LAURIA ALLA GAZZETTA DI PARMA: “L’EMOZIONE PIU’ BELLA? VEDERE MIO FIGLIO IMITARE, NEL CORRIDOIO DI CASA, LA MIA ROVESCIATA E LA TELECRONACA…”. E STASERA FABIO SARA’ LA GUEST STAR A BAR SPORT

20160314_141657(gmajo) – “Ieri l’emozione più bella è stata alla sera, a casa mia, nel vedere mio figlio, lungo il corridoio, che imitava la mia rovesciata e la telecronaca”. Fabio Lauria lo ha rivelato oggi pomeriggio alla Gazzetta di Parma, in una intervista rilasciata al giornalista Paolo Grossi, che sarà integralmente pubblicata sull’edizione di domani del quotidiano cartaceo, con qualche ghiotta anticipazione al portale gazzettadiparma.it (clicca qui per vedere la video-intervista) “avevo fatto già lauria gdp on lineuna rovesciata martedì in allenamento…”. Stasera, il “ciclista” sarà ospite, a partire dalle ore 21.15, di Tv Parma, nel talk show sportivo condotto da Sandro Piovani “Bar Sport”.  Sarà una puntata molto “crociata”, considerata la partecipazione dal vivo, negli studi di Via Mantova, anche di Fosca Calloni, difensore della Femminile del Parma Calcio 1913, tra le protagoniste del corto “Ringo” “Pura Passione” (oltre ad essere la “killer” di “Anna” – al secolo Bianca Zero – è 20160314_145716quella che fa la battuta sulle rane che c’erano su un campetto da gioco), che stasera sarà “proiettato” interamente al termine della puntata attorno alle 22.20 circa. In collegamento da Moletolo ci saranno tutti gli allenatori del Settore Giovanile, con il responsabile del vivaio Fausto Pizzi e il prezioso segretario Giovanni Manzani ospiti dell’AIAC per il 50° della Associazione Allenatori.

GUARDA LA ROVESCIATA DI FABIO LAURIA (VIDEO DAL CANALE YOUTUBE UFFICIALE DEL PARMACALCIO 1913)

CLICCA QUI PER VEDERE IL FILM “PURA PASSIONE”, CORTOMETRAGGIO DI LUCA LUCINI PER RINGO CON PROTAGONISTE LE CALCIATRICI DEL PARMA CALCIO 1913

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

30 pensieri riguardo “LAURIA ALLA GAZZETTA DI PARMA: “L’EMOZIONE PIU’ BELLA? VEDERE MIO FIGLIO IMITARE, NEL CORRIDOIO DI CASA, LA MIA ROVESCIATA E LA TELECRONACA…”. E STASERA FABIO SARA’ LA GUEST STAR A BAR SPORT

  • 14 Marzo 2016 in 21:16
    Permalink

    Bella persona Fabio. Ho avuto occasione di conoscerlo. Umile semplice e disponibile.
    Un grande uomo prima di un grande calciatore. Abbiamo veramente un gruppo fantastico. Tutti tolto uno che non ve lo dico chi è.

    • 14 Marzo 2016 in 21:59
      Permalink

      Sicuramente non è Guazzo, lui ci ha detto di essere una persona intelligente.

  • 14 Marzo 2016 in 23:54
    Permalink

    Beh il complimento più bello gliel’ ha fatto MELLI in telecronaca diretta istintivamente
    UN GOL DELLA MADONNA.
    Se l’ha detto lui che è stato un fior do attaccante………….

  • 15 Marzo 2016 in 00:03
    Permalink

    Un gol al 90esimo…con un uomo in meno…in rovesciata…direi che sia seria A o terza categoria di emozioni così se ne provano poche nella vita…tra tanto marcio il lato magico di questo sport…

  • 15 Marzo 2016 in 00:11
    Permalink

    Ora il campionato è vinto al. 99,99999%
    Dobbiamo però difendere l’imbattibilita e cercare di raggiungere il Piacenza e poi sotto con lo scudetto dei dilettanti.
    GlI schemi di Apolloni non li ho capiti e poi questi cali di tensione non.li capisco e il responsabile è lui con tutto quel ben di Dio che ha in squadra.
    Se non c’era la magia di San Lauria e se quel palo avversario a 11 minuti dal termine, si tramutaba in gol, cosa si sarebbe potuto dire di Apolloni ?
    SOLO PESTE E CORNA.

  • 15 Marzo 2016 in 00:15
    Permalink

    Per fare un campionato al vertice inLega Pro ci vogliono a detta degli addetti ai lavori quasi 5.000.000.
    La nostra società li vorrà sborsare?

    • 15 Marzo 2016 in 00:19
      Permalink

      Posto che non so dire se la cifra da lei detta possa essere esatta ricordo che esistono anche i ricavi. Se i costi fossero superiori ai ricavi è evidente che sarebbe necessario un finanziamento da parte della proprietà, che, ovviamente, non si tirerà indietro.

      • 15 Marzo 2016 in 05:04
        Permalink

        Lei ritiene verosimile che l’anno prossimo, in caso di lega pro, la società tenterà di allestire una squadra con un’organico superiore alle altre partecipanti al campionato come quest’anno?

          • 15 Marzo 2016 in 13:33
            Permalink

            Direttore,
            mi consenta…

            la rosa di quest’anno (allestita di fretta e furia) non è competitiva ma stra-competitiva (ha fatto la fotografica alla panchina di domenica?) gli altri se la sognano.

            se la società, con più tempo a disposizione per ottimizzare scelte e strategie costruirà per la lega pro un organico “competitivo” come quello di quest’anno..
            beh..
            non avremo grandi difficoltà!

            🙂

          • 15 Marzo 2016 in 15:06
            Permalink

            Non sempre, ma ogni tanto ho la memoria lunga… E a inizio stagione il Parma non era certo dato per favorito da tutti gli “espertoni” della categoria in cui siamo finiti, e qualche dubbio sulla rosa aleggiava… Magari era la solita sindrome per cui, dopo quello che ci è accaduto, tendiamo a temere sempre il peggio… Ma c’era chi aveva perplessità sia sugli under che sui senior. Poi loro sono stati bravi a conquistare tutti con le gesta sul campo: sicché adesso il Parma è diventato la corazzata, mentre le altre sembrano piccine, eppure ci sono fior di squadre, tra le due retrocesse come ricordava poco fa Giorgino in conferenza stampa, allo stesso AltoVicentino che ha la “sfiga” di finire sempre nei gironi delle grandi decadute. Il girone D è senza dubbio il più difficile della categoria proprio per la presenza di squadre comunque con un organico di qualità, magari con società che hanno speso anche più di noi e che venivano da stagioni d’insieme, mentre noi – e non è per ripetere la solita piva, il solito refrain – ad inizio preparazione avevamo solo cinque giocatori e un manipolo di altri in prova. Il tanto vituperato Apolloni è stato bravo proprio là dove i superficiali (talora in malafede, perché tutta ‘sta fronda me puzza…) tendono ad attaccarlo, appunto nella gestione del gruppo. E se questo era qualitativamente e quantitativamente migliore tanto meglio… Ma proprio per questo il lavoro dell’allenatore è stato importante. Ciò non toglie che, come tutti gli esserei umani, possa aver commesso errori, ma discuterlo in modo così esagerato come spesso mi capita di leggere, mi pare davvero fuori luogo, perché i fatti parlano per lui. Del resto, purtroppo, il tifoso medio (ma, ahimè, anche i giornalisti) ha delle preferenze per cui se il proprio beniamino sta fuori e gioca un altro, allora l’allenatore non capisce niente. Accontentare tutti non si può, ed è una chimera sperare di avere un consenso di stampo coreano. Tutti si dimenticano che i tecnici non sono così autolesionisti da tagliarsi gli attributi da soli, sicché è difficile che loro stessi giochino contro loro stessi tenendo fuori chi sta meglio per far giocare chi sta peggio. Però esistono anche degli equilibri di squadra, di gruppo, per cui non è detto che tutti gli 11 titolari siano proprio i migliori nel singolo ruolo, ma appunto nell’insieme. E la forza del Parma è il collettivo: come diceva ieri sera a Bar Sport Lauria i singoli ti possono risolvere, con le proprie qualità, quelle 3-4 partite l’anno, ma l’altra quarantina è l’insieme, è la squadra, che fa. E questo Parma, al di là della cifra stilistica (peraltro in D mi pare assurdo pretenderla), il suo lo ha sempre fatto, magari anche soffrendo. E le vittorie più belle sono proprio quelle che derivano dalla sofferenza. In questo il magnifico epilogo “in bicicletta” grazie a Lauria (che è “seriale”, avendo fatto martedì scorsa una rovesciata in allenamento e avendo fatto un gol analogo anche lo scorso campionato, come svelato poco fa da Giorgino nella sua conferenza stampa) di domenica è l’esempio lampante.
            Cordialmente
            Gmajo

      • 15 Marzo 2016 in 12:15
        Permalink

        Penso che se hanno “preso” il Parma in serie D lo abbiano fatto a ragion veduta!
        Non certo per restare in serie D, per cui essendo anche gente con ” imprenditorialità” avranno, anzi hanno, di sicuro valutato un piano per risalire. Non credo che non sappiano quanto ci vorrà in soldini. Non credo che abbiano bisogno che glielo diciamo noi. Io la penso così.

        • 15 Marzo 2016 in 17:17
          Permalink

          Aggiungo che la struttura del Parma pare essere fortemente sovradimensionata per la categoria….questo non è solo la base forte della corazzata che si è venuta a creare, ma anche un costo enorme per una società….logico che per sostenere costi del genere non si possa restare in basso troppo a lungo…altrimenti si va in perdita e…di certo loro lo sanno…

          il punto è che la memoria tende a normalizzare qualcosa che ci aveva stupito l’estate scorsa…diamo per scontati collecchio…il tardini…la femminile..una società con un organigramma di un certo livello…non facciamolo…non dimentichiamo…

    • 15 Marzo 2016 in 01:13
      Permalink

      non siamo mica più in mano a manenti, saremo attrezzati, poi bisognerà vedere se saremo pure bravi e/o fortunati

  • 15 Marzo 2016 in 00:42
    Permalink

    Spero che il bambino non si sia rotto qualcosa 😀

  • 15 Marzo 2016 in 01:05
    Permalink

    Per fortuna ci sono anche i professionisti che se entrano per 5 minuti non si mettono a piangere ma pensano alla squadra

  • 15 Marzo 2016 in 10:01
    Permalink

    ma una curiosita’ il goal di lauria era regolare o in fuorigioco ? dalla mia postazione sembrva fuorigioco ho visto il centrale che ha alzato la mano e anch alcuni giocatori del parma hanno avuto dubbi ,
    ammesso e premesso che ce lo teniamo ma tecnicamente era fuorigioco ? io non vedo giocatori dietro a lauria ci deve essere un cavillo tecnico per cui e’ regolare qualcuno me lo sa spiegare

  • 15 Marzo 2016 in 16:19
    Permalink

    Complimenti per l’idea dei video da bordo campo. Trasmettono molte emozioni che gli highlights non fanno.

    • 15 Marzo 2016 in 16:21
      Permalink

      Sarebbero un po’ border line, ma fin che riusciamo godiamoceli…

      • 15 Marzo 2016 in 16:35
        Permalink

        Direttore,
        al gol di Lauria tutta la panchina è entrata in campo a festeggiare la prodezza del nostro campioncino..
        non poteva entrare in campo anche lei e raggiungere con il giocatore la curva dei tifosi?

        sarebbe stato il top!
        🙂

        • 15 Marzo 2016 in 16:53
          Permalink

          Eh, caro te… Già sono un intruso lì, poi ci manca che faccia invasione di campo durante le fasi di gioco…

          • 15 Marzo 2016 in 17:13
            Permalink

            Beeeeeee il bello è che non possono espellerla non essendo tesserato federale 😀 non è che la cosa è valida solo quando fa comodo al palazzo…vabbe questanno dovrei dire palazzetto eheheheh

        • 16 Marzo 2016 in 10:04
          Permalink

          Bellé avrebbe avuto da dire di sicuro, che non era un comportamento corretto, che la società andava squalificata per sempre, e già che c’era ci avrebbe ricordato che de sanctis non ha mai arbitrato a favore della juve, che calciopoli non è mai esistita e che agricola si dopava da solo

    • 16 Marzo 2016 in 10:02
      Permalink

      Vorrei sapere perché nel calcio di sky gli highlights sono diventati SOLO le azioni da gol. Ai tempi di 90° minuto il “servizio” faceva vedere 10-12 azioni, con anche gesti tecnici, parate, pali, tiri fuori, sostituzioni, cartellini… oggi invece solo i gol, e se le azioni partono da lontano, ti fanno vedere comunque solo l’ultima parte. Magari 56 replay da 34 angolazioni diversi, anche dal punto di vista del pallone, e alla fine il servizio dura uguale, ma vedi solo e soltanto le azioni da gol. PERCHE??? è proprio vero che si stava meglio quando si stava peggio. Faccio un esempio: se la rovesciata di lauria fosse stata parata o fosse uscita di 2 dita, sicuramente non l’avremmo potuta vedere negli highlights di sky.

      • 16 Marzo 2016 in 11:14
        Permalink

        quoto in toto Luca.
        ah… aggiungo che a 90° minuto i servizi partivano con l’ingresso in campo delle squadre e le inquadrature delle coreografie delle due tifoserie.
        tutto ciò su SKY è rimasto solo per i derby..

          • 16 Marzo 2016 in 11:39
            Permalink

            Direttore, noi dobbiamo ringraziare Sky perchè riprende le gare della nostra squadra, e così oltre a dare un servizio ai tifosi la tiene anche viva a livello nazionale, poi è anche back sponsor quindi.. viva Sky.

            poi, approvo la linea di Sky sull’argomento moviola e processi ad ogni partita (linea più british), ma nei servizi potevano mantenere alcune cose buone da 90° minuto…
            come tutti i momenti salienti dell’incontro, a prescindere dalla palla entrata in rete o meno.

            Savo

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI