I METEORismi di Lorenzo Fava / PELLÈ, A PARMA TUTTO PETTO E NIENTE ARROSTO. DA POCO È ENTRATO NELLA TOP 5 DEI PIÙ PAGATI AL MONDO

(Lorenzo Fava) – La sua notorietà è salita alla ribalta dopo l’ultimo Europeo, disputatosi in Francia e conclusosi, non più tardi di un paio di settimane fa, con la vittoria a sorpresa del Portogallo. Ancora a distanza di giorni, dopo quella infausta semifinale disputata contro la Germania (e persa malauguratamente ai calci di rigore), i tifosi della nazionale italiana si stanno chiedendo come sarebbe andata se Graziano Pellè, numero 9 designato dal c.t. Antonio Conte, non avesse fatto lo sbruffone contro Neuer, mimando il gesto di uno scavetto mal eseguito, e avesse insaccato quel tiro dal dischetto che sarebbe stato praticamente decisivo.

 

Tuttavia, le ultime recenti prestazioni del poderoso centravanti, nato a San Cesario di Lecce il 15 luglio 1985, all’europeo francese non sono state poi così negative, tutt’altro: Pellè si è distinto anche grazie a due reti, contro Belgio e Spagna, siglate in quattro match giocati (in panchina solo contro l‘Irlanda, nell’ultima ininfluente gara del girone). Tutto questo gli è IMG-20160715-WA0018valso una grande notorietà internazionale e le frontiere del marcato per lui si sono allargate, finché non è arrivata la proposta irrinunciabile dei cinesi dello Shandong Luneng, che con un ingaggio 38 milioni e “spiccioli” in due anni e mezzo (all’incirca 42 mila al giorno!) lo renderanno il quinto giocatore più pagato al mondo, (dopo Cristiano Ronaldo, Messi, Hulk, Neymar) e al pari di un certo Ibrahimovic.

giovinco pellèStrano caso per essere la storia di uno dei personaggi della nostra rubrica – che, per una volta, abbiamo deciso di aprire dal capitolo finale –: l’happy ending solitamente non lo prevediamo. Eppure Graziano Pellè, attaccante della Nazionale azzurra e italiano più pagato nel mondo del calcio, quando ha vestito la maglia del Parma non ha lasciato segni tangibili della sua presenza; anzi, è stato uno dei giocatori meno amati che siano transitati al Tardini negli ultimi tre lustri, come minimo.

Ma riprendiamo l’ordine e il filo del discorso. Leccese di nascita, è con i salentini che esordisce in A nel gennaio 2004, più precisamente in data 11 quando il Bologna si impone al “Via del Mare” per 1-2, sconfiggendo i pugliesi allora allenati da Delio Rossi. Dopo le prime due apparizioni nella massima Serie, Pellè nella stagione 2004/2005 viene mandato, in prestito semestrale (da gennaio a giugno) al Catania, in Serie B, dove inizia a farsi le ossa e a giocare con maggiore regolarità. Con la maglia degli etnei alla fine le presenze saranno 15. Torna in Salento per provare a ritagliarsi il suo spazio in una squadra reduce da due decimi posti consecutivi in Serie A, ma la stagione 2005/2006 si rivelerà un calvario. I pugliesi infatti retrocederanno amaramente dopo essersi classificati diciottesimi e Pellè, chiuso dai vari Vucinic, Babù, Konan e Cozzolino, dopo pochi spezzoni di gara giocati, decide di tornare in Serie B, dove ad accoglierlo c’è il Crotone: con i pitagorici gioca titolare (saranno 17 le sue presenze) e segna anche i primi gol da professionista (6 le reti), che aiuteranno i rossoblù di mister Gasperini a terminare ad un onorevole nono piazzamento. Ma è l’annata successiva, trascorsa tra le fila del Cesena (sempre in Serie B), a consacrare il nostro come uno dei giovani più promettenti del panorama italiano di cadetteria. Il ventunenne Pellè dà un importante contributo ai romagnoli di Castori al fine di ottenere la salvezza: gioca 38 match e segna 10 reti, sarà la sua miglior stagione italiana di sempre. Questo biglietto da visita gli vale non soltanto la conferma della convocazione in Under 21 per l’Europeo di categoria del 2007 in Olanda – dove l’unico gol che segnò fu in una serie finale di rigori, proprio in pallonetto, contro il Portogallo, gara che consegnò agli Azzurrini di Casiraghi l’accesso alle Olimpiadi del 2008 – ma anche le lusinghe di mercato di diverse squadre esterne. Alla proposta di 6,5 milioni, pervenuta dagli olandesi dell’Az Alkmaar, il Lecce non può dire di no: e così nel 2007 inizia il percorso da “emigrato” di Pellè. La nuova carriera dell’attaccante pugliese cambia radicalmente: ben presto, infatti, conquisterà l’Olanda a suon di gol e di titoli. Nel 2008/2009 insieme all’AZ si laurea campione d’Olanda – è il primo giocatore italiano a tagliare questo traguardo – e, pochi mesi più tardi, nell’estate 2009 si aggiudica anche la Supercoppa nazionale, dopo il successo (per 5-1) ai danni dell’Heerenveen. Nella sua prima e lunga parentesi nei Paesi Bassi, durata dal 2007 al 2011, Pellè conseguirà 78 presenze e 14 reti in Eredivisie e i debutti, dapprima, in Coppa UEFA e, poi, in Champions League.

Si arriva così all’estate 2011, quando Pellè, che a causa dei diversi cambi di allenatore è ormai ai margini della squadra di Alkmaar, non riesce a resistere al richiamo della patria. Pietro Leonardi e Tommaso Ghirardi, con grande anticipo, fiutano l’affare e lo mettono a disposizione del mister Colomba per la stagione del Parma 2011/2012, sperando di poter emulare il “caso” Giuseppe Rossi, che da Gabriele Zamagna era stato riportato in Italia, dopo anni vissuti all’estero, nel lontano gennaio 2007 e che si dimostrò uno dei migliori della Serie A.

Colomba dimostra di apprezzare il possente gigante alto 194 centimetri, tant’è che nelle gerarchie del reparto avanzato sembra precedere, per tutto il ritiro estivo, i vari Sansone, Floccari, Palladino, Borini (quest’ultimo ceduto ancor prima di vederlo in campo in gare ufficiali) e, perfino, anche il veterano Crespo. Fin dalle prime esibizioni in Coppa Italia, Colomba lo propone dal primo minuto in coppia con la Formica Atomica  Giovinco, che sembra trarre beneficio dalle sponde di Pellè, il quale però non convince appieno né la stampa né i tifosi ducali. Soprattutto quest’ultimi, dopo un iniziale periodo di ambientamento, iniziano a non sopportare più l’idea di vedere titolare un centravanti che si limiti solo ad alcuni appoggi di petto nei pressi della metà campo. Tant’è che viene spesso schernito per la sua “sola” abilità nello stop di petto, perché di conclusioni a rete e di gol non si vede neanche l’ombra. Almeno fino al 18 dicembre 2011, quando nella gara interna del “Tardini” contro uno spumeggiante Lecce (terminata poi 3-3) segna da subentrato il suo primo e sin qui unico gol in Serie A. Il Lecce, che si è portato avanti di tre gol ad uno, dopo l’iniziale svantaggio del primo tempo, subisce il più classico del gol dell’ex: trovatosi con la porta sguarnita, Pellè, dopo diversi errori grossolani, non può proprio spedir fuori il cioccolatino confezionatogli da capitan Morrone (nel video al minuto 2.47). Potrebbe essere pellè parma leccel’episodio del rilancio e invece, dopo 11 infruttuose gare in crociato, nel mese di gennaio si completa la scambio con la Sampdoria, all’epoca in Serie B, che porta Okaka in crociato e Pellè a fare il tragitto opposto. Il giocatore ex Lecce, Cesena e Az Alkmaar, dopo averla appena assaggiata saluta nuovamente la Serie A per fare rientro in cadetteria, per la quale con i blucerchiati si conferma un giocatore di livello (segnando 4 gol in 12 presenze). Terminata l’avventura ligure – sancita con la vittoria dei play off e la promozione in Serie A – Graziano Pellè rientra al Parma, che ne detiene la proprietà del cartellino: ma in Emilia il suo tempo è già finito. E così, fuori dal progetto tecnico di Donadoni (che, comunque, gli concede 9 minuti in Juventus-Parma 2-0 del 25 agosto, alla prima della stagione ’12/’13), sul calar dell’estate, decide di far ritorno in quel Paese in cui era riuscito veramente ad esprimersi al meglio: l’Olanda. Lo accoglie il Feyenoord, come se fosse un vero re. Qui i tifosi lo amano e ben presto diventa il punto di riferimento, oltre che il capitano, del club allora allenato da Ronald Koeman. Nel gennaio 2013 i biancorossi lo riscattano dal Parma per la cifra di 3 milioni di euro, nel frattempo lui fa parlare di sé sul campo, grazie ai tanti gol segnati; al termine della sua prima annata con il club della Mosa, i gol saranno ben 27 in 29 gare di campionato, a cui si aggiungono le due marcature siglate nella 4 gare della Coppa nazionale, la KNVB beker. Nonostante anche qualche episodio controverso (come quando, in seguito ad un gol subito, nella primavera 2014 Pellè prese a calci una panchina, suscitando non poche reazioni contrarie) e nessun trofeo arrivato, il biennio in biancorosso del nostro si concluderà in grande stile: lascerà l’Eredivisie e il Feyenoord dopo 50 gol in 57 partite di campionato. Il suo ex tecnico al Feyenoord Ronald Koeman se lo porta con sé al Southampton, in Premier League, dove Pellè conferma quanto di buono fatto vedere nei mesi precedenti: nel «campionato europeo più bello del mondo» il salentino chiuderà la stagione ’14/’15 giocando ben 38 gare e segnando 12 reti; da ricordare, inoltre, l’onorificenza di esser stato eletto “giocatore del mese” nel settembre 2014. Proprio in questo periodo si guadagna l’accesso alla Nazionale maggiore, con cui debutta (con tanto di gol vittoria) nella gara contro Malta, il 13 ottobre 2014. Nella sua seconda e ultima stagione con i Saints Pellè ha giocato 30 match e segnato 11 gol, bottino che gli è comunque bastato per partecipare ad Euro2016. Il resto è storia recente: dall’11 luglio l’ex meteora del Parma è diventato un nuovo giocatore dello Shandong, con cui ha già trovato la via del gol. Eroe sì, ma lontano dalla patria: questa la strana storia di Graziano Pellè, il cui unico gol in Serie A è stato messo a segno con la maglia del Parma, nonostante un’esperienza tutt’altro che memorabile… Lorenzo Fava

LE PRECEDENTI PUNTATE DEI METEORISMI DI LORENZO FAVA

1. METTI UNA SERA DA TITOLARE CONTRO IL MILAN: BREVE E DIMENTICABILE STORIA DEL FLOP RISTOVSKI (10.07.2016)

2. KUTUZOV, LA PUNTA PIÙ AFFAMATA A TAVOLA CHE NON SOTTO PORTA CHE OGGI GIOCA A HOCKEY… (17.07.2016)

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

PENSIEURI AZZURRI, di Luca Savarese / BUONA LA PRIMA: MATATO IL BELGIO GRAZIE A SUPER GIACCHERINI SU ASSIST DI BONUCCI E IL DUO EX PARMA CANDREVA-PELLE’ CONFEZIONA IL RADDOPPIO

PENSIEURI AZZURRI di Luca Savarese / MATATA LA SPAGNA DOPO 22 ANNI CON I COLPI DI CHIELLINI E PELLE’. AI QUARTI CI PROVEREMO CON LA GERMANIA

PENSIEURI AZZURRI di Luca Savarese / L’ITALCONTE ESCE DA EURO2016 DOPO L’INFINITA LOTTERIA DEI RIGORI, MA RESTA NEI CUORI

PORTOGOL! UNA RETE DI EDER AL 109’ CONSEGNA AI LUSITANI (CON RONALDO “SACCAGNATO” SUBITO FUORI) IL PRIMO STORICO EUROPEO. EURO2016 CI RICORDA CHE IL CALCIO E’ UNO SPORT COLLETTIVO

L’ESORDIO CON GOL DI PELLE’ IN AZZURRO / MENO MALE CHE A CONTE PIACCIONO LE TETTE…

GRAZIANO PELLE’, L’EX ATTACCANTE CROCIATO CHE SECONDO MICHELOTTI GIOCAVA CON LE TETTE, E’ PASSATO AL SOUTHAMPTON PER 11 MILIONI DI EURO

PELLE’ A MALTA SALVA LA PIU’ BRUTTA ITAL-CONTE

LA NAZIONALE TRA LA CONVOCAZIONE DI PELLE’ E L’AMICHEVOLE CON L’ALBANIA AL TARDINI (MA NON E’ NON A NORME UEFA?) – Riflessioni di Alessandro Dondi

DOPO QUELLA DI PELLE’, DONDI CI PROPONE L’APOLOGIA DI OKAKA, IN GOL COL TORO. MIHAJLOVIC: “TECNICAMENTE E’ BRAVO, E’ FORTE E GENEROSO: PERO’ HA BUTTATO VIA 6-7 ANNI”

PELLE’ SA SEGNARE ANCHE IN INGHILTERRA (DOPPIETTA AL NEWCASTLE IN 13’): IL PARMA E’ ABILE A SCOVARE TALENTI POI, PERO’, NON HA LA FORZA DI PORTARLI AL TOP DELLA MATURAZIONE

3 pensieri riguardo “I METEORismi di Lorenzo Fava / PELLÈ, A PARMA TUTTO PETTO E NIENTE ARROSTO. DA POCO È ENTRATO NELLA TOP 5 DEI PIÙ PAGATI AL MONDO

  • 24 Luglio 2016 in 11:54
    Permalink

    Pellè è scarsissimo, però con l’allenatore giusto può mascherare parte dei suoi limiti.

  • 24 Luglio 2016 in 13:41
    Permalink

    Netor ke è attaccato alla maglia si si….evviva il Dio denaro

    Complimenti professionista etor ke culatello dai làhahahah

  • 24 Luglio 2016 in 15:48
    Permalink

    Pelle’ a Parma non ha avuto fortuna, i responsabili tecnici del momento non avevano una grande considerazione per lui.
    Fosse stato più egoista avrebbe avuto più estimatori. Peccato perché successivamente ha dimostrato di avere le qualità per fare bene ad alto livello. Con lui al centro dell’attacco due anni fa ci si salvava. E se i cinesi lo strapagano, cosa doveva fare ? Rinunciare ad una barca di soldi ?

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI