagne della celebrata gestione Ghirardi non si esitava a darmi del nemico del Parma…
      Buonanotte
      Gmajo

    • 29 Febbraio 2016 in 12:32
      Permalink

      Ecco… i “mostri sacri” non si possono contestare… andremo lontano con questo modo di pensare… Allora, secondo questo teorema, Corrado era meglio. E la barzelletta dell’avvocato era spassosissima.

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI