CARRA A PALLA IN TRIBUNA TV CHIUDE I CASI LAURIA E MELLI E SPIEGA LE NOVITA’ DELLA LEGA PRO video

CARRA A PALLA IN TRIBUNA TV CHIUDE I CASI LAURIA E MELLI E SPIEGA LE NOVITA’ DELLA LEGA PRO

I video di www.parmacalcio1913.com dal backstage di Tv Parma

1. GLI ESITI DELLA ASSEMBLEA DI LEGA PRO

“Oggi nell’assemblea di Lega Pro abbiamo cominciato ad assaggiare le decisioni per il campionato. E’ stata un’assemblea interlocutoria. II presidente di Lega Pro Gravina ha escluso la partecipazione delle squadre B. Si è esclusa anche la possibilità di gironi con divisione geografica verticale. In Lega Pro è stata confermata la volontà di un campionato a 60 squadre in tre gironi da 20 squadre. La Lega Pro, però, vuole riequilibrare i gironi rispetto al passato, senza stravolgerli”

2. LA NASCITA DI LEGA PRO CHANNEL

“E’ stato presentato Lega Pro Channel, un canale visibile in streaming, che trasmetterà tutte le partite delle squadre di Lega Pro, ma non andrà ad incidere su un eventuale accordo con Sky. La Lega Pro ci ha confermato che è in corso una trattativa con Sky”

3. IL CASO MELLI

“Mi dispiace quanto si è scatenato sulla vicenda di Sandro Melli. Già in Serie D eravamo una società molto strutturata. Ci siamo dati un obiettivo. Faremo tutte le scelte più opportune per cercare di raggiungerlo. Abbiamo letto di tutto. Ognuno può esprimere la propria opinione, ma la società di colpo sembra diventata falsa e incompetente. Ho letto dei messaggi anche contro Melli, ma Sandro è una vittima del vecchio Parma Fc, non un complice.
La società deve fare scelte, a volte dolorose. Sono giudizi non umani, ma tecnici. Dal punto di vista umano, ad esempio, io avrei riconfermato tutti i giocatori di questa stagione”

4. ASPETTATA FINE STAGIONE PER PARLARE CON TUTTI I GIOCATORI

“Appena finito il campionato, i ragazzi stavano per essere liberati. Era il momento di cominciare a parlare con tutti

5. IL CASO LAURIA

“Lo ha scritto oggi anche lo stesso Lauria: oggi noi siamo vincolati a non poter tesserare in Lega Pro più di 16 Over, cioè nati dal 1994 in giù. Noi confermeremo molti dell’anno scorso, ma anche fare degli innesti. Il numero di 16 è piuttosto penalizzante, perché di solito chi vince fa giocare degli Over, e quindi si tratta di prendere dei giocatori che facciano fare il salto di qualità, Se gli Over dovessero diventare 18 lui, sicuramente, ne farà parte”

6. “PUNTEREMO A VALORIZZARE I NOSTRI GIOVANI E NON QUELLI DEGLI ALTRI”

“Tendenzialmente il nostro obiettivo è lavorare sui nostri giovani, non sui ragazzi provenienti dalle formazioni Primavera di club di Serie A”

7. LA CAMPAGNA ABBONAMENTI E IL RESTYLING DEL TARDINI

“Stiamo definendo la campagna abbonamenti. Abbiamo un limite grosso, la Tessera del Tifoso. Inizierà così verso il 10-15 luglio. Per gli abbonamenti non abbiamo intenzione di stravolgere i prezzi rispetto allo scorso anno. Cercheremo di instaurare agevolazioni per gli abbonati di quest’anno.
Sul Tardini stiamo cercando di rinnovare la concessione: lo stadio non è nostro”

8. AGEVOLAZIONI PER LA CURVA, MA NON A 25 EURO

“La Curva Nord, l’anno scorso, era stato un caso eccezionale: quest’anno stiamo cercando di valutare qual è la media verso il basso della Lega Pro, magari con qualche agevolazione per gli abbonati. L’anno scorso eravamo stati criticati per il 25 euro perché era troppo basso,  vorremo evitare quest’anno delle critiche perché è troppo alto…”

9. MARQUES NON E’ TRA I NOSTRI OBIETTIVI

“Forse sarebbe meglio sentire Minotti e Galassi che si occupano di mercato, ma vista la precedente esperienza escludo che Marques possa essere tra i nostri obiettivi”

10. IL RITIRO SARA’ A COLLECCHIO

“In accordo con mister Apolloni, il ritiro sarà ancora al Centro di Collecchio. Il ritiro inizierà verso la metà di luglio”

Stadio Tardini

Stadio Tardini

18 pensieri riguardo “CARRA A PALLA IN TRIBUNA TV CHIUDE I CASI LAURIA E MELLI E SPIEGA LE NOVITA’ DELLA LEGA PRO video

  • 31 Maggio 2016 in 08:22
    Permalink

    Ho letto lo sfogo di Melli. Capisco l’amarezza per le promesse non mantenute, però a chi non è mai capitata una cosa del genere? Si è comportato un po’ da prima donna.

  • 31 Maggio 2016 in 09:09
    Permalink

    Ho la forte impressione che l’idea dei gironi verticali vada a braccetto con la versione PAY dei LegaPro CHANNEL….

    Avere tifosi allo stadio significa non averne davanti la TV…allora rendiamo difficili le trasferte…e vendiamo per esempio pacchetti TV per le trasferte a 20 €…

    Bentornati nel calcio che conta (i soldi).

    • 31 Maggio 2016 in 12:12
      Permalink

      A me più che i gironi verticali spaventa l’ipotesi dei sorteggi secondo fasce di merito in base alla classifica, non perchè siamo in ultima fascia, tanto anche se sei in prima fascia ti trovi sempre 4 o 5 squadre forti, ma perchè il sorteggio potrebbe creare assurdità del tipo che il Siracusa potrebbe finire con 16 squadre del nord e 3 del centro, ho scritto Siracusa ma può valere per il Parma o per chinuque uno scenario del genere se si divide solo per fasce di merito senza valutare la geografia.

      • 31 Maggio 2016 in 12:20
        Permalink

        La divisione verticale mi pare sia stata scongiurata, l’ipotesi delle fasce mi pare solo una ipotesi, appunto…

        • 31 Maggio 2016 in 15:09
          Permalink

          A quanto pare…per fortuna…

        • 1 Giugno 2016 in 08:15
          Permalink

          e’ da un po di mesi che lo sto monitorando il gravina,come al solito mentre voi eravate presi da bellaria e gubbio io guardavo avanti,questo genio rubato all’agricoltura alla fine fara’ i gironi in “diagonale” per non doversi smentire

    • 1 Giugno 2016 in 01:01
      Permalink

      I soldi delle TV mi pare che aiutino non poco il calcio. Non ce la farebbe il calcio coi soli introiti degli stadi, stante le varie situazioni. E faticano anche così mi pare.

  • 31 Maggio 2016 in 11:42
    Permalink

    Su Lauria io sono daccordo con la societa, a patto che venga sostituito da un under con la mentalità giusta e non da uno pseudo fenomeno (la lega pro è piena di giovani col “caratterino”) ma cmq massima fiducia nei dirigenti e nel capitano che sapranno gestire lo spogliatoio.
    Pero penso anche che per tutti quelli non confermati ci voglia uno psicologo che li aiuti nel ritorno alla realtà di dilettanti dopo un anno da serie A 🙂

  • 31 Maggio 2016 in 14:03
    Permalink

    Ieri sera a Calcio&Calcio mi è piaciuto l’accalorato scambio d’idee, a inizio programma, fra l’avvocato Malvisti da una parte e Angella Ampollini dall’alta, a proposito di Melli. Resto dell’idea, al pari dell’avvocato Malvisti, che in questi giorni i media abbiano parlato troppo e a sproposito di Melli, molto meglio concentrarsi su temi come il calciomercato piuttosto che sull’utilità o meno di un team-manager per una squadra di serie C, di cui non vedo la necessità nemmeno in serie A. Di sicuro Melli avrebbe fatto meglio a starsene zitto anziché esprimersi con le parole che ha vergato su facebook.

    • 31 Maggio 2016 in 15:00
      Permalink

      Concordo su Melli, ma come si può mettere un giocatore a fare il dirigente, ah dimenticavo è la moda di oggi, occorre ben altri attributi per farlo, non basta una bandiera del tempo che fu, grazie Melli di quello che hai fatto ma adesso fai un passo indietro e zitto sempre, per quanto riguarda Calcio&Calcio una trasmissione inguardabile bruttissima peggiorata molto, sonnolente, senza verve, con il buon Ampollini nelle vesti di Boni, perdonatemi ma dell’ istrione non ci tira neanche dietro le scarpe, con nomi di calcio mercato buttati li senza sugo, per fortuna i dirigenti del Parma sono sicuramente di altro avviso…. e livello. Grazie.

      • 31 Maggio 2016 in 16:40
        Permalink

        NON sono d’accordo ke un ex giocatore NON può fare

        IL dirigente tutte cannelle così come ke è una moda

        Sarebbe come dire ke un ex giocatore NON può

        Allenare e questo fa ancora più spanciar dal ridere

        Prova mandare via Stravekkio e i suoi amici

        Vedrai ke in lega calcio qualcosa cambia eccome

        Proviamo mettere un ex calciatore ke capisce di

        Calcio tipo Rivera ma forse è troppo ingombrante

        • 1 Giugno 2016 in 09:24
          Permalink

          La premessa è corretta, ma la conclusione mi pare errata, a parte l’esempio che hai riportato che mi convince poco, in cinque anni di dirigenza Rivera il Milan portò i libri in tribunale e quando si diede alla politica lo misero sottosegretario alla difesa pur di non metterlo a far danni nello sport. Non è detto che uno che capisce di calcio debba essere automaticamente un buon dirigente.
          Credo che si debbano valutare le persone per le loro capacità non per il nome o per la carriera sportiva che hanno fatto.

          • 1 Giugno 2016 in 13:40
            Permalink

            Lunge dal sottoscritto di

            Valutare e giudicare le

            Persone NON ho le

            Competenze x carità

            Ma il calcio italiano è

            Diciamo messo male

            E le colpe di ki sono?

            Ecco allora è meglio

            Ke certi esseri noti

            Tornino nel loro covo

            Tipo ponte lambro

            Poi visto ke parli di

            Politicahahahah è

            Meglio x me NON

            Dire nulla anzi meno

            Anke perkè NON lo

            Meritano va mo là

  • 31 Maggio 2016 in 17:22
    Permalink

    CERTO CHE DI COSE PRIVE DI SENSO NE VENGONO SCRITTE VERO GIORGIO?
    A ME PARE CHE MIMOTTI E GALASSI SIANO DUE EX GIOCATORI CHE FANNO I DIRIGENTI, MA DA UNO A CUI PIACE BONI NON MI ASPETTO NIENTE DI BUONO

  • 31 Maggio 2016 in 18:10
    Permalink

    A calcio & calcio senza Boni, viene fa dormire, la trasmissione invece di chiamarsi Calcio & Calcio dovrebbe chiamarsi BAR SPORT 2

  • 31 Maggio 2016 in 20:26
    Permalink

    Ragazzi Melli sarà stato un grande giocatore ma in un calcio biologico dove non si buttano via i soldi non si possono creare figure nuove in una società come il team manager o altre corbellerie per fare accasare vecchie bandiere del Parma.
    Per vincere non bisogna guardare in faccia a nessuno, bisogna essere cinici e tagliare i rami secchi e attualmente Melli nella società sarebbe un ramo secco.
    Bisogna guardare lontano, oltre l’orizzonte, se una società è ambiziosa.
    Se consideriamo il nostro orizzonte solo il cortile di casa nostra non si fa poca, ma pochissima strada

  • 1 Giugno 2016 in 23:33
    Permalink

    importante sarebbe avere i derby nello stesso girone e giocare la domenica visti che i diritti via streaming saranno risibili..tanti al sabato lavorano o hanno impegni famigliari con i figli impegnati in varie attivita^ sportive..

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI