NUNZELLA: “C’È TANTISSIMA VOGLIA DI INIZIARE. RISPETTO PER IL MODENA, MA SENZA ALCUNA PAURA”

leonardo nunzella(www.parmacalcio1913.com) – Al Centro Sportivo di Collecchio, oggi pomeriggio, prima della seduta di allenamento quotidiana, ha parlato il fluidificante Leonardo Nunzella: “Stiamo cercando di lavorare sugli errori commessi a Piacenza sui gol subiti per evitarli a Modena e iniziare con il piede giusto il nostro cammino in campionato.Ci siamo resi conto subito del problema delle palle inattive. Non dovrà diventare una questione mentale, un’ossessione. Dobbiamo essere tranquilli e migliorare in allenamento. Dobbiamo lavorare sotto diversi aspetti, non solo su questo. Con il tempo ci sarà più feeling. Io, per esempio, per i miei cross, capirò meglio i movimenti degli attaccanti. Serve un po’ di tempo. La condizione è a un buon punto, per essere a inizio campionato, seppur personalmente a Piacenza abbia sentito i carichi del ritiro. Abbiamo tantissima voglia di esordire in campionato. Non vediamo l’ora di iniziare. Andiamo a Modena ad affrontare una squadra che l’anno scorso faceva la Serie B e che ci impone rispetto. È una squadra forte, ma non abbiamo paura. I loro punti di forza non li conosco. Credo inizieremo oggi a lavorarci. Io prediligo giocare in una difesa a tre, perché si può attaccare di più, anche se c’è da correre e fare la diagonale. Non c’è questa grandissima differenza, comunque, con il sistema a quattro”.

DAL CANALE YOU TUBE UFFICIALE DEL PARMA CALCIO 1913 IL VIDEO DELLA CONFERENZA STAMPA ODIERNA DI LEONARDO NUNZELLA

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

13 pensieri riguardo “NUNZELLA: “C’È TANTISSIMA VOGLIA DI INIZIARE. RISPETTO PER IL MODENA, MA SENZA ALCUNA PAURA”

  • 23 Agosto 2016 in 19:35
    Permalink

    Alcune considerazioni: apolloni agli occhi di molti è’ inadeguato e si contano già ora le giornate all’esonero, nunzella parla nell’intervista che ha Catania avevano un grande organico mentre il Parma è’ una buona squadra e cercheranno di fare più punti possibili, forse per la salvezza forse per i play off o forse per il campionato, calaio starà fuori almeno un mese, abbiamo lo stesso centrocampo dello scorso anno, abbiamo un portiere che non dà fiducia, perinetti ha dichiarato che l’organico del Venezia è’ superiore al Parma, io vorrei solo capire che campionato ci aspetta, magari ce lo spiegherà minotti dopo Sky calcio show…..

    • 23 Agosto 2016 in 23:21
      Permalink

      Anche il Leicester doveva retrocedere, infarcito com’era di sconosciuti, pippe e bolliti. Comunque se la pensi così, cosa ti frega di seguire il Parma?

    • 24 Agosto 2016 in 12:18
      Permalink

      Non per essere pessimista ma come dice NUNZELLA siamo una buona sqiadra ma con una buona squadra non vinci il campionato.
      Qualcuno ora ce l’avrà con lui madiamine NINZELLA è realista e ha detto la verità.
      Certo questa società non l’ho capita.
      Svernare in C significa perdere milioni ogni anno.
      Ma non era meglio spendere qualcosa di più e prendere SANSONE e RODRIGUEZ e altri giocatori di prima fascia di sicuro affidamento?
      È vero, ci saremmo quasi dissanguati ma la cifra spesa sarebbe stata di gran lunga inferiore alle perdite che si avranno rimamendo per un altro anno ancora in Lega Pro.
      E poi diciamocelo chiaro, finche eri nei dilettanti potevi farlo ma ora che seinei professionisti caro MINOTTI non dovevi fare il telecronista.
      È biologico tutto questo?
      Io tifero’ sempre il Parma ma se petmettete non sono come lo struzzo che mette la testa sotto la sabbia…
      Se poi uno deve dire sempre
      “SIGNORSI’ ” altrimenti non sei tifoso
      No, io non sono così.

      • 24 Agosto 2016 in 14:46
        Permalink

        …chiedilo a cremonese e alessandria che è anni che spendono milioni di milioni….e sono ancora in lega pro…

        • 24 Agosto 2016 in 18:03
          Permalink

          …..chiedilo alla Juventus che è anni che spendono milioni di milioni….e hanno vinto 5 scudetti di fila e altri trofei e ora hanno speso milioni di milioni…… per vincere la Champions

  • 23 Agosto 2016 in 20:22
    Permalink

    Salve dondi / Fava.
    Avete l aggiornamento sulla vendita dei biglietti per Modena? Perché oggi dicevamo che ne hanno
    Fatti tantissimi
    Grazie e ciao

  • 24 Agosto 2016 in 00:51
    Permalink

    Luca secondo commento , come sempre e sottolineo sempre , cita esempi incongruenti. È vero che il Leicester partiva per salvarsi ma aveva in campo calciatori giovani, promesse del calcio inglese, gente affamata con uno staff tecnico ( cito Ranieri) che non aveva pari al mondo per l’organizzazione. E ricordo che ranieri ha allenato con profitto alcuno tra i maggiori club europei, non gubbio , modrna, grosseto, reggiana e nova gorica con annessi esoneri. Mi permetta di far notare che qui di calciatori affamati e giovani ne vedo pochi, se non a tavola forse. Cio detto, io spwro che il parma vinca il campionato e torni subito in B, ma dubito fortemente che squadra possa riuscirci e soprattutto mi da fastidio uno staftecnico il cui capo fa l’opinionista Tv. Per l’importanza dei soci che hanno la titolarita del club oltre che per gli indubbi capitali immessi, credo che meritino qualcosa in piu . peraltro e’ vero che sono loro a pagare gli stipendi (per due anni minimo) e se a loro sta bene, a me non resta che accettare la situazione e tifare comunque.

  • 24 Agosto 2016 in 10:58
    Permalink

    BASTA BASTA BASTA e poi ancora BASTA.
    Il Leicester ha fatto un miracolo IRRIPETIBILE quindi basta con sta fola noi del Leicester non abbiamo nemmeno un unghia.
    Il Parma era partito per tornare in B, nomi altisonanti, giocatori blasonati la quasi sicurezza di tormare subito in B poi man mano che il mercato avanzava questi nomi dati quasi per sicuri al Parma quando benivano a conoscenza di quello che il Parma voleva dargli, si defilavano accasandosi altrove vedi Rodriguez, Sansone e tanti tanti altri di prima fascia e secondo voi il perché?
    Semplice la società BIOLOGICA non vuole spendere per cui come diceva qualcuno

    PIÙ SPENDI MENO SPENDI ma questo loro non l’hanno capito.

    Quindi riicapitolando quando il prossimo campionato saremo per il motivo sopra elencato ancora in serie C cercheremo di andare in B e la società memore delle spese e delle perdite che il campionato di lega pro ti elargisce a piene mani, si faramno furbi e FARANMO COME HA FATTO QUEST’ANNO IL VENEZIA o cederanno la società a qualcuno che vuole VERAMENTE investire prendendo delle prime scelte e non giocatori ormai alla frutta e non vecchie glorie a fine carriera o giocatori svincolati che nessuno voleva ma SPENDENDO prendendo giovani che hanno”fame”,
    Ma non pensate che Evacuo, Calajo e altri se il Venezia li considetava abili e vincenti con i soldi che dispone Tacopina, voi pensate che non li avrebbe presi?
    Se lo squadrone del Venezia non li ha presi ci sarà pure un perché.
    O NO?
    Certo qualcuno mi dirà che questi due giocatori in passato hanno fatto tanti gol, certo in passato ma ORA SIAMO NEL PRESENTE e in questo presente e nel prossimo futuro pensate che si ripeteranno?
    Speriamo ma non è per niente scontato.
    Vedrete che prima o poi Baraye riprenderà il suo posto di attaccante perché di lui si diceva che come attaccante era di serie superiore per cui…
    Anche daigiocatori e dalle loro interviste, si capisce che di questo organico non ne sono molto convinti.
    BASTA LEGGERE LE ULTIME INTERVISTE
    Eppure il mercato non è chiuso, chissà che la società non faccia un vero acquisto e non uno BIOLOGICO
    L’anno scorso c’è stato il boom degli abbonamenti perché i tifosi avevano capito che la squadra sarebbe stata una squadra schiacciasassi come poi è stato ma quest’anno come vanno gli abbonamenti rispetto allo scorso anno?
    L’anno scorso durante la campagna abbonamenti la società sbandierava giorno dopo giorno il numero degli abbonati, quest’anno tutto tace.
    CI SARÀ UN PERCHÉ O NO?
    Se una società pensa di ritornare in B solo con il blasone e pagando i giocatori solo in modo biologico e tutti sappiamo cosa voglio dire, andare in cadetteria sarà solo una chimera.una maledetta chimera BIOLOGICA.
    Quindi bene che ci vada con questa squadra con questo allenatore che non è ancora stato capace di date un gioco alla squadra e non è capace di insegnare ai giocatori come ci si deve schierare sui calci da fermo con questa società “biologica” che non vuole spendere, con questo Minotti che fa un altro lavoro mentre il Parma per lui è solo un diversivo, presumo UNA SCOCCIATURA, bene che ci vada arriveremo ai play off ma come in coppa Italia l’anno scorso, come nella poule scudetto dell’anno scorso e come nella coppa Italia di quest’anno verremo subito eliminati perché nelle partite secche o nei doppi confronti NON ESISTIAMO.
    Fuori la grana ! ! ! !

    • 24 Agosto 2016 in 12:44
      Permalink

      Caro The Rock, dici talmente tante inesattezze (per non dire cazzate) che per contestarle una ad una ci vorrebbe una risposta lunga quanto il tuo sproloquio.
      Ci provo sinteticamente:

      1) Se il Venezia non ha preso Evacuo, Calaiò etc. è perchè sono dei bidoni. Come sai, c’è un limite al numero degli Over. Il Venezia non poteva prendere tutti i giocatori buoni che ci sono sul mercato.
      2) Chiedi alla società di spendere e spandere, ma me lo ricordo solo io il fallimento da 200 milioni di cui ci siamo resi protagonisti un anno fa, non 50 anni fa? Poi sicuramente sarei anche fra quelli che danno del Maiale a Ghirardi e Co. non riuscendo a leggere il nesso fra lo spendere e lo spandere e il fallimento medesimo…
      3) Evacuo e Caliò buoni nel passato e ora finiti. Evacuo è andato in doppia cifra in Serie B trascinando il Novara quasi verso la promozione in A l’anno scorso, non 100 anni fa. Calaiò quasi, essendosi fermato a 9 reti in Serie B con lo Spezia.
      4) L’anno scorso non c’è stato il boom dei tifosi perchè si sapeva di una squadra schiacciasassi, anzi più o meno si leggevano le stesse polemiche disfattiste su queste pagine. L’anno scorso si è fatto il boom di abbonamenti perchè era forte la voglia di una città di riappropriarsi della sua squadra e di risollevarsi.
      5) Il numero degli abbonati viene aggiornato quotidianamente sull’edizione cartacea de La Gazzetta di Parma. Il dato aggiornato a ieri era di circa 7.500 abbonamenti e stiamo lottando abbonamento su abbonamento con il Lecce per essere la squadra con più abbonati della Lega Pro.

      Credo che possa bastare.

      • 24 Agosto 2016 in 12:50
        Permalink

        Errata corrige al punto 2: non sarEi io ” fra quelli che danno del Maiale a Ghirardi e Co.” ma sarAi tu, The Rock

      • 24 Agosto 2016 in 15:47
        Permalink

        Ti dimostro Deca che le mie non sono cazzate, é il mio pensiero che tu puoi condividere o no.
        Tu, puoi esprimete i tuoi giudizi che rispetto ma tu devi rispettare i miei.
        Non devi offendermi solo perché la penso diversamebte da te.

        Punto 1)
        Il Venezia non ha preso Evacuo e Calaiò per il semplice fatto che è andata su attaccanti più giovani e più forti altrimenti stai tranquillo che,Tacopina li avrebbe presi.

        Punto 2)
        È vero ma i presidenti non sono assolutamente come Ghirardi che ha preso la squadra senza un centesimo di debiti e poi ne ha accumulato 218 milioni di debiti e con il vecchio connio sarebbero stati 500 miliardi di lire ma quei debiti non li ha fatti per rinforzare la squadra ma l’opposto, PER INDEBOLIRLA e distruggerla.
        Io non penso che Ghirardi sia un maiale o una scrofa perché così dicendo offenderei animali amici che non ci rubano nulla ma ci danno le loro prelibate carni e con il crudo hanno reso famosa Parma in tutto il mondo.
        Ghirardi ha reso Parma famosa in tutto il mondo per l’opposto di quello che danno i maiali per cui dando del maiale o della scrofa a Ghirardi gli farei un complimento che non si merita assolutamente anche se assomiglia fisicamente a loro in modo imbarazzante ma il saio …….. non fa il monaco
        Perché prendi esempi negativi?
        Basta prendere i presidenti del Sassuolo, del Carpi, del Crotone, del Trapani, del Chievo e altri stimati e seri presidenti della mia per fare andare a puttana la tua teoria.
        Debiti ne hanno fatti ma poi investendo bene hanno avuto il loro tornaconto.
        Certo non hanno commentatori televisivi che vanno a commentare altre squadre abbandonando la barca e sputando sul piatto in cui si mangia

        Punto 3)
        Evacuo e Calaiò nel loro passato hanno fatto bene ma qui con gli schemi e con la nebbia e la confusione che ha Apolloni, cosa faranno?
        Saranno motivati?
        Dalle loro interviste, più che motivati mi sebrano rassegnati
        E poi perché….. vedi punto 1

        Punto 4)
        Se l’anno scorso si è fatto il boom degli abbonamenti è perché la città voleva approppriarsi della propria squadra e di questo sono d’accordo con te.
        Mi ricordo, sotto il sole ho fatto una coda di 5 ore.
        Si captava nell’aria la consapevolezza che la società avrebbe fatto uno squadrone cosa che poi puntualmente si è verificata.
        Per me quest’anno non si è investito come si doveva.
        Sansone e Rodriguez per un pugno di euro non dovevamo lasciarceli scappare.

        Punto 4)
        Qui hai ragione.
        Essendo stato in ferie non avendo la Gazza, non potevo saperlo dato che stadiotardini.it non ne ha mai accennato.

        Concludendo spero veramente di sbagliarmi ma una società che vuole vincere il campionato deve investire di più e non permettersi di perdere giocatori che avrebbero fatto maledettamente comodo al Parma per una manciata di euro.
        Per vincere uncampionato ci vuole un allenatore con le idee chiare e dirigenti seri che non vanno a fare le telecronache di squadre di altre serie invece di rimanere RESPONSABILMENTE in sede a cercare giocatori che ci facciano fare il salto di qualità visto che il mercato non è ancora chiuso.
        Ciao.

  • 24 Agosto 2016 in 11:54
    Permalink

    Visto che non esiste solo il mondo di internet ma pure quello reale…io leggo ancora pure la vecchia e cara Gazzetta di Parma, la settimana enigmistica, famiglia cristiana e pure play boy ..

    Il numero di abbonati lo si può trovare, dal lunedì alla domenica, tutti i giorni, nella pagina sportiva della G.d. Parma..a ieri sera gli abbonati erano 7.603: pure io ero semi preoccupato una settimana fa…ma, considerato che una parte della Curva Nord non digerisce la tessera del tifoso, che qualcuno l’anno scorso abbia fatto qualche doppione e quest anno no…ecc ecc ….non siamo messi male..
    e ci arriveremo vicino cmnq ai 10.000 dell’anno scorso…
    ..altrimenti …pazienza…vadano a vedere altre squadre….c’è di meglio in giro ( ma pure di peggio ..)

  • 24 Agosto 2016 in 12:05
    Permalink

    Mamma mia che pessimismo deve ancora iniziare il campionato e gia’ si fanno considerazioni di quello che accadra’ fra un anno.
    Se siamo veri tifosi abboniamoci in massa stiamo vicini alla squadra anche nei momenti difficili che ci saranno sicuramente sosteniamo la societa’ e la squadra poi alla fine vedremo il responso del campo.
    Ma l’esperienza Leonardi e Ghirardi non vi ha insegnato niente?

    SEMPRE FORZA PARMA

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI