CATTIVO CITTADINO di Gianni Barone / E’ (già) ora di cambiare ?

(Gianni Barone) – Troppo brutto per essere vero il Parma visto a Modena, serve imprevedibilità, serve flessibilità nel gioco e nelle idee. La severità dei giudizi deve servire a cambiare qualcosa non solo negli uomini, negli schemi o nella mentalità. La fissità dei sistemi va superata, questa è la lezione che, la prima di campionato, ha fornito. Un Parma troppo lento e non solo nelle gambe, faticherà ancora, quindi è (già) giunta l’ora di cambiare e di darsi una regolata come ha sentenziato il tecnico Apolloni dopo il primo flop stagionale che è costato l’eliminazione dalla Coppa Italia per mano del Pro Piacenza. Benvenuti, e non bentornati, sulla terra della serie C, dove nulla è scontato e dove le partite non si vincono sulla carta, ma in campo mettendo sempre un slide cattivo cittadino modenaqualcosa in più rispetto alla partita precedente. Un Parma senza gioco e senza idee questa l’inequivocabile sentenza della critica. Ma cosa vuol dire senza gioco e senza idee? Analizziamo il gioco e di conseguenza le idee o meglio il non gioco e le non idee. Cosa sa fare il Parma alla luce delle prime uscite ufficiali? Difesa impostata su tre centrali che rimangono sempre tre anche quando la squadra avversaria schiera una sola punta centrale, e ai quali è deputata la prima impostazione del gioco. I due cursori di fascia, al momento, sanno dare solo ampiezza e non profondità; i tre interni di centrocampo, così come sono schierati, non riescono a produrre un fitto scambio di passaggi, a uno o a due tocchi, in modo da poter trovare il tempo giusto per le imbucate e le verticalizzazioni per il movimento, corto-lungo o largo-stretto, delle punte, tuttora del tutto inesistente. Questo è il quadro del gioco del Parma, sterile possesso a ritmi non elevati, lanci lunghi da dietro o dalla trequarti, spizzate di testa di una punta (Evacuo), per l’altra punta (Nocciolini o Calaiò), il tutto in maniera molto scontata e prevedibile. Fin qui il gioco e le idee? Ovviamente mancano. Ma non è solo questione di uomini impiegati in posti sbagliati o non consoni, come qualcuno ama sostenere: è, forse, anche questione di tempo o meglio di tempi di gioco che sono la chiave del calcio. Ecco allora che entrano in scena il tempo di marcamento (lo scappare o il salire al tempo giusto), il tempo di battuta, il tempo di passaggio, il tempo di presa di posizione, il tempo di entrata e il tempo di movimento. Se si sbagliano i tempi non c’è giocatore bravo che tenga, e il lavoro dell’allenatore dovrebbe sempre essere rivolto ai tempi di gioco e non all’applicazione passiva dei giocatori di schemi preordinati a tempi fissi. I tempi di gioco dipendono dalle situazioni e dalla interpretazione che i giocatori sanno dare. Diamoci quindi una regolata, l’invito è rivolto un po’ a tutti: ai giocatori che non sono ancora perfetti nei tempi di gioco, all’allenatore che insiste, forse troppo, su di un certo tipo gioco, ai giornalisti che promuovono quando si vince e bocciano quando si perde o si pareggia, ai tifosi che s’illudono troppo o bacchettano a sproposito e ai cioccolaté… Sappiamoci e sappiatevi regolare, come recitava un famoso meteorologo d’antan. Regoliamo l’entusiasmo, regoliamo i giudizi, regoliamo le scelte, regoliamo i tempi, regoliamo, soprattutto, le competenze. Poi se si deve lavorare di più sulle palle inattive, questo l’allenatore lo sa già, non c’è bisogno di ricordarglielo. Anche perché, statisticamente, si realizzano molti goal su palla inattiva e di conseguenza occorre lavorare molto sul tipo di marcatura da adottare. A uomo o a zona, non importa, o meglio le correnti di pensiero in materia, suggeriscono che sarebbe meglio combinare i due modi e cioè fare densità in area (quindi a zona), e non perdere mai di vista i movimenti avversari (quindi a uomo). Ma sappiamo che le variabili dettate dal pallone sono impazzite e fanno impazzire chiunque. E allora, oltre all’occhio, lasciando perdere la pazienza, ci vuole anche, in situazioni del genere, con aree intasate, spinte e gomitate, un po’ di culo (inteso come fortuna e non solo). Altro capitolo, sempre la statistica dice che si segnano più goal quando l’azione si sviluppa con pochi tocchi o passaggi. Tikitaka tiè. Quindi ben vengano anche i tanto vituperati lanci lunghi, che sterilizzati vengono definiti, anche, cambi di gioco o di campo, cioè lanci in zona debole avversaria. Ma i problemi del Parma non sono questi, l’unico problema, forse è quello di essere considerata da molti, all’interno e all’esterno, a torto o a ragione, squadra senza problemi. Mentre bisogna tener conto che, come tutte le altre, è mortale e al suo interni ha le cinque categorie entro cui far rientrare tutti i calciatori e cioè ha giocatori utili-1, mezzi giocatori-2, mezzissimi giocatori- 3, giocatori inutili-4 e pistapoci-5, che, per chi conosce bene il dialetto, sa di che cosa stiamo parlando, e per chi non lo conoscesse… Beh.. alla prossima. Gianni Barone (la foto di Yves Baraye nella slide è di Giovanni Padovani per www.parmacalcio1913.com)

Gianni Barone

Gianni Barone, al secolo Giovanni Battista, nasce a Casale Monferrato (Alessandria) nel 1958 e si trasferisce a Parma nei primi anni 60. Qui matura la sua grande passione per il calcio, prima in qualità di calciatore dilettante fino alla Prima Categoria e poi, di allenatore, direttore sportivo, radio-telecronista, conduttore e opinionista di talk show sportivi. Giornalista pubblicista dal 1990, inizia con Radio Emilia nel 1983, prosegue con Onda Emilia (dal 19849 e Radio Elle (dal 1990). In Tv cura i collegamenti da Parma per "Il Pallone nel 7" (1991-92) di Rete 7 (BO) e collabora con la redazione di Retemilia. Negli anni Novanta effettua telecronache e servizi per il TG sulla squadra Crociata per Teleducato. Dal 2002 al 2008 produce servizi dal Tardini per Telenova di Milano all’interno della trasmissione "Novastadio". Nel 2009 commenta per La7 digitale terrestre e per Dahlia Tv, le partite del Parma Calcio in Serie B. L’attività di telecronista, conduttore e opinionista lo vede nel tempo collaborare anche con San Marino Tv e 7 Gold. Dal 2016 è titolare della rubrica «Cattivo Cittadino» sul quotidiano on line Stadiotardini.It, di cui è vicedirettore esecutivo. Attualmente, per il service Edirinnova, commenta le partite di serie D del Lentigione trasmesse da Telereggio ed è frequentemente ospite di Bar Sport su 12 Tv Parma. Allenatore UEFA B, istruttore qualificato Scuola Calcio, è stato direttore sportivo di settore giovanile alla Langhiranese Val Parma dal 2010 al 2013, e al Juventus Club Parma dal 2014 al 2015. E' autore del libro «Il metodista (Storia della tattica calcistica) edito da Edizioni Progetto Cultura, Collana Sempre Sport (Anno 2006).

39 pensieri riguardo “CATTIVO CITTADINO di Gianni Barone / E’ (già) ora di cambiare ?

  • 29 Agosto 2016 in 14:32
    Permalink

    Guardate che il Parma un gioco o un idea di gioco non l’aveva nemmeno lo scorso anno. La differenza l’anno scorso l’hanno fatta:
    – preparazione atletica(noi ci allenavano da pro) gli altri da dilettanti.
    -Giocata del singolo che erano nettamente più forti degli altri giocatori.

  • 29 Agosto 2016 in 14:38
    Permalink

    Sa dai parliamo di mercato che dopo per 4 mesi nn ne vedremo più!!!

    Cosa dicono gli exit poll??

    girano voci su Maltese, questo sarebbe un ottimo colpo, è il nonno di Miglietta con 15 anni in meno…però nn penso i cugini ci facciano sto regalo!!!!!!

  • 29 Agosto 2016 in 16:29
    Permalink

    Bravo Michele.. Ottima analisi. Dato stasera tutti a vedere piovani che da da mangiare e da bere ai commensali e dispensa parole al miele ai tesserati… Mamma mia che giornalista! Lo vedrei molto meglio come titolare di un agriturismo..

  • 29 Agosto 2016 in 16:34
    Permalink

    Una disamina dei mali del Parma eccellente Baroni.
    Condivido.
    Complimenti.

  • 29 Agosto 2016 in 17:03
    Permalink

    Bravo baroni senza veli e peli sulla lingua pane AK pane vino al vino

  • 29 Agosto 2016 in 19:04
    Permalink

    Baroni sono anche d’accordo ma io ho il dono della sintesi per cui ti dico ,ag vol di bo e di bo second mi a nig ne mighe in cla squedra chi,sempre partendo dall’assunto che si deve provare a vincere ,se invece va bene arrivare anche decimi allora siamo nella media dei competitor ed e’ inutile stare qui a disquisire di football , punto.

    • 29 Agosto 2016 in 20:28
      Permalink

      pardon Barone ….come il centravanti anni 70 ….e il radiocronista non ricordo in che radio forse radio emilia ,onda emilia comunque quello piu’ giovane 🙂

  • 29 Agosto 2016 in 20:02
    Permalink

    Scusa veh, annotazione linguistica o anco meglio dialettistica che sempre mi ispiri (co vot ferog al mè ragas..), dalle mie parti (non esattamente Oxford per capirci) ricordo che quelli più anziani e raffinati pronunciavano il tuo correttissimo football (futbol, toh) con “fulbal”… Mi invece adzeva “balò”. Bannato sia chi scrive “balon” poichè trascina la nostra lingua in atmosfere reggiane, tonde tonde nonostante la testa quadra. Perdonatemi il livore, la mia compagna le arzana…

    • 30 Agosto 2016 in 09:29
      Permalink

      effettivamente mia nonna la dseva fulbal ,mo anca “elora l’ha guadagne’ in co al perma ?” per chiedere se aveva vinto

    • 31 Agosto 2016 in 07:30
      Permalink

      Eh ma sbagli… Andrebbe scritto “balon”, poi ovviamente letto senza la n finale…se scrivi “balò” si pensa subito che la o sia aperta…invece deve essere chiusa! Paradossalmente se scrivi balò finisci x scrivere qualcosa che dai meno informati può essere letto x davvero alla reggiana cioè con la orribile o aperta!

  • 29 Agosto 2016 in 20:37
    Permalink

    Bravo Assio conciso come Morosky e Majo!!!!!!!

    Non disperare Galassi è al lavoro….domani rivolta la squadra, meglio tardi che mai!!!!!!!!

  • 29 Agosto 2016 in 23:32
    Permalink

    Far impostare il gioco dalla difesa è un’idea moderna di gioco del calcio. Chiaro che dipende da chi la fa. Coly non è Hummels. è un grande e grantico marcatore, non un regista difensivo.
    Detto questo, io utilizzerei il 4-3-3. modulo più adatto a questa squadra. Mazzocchi, Melandri, Baraye e anche Nocciolini sono tutti giocatori da questo modulo.

    • 30 Agosto 2016 in 11:54
      Permalink

      Si sono d’accordo, gli interpreti in nostro possesso sono da 4-3-3 e non so come mai Apolloni si incaponisca con questo 3-5-2 che fa ridere i polli.

      La C la vinci con la semplicità e la corsa, non servono grandi stratagemmi tattici.

      • 30 Agosto 2016 in 13:10
        Permalink

        Mi spiegate quali sono i 2 esterni d’attacco per giocare con il tridente? Poi teniamo giù uno tra Evacuo e Calaio?

        • 30 Agosto 2016 in 22:47
          Permalink

          Nocciolini faceva l’esterno a Forlì. L’altro potrebbe essere uno tra Baraye e Melandri.

  • 30 Agosto 2016 in 00:00
    Permalink

    a parte che sparare sul pianista e il gioco più facile ma chi potrebbe prendere il posto di apolloni in lrga pro è vero parma e piazze appetibile in prospettiva pero è pur sempre lega pro col rischio di non vincerla e quindi sputtanarsi qui ci vuole un vecchio lupo chesa muoversi nei boschi della lega pro dando un gioco solido quadrato e pragmatico senza frizzi e lazzi inutili mirando esclusivamente al risultato

  • 30 Agosto 2016 in 00:59
    Permalink

    I tempi di gioco li conosce anche apolloni, il patentino ce l ha. Non farà carriera ma per questo campionato credo sia all altezza. Quasi nessuno gioca bene in lega pro, sono tutte battaglie con pochi goal.
    Giusto dire che è stato un obbrobrio di partita, ci mancherebbe

    • 31 Agosto 2016 in 07:34
      Permalink

      Non farà carriera lo dicevano anche di Ranieri

  • 30 Agosto 2016 in 08:58
    Permalink

    Qualcuno ha visto Bar Sport ieri sera? Ma pensano che la gente sia rincoglionita? Hanno letto in diretta solo messaggi buonisti e dallo sfondo ottimista…non una polemica. Solo Paolo Grossi in studio ha abbozzato a qualche critica, mentre il buon piovani ha dispnsato leccate di qua e di la e messo video emozionali riferiti all’anno scorso e ai vecchi derby con la reggiana.Dopo dieci minuti ho cambiato canale. Quello non è giornalismo e nemmeno attaccamento alla squadra, ma solo leccaculismo sfrenato!

    • 30 Agosto 2016 in 12:55
      Permalink

      Alla prima domanda ti rispondo NO, alla seconda ti rispondo SI.

  • 30 Agosto 2016 in 09:49
    Permalink

    In alternativa a Bar Sport esiste un ‘altra trasmissione ( non prettamente “aziendale” ) che si trova sul canale 12 del digitale terrestre…e, se tanto dava fastidio e malumore, ora ..Enrico Boni non c’è + ..( purtroppo ) ..
    ascoltare una pluralità di voci ( informate e competenti ) da una visione + ampia dell’insieme, con tutto ciò il PARMA non ha giocato bene ( anche se non l’ho vista ), è lento, prevedibile e contrastabile ( x ora ) ..
    il PARMAcalcio 1913 NON E’ SICURAMENTE QUESTO ..
    ..
    io, come l’anno scorso ( passato, terminato e vinto ..e pure non da paragonare ) provo a ripetere …LASCIAMOLI LAVORARE ..lasciamoli crescere …
    il problema è solo di preparazione…le gambe non rispondono a dovere..e, siccome è un problema generale, e non solo di coloro fisicamente + strutturati, mi pare che il tutto sia spiegabile;
    visto pure che non ho il dono della sintesi ( non lo voglio mettere in atto ) aggiungo che …se tutto va come dovrebbe andare, una volta smaltiti i carichi pesanti del ritiro ….la squadrà troverà quel passo e quei ritmi ( alti ) consoni al campionato, tali da aggredire, pressare ed attaccare le avversarie: è pure evidente che, come l’anno scorso, in tante si chiuderanno nel bunker e sarà oltremodo difficile stanare le difese chiuse…
    la soluzione ? …uomini di fascia veloci che puntano uomo e area…saltano l’avversario e propongono superiorità numerica…
    ..
    poi, secondo me, se mettiamo in area una decina di palloni giocabili x tempo…..quei due la davanti qualcosina dovrebbero produrre ..
    sbaglio ???

    morosky

    • 30 Agosto 2016 in 12:27
      Permalink

      lo sai che e’ un mese che prima di ogni partita dici le stesse cose?

      se qui, se la, se su, se giu ,oh per la legge dei grandi numeri prima o poi ci azzeccherai spero 🙂 , sempre se pero’

      • 30 Agosto 2016 in 12:29
        Permalink

        vinceremo se….il loro portiere ci pianta due micce,il loro centrale fa come niccolai ,po dopa per il gioco e la forma c’e’ tempo

  • 30 Agosto 2016 in 09:59
    Permalink

    Vedrai che fra un mese lo capiranno tutti, tanto siamo gli stessi dello scorso anno meno parolo…

  • 30 Agosto 2016 in 11:18
    Permalink

    ..e meno Musetti. Ma io sto aspettando i fuochi d’artificio e i botti che Minotti e Galassi dal 26 aprile hanno programmato per il 31 agosto per completare la squadra giusto in tempo per la terza giornata di campionato. Anche se di svincolati dalla Pro Vercelli e dal Catania penso ormai sia rimasto poco.

    • 30 Agosto 2016 in 13:30
      Permalink

      Tutte le opinioni sono lecite e come tali vanno rispettate. Tuttavia fare dell’ironia è esercizio piuttosto semplicistico: continuare a fare riferimento a giocatori svincolati, ad esempio, cosa significa? I giocatori acquistati che so io, dall’Alessandria, dal Venezia, dal Padova, sono stati tutti prelevati a fronte di ingenti esborsi economici sui cartellini? Oppure le rispettive società acquirenti hanno atteso i singoli accordo di svincolo per poi investire sul l’ingaggio dei giocatori? Non è per caso che se Minotti o Galassi acquistano giocatori svincolati è perché il mercato di Lega Pro funziona diversamente da quello ricco della Serie A? Ah no è vero, alla gestione sportiva abbiamo due dilettanti allo sbaraglio che aspettano gli svincolati di Catania e Pro Vercelli! Io non posseggo risposte di verità a queste domande, semplicemente mi pongo qualche interrogativo per approfondire le cose prima di pensare che gli altri siano dei coglioni.

      • 30 Agosto 2016 in 14:24
        Permalink

        sono d’accordo col discorso svincolati (qualcuno deve capire che ci sono dei metodi diversi in ogni categoria).

        Meno sull’eleganza con cui lei ribatte a questi commenti, rispondere all’ironia col sarcasmo non rende piacevole la lettura e riduce tutto a chiacchericcio da bar, magari non bar sport ma quello patinato del centro..ma non basta usare termini formali per essere eleganti.

        Credo onestamente che il Davide in questione abbia semplicemente esposto una sua opinione da tifoso, giusta o sbagliata che sia, senza chissàquali calunnie.

        Ritengo infine che la squadra abbia un ottimo potenziale, che sia stata composta strategicamente di giocatori di 34 anni, in modo da poter puntare oggi su giocatori già smaliziati, da poter scaricare senza troppe remore una volta saliti di categoria (ammesso e non concesso che questo avvenga), dovendo puntare con ogni logica ad un ulteriore salto.
        Penso che se un tiro di Nocciolini (sul quale punto più di Calaiò ed Evaquo) fosse entrato saremmo tutti meno polemici, ma che è vero che il gioco latita , la cosa potrebbe migliorare con un centrocampista del livello di Pirlo, ma no mi illudo che possa risolvere tutti i problemi…la squadra sembra compassata e questo è un problema evidente.
        Cosi come è evidente che ci si aspettasse una programmazione più mirata da parte della dirigenza in tal senso (che miglietta andasse ai 2 all’ora si sapeva già), dato che siamo stati promossi con largo anticipo e si diceva di star tranquilli…siamo all’ultimo secondo di mercato e in questo senso non si è mossa una paglia, questo il senso del Sig. Davide.

        • 30 Agosto 2016 in 15:52
          Permalink

          Per carità: mai detto che Davide abbia espresso delle calunnie, anzi in premessa ho rimarcato che ogni opinione va rispettata. Sinceramente ciò che non capisco è questo continuo esercizio di ironia nei confronti dei dirigenti sportivi del Parma, tutto qui. Ognuno è legittimato a criticare, con argomentazioni puntuali ma secondo me non è intellettualmente onesto continuare a punzecchiare ironicamente chi fa il proprio lavoro con serietà. Dopo di che, convengo di avere usato un pizzico di sarcasmo in più, che magari potevo evitare, cosa della quale mi scuso con lei e con Davide qualora possa essere stata male interpretata.
          Saluti

  • 30 Agosto 2016 in 14:32
    Permalink

    Esatto il.senso è questo. Da.mesi dico che essere promossi in aprile ed aspettare il 31 agosto per completare la.squadra sia ridicolo da chi propina cannelle di organizzazione e programmazione. E cmq noi abbiamo parculato mesi Perinetti di annuncite che tanto noi siamo furbi e lontano dai metodi del calcio mercato ma mi mi sa che fosse la volpe e l’uva…

    • 30 Agosto 2016 in 15:16
      Permalink

      Beh bisogna anche dire che in quel di Venezia han fatto male i conti in un paio di occasioni, distrattamente mi è parso di capire che sia stato prima presentato come colpaccio e poi scaricato altrove…insomma…ognuno a casa sua ha le proprie gatte da pelare…fortunatamente non ho troppo tempo da dedicare a queste cose…

      Posso solo invitare all’equilibrio…preferisco il calcio giocato, giochiamolo con le carte che abbiamo…l’inicipit non è stato dei migliori, va ammesso.

      • 30 Agosto 2016 in 15:17
        Permalink

        il giocatore presentato e scaricato sarebbe Virdis

  • 30 Agosto 2016 in 14:59
    Permalink

    Poi non capisco perchè non si possa muovere delle critiche dopo la prima giornata. Il Parma gioca, o meglio, scende in campo e il tifoso valuta e giudica quello che vede. Inutile dire siamo alla prima giornata ed è troppo presto per giudicare, perchè è bene sollevare i problemi subito per evitare di fare come quelli di Tv Parma e fare finta che va tutto bene e che siamo belli bravi e con un grandioso futuro, perchè se tutto l’entourage non si da una svegliata passiamo tutto l’anno a dover correggere errori che tanto c’è tempo. Sono tutti discorsi sentiti e risentiti gli anni addietro e continuano puntualmente ad essere di attualità. Giochiamo male?Si ma tanto c’è tempo…poi le gambe gireranno e le palle entreranno e tutto sarà più bello. Adesso che girano sono solo le palle che abbiamo tra le gambe. Cosa c’entra la preparazione se andiamo ai due allora dal primo minuto?Ci vuole poco a capire che al massimo si calerebbe alla distanza, ma cristo, non si può essere immobili già nel primo tempo! La fola della preparazione mi spiace ma non esiste, almeno in questo caso. Qui c’è dell’altro che non va.
    Poi sabato sera sfodereremo una grande prestazione e vinceremo?Molto bene…sarò il primo a battere le mani e a fare i complimenti a squadra e allenatore se lo meriteranno, poi però se sabato correranno tutti chi sostiene che abbiamo un problema legato alla preparazione voglio vedere cosa si inventerà….

  • 30 Agosto 2016 in 15:24
    Permalink

    ASSIO …credo di non essere adatto ai commenti sui social…meglio scrivere gli articoli, come tanti e non replicare a nessun commento..
    cercherò di limitare i miei interventi non per tema di essere smentito o contrariato, di cui poco mi importa…quanto perchè e’ inutile perdere tempo con diatribe sterili, polemiche che portano poco lontano oltre che ..nulla in tasca…

    …perchè ricordo molto bene, pure l’anno scorso, che c’era gente incontentabile: e non mi si venga a dire che era il campionato facile, noi corazzata e tutto il resto dilettanti dopolavoristi ..che non è vero… ( chiedere a Forll’, altovicentino e Delta Rovigo ….soldi spesi e allenamenti settimanali )
    ..
    io forse scriverò sempre le medesime cose…scrivo solo quello che penso..che vedo …non ho legami nè con la società nè coi giocatori..
    quindi niente occhi coperti da prosciutto o robe similari…

    come sai non ho visto col Modena ma ero a Piacenza..
    per il bel gioco aspetto il martedì e mercoledì di champions ( li ci sono altri interpreti e protagonisti..di un altro livello..se no le categorie di differenza perchè ci sono ? )
    .. a proposito mi sapete dire chi gioca bene a calcio in serie A ..??
    quali squadre italiane giocano a calcio e con quali interpreti ??

    x il risultato aspetto la pagella del 1° trimestre…

    la società si è data obiettivo >>>>
    primo anno promozione dalla serie D alla Lega Pro
    secondo anno promozione dalla Lega Pro alla serie B ….

    e…dagli uomini arrivati ..io penso che si sia fatta una buona squadra che…OGGI COME OGGI sembra NON STARE IN PIEDI ( ed il campionato è già iniziato ) ma che da qui a fare sempre e solo disfattismo …..credo che serva un pò di giusta misura…

    a gioco lungo vedremo chi ha avuto ragione ..se i dirigenti a comporre la rosa ( riconfermati e nuovi ingressi ) o il nutrito gruppo dei contestatori di fine agosto ( a fronte di prestazioni scarsissime ..è vero ) ..
    ci sentiamo tra qualche tempo,,,
    magari fanno un ribaltone….
    cambiano in toto…giocatori….staff …chissà che succederà ..??

    ora, a te come a tutti gli esperti di calcio mercato, psicologia, tattica applicata, preparazione fisica, recupero infortunati, medicina dello sport e gestione delle risorse umane …vorrei chiedere:
    ..
    cosa hanno sbagliato gli uomini mercato ?
    chi non dovevano riconfermare ?
    quali obiettivi dovevano perseguire ?
    quale tipo di preparazione avrebbero dovuto impostare ?
    quale tipo di gioco serve ?
    quale tipo di modulo ?
    ..
    io sono d’accordo con te che servono buoni giocatori..mi sembra naturale questo..
    poi che sia un campionato difficile non saprei…
    sicuramente ritmo, velocità e maggior tecnica ci sono e serviranno..
    non si possono fare paragoni con lo scorso campionato, questo è risaputo, ma io sono convinto che determinati giocatori ..
    NON SONO CERTO DIVENTATI BROCCHI oggi se erano buoni giocatori ieri …

    a volte basta fare le cose semplici …
    ..
    al porter in porta
    i difensor eddardè
    el ponti davanti e chi tiren in porta possibilment
    a centarcamp l’è al lavor + complichè
    ghè da aiuter la difesa a ciaper miga ed gol e a ghè anca da der di balon miga sporc ed neva a i attaccant..
    e bisogna dergni pu ed 2/3 a partida…almeno 14/15 …
    chi se stufen ed ciaper di balon da buter dentar…
    ..
    insomma è come una volta …si gioca 11 contro 11
    e gli altri possono fare tutti gli schemi che vuoi..
    si può giocare e vincere in mille modi..
    ..
    tecnica corsa testa …equilibrio tattico e tanta maruga ancora …
    tecnica corsa ….pedalare…grinta ..agonismo…
    poi..se gli altri saranno + forti….bravi loro..

    alla fine del primo trimestre ci risentiamo …
    morosky

  • 30 Agosto 2016 in 16:17
    Permalink

    ma no dai,ci sentiamo dopo ogni partita figurati,ognuno la vede alla sua maniera ci mancherebbe mai pensato di avere la verita’ in tasca,diciamo che come tutti gli anni seguo gli eventi le dichiarazioni e poi guardo i riscontri sia sul campo che fuori ,quelli sono dati di fatto ,l’anno scorso dopo che ho visto chi arrivava e che me le son viste tutte in precampionato ero certo che avremmo vinto,quest’anno no tutto li.
    poi se dovessi scrivere tutto quello che non mi e’ piaciuto da aprile ad oggi dovrei scrivere per tre giorni consecutivi ,quindi ci riaggiorniamo sabato sera che conoscendomi ho gia’ scritto anche troppo 😉

  • 30 Agosto 2016 in 22:01
    Permalink

    No ti prego, non scrivere tutto ciò che non ti è piaciuto. Se at vol esor concis, scriva col che te piasù….

    • 31 Agosto 2016 in 08:56
      Permalink

      gnenta 🙂

  • 31 Agosto 2016 in 09:54
    Permalink

    Grande ASSIO… ho gradito la risposta / replica..
    ..
    vorrei premettere che non voglio vedere il Parma vincere a tutti i costi ( è chiaro che se avesse fatto un golletto come il Venezia, non meritando la vittoria, sarebbe andata bene per via dei 3 punti senza dover già inseguire alla prima giornata )….
    ma solo che si valuti la squadra quando sarà al top con tutti i suoi elementi in rosa..

    se non è una questione di preparazione non saprei proprio cosa pensare vedendo che non c’è corsa, non c’è smarcamento senza palla, non c’è movimento …non ci sono idee..
    e questo dal primo minuto come cita SIMONE T. …quindi cosa non funziona ??? cosa potrebbe essere ?
    ..secondo me è solo una roba di gambe…
    ..
    e di qualche uomo in mezzo al campo / sulle fasce che pedali un pò di + …….

    leggo ancora della Reggiana che ha una grande rosa ..ma ha pure perso contro un Bassano che da qualche anno sta facendo buoni campionati di vertice…

    ci saranno quelle 3/4 squadre che si giocheranno il campionato …

    ricordo, come già ha segnalato un lettore attento, che x ogni campionato, d’estate 6 squadre partono x vincere….tante x fare un campionato tranquillo e altre solo x salvarsi …
    alla fine 1 sola vince, 4 retrocedono e di conseguenza …9 squadre non avranno raggiunto il loro obiettivo…

    è sempre il solito ritornello estivo…calciomercato..formazioni sulla carta…acquisti roboanti..nomi stranieri…poi italiani in squadra pochi pochissimi…ed i giovani fanno panca…
    ..
    tornando al ns orticello ….io, prima di buttare addosso la croce a qualcuno…aspetto di vedere qualche partita …quando la performance fisica sarà migliorata…

    certo, potrei aggiungere che vedo ( sempre dal mio punto di vista ) esperimenti non produttivi…gente fuori posto…forse un certo immobilismo a buttare dentro forze fresche…
    vediamo chi arriva oggi e se sarà il profeta/messia ..novello salvatore della PATRIA …baracca ..( che proprio baracca non è ..)
    ..
    ad ogni modo, con tutti in forma, si può tranquillamente fare giocare questi … il modulo è relativo …digli che corrano e che lottino…
    poi, i numeri del modulo …contano un c….

    ZOMMERS
    COLY CANINI ( benassi ) LUCARELLI NUNZELLA ( ricci )
    CORAPI ( mister x ) GIORGINO ( scavone )
    BARAYE ( mazzocchi / melandri event. nel secondo tempo )
    CALAIO ( Nocciolini ) EVACUO

    trattasi di un solido 4 in difesa
    3 centrocampisti con eventuale
    1 trequartista
    2 punte

    oppure, in luogo del trequartista ..uno come Mazzocchi, fascia destra, che sprinti da centrocampo in avanti..senza tanti compiti difensivi…fallo stare li e si preoccuperanno gli altri ( con due uomini ) in entrambe le fasi di gioco…tipo sui calci piazziati contro:
    si lascino due veloci a centrocampo…e gli altri terranno 3 uomini..due in marcatura ed uno centrale a supporto….

    ciao ASSIO …venom a cater sabet sira….tribuna est….a son in ti gradon a centarcamp scala gialla in alto alla destra della tettoia
    centrocampo…fat vedar..

  • 31 Agosto 2016 in 09:59
    Permalink

    Che si vinca non lo so nemmeno io….

    giustamente voglio vedere tutte le altre.., sul terreno di gioco, quello verde con l’erba, miga la formaszion sul giornel rosa….
    poi bisogna vedere come si presenteranno al Tardini e come giocheranno in casa…
    e mi riferisco alle cosiddette big pretendenti al primo posto del girone …
    .. per vincere le partite devi anche rischiare, osare e tentare la giocata non banale, …come ha rilevato giustamente qualcuno ,il passaggino, compitino facile, tanto per non rischiare nulla ..porta poco lontano… va bene se devi addormentare la partita o spezzare il ritmo…ma non è propositivo …venedo a mancare la velocità e la verticalizzazione immediata e ficcante…tale da tagliare difese e bunker …

I commenti sono chiusi.