Parmaland 1913 di Mauro “Morosky” Moroni / LOVE IS IN CURVA NORD. MERCATO, VARIE ED EVENTUALI IN ATTESA DI BUONE NEWS…

parmaland love is in

(Mauro Morosky Moroni) – Fatta questa breve escursione nel privato vorrei tornare a scrivere di calcio, calcio mercato, Europei, vacanze estive, varie ed eventuali e chi ne ha più ne metta. Apprendo con grande e sincero dispiacere, misto al rammarico, la decisione di Luca Cacioli (già da tempo confermato dalla società) di non rinnovare coi crociati per accasarsi, ancora una volta in serie D (a lui conosciuta, congeniale e vinta per 5 anni consecutivi), al Matelica, società in provincia di Macerata, arrivata quarta nel girone della Sambenedettese: mi mancherà il nostro guerriero al fianco del Capitano (anche se da molti affermato che, in serie C, avrebbe trovato poco spazio in campo), mi mancherà dal punto di vista agonistico, fisico, di grande impatto sul terreno di gioco, vigoroso e deciso come pochi, tosto e ruvido ma leale, cacciatore di ammonizioni e di qualche rigore di troppo, ma, a mio avviso, importantissimo per tempra, carica agonistica e grinta dimostrate; da queste righe voglio salutarlo augurandogli le migliori fortune sportive ed umane… INDIMENTICABILE tra i protagonisti positivi di una stagione che verrà ricordata dai tifosi come quella tra le pagine più belle del nuovo inizio: GRAZIE LUCA, GUERRIERO D’ALTRI TEMPI, uomo, lottatore indomito ed esempio per i giovani calciatori, GRAZIE ANCORA: di fronte alle scelte personali, quali esse siano, bisogna accettare e guardare avanti, col sorriso e con la stima reciproca di chi ha dato e ricevuto.

Il calcio, così come la vita, non è fatto solo di gol, di trofei vinti, di Champions League o vittorie esaltanti: ci sono pure gli aspetti umani, i valori positivi, i campioni, i fuoriclasse,ma pure i giocatori normali: gente che sgobba, lotta, suda e si impegna, a volte forse più dei big, dovendo infatti sopperire alla carenza tecnica, al piede non educato, ma, proprio per questo, da tenere in grande considerazione per l’impegno profuso, per la stima che si guadagnano e per il prezioso lavoro, spesso gregario, che svolgono per la squadra, anche se poi, i titoli nei giornali, vanno ad altri…

Ma guardiamo avanti, a questo fermento tra i tifosi, ben alimentato ad arte da molti aizzatori, giusto per creare malumori, preoccupazioni (sportive, naturalmente) e lamentele tra i supporters: la società non è ferma né immobile, così come non lo era due mesi fa, quando i due (Gala–Mino) si stavano già muovendo da tempo (nonostante il campionato fosse ancora da vincere) per sondare, contattare e definire le linee programmatiche per la nuova rosa; come non erano fermi allora (nonostante le diverse loro affermazioni) non sono certo fermi adesso: tutti i calciatori trattati, quelli attualmente in rosa compresi, sono vincolati fino al 30 giugno 2016 pertanto, di ufficiale non si potrebbe o dovrebbe comunicare nulla per rispetto dei regolamenti, dei tesserati stessi e delle loro società di attuale appartenenza; tutto quello che si muove, sottobanco e a fari spenti, sono accordi di massima, sulla parola, con giocatori e procuratori, atti ad avvalersi delle future prestazioni sportive dei medesimi. Sono arciconvinto che, al momento giusto, agli inizi di luglio, inizieranno a venir depositati i primi contratti e, di conseguenza, da un solo tesserato confermato di oggi, Lucarelli, avremo poi, nel giro di pochi giorni oltre metà rosa già in casa, con qualche nome nuovo e con i tanto attesi rinforzi (attaccanti in primis, oltre a difensori e centrocampisti) presentati ufficialmente alla stampa e alla tifoseria. (Nota di Majo: colgo l’occasione per precisare che per capitan Lucarelli –uno dei pilastri della precedente stagione, assieme al direttore tecnico Minotti, al Ds Galassi e a mister Apolloni, senza dimenticare il presidente Scala che è il “supervisore supremo” dell’area tecnica – avevamo deciso di fare un comunicato ufficiale per la riconferma: per diversi degli altri – circa 15 – la conferma era arrivata per bocca di Lorenzo Minotti nella nota conferenza stampa “congiunta” del 1° giugno 2016, all’uopo convocata – e non certo per rispondere agli scritti sui social di tifosi o per spiegare il caso Melli, come da qualcuno erroneamente interpretato – e ribadita lunedì sera da Andrea Galassi in collegamento con Tv Parma: sicché è fuori luogo asserire che il solo giocatore tesserato sia Lete-Lucarelli, con buona pace degli spiritosi artisti del falso).

I tempi degli elicotteri che scendono sui centri di allenamento e “fanfaronate” del genere sono finiti pure in serie A, ora ci si presenta in gondola, altri si presentano in sordina, ognuno ha il proprio stile (tante di queste campagne bla bla bla servono solo per incantare le piazze ed aumentare gli abbonamenti, fumo negli occhi lo chiamo io): alla fin fine ricordo a tutti che l’anno scorso, in 4 e 4 8, è stata allestita una rosa di tutto rispetto per la serie D da vincere, è vincere è stato, quindi… Perché lamentarsi al 21 di giugno quando il campionato inizierà appena prima di settembre???

Certo, la preparazione incombe e, attorno al 10 luglio ci sarà il raduno ufficiale, ma io sono convinto che, per quella data, ci saranno almeno già 20/22 calciatori tesserati, in modo da partire col gruppo quasi completo e dar modo allo staff tecnico di lavorare, da subito, con la maggior parte di atleti possibile: si tenga pure presente che, per certi pezzi molto ambiti (sui quali si butta pure la concorrenza), per effetto dei soliti giochini (al rialzo) dei procuratori, si dovranno pure attendere le valutazioni personali degli interessati stessi (il Parma infatti, per quanto piazza solida ed ambita, non è l’unica società del panorama calcistico che possa offrire ai calciatori possibili adeguati successi e remunerazioni certe, tutt’altro): vale sempre il motto: lasciamoli lavorare: i risultati sportivi si potranno giudicare a giochi fermi, dopo un girone d’andata (con eventuali piccoli correttivi) e, in tutti i casi, a fine maggio 2017: solo lì si faranno i conteggi finali.

Dal sentimento personale al “dispiacere sportivo” per chi se n’è andato altrove fino ad arrivare alla campagna acquisti in corsa, spero che passino alla svelta queste tre settimane e si inizi seriamente a lavorare sul campo e ben venga la nuova, rinnovata, serie C , C aspetta e noi C saremo, eCCCCome se C saremo! Parola di appassionato.

Per chiudere l’articolo, ma non per ultimo, vorrei salutare e rinnovare un augurio di pronta e positiva guarigione a Paolo “ Lupo” Catellani, a lui e famiglia, da parte mia personale, ma pure a nome di tutti i tifosi del Parma Calcio1913 in quanto, di fronte a certi eventi, (che potrebbero succedere ad ognuno di noi) ci si sente inermi ed impotenti, serve solo pensare positivo e con fiducia nella medicina e nella forte tempra di quello che ho definito “ gigante buono”. Auguri “Lupo”, ti aspetto allo stadio.

 

Cordialmente

Mauro “Morosky” Moroni

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

CACIOLI PROVA A RIPRENDERSI LA SERIE D: ” UN ADDIO SOFFERTO, A PARMA UN’ANNATA MERAVIGLIOSA”

GALASSI A TV PARMA: “CACIOLI ERA UNO DEI 15 GIA’ CONFERMATI, IL PRIMO DOPO LUCARELLI, MA ABBIAMO RISPETTATO LA SUA SCELTA DI VITA DI AVVICINARSI A CASA”

MINOTTI (CON SCALA, CARRA E GALASSI) HA MOTIVATO, SINCERAMENTE E SENZA FRONZOLI, TUTTE LE DIFFICILI SCELTE FATTE FINORA PER ALLESTIRE UN PARMA VINCENTE IN LEGA PRO video

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 56 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

74 pensieri riguardo “Parmaland 1913 di Mauro “Morosky” Moroni / LOVE IS IN CURVA NORD. MERCATO, VARIE ED EVENTUALI IN ATTESA DI BUONE NEWS…

  • 22 Giugno 2016 in 08:58
    Permalink

    …credo che il ritiro verrà iniziato con una ventina di giocatori al seguito…Baraye, Guazzo e Longobardi compresi, che verranno valutati e probabilmente lasciati andare se non ritenuti adatti…vedremo quel che succederà…

  • 22 Giugno 2016 in 10:44
    Permalink

    io invece credo che, luglio col bene che ti voglio lo sai chi arrivera’

    ahi ahi ahi ahi

  • 22 Giugno 2016 in 12:00
    Permalink

    Gondola gondolalalala ke prima o poi arriveràhahahah

    Venessia testa da batipai !!!!

  • 22 Giugno 2016 in 12:08
    Permalink

    devo dire che tu, Assioma, da parecchi ultimi ” just little commenti”, davvero arguti, punzecchianti ed ironici, mi sei diventato 1/2 simpatico ..
    è sempre meglio scrivere poco ma bene che tanto ( come faccio io ) e logorroico ….ti co dit ?
    ..
    ma hai visto che culo l’Italia, ottavi con la Spagna, se va bene ..i quarti con la Germania e, dulcis in fundo, semifinale coi galletti padroni di casa…la Francia
    ..poi chi vincerà, si troverà in finale con Croazia o Portogallo ….o una roba similare…
    robi da matt …

    • 22 Giugno 2016 in 12:13
      Permalink

      tanto lo sai come si dice no ? alla fine ne restera’ solo uno….all’ highlander pub con la birra in mano

  • 22 Giugno 2016 in 12:20
    Permalink

    comunque ti comunico in via ufficiale che le uniche partite che riesco a seguire integralmente allo stadio o in tv sono quelle del parma…parma calcio ac, sosteniam la piu’ grande squadra che il mondo a visto mai. per l esto dopo una decina di minuti mi sovvien la noia e mi sovvien l’eterno, e le morte stagioni, e la presente e viva, e il suon di lei. Così tra questa immensità s’annega il pensier mio…..anche leopardi la pensava come me sulla nazionale

  • 22 Giugno 2016 in 12:50
    Permalink

    Mi spiegate a cosa serve “valutare” Guazzo e Baraye in ritiro a Culèc dopo che li ha avuti per 365 giorni?Oggettivamente è una roba senza senso. E’ come se io prendo un mio collaboratore che lavora con me da un anno e gli dico adesso ti valuto 15 giorni e poi decido. O van bene (e secondo me non vanno bene) e li tengo o li taglio. Ma se vanno o non vanno bene dovresti saperlo già da aprile.

    • 22 Giugno 2016 in 15:46
      Permalink

      Non è senza senso:
      ad es. per Baraye servirebbe per verificare in che stato si presentarà, fisico e mentale. Cioè se nei fatti mostrerà di voler fare il professionista o il fenomeno tra i dilettanti.
      Nel caso di Longobardi è più semplice: come recupererà dall’infortunio, che professionalità e il tenerci alla maglia non sono in dubbio

  • 22 Giugno 2016 in 12:55
    Permalink

    domanda posta un mese fa.

    a sto punto penso che ti convenga assumere casellato e far scoppiare il tuo collaboratore da indurlo al licenziamento per giusta causa 😀

  • 22 Giugno 2016 in 13:46
    Permalink

    Ti dirò invece che, quelle della nazionale, quelle che contano veramente ( non le amichevoli x capirci ) mi fanno bruciare, mi fanno battere i pugni sul tavolino..x un gol o anche solo x un passaggio sbagliato: ma cavolo, hai visto come ha giocato la Spagna ieri sera ? pur avendo perso ha fatto dei momenti di calcio incredibile e li, solo li, vedi veramente la differenza di valore dei giocatori….
    serie D ..serie C è un conto…
    Fabregas, Iniesta, Morata, Silva, Busquets ….sono dei mostri per tecnica, corsa, tattica, intelligenza calcistica, vedono con 4 occhi..pure dietro…e quanto corrono
    comunque noi, facci caso, pensaci bene…quando siamo partiti non con i favori del pronostico..abbiamo fatto bene se non vinto ..

    1982, 2006, ..europeo 2012 in cui abbiamo perso si 4-0 ma in finale con la Spagna che, in 8 anni ha vinto 3 titoli importantissimi…
    ..
    io ho fiducia in questo gruppo senza grandi campioni ma ..il lavoro operaio figlio del furore agonistico di Conte, della juve ..e dei suoi uomini simbolo…credo che ci possa regalare soddisfazioni importanti anche se non con un gran gioco …
    starema a vedar

    • 22 Giugno 2016 in 14:27
      Permalink

      1982 l’ultima volta che son salito in piedi sul tavolo per la nasionela

      • 22 Giugno 2016 in 17:00
        Permalink

        Moroni starema a vedar lo si dice nel reggiano su là

        Adesso però ci starebbe bene un birrozzo analcolico

        Ti aspetto al kiosco dei campetti così paghi te

  • 22 Giugno 2016 in 13:58
    Permalink

    Pienamente d’accordo con Davide…

    ma potrebbe essere una pausa transitoria, una sorta di stand by societario legato a qualcosa che noi non sappiamo apertamente e tale da voler temporeggiare in attesa di …

    1) acquistare 2 attaccanti importanti davvero

    2) aiutare, nel contempo, i due a trovare squadra magari liberandosi da possibili ipotetici accordi ” sempre che noi non conosciamo”

    3) in fondo, Baraye, da iniziale punta di rincalzo potrebbe pure andar bene, ancora giovane, vede la porta, i mezzi tecnici li ha….se decide di “aiutarsi ad esplodere” potrebbe ancora diventare un buon giocatore di serie ..C……B ..
    credo che in serie C possa avere un suo valido mercato ma qui poi subentrano altri discorsi: ingaggio, durata del medesimo, disponibilità al sacrificio, capacità di diventare costante nel rendimento …tutte cose che, forse, fino ad oggi , sono mancate in parte…
    ..io ..rilancerei quella che è la scommessa fatta l’anno scorso…
    ..

  • 22 Giugno 2016 in 14:57
    Permalink

    ..io no..carissimo Mauro scommettere quest’anno è troppo pericoloso. Ci vogliono certezze

  • 22 Giugno 2016 in 15:26
    Permalink

    quindi dopo amalgama esperienza fortuna compriamo anche certezze ,dove gioca?

  • 22 Giugno 2016 in 15:50
    Permalink

    mi risulta stiano cercando di prendere anche il turco, discepolo sacchiano, “Bus Delkul”

  • 22 Giugno 2016 in 16:07
    Permalink

    qui solo giocatori con l’umilte’ altrimenti majo ci riga il porz come a panuzzi

  • 22 Giugno 2016 in 16:26
    Permalink

    Se poi come primo acquisto prendiamo uno che evacua felice allora siamo a posto…

  • 22 Giugno 2016 in 16:27
    Permalink

    per di più da 35 anni a questa parte…povòr ragas

  • 22 Giugno 2016 in 16:43
    Permalink

    Mi piacerebbe avere il Gila ed Evaquo puo’ essere possibile o no?

  • 22 Giugno 2016 in 16:48
    Permalink

    Ma e’ vero come si legge da alcuni quotidiani che mike piazza avesse chiesto di entrare come socio di parma1913 e nonostante la societa’ fosse interessata per arrivo di nuovi capitali abbia scelto i cubetti in quanto se le’ cavata con 2 o 3 mil di euro che tra l altro deve ancora versare majo vogliamo la verita’

    • 22 Giugno 2016 in 16:59
      Permalink

      Quali quotidiani?

      Comunque alla Reggiana narra la leggenda che metterà circa 5 milioni complessivi, una tantum

      A me non risultano contatti con il Parma Calcio 1913

      Ciao

      Gmajo

      • 22 Giugno 2016 in 17:27
        Permalink

        alla faccia dell’una tantum

  • 22 Giugno 2016 in 16:49
    Permalink

    Per completare il tridente Antonucci o Cacia

  • 22 Giugno 2016 in 16:50
    Permalink

    Altrimenti la B la vedi col piffero

  • 22 Giugno 2016 in 16:55
    Permalink

    Lauria e Guazzo sacrificabili a malincuore soprartutto per lauria ma baraye se si mette in regola potrebbe essere un ottimo giocatore per la lega pro

    • 22 Giugno 2016 in 17:09
      Permalink

      Cioè vorresti Gilardino,Cacia,Evacuo e Antenucci(Antonucci estista miga) se no non si va in B e poi sacrificheresti Lauria e Guazzo a malincuore? mettiti d’accordo, in quell’attacco lì aggiungi pure Ibrahimovic vah….
      Di tutta sta gente già è un lusso averne uno per essere felici di nome e di fatto.
      Arriva uno che ha vinto campionati e classifiche capocannonieri,la gente sarà mica mai contenta, no ci vuole il nome da serie A o l’annuncio prima del 1 luglio,che do bali!
      Quand’è che inizia la stagione?!

      • 22 Giugno 2016 in 17:10
        Permalink

        28 agosto, prima di campionato. Prima coppa italia…

        • 22 Giugno 2016 in 17:15
          Permalink

          Naturalmente era retorico ahahah comunque grazie, bisogna tornare dalle ferie in tempo e poi aspettiamo impazienti l’abbonamento!

        • 22 Giugno 2016 in 17:21
          Permalink

          il 7 agosto

  • 22 Giugno 2016 in 16:56
    Permalink

    Da quando e’ entrato in societa’ majo e’ diventato pragmatico non ti riconosco piu’

  • 22 Giugno 2016 in 17:16
    Permalink

    Io metterei la firma se arrivassero Evacuo e Luppi…

  • 22 Giugno 2016 in 17:22
    Permalink

    uno di praga automatico ,per contrazione

  • 22 Giugno 2016 in 17:23
    Permalink

    Comunicazione di servizio per Mauro …. Vai a trento il 3 luglio?

  • 22 Giugno 2016 in 17:51
    Permalink

    Piazza è un “protopiocione”. Rientrano in questa categoria quelli che millantano di avere soldi (in realtà non hanno neanche una ghella da fare ballare una scimmia) ma li dispensano con “giudizio” e al fine di fare buoni affari. Il finale sarà quello di Bari o Pavia.
    Altra categoria interessante sono invece gli “snobpiocioni”, ovvero quelli che i soldi li hanno, li vorrebbero anche spendere ma si divertono a spenderne un pò meno in modo quasi snob (De Laurentis ad esempio e le sue clausole su diritti di immagine etc.).
    Ci sono poi i “fintopiocioni” ch sono quelli che i soldi li hanno, li spendono in modo copioso x la gioia dei fortunati tifosi ma ogni tanto non accettano i ricatti dei procuratori (i Glazer che hanno lasciato andare Cristiano Ronaldo).

  • 22 Giugno 2016 in 18:09
    Permalink

    Poi ci sono i “good old days piocioni” quelli della generazione del grande Torino, quelli che loro sanno come gira il mondo e gli altri sono tutti idioti, quelli che Roma non è stata costruita in 7 giorni e che mai fare il passo più lungo della gamba e che l’immagine non conta nulla ma solo stare zitti e pedalare in silenzio (beh qui gli esempi sono fin troppo facili).
    Infine abbiamo i “piocioni paraculi” che sono quelli che i soldi li hanno, ne spendono quel tanto x non essere catalogati piocioni ma in realtà a guardare bene lo sono perchè “non fanno mai il passo più lungo della gamba” (Squinzi è il re della categoria insieme a Volpi dello Spezia).
    Ultimi i piocioni delinquenti. Chi non ha una ghella, non mette una ghella, ma addirittura prende. Va beh noi qui potremmo tenere un seminario.

    • 22 Giugno 2016 in 18:18
      Permalink

      Complimenti per il tuo esposto…

  • 22 Giugno 2016 in 18:44
    Permalink

    Se viene “Felice” io sono molto contento….anzi sono felice anch’io! Andiamo sul sicuro! Chi in lega pro non c’è mai stato non è detto che faccia bene…vale anche per il bomber gilardino da 1 milione di stipendio…

  • 22 Giugno 2016 in 23:43
    Permalink

    Direttore, prima fase del ritiro a Collecchio e poi montagna o non si è ancora deciso?

    • 22 Giugno 2016 in 23:45
      Permalink

      P.s: magari facciamo come il Barcellona che a gennaio ha tipo annunciato 70 giocatori in un colpo solo 😀

  • 22 Giugno 2016 in 23:50
    Permalink

    Evacuo ha firmato x due anni..

    • 22 Giugno 2016 in 23:53
      Permalink

      Se non me lo dicono Minotti e Galassi non ci credo

  • 22 Giugno 2016 in 23:59
    Permalink

    Giustamente.. Ma lui stesso l ha confidato ad un suo grande amico che lavora con mia moglie. E ci credo

    • 23 Giugno 2016 in 00:57
      Permalink

      Fabris parlerebbe, a ragione, di miocugginate…
      Quando mi daranno da scrivere il comunicato stampa sarò quasi sicuro

      • 23 Giugno 2016 in 08:50
        Permalink

        Fabris? Mica ha detto che è stato Fabris a riferirglielo.

        • 23 Giugno 2016 in 09:20
          Permalink

          Dicevo che Fabris questi spifferi, dell’amica, della moglie, del fratello, etc etc giustamente li chiama “miocugginate”.
          Poi se e quando sarà ufficiale brinderemo

      • 23 Giugno 2016 in 08:52
        Permalink

        ehehe…beh una miocugginata verosimile almeno…rispetto ad altre davvero campate per aria del passato

        in realtà commento questo post perche ho l’immagine di minotti che le allunga un pizzino con su scritto evacuo 2 anni …30 secondi dopo il messaggio di risposta a Simone T. ehehehehhe

        Buongiorno e buona navigazione

  • 23 Giugno 2016 in 08:25
    Permalink

    È una miocugginata parecchio attendibile.. Prima mi sono accettato che non fosse la solita chiacchiera..

    • 23 Giugno 2016 in 09:13
      Permalink

      Va bene, ma io se non mi danno la disposizione di fare il comunicato non ho sicurezze da dispensare

  • 23 Giugno 2016 in 10:02
    Permalink

    E’ giusto, ci mancherebbe altro… diciamo che è ufficioso, in attesa dell’ufficialità!

      • 23 Giugno 2016 in 11:34
        Permalink

        quindi direttore non conferma ma non smentisce…

    • 23 Giugno 2016 in 11:55
      Permalink

      Ragazzi ci rendiamo conto di chi stiamo parlando? Evacuo ,
      Antenucci, Cacia, ecc. ma dobbiamo scannarci per questi vecchi ronzini? Noi siamo il Parma. Abbiamo una tradizione consolidata nel tempo nonostante le varie disavventure che ci sono capitate.
      Questi dirigenti mi sembrano col braccino corto, cioè non tirano fuori un ghei, bisogna essere chiari con i tifosi parmigiani,
      forse il loro credo è questo:
      vinca la FRANCIA vinca la SPAGNA basta ca magna…..
      Basta con i silenzi e facciamo una vera squadra.
      Caro Maio mi piaceva di più quando era a Tele Ducato era più libero nei suoi pensieri….. Grazie.

      • 23 Giugno 2016 in 12:16
        Permalink

        guardi, io sono sempre molto libero nelle mie cose perché non amo andare contro natura. E molto liberamente le dico che trovo repellente il reiterare accuse di piocioneria o braccino corto, che dir si,voglia, a questa proprietà.
        proprietà oculata che, nel rispetto del territorio che la esprime, desidera muoversi correttamente onde non far pagare caro alla comunità stessa, vedi vecchia gestione, il calcio in città.
        detto questo, pragmaticamente, i calciatori da lei menzionati sono top player della categoria superiore rispetto a quella nella quale siamo neopromossi. cerchi di dimenticarsi la grandeur e di assaporarsi la crescita…

      • 23 Giugno 2016 in 13:40
        Permalink

        giorgio guardi che quel parma che dice lei e’ defunto,siamo una societa’ di lega pro e abbiamo un anno di vita,ai calciatori non gliene frega una pippa di quello che siamo stati,quindi stia tranquillo che ci proveremo con tutte le forze checche’ se ne dica sempre nel lecito

        • 23 Giugno 2016 in 14:59
          Permalink

          Grazie della sua risposta,
          penso che a qualsiasi giocatore che entra in campo passando dal tunnel dello spogliatoio al prato del Tardini venga i brividi e guardando poi anche la nostra mitica Curva Nord sia un poco emozionato.
          La grandeur è anche questa, è il nostro passato è non può essere dimenticato, contro tutto e tutti, questo per rispondere al Direttore.
          Basta così, grazie a tutti.

          • 23 Giugno 2016 in 15:05
            Permalink

            nessuna dimenticanza, e piedi ben saldi a terra

          • 23 Giugno 2016 in 17:16
            Permalink

            ecco e’ proprio li che ti volevo,se pensi ancora che a qualcuno vengano i brividi…..per quei lavori qua che hai detto mi sa che tu non abbia il senso della realta’ che siamo,basta che ti ricordi parma sambenedettese che giocavamo fuori casa

      • 23 Giugno 2016 in 16:10
        Permalink

        Se cacia è antenucci sono dei vecchi ronzini che non vanno bene per il Parma allora c’è qualcosa che non va’…o non di ha una minima conoscenza del mercato e dei giocatori o si ha una visione completamente distorta della realtà! Se crediamo che solo perché ci chiamiamo Parma possiamo giocare con giocatori di serie A in lega pro…viviamo su un altro pianeta!

      • 23 Giugno 2016 in 16:30
        Permalink

        Eccolo qui un’altro a cui piace il fumo, richiami la precedente proprietà che coi proclami ci andava a nozze ed era notoriamente larga di maniche!
        Ma che discorsi sono, ma prima di fare ste sparate le cose le sapete,ci date un senso o parlate così tanto per dare fiato alla bocca?
        Stiamo parlando di top della categoria superiore la serie B,si vada a vedere i curriculum di questi attacanti e anche gli stipendi che hanno.
        Qualunque squadra di Lega Pro è un lusso che ne abbia anche solo 1 di questi, non il Parma.
        Chi volete Messi?volete che si facciano i titoloni dei giornali o vincere il campionato a Giugno?
        Scordarsi Tanzi va beh che l’è miga facil, ma scordarsi anche come cavolo ci hanno ridotto e ripartire con un pò più di giudizio ed equilibrio anche nel tifo sarebbe(stato) opportuno.

        • 24 Giugno 2016 in 09:05
          Permalink

          Avevo detto basta ma preso per i capelli vi rispondo.
          Non avete capito il senso delle mie parole, quando dicevo ronzini non volevo offendere nessuno, volevo solo spiegare che è meglio investire su giovani forti che devono ancora arrivare piuttosto che mecenari sel pallone che hanno girato il mondo. La mia idea è il 3-5-2 con acquisti mirati (1 portiere di esperienza che faccia maturare bene il nostro, 2 difensori cursori che si allungano dalla difesa all’attacco, 2 centrocampisti grintosi alla Gattuso, 1 regista posto davanti alla difesa alla Pirlo, 1 centroavanti di peso , e la squadra è fatta.
          Vi sembra sembra una cattiva squadra? Ho chiesto la luna?
          Non parlo delle passate gestioni sappiamo tutti come sono andate voglio solo dirvi che scegliere giovani affamati è il nostro futuro. Non mi piace fumare ma mangiare bene questo si, noi siamo il Parma, e l’appetito vien mangiando.
          Tanto Vi dovevo.

          • 24 Giugno 2016 in 17:25
            Permalink

            Centrocampisti alla

            Gattuso NON c’è ne in

            Giro x l’ Italia sicuro

            Come allenatore forse

            Visto il caos di Pisa

  • 23 Giugno 2016 in 13:19
    Permalink

    x LUCA :
    non faccio + trasferte nè gioco + da oltre un anno..ormai ho il panciosky, già correvo poco prima ma ora, proprio no..
    ho perso voglia, stimoli ..
    di testa mi piacerebbe ma ..fisicamente non ce la faccio proprio..
    a son vecc mi…miga un gionuott cmè ti bomber..

    at salut e ..grazie x la stima

    moro

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI