I METEORismi di Lorenzo Fava / LUCAS DE SOUZA, IL “NUOVO EMERSON”? NO, UN PREVEDIBILE BUCO NELL’ACQUA

(Lorenzo Fava) – Ahimè, la nefasta stagione 2014/2015 stagione, l’ultima del Parma in Serie A prima del fallimento, non ha regalato alcuna gioia ai tifosi ducali; chi vi scrive, tuttavia, da essa ha lorenzofavapotuto guadagnare molto materiale da cui attingere per nuove edizioni di “METEORismi”: questo non lo si può negare. Non a caso abbiamo aperto l’edizione estiva 2016 con il numero dedicato al terzino macedone Ristovski, oggi invece è il turno di raccontare la storia e, nello specifico, la dimenticabile parentesi parmigiana di un altro “non protagonista” di quella stagione.

Infatti, più penso all’estate 2014 – già, quella del famoso «Andiamocela a riprendere!», riferito all’Europa League – e più mi torna in mente il viavai di giocatori che erano transitati nella sgangherata rosa a disposizione di Donadoni in quella sessione di calciomercato. Lucas+Vieira+de+Souza+Parma+Football+Club+SEXv0aEJ6JMlTra questi vi era anche Lucas Vieira de Souza, meglio noto (eufemismo) come Lucas Souza. Brasiliano di nazionalità – più precisamente originario di Santo André, città dello stato di San Paolo, dove è nato il 4 luglio 1990 – Souza era sbarcato a Parma come un perfetto sconosciuto; eppure tanti organi di stampa e addetti ai lavori si erano sbilanciati fin da subito sul suo conto, puntando forte su di lui: «non faticherà a ritagliarsi il suo spazio», «un mediano dalla vocazione difensiva che unisce qualità a quantità», «è pronto per la Serie A». La Rosea al suo arrivo intitolava che si trattativa del «mediano di quantità che mancava». E poi c’era pure chi, presumendo di conoscerlo come le proprie tasche, lo paragonava al “Puma” Emerson (l’ex di Juve e Roma, proprio lui!): «Un centrocampista alla Emerson. Ecco il primo identikit di Lucas Vieira de Souza, meglio noto come Lucas Souza, l’ultimo rinforzo in casa Parma». Parola di Alfredo Pedullà, noto mercatologo. Che poi così proseguiva: «Operazione complessa, che il nostro sito ha seguito passo dopo passo, perché, oltre all’aspetto economico, ha coinvolto anche i cartellini di altri due giocatori. Il Parma infatti ha acquistato Lucas Souza per una cifra che si aggira intorno ai 700.000 euro, firmando un contratto di quattro anni con l’opzione per il quinto, inserendo nella trattativa anche il prestito di Mastriani e il cartellino di Bazzoffia, che dunque volano in Portogallo». Lucas Souza, cresciuto in Brasile nelle fila della Juventus SP e del Paranà (con cui nel 2012/2013 aveva disputato 10 partite nel campionato carioca) era stato prelevato dall’Olhanense, squadra portoghese con cui nel 2013/2014 era sceso in campo per 30 volte segnando anche 3 reti. Il club di Olhão, allenato in quella stagione dall’italiano Giuseppe “Nanu” Galderisi, tuttavia, non era riuscito ad evitare la retrocessione in Segunda Liga (la Serie B lusitana); eppure Lucas de Souza si era messo in luce, tanto da guadagnarsi le lusinghe sul mercato del Cagliari, nel mese di giugno, e del Parma, nel mese di agosto. Lucas-SouzaLo stesso tecnico, intervista dalla redazione di ParmaLive, ne aveva esaltato l’acquisto: «Quando si fa mercato, bisogna saper scegliere e bisogna saper spendere: il Parma lo ha fatto, portando avanti un’operazione molto molto intelligente ed importante per il futuro, sia per qualità che per quantità. Tra l’altro credo che la presenza di Donadoni e la tranquillità con cui si lavora a Parma possano portare Lucas a crescere, migliorare e diventare la sorpresa di questo campionato». Dalle premesse si era venuta a formare l’idea che la rosa di Donadoni era stata rinforzata con l’arrivo di un astro nascente del calcio sudamericano e invece quell’operazione di fine agosto 2014 (che aveva coinvolto anche i crociati Bazzoffia e Mastriani: due elementi in sovrannumero che erano stati spediti in Portogallo, nda), col passare delle settimane, si era rivelata essere uno scambio tra due società praticamente disperate. Eh già, perché entrambe le società di lì a poco avrebbe scoperchiato i rispettivi vasi di Pandora: il Parma nel corso dei mesi sarebbe andato alla deriva, mentre Igor Campedelli (ex patron del Cesena), che era salito alla presidenza del club lusitano nel 2013, si sarebbe dimesso dalla parte tecnica il 9 gennaio 2015, per poi uscire di scena definitamente nel mese di febbraio. Campedelli, infatti, era stato deferito in Italia per aver sottratto risorse finanziarie del Cesena a vantaggio della società controllante indiretta. Vi starete chiedendo che cosa c’entri tutto questo con la storia di Lucas de Souza. Ebbene, alcuni scettici, ai tempi dell’operazione, sostenevano che tra il Parma e Campedelli ci fosse ancora in conto da saldare il “debito” Parolo – che era stato preso dai crociati nell’estate 2012 in prestito con il riscatto (fissato a 4 milioni) esercitato poi nell’estate successiva, il 4 luglio 2013 – e che il brasiliano, il cui valore si sarebbe aggirato intorno ai 700.000 euro, avrebbe rappresentato un’occasione per riaprire un vecchio discorso traLucas+Vieira+De+Sousa+Parma+FC+v+Genoa+CFC+cJ__ffRAaxMl l’ex presidente dei romagnoli Campedelli e l’AD del Parma Leonardi. Ecco, dunque, come taluni si erano spiegati la natura dell’affaire Souza.

Soluzione plausibile. Anche perché dal punto di vista tecnico, nonostante le parole del suo mentore Galderisi, il ragazzo non aveva destato la benché minima impressione positiva fin dalla sua prima apparizione, avvenuta il 6 ottobre 2014, alla 6^ giornata di Serie A: al Tardini un Parma in affanno andava in cerca del primo successo tra le mura amiche contro il Genoa di Gasperini, ospite di turnoParma+FC+v+Genoa+CFC+Serie+A+rT5r_k3ToBLl
L’assenza forzata di Acquah per squalifica costringeva Donadoni ai salti mortali per trovare il giusto sostituto in mediana; ma con le condizioni fisiche del fragile Mariga che non davano alcuna garanzia, il tecnico bergamasco aveva scelto di buttare nella mischia, al fianco di Lodi e Mauri, il “mister x” arrivato dal campionato portoghese. La gara di Lucas de Souza era durata per tutti i 97 minuti, recupero incluso, ma il giudizio dei presenti alla fine era stato unanime e non aveva lasciato spazio a diversità di opinioni. Complice una sconfitta cocente arrivata in extremis a causa del gol rossoblù firmato Matri e dinnanzi ad una prestazione davvero al di sotto degli standard medi di qualità che ci si aspetta di vedere da un calciatore professionista, Lucas de Souza era stato ampiamente bocciato. Anche dalla Gazzetta dello Sport, che il giorno seguente, per la gioia di tutti i patiti di fantacalcio che avevano deciso di schierarlo, gli rifilò un perentorio 5 in pagella che sapeva tanto di un imminente “arrivederci e a mai più”. In realtà, prima dell’inevitabile addio, Lucas aveva trovato spazio in altre due partite di campionato: all’8^ giornata, in casa contro il Sassuolo, e alla 13^, con Lucarelli e soci di scena a Palermo. In tutto furono 3 presenze (per un totale di 269′ minuti) accompagnate da altrettante sconfitte. Un talismano negativo. D’altronde era stato facilmente intuibile a partire da quelle presentazioni in pompa magna che la sua esperienza italiana sarebbe stata un grosso buco nell’acqua.

2b81faa9bd30856da7b8d9aaa5e2c92aCosì nel gennaio 2015 avviene il suo trasferimento alla Moreirense, club portoghese che per la prima volta nella sua storia nella stagione ’14/’15 si era ritrovato in Primeira Liga. Altra parentesi, durata lo spazio di sei mesi, da dimenticare: 6 presenze e zero reti. In estate, sfruttando il concomitante fallimento del club emiliano, si era formalizzato il definitivo passaggio al Tondela, altra matricola della Serie A portoghese. Gli ultimi dodici mesi sono stati piuttosto soddisfacenti per il mediano brasiliano, che ha giocato 27 gare segnando 2 gol e collezionando anche 11 cartellini gialli.

Dal primo di luglio si è trasferito presso i ciprioti dell’AEL Limassol.

 

LE PRECEDENTI PUNTATE DEI METEORISMI DI LORENZO FAVA

1. METTI UNA SERA DA TITOLARE CONTRO IL MILAN: BREVE E DIMENTICABILE STORIA DEL FLOP RISTOVSKI (10.07.2016)

2. KUTUZOV, LA PUNTA PIÙ AFFAMATA A TAVOLA CHE NON SOTTO PORTA CHE OGGI GIOCA A HOCKEY… (17.07.2016)

3. PELLÈ, A PARMA TUTTO PETTO E NIENTE ARROSTO. DA POCO È ENTRATO NELLA TOP 5 DEI PIÙ PAGATI AL MONDO (24.07.2016)

4. BETTARINI, BREVE MORDI E FUGGI AL PARMA PRIMA DELLA VITA DA SHOWMAN (31.07.2016)

12 pensieri riguardo “I METEORismi di Lorenzo Fava / LUCAS DE SOUZA, IL “NUOVO EMERSON”? NO, UN PREVEDIBILE BUCO NELL’ACQUA

  • 7 Agosto 2016 in 12:38
    Permalink

    Complimenti a Lorenzo per la rubrica. Un modo per non dimenticare i 1000 bidoni del “magico duo” 😉

    • 7 Agosto 2016 in 12:55
      Permalink

      Grazie, caro Luca. “Il gatto e la volpe” mi hanno regalato tanto materiale in effetti…

      PS: ne approfitto per ricordarvi che ogni vostra richiesta per questa rubrica verrà sempre presa in considerazione ed esaudita. Non fate i timidi, suvvia!

  • 7 Agosto 2016 in 13:49
    Permalink

    Complimenti Lorenzo, leggo sempre questa rubrica…

    Ma il più grande approfondimento reputo sia ancora da fare: il bidone dei bidoni, il talento dorato, il trasferimento faraonico, il magico Dorlan Pabon… Che figura mitologica da indagare! Poi in brasile non ha fatto male ma in gialloblu chi l ha visto?

    Quello diventerà sicuramente il tuo masterpiece!

    Noscrimalese
    (NOn SCRIvo MAi, LEggo SEmpre)

    • 7 Agosto 2016 in 14:43
      Permalink

      Pabon era il mio idolo, purtroppo solo virtuale.
      quando ho visto i video delle reti che segnava mi ero illuso spaccasse di brutto nel Parma..
      giocatore velocissimo dal tiro micidiale da qualsiasi posizione!!!
      inspiegabile la sua involuzione, non capirò mai perchè.
      non centrava mai la porta, neanche nelle punizioni, il pallone diventato un mattone… a parma era un altro.. un sosia? boh…

    • 7 Agosto 2016 in 15:24
      Permalink

      Giusto. Davvero mitologico, da inserire nell’Olimpo dei bidoni. METEORismo aggiudicato…
      Grazie per il contributo e le frequenti letture!

  • 7 Agosto 2016 in 14:58
    Permalink

    Vorrei ricordare Feltcher (non so se si scrive così) che a detta del nostro giornalista parmigiano Andrea Schianchi ai tempi della sua permanenza a Parma era il nonno di Lucarelli! Testuali sue parole durante una puntata di bar sport!

  • 7 Agosto 2016 in 15:05
    Permalink

    Su pabon bisognerebbe fare sì un approfondimento, visto che dal Parma è passato ai messicani del Monterrey via doyen..

    • 7 Agosto 2016 in 16:35
      Permalink

      era stato ceduto in spagna se non erro…

      • 7 Agosto 2016 in 16:40
        Permalink

        Sì. Andò in prestito al Betis Siviglia a gennaio. Ma ne era già stata annunciata la cessione ai messicani del Monterrey nel successivo mese di giugno

  • 7 Agosto 2016 in 15:29
    Permalink

    Io allargherei a soci, compratori ecc. Prima puntata: Roberto Giuli.

  • 8 Agosto 2016 in 08:36
    Permalink

    L’aldo baglio di noi altri… Si muoveva male era scoordinatissimo..ero riuscito a rimuoverlo dalla memoria 😃

    • 8 Agosto 2016 in 16:57
      Permalink

      Niente e nessuno può essere del tutto dimenticato con questa rubrica…

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI