DOPO PARMA-TRAPANI 1-1 / SERSE COSMI RICORDA I SUOI INCROCI CON I GIALLOBLU: “ANCHE LA SQUADRA DELLA MIA CITTA’, PERUGIA, ERA RIPARTITA DOPO UN FALLIMENTO. DISPIACE SEMPRE…” video

DOPO PARMA-TRAPANI 1-1 / SERSE COSMI RICORDA I SUOI INCROCI CON I GIALLOBLU: “ANCHE LA SQUADRA DELLA MIA CITTA’, PERUGIA, ERA RIPARTITA DOPO UN FALLIMENTO. DISPIACE SEMPRE…”

Da Pinzolo il video dal canale ufficiale YouTube del Parma Calcio 1913 con la conferenza stampa dell’allenatore del Trapani Serse Cosmi

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

55 pensieri riguardo “DOPO PARMA-TRAPANI 1-1 / SERSE COSMI RICORDA I SUOI INCROCI CON I GIALLOBLU: “ANCHE LA SQUADRA DELLA MIA CITTA’, PERUGIA, ERA RIPARTITA DOPO UN FALLIMENTO. DISPIACE SEMPRE…” video

  • 31 Luglio 2016 in 23:10
    Permalink

    Auguro a Cosmi di tornare in A con il Trapani. È un personaggio genuino come ce ne sono ormai pochi in Italia.

  • 31 Luglio 2016 in 23:26
    Permalink

    Sicuramente se Mai tornera’ in serie A, non ci andra con il Trapani di quest’anno che squadrasa….
    Ma Giorgino e’ gia’ rotto??? Ecco l’over da fare uscire e’ piu infortunato di Palladino!!!!!!

  • 1 Agosto 2016 in 07:48
    Permalink

    Consiglio per il mister e i direttori tecnici: perché non provare un bel 4-4-2? La forza di quest’anno sono le fasce.
    Al Parma servirebbe uno estroso come Cutolo.

    • 1 Agosto 2016 in 08:47
      Permalink

      Cutolo o altri. Ma mai Calaió. Non lo voglio vedere con addosso la crociata. NO AI MERCENARI

  • 1 Agosto 2016 in 09:04
    Permalink

    In effetti mi preoccupa il fatto della controproposta fatta da calaio…peccato perché sarebbe stato un buon colpo!
    A questo punto meglio Cutolo che insieme a Mazzocchi potrebbero offrire spettacolo e fornire ottimo sostegno ad Evacuo

  • 1 Agosto 2016 in 09:23
    Permalink

    Spero che Minotti e Galassi rigettino il tentativo al rialzo di Calaio ‘. Se queste sono le premesse il tipo non ha capito un cazzo di quale mentalità deve avere x venire da noi. X il resto l ultimo dato ufficiale sugli abbonamenti è di 2300 oppure direttore mi sono perso qualcosa?

  • 1 Agosto 2016 in 11:33
    Permalink

    Cosa ne pensa?

  • 1 Agosto 2016 in 11:35
    Permalink

    Ma basta con sto CAIALO’….
    Ma si può spendere 350.000 euri all’anno (contratto biennale)
    ad un vecchio? MERCENARIO…..SVEGLIAAAAA
    Abbiamo già EVACUO…diventiamo l’Iraia…..
    Con questi soldi ci acquistiamo due giovincelli
    di buone speranze…

    • 1 Agosto 2016 in 12:13
      Permalink

      I campionati di solito si vincono con chi segna. E se abitualmente uno va in doppia cifra…
      Ed è più facile che segnino dei vecchi marpioni che dei prospetti…
      Poi anche a me piacerebbe vedere crescere una squadra, ma se si vuole vincere …

      • 1 Agosto 2016 in 14:11
        Permalink

        Vero ke i campionati si vincono con ki segna e un buon bomber

        Ma soprattutto se la difesa è quella ke subisce meno reti

      • 1 Agosto 2016 in 14:17
        Permalink

        Scusa Majo non abbiamo dato il quadriennale alle stesse cifre a Gonzalez(31 anni) e siamo disposti ad offrire un triennale a Calaio che ha 35 anni? Forse col senno di poi era meglio investirli sul primo.

        • 1 Agosto 2016 in 14:29
          Permalink

          Ci sono dichiarazioni ufficiali del parma su offerta a calaio? Non mi pare. E i termini riportati sono ben distanti dalla realtà.
          E comunque è assurdo fare paragoni.

          • 1 Agosto 2016 in 17:57
            Permalink

            A be per forza non ci sono dichiarazioni, non sappiamo nessun contratto dei giocatori del Parma. In compenso ci hai fatto sapere quanto spende l’alessandria per Gonzalez.

          • 1 Agosto 2016 in 19:16
            Permalink

            purtroppo nel calcio questi dettagli contrattuali sono sempre top secret… chissà perchè.
            non capisco perche non le rendano pubbliche.

  • 1 Agosto 2016 in 11:45
    Permalink

    Direttore spendere 350.000 per calaio è una cosa assurda, andiamo a prendere pasquato

  • 1 Agosto 2016 in 11:58
    Permalink

    Io sono dell’idea di fare in modo che Calaió vada a Salerno, dopodiché il triennale a 350000 lo si offre a Donnarumma ed abbiamo la coppia più forte di tutta la lega pro.

  • 1 Agosto 2016 in 12:08
    Permalink

    è forse presto per dirlo però…non mi sembra che il numero di abbonamenti vada come sperato…Direttore si può tracciare un primissimo bilancio? secondo lei cosa blocca ancora i tifosi parmigiani? spero non l’assenza di un grande nome…
    soprattutto mi colpisce la differenza con lo “sprint” agli abbonamenti dello scorso campionato…

    • 1 Agosto 2016 in 12:14
      Permalink

      I problemi tecnici delle varie piattaforme. Ma il bottino, considerato appunto tutte queste traversie, è più che buono

    • 1 Agosto 2016 in 16:40
      Permalink

      Secondo me scorso anno pesava il fatto di doversi affrettare per prendere la curva, c’era solo la tribuna in alternativa, con un costo molto diverso.
      Non escludo comunque di fare meno abbonati, la gente è strana. Chiaramente se uno guarda il mercato non gli viene fretta di abbonarsi

      • 1 Agosto 2016 in 17:06
        Permalink

        A Parma non si è mai guardato il nome per abbonarsi. Cassano, non un Carneade, non mi pare avesse fatto aumentare di molto lo “zoccolo duro”.

        E poi mi pare che siate un po’ troppo incontentabili. E che diamine! Come si fa a lamentarsi del mercato, peraltro ancora incompleto? Voi pensate ai nomi come se quelli risolvessero tutto… Non basta spendere e spandere come ben sanno poco più a nord di noi…

        E poi non credo che sia un buon tifoso quello che si abbona dopo aver visto il mercato…

        La scalata la si può fare uniti, senza abbonarsi se il Parma prende Tizio (che magari non serve a una benedetta mazza nel progetto)

        • 1 Agosto 2016 in 17:31
          Permalink

          Mai guardato i nomi per l’abbonamento non posso che essere d’accordo, nel rispondere al lattore non ho escluso che possa accadere a qualcuno..
          Non si puo parlare per tutti ma non è tanto essere incontentabili, ci si preoccupa per una squadra che allo stato oltre ad essere chiaramente incompleta ha poco di prospettiva e qualitativamente non è superiore alle contendenti, la paura è di buttare un anno e dei soldi. Allo stadio il sostegno non mancherà come sempre, siano 8 o 12mila

          • 1 Agosto 2016 in 17:41
            Permalink

            Ieri abbiamo pareggiato col Trapani, squadra di B che ha sfiorato la promozione in A… Per quel che può valere un’amichevole estiva, of course…

          • 1 Agosto 2016 in 19:20
            Permalink

            io mi abbono a prescindere dai nomi, che sia calaiò che sia un altro..
            sono sempre stato contro l’arrivo di gilardino.. personalmente preferirei unaltro nome meno prestigioso piuttosto che un calaiò che col suo stipendio d’oro potrebbe creare problemi..

          • 1 Agosto 2016 in 19:32
            Permalink

            Gilardino, nella presente stagione, non è mai stato un obiettivo del Parma

  • 1 Agosto 2016 in 12:20
    Permalink

    Ah ecco volevo sapere questo…sono un pò stupito dal suo bilancio, ma spero che lei abbia ragione. A me al netto anche delle difficoltà tecniche sembrano un pò pochini, ma mi voglio fidare della sua opinione…

  • 1 Agosto 2016 in 13:42
    Permalink

    Sicuri che Nocciolini non potrebbe compensare Calaiò?

  • 1 Agosto 2016 in 13:45
    Permalink

    A me non sembrano pochi per niente. Si viaggia ad una media di 500 al giorno. Stasera saranno 3200

  • 1 Agosto 2016 in 14:07
    Permalink

    Se le cifre che ha chiesto Calaio’ sono queste… l’affare lo fa lui, mica il Parma. Meglio cercare qualche attaccante in uscita dalla Primavera di qualche club di serie A, magari un Nazionale under 20. A Parma lo manderebbero volentieri a fare esperienza. Costerebbe molto meno e farebbe sicuramente un’ottima figura.

  • 1 Agosto 2016 in 14:28
    Permalink

    ..i giovani fai sempre a tempo a prenderli!per esempio la Juventus sta tornando dalla tournee australiana e si è portata via mezza primavera!Allegri ha già detto che tutti questi andranno a fare esperienza quindi sono gli ultimi che andranno presi!
    Per quanto riguarda Calaio sarebbe un peccato non prenderlo ma non si può cedere a certe richieste se queste sono vere!

  • 1 Agosto 2016 in 15:08
    Permalink

    direttore oggi potrei disdire sky, inquanto siamo al 1 del mese, lo faccio? lei che mi consiglia? naturalmente se sky non ci trasmetterà

    • 1 Agosto 2016 in 15:35
      Permalink

      Non ci sono novità, però la decisione se disdire o meno l’abbonamento è sua, non posso prenderla io…

  • 1 Agosto 2016 in 15:08
    Permalink

    Consideriamo poi che ha 34 anni.. Non esiste

  • 1 Agosto 2016 in 15:30
    Permalink

    Sarebbe un peccato non prendere Caialò a zero euro,
    mica a 350.000 all’anno.
    Abbiamo già Evacuo di anni 34 che ieri ho visto giocare
    (sembrava un baccalà ammuffito).
    Se si vince è perchè abbiamo una difesa solida
    (lucarelli finchè dura) ma un attacco che corre e che segna.
    Condivido in pieno quello che scrive Siberianhusky.
    Cercare giocatori giovani che bruciano il prato.

    • 1 Agosto 2016 in 19:23
      Permalink

      d’accordo su tutto tranne la critica ad Evacuo..
      con la sua struttura fisica aspettiamo un attimo che vada in forma poi giudichiamo, ok?

  • 1 Agosto 2016 in 16:50
    Permalink

    Evacuo isi sarebbe dovuto fare gicoare quando la sua condizione fosse stata per lo meno sufficiete
    Non si può farlo giocare in quelle condizione e farlo deridere dal pubbico.
    Ieri a Pinzolo tutti dicevano che era stato NETTAlMENTE il peggiore in campo.
    Io. visto ilsuo passato so che è un buon bomber
    ma diamikne ieri non ha fatto un passaggio decente
    Una zavorra.
    Baraye Coly e Mazzocchi sono stati invee i migliori.

    • 1 Agosto 2016 in 17:03
      Permalink

      Non scriviamo pinzillacchere tanto per scrivere pinzilacchere. A vanvera. E col cervello spento.

      E’ palese che in questo momento non interessa il risultato, quanto cercare di costruire una squadra, di cui Evacuo è l’elemento cardine e al quale non si può certo rinunciare. Poiché uno dalle sue caratteristiche fisiche è palese che necessiti di tempo per entrare in forma, ma perché ciò avvenga deve giocare, anche per trovare il giusto modo per farlo funzionare quando conta davvero

      • 1 Agosto 2016 in 19:15
        Permalink

        Majo,
        Stavolta sono d’accordo con te al 100%, se discutiamo Evacuo in quella squadra qua possiamo andare a casa…non gli e’ arrivato un cross…cosa volete Che faccia???

        Ieri purtroppo ho visto la replica di Feralpi salo – reggiana e mi sono un po spaventato per il loro passo rispetto al nostro….

        Sperema Ben

  • 1 Agosto 2016 in 17:08
    Permalink

    Io invece la penso diversamente su Calajo’
    Questi è un buon bomber, per la categoria certo se sei bravo. costi perché tutti ti vogliono, se sei un brocco nessumo ti vuole e quindi costi poco.
    Io però a Calajo farei un cotratto di soli 2 anni.
    Un attaccante a 35 anni è già vecchio.
    Io preferisco i giovanoi tutta la vita. hanno più fame e poi sono piu gestibili se poo peschi giovani come Mazzocchi e Baraye, ,hai fatto Bingo
    Penso che 350 euro li possa valere.
    Alla causa del Parma e cioè vincere il campionato, penso possano servire di più i gol di CALAJO che i 350.000 euro che è venuto a costare il vecchio logo del Parma.
    Neanche fosse d’oro

      • 1 Agosto 2016 in 21:40
        Permalink

        Per Sergio endrigo /Velenoso
        …ma, scusa, e farti un pacco di affari tuoi? Secondo te la dirigenza del Parma è formata da rimbambiti che passano la giornata a chiedersi come fare a sputtanare 250.000,00 in cazzate? A tuo modestissimo parere non serve, a parere di chi invece chi tira fuori i soldi si, quindi come la mettiamo?

  • 1 Agosto 2016 in 17:46
    Permalink

    Direttore è possibile sapere a grandi spanne il numero degli abbonati divisi per settore?

  • 1 Agosto 2016 in 18:44
    Permalink

    Allora mettiamola così. Calaiò dovrebbe percepire 300000 netti l’anno per due anni e al momento sta definendo la questione con lo spezia ( buonuscita). Il giocatore dovrebbe essere convinto di venire a Parma. Piuttosto, ci sono altre questioni da verificare.
    1) Nessuno dei due attaccanti titolari gioca da seconda punta. Nessuno dei due cerca la palla e tutti e due giocano bene in area di rigore. MI SEMBRano dei doppioni ma io penso che nessuno dei due avrà mai i c.d. 90 minuti interi nelle gambe. Gli altr due che dovrebbero rimanere ( Nocciolini e Melandri ) invece assicurano tutto questo. Due tra Longobardi, Guazzo e Baraye dovrebbero andarsene.
    2) Giorgino purtroppo ha diversi problemi fisici e qui servirà un uomo
    3) In difesa potrebbe arrivare Denis Tonucci o forse Paolo Rozzio ma cercherei anche un under in più perchè a me Saporetti e Benassi convincono molto poco. Ma io non sono nessuno e quindi…
    Stiamo a vedere

    • 1 Agosto 2016 in 21:30
      Permalink

      Io l’avevo detto a fine anno scorso che bisognava valutare bene le condizioni di Giorgino(che ha praticamente saltato quasi tutto il girone di ritorno lo scorso anno), ma Majo mi aveva detto che era una cazzata.

        • 1 Agosto 2016 in 21:56
          Permalink

          Anche perché vorrei sapere che benedetta mazza c’entra una contusione (botta) con l’infortunio muscolare di fine scorsa stagione?

          Furbaciò di un pinguino…

          • 1 Agosto 2016 in 22:43
            Permalink

            El infortunè? Si…e l’ora al Pol miga sugher…contusione o muscolo che sia…

          • 1 Agosto 2016 in 23:09
            Permalink

            Che ragionamenti del piffero.

            Se uno prende una botta è logico che non può giocare.

            Ma se uno ha avuto un infortunio muscolare e ora soffrisse di un nuovo infortunio muscolare potresti anche aver ragione, ma se uno becca una botta che cavolo c’entrano con le condizioni fisiche da verificare??? Accendere il cervello ogni tanto???

          • 1 Agosto 2016 in 23:13
            Permalink

            Ci vedremo a gennaio…

  • 1 Agosto 2016 in 23:50
    Permalink

    Tutti ottimisti, vedo. Maronna che 2 palle, però.. (chiedo scusa)
    ne andasse bene una, troviamo sempre di che lamentarci, una lagna

  • 2 Agosto 2016 in 09:28
    Permalink

    Ultimamente sto leggendo cifre che non hanno senso, siccome la mia considerazione su Minotti e Galassi è molto alta, credo che sarebbe ora che iniziassero anche le smentite ufficiali su cifre irreali.
    Parlare di cifre superiori ai 300.000 euro lordi in lega pro con contratti pluriennali, vuol dire non conoscere la realtà del mercato italiano. Già con l’eventualità di essere promossi e giocare in serie B, con un contratto superiore ai 300.000, si viene immediatamente sanzionati perchè superiore al tetto massimo concesso, fa capire che nessuna squadra con un minimo di programmazione si sognerebbe di dare questi ingaggi.
    Per quanto poi riguarda Calaio e la Salernitana faccio solo presente che il tetto massimo dell’ingaggio lordo al singolo giocatore lo scorso anno, premi compresi, della Salernitana era di 160 mila euro. Potete ben capire che le cifre che procuratori e amici giornalisti mettono in giro sono ben lontane dalla realtà.

    • 2 Agosto 2016 in 09:51
      Permalink

      Non è nostro costume far smentite, anche perché dovremmo esser dietro ogni minuto a smentire qualcosa…

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI