UN LUOGO INCERTO, di Luca Tegoni / VESSILLI E SOSPIRI, CORI E ONDE, GIOIA E MEMORIA

(Luca Tegoni) – Vessilli e sospiri, cori e onde, gioia e memoria,. Si muove lo stadio giallo e blu in festa mentre passa il tempo che separa l’attesa dalla certezza. E il fischio finale la raggiunge. stadioSiamo in Lega Pro e “ e tanto già lo so che l’anno prossimo …”  anche il prossimo anno ci accompagnerà. Già mezz’ora prima dell’inizio della partita contro il Delta Rovigo, il parcheggio del Paganini era, insolitamente, quasi esaurito, volti insoliti con espressioni rilassate, da famiglia in gita, si incamminavano attraverso il Barilla Center, abbigliati inequivocabilmente da Tardini, per raggiungerlo. Ogni tanto qualche illogico pensiero assale la mente del tifoso che, sebbene certo delle virtù del proprio amore, si perde, sebbene per infinitesimi istanti, nel timore di una sconfitta. Quindi cerca un riferimento, un segno inconfutabile che il destino, da tempo scritto, non muti il suo corso o addirittura il suo finale. Così ci immaginiamo già Garibaldi vestito a festa adornato da drappi e bandiere gialloblu e crociate, la Piazza festante in attesa della corriera dei “ragazzi”. Finalmente dentro, lo stadio trabocca e canta. Sventolano quindicimila bandiere gialle con la croce blu e penso che se fossi sul prato a fare il riscaldamento sarei pieno di gioia da commuovermi, anche se fossi l’avversario. Mi preparo con gli occhi umidi per essere pronto al sentimento prevedibile e via, fischio d’inizio. Non vedo la partita, aspetto il goal. E magari lo fa Guazzo che proprio oggi ha un anno di più. Poco dopo il quindicesimo minuto, Musetti, sulla trequarti campo, riceve palla che gira a Guazzo che si infila nel varco tra i difensori indovinato dal compagno, corre pochi metri, accarezza la palla sotto quel tanto che basta per superare il portiere e farla entrare in porta. Guazzo impazzisce di gioia e d’orgoglio e, forse, di riconoscenza o d’affetto per un compagno (in sala stampa Guazzo stesso ha detto che era il magazziniere) che, con tutte le forze, corre ad abbracciare. Lo stadio acclama, si esalta, lo speaker urla al mondo: “ Matteo! “ E i tifosi rispondono:  “Guazzo! ” E ancora una, due, tre, tante volte. Guazzo, il giorno sognato è arrivato. Non è finita, la partita è appena cominciata.Va beh, intanto che cosa fa l’Alto non interessa più. Intervallo, mentre Baraye va a salutare gli “Scarrozzati”, Barilla saluta gente e Boni si intrattiene con Schianchi, i Primavera di Barone e i Giovanissimi 2003 fanno un giro di campo per celebrare la vittoria nei rispettivi campionati, tutti sorridono in attesa. Dopo un paio di traverse, imprecisioni sotto porta, parate del portiere, non affanno ma un poco di ansia da prestazione, ci pensa un difensore del Delta a creare l’occasione migliore per tornare in vantaggio. Melandri viene atterrato in area: rigore e Corapi non perdona. Ancora in Lega Pro. Già, il Delta Rovigo era riuscito a pareggiare con l’unico tiro prodotto nella partita, ma la fiducia rimaneva intatta. Fischia arbitro, fischia la fine, nel frattempo si informano, ripetutamente, quelli di la dall’Enza che siamo tornati con adeguati apostrofi delle circostanze. L’arbitro fischia al novantaquattresimo, partita finita. Braccia al cielo, Missione Compiuta. Pagina 254 di televideo abbandonata per sempre. La celebrazione non si contiene e addirittura contempla un’ invasione di curva, concertata e diretta dal Capitano che con alcuni bravi si concede al delirio della Nord. Direzione, Coro e Saltelli col Dido. Nevio Scala in campo saluta tutti, Apolloni sorride (!!!) anzi corre anche lui sotto la curva. La festa continua in corteo per raggiungere la Piazza dove Garibaldi è già pronto ad accogliere gli amici di sempre. Parma – Delta Rovigo 2-1 (promozione in Lega Pro conclamata). Luca Tegoni

Stadio Tardini

Stadio Tardini

3 pensieri riguardo “UN LUOGO INCERTO, di Luca Tegoni / VESSILLI E SOSPIRI, CORI E ONDE, GIOIA E MEMORIA

  • 18 Aprile 2016 in 00:20
    Permalink

    Non vedo l’ora di assistere a tanti derby il prossimo anno. Avendo sempre visto il Parma in A/B, non ho potuto assaporare un po’ di sano campanilismo.

  • 18 Aprile 2016 in 11:37
    Permalink

    cercasi amici anni 15 e anni 25 tifosi dell parma tornare serie b forza parma forza parma urgente aiutare disabile gianluca barazzoni viaggo ravenna euro 20,00 tifosi giovani venite numerosi !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    nel cuore parma

I commenti sono chiusi.