I METEORismi di Lorenzo Fava / KUTUZOV, LA PUNTA PIÙ AFFAMATA A TAVOLA CHE NON SOTTO PORTA CHE OGGI GIOCA A HOCKEY…

(Lorenzo Fava) – Quando il Milan nel 2001 si assicura il poco più che ventenne Vitali Kutuzov, attaccante bielorusso nato il 20 marzo 1980 a Pinsk, sembra aver messo in cassaforte un colpo da novanta, un giocatore dal sicuro avvenire che in Italia avrebbe portato in alto la bandiera rossoverde dell’ex nazione sovietica; l’occasione per concludere la trattativa si verifica nel doppio confronto, valido per il primo turno di Coppa UEFA, tra il BATE Borisov, la squadra più rappresentativa del calcio bielorusso, in cui militava il “nostro”, e i diavoli rossoneri. Kutuzov, nonostante la giovane età, è pronto per fare il grande salto; sul suo biglietto da visita c’è scritto: “55 gol in 99 presenze”, e tutto in soli quattro anni, tra il 1997 e il 2001. Il Milan, impressionato dalla prestazione fornita dall’avversario in campo europeo, non se lo fa sfuggire. Ma – inutile dirlo – con la squadra lombarda, nel cui attacco è impossibile togliere il posto a due come Filippo Inzaghi e Andriy Shevchenko, non trova spazio. E così, dopo due sole apparizioni, Kutuzov lascia Milanello per iniziare a fare esperienza in prestito. Ma non sa che il valzer di trasferimenti è solo all’inizio e che l’esperienza da milanista si è già consumata ancor prima che iniziasse.

Nel 2002/2003 fa una discreta figura con una delle tre grandi di Portogallo, lo Sporting Lisbona, con cui gioca 24 match e sigla 3 reti; l’anno successivo rientra in Italia e il Milan lo parcheggia in Serie B all’Avellino, inizialmente allenato da Zeman: la cura del boemo, maestro assoluto del gioco offensivo, rivitalizza il ventiquattrenne bielorusso. Kutuzov in biancoverde confeziona la sua miglior stagione di sempre nel nostro Paese: 15 reti in 42 partite. Tuttavia, questo discreto score non serve agli irpini ad evitare la cocente retrocessione che si materializzerà nella primavera 2015.

Vitali, comunque, dopo un’annata sicuramente positiva a livello personale, si guadagna le chiamate delle squadre della massima serie: nel 2004/2005 la neopromossa Sampdoria lo rileva in comproprietà dal Milan e lo lancia definitivamente nel grande palcoscenico della Serie A. Novellino lo impiega in più ruoli: ala, seconda punta e anche centroavanti, nonostante la stazza (183 cm) non si addica proprio alle qualità richieste ad un “ariete” d’area di rigore. Nel primo anno in blucerchiato segna 4 gol in 33 partite, nella seconda stagione 3 in 34. Discreta qualità e buon adattamento al nostro calcio, ma una cosa la si capisce: non segna tanto.

Nell’estate 2006 un Parma ormai da tempo in amministrazione straordinaria, dopo le trattative andate a vuoto con i vari Sanz e Valenza, prova ad andare avanti facendo sul mercato le nozze con i fichi secchi. E mentre, nel mese di luglio, i giocatori della nazionale italiana tingono d’azzurro il cielo di Berlino (battendo nella finale Mondiale i francesi ai rigori), contemporaneamente approda a Parma un po’ di Bielorussia grazie all’acquisto dell’eterna promessa Kutuzov, che viene scambiato con i doriani per la contropartita Bonazzoli. Quella emiliana può essere la piazza del giusto rilancio, dopo un’esperienza tra alti e bassi; inoltre, la concorrenza (di Budan, Muslimovic e Paponi) non sembra nemmeno essere delle più spietate. Mister Pioli inizialmente gli dà fiducia, ma il rendimento del numero 11, che nel frattempo inizia ad accumulare sempre più chili fino a perdere il peso forma, non ricambia le aspettative. In un primo momento Igor Budan, in un secondo Giuseppe Rossi (acquistato nel mercato di gennaio), e poi persino Zlatan Muslimovic, a suon di prestazioni e di gol, gli soffiano il posto e ogni velleità di scendere in campo. Al termine dell’annata Kutuzov chiude con un score piuttosto magro: appena 9 presenze in Serie A, 3 in Coppa Italia e 6 in Coppa UEFA, senza uno straccio di gol. Non altrettanto magra la sua bilancia che, a furia dei mesi passati in panchina, oltrepassa di gran lunga gli 83 kg oggi (benevolmente) indicati dalla fonte Wikipedia.

Dell’esperienza di Kutuzov a Parma ai posteri rimarrà ben poco, anzi proprio niente. L’unico ricordo che in questi anni ho conservato è stato uno scambio di battute con un signore che sedeva al mio fianco quando all’epoca, da buon giovane abbonato, mi godevo ogni partita. Quella volta vidi entrare Kutuzov sul terreno del Tardini e, dopo un paio di stop sbagliati, corse stentate e occasioni sciupate sotto porta il mio vicino, stizzito, se ne uscì con una celebre frase: «Ma che punta è?! Questo qui è una punta di vitello!». Ovvio il riferimento alla sua fame di prelibatezze culinarie del territorio parmense (insomma, il peso forma non mentiva) piuttosto che alla sportiva fame di gol che dovrebbe contraddistinguere un attaccante.

Fatto sta che nel 2007/2008 il Parma, disperato per il suo rendimento, non sapendo che farsene lo gira al Pisa, neopromosso in B. Sotto la guida del tecnico Giampiero Ventura, Kutuzov ritrova la stima persa e fa registrare la sua miglior stagione dopo quella con l’Avellino. Il bielorusso torna protagonista in campo, giocando 37 match di campionato e ritrovando anche la via, per troppo tempo smarrita, del gol: saranno 10 le sue marcature in neroazzurro. I toscani però hanno qualche problema di liquidità e, pur soddisfatti del suo rendimento, non riescono a riscattarne il cartellino. Kutuzov fa rientro al Parma, nel frattempo retrocesso al primo anno di presidenza di Ghirardi; l’ambizioso tecnico Cagni, chiamato per riportare subito la squadra in A, vuole un parco attaccanti di tutto rispetto e decide di tenere l’ex Milan e Sampdoria in rosa per fare le veci dei titolari Lucarelli, Reginaldo e Leon, qualora ce ne fosse bisogno. Il suo ruolo però è veramente quello del comprimario: gioca appena 11 partite in B (a cui si aggiungono due apparizioni in Coppa Italia), nelle quali però dà subito l’idea di esser tornato quello di due anni prima e di aver perso lo smalto acquistato a Pisa.

Nel mercato del gennaio 2009 fa le valigie e se ne va a Bari, dove con Antonio Conte in panchina gioca 12 partite, segna 5 gol e vince il campionato arrivando davanti ai suoi ex compagni crociati. Tutto questo in mezza stagione. La sua esperienza in Puglia si estenderà per altri tre anni, grazie anche all’arrivo in panchina di Ventura che, conoscendo pregi e difetti del ragazzo, saprà regalargli una “seconda giovinezza”.

La stagione 2009/2010 si apre come meglio non si potrebbe: al ritorno in A, dopo due anni di cadetteria, sigla il gol dell’1-1 che regala il pareggio al Bari in una gara giocata stoicamente e ad armi pari contro la temibile Inter di Mourinho. Ventura lo considera un punto cardine del 4-2-4 dei galletti, ma proprio sul più bello lo coglie un brutto infortunio che lo costringerà ad assentarsi per quasi tutta la stagione. Nel 2010/2011 il Bari non riesce a bissare il bel campionato dell’annata precedente, concludendo con un’amara retrocessione. Kutuzov gioca 14 partite (appena 26 in due anni di A) e segna giusto un paio di gol.

kutuzov pizzaIl Bari riparte dalla B nel 2011/2012 e vorrebbe farlo senza il bielorusso, che infatti viene messo fuori rosa. Il tecnico Vincenzo Torrente lo reintegra solo verso il finale di stagione, in cui il nostro personaggio riesce a ritagliarsi lo spazio di 7 miseri gettoni, ma ciò non è sufficiente per convincere il club a rinnovargli il contratto. Dopo esser rimasto svincolato, nel 2013 piomba sulla sua testa la pesante scure del “boia” che risponde al nome del calcioscommesse: prima la Procura Federale FIGC lo deferisce per il presunto coinvolgimento in partite truccate (risalenti alla stagione ’08/’09) nell’ambito dell’operazione “Bari-bis”, poi la Commissione Disciplinare lo condanna a tre anni e sei mesi di squalifica (salvo poi esser stato assolto il 30 maggio di quest’anno). Kutuzov dice basta e appende gli scarpini al chiodo a soli trentatré anni. Ma solo quelli: perché infatti decide immediatamente di infilarsi i pattini e impugnare il bastone per diventare un giocatore di hockey su ghiaccio. Dal 2013 è un giocatore dell’Hockey Club Diavoli Rossoneri, di cui è diventato il portiere. È evidente comunque che nel suo destino non ci sono troppi gol da segnare: dopo non esser mai stato troppo avvezzo nel farsi, ora Vitali Kutuzov prova a evitare di subirli. Lorenzo Fava

LE PRECEDENTI PUNTATE DEI METEORISMI DI LORENZO FAVA

1. METTI UNA SERA DA TITOLARE CONTRO IL MILAN: BREVE E DIMENTICABILE STORIA DEL FLOP RISTOVSKI (10.07.2016)

9 pensieri riguardo “I METEORismi di Lorenzo Fava / KUTUZOV, LA PUNTA PIÙ AFFAMATA A TAVOLA CHE NON SOTTO PORTA CHE OGGI GIOCA A HOCKEY…

  • 17 Luglio 2016 in 08:57
    Permalink

    E Nucilli…?

  • 17 Luglio 2016 in 12:05
    Permalink

    Articolo troppo lungo x parlare di kutuzov

    • 17 Luglio 2016 in 12:09
      Permalink

      La rubrica deve essere esaustiva, se no è inutile farla.
      Se non è di suo gradimento può sempre passare oltre

  • 17 Luglio 2016 in 12:12
    Permalink

    Meglio parlare di Nucilli, un signore con soldi veri per cui le porte di teleducato saranno sempre aperte…

    • 17 Luglio 2016 in 12:44
      Permalink

      figa che memoria ! ahahahah

    • 17 Luglio 2016 in 12:59
      Permalink

      La tua memoria mi sa che inizi a subire i segni del tempo.
      Forse volevi dire Giuli! L’esimio e incommensurabile dottor Giuli…

  • 17 Luglio 2016 in 12:19
    Permalink

    Vitellone Kutuzov! Non era questo il suo soprannome quando giocava da noi?

    • 17 Luglio 2016 in 13:00
      Permalink

      Proprio lui. Chissà che non sia stato proprio quel mio vicino di posto allo stadio a sdoganare questo memorabile appellativo

  • 17 Luglio 2016 in 13:05
    Permalink

    L’uomo che amava l’ombra… Era sempre sotto la tribuna vicino alle panchine

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI