martedì, Febbraio 27, 2024
In EvidenzaNewsVideogallery Amatoriale

LA LUCE IN FONDO AL TUNNEL, di Luca Tegoni / CHE COS’E’ IL GENIO…

(Luca Tegoni) – “Che cos’è il genio? È fantasia, intuizione, colpo d’occhio e velocità d’esecuzione”. Così l’architetto Melandri definiva il genio nell’episodio di Amici miei atto II in cui il Prof. Sassaroli sentenziava l’afflizione patita dallo “strozzino”, la “Defecatio isterica”.

WSN_4359Punizione a trequarti campo sulla destra d’attacco del ParmaNunzella si incarica di calciare. Nel contempo Coly parte verso la linea di fondo a sinistra dell’area e viene servito con una parabola che gli mette il pallone sulla testa, lui colpisce e manda la palla a centro area, irrompe Evacuo che colpisce di testa ma il tiro viene intercettato da un difensore, la palla si impenna, Calaiò comprende lo sviluppo della traiettoria, prende posizione nei confronti dell’avversario per occupare spazio, inclina il busto all’indietro, sposta il baricentro in orizzontale quel tanto che basta per colpire violentemente il pallone con il sinistro. Calaiò bascula e segna. Lo stadio esulta e il boato di gioia scuote la città.

Qualche ora prima i tifosi compiono il rito laico dell’accompagnamento allo stadio dei ragazzi e loro, soprattutto i nuovi arrivati, percepiscono l’entusiasmo e l’affetto che dovranno ricambiare con la dedizione, totale, alla causa.

WSN_4099Il Parma parte bene, i giocatori sono concentrati ed aggressivi. Il tre cinque due stavolta ha senso rispetto a quello incomprensibile di sabato scorso a Modena. Lucarelli detta i tempi di gioco come fosse il regista e profonde un impegno che è esempio per tutti. Molto bene anche Nunzella che percorre la fascia senza sosta. Corapi, che sostituisce Miglietta, coadiuva alla regia il Capitano e cerca con insistenza il tiro da fuori, anche se con scarsa fortuna. Il Lumezzane pensa soprattutto a non prenderle e la partita si svolge più che altro nella loro metà campo. Anche loro riescono a rendersi pericolosi, ma Coric in uscita è attento e para su Barbuti. Gli spazi sono pochissimi e quindi il Parma fa fatica ad avere occasioni nitide. Cross e tiri in quantità ma si va all’intervallo sullo zero a zero. Oggi molta corsa e molto caldo. La signora nella fila sotto la mia agita con vigore il ventaglio e anche io ne colgo il beneficio.

WSN_4272Il Parma nel secondo tempo riparte con la stessa volontà e si rende ancor più pericoloso che nel primo tempo. Colpisce tre volte i legni della porta avversaria, il primo a causa di un rimpallo tra difensori del Lumezzane che anticipano Nocciolini, poi Canini colpisce di testa la traversa su calcio d’angolo ben tirato da Corapi e infine Guazzo, dal vertice sinistro dell’area, colpisce al volo con potenza e il pallone, dopo aver colpito un difensore, impatta violentemente sul palo alla sinistra del portiere. Altre occasioni anticipano l’agognato vantaggio cercato nonostante le energie stessero per terminare. Apolloni sostituisce Garufo con Messina, Lucarelli con Evacuo e a questo punto cambia anche modulo passando ad un quattro tre tre, poi pochi minuti prima del goal entra in campo anche Guazzo al posto di Nocciolini.

Insomma, buona la prestazione soprattutto per la volontà di vincere che si è palesata per tutta la partita. Questo fine settimana termina con una prospettiva ben migliore del precedente. I giocatori hanno combattuto e l’allenatore ha fatto cambi per tempo e modificato l’assetto della squadra per avere più possibilità di vittoria.

Parma batte Lumezzane 1 a 0.

Non vedo l’ora che il Parma sia primo in classifica, per restarci. Luca Tegoni (video dal canale ufficiale You Tube del Parma Calcio 1913, foto di Alessandro Filoramo, Wire Studio, per www.parmacalcio1913.com)

wire studio

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

IL CORTEO BOYS-SQUADRA DAL BARILLA CENTER AL TARDINI (CON LA TORCIA DI YVES BARAYE…) – Video dal canale ufficiale You Tube del Parma Calcio 1913

IL COMPENDIO DEI VIDEO EMOZIONALI DI PARMA-LUMEZZANE DAL CANALE UFFICIALE YOU TUBE DEL PARMA CALCIO 1913 CON LA COREOGRAFIA DELLA NORD, IL GOL DI CALAIO’ E IL SALUTO ALLA CURVA

IL DOPO PARTITA DI PARMA-LUMEZZANE 1-0: il compendio dei video delle conferenze stampa dei Mister Apolloni e Filippini e dei calciatori Lucarelli e Calaiò

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 60 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 a Dicembre 2023 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società. Dal 2010, a conferma di una indiscussa poliedricità, ha iniziato un percorso come attore/figurazione speciale di film e cortometraggi: l'apice l'ha raggiunto con il cammeo (parte parlata) all'interno del pluripremiato film di Giorgio Diritti "Volevo Nascondermi" (con presenza nel trailer ufficiale) e partecipazioni in "Baciato dalla Fortuna", "La Certosa di Parma", "Fai bei sogni" (del regista Marco Bellocchio), "Il Treno dei bambini" di Cristina Comencini, "Postcard from Earth" del regista Darren Aronofsky, "Ferrari" del regista Michael Mann. Apparizioni anche nei cortometraggi nazionali "Tracce", "Variazioni", "L'Assassinio di Davide Menguzzi", "Pausa pranzo di lavoro"; tra i protagonisti (Ispettore Majo) della produzione locale della Mezzani Film "La Spétnèda", e poi nei successivi lavori "ColPo di Genio" e "Franciao".

2 pensieri riguardo “LA LUCE IN FONDO AL TUNNEL, di Luca Tegoni / CHE COS’E’ IL GENIO…

  • Voglio il gol di Calaiò come gol copertina in caso di promozione.

  • …io sinceramente a livello di gioco (se cosi si può chiamare) ho preferito di più il primo tempo…nel secondo si sono visti troppi errori di impostazioni e un calo fisico forse dovuti alla preparazione…
    una cosa che mi colpisce in negativo oggi cosi come lo faceva lo scorso anno è la difficoltà nel cambiare gioco..non so se è una richiesta di Apolloni..ma non giochiamo mai a destra mentre l’anno scorso non si giocava mai a sinistra…forse GARUFO non da sicurezza?
    …ottimo il cambio modulo con il passaggio al 4-3-3 con il tridente pesante..male Baraye estraneo al gioco tutta la partita…
    si hanno novità di Hofbauer o un altro centrocampista?

I commenti sono chiusi.