IL COLUMNIST di Luca Russo / NICCHI TER, IL FERGUSON DELL’AIA

(Luca Russo) – Tra il blitz della Juventus, che ha sconfitto non meritandolo quasi per niente un Palermo volitivo e per la verità mai così determinato e sul pezzo come contro i campioni d’Italia in carica; la pronta risposta del Napoli, che davanti agli appena 20mila del San Paolo ha incartato col minimo sforzo e con un Gabbiadini finalmente vivo, combattivo e decisivo un Chievo non in palla, diversamente da quanto accaduto nelle precedenti cinque uscite, e penalizzato dalla serata storta del suo custode Sorrentino; e il ritorno al successo casalingo del Parma, a cui è bastato un lampo di Evacuo per accecare un Albinoleffe venuto al Tardini con la sola preoccupazione di non prenderle, ieri è passato in secondo piano il voto dei 346 delegati dell’Associazione italiana arbitri riunitisi a Fiumicino per scegliere il nuovo presidente. nicchiL’ha spuntata Marcello Nicchi, al suo terzo mandato consecutivo, un record a tutti gli effetti dal momento che dalle parti dell’Aia non era mai accaduto che una presidenza fosse così longeva. 242 i voti raccolti dal 63enne ex arbitro internazionale contro gli appena 95 dello sfidante Antonio Zappi, la cui candidatura è stata sostenuta dal designatore Braschi e che sette anni fa fu scelto proprio da Nicchi affinché rivestisse l’incarico di responsabile del servizio ispettivo, compito in cui il 51enne viterbese si è disimpegnato con ottimi risultati. 242 a 95: si fosse trattato di una partita di calcio, avremmo detto o scritto che non c’è stata storia. E in effetti i numeri ci parlano chiaro: il derby tra la continuità e il cambiamento è stato vinto a mani basse dalla prima. Evidentemente gli obiettivi centrati da Nicchi dal 2009 (anno della sua prima elezione) a oggi – ne citiamo giusto qualcuno: la ritrovata autonomia dell’associazione, il ritocco verso l’alto dei rimborsi, l’introduzione dei biglietti aerei prepagati per gli associati delle isole, la possibilità concessa ai fischietti di rivedere le proprie gare e capire gli errori commessi e il rinnovo a cifre superiori dell’accordo di sponsorizzazione con l’assicurazione Eurovita – hanno convinto i delegati dell’associazione a dargli ulteriore fiducia e a sbriciolare la candidatura dello sfidante Zappi, che nel suo manifesto elettorale si è limitato a parlare di “necessità di un ricambio per ripartire con slancio e continuare un percorso positivo, tre mandati sono troppi e stonano con i principi delle grandi democrazie, ne bastano due e se dovessi vincere cambierei questa regola”, di riunione della Can di A con quella di B e della voglia di rompere il tabù dei direttori di gara chiusi in loro stessi, che in caso di elezione avrebbe invitato a parlare con la stampa per motivare le loro scelte in campo. Temi triti e ritriti ed evidentemente incapaci di far breccia nei 346 di Fiumicino, che al cambiamento tanto desiderato dallo sfidante hanno preferito la continuità proposta dal presidente uscente. Sposando in questo modo la linea di Nicchi, che alla vigilia del voto, spinto dalla necessità di fronteggiare e neutralizzare le cariche dello sfidante, che lo ha accusato di voler privatizzare l’Aia, ha dichiarato: “Dunque, se una squadra ha un allenatore che ha vinto diversi campionati, lo si manda via perché occupa il posto da troppo tempo?”. No, secondo il voto di ieri. E così dopo il Ferguson vero e che per 27 anni ha guidato il glorioso Manchester United, ventiquattro ore fa a Fiumicino sono state gettate le basi per una sua copia, che rischia di venir fuori meglio dell’originale: Marcello Nicchi, il Ferguson dell’Aia… Luca Russo

9 pensieri riguardo “IL COLUMNIST di Luca Russo / NICCHI TER, IL FERGUSON DELL’AIA

  • 25 Settembre 2016 in 13:45
    Permalink

    Nicchi me lo ricordo “molto simpatico” quando eravamo in A.

  • 25 Settembre 2016 in 19:47
    Permalink

    Ho avuto modo di conoscere il presidente Nicchi in alcune serate, devo dire che mi ha sempre fatto un ottima impressione, saldo nel cercare di estirpare la violenza, in particolare verso la classe arbitrale, in questo sport. Sono felice che possa continuare il lavoro. Tre mandati possono sembrare tanti, e lo sono, ma non ci sono alternative di spessore allo stato attuale.

  • 25 Settembre 2016 in 23:29
    Permalink

    Apolloni deve adeguare i suoi schemi ai giocatori che dispone.
    MAI fare adeguare i giocatori ai suoi schemi altrimenti molti giocano fuori ruolo e rendono la metà..
    Se col Sanbenedetto non cambiamo modulo
    SCONFITTA CERTA.
    Non sempre c’è il micio a togliere le castagne dal fuoco e a mettere in secondo piami il modulo mortuario
    A proposito di castagne….

  • 26 Settembre 2016 in 00:01
    Permalink

    Vi doco perché la partita con la Sambenedettese è decisiva in caso di sconfitta.
    Ora hanno un punto più di noi e una partita in meno quindi 4 punti di vantaggio.
    Se perdiamo i punti sono7
    Ci troviamo nella stessa situazione prima di Pordenone.
    Se perdevamo con loro andavamo a 8 punti dalla vetta.
    Se perdiamo col sambenedetto andremo a 7 punti da loro.

  • 26 Settembre 2016 in 08:18
    Permalink

    Nei giornali sportivi il Venezia è dato per favorito.
    I titoli sono tutti per loro
    Noi abbiamo ahime solo i titoli di…. coda.
    Non siamo una squadra cinica
    Abbiamo bisogno di 10 occasioni per fare un gol.
    Così non si va lontano
    San Benedetto è un crocevia.
    Se siamo i più forti dimostriamolo sabato.
    E CAMBIAMO STO CAZZO DI MODULO SUICIDA.

  • 26 Settembre 2016 in 09:27
    Permalink

    Sig. The Rock, le Sue dapacità matematiche si confernano ogn’ora sublimi, mai banali, una continua scoperta. Mi pernetta però un modesto appunto: i campionati non li decidono i giornali.

    • 26 Settembre 2016 in 12:44
      Permalink

      No. I giornali contrano eccome.
      Condizionano gli arbitri che nel dubbio favoriscono la squadra favorita e che, come in questo caso ha allenatori di grido
      Condizionano i giocatori avversari che per molti di loro incontrare la favorita del torneo e la prima in classifica osannata dai giornali e molti di loro se la fanno addosso dalla paura e condizionano anche i giocatori che si sentono forti con autostoma a livelli siderali.

  • 26 Settembre 2016 in 10:05
    Permalink

    dipende se i giornali svolazzano che le palle ancor mi girano…..

    nella peggiore andiamo tutti al cine…

  • 26 Settembre 2016 in 17:08
    Permalink

    ..e i francesi che s’incazzano….

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI