Se ne è andato a 71 anni Gianfranco Bellè. Le esequie venerdì alle 14.45 nella Chiesa dello Spirito Santo

gian-franco-belle(Andrea Belletti) – Si è spento nella notte Gianfranco Bellè storica firma della Gazzetta di Parma. Una vita per lo sport la sua spentasi dopo una battaglia durata alcuni mesi con un male incurabile. Nei 40 anni trascorsi alla Gazzetta ha raccontato tutte le principali imprese dello sport parmigiano a partire dal Parma Calcio, a cui ha dedicato non pochi volumi. Indimenticabile “Tutto il Parma minuto per minuto” scritto in collaborazione con Aldo Curti che lascia in eredità ai posteri il passato glorioso del sodalizio crociato.

 

Figlio di Ferruccio Bellè arbitro di fama internazionale, Gianfranco segue tutti gli sport e si prodiga perché più discipline possibili possano avere spazio all’interno della pagina sportiva. Giornalista poliedrico nel 1968 è inviato in Cecoslovacchia per raccontare la Primavera di Praga un periodo che avrebbe potuto decretare una svolta nei paesi aderenti al patto di Varsavia prima che i carri armati russi soffocassero l’ondata riformatrice del “socialismo dal volto umano”. Nella sua carriera non si scordano i siparietti con l’altro asso della penna Attilio Fregoso, due personalità opposte ma capaci di lavorare in sinergia. Amava il suo lavoro Gianfranco e quando è arrivato il momento della pensione il richiamo di carta e calamaio è stato più forte e cosi ha intrapreso subito una nuova avventura diventando collaboratore dell’ufficio stampa della Federazione Italiana Rugby.

A tutti i cari e ai familiari di Gianfranco le più sentite condoglianze da parte dello staff di Stadiotardini.it

Il rosario sarà recitato domani, giovedì, alle 19.30 nella chiesa dello Spirito Santo, in via Picedi Benettini. La stessa dove venerdì alle 14.45 saranno celebrate le esequie. Per chi volesse già rendere omaggio a Sandro Bellè, dalle 15 di oggi alle 14.30 di venerdì la salma sarà alla Sala del commiato con ingresso di fronte alla Villetta. 

UNA DELLE ULTIME USCITE PUBBLICHE DI GIANFRANCO BELLE’: LA XXI CENA DI PRIMAVERA DA ROMANI DEGLI EX GIALLOBLU’ IL 3 GIUGNO 2016 (CLICCA QUI)

CLICCA QUI PER LEGGERE IL RICORDO DI GABRIELE BALESTRAZZI

CLICCA QUI PER LEGGERE IL RICORDO DI VANNI ZAGNOLI

CLICCA QUI PER IL CORDOGLIO DEL PARMA CALCIO 1913

IL RICORDO DEL SINDACO E DELL’AMMINISTRAZIONE COMUNALE:

Ci mancherà molto Gianfranco Bellè.

Mancherà alle tante persone di Parma che hanno avuto modo di conoscerlo e apprezzarlo come uomo di sport, come giornalista capace di farci vivere e rivivere momenti indimenticabili sul giornale e sugli schermi televisivi, come persona impegnata nel volontariato in modo discreto ma assiduo, con un cuore grande, capace di spendersi per gli altri.

Lo vogliamo ricordare così, come promotore di tante iniziative e incontri dedicati allo sport promossi da lui in Municipio, oppure quando  lo abbiamo chiamato e non ha mai negato la sua disponibilità a collaborare per celebrare tanti eventi che hanno visto protagonisti atleti e dirigenti sportivi di Parma.

Gianfranco Bellè ci ha lasciato in eredità con i suoi volumi quasi un secolo di storia del Parma Calcio e i ricordi nero su bianco delle imprese sportive in cui  Parma ha scritto pagine importanti, degne di essere ricordate.

Ma nel dirgli addio non vogliamo dimenticare una delle cose a cui teneva di più, tutta sua, lontano dalle luci della ribalta: i suoi viaggi con l’UNITALSI e il suo lavoro quotidiano per dare una mano alle persone in difficoltà. Ciao “Sandro”, Parma non ti dimenticherà.

4 pensieri riguardo “Se ne è andato a 71 anni Gianfranco Bellè. Le esequie venerdì alle 14.45 nella Chiesa dello Spirito Santo

  • 14 Settembre 2016 in 12:24
    Permalink

    Mi dispiace tantissimo, non so che dire
    Condolianze sentite alla famiglia.

  • 14 Settembre 2016 in 13:10
    Permalink

    Ciao Gianfranco, RIP

  • 14 Settembre 2016 in 14:18
    Permalink

    Non essendo di Parma, non lo conoscevo bene, però sapevo che era molto famoso nell’ambiente. R.I.P.

  • 14 Settembre 2016 in 16:45
    Permalink

    Che la terra ti sia lieva quanti ricordi correvo a prendere la gazzetta per leggere i tuoi articoli il pallone lo chiamavi il cuoio espressioni antiche ma affascinanti anni passati senza ritorno ciao

I commenti sono chiusi.