PORTOGOL! UNA RETE DI EDER AL 109’ CONSEGNA AI LUSITANI (CON RONALDO “SACCAGNATO” SUBITO FUORI) IL PRIMO STORICO EUROPEO. EURO2016 CI RICORDA CHE IL CALCIO E’ UNO SPORT COLLETTIVO

(Luca Savarese) – Mancano pochi istanti alla fine dei supplementari, Fernando Santos e Cristiano Ronaldo, allenatore aggiunto dopo l’infortunio, guardano entrambi nella stessa direzione, inedita, mai esplorata, quella di un orizzonte tutto europeo. Portogallo, l’Europa del pallone è tutta tua. Dopo anni passati a sopportare gli scoramenti di brucianti eliminazioni sul più bello, dopo giornate a rosicare come cugini tristi della Spagna fuerte, ecco che il destino, nella città dei sogni per antonomasia, Parigi, dopo 120 minuti intensi e sospirati, gli dona la prima coppa della loro storia, facendogli vivere la gioia della vittoria in casa di chi ha organizzato e messo su stadi e spazi di un nuovo entusiasmo, la Francia . Alzi la mano chi lo avrebbe detto alla vigilia dei giochi europei. Tutti a prevedere novelli allori tedeschi, a intronizzare belgi e spagnoli, ad esaltare croati e a mettere la Francia, quasi automaticamente, sul gradino più alto della tour Eiffel. Il calcio però continua a non cambiare il suo ingrediente IMG-20160710-WA0027fondamentale, la cui ricetta è segreta, più di quella della Coca-Cola, la capacità di sorprenderci. E in questa kermesse – dal Contismo, al Portogallo senza Cr7, “saccagnato” – che il calcio è uno sport di squadra, collettivo, non individuale. Pronti via ed è subito dolore per i lusitani, che perdono, al minuto 25 del primo tempo Cristiano Ronaldo. Si, proprio lui. Come se l’Accademia di Platone perdesse Platone per la lezione più importante. Fernando Santos getta nella mischia Quaresma. Non è Cr7, ma è uno che si esalta nella lotta. E la Francia? Griezmann e Giroud latitano, Pogba e Payet non paiono ispirati e Moussa Sissoko corre e tira, canta e porta la croce. Nel secondo tempo il Portogallo non si scompone, mentre i galletti francesi faticano, non poco, ad essere quelli veloci e col pregio del gol delle precedenti sfide. Payet, reo di aver messo ko Ronaldo, al solito mica falloso, ma molto elegante, è l’immagine di una squadra arrivata al redde rationem con più spleen che ideal. Poca fantasia per i transalpini, quando Giroud vuole incidere, Rui Patricio e il palo, lo fermano. Anche i lusitani colgono un legno, traversa di Raphael, nato poco lontano da Parigi. Deschamps per mantenere alto il livello di grandeur toglie Giroud e mette Gignac. Fernando Santos, al contrario, fa una mossa che sa di azzardo ma che ne mostra tutto il coraggio. Via Renato Sanchez, un mastino, un uomo di raccordo tra mediana e trequarti e dentro Eder. Qui il silenzioso e discreto cittì portoghese capisce che può fare lo scalpo ai francesi. Lo spilungone numero 9, da brio e serenità a tutta la truppa e cambia l’inerzia della intera gara, spegnendo ancor di più i transalpini. È un armadio, ma con dei cassetti niente male. Il Portogallo, inconsciamente fiuta l’impresa. Vuoi vedere che facciamo come l’Uruguay del 1950 che andò a battere il Brasile al Maracana? Del resto loro sanno cosa vuol dire imboccare la strada della delusione dentro la propria casa, in mezzo agli amici di una vita, mentre era già pronta un’autostrada di festa. Nel 2004 la Grecia, con un colpo di testa, li fece piangere. Il calcio toglie, il calcio dà… Nel balzo di Eder che al minuto 109 con uno scatto simile al nostro Eder va a dribblare la Francia ed a scagliare il tiro decisivo, c’è un po’ tutto questo: il desiderio di fare uno sgarbo ai padroni di casa proprio di chi la casa già se l’è vista svaligiata una volta. Lloris, che tutto aveva preso, non riesce a prenderlo, è troppo forte, contiene anni di fado che non vedeva l’ora di diventare rock. E’ uno schiaffo per la Francia, è adrenalina pura per il Portogallo, che con Quaresma e la sua rabona fanno quello che vogliono. Ecco il paradosso dei paradossi: senza la Ferrari-Cr7, con la moto da cross di Quaresma e la jeep di Eder, i rossoverdi, zitti, ma non troppo sono andati ad indossare il loro primo abito europeo. Le petit diable, arrivato forse un tantino stanco al momento verità, applaude i tifosi francesi, che non sfollano, non si disperano, ma accolgono, con signorilità e rispetto, i peana portoghesi. Si, la loro coppa è esserci ancora, aver potuto gustare, passo dopo passo, il cammino di Pogba e compagni, dopo i falli, terribili, del terrorismo. Quella argentea, va ai portoghesi, più umili, più sul pezzo in tutte le sette partite. Tre pareggi, una vittoria ai supplementari con la Croazia agli ottavi, un successo ai rigori sulla Polonia nei quarti, il due a zero scaccia Galles e il trionfo sui blu all’extra time. Mattone su mattone e senza mai perdere, vien su un grande Portogallo, anzi un euro Portogallo. Fernando Santos e Cristiano Ronaldo possono continuare a guardare la nuova direzione, il nuovo orizzonte. Forse, lo hanno desiderato più di molti. Obrigado Portugal, merci France, grazie Euro 2016. Luca Savarese

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

ARIA CONDIZIONATA di Luca Savarese / Il 7 sulla ruota di Saint Denis. Cristiano ed Antoine, a voi. La sfida tra Ronaldo e Griezmann chiude Euro2016

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

3 pensieri riguardo “PORTOGOL! UNA RETE DI EDER AL 109’ CONSEGNA AI LUSITANI (CON RONALDO “SACCAGNATO” SUBITO FUORI) IL PRIMO STORICO EUROPEO. EURO2016 CI RICORDA CHE IL CALCIO E’ UNO SPORT COLLETTIVO

  • 11 Luglio 2016 in 07:37
    Permalink

    Alla fine hanno compensato la sfiga di Euro 2004 con la vittoria di ieri, anche se riesce veramente difficile pensare come una squadra del genere sia diventata campione d’Europa. Solo una vittoria e ben 7 pareggi ai tempi regolamentari.

    • 11 Luglio 2016 in 12:25
      Permalink

      Aspetta e spera ma come fai scrivere una squadra del genere

      Loro cioè i Lusitani sono una signor formazione etor ke canelì

      Cosa pensi ke le partite finiscono sempre al 90 !! troppo comodo

      Trà parentesi senza il calciatore più Forte e Grande in attività

      Infortunandosi senza ke quella specie di arbitro inglese penoso

      Fiski la punizione e ammonisca l’avversario trà l’altro !!!!

      Grazie Portogallo x aver battuto i così detti Galletti Blues

      Adesso faranno meno i brillanti e meno i prepotenti

      Compreso e soprattutto l’ex della juvve Didier

      Visto poi ke avevono il pullman già pronto x festeggiare

      Andate pure ke vi aspettono in vacanzahahahah

  • 11 Luglio 2016 in 11:39
    Permalink

    IO son certo che se con i tedeschi, PELLÈ non faceva il bullo di campagna concentrandosi invece sul rigore che si accingeva a tirare, e ZAZA non faceva un orribile ballerino della Scala, vincevamo con Francia e Portogallo divenendo campioni d’Europa
    Purtroppo a volte, in certi giocatori impeccabili per impegno concentraziome e serietà scatta improvvisamente nella loro mente il gigionismo acuto CHE DEVONO MANIFESTARE ALTRIMENTI STANNO MALE.diventando bambinoni da sculacciare e mandare a letto senza cena o se preferite, diventano come degli emeriti imbecilli.
    Pellè e Zaza sono due esempi illuminanti

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI