CALCIO & CALCIO / DORIANO TOSI TRANQUILLIZZA: “I GIOCATORI FINORA PRESI DAL VENEZIA NON FANNO LA DIFFERENZA E NON SONO DA ALTI LIVELLI”. IL COMMERCIALISTA PEDRETTI E IL RITORNO DEL MARCHIO

Immagine019(Evaristo Cipriani) – NESSUNA FRETTA – “Il Parma non deve avere fretta, il mercato di Lega Pro è un mercato sterminato in cui ogni giorno ai dirigenti di una squadra importante come il Parma vengono proposto giocatori su giocatori, ci vuole calma e capacità di scegliere quelli bravi e utili al progetto. Il Venezia dal punto di vista mediatico sta cercando di impressionare, ma vi assicuro che i giocatori che preso finora non fanno la differenza e non sono da alti livelli. Lo ha dichiarato il Immagine011direttore sportivo del Lentigione Doriano Tosi (ex Parma, Samp, Torino, Modena, Padova) ospite ieri sera a Calcio & Calcio su 12 Teleducato nell’ultima puntata stagionale prima della pausa estiva (il conduttore Michele Angella ci ha, però, informati che da lunedì prossimo, 4 luglio, alle ore 20 e in replica alle ore 23 nel palinsesto dell’emittente ci sarà un nuovo spazio, della durata di 30 minuti, dedicato al Parma: Tg Speciale Calciomercato). Con l’esperto dirigente e con gli opinionisti fissi Nicolò Fabris e Luca Ampollini, c’era anche il noto commercialista Marco Pedretti.

Immagine009TOSI SU MESSINA E RICCI – Parlando di mercato e dell’organico per la prossima stagione Tosi ha espresso dubbi sugli esterni di difesa Messina e Ricci: “Di giocatori così in Lega Pro ce ne sono tanti, non so se siano all’altezza di un campionato di vertice, infatti, credo che per questi ruoli il Parma si stia guardando intorno”.

BENTIVOGLIO O … NON TI VOGLIO? – Molto spazio è stato dedicato nel corso del dibattito al nome di Simone Bentivoglio, 31enne centrocampista Immagine006del Modena e che secondo “radiomercato” sarebbe molto vicino al Parma. Ampollini, che in una delle puntate precedenti lo aveva indicato come ottimo affare, ha ribadito il valore del giocatore, che avrebbe le caratteristiche per guidare il centrocampo crociato ai vertici della Lega Pro. Più dubbioso il diesse Tosi: Bentivoglio in un centrocampo a tre è adatto a fare la mezzala: non so come possa rendere da Immagine004regista o da trequartista”. Angella ha, invece, posto una questione di natura etica: Bentivoglio è stato coinvolto nel calcio scommesse quando era a Bari e ha subito una squalifica di 13 mesi, ha pagato, però credo che una società che sventola la bandiera del calcio biologico, della correttezza e della lealtà, non possa andare a ingaggiare chi ha alterato delle partite, perché allora se così accadrà sarebbe meglio evitare di tirare in ballo tutte le volte i valori del calcio biologico”. Tosi: “Posso anche essere d’accordo, certo che il numero di chi è stato coinvolto in queste vicende è talmente alto che si fa un po’ fatica ad orientarsi”.

Immagine007AMPOLLINI PROPONE CANINI E CECCARELLI – Nella consueta carrellata di nomi proposti da Luca Ampollini figuravano ieri sera i difensori centrali Canini (31enne dell’Ascoli) e Ceccarelli (33enne dell’Entella), oltre all’attaccante Sandomenico dell’Aquila, “stroncato”, però, da Tosi: “Non vale Melandri”.

QUALE MARCHIO? – Il commercialista Marco Pedretti ha parlato del marchio Immagine012rispondendo alla domanda del conduttore Michele Angella che gli aveva chiesto lumi sulla possibilità che il Parma possa recuperare per la nuova stagione il marchio storico gialloblucrociato. “Intanto bisogna specificare che ci sono due marchi, uno è quello del Parma AC e l’altro è quello del Parma FC. E’ il Parma Calcio 1913 che deve attivarsi e rivolgere un’offerta, i tempi tecnici per entrarne in possesso prima dell’inizio del nuovo campionato ci sono”. Il marchio del Parma F.C., il simbolo dello scudetto suddiviso tra croce bianconera e strisce gialloblù, è stato registrato nel gennaio 2008, per una durata di 10 anni. Il marchio Immagine020era stato oggetto di due valutazioni: una prima nel 2007 nell’ambito di una cessione dello stesso, unitamente ad altri marchi all’epoca utilizzati, da Parma A.C. di Tanzi in Amministrazione Straordinaria a Parma FC per un valore dell’intero portafoglio marchi pari a euro 11,8 milioni; una seconda nel 2010, a supporto del trasferimento del brand da Parma FC alla società Parma FC Brand Srl, che valorizzava l’insieme dei brand in 28,5 milioni, poi aggiornata nel 2012 a 31,0 milioni. Evaristo Cipriani (Immagini a cura di Alex Bocelli)

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 56 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

33 pensieri riguardo “CALCIO & CALCIO / DORIANO TOSI TRANQUILLIZZA: “I GIOCATORI FINORA PRESI DAL VENEZIA NON FANNO LA DIFFERENZA E NON SONO DA ALTI LIVELLI”. IL COMMERCIALISTA PEDRETTI E IL RITORNO DEL MARCHIO

  • 28 Giugno 2016 in 14:00
    Permalink

    Pedretti magna meno!A t’è gros mè un gozen.

  • 28 Giugno 2016 in 15:03
    Permalink

    ancora la questione del marchio…ma scusate perchè tutti volete ritornare ai vecchi marchi?
    a mio avviso è molto più bello il nuovo marchio e la storia che c’è dietro…è molto più bello il fatto che sia stato scelto da noi tifosi e il fatto che sia simbolo di rinascità di una squadra e di una città intera dopo le prese in giro degli ultimi anni….

    • 29 Giugno 2016 in 16:44
      Permalink

      mmm….
      a mio avviso, pur rispettando l’attuale marchio..
      quello storico, diviso in due, con a sinistra la croce e a destra le strisce gialloblu a livello visivo è irraggiungibile!

  • 28 Giugno 2016 in 16:09
    Permalink

    Bentivoglio non lo seguo da tanto ma in seria a faceva anche il trequartista. Non ho visto la trasmissione in diretta ma prima di fare il discorsetto sull’incompatibilità etica tra scommesse e il calcio biologico bisognerebbe perlomeno sapere e spiegare ai telespettaori quello che è stato il suo coinvoglimento e come si è arrivati alla squalifica (ad esempio non l’ha subita ma patteggiata), altrimenti si fa piu bella figura a tacere.
    Il marchio a mio parere non è talmente necessario da investire tanti soldi ma resto dell’idea che l’attuale sia bruttino, praticamente manca il gialloblu

  • 28 Giugno 2016 in 16:45
    Permalink

    No be tempo al tempo ma lo scudo crociato originale va rimesso sulla maglia. Invece il nome può benissimo rimanere Parma Calcio 1913

    • 28 Giugno 2016 in 16:56
      Permalink

      Peraltro non sarebbe lo scudo originale, ma quello in uso dal 1968…

  • 28 Giugno 2016 in 16:59
    Permalink

    Ho appena letto del caso Bentivoglio: ha patteggiato 13 mesi di squalifica e 50.000 euro di multa in luogo di 3 anni e 6 mesi che gli avevano inflitto…
    lui dice che non ha parlato perche avrebbe rischiato la vita ma ..a dire il vero ..

    non ho mai sentito nessun imputato di qualcosa ammettere che ha fatto, commesso
    tutti, dal primo all’ultimo negano sempre, tutto, pure di fronte alle evidenze …
    nessuno ha mai fatto nulla ..
    i fatti accadono da soli senza paternità, maternità nè parenti vicini …
    siamo in Italia…
    ..tutti innocenti fino a prova contraria …e su questo ci siamo ..
    ma che nessuno abbia mai fatto nulla mi sembra molto una palla ..
    ..
    a questo punto mi allaccio al fatto che i crociati sembra stiano trattando giocatori in forza al Latina : il fatto che ci sia Leonardi non deve inficiare sull’acquisto del giocatore, se interessa si prende, cosa cavolo c’entra il singolo calciatore se il Dirigente è Leonardi ex parma ..??
    se le regole hanno consentito il suo tesseraemnto come dirigente, fino a prova contraria lo può svolgere e quindi, un giocatore del Latina, se bravo, lo possiamo pure prendere …attenti solo a non farsi infinocchiare …almeno quello
    o no ..???

    • 28 Giugno 2016 in 17:09
      Permalink

      Che avevano richiesto, non inflitto…
      In questa materia bisogna essere precisi…

      • 28 Giugno 2016 in 18:07
        Permalink

        Gli stessi tre anni e sei mesi che avevano richiesto per Bonucci, ma a Bonucci la Juve aveva consigliato un avvocato migliore 🙂

    • 28 Giugno 2016 in 18:05
      Permalink

      Non è questione che ha fatto o non ha fatto, magari gli è pure andata bene, si tratta semplicemente di parlare di argomenti delicati con un minimo di competenza e riguardo. Se poi ha avuto modo di approfondire si sarà accorto che l’omessa denuncia l ha ammessa eccome.
      L’unico errore che ha fatto Scala è proprio quello di parlare di calcio biologico, non ce n’era bisogno e ha portato solo strumentalizzazioni, anche idiote.

      • 28 Giugno 2016 in 18:21
        Permalink

        Le strumentalizzazioni idiote non sono colpa di scala ma di chi strumentalizza, usando a spropoisito il suo slogan

  • 28 Giugno 2016 in 20:01
    Permalink

    Messina e Ricci dovrebbero essere solo di complemento/alternativa ai titolari. Poi il livornese è più adatto a un 3-5-2.

  • 28 Giugno 2016 in 21:39
    Permalink

    Direttore può essere che viene acquistato il marchio ma rimane il nome Parma calcio 1913?

    • 28 Giugno 2016 in 21:45
      Permalink

      Sì. La ragione sociale è e rimarrà Parma Calcio 1913. Molto più semplicemente “Parma Calcio”

      • 29 Giugno 2016 in 08:48
        Permalink

        Bene! Mi fa molto piacere, a me Parma Calcio 1913 piace molto!
        E poi gli altri nomi sono legati a fatti/epoche passate (nel bene e nel male), mentre questo è “il nome” della rinascita, nuova e pulita!
        Claudio

      • 29 Giugno 2016 in 15:26
        Permalink

        Possibile che l’anno prossimo giocheremo col marchio “classico “?

  • 29 Giugno 2016 in 08:38
    Permalink

    Si certo Gabriele….quando si citano argomenti è sempre preferibile parlare / scrivere con cognizione di causa, attenendosi ai fatti..
    sono pienamente d’accordo ..infatti

    Il 26 luglio 2012 viene deferito dal procuratore federale Stefano Palazzi per omessa denuncia[1] di Bari-Sampdoria e Bari-Lecce del 2011.[2]
    Il 3 agosto Palazzi richiede per lui una squalifica pari a 3 anni e 6 mesi.[3]
    Il 4 agosto patteggiando viene squalificato per 13 mesi e multato di 50 mila euro.[4]

    devo dare atto al Direttore Gmajo della correttezza del suo appunto.. chapeau..
    ..
    per la storia di Bonucci stendiamo un lenzuolone grande…
    Criscito è stato mandato a casa dal ritiro di Covercianoi e lui è rimasto…
    e mi pare che avessero lo stesso capo di imputazione ..o sbaglio ??

  • 29 Giugno 2016 in 09:34
    Permalink

    Io onestamente preferirei mantenere il nuovo scudo, oltre a trovarlo più moderno esteticamente, mi piace l’idea di avere un distacco netto dal parma contro cui tutti puntano ancora il dito (noi inclusi).

  • 29 Giugno 2016 in 12:25
    Permalink

    Visti i tempi dei vari Piazza (non il palermitano/americano ma il nostrano che calendarizza le aste a 12 mesi una dall’altra), curastar, vista la burocrazia simil brexit, l’affiliazione e la modulistica che frenano gli slanci lesemà lè con la storia del marchio par piaser. Non mandiamo il motore fuori giri.

    • 29 Giugno 2016 in 13:27
      Permalink

      In questo caso sono i curastars gli interlocutori non piazza

  • 29 Giugno 2016 in 14:03
    Permalink

    è vero..però se non supà è pan bagnè….
    cioè non mi sembra di avere dani alves da un lato e sereni dall’altro..

  • 30 Giugno 2016 in 11:37
    Permalink

    Direttore ci sono notizie su Schiavone? Alcune testate giornalistiche danno l’affare fatto perché il calciatore è libero da vincoli contrattuali, speriamo perché parliamo di un 93 con discreta esperienza in B e che potrebbe rappresentare un calciatore su cui puntare anche nel futuro.

      • 30 Giugno 2016 in 14:01
        Permalink

        Ma Schiavone come dice la gazza o Scavone come dice Fabris?

        • 30 Giugno 2016 in 14:10
          Permalink

          Ai posteri l’ardua sentenza… Certo che l’udito di un Under 30 dovrebbe esser migliore di quello di un over 50…

          • 30 Giugno 2016 in 14:19
            Permalink

            Ah quindi la regola degli under vale anche per i giornalisti? 😀

        • 30 Giugno 2016 in 15:43
          Permalink

          Non è questione di udito 🙂 sono due calciatori diversi, entrambi accostati al parma

          • 30 Giugno 2016 in 15:47
            Permalink

            Uno circa un mese fa, l’altro più recentemente… E l’udito fa la differenza. In questo caso più dell’esperienza…

  • 30 Giugno 2016 in 14:55
    Permalink

    Piccola considerazione…

    Ma dopo i titoli tipo…

    “UFFICIALE: LIONE PRESO N’KOULOU “(sportmediaset 29/06)

    o

    “L’EX JUVENTINO MONTERO RIPARTE DALL’ARGENTINA: ALLENERA’ IL COLON” (goal.com 30/6)

    Direttore…cosa si inventerà eventualmente per annunciare EVACUO?

    • 30 Giugno 2016 in 15:11
      Permalink

      Già c’è chi ha riciclato un vecchissimo “si stringe per evacuo”…

      Sicché, personalmente, eviterò di arricchire il bestiario… Almeno ufficialmente…

      • 30 Giugno 2016 in 15:58
        Permalink

        Beh credo sarebbe quasi una banalità ormai, scherzi a parte, speriamo di poterci divertire guardandoli sul campo questi ragazzi 😉

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI