SQUADRA FEMMINILE / GIOVEDI AL MAPEI STADIUM LA FINALE DI CHAMPIONS LEAGUE FEMMINILE, E CI SAREMO ANCHE NOI SUGLI SPALTI. E INTANTO ABBIAMO COLORATO DI GIALLOBLU IL CINEMA CRISTALLO DI REGGIO EMILIA…

(Cristina Romanini) – E con un 2 a 2 a tempo scaduto finisce anche la stagione dei ragazzi e la mia personalissima di tifosa, perché sicuramente non andrò a vedere la semifinale e la finale della Poule Scudetto, ora che i crociati sono quasi in vacanza. E se noi abbiamo chiuso già da un paio di settimane l’annata (con la sconfitta in Coppa Emilia), cosi non si può dire per il calcio femminile europeo, che vedrà disputarsi a soli 30 km da noi (stadio di Reggio Emilia), la finale di Champions League. Al Mapei stadium si sfideranno la tedesca Wolsfburg contro la francese Olympique Lyonnais e tutto il Parma calcio assisterà a questo evento così importante. A differenza del calcio maschile, dove tra Parma e Reggiana non  c’è mai stata storia, così non si può dire tra le ragazze, con la formazione granata per anni al vertice e comunque punto di riferimento per tutto il movimento. Da qualche settimana il comune uefa-women-champions-696x391d’Oltrenza è il fulcro delle iniziative corollarie alla Finale, tra tornei e manifestazioni ludiche e domani pomeriggio presso il Comune ci sarà la proiezione di un documentario sulla storia della Reggiana femminile. Il filmato mostrerà almeno trent’anni di calcio femminile, dagli inizi (primi anni 80) sino ai giorni nostri e se da tifosa appena si passa l’Enza sento aria di derby, da giocatrice non posso che riconoscere alle cugine Reggiane quanto abbiano fatto per il mio sport in questi quasi quarant’anni. Anche il Parma calcio femminile,  seppur praticamente agli inizi, sarà presente all’interno del filmato, grazie a diverse giocatrici che nel passato più o barbara mainardimeno recente, hanno militato tra le file granata; e grazie all’impegno di Gabriele Majo coloriamo di gialloblù anche il cinema Cristallo, nella sala, infatti, sarà proiettato per tutta la settimana, prima dei film in calendario il cortometraggio che la Ringo ha girato con noi calciatrici del Parma protagoniste. Finita la Champions un ultimo impegno attende cinque di noi: Paola, Nicol, Stella, Greta e Johara partiranno per Catanzaro, sede del Torneo delle Regioni, dove con la casacca dell’Emilia Romagna under 23 sfideranno le altre regioni presenti per vincere il titolo nazionale. Cristina Romanini

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

PURA PASSIONE, DA IERI IL CORTO RINGO IN PROGRAMMAZIONE AL CINEMA CRISTALLO DI REGGIO EMILIA, NELLA SETTIMANA CHE PRECEDE LA FINALE DI CHAMPIONS LEAGUE FEMMINILE

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

20 pensieri riguardo “SQUADRA FEMMINILE / GIOVEDI AL MAPEI STADIUM LA FINALE DI CHAMPIONS LEAGUE FEMMINILE, E CI SAREMO ANCHE NOI SUGLI SPALTI. E INTANTO ABBIAMO COLORATO DI GIALLOBLU IL CINEMA CRISTALLO DI REGGIO EMILIA…

  • 23 Maggio 2016 in 21:24
    Permalink

    Lo so che nn c entra con l ‘ articolo ma gila è davvero cosi vicino ??? Un suo collega si è sbilanciato parecchio parlando di Accordo tra le parti !!!!!

    • 23 Maggio 2016 in 21:45
      Permalink

      Un mio collega? Beh…
      Cmq non c’è niente di vero e mi pare siano piovute smentite

    • 23 Maggio 2016 in 22:14
      Permalink

      Alessio te lo dico io una volta per tutte.
      Giardino sarebbe venuto solo se il Palermo fosse retrocesso.
      Le probabilità che Gilardino venga da noi sono una su mille miliardi quindi smettiamola con sta fola.
      Abbiate fiducia nella società, stare in Lega Pro è per una società un suicidio sportivo quindi abbiate fede, questo lo sanno anche o proprietari del Parma
      Arriverà senz’altro qualcuno che ha il vixio di buttarla dentro.
      Questo è poco ma sicuro

      • 24 Maggio 2016 in 07:41
        Permalink

        Io preferisco altri a Gilardino. Se poi venisse veramente non mi lamenterei di certo.

  • 24 Maggio 2016 in 08:48
    Permalink

    Mi spiace che Morosky sia stato offeso da gatto molle. Morosky è persona integerrima di grande spessore.Io ne sono estasiato.
    I suoi articoli non sono mai banali, su questo sito è un eccellenza altro che stolker come sfarfugliava gatto molle.
    Di offese su questo sito non ne vogliamo più per tanto tempo abbiamo dovito subire insulti, ora basta
    Sta a vedere che gatto molle sotto mentite spoglie è VELENOSO.
    Il modo di scrivere di gatto molle a me non lascia dubbi.

    • 24 Maggio 2016 in 09:02
      Permalink

      Velenoso, non prendiamo per i fondelli i lettori. Passi che abbia voluto cambiare identità, ma lasci lì di insinuare che altri siano lei.

      • 24 Maggio 2016 in 10:35
        Permalink

        Che tenerezza…pensava che nessuno si fosse accorto del suo cambio di identità. A parte il fatto che solo io, almeno un paio di volte, l’avevo scritto, poi i contenuti dei post, che siano scritti da Velenoso o Mario o il prete ecc. sono sempre i soliti concetti. Pensa che i lettori di questo sito siano tutti fessi?

      • 24 Maggio 2016 in 10:41
        Permalink

        Sei ridicolo velenoso

  • 24 Maggio 2016 in 11:19
    Permalink

    Tranquillo Gmajo, in linea di massima riesco ad interpretare le prese x il culo così come le critiche x partito preso …
    ..
    a volte reagisco brusco a volte me ne frego …
    ..
    io sono uno come tanti ..un lettore, commentatore, appassionato, non tifoso ma sicuramente ho il pelo giusto per affermare i miei concetti anche se vanno verso altra direzione ..rispetto al carro dei molti..

    ..mi batto solo sul fatto che tu, Direttore, come tutti coloro che osano esporre le proprie idee e/o scrivere articoli, esponi chiaramente nome e cognome, immagine in quanto giornalista e nel contempo Direttore Responsabile del sito, così come lo fa il sottoscritto e tanti altri che scrivono …
    cito i primi che mi vengono in mente..

    Cristina Romanini, Ilaria Mazzoni, Luca Savarese, Luca Tegoni …
    il non + presente Luca Russo – il columnist, del quale sento la mancanza in quanto penna fluente, arguta, che analizza con razionalità ed intelletto le problematiche che va a sviscerare…
    ..
    ognuno ha il proprio stile, le proprie idee e, proprio x questo,
    scrivendo articoli o commenti NON ANONIMAMENTE, ci si mette la faccia…ci si espone…e spesso ci si crea delle antipatie …

    ma alla fin fine, lo sai cosa me ne frega se il giocatore ALFA viene confermato o meno ?
    .. niente + di tanto…
    ..
    se io ora scrivessi che mi piacerebbe che venisse confermato Guazzo ( anche perchè non è quel balordo che in molti pensano )
    mi troverei subissato di commenti negativi..ma cosa vuoi che mi importi ?
    Siamo / sono tutti allenatori e conoscitori di calcio, dalla serie A, ovviamente, fino alla serie D girone D: lo so benissimo che non tutti potranno essere confermati e, per certi versi, dispiacerà pure ai dirigenti ed al mister, salutare qualcuno che ha fatto questo percorso dilettantistico…ma fa parte della vita..del lavoro..
    .. trattasi di rapporti umani prima che di evento solo sportivo…
    un gruppo si forma giorno per giorno, in ritiro, negli spogliatoi, in allenamento, tutti i giorni..e la forza sta nella testa, nella sana concorrenza al posto, non nell’avere in squadra delle teste di fiammifero o dei rompi noccioline …
    ..
    lo vediamo anche nella serie maggiore…
    dove ci sono delle teste vuote succedono i casini…società spogliatoio ..campo…
    ..
    mentre invece in certe società non vola una mosca, muti e pedalare altrimenti fuori rosa e fuori dalle scatole al primo mercatino dell ‘usato…
    ..
    ecco ..credo che questo sia successo, di buono, quest anno al Parma …
    27 giocatori iniziali e nessuno ha mai aperto la bocca nè creato problemi …a dicembre qualcuno ha chiesto la cessione, per giocare titolare altrove…ed è stato accontentato…giustamewnte..
    ..
    i rimanenti hanno accettato di andare in tribuna, stare in panchina, allenarsi e, ovviamente, di giocare…
    poi si può vincere o perdere…
    ma la radice sana darà sempre una pianta rigogliosa, verde e forte..

    amen

    p.s. qualcuno si è chiesto come mai il Mister faceva partire dalla panchina Mazzocchi e gli preferiva un altro under di partenza ?
    Qualcuno ha notato che il suddetto, le due tre volte che è partito titolare non ha mai fatto quelli sfracelli sulla fascia così come quando sale a partita in corso..nel secondo tempo..??
    me lo sapete spiegare ..visto che nemmeno io lo so ??
    ..ah ah ah ah
    ..fare l’allenatore non è così semplice ..credetemi…
    il calciatore pensa singolarmente….l ‘allenatore deve, necessariamente, pensare x il gruppo, squadra, società…
    in tutto e x tutto…

    la messa è finita ..andate in pace…scambiatevi pure il gagliardetto della felicità..

    morosky

    • 24 Maggio 2016 in 11:23
      Permalink

      Mi scuso con Velenoso perché il commento in “privato” mi è sfuggito in pubblico, accidentalmente. Ne approfitto per dirgli che se vuole lo spazio è a disposizione come Velenoso, e non con i suoi molteplici alias, nel rispetto degli altri utenti cui chiedo di fare lo stesso, cioè una unica identità, sia pure virtuale. Io, poi, come Morosky preferirei che uno mettesse la propria vera identità: se uno ci tiene a quello che dice non dovrebbe avere il bisogno di nascondersi. Comunque conosciamo tutti come va sul web. Ma se Velenoso, che asserisce di avermi parlato (ma io non sapevo fosse lui, non essendosi mai presentato) vuol venire qui a mettere il suo nome e cognome penso sarà apprezzato da tutti quanti. O perlomeno non ci prenda per il culo inventandosi fantomatiche identità che tanto lo squattano tutti subito in un nano secondo.
      Cordialmente
      Gmajo

      • 24 Maggio 2016 in 14:47
        Permalink

        Velenoso non è anonimo, aveva la mail qui esposta che porta alla sua vera identità in 5 minuti di ricerca sul web se si è un tantino svegli, diciamo che lei Majo rispetta il desiderio di velenoso di non scrivere in chiaro nome e cognome, non ci voglio nemmeno pernsare che lei non abbia capito chi è. Io qui la mia identità non la scrivo perché sono stato minacciato di querela da una persona riconducibile da chinque alla società perché avevo messo sulla pagina fb del Parma le foto dei sedili spezzati con punte taglienti in curva nord. La minaccia di querela in Italia è sfruttata come deterrente anche da chi è nel torto poiché comporta spese e impegno per molti anni nel nostro paese, ovviamente qui c’è un filtro e se io scrivo una cosa da querela è comunque la persona che approva i commenti (Majo) che di fatto pubblica a livello legale (qualsiasi disclaimer che uno può mettere che dice il contrario non può prevaricare la legge), così viviamo in un’epoca dove quello che conta è il contenuto, che piaccia o no, poi non si preoccupi che se si fa un reato a meno che si utilizzi con cognizione di causa TOR o cose del genere si arriva sempre al responsabile, io dico che andare in giro per l’ospedale a cercare Longobardi come ha fatto il minacciante Moroni (l’ha detto lui relativamente al primo intervento) è da stalker, se Majo approva il commento ha la responsabilità legale di quel gesto, chiedete a Sallusti. Quello che conta sono i contenuti e se non si vogliono contenuti e si minaccia piuttosto che argomentare fate pure, ora io pubblico una mail collegata al mio nome, se Moroni o altri vogliono minacciarmi di querela o come ha scritto in passato qualcun altro “mi piacerebbe sapere dove sta di casa” può contattarmi.

        • 24 Maggio 2016 in 15:55
          Permalink

          L’istituto della querela, alle nostre latitudini, era in voga col precedente regime: l’attuale gestione, viceversa, mi pare molto libertaria, giacché esistono dei fenomeni (da baraccone) che favoleggiano le cose più strampalate infarcite di falsità, offese, etc. etc. Dubito, egregio, che qualcuno riconducibile all’attuale gestione, possa averla minacciata di querela solo perché a suo dire aveva messo sulla pagina fb del Parma le foto dei sedili spezzati con punte taglienti in curva nord.
          Tuttavia questa ragione non dovrebbe essere ostativa alla volontà della sua diffusione del suo nome e cognome: evidentemente, però, lei preferisce essere riconosciuto come Gatto Molle (realtà virtuale) e non con la sua identità reale. Io preferisco sempre metterci la faccia, morosky fa altrettanto, altri si divertono differentemente. L’importante è non trascendere, ma non tanto per le possibili querele – tutti i giorni me ne fate rischiare, anche perché come moderatore sono troppo democratico – quanto per decoro e buon gusto.
          Ho già chiarito che Morosky non credo abbia il killer istinct per mettere le mani addosso a lei o a chicchesia: solo gli piacerebbe, magari dinnanzi a un buon calice di vino, chiarirsi guardando in faccia, cosa che spesso, in passato, io stesso avevo sollecitato a certi miei detrattori, peraltro sovente invano…
          Infine: non conosco Velenoso, non ho mai fatto ricerche su di lui, sulla sua email, o altro: non passo il mio tempo (che è poco, e sempre di meno ne posso dedicare al sito, cosa che mi porta a fare alle volte delle moderazioni poco attente) in ricerche investigative di questo tipo, salvo qualche volta con i fake seriali. Lui dice di conoscermi e di avermi parlato: con me non si è mai identificato, per cui resta una identità a me non nota. Se poi si vorrà presentare, tanto piacere. Un po’ l’ho fatto giocare con le sue molteplici personalità, ma d’ora in poi (salvo non mi freghi, giocando appunto, sulla mia disattenzione dovuta allo scarso tempo disponibile) pubblicherò solo suoi scritti come Velenoso.
          Per il resto dare dello stalker a Morosky perché va da Longobardi in ospedale non credo sia una offesa e potrebbe lui stesso passarci su, visto che l’ironia andrebbe apprezzata.
          Saluti
          Gmajo
          T

  • 24 Maggio 2016 in 12:23
    Permalink

    Quanto ce di vero su gilardino majo?

  • 24 Maggio 2016 in 13:05
    Permalink

    Giornalisti di sky mi hanno confermato che la voce in giro ce cmq la dirigenza e il giocatore nn hanno smentito e il dirigente del Palermo nn ha smentito ha detto che nn ci crede che è diverso !!! Ovviamente questo nn vuol dire che sia fatta o altro però qualcosa in pentola bolle !!! Poi se arriva cacia nn è che sputo anzi …. pero le sviolinate mi fanno impazzire !!!

    • 24 Maggio 2016 in 13:13
      Permalink

      Che i giornalisti di Sky da lei citati confermino che in giro c’è la voce, mi perdoni, non significa una benedetta mazza, perché che ci sia la voce non c’è bisogno che ce lo dicano loro. Ma con le voci non si va da nessuna parte. Forse con i fatti. E quelli non ci sono.

  • 24 Maggio 2016 in 17:00
    Permalink

    Ciao Gatto Molle …rilassati..

    per me la roba è già chiusa e sepolta..
    non voglio stalkare nessuno, non voglio querelare nessuno e nè, tantomeno, usare maniere non adeguate a persone normali..diciamo civili vah..
    ..
    ribadisco il concetto..
    scrivo i miei articoli..
    non rompo le scatole a nessuno..
    non mi pare di avere mai attaccato nè offeso nessun articolista nè nessun lettore /commentatore quale sono pure io..
    anch’ io, oltre a leggere e scrivere qui sopra..ho altre cose da fare..
    come tutti noi..giusto ??
    ora vedi tu..
    ..
    si vede da come scrivi che non sei uno stupido ..quindi ..diamoci entrambi un taglio e lasciamo perdere le stoccate, stoccatine ..che non portano a nulla
    ..
    la mia disponibilità a chiudere la diatriba è già stata rilasciata pure in altri articoli, con serena distensione..
    in fondo credo che non sia successo nulla di esagerato..
    nè da una parte nè dall altra…
    a me hanno dato fastidio certe tue punzecchiature e ho scritto in proposito..
    senza peli sulla lingua…
    entrambi abbiamo alimentato la polemica..
    ora direi di dire basta …in modo soft e tranquillo
    ciao
    mauro moroni

  • 24 Maggio 2016 in 17:12
    Permalink

    ps..
    nel mio tempo libero … posso andare dove mi pare…e fare ciò che mi piace…( nei limiti della legalità )
    ..
    al cimitero ad agganciare vedove piangenti
    in reparto a trovare persone conosciute e appena operate…
    in pizzeria..
    a farmi una vasca in via Sidoli..
    Esselunga ..
    discount per vedere i prodotti migliori..
    ..
    secondo me ..tuute queste robe di stalking, di querele, di facebook e quant altro …
    sono fuori dal mondo ..dal mio mondo
    se io mi faccio i …fatti miei ..nessuno mi verrà mai a rompere il ca…
    se qualcuno, al contrario, me lo rompe…devo pur avere il diritto di replicare o no ??
    ..
    non siamo nel Far West ma nemmeno che un nick qualsiasi mi prenda per il culo non mi sta bene …
    visto che con nessun lettore di StadioTardini ( a parte il Gallo )
    ho mai mangiato nè bevuto insieme…
    ..
    per i calici pensaci tu..
    io mi accontento pure di una buona malvasia
    Ariola va benissimo …
    ..
    su dai…movet con cla bottiglia li..
    e facci una risata sopra …porco cane !!!!!

    mauro

    • 25 Maggio 2016 in 11:34
      Permalink

      nel tuo tempo libero ti sei dimenticato di metterci “vado a vedere il parma” , sara’ perché effettivamente non trattasi di tempo libero MA perché ce tocca er supplizio 🙂

  • 25 Maggio 2016 in 12:45
    Permalink

    si ad ghè ragion …
    nel tempo in cui appositamente mi libero per le mie passioni vado pure a vedere il Parma : non sono mai stato così tanto assiduo, in casa come spesso in trasferta, così come a parecchi allenamenti a Collecchio..
    mai come quest ‘anno nemmeno in serie A
    mai avevo parlato con un giocatore
    mai avevo smaniato tanto x le sorti della squadra
    e mai avevo osannato questo o quel campione calcistico..
    tantomeno allenatori, presidenti o addetti ai lavori..
    mai avevo nè chiesto nè cercato una maglietta da un atleta..

    ( mi pregio avere avuto un paio di mesi fa la numero dieci 10 di Cris Miglietta che, dopo esser stata tenuta gelosamente a casa, ho regalato, in seguito, a Federico, uno dei ragazzi della Tribuna Est…)
    ..
    ebbene, l’anno scorso, è come se ,nell ambito della passione stratosferica x questo sport, avessi avuto una folgorazione, un attaccamento tale da seguire con assiduità amichevoli, allenamenti, dichiarazioni, pareri, dati tecnici, statistici e precedenti dei giocatori in rosa..
    ..
    tutto questo da appassionato, tutto questo in modo libero, naturale, senza nessun condizionamento dettato da una professione

    ( ad esempio certi giornalisti, e non faccio nomi ma neppure cognomi, sono solerti a salire sui carri dei presidenti, delle società ecc ecc ecc …così come diventano solenni inquisitori stigmatizzanti non appena succedono le malefatte viste di recente )
    ..
    ogni riferimento è puramente voluto…tratto da cose scritte e sottoscritte che ho letto ..che è passato sotto la visuale di tutti coloro che buttano l’occhio non solo sui social…

    detto questo ognuno impiega il proprio tempo come gli pare e piace…
    .. un altra cosa che mi andrebbe di approfondire e tale da non essere sottaciuta o mitigata è questa:

    dare a posteriori ( parliamo da maggio 2015 in avanti ) le colpe del disastro economico / sociale / sportivo ai soli due grandi interessati , presidente e direttore generale, mi sembra molto riduttivo e poco corretto..
    sono d’accordo che i maggiori fautori, “forse responsabili ” del crack, possano essere loro ( previo accertamento e fine indagini ..8 giugno mi pare ) ma, attenzione signori, si cerchi di guardare oltre ..
    ..
    in società, all’interno della medesima, e pure molto vicino, nel senso di soggetti quali revisori, amministratori, sindaci, controllori di bilanci ecc ecc ecc ecc ecc
    oltre agli altri ALTI dirigenti della ex vecchia società, gente che sapeva, che avrebbe dovuto sapere, che non poteva non sapere e non vedere,

    voi non pensate che costoro, tutti o in parte ( e saranno le indagini effettuate a dirlo ) non fossero coinvolti in qualcosa di poco pulito ??
    ..
    in qualsiasi azienda il Direttore Amministrativo e Finanziario conosce le cose, in qualsiasi azienda anche il semplice contabile cassa e banca
    vede passare documenti, assegni, bonifici, numeri, nomi, conti….di qualsiasi entità e genere …
    in qualsiasi azienda se si sente aria di bruciato, se i fornitori non percepiscono i pagamenti, se i contributi, le scadenze o similari vengono pagati solo all’ultimo giorno utile prima di andare in mora o in penalizzazioni amministrative, fiscali o penali , ..in qualsiasi azienda ci sono le antenne dritte..
    ..
    giustamente, i collaboratori comuni , impiegati, operai, ecc ecc …
    nulla potevano fare + di tanto ma, gli altri, secondo me ..gli altri …

    che dire invece di coloro che approvavano i bilanci taroccati ?
    questo è quanto ho letto sui giornali, io personalmente non l’ho appurato
    ma, che dire di costoro ?
    praticamente carta straccia da esibire nei luoghi deputati per certificare, artatamente, che i conti erano sani, in regola, le norme erano rispettate, i pagamenti e le garanzie erano ottemperati col massimo rigore e puntualità…
    ..
    sul quotidiano locale di qualche mese fa, su due pagine belle piene, sono apparsi i nomi ed i cognomi di tutte le persone oggetto di indagini e controlli in via di presunzione “forse coinvolte” nel crack, nel fallimento e nella mala dolosa e dolorosa gestione del fu defunto Parma Calcio: oltre ai due co – “forse” responsabili noti..c erano minimo altri 14/15 nomi con rispettivi cognomi….
    andateli a leggere e meditate….
    tanti ” presunti colpevoli da accertare” sono oggi seduti molto + vicino a noi rispetto a quel qualcuno in provincia di brescia e quell’altro in provincia di latina o roma o giu di li… ( certe iniziali in minuscolo sono frutto di volontà moroskyana )
    ..
    io non conosco con certezza le carte, i reati commessi nè i giochi sporchi e truffaldini:
    io so che c’è stato un fallimento ( che non è iniziato nel 2014 per chiudersi nel 2015 ma molto molto BEN prima )
    e che questo fallimento ha portato a un crack di oltre 200. …?? ..300 …??? milioni di euro….???? noccioline al giorno d’oggi…
    ..
    ora chi sa qualcosa + di me…parli pure ..
    vi piace questa tabella sui confermati in rosa ??
    o volete che vi parli di Benassi , Cacioli o Guazzo ??

    mauro moroni morosky

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI