IL COLUMNIST / QUAL E’ IL VERO PARMA? QUELLO INFILZATO TRE VOLTE DALL’ULTIMA DELLA CLASSE, O QUELLO CHE CON IMPETO E PASSIONE HA RIMONTATO?

il-columnist-luca-russo.jpg(Luca Russo) – Beh, la domanda sorge spontanea: quale è il vero Parma tra i “due” visti all’opera a Forlì? Quello che quasi senza opporre resistenza finisce sotto per due volte prima dell’intervallo contro l’ultima della classe? O quello che, al di là della ricreazione, con impeto e passione riesce nell’impresa di rimontarla ricordandole le ragioni per cui è fanalino di coda? Mi auguro che la risposta giusta sia la seconda, perché se invece fosse buona l’altra, avremmo tanto di cui preoccuparci. Ma tanto tanto tanto. Nell’attesa di risolvere l’enigma, godiamoci i tre punti conquistati in Romagna. Tre punti che di fatto ci proiettano nuovamente a ridosso dei fuggitivi: è vero che la slide-columnist-forli-parmaclassifica è cortissima – ci sono la bellezza di nove squadre in quattro punti – però ciò che adesso conta è avere a portata di mano il terzetto al comando, formato da Bassano, Venezia e Sambenedettese. Niente male per un club finito nel mirino delle critiche (sia della stampa che della tifoseria) praticamente un fotogramma dopo l’avvio stagionale. La serie B non è più quel puntino lontano che pareva essersi allontanato ulteriormente lunedì scorso, quando la Feralpi Salò ci ha spiegato che la Lega Pro non è e non sarà una passeggiata di salute. Godiamocela ‘sta vittoria, allora. Ma non troppo. In fondo l’abbiamo ottenuta contro una delle compagini più deboli del girone, se non la meno dotata in assoluto. Un dato può aiutarci a comprendere meglio con chi abbiamo avuto a che fare ieri sera: prima di rifilarcene tre in un’unica soluzione, di reti i biancorossi ne avevano fatte altrettante in otto giornate. Serve aggiungere altro? Oppure ci siamo capiti al volo? Badate bene: non è mia intenzione sminuire il preziosissimo successo conquistato dai Crociati. Figuriamoci: di questi tempi, che per noi non mi paiono di vacche particolarmente grasse, è già tanto che si vinca. Che poi ciò avvenga giocando male o contro un avversaria deboluccia, francamente mi interessa molto molto poco. Tuttavia nemmeno si deve correre il rischio di sovradimensionarlo, il sacco del Morgagni, facendolo passare per quello che non è. Semplicemente, abbiamo avuto ragione di un avversario modesto – questo non lo suppongo io, bensì ce lo suggerisce la graduatoria aggiornata al 16 ottobre 2016 – e così maldestro da non essere in grado di gestire con profitto due situazioni di vantaggio. Ma abbastanza ruvido per metterci alle corde e costringerci ad esibire uno ad uno tutti i nostri limiti. Anche a Forlì abbiam dovuto mandare giù un Parma sfilacciato in fase difensiva; privo di idee, geometrie e linee (e pulizia) di passaggio nella terra di mezzo, laddove sgorga o dovrebbe sgorgare il buon gioco di cui tanto s’è parlato nelle settimane scorse; e pasticcione in attacco, a dispetto delle cinque marcature realizzate da Guazzo, Scavone, Evacuo, Baraye e Calaiò. Va da sé che nella ripresa siamo andati decisamente meglio che nel primo tempo, altrimenti lo svantaggio a metà gara ce lo saremmo portati dietro fino al triplice fischio. Abbiamo, insomma, iniziato a riempire la partita – concetto tanto caro a Luciano Spalletti – infilandoci dentro più intensità, più rabbia, più convinzione, più corsa, più praticità e soprattutto più lucidità. Tutto questo, unito alle paratone di Zommers e, ahinoi, al festival degli orrori andato in onda in precedenza, è stato sufficiente per piegare l’innocuo Forlì. Ma basterà quando ci ritroveremo di fronte avversari di calibro maggiore? Luca Russo

49 pensieri riguardo “IL COLUMNIST / QUAL E’ IL VERO PARMA? QUELLO INFILZATO TRE VOLTE DALL’ULTIMA DELLA CLASSE, O QUELLO CHE CON IMPETO E PASSIONE HA RIMONTATO?

  • 16 Ottobre 2016 in 09:22
    Permalink

    Dopo la gara di ieri, sono seriamente preoccupato. Sembra che al Parma manchino proprio le basi del giocare al calcio. Sembravano una squadra di Terza Categoria.

    • 16 Ottobre 2016 in 09:37
      Permalink

      Non è che avrei espresso esattamente lo stesso concetto, ma qualcosa di simile. Il punto è che poi diventerei fastidioso se reiterassi le mie opinioni.

      • 16 Ottobre 2016 in 11:55
        Permalink

        Mi rifiuto di credere che Apolloni, se pur mediocre, non sappia come si giochi palla a terra. Nessuno chiede di essere il Barcellona, però andare solo e unicamente di lanci lunghi è una cosa indecente.

  • 16 Ottobre 2016 in 09:29
    Permalink

    bravo equilibrato che non sei altro,ma soprattutto qual’e’ il vero forli’ quello dello scorso anno arrivato terzo a 24 punti o quello ripescato di quest’anno ? sicuramente uno squadrone quello che ho visto io,tal bardelloni lo segnalerei a galaxi ottimo prospetto

    • 16 Ottobre 2016 in 09:41
      Permalink

      Sai cosa credo? Che il nuovo Parma stia scontando in termini di impazienza precoce e smisurata l’eccesso di pazienza incondizionata che in passato è stata concessa a quello della vecchia gestione. A quei tempi andava bene quasi tutto, e i cattivoni erano coloro che facevano notare, per esempio, che il calcio propositivo di Donadoni non era poi così efficace. Oggi sto notando un atteggiamento identico, ma di segno opposto: non va bene quasi niente, anche quando ci sarebbe un pizzico di buone robe. Le vie di mezzo non fanno per voi.

      • 16 Ottobre 2016 in 09:46
        Permalink

        hai ragione ma con me sbagli target se mi parli di prima e di donadoni,che e’ gia’ da allora che mi dicevano di andare a vedere la reggiana i vari minus habens del web 😀

        • 16 Ottobre 2016 in 09:53
          Permalink

          era cosi’ bravo che pur essendo gli stessi dell’anno prima meno parolo,abbiamo battuto tutti i record negativi di una squadra di serie A retrocessi a novembre ,best regards
          se ci fossimo salvati sul campo sarebbe chissa’….

      • 16 Ottobre 2016 in 11:56
        Permalink

        Russo te devi capire una cosa, se l’obiettivo è la promozione(quindi arrivare primi) non puoi metterci 15 giornate a trovare la quadra,perchè se no sei a 15 punti dalla prima e sta ben rosina.

        Discorso diverso se l’obiettivo è la salvezza, allora li puoi permetterti di concedere del tempo alla squadra, perchè servono meno della metà dei punti per vincere lo scudetto.

        Per me personalmente eri e rimani un gran lecchino. Ma è una mia opinione personale, non prendertela più di quel tanto.

        • 16 Ottobre 2016 in 12:33
          Permalink

          Opinione personale del rutto immotivata. Lecchino con quale scopo? Non cerco un occupazione nel Parma, dato che ne ho già una. Di solito uno fa il ruffiano per raggiungere un qualche obiettivo. Le ripeto un concetto che avevo già espresso giorni fa: non è che se il mio parere differisce da quello più in voga, io sono un lecchino e gli altri quelli lucidi e imparziali. E a proposito di lecchini: ne ricordo tanti ai tempi di Ghirardi e Leonardi, salvo poi fare macchina indietro quando vennero alla luce le loro magagne, che lungo queste colonne erano state annusate ben prima del nostro fallimento.

          • 16 Ottobre 2016 in 12:42
            Permalink

            Non ho scritto che ambisci ad entrare nel Parma.
            Sei un lecchino perchè non può essere imparziale uno che vede del bello in una squadra che ha subito 3 gol in 45 minuti da una squadra che ne ha fatti 3 in 8 partite. Forli che, mi gioco una pizza, non farà nemmeno 20 punti ma d’altronde quando hai un età media di 22 anni ci può anche stare. Non ci può stare invece che una squadra esperta,costruita per vincere, vada sotto 2-0 e poi 3-2 contro una squadra di serie D alla nona giornata. Io le chiedo per lei di chi sono le colpe? Dei tifosi isterici? Oh forse qualche errore, sia a livello di mercato, che di scelte tecniche del mister è stato fatto?

          • 16 Ottobre 2016 in 12:45
            Permalink

            Le ripeto che un lecchino fa il lecchino con uno scopo riconoscibile. Di chi sono le colpe per l’andamento a dir poco altalenante della squadra in queste prime giornate? Mi sembra di averlo specificato a chiare lettere in miei precedenti articoli, a riprova del fatto che per quanto mi riguarda non va tutto bene madama la marchesa.

        • 16 Ottobre 2016 in 14:01
          Permalink

          Secondo me Michele hai tirato fuori argomenti senza senso. Rispetta chi lavora gratis e comunque il Parma dopo 9 giornate è’ a tre punti… almeno leggi informati e poi scrivi….

          • 16 Ottobre 2016 in 14:36
            Permalink

            Sono informatissimo,fidati e ti posso garantire che se ieri non avessimo giocato contro una squadra di serie D ma con una squadra di alta lega pro, zona a cui dovremmo ambire anche noi, le avremmo prese nuovamente. Secondo te una squadra che vuol vincere prende 3 gol in 45 minuti da una squadra che ne aveva fatti 3 in 8 gare? Se per te è normale allora forse sono io che di calcio non ne capisco niente. Poi te lo ridico, sei a 3 punti perchè sei finito in un girone di merda con squadre scarse, se per sbaglio prendevi l’Alessandria avevi già finito il campionato

  • 16 Ottobre 2016 in 09:40
    Permalink

    Qual’è il male oscuro di questo Parma?
    Entra in campo deconcentrato
    SEMBRA QUASI UBRIACO
    Gli altri corrono e lui invece
    CAMMINA come zombies
    Poi passata la sbornia
    RINSAVISCE e poi
    VINCE e stravince
    Così non si va
    lontano si
    rimane in
    Lega pro
    Capito?

  • 16 Ottobre 2016 in 09:54
    Permalink

    No… puoi ripetere?

    • 16 Ottobre 2016 in 10:02
      Permalink

      A furia di ripetere le stesse cose, si diventa noiosi. E poi, dal momento che i nostri problemi, in termini di gioco, distanze tra i reparti, approccio alla gara e concentrazione, sono così lampanti, che senso avrebbe farlo? Credo che in qualità di tifosi e anche di critici il nostro compito sia quello di stringersi intorno alla squadra, tenendo a mente che nonostante tutto siamo lì a tre punti dal terzetto di testa.

      • 16 Ottobre 2016 in 10:08
        Permalink

        Punto pelota

  • 16 Ottobre 2016 in 10:11
    Permalink

    e ti sembra facile stringerti “intorno” ad evacuo 😀

    • 16 Ottobre 2016 in 10:39
      Permalink

      Anche a Novara Evacuo giunse in condizioni fisiche non perfette, ma in un mesetto circa seppe rimettersi in ordine. Succederà uguale pure qua a Parma, ci conto.

      • 16 Ottobre 2016 in 11:28
        Permalink

        Secondo il mio modestissimo parere, noi entriamo in campo convinti di essere più forti degli avversari, a livello individuale e non di squadra. Alcuni nostri giocatori sono consapevoli delle qualità superiori e non giocano da squadra, si innervosiscono agli errori dei compagni meno dotati tecnicamente. Il lavoro del Tecnico deve essere quello di creare una squadra vera, i valori tecnici per la categoria ci sono, manca il collettivo. I reparti sono sfilacciati, le giocate vengono fatte con frenesia e senza la necessaria lucidità, in queste condizioni non si può essere ordinati in campo e le capacità individuali vengono vanificate, regalando enormi vantaggi agli avversari anche più modesti.

  • 16 Ottobre 2016 in 10:57
    Permalink

    ne sono gia’ passati tre ,fino a quanto vuoi contare

  • 16 Ottobre 2016 in 11:05
    Permalink

    Ho trovato i due mali oscuri del Parma.
    Il primo è che non si può lasciare in panchina Baraye ieri migliore in campo e non si può nemmeno fargli fare il centrocampista.
    Quando lui tira in porta si annusa il bomber.DEVASTANTE
    Se giocasse con continuità e con la stessa intensità di ieri e nel suo ruolo, sarebbe a dir poco decisivo ma il vero
    MALE OSCURO DEL PARMA
    è la DIFESA.
    E inamissibile che noi che vogliamo vincere il campionato, dobbiamo
    OGNI SABATO e sottolineo
    OGNI SABATO
    per vincere una partita fare
    3 GOL. e ieri addirittura ne abbiamo dovuti fare 4
    Perché 2 gol li subiamo sempre.
    Nelle ultime partite due gol li subiamo srmpre e lo facciamo da
    POLLI
    Ecco questo è il male oscuro del Parma
    abbiamo LA DIFESA GRUVIERA COI BUCHI
    e ieri se non c’era San Zommets subivamo 4 gol
    Ricordo che il Forli è quasi in D ed ha l’attacco più scasso di tutta la Lega Pro e la difesa più perforata.
    A gennaio su questo reparto ci vogliono.i bisturi da chirurgo
    BISOGNA ESTIRPARE LE PARTI INFETTE
    OPPURE
    Se i giocatori sono validi ci dica il buon Nevio come.mai prendiamo tanti gol e tutti gol dovuti a nostri errori e non da prodezze avversarie.
    Disposizione in campo sbagliata?
    O che altro?
    Scala è il.responsabile.?
    Ha detto che lui è un Apolloni e lui è responsabile e pertanto le critiche
    VANNO FATTE A LUI ( lo vuole Nevio)
    Vorrei sapere pertanto da lui come.mai per vincere una partita ogni sabato dobbiamo fare sempre 3 gol.
    Problemi di testa per la difesa?
    Problemi di qualità della difesa stessa?
    Disposizione in campo sbagliata?
    Approccio della gara supetficiale?
    O che altro.
    Il buon.Neviogigi ce lo.spieghi
    Grazie.

  • 16 Ottobre 2016 in 11:09
    Permalink

    Caro Luca Russo. I problemi non sono i singoli. Contestare in blocco Canini Lucarelli e Coly mi sembra azzardato.
    Eppure li han presi loro quei tre gol assurdi.
    Contestare Calajo e Felice non si addice ai loro trascorsi.
    Eppure sembrano troppo spesso dei pesci fuor d’acqua.
    Il male del Parma pare più collettivo che di singoli giocatori.
    La soluzione purtroppo è difficile da individuare.
    Certo che i tifosi non vivono con serenità le partite. Gioiscono per le vittorie acciuffate più che costruite col gioco ma soffrono per il male oscuro che impedisce alla squadra di giocare al pallone una partita intera.

    • 16 Ottobre 2016 in 12:35
      Permalink

      Ciao Gallo. Infatti in un mio precedente articolo ho scritto che il nostro problema più grande è che ad oggi non siamo ancora una squadra.

    • 16 Ottobre 2016 in 12:49
      Permalink

      Sono d’accordo, le difficoltà nella fase difensiva non dipendono da un problema di singoli giocatori ma di movimenti e comportamenti sbagliati durante certe azioni di gioco. Poi è chiaro che la squadra dovendo recuperare si sbilanciava lasciando spazio alle ripartenze degli avversari. Sui singoli magari si potrebbe dire che si poteva assortire un po meglio i tre mettendo magari un componente un po’ più veloce, visto che sono tutti difensori forti fisicamente e lenti nel breve. Ho letto che alcuni si sono lamentati dei lanci lunghi, direi che la partita di ieri sotto questo aspetto ha segnato un netto miglioramento, infatti sono arrivati molti più cross dalle fasce e non a caso tre gol su quattro partono da cross dalle fasce. Tuttavia c’è da migliorare ancora tantissimo.

      • 16 Ottobre 2016 in 13:31
        Permalink

        Un miglioramento, quello relativo alla diminuzione sensibile dei lanci lunghi, da mettere in relazione alla cifra tecnica di sicuro non eccelsa dell’avversaria che avevamo di fronte ieri sera.

  • 16 Ottobre 2016 in 11:14
    Permalink

    Sig. Luca Russo,
    abbiamo preso 3 goal dal Forlì ultima in classifica,
    ripescata dai dilettanti.
    Ha segnato un certo Bardelloni che il top della sua carriera
    é stato il torneo estivo di calcio a 7 amatoriale.
    La nostra fortuna è che le altre squadre fanno pena,
    secondo lei noi tifosi siamo “isterici”?

    • 16 Ottobre 2016 in 11:54
      Permalink

      va di moda dire cosi’ ,meglio isterici che ostetrici visto il parto di ieri sera

    • 16 Ottobre 2016 in 12:42
      Permalink

      Ma noi dobbiamo vincere il campionato? O stravincerlo? Se l’obiettivo è la promozione diretta, credo ci basti semplicemente vincerlo. Anche con qualche sofferenza; e se di sofferenze devono esserci, non è meglio che ci siano adesso che le altre vanno piano e non più in là quando magari un passo falso potrebbe costarci caro?

      • 16 Ottobre 2016 in 12:50
        Permalink

        e secondo lei un normodotato puo’ pensare di vincerlo,secondo me ci vuole un isterico

        • 16 Ottobre 2016 in 13:32
          Permalink

          Giocando male, non essendo squadra eccetera eccetera, siamo a soli tre punti da squadre che finora pare abbiano fatto faville. Io credo che noi sia possa solo che migliorare, le altre invece forse sono già al massimo…

          • 16 Ottobre 2016 in 13:39
            Permalink

            Ecco, diciamo le cose come stanno…la nostra fortuna è essere finiti in un girone di merda dove non ci sono squadre veramente forti, Venezia compreso. Perchè come già detto, se prendevi l’Alessandria il nostro campionato,cosi come il Venezia, era già belle che finito.

  • 16 Ottobre 2016 in 11:35
    Permalink

    In linea di massima stiamo facendo schifo e non abbiamo giocato alcuna partita in modo soddisfacente, nonostante questo siamo a tre punti dalla vetta con una sola netta sconfitta, due punti acquisiti regolarmente a santarcangelo che ci mancano e una sconfitta col Venezia che lasciamo perdere…dove saremo quando cominceremo a giocare? Proviamo a guardarla così…

    • 16 Ottobre 2016 in 13:33
      Permalink

      E’ una chiave di lettura, la sua, che mi sento di sottoscrivere per filo e per segno.

  • 16 Ottobre 2016 in 11:59
    Permalink

    e’ da un po che ci sto provando

  • 16 Ottobre 2016 in 13:15
    Permalink

    Io esprimo sempre i miei concetti…la squadra è stata fatta male…perché fatta da dirigenti dilettanti…tuttavia guardando le altre squadre se si acquista la giusta mentalità si può competere fino in fondo….
    Il Forlì lo avevo visto una sola volta con la Samb e meritava il pareggio quindi nn paragoniamolo alla cloniense .

    Io penso che Baraye debba giocare, dobbiamo sopportare le sue pause perché è unico in questa squadra, e deve giocare a centrocampo, perché ripeto la squadra è stata fatta male e io al bomber di Pompei, anche se è balordo coi piedi, nn ci rinuncio mai…
    È un campionato mai visto dove si può perdere con tutti….

    Rimane il concetto di base che come ROSA nn siamo i più forti del girone mettetevelo in testa…
    Saluti

  • 16 Ottobre 2016 in 13:21
    Permalink

    Quando cominceranno a giocare sarà finito il campionato.

  • 16 Ottobre 2016 in 13:52
    Permalink

    Secondo me invece la vittoria andrebbe sminuita è parecchio, queste partite le vinci contro le squadre che retrocedono.
    Miglioramenti non se ne sono visti, gente che entra in campo in pigiama e pantofole e si sveglia quando la situazione è grottesca. Dovrebbe essere una squadra perlomeno esperta ma si riesce pure a prender gol a fine primo tempo, due volte di fila.
    Qua si fa villeggiatura e sarebbe ora caso di prendere provvedimenti, ormai gli avversari hanno capito che ci possono attaccare .
    La stagione sbagliata ci può anche stare nel calcio, non mi interessa vincere una partita ma vedere dei professionisti, dentro e fuori dal campo, in linea con il club che rappresentano

  • 16 Ottobre 2016 in 15:37
    Permalink

    Per sbloccare Evacuo si potrebbe provare con la Euchessina

  • 16 Ottobre 2016 in 16:09
    Permalink

    Faccio una domanda, che è una provocazione.. Se il Parma avesse fatto questa partita dopo un cambio di tecnico cosa avremmo pensato?

  • 16 Ottobre 2016 in 16:42
    Permalink

    Che il cambio non è servito a molto

  • 16 Ottobre 2016 in 16:49
    Permalink

    Contano i 3 punti il resto non conta il bel gioco lasciamolo al colleggio

  • 16 Ottobre 2016 in 16:52
    Permalink

    Determinante sara il mercato ormai prossimo sibparla degli arrivi e le partenze?

  • 16 Ottobre 2016 in 17:35
    Permalink

    io sarei diventato isterico

  • 16 Ottobre 2016 in 20:35
    Permalink

    Un blog di isterici istrionici

  • 16 Ottobre 2016 in 21:35
    Permalink

    Luca Russo…mi chiedo perche perdi tempo ed energie a rispondere ???
    ..
    lancia provocazioni o scommesse $$ economiche$$$ vedi che nessuno replichera’ ad minchiam ed in modo preconcetto:
    ” tra virgolette” : questa squadra è stata costruita male, questo allenatore non va bene, il presidente non viene allo stadio, i soci fondatori ( a volte i magnifici 7 a volte la proprietà assente , però quando hanno messo i soldi andavano bene vero ?? )
    Ma cosa vogliono costoro ??
    Chi sono x criticare aspramente ( erano gl i stessi dell o scorso campionato, figuriamoci )..
    A quale titolo sindacano scelte uomini decisioni o quant altro ??
    si eccitano ? Godono a veder giocare poco e male maluccio ?
    Lasciali godere..dal primo all’ultimo ultimo…anzi, x chi proprio non accetta, fai in modo di far rimborsare gli abbonamenti che li stracciano una vo!fa x tutte e se ne vadano a vedere un film al cinema space al Barilla center..e che non blaterino + cessate- cazzate a ripetizione…
    se non gli piace vadano a vedere il San prospero….
    Fra un mese esatto questa squadra sarà molto + avanti, in alto, con davanti non più di 2 squadre…chi vuole mettere un centino sotto il sasso ?
    io non ho nessun ruolo istituzionale né giornalistico né societario e posso esprimere quindi, in modo NON ANONIMO, le mie personali opinioni…
    diritto di critica dovevate andarlo ad effettuare nel 2012, 2013, …dopo era già tardi….
    Sveglia giovani….e non rompete troppo i ..colleoni…
    …altrimenti andate in sede, tirate fuori 15 milioni di euro, rilevate la società , fate voi presidente, dirigente, allenatore e giocatori..
    e poi vediamo i risultati…
    ci siamo spiegati ???
    .

  • 16 Ottobre 2016 in 21:54
    Permalink

    Prendiamo caterve di goal perché la squadra è lunga e la difesa mai protetta dal centrocampo.
    Insisto nel dire che è a metà campo che sta il male del Parma; non protegge e non fa gioco.
    Le colpe? A pari merito del mister che non ha mai dato un gioco alla squadra e dei DS che hanno costruito una squadra con poco senso: tanti discreti difensori e attaccanti (anche triploni) e assoluta povertà in mezzo al campo

    • 17 Ottobre 2016 in 09:01
      Permalink

      niente dai chiediamo il rimborso dell’abbonamento che l’ondivago umorale Morosky cosi’ e’contento 😀

  • 16 Ottobre 2016 in 23:38
    Permalink

    Ma guardate che noi prendiamo degli isterici perché in questo blog scrivono gli stessi 5/6 solo per contestare. Non confondiamoci

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI