Parmaland 1913 di Mauro “Morosky” Moroni / BORSINO, MERCATINO, EUROPEINO

parmaland

(Mauro Morosky Moroni) – Dopo aver visto Croazia-Spagna 2-1, partita in cui si sono visti tratti di gioco (seppur diversi), entusiasmanti per tecnica, proprietà di palleggio, velocissime azioni verticali, ficcanti ed incisive, l’altra sera, al cospetto dell’ Italia2, checché ne dica Antonio “Gonde”, pareva di essere in un altro mondo calcistico, privo di idee, di calcio giocato, di tecnica, di manovre che, gli altri, giocano a memoria mentre i nostri, contrastati e pressati in modo aggressivo e continuo, non riescono nemmeno a pensare, oltre che ad imbastire. Ritengo che questo sia un grosso impoverimento tecnico, una totale emorragia di giocatori di classe e di spessore elevato: fin quando siamo in casa nostra, a livello di club, abbiamo un paio, 3 buone squadre ma, appena usciamo dagli italici confini, prendiamo scoppole da tutti.

Diciamo pure che, rispettivamente insieme a Francia e Germania, abbiamo vinto il girone di qualificazione, ma, nonostante abbia già affermato che ho fiducia nel proseguimento di questa squadra, come gioco, come uomini, come “non presenza” di campioni importanti siamo proprio messi maluccio: è ora inutile fare retorica e dietrologia parlando di mancanza di vivai, di esubero di tesserati stranieri a partire fin dai settori giovanili e di problematiche complesse di politica dello sport: il problema è che mancano i campioni, i giocatori importanti, carismatici e decisivi; la generazione dei Totti, Del Piero, Baggio, Nesta, Cannavaro, Inzaghi, tanto per citare i più importanti, non c’è più, mancano i validi ricambi sia a centrocampo che in attacco: probabilmente è un fattore generazionale, fatto di cicli più o meno prolifici.

Alcune sorprese importanti: il Galles primo nel proprio girone davanti ad Inghilterra, Slovacchia e Russia così come in un altro girone, prima Ungheria davanti ad Islanda (nel loro girone di qualificazione hanno battuto due volte l’Olanda, poi eliminata) con terzo il Portogallo (eterno non vincente): credo che la sorpresa maggiore sia proprio quella dei “biondosson” islandesi, i quali non hanno vinto il girone per un solo gol di differenza reti (+ 1 contro il + 2 dei Magiari di Budapest): alla faccia del presidente di una delle due squadre della capitale (che vorrebbe le “squadre presunte piccole” sempre ai margini della competizione così che nessuna di loro potesse mai ambire a vincere, arrivare in serie A e/o competere coi club più ricchi, più portatori di pubblico, con maggiori potenzialità economiche e bacini d’utenza molto più vasti) queste nazionali “minori” per storia, blasone, caratura tecnica e trascorsi calcistici, con grande impegno, fisicità ed agonismo straordinari, magari pure guidate da allenatori preparati, sono riuscite nell’intento di superare formazioni ben più blasonate sia dal punto di vista tecnico sia da quello sportivo storico.

Credo, però, anche che, agli Ottavi, in fase di eliminazione diretta, dove non esistono calcoli particolari (o vinci o perdi), le squadre più forti inizieranno a dire la loro: se nel girone di partenza, l’entusiasmo, il gusto di compiere l’impresa storica e la spensieratezza di non avere nulla da perdere hanno portato risultati importanti, penso proprio che andando avanti si schiariscano le idee ed alla fine, tra le prime quattro, dovremmo trovare le solite: Francia (una delle 3 fra Germania, Spagna o Italia) e, dall’altra parte del tabellone, probabilmente, Croazia e Belgio.

Buon proseguimento di europeo all’ Italia e buon divertimento a voi lettori .

PARMAcalcio1913 – borsino, mercatino:

continuano quotidianamente a propagarsi i nominativi di questo o quel calciatore nuovo accostato alle mire dei nostri “uomini mercato” ; ora un giovane promettente, ora un centrocampista super esperto, ora il tanto atteso duo delle meraviglie in attacco, i bombers per eccellenza, gli uomini gol, sinonimo di giocatori super importanti, goleadors conclamati da anni di reti e carriera prolifica:

i soliti nomi che girano da tempo: Evacuo, Coda, Antenucci ecc ecc ecc ..

Una piacevole news (leggasi Sandro Piovani di ieri sulla Gazzetta di Parma) la presunta possibile idea della difesa a 3: sarebbe una gioia per me (oltre a quella del lettore di cui non ricordo il nick) in quanto lo “chiedevamo”, come possibile alternativa migliorante, ad un gioco diverso, per una serie diversa, e con uomini, chiaramente diversi ed adeguati per questo modulo e sistema. Ben vengano le novità o, comunque, le possibili alternative al 4-2-3-1 piuttosto che al 4-4-2 o similari: ogni forma di gioco, di modulo e di impostazione diversa, consente alla squadra di mutare pelle e fisionomia, di giocare certe partite o frazioni di esse in modo diverso, di imporre il proprio gioco oppure, a volte, di adattarsi alle caratteristiche dell’avversario, senza dogmi fissi, presuntuosi e, a volte, “zemaniani o sacchiani” a seconda del tipo di gioco impostato.

L’importante1 è tutto nella scelta degli artefici, nella loro capacità di adattarsi alle varie situazione di campo e di gioco, anche nell’ambito della stessa partita: prima la testa e poi le gambe, prima il saper stare in campo e poi la lotta agonistica per arrivare sempre primi sul pallone.

L’importante2 è avere dei buoni giocatori, gente che abbia qualità, capacità tecnica superiore alla media e, nel contempo, voglia di correre, di produrre il 120% fino al 97’, 98’ minuto di ogni gara; poi starà al mister fare le scelte adeguate, sia per il 11+3 base, sia per la gestione globale del gruppo, senza creare malumori, malintesi né taciti mugugni in seno al gruppo: ritengo da sempre che, chi ha sotto mano quotidianamente gli atleti, ne vede attitudini, miglioramenti, progressi, momenti meno buoni rispetto a quelli ottimali e quindi, sulla base del suddetto operato quotidiano, sceglie in base a ciò che vede, sempre per il meglio della squadra e mai del singolo; NOI prevale sempre sull’ IO , il gruppo viene sempre prima, uno da solo non vince , nemmeno se si chiama Messi o Ronaldo.

Non vedo l’ora, non tanto di sapere i nomi dei primi nuovi importanti acquisti, quanto di vedere, il 10 luglio , le loro facce, forse stupite dal Centro Sportivo di Collecchio (è da considerare ancora un must, uno status symbol anche per la Serie C, e tanti di loro potrebbero solo averlo sognato e mai visto né frequentato); forse stupiti di trovarsi a fianco, in sede di presentazione, al Presidente Nevio Scala o ai vice campioni del mondo 1994 Minotti e Apolloni, forse tutto questo, per tanti di loro, sarà magico, “just a dream”, un sogno reale ad occhi aperti, come quello di tanti giovani o meno calciatori in arrivo da realtà diverse e meno “professionistiche”: ecco, questo forse è il grande appeal che Parma ed il Parmacalcio1913 possono regalare, un appeal fatto di realtà importanti, di strutture, di solidità societaria e dei recenti fasti storici e sportivi 25ennali molto al di sopra di una realtà provinciale di circa 190.000 abitanti come la ns. citta . (Dico bene Assioma, tu che mi hai giustamente ca…zz….to sulla capienza del Tardini … Ah ah ah ah: lo sai che sono giovane ed ho tanto da imparare, difatti ho iniziato a seguirti con molta, premurosa attenzione… Grazie Assio, critico, conoscitore e poeta).

Tra i miei quesiti/dubbi ( non so quanto fondati ): da ciò che risulta dalle dichiarazioni della gestione tecnica sembrerebbe che, per il ruolo di portiere, siano stati scelti definitivamente i confermati Zommers e Fall con l’acquisizione delle prestazioni sportive di Coric (tutti e tre under e con nessuna esperienza a livello professionistico); immagino che sia una scelta ed un rischio “calcolato” e qui avrà avuto il suo giusto peso la valutazione del mitico Ermes Fulgoni: il mio quesito, lecito anche se profano, avrà Zommers la capacità, maturità e la freddezza per stare tra i pali in una categoria più impegnativa (dove potrebbero tirarti in porta probabilmente un po’ di più di uno / due volte a partita) rispetto alla precedente? Nel momento in cui dovesse andare in ritiro, convocato con la propria nazionale, sarebbero idonei e all’altezza i due secondi per sopperire all’assenza? Non voglio aprire dibattiti né gettare allarmismi, ma, tutti e tre under senza nessuna, ripeto, nessuna esperienza tra i prof., mi sembra un poco azzardato: sperema ben che abbiano battezzato giusto (fra l’altro non rientrano nemmeno nel novero dei bonus minutaggio under essendo valido solo per i giocatori italiani).

Una domanda tecnica x il Direttore Gmajo: posto e assodato che la rosa può avere un tetto massimo di soli 16 senior, esistono deroghe particolari per casi specifici, ad esempio in caso di grave accertato infortunio ad uno di loro, il regolamento consentirebbe di “sostituirlo” contrattualizzando un 17° calciatore senior? Nel caso di risposta affermativa (a questo punto mi sembrerebbe negativa) al momento del ripristino dall’infortunio cosa succederebbe?

Risposta di Gmajo: “Una volta che la lista dei 16 Over è stata consegnata non può essere modificata fino al mercato invernale laddove a un Over in uscita può esser sostituito da un Over in entrata. Circa gli Over, forse, come ipotizza stamani Sandro Piovani sulla Gazzetta di Parma, il nostro 17° potrebbe essere Alessandro Lucarelli, che potrebbe passare per ‘giocatore bandiera’, sempre ammesso e non concesso che la Lega Pro riconosca la precedente militanza nel Parma FC del Capitano a vantaggio del Parma Calcio 1913.”

Dallo StadioTardini – Tribuna Est (2 “Davidi” Romano)

Cordialmente

Mauro “Morosky” Moroni

P.S : Esistono effettivamente, tra gli spettatori del settore di cui sopra, due ragazzi entrambi di nome Davide e cognome Romano, uno di loro è il mio collega “mona – vecio – venessian”, mentre l’altro, con fida morosa Annarita al seguito, è uno scatenato ultras super tifoso accanito: un saluto a loro ed al resto della truppa di boys & girls matti pazzi per i Crusaders gialloblu…

tab morosky 1

 

tab morosky 2

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

39 pensieri riguardo “Parmaland 1913 di Mauro “Morosky” Moroni / BORSINO, MERCATINO, EUROPEINO

  • 24 Giugno 2016 in 14:30
    Permalink

    Morosky, se non sbaglio, ad oggi abbiamo una rosa di 16 giocatori di cui 12 sicuri di far parte del Parma 16/17 e 4 con grossi punti interrogativi…
    tra una ventina di giorni partirebbe il ritiro.
    almeno qualche acquisto dovrebbe già essere concluso, non pensa? o sotto sotto bolle qualcosa di grosso in pentola?

  • 24 Giugno 2016 in 15:44
    Permalink

    Sono sicuro che la società farà un’ottima squadra ma speriamo in un girone diverso del Venezia perché stanno facendo uno squadrone

    • 24 Giugno 2016 in 16:02
      Permalink

      ma squadrone composto da chi scusa????
      pensi che l’unica squadra che ha vinto agevolmente la serie d e che confermi giocatori siamo solo noi???
      non riesco a capire in base a cosa dite che stia componendo lo squadrone…

  • 24 Giugno 2016 in 16:00
    Permalink

    Anche io sono convinto che la difesa a 3 sia un ipotesi concreta, resta il fatto che a prescindere dal modulo si parla sempre di attaccante ma la difesa va rifondata

  • 24 Giugno 2016 in 16:21
    Permalink

    A Venezia stanno cacciando fuori più ghella che a Crotone e Pescara in serie A. Altro che Piazza l’americano giusto era quello li..i nostri cugini han beccato proprio il cavallo sbagliato (direi un ronzino da campagna…).

  • 24 Giugno 2016 in 16:46
    Permalink

    Tanti soldi non vuol dire per forza squadrone… ricordo un’Inter piena di giocatori costosissimi che non riusciva a fare niente perché non era sufficientemente squadra, come ricordo un piccolissimo Parma dei primi anni novanta che faceva impazzire le squadre più forti solo con la voglia di giocare, di vincere e di essere una squadra … e guarda caso quel piccolo Parma era guidato da un certo sig. Scala, Nevio credo.. vi dice qualcosa???
    Certamente i soldi contano, ma di per se non sono sufficienti!!

  • 24 Giugno 2016 in 17:22
    Permalink

    Ho molti dubbi che ci siano squadre in Lega Pro che possano spendere soldi senza giudizio solo per fare uno squadrone, Venezia compreso, visto che Perinetti solo due giorni ha detto che non possono permettersi gli ingaggi di giocatori come Cacia ed Evacuo e parole sue ..” noi cerchiamo è vero un centravanti in grado di assicurarci tanti gol, ma sul mercato ci stiamo muovendo con oculatezza e cercando giocatori che sposino il nostro progetto”….
    L’unica cosa che gli premeva era sapere se poteva rinunciare ai contributi per il minutaggio e sforare con gli over come gli anni passati. Prendere Domizzi, che sono due anni che non gioca, non vuol dire allestire uno squadrone ma solo cercare persone esperte per creare un gruppo.

    • 24 Giugno 2016 in 17:28
      Permalink

      Parole che erano passate inosservate a tutti i sostenitori della presunta corazzata dell’ammiraglio Perinetti e dell’armatore Tacopina…

      • 24 Giugno 2016 in 20:04
        Permalink

        Perinetti sarà anche ammiraglio ma non sarà mai plenipotenziario….

        Majo,
        Mike Piazza vuole il Leo pero’ penso non accettera, Reggio E la ha gia frequentata e non gli gusta…..Lui ama la parmmmigggianita!!!!!!!

  • 24 Giugno 2016 in 17:35
    Permalink

    Allora adesso l’Inghilterra è fuori dall’europeo e NON solo

    Evviva la Reginahahahah

  • 24 Giugno 2016 in 23:38
    Permalink

    Grave se fosse confermati quei 3 portieri là. Non perchè siano scarsi, ma perchè appunto inesperti per la Lega Pro. In quel caso dovremmo rinforzare di brutto la difesa.

  • 25 Giugno 2016 in 00:05
    Permalink

    Buffon quando esordi’ in setie A, non aveva esperienza in serie D, In serie C, in serie B e nemmeno in serie A non avendovi mai giocato ma quando esordì ” senza esperienza” contrio il Milan fu il migliore in campo tenendo inviolata la rete da quel Milan stellare, quindi….

  • 25 Giugno 2016 in 00:23
    Permalink

    Mi auguro che zommers diventi un portiere importante,ma ho qualche dubbio anch’io sull’avere tre portieri giovani e senza esperienza…soprattutto dal momento in cui non ti portano neanche finanziamenti non essendo italiani! Credo che per lo meno debba essere fatta una riflessione…

  • 25 Giugno 2016 in 08:41
    Permalink

    ma iabo’ siamo nel 2016 e sento ancora la litania del non servono i soldi ma le ideee per vincere ,ahahahahahah

    vediamo di mettere in campo 11 idee forti per vincere ,pagandole piu’ degli altri se possiamo altrimenti arrivedorci non abbiamo piu’ gnonte da dirici

  • 25 Giugno 2016 in 09:35
    Permalink

    Per vincere servono giocatori forti. I giocatori forti costano… quindi per vincere servono i soldi. equazione semplice semplice. poi addirittura c’è qualcuno che pensa che zommers sia il nuovo Buffon… a sema a post

    • 25 Giugno 2016 in 10:24
      Permalink

      Sta storia sta diventando un po’ stantia. La società ha stanziato un budget più che sufficiente per l’allestimento di una squadra in grado di concorrere per il primo posto, per il semplice prosaico fatto che il prima possibile vuole abbandonare questa categoria sì dispendiosa.
      Per cui lasciamo lì di fare processi alle intenzioni, di dare dei piocioni e il solito repertorio che ha fiaccato.
      E al genio Assioma, secondo cui non sta bene il concetto di idee perché pensa sempre ai soldi, dico di rivolgersi al viciniore comm. Arvedi per vedere se cacciare la pila è sufficiente…

      • 25 Giugno 2016 in 10:47
        Permalink

        sia chiaro io non sto dicendo che la società Parma non abbia stanziato soldi per prendere dei giocatori forti… sto solo dicendo che senza giocatori forti non vinci di sicuro… e spero che adesso non salti fuori l’esempio del Leicester perché comunque di giocatori forti li ce ne sono… ma soprattutto hanno un allenatore bravissimo che ha fatto la differenza e con tutto il bene che voglio ad Apolloni mi dispiace ma….

        • 25 Giugno 2016 in 11:24
          Permalink

          Il Parma di Apolloni è idealmente il proseguimento “moderno” di quello stoico di Scala, laddove i “campioni”, ove ce ne fossero stati, li sono diventati giocando in gialloblù…

          • 25 Giugno 2016 in 12:01
            Permalink

            Il concetto di giocatore forte ( a parte alcuni famosi a livello mondiale) è a quanto leggo anche qui, puramente personale. Un giocatore è forte per qualcuno, e una mezza s..a per qualcun altro. Per cui, sorrido e mi fido di chi fa il “suo” mestiere, e siccome ho le prove che già hanno fatto bene quest’anno appena passato, aspetto le scelte. I soldi da soli non bastano (ci sono numerosi esempi), ci vuole .. diciamo.. Cuore!!
            Ecco molti rideranno, ma con cuore intendo idee, passione, organizzazione .. che aggiunte a una buona “cifra” possono fare la differenza. I nomi dei giocatori da soli non bastano, forse Iniesta potrebbe bastare.. ma non ne sono sicura. Cmq qualunque giocatore verrà annunciato i “bastian contrari-so tutto solo io” troveranno che non vanno bene, che i più forti li hanno presi gli altri, ovviamente più bravi dei nostri dirigenti.. e che cavolo..
            Ricordo le critiche supponenti , ironiche all’inizio dell’anno passato verso,i nostri PICCOLETTI. . E sappiamo come è poi finita.

          • 25 Giugno 2016 in 12:11
            Permalink

            direttore parliamo del Parma della serie B o quello di tanzi in serie A? perché le cose cambiano radicalmente.

          • 25 Giugno 2016 in 12:24
            Permalink

            Quello fino a Wembley.

            Peraltro quello con alla guida “Stefanino”, in luogo di Pedraneschi (oltre che Pastorello, lo stesso Scala etc.) era figlio della presunzione contagiosa di Calisto che ha fatto sì che il popolo gialloblù non apprezzasse le 3 coppe in 100 giorni di Malesani… Pancia piena…

      • 25 Giugno 2016 in 13:12
        Permalink

        ma majo per dirndindina ,non e’ condizione sufficiente ma determinante,e che diamine !
        poi lo sai che sono stato forse il primo a battermi contro il partito dei piocionifans qui dentro,detto questo,il comm arvedi anche quest’anno ne caccia parecchia mi sembra,un ultima considerazione poi,ci e’ stato detto e ridetto che il budget e’ in linea coi competitor, senza pero’ parlare mai di cifre,o ci dicono quanto sarebbe sto budget o ci fidiamo, delle due l’una,io mi fido,ma pur fido non saro’ mai il cagnolino di nessuno lo sai

        • 25 Giugno 2016 in 13:21
          Permalink

          La massaia che deve andare a far la spesa ha il borsellino pieno. Le cifre non contano nel minuto in cui chi è pagato per agire ha convenuto che quanto messo a disposizione vada bene.

          • 25 Giugno 2016 in 13:27
            Permalink

            bene,che dici ci facciamo prendere anche due etti di culatello ?

            scherzi a parte,spero che se non ci dovessimo arrivare quest’anno ,i 7 dell’apocalisse ci riprovino ancora,perche’ la vedo dura quest’anno,non foss’altro per le statistiche,non so chi ha fatto il doppio salto dalla d alla b negli ultimi 40 anni,informati e sappimi dire,cosi’ almeno parliamo di qualcosa nell’attesa del primo luglio

          • 25 Giugno 2016 in 13:33
            Permalink

            Ai 7 interessa andare su subito e questo, checche’ se ne dica, resta l’obiettivo primario, pur consci delle difficoltà e che la stessa idea ce l’abbiano diversi competitor e vince solo uno.
            La b in due anni non sarebbe funzionale ak buon funzionamento del club e della sua sostenibilità. E chi fa la spesa sa che la mission è soddisfare questa fame. E il borsellino contiene il necessario

        • 25 Giugno 2016 in 14:16
          Permalink

          Io continuo a chiedermi come fanno a sapere quant’è il bagget dei competitor… avranno delle talpe forse…. 😉

          • 25 Giugno 2016 in 15:15
            Permalink

            Anche quelli del Parma fc erano pubblici…

          • 25 Giugno 2016 in 15:30
            Permalink

            Si, infatti gli unici che li spiegarono in tempo reale fummo noi di stadiotardini che notoriamente eravamo nemici del parma…
            Grazie al commercialista marotta esprimemmo dubbi proprio su quelle che erano le operazioni chiave che hanno causato il fallimento (parmabrand, marchio, etc…). Tutti gli altri sono stati Alice nel paese delle meraviglie, e io un grillo parlante da schiacciare…

          • 25 Giugno 2016 in 15:29
            Permalink

            pensavo si scrivesse budget,ma poi ti devo dire che avendo parlato maio di borsetta, bagget (da bag) non e’ poi cosi’ male 😉

          • 25 Giugno 2016 in 15:59
            Permalink

            “bagget” dal film zero bagget girato interamente con uno smartphone… un po’ come il nostro direttore quando fa i video emozionali 😉

  • 25 Giugno 2016 in 11:15
    Permalink

    Bella questa nel dire ke servono giocatori forti proprio bellahahahah

    E ke costono un TOT mo tò figa ke lavor ragass netor profesor

    Prima però Raffaello bisogna trovarli stì gocatori forti come dici tu

    In giro NON ne vedo parekki sia in Italia ke nel resto del pianeta

    Nessuno paragona Zommers con Buffon ci mankerebbe altro

    Ma se un professionista competente anzi di più come Fulgoni

    Dice ke è un portiere di alto livello perke NON crederci dai là

    • 25 Giugno 2016 in 12:07
      Permalink

      tanto per cominciare nessuno è infallibile nemmeno Fulgoni… e anche se il mio parere non conta nulla per me Zommers in legapro l’anno prossimo non va bene, ma è solo una mia opinione, non sono un professore…. poi per giocatori forti intendo un gradino sopra degli altri mica devono essere dei fenomeni e lo so anche io che poi ci sono una serie di fattori che possono influire sul risultato finale.

  • 25 Giugno 2016 in 11:18
    Permalink

    A mio avviso alcune trattative sono gia state perfezionate ma i vertici attendono i tempi ufficiali, post 30giugno, x la comunicazione: da quella data presumo che almeno 4 nuovi innesti potrebbero venir presentati ai media e tifoseria; ritengo che sia una questione di forma, di stile e correttezza.
    Ho già scritto in merito circa le roboanti campagne pubblicitarie tendenti solo a sbandierare grandeur a parole, fumo negli occhi alle tifoserie, lievitazione di abbonamenti e relativi costi.
    Se al primo di luglio mi comunicassero , ad esempio, EVACUO…CODA..PORCARI…e 2, due, DIFENSORI BIG, all’altezza dei succitati atleti….sarei contentissimo quindi…basta aspettaree re …luglio col bene che ti voglio oooo
    Sicuramente, almeno lo spero, vorranno iniziare il ritiro con la maggior parte degli effettivi già a disposizione da subito…
    mancheranno magari 3..4 ..pezzi x i quali le trattative saranno * complicate ..lunghe e difficili..
    .diciamo pure che x lunedì 4 luglio ne sapremo molto di *…
    Vi aspetto ..fiduciosi
    morosky

    • 25 Giugno 2016 in 11:31
      Permalink

      …ma perchè tutti ce l’avete con Coda?
      secondo me non è fattibile come tutti crediamo..

  • 25 Giugno 2016 in 11:52
    Permalink

    Credo anche io ha altri due anni di contratto con la salernitana e non credo sia molto facile trattare con Lotito

  • 26 Giugno 2016 in 11:31
    Permalink

    Coda è solo un mio vecchio pallino…Non so quanto costa né che contratto abbia,,,mi piace come tipo di attaccante anche se dubito che possa arrivare ( dopo aver assaggia to la serie A e un intero campionato, molto positivo, in B…)
    sognare costa poco..se c è gente che pensa a Gila…io posso pensare a CODA…giusto ??
    Ne riparliamo ,,,la smana queen ..

I commenti sono chiusi.