CALCIO & CALCIO / FABRIS (PARMA FANZINE): “IL PARMA E’ UNA BOMBA A OROLOGERIA”. AMPOLLINI: “SCALA E APOLLONI VAN GIUDICATI PER QUELLO CHE STANNO FACENDO ORA, NON PER IL PASSATO”

ampollini(Evaristo Cipriani) – FISCHI DI PAURA? – “Ricordo pochissimi casi di tifosi che abbiano fischiato la propria squadra dopo una vittoria: ci sono stati i sostenitori del Real Madrid che fischiavano Capello nonostante i successi, ma stiamo parlando della piazza più esigente e meglio abituata al mondo”. Così Michele Angella ha introdotto ieri sera la nona puntata di Calcio & Calcio su 12 Teleducato con in studio oltre agli opinionisti fissi Luca Ampollini e Nicolò Fabris (responsabile di Parma Fanzine), anche l’avvocato Paolo Malvisi (consigliere Associazione Italiana Avvocati Sport  e componente dell’organico organizzativo della Lega Pro) e la tifosissima e abbonata storica Nicoletta Rosati che rosati-ampollini-300x257però ha detto: “Io non ero contenta, ma non ho fischiato, perché ci vuole pazienza, molti pensavano che fosse tutto molto facile e invece non è cosi”. Secondo l’interpretazione di Luca Ampollini i fischi di sabato sono stati dettati soprattutto dalla paura e dalla disapprovazione: “Il pubblico percepisce che questa squadra sta facendo molta fatica, ha tanti problemi e teme che in futuro la situazione possa precipitare”. Nicolò Fabris ha sottolineato un aspetto significativo: “I fischi non sono arrivati durante la partita, ma alla fine, quindi il pubblico non ha condizionato la squadra durante la partita”. Angella ha concluso l’argomento: “C’è da rimarcare positivamente come nessuno degli addetti ai lavori abbia contestato i fischi, anzi la società, con molta obiettività ha pubblicato sul proprio canale youtube un filmato proprio con i fischi a fine partita”.

SINDROME DA TARDINI – Tutto lo studio si è detto concorde nel sostenere che non esista una sindrome da Tardini, come invece ipotizzato da mister Apolloni sabato dopo la partita contro il Forlì. “Se c’è una piazza dove i giocatori non hanno pressioni è quella di Parma, qui c’è gente che ha giocato in A e al Sud e sa cosa significhi avere pressioni”, ha sentenziato Angella.

angellaLA PERCEZIONE DEL TIFO – “Non vorrei che il Parma pensasse che tutti i tifosi sono come quelli dei clubs e del tifo organizzato che hanno, legittimamente e rispettabilmente, il sostegno incondizionato nel proprio dna” ha affermato il conduttore Michele Angella, specificando: “Scala nella conferenza stampa del 13 ottobre ha detto che tutte le volte che incontra i tifosi gli esprimono la massima fiducia, non ho dubbi perché lui è stato un monumento, però i fischi dell’altra sera dimostrano che una gran parte della tifoseria non è contenta e il tifo non è fatto solo dagli iscritti ai club che accoglierebbero con applausi e brindisi tutti anche dopo una sconfitta per 5-0”.

malvisi-fabris-300x220BOMBA A OROLOGERIA – Nicolò Fabris, responsabile di Parma Fanzine, nel corso della serata ha rivelato del clima di tensione vissuto ieri a Collecchio con la presenza del presidente Nevio Scala che ha tenuto a rapporto la squadra. “Secondo me il Parma è una bomba a orologeria” ha detto nemmeno troppo sibillino lo stesso Fabris.

STOP AI SENTIMENTALISMI – “E’ ora di smetterla di dire che Apolloni è una brava persona e che è stato un grande calciatore della storia del Parma – ha esclamato l’opinion maker Ampollinioppure che Scala è una bandiera e un monumento: è vero, verissimo, però vorrei che li giudicassimo per quello che stanno facendo ora, non per il passato, giudichiamolo per i loro ruoli attuali”.

CENTROCAMPO MAL ASSORTITO – Dal punto di vista tecnico da mettere in evidenza la valutazione dell’avvocato Paolo Malvisi sul centrocampo: “E’ male assortito”. Il noto legale ha anche tessuto le lodi di Sbaffo della Reggiana, uno che, secondo radio-mercato, il Parma aveva inseguito a lungo in estate.

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

APOLLONI: “PRENDIAMO I FISCHI COME ABBIAM PRESO I 3 PUNTI. LA SQUADRA, IN QUESTO MOMENTO, SOFFRE IL TARDINI: COMPLICAVAMO ANCHE LE COSE PIU’ SEMPLICI, PENSO SIA SOLO UNA QUESTIONE MENTALE”

SCALA: “APOLLONI SIAMO NOI. IL TECNICO MAI IN DISCUSSIONE: SIAMO UN GRUPPO DI CUI IO SONO IL RESPONSABILE”. MINOTTI: “I CAVALLI SI VEDONO ALLA FINE”. GALASSI: “MENO ISTERIA E PIU’ EQUILIBRIO”

22 pensieri riguardo “CALCIO & CALCIO / FABRIS (PARMA FANZINE): “IL PARMA E’ UNA BOMBA A OROLOGERIA”. AMPOLLINI: “SCALA E APOLLONI VAN GIUDICATI PER QUELLO CHE STANNO FACENDO ORA, NON PER IL PASSATO”

  • 25 Ottobre 2016 in 14:15
    Permalink

    Scampa caval che l’erba la cressa !!

  • 25 Ottobre 2016 in 16:16
    Permalink

    Bravi a parlare di Sbaffo. Ricordo Minotti saccente parculare Sbaffo per le richieste di money e parculare chi lo ha ingaggiato. Tanto noi abbiamo Miglietta e il centrocampo della D!
    Bravo!

  • 25 Ottobre 2016 in 17:12
    Permalink

    Teleducato come sempre numero uno

  • 25 Ottobre 2016 in 17:28
    Permalink

    Assolutamente numero uno. La concorrenza col povero Zommers a raccontare banalità qui almeno si parla di qualcosa di vicino alla realtà

  • 25 Ottobre 2016 in 17:36
    Permalink

    Ampollini verrà licenziato dopo l’uscita su marchisio oppure resterà lì a fare il furbo al megafono del tardini?

    • 25 Ottobre 2016 in 20:13
      Permalink

      In effetti con i problemi che abbiamo sarebbe proprio il primo da licenziare…

  • 25 Ottobre 2016 in 18:16
    Permalink

    Per una volta Ampollini ha ragione. La gratitudine non è eterna, altrimenti si rischia di far passare tutto.

  • 25 Ottobre 2016 in 18:48
    Permalink

    Lasciamo stare ampollini per favore e pensiamo al Parma che è meglio..

  • 25 Ottobre 2016 in 19:11
    Permalink

    Caro Luca con la S maiuscola,

    vuoi farlo tu il furbo al Tardini col megafono in mano?

    Pensa al Parma e a come uscire dalle sabbie mobili…

  • 25 Ottobre 2016 in 19:14
    Permalink

    Dimenticavo:

    ieri sera in trasmissione dicevano che in pentola bolle qualcosa.

    Sarà che la proprietà a fine anno darà il ben servito al quartetto

    cetra? Ma magari……

    A vag a Lourdes.

  • 25 Ottobre 2016 in 19:43
    Permalink

    Sperèrema che al sia almeno un cotghè

  • 25 Ottobre 2016 in 22:56
    Permalink

    Con la vellutata di patate ??? Vale a dire..col pure ??

  • 26 Ottobre 2016 in 09:10
    Permalink

    per quanto mi concerne l’unica bomba ad orologeria che conosco e’ quella che sta sul comodino il lunedi’ mattina

  • 26 Ottobre 2016 in 10:09
    Permalink

    no, mi al codghè al magn da lu, rondela par rondela.
    Ag voj gnenta a taca.
    Una voltà a go provè col zabajò…bè ragas, l’è da prover,,,,

  • 26 Ottobre 2016 in 11:40
    Permalink

    Al codghè le bò con i fagioloni corona miga col di foto però

    Come beveraggio una coca o aranciata leggerahahahah

  • 26 Ottobre 2016 in 11:51
    Permalink

    Codghè e zabajò?E vacco cà…roba da piatto finalista di masterscèf!

  • 26 Ottobre 2016 in 13:52
    Permalink

    l’ho mangiato pure io giusto per curiosità, diciamo che nei pensieri della nouvelle cuisine, il dolce dello zabaione, fatto come Silvio comanda, ammazza bene il bsonto dal cotghin..
    mi al preferis sempar col purè o del volti col sacrao..
    e chi, col è al sacrao ag sema in poc a saverel ..
    vero Pencroff, Assioma, Nobiltè, forsi Simone T. e B e poc etar ..
    ah ah ah ah
    il fan al gallo d’oro la seconda a sinistra ed via farini

    • 26 Ottobre 2016 in 13:57
      Permalink

      an ghe mel sal conoss ,ma le verze non mi son mai piaciute

  • 26 Ottobre 2016 in 13:59
    Permalink

    ag son stè c,le poc dal Galò

  • 26 Ottobre 2016 in 14:10
    Permalink

    Ovvio che so cos’è il sacrao, ma il purè par mi l’è la sò morte dal’ cotghè. Questione di gusti ovviamente..ma al zabaiò al me ispira bombè

  • 26 Ottobre 2016 in 17:12
    Permalink

    Le bò in Via Sauro ma era più buono in Via Mameli altri tempi

    Però col zabaiò e sacrao NON sono amante ragass

  • 26 Ottobre 2016 in 17:23
    Permalink

    Provì ragas col zabajò, l’e un gust particoler, se andì a senna con ‘na belà dòna a fi una bela figura da rafinè e as pol der che….
    Mi comunque a continui a magnerol da LU, al purè al va’ bè pri malè….
    a mi fat gnir ‘na fama ed la Madonè.
    Mi ag bev adrè dal Gutturnio o Barbera…

I commenti sono chiusi.