IL COLUMNIST / NON E’ LA DIFESA A 3 AD ESSER OBSOLETA E POCO EUROPEA

(Luca Russo) – “Tra difesa a tre o a quattro cambia relativamente poco. L’importante è lavorare di reparto ed essere uniti nel fare i movimenti aiutandoci”. D’accordo sulla seconda affermazione. E pure sulla prima. Ah, a proposito: si tratta di pensieri espressi da Michele Canini ieri all’ora di pranzo nel tradizionale appuntamento quotidiano con la stampa. E’ chiaro: nel calcio moderno, a certi risultati ci si arriva solo quando la squadra si comporta da squadra, per cui attacca e si difende in 11. E’ assai raro oggi vedere terminali offensivi che non partecipino alla fase difensiva o stopper che in qualche modo non offrano il loro contributo in quella di costruzione. Si pensi a Cavani tra i centravanti con obbligo di difendere e a Bonucci tra i difensori con licenza di impostare. Ed è condivisibile anche l’assunto secondo il quale “tra la difesa a tre e quella a quattro cambia relativamente poco”, come ha affermato il centrale originario di Brescia lasciando intendere tra le righe che, checché ne dicano taluni esperti, si può essere propositivi sia con uno schieramento che con l’altro. Non gli si può dar torto. E il motivo ve lo spiego lasciandomi aiutare da ciò che s’è visto l’altra sera durante Italia-Spagna, gara di qualificazione al prossimo mondiale che si terrà in Russia nel 2018. Nel primo tempo gli Azzurri hanno indossato un 3-5-2 imbottito di sudditanza psicologica nei confronti dell’avversario, quasi a dirgli “voi siete più forti, vi lasciamo la palla e una metà campo, però se dovete farci del male, fatelo presto e abbiate pietà di noi”. La truppa di Ventura, insomma, non ha recitato la solita versione del catenaccio all’italiana, tutto difesa e contropiede; al contrario, si è schiacciata, raccolta attorno a Buffon, consegnandosi incondizionatamente alle Furie Rosse e rinunciando a una delle due fasi, quella che ti dà qualche possibilità di avvicinarti al gol. Nel secondo tempo, dopo aver incassato la rete dello 0-1 realizzata da Vitolo su liscio colossale del numero uno dei numeri, il C.T. ha messo dentro Immobile e Belotti e spostato Eder nella posizione di trequartista disegnando un 3-4-1-2 molto più godereccio della disposizione precedente. Risultato? La coppia d’attacco, innescata dai lampi di fantasia del brasiliano naturalizzato italiano, ha dato profondità e sbocchi alla manovra azzurra, alzandone visibilmente il baricentro; infuocato il tifo dello Juventus Stadium, anestetizzato se non addirittura ipnotizzato dai lunghi fraseggi di marca spagnola; restituito vitalità ad una nazionale fin lì senza anima né cuore e interessata solo a tenere in piedi l’eroica linea Maginot studiata a tavolino dall’ex allenatore del Torino; e mandato in confusione la retroguardia spagnola, favorendo dapprima il pareggio, meritato, e poi sfiorando in proprio la rete della vittoria, che meritata non la sarebbe stata per niente. 3-5-2 al di qua dell’intervallo, 3-4-1-2 al di là dello svantaggio. Difesa a tre in un caso, difesa a tre nell’altro. Differenze? Nessuna, lì dietro. Davanti, invece, tante. Ed evidenti. Perché se il primo modulo ti fa arretrare e cedere metri su metri ai rivali, il secondo è una catapulta verso l’area avversaria. Conclusione: non è la difesa a 3 ad essere obsoleta e poco europea, come elegantemente sostengono in tanti. Lo è piuttosto il 3-5-2. Specie se completamente sprovvisto di incursori in mezzo al campo e ali pure sui lati, ovvero di quella gente abituata a correre in avanti e non all’indietro. Luca Russo

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

CANINI: “LA LEGA PRO E’ UNA SECONDA SERIE B, CON SQUADRE ATTREZZATE. LA FERALPISALO’ ANDRA’ AFFRONTATA CON INTENSITA’ DA SUBITO: DOVREMO FAR NOI LA PARTITA, MA CON GLI EQUILIBRI GIUSTI”

30 pensieri riguardo “IL COLUMNIST / NON E’ LA DIFESA A 3 AD ESSER OBSOLETA E POCO EUROPEA

  • 9 Ottobre 2016 in 08:49
    Permalink

    Un giocatore deve giocare nel proprio ruolo.
    Farlo giocare in ruoli diversi non ha senso.
    Non sono i moduli il MALE OSCURO del Parma
    È la disposizione in campo che non va.
    Se io sono un portiere devo fare il portiere
    Se io sono un centravanti devo fare il centravanti.
    Se sono un centravanti e MI SI OBBLIGA a fare il centrocampista
    è ovvio che rendo la metà

  • 9 Ottobre 2016 in 09:31
    Permalink

    siamo sulle ginocchia di giove e di eupalla ….solo fra 5 o 6 partite potremo capire il valore di questa squadra….
    ci e’ mancato un po di cinismo fino ad ora…….in fondo siamo quelli dello scorso anno meno parolo……
    e mi fermo qui con le citazioni.
    mi dig che ci sono tutti gli elementi per scrivere un libro sulle nefandezze dei luoghi comuni

    • 9 Ottobre 2016 in 09:50
      Permalink

      Se ogni tanto si riuscisse anche a proporre qualcosa, non sarebbe male…;)

      • 9 Ottobre 2016 in 09:59
        Permalink

        È vero Luca Russo
        Se a volte anche voi deste l’andamento della giornata appena trascorsa in cui con una nostra vittoria domani, ci avvicineremmo a un punto dalla vetta, NON SAREBBE MALE.

      • 9 Ottobre 2016 in 13:14
        Permalink

        io non propongo,pago e valuto,al limite posso non valutare piu’ se non pago, ma se non pago vuol dir che lo spettacolo non mi garba piu’ allora son cazzi per tutti

  • 9 Ottobre 2016 in 09:54
    Permalink

    In questo sito manca l’attualità.
    Ieri si sono svolte tutte le partite della giornata esclusa la nostra e voi nemneno un rigo.
    EPPURE CI SONO STATI RISULTATI IMPORTANTI che una nostra vittoria domani ci farebbe avvicinare a un punto dalla capolista
    Eppure silenzio.
    Certi argomenti e non è la prima volta vengono ignorati
    Questa strategia non l’ho mai capita
    In tempo lo dissi a Majo e lui mi rispose che lui non avrebbe mai dato risultati delle,altre partite.
    Ci rimasi di m..
    Ma come si fa ad argomentare il Parma se nemmeno si sa come sta andando il campionato perché voi follemente non lo volete dire
    Cambiate strategia.

  • 9 Ottobre 2016 in 10:00
    Permalink

    caro Assioma, tu vuoi far capire che vedi e capisci le cose prima di noi comuni mortali, solo perché sono 40 anni che vedi il Parma e perché sei stato a Correggio.
    Ci hai rotto con 10 messaggi, irridendo chi aveva qualche dubbio, che domani avremmo dovuto vincere per mantenere il sesto posto.
    Beh se domani vinciamo siamo terzi ad un punto dal primo posto, pur giocando schifosamente come tu ci hai insegnato e come anche noi riusciamo a capire.
    Come diceva il nostro indimenticato maestro: Umilté, Umilté, Umilté

    • 9 Ottobre 2016 in 13:25
      Permalink

      dai che ce la fai

  • 9 Ottobre 2016 in 10:09
    Permalink

    Se domani si vince. andiamo a un punto dalla capolista e con il calendario che ci aspetta potremmo a breve essere soli in testa alla classifica quasi in fuga.
    Per questo via le paure, fuori le palle e dimostriamo che siamo i più forti di tutti.
    SULLA CARTA SIAMO UNA SQUADRA SCHIACCIASASSI.
    DIMOSTRIAMOLO ANCHE SUL TERRENO DI GIOCO.
    Domani potrebbe essere la svolta tanto agognata ma potrebbe essere anche la PIETRA TOMBALE sul mostro campionato.
    Capto, qualcosa mi dice che se vinceremo domani il campionato avrà un solo padrone NOI ma se questo non avverrà… Ahi ahi ahi e poi ancira ahi.

  • 9 Ottobre 2016 in 10:15
    Permalink

    Ennesima fiera di banalità e luoghi comuni.

    • 9 Ottobre 2016 in 10:21
      Permalink

      Mi illumini, caro lettore: quali sarebbero le banalità e quali i luoghi comuni?

    • 9 Ottobre 2016 in 10:28
      Permalink

      Davide ho rivisto i tuoi pochissimi post e in tutti E SOTTOLINEO IN TUTTI la banalità era la signora padrona incontrastata delle banalità che scrivevi.
      Tu non sai proprio dire niente di nuovo e critichi gli altri.
      Mi viene in mente un movimento politico stellato in cui ovviamente non faccio il nome che critica, critica, critica ma poi quando ci sono da fare i fatti…..sparisce

  • 9 Ottobre 2016 in 10:18
    Permalink

    Io, nel mio art. del 6 u.s. parlavo di oktoberfest come possibile trampolino di lancio verso l alta classifica anche e/ ma soprattutto alla luce degli scontri diretti tra le altre ” solo attualmente ” davanti ai crociati: ora tocca proprio a loro, ai ragazzi di Apolloni; IMPERATIVO, DEVONO SOLO VINCERE ma non per rimanere sesti, bensì…proviamo a leggere la classifica dopo la giornata di ieri, sabato 8 oktober..BON RISULTET…

    16 PORDENONE
    16 GUBBIO

    15 VENEZIA
    15 BASSANO
    15 REGGIANA
    … ??????

    14 SANBENEDETTESE – gara in casa da recuperare col Padova
    13 SANTARCANGELO
    13 FERALPI SALO
    ..
    12 PARMACALCIO1913….
    ..
    Beh ..diciamo che DOVENDO SOLO VINCERE ..andremmo a 15 al posto dei puntini e saremmo, condizionale, quarti a pari merito con Bassano e Reggiana visto che col Venezia il primo scontro diretto è a loro favore ma x il momento , sempre vincendo, gli rischieranno quei 3 punti mezzi sgagnati nei 5 minuti finali di m…

    certo, la SAMBA ha una gara in meno ma, pure lei deve vincerla col Padova ( non era ritenuta quest ultima , con Reggiana e Venezia tra le 3 più forti e favorite del girone ?? )

    certo, ora s ha da gagnar….e tocca a loro …nei loro piedi e capacità passa un primo treno da prendere x rintuzzare ed accorciare la classifica..
    il campionato non è ancora finito, appena iniziato, x tutti, ma pure x noi..
    forza ragazzi ..datemi la gioia…
    smentitemi quel “database” di Assioma che aveva decretato il pareggio interno lunedì sera prox…
    voglio vedere la nuova classifica a 15 poi facciamo i conti ….
    con i prox scontri diretti mentre noi andiamo a forli
    Byby ragazzi…..as sentima lundi sira a desz e 45…. + o meno
    morosky

  • 9 Ottobre 2016 in 10:23
    Permalink

    Rosicchieremmo….errata corrige …circa il Venezia….e 3 punti rintuzzati
    Ciapa su e porta in laguna….

    • 9 Ottobre 2016 in 10:39
      Permalink

      Morosky, se domani vinciamo e dai un’occhiata al calendario capirai che nell’ ultima giornata quando andremo a Reggio a casa dei TESTAQUADRA, affronteremo questa quadra primi in classifica.
      Se invece domani dovessimo non fare il risultato pieno molti so già non condivideranno ma il Parma dimostrerebbe di subire troppa pressione e di non avere quella mentalità vincente richiesta per vincere il campionato.
      Ecco perché domani il test sarà veritiero.
      Perché domani non far giocare Nocciolini con Baraye e con Melandri dal primo minuto?
      Qualcuno mi dica perché non si può
      Si vede chebio di calcio ne capisco una mazza.
      Abbiamo i giocatori per scardinare le difese avversarie e noi che facciamo?
      Li teniamo in panchina

  • 9 Ottobre 2016 in 10:37
    Permalink

    Caro assioma nonostante il tuo insegnare calcio da oltre 40 anni nonostante vedere quello che non si vede, domani per tua sfiga non saremo forse sesti ma secondo a un punto dalla prima, comincia ad andare di traverso questo calcio biologico vero… comunque hai sempre la possibilità il 18 dicembre di andare nella curva che meriti noi ti saluteremo a dovere…..forza Parma sempre!!!!

    • 9 Ottobre 2016 in 13:19
      Permalink

      patetico

  • 9 Ottobre 2016 in 11:33
    Permalink

    Si, il discorso è giusto. Il problema è che noi abbiamo molte ali, mezzepunte e attaccanti. Di conseguenza, giocare con la difesa a 4 diventa quasi obbligato.

  • 9 Ottobre 2016 in 12:33
    Permalink

    Domanda facile facile, se vinciamo lunedì siamo secondi o sesti?.
    ….. Chi deve intendere intende…

  • 9 Ottobre 2016 in 13:33
    Permalink

    secondo me hai dei grossi problemi ma che dico enormi 🙂

    allora se vinciamo andiamo a 15 con altre 3 squadre che per scontri diretti e differenza reti ci sono davanti (questo e’ il regolamento per i playoff per esempio) se poi ci mettiamo la sambenedettese che potenzialmente ci puo’ passare davanti dimmi te se siamo secondi o sesti,poi sai pordenone e gubbio sono solo frutto della tua mente malata ahahahaha 🙂

    • 9 Ottobre 2016 in 15:16
      Permalink

      La tua mente altrettanto malata invece non considera che gli scontri diretti si calcolano dopo aver giocato andata e ritorno….. Saremo terzi a pari punti con altre squadre in effetti mi ero sbagliato… Anche tu hai problemi enormi… Prevedi il futuro dando per scontata le vittoria della samb nel recupero.
      Saluti signor as so tut mi.. M

      • 9 Ottobre 2016 in 18:02
        Permalink

        mi pare ovvio che si ragiona come se il campionato finisse domani,quindi ripeto se contasse qualcosa saremmo dietro a venezia reggiana a meno che al feralpi non dai 4 gol ma tant’e’,e’ gia’ qualcosa che ti sia accorto che il gubbio abbia 16 punti 😀

        • 9 Ottobre 2016 in 19:42
          Permalink

          Chissà se ti sei accorto delle cariche che mezzo forum ti ha tirato per le tue dichiarazione politicamente sempre contro….. Ci vediamo sul carro dei vincitori a meno che tu non scelga la curva sbagliata il 18 dicembre 🙂

    • 9 Ottobre 2016 in 17:13
      Permalink

      Caro Professor Assioma, se ti concentri e rianalizzi i tuoi 40 anni di tifo “sfegatato” per il Parma, comprenderai che con una classifica così corta, dopo 8 giornate quasi metà squadre in 3 punti, dire sesti, terzi, ottavi non significa nulla. Dire che se vinciamo domani andiamo ad un punto dal nostro obiettivo già é più indicativo.
      Il campo spesso sconfessa i saputelli, non hai beccato un pronostico anche se ti vanti di vedere sempre più in là e prima di noi poveri sfigati.
      Sono anche molto contenta che alcuni cominciano a rispondere a tono alle tue squallide battute disfattiste o professorali.

  • 9 Ottobre 2016 in 15:16
    Permalink

    Scusa Assioma ma volevo scrivere ” satanasso” e non, ovviamente, database che nel contesto non c entra un ca…
    ..la morale che in due partite potremmo sgagnare 3 punti al Pordenone e 3 a Venezia..intanto si accorcia la classifica..
    IN TUTTI I CASI ARRIVARE TERZI O DECIMI NON CAMBIA MOLTO
    ….
    Dobbiamo puntare a chi è in testa…davanti …
    GUBBIO..arriverà al tardini il 5 /11 p.v. ( in contemporanea BASSANO PADOVA, REGGIANA SAMBENEDETTESE, SANTARCANGELO VENEZIA )
    e, quanto al Pordenone ne ha già buscati 4…
    chi è ora a pari ..in questo mese avrà pure i suoi problemi..
    15/10 Padova reggiana, Mantova Bassano
    22/10 Bassano sambenedettese
    29/10 venezia Bassano, sambenedettese strappi
    05/11 Bassano padova, reggiana sambenedettee, e santarcangelo venezia

  • 9 Ottobre 2016 in 15:18
    Permalink

    29 ore….sambenedettese feralpi salo…..

  • 9 Ottobre 2016 in 16:00
    Permalink

    Assio tieni duro che quando saremo primi sarai già nel dimenticatorio,ci si vede per la serie b tanto avrai tempo al sabato pomeriggio…

  • 9 Ottobre 2016 in 21:02
    Permalink

    Assio è sarcastico e disincantato, atteggiamento tipicamente parmigiano e che dimentica che Maria Luigia era una tiranna austriace compresa nei suoi privilegi di casta. Però Assio è intelligente e dotato di linguaggio e cultura superiore alla nostra media, curiamolo e speriamo di cazziarlo affettuosamente quando saremo in B. Farlo prima e senza andare in B sarebbe come affrontare un cobra

  • 10 Ottobre 2016 in 10:12
    Permalink

    Pencroff sono non d’accordo con te ma..
    d’accordissimo,
    ASSIO fa parte del background culturale e sportivo parmigiano doc: certo che vuole curato, preservato ma, a volte, anche se le opinioni sono discordi, è giusto dibattere, discutere, sviscerare le tematiche ( sempre e solo sportive calciofile ) ..
    ..
    lui, al contrario del sottoscritto, è + realista con una vena accentuata di pessimismo, e questo non guasta, ognuno la vede e la pensa a modo proprio: che ci sia oggi, prima di Feralpi Salo’, da entusiasmarsi ..no di certo ma, nemmeno pensare che ce ne siano parecchie + forti ..no davvero.
    ..
    Noi abbiamo sofferto parecchio mezz’ora col Pordenone, 20 minuti iniziali con la SAMBA e poco o nulla + nelle prime sette partite:
    lo stesso Venezia che ci aveva distaccato di 3 punti ha già vissuto la sua prima sconfitta e pure domenica c’è andato molto vicino
    ..mostri sacri e fenomeni non ce ne sono in giro..

    STASERA BISOGNEREBBE VINCERE..PACIFICO ma in cam
    po ci sarenno pure gli avversari che metteranno agonismo, tecnica e voglia di ben figurare…

  • 10 Ottobre 2016 in 10:37
    Permalink

    Secondo me quello che si contenta ad Assioma più che altro, non è tanto la vena critica e magari non tanto ottimista, che per carità, ci sta. Pure io non è che sia molto ottimista col rosso in panchina. Quanto piuttosto il modo in cui si pone. Si esprime a battute, che alla lunga stancano. All’inizio la cosa è simpatica ci mancherebbe, ma alla lunga stanca questo modo di fare, perchè poi appare anche supponente e presuntuoso, cosa che magari in realtà non è, ma non conoscendolo mi devo fermare all’apparenza.
    In ogni caso, considerando che sento dire da chi lo conosce, che ha un’intelligenza sopra la media, spero prenda queste osservazioni senza polemica. Saluti

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI