PARMA-FERALPI SALO’ 1-2 (finale di gara) – LA CRONACA LIVE DI ALESSANDRO DONDI

PARMA-FERALPI SALO’  – LA CRONACA LIVE DI ALESSANDRO DONDI

SECONDO TEMPO

2′ Traversone dalla sinistra di Nunzella: all’altezza del secondo palo prova Evacuo di testa ma la palla termina tra le braccia di Caglioni

9′ Giallo a Ranellucci

23′ Buona palla dentro di Corapi per Evacuo, la Feralpi si salva in angolo

24′ Melandri murato dalla difesa: Parma vicino al pareggio

25′ Cambio nella Feralpi: esce Settembrini ed entra Davi. Nel Parma fa il suo ingresso Baraye al posto di Giorgino

28′ Punizione ben battuta da Corapi ma Bracaletti ci mette una pezza e devia in corner

30′ Secondo cambio negli ospiti: fuori Bracaletti e dentro Luche

36′ Coric sbaglia clamorosamente un disimpegno e innesca Gerardi. Per fortuna l’estremo difensore crociato rimedia mettendo in angolo sulla conclusione del giocatore ospite

40′ Terzo cambio per gli ospiti: esce Guerra ed entra Codromaz

41′ Nel Parma entra Guazzo al posto di Canini

44′ Gran destro di Corapi dal limite: palla fuori di un nulla

Cinque minuti di recupero

 

PRIMO TEMPO

1′ Partiti! Ospiti subito aggressivi che provano a cercare la profondità, Garufo controlla bene e la palla scivola a fondo campo

3′ Fuorigioco fischiato a Guerra

5′ Gioco fermo: Scavone resta a terra in area avversaria e viene soccorso dallo staff medico

7′ Pericoloso destro a giro di Maracchi: palla sopra la traversa

9′ Ci prova Gerardi dal limite: palla a lato

14′ Parma che pasticcia in difesa e rischia di favorire gli ospiti

17′ Ammonito Giorgino per un fallo su Maracchi lanciato sulla sinistra

23′ Nunzella mette dentro un bel cross su cui si avventa Nocciolini, che finisce a terra: per l’arbitro è solo calcio d’angolo

27′ Nocciolini resta a terra toccandosi la coscia: si profila un cambio

29′ Nel Parma fa il suo ingresso in campo Daniele Melandri

35′ FERALPI IN VANTAGGIO CON GERARDI

38′ Corner di Calaiò, Scavone cerca di colpire di testa ma la difesa ospite ci mette una pezza

44′ PAREGGIO DEL PARMA: SCAVONE INSACCA DI TESTA SU CORNER DI CALAIO’

Tre minuti di recupero

47′ FERALPI DI NUOVO IN VANTAGGIO! GAMBARETTI DI TESTA SU CALCIO D’ANGOLO!

Primo tempo che si conclude sul punteggio di 2-1 per gli ospiti con i crociati che escono tra i fischi di disapprovazione del pubblico del Tardini. Il Parma si è fatto infilare di nuovo, a recupero quasi scaduto, dopo che solo tre minuti prima era riuscito ad acciuffare il pareggio.

49 pensieri riguardo “PARMA-FERALPI SALO’ 1-2 (finale di gara) – LA CRONACA LIVE DI ALESSANDRO DONDI

  • 10 Ottobre 2016 in 20:48
    Permalink

    Forza Parma!

  • 10 Ottobre 2016 in 20:59
    Permalink

    A mio modesto avviso e con tutta la simpatia per l Feralpisalò, il Parma dovrebbe asfaltarli senza che questo sia un minimo segno di promozione o altro. Non scherziamo eh

  • 10 Ottobre 2016 in 21:24
    Permalink

    Basta, a smors al TV! Ne miga posibil.

  • 10 Ottobre 2016 in 21:26
    Permalink

    Niente, non è questione di moduli. è l’allenatore e i giocatori che non vanno.

  • 10 Ottobre 2016 in 21:30
    Permalink

    Apolloni uguale a Ventura. Non aggiungo altro

  • 10 Ottobre 2016 in 21:35
    Permalink

    Vabbè, è strameritato. Un tiro, un gol di culo, mentre loro ci hanno letteralmente dominato.

  • 10 Ottobre 2016 in 21:36
    Permalink

    Neanche un portiere di due metri è sufficiente!

  • 10 Ottobre 2016 in 21:37
    Permalink

    Che dire… Senza parole

  • 10 Ottobre 2016 in 21:37
    Permalink

    Squadra senza anima

    • 11 Ottobre 2016 in 01:01
      Permalink

      IO direi squadra senza allenatore

  • 10 Ottobre 2016 in 21:42
    Permalink

    Commento telegrafico al primo tempo: da una parte una squadra Evacuo-Calaiò centrica e che li cerca solo con palle alte, come se fosse vietato attaccare in un modo differente; dall’altra una che riparte, gioca in velocità, tira in porta (ben 3 o 4 conclusioni nella prima mezzora) e che si difende senza particolari affanni.

    Il fatto è che il primo tempo doveva finire 0-1, non 1-2. Il nostro pareggio è stato un imprevisto generato dalle indecisioni in uscita del portiere della Feralpi.

    • 11 Ottobre 2016 in 08:24
      Permalink

      ma smettila di difendere gli indifendibili ex calciatori un po di onesta’ intellettuale per diana !

  • 10 Ottobre 2016 in 21:43
    Permalink

    … finisca come finisca questa squadra è da metà classifica e niente più. Manca un regista ma manca soprattutto la mentalità, almeno quella l’allenatore dovrebbe darla.

  • 10 Ottobre 2016 in 21:46
    Permalink

    Grande galassi : e’ sempre colpa di qualcosa o qualcuno. Mai che dica che gli altri , tutti gli altri, giocano meglio. Ecco gli avversari hanno motivazioni aL massimo. Quante balle. Speriamo nel e contro tempo. Forza parma.

  • 10 Ottobre 2016 in 21:47
    Permalink

    ESONERO PER APOLLONI
    NON c’è gioco
    So che se si perde stasera arriva Mangia.
    Baraye ha la peste?

  • 10 Ottobre 2016 in 21:49
    Permalink

    I romagnoli sono i migliori piloti di moto del mondo. I romagnoli fanno la piadina migliore del mondo. Nel calcio affidarsi ai romagnoli desta invece più d’una perplessità….

  • 10 Ottobre 2016 in 22:04
    Permalink

    Manca una qualsiasi idea di gioco. O l’allenatore non è adatto o gli è stata messa in mano una squadra sbagliata.

  • 10 Ottobre 2016 in 22:05
    Permalink

    Il pubblico è veramente il 12mo uomo in campo del Parma, infatti continua a fare cazzate lanciando bottigliette. Bravi!

    • 11 Ottobre 2016 in 12:00
      Permalink

      Come l’anno scorso d’altronde…. Ma sai sono di plastica quindi nulla di mal, dicono…… 😐

  • 10 Ottobre 2016 in 22:06
    Permalink

    Che delusione la Nord che lancia oggetti. Ci fanno solo perdere tempo.

  • 10 Ottobre 2016 in 22:08
    Permalink

    Apolloni Minotti e Galassi prego levarsi dai piedi. Ridicoli. Voglio vedere chi ha ancora il coraggio di difendere questi personaggi

  • 10 Ottobre 2016 in 22:09
    Permalink

    Vorrei proprio vedere chi di questi magnifici tifosi, a tu per tu col portierone di Saló, gli lancerebbe la bottiiglietta…

  • 10 Ottobre 2016 in 22:10
    Permalink

    Ma poi la difesa…ma quanti gol prendiamo?Grande Minotti te e Agostinho Ca’. Va ti a ca’.

  • 10 Ottobre 2016 in 22:33
    Permalink

    facciamo schifo.

  • 10 Ottobre 2016 in 22:39
    Permalink

    Una sola parola PENOSI !!!

  • 10 Ottobre 2016 in 22:42
    Permalink

    Cerco faticosamente di parlare italiano, cosa che non mi è congegniale, e mando tutti i giocatori ed i tecnici a quel paese. Mi costringono a dar ragione ad Assio e The Rock, vacocà

  • 10 Ottobre 2016 in 22:45
    Permalink

    Mi sono sempre mantenuto tranquillo, ma ora il limite è stato oltrepassato. Neanche in Terza Categoria vedi una squadra che va solo di lanci lunghi, che corre dietro alla palla come i bambini e che è posizionata in campo peggio di una banda di ubriachi.

  • 10 Ottobre 2016 in 22:49
    Permalink

    Due partite perse in casa. Un gioco che non esiste. Tre punti dietro alla Reggiana. Mo andiv a let!

  • 10 Ottobre 2016 in 22:54
    Permalink

    Che senso ha mettere guazzo a 5 minuti dalla fine pensavo lo mettesse al 46 nella ripresazb melandri in pratica titolare ha dimostrayo che non incide in una partita fisica da mischia. E volendo tutto per tutto era meglio guazzo almeno la penso cosi

    • 11 Ottobre 2016 in 12:03
      Permalink

      Concordo in toto sul discorso di Guazzo.
      E ribadisco per l’ennesima volta che non si può sprecare Baraye a centrocampo!!!! Perché di gente che la butta dentro ne abbiamo poca…checché ne possano dire i difensori delle nuove punte arrivate in questo campionato

  • 10 Ottobre 2016 in 22:57
    Permalink

    Apolloni non verra cambiato verra giuadicato da queste 3 partite considerate facili ci si adpetta il bottino pieno se no rischia seriamente

  • 10 Ottobre 2016 in 23:01
    Permalink

    Ai campetti di via zarotto giocavamo più o meno così, tutti a rincorrere il pallone e chi giocava in difesa rinviava verso il centro dell’area con la speranza che nella confusione succedesse qualcosa. Ecco dove ha preso gli schemi il buon Apollo.
    Speriamo che il rosso di frascati (non il vino) abbia la decenza di ammettere che fino ad ora non ha dato uno straccio di gioco, ma temo che si attaccherà ai soliti luoghi comuni dell’italia calciofila.

  • 10 Ottobre 2016 in 23:05
    Permalink

    Apolloni non è adeguato così come non lo sono i suoi diretti superiori della dirigenza tecnica. Sono mesi che lo dico a costo di essere ripetitivo ma i fatti mi stanno purtroppo dando ragione. I segnali di questo schifo c’erano dalla sconfitta col Gubbio nella poule scudetto. Ma si diceva che l’amalgama della D era la sola cosa che serviva per vincere il campionato…non il money,un allenatore e un ds adeguato…

  • 10 Ottobre 2016 in 23:07
    Permalink

    Apolloni faccia un passo indietro , Per il bene del calcio….semplicemente inadeguato . Scala , continare a tenerlo protetto sotto le sue ali non produrra nulla….purtroppo . Palla lunga e pedalare va bene ai campetti . Sveglia giocatori,,,,il Feralpi vi ha surclassato per gioco di squadra , gamba e precisione .

  • 10 Ottobre 2016 in 23:11
    Permalink

    Assio avevi ragione tu probabilmente per l’amore che ho per questi colori non mi ero accorto che abbiamo dei limiti incredibili…. chapeau da oggi solo stima verso di te….

    • 11 Ottobre 2016 in 08:27
      Permalink

      tu non sai quanto mi rode il culo a prescindere,impara a vedere le cose per quello che sono ti risultera’ tutto piu’ semplice e questi momenti(calcisticamente parlando) ti scivoleranno via comeacqua su un impermeabile ;.)

  • 10 Ottobre 2016 in 23:22
    Permalink

    Cari tutti temo che se anche ne perdesse 9 di fila nessuno farà mai quanto necessario. Mettiamoci l’animo in pace e godiamoci questo e purtroppo almeno un altro orribile campionato di serie C.

  • 10 Ottobre 2016 in 23:23
    Permalink

    Se volessi essere cattivo vi direi
    VE L’AVEVO DETTO.
    La società che un tempo chiamabo MILLEPIEDI non vuole spendere e con questa campagna acquisti l’ha dimostrato.
    Se invece del duo bidone Calajo ed Evacuo avessimo preso solo Rodriguez che sta facendo volare l’Alessandria. avremmo risparmiato ed ora saremmo in un’altra posizione in classifica
    La campagma acquisti è stata completamente sbagliata, vecchie glorie dai nomi altisonanti ma lenti e prevedibili come vecchie glorie nei tornei amatoriali a discalpito di giovani CHE HANMO ALTRI MA CHE NOI MON ABBIAMO.
    Ma avete visto il primo loro gol?
    Punizione per noi. la prendono loro se la passano, con un contropiede velocissimo entramo in area e segnano senza che noi dal momento che abbiamo tirato la punizione avessimo toccato la palla
    L’ho sempre detto che chi più spende meno spende,avessimo preso Rodriguez, la nostra sarebbe stata una cavalcata verso la serie B Apolloni permettendo.
    Apolloni dopo l’intervista fatta alla,Rai gli ho urlato di dimettersi seve un uomo visto che i suoi “capi” non.l’esoneranno mai spero che dia queste dimissioni se veramente vuole bene alla squadra.
    Non abbiamo gioco, siamo una squadra da metà classifica.
    Gli altri corrono e noi camminiamo.
    Ora bisogna fare la squadra per il prossimo anno a meno che non si voglia tentare il tutto per tutto cambiando l’allenatore e chissà che con schemi nuovi. con um’altra mentalità, i giocatori abbiano quella scossa richiesta e siano ancora in tempo pet fare il.miracolo.
    Da quando vengo a vedere giocare il Parma e sono due decenni
    MAI HO VISTO GIOCARE COSI MALE
    SENZA SCHEMI
    SENZA GIOCO
    SENZA VOGLIA

    • 11 Ottobre 2016 in 09:54
      Permalink

      comunque si chiama Gonzales, espertone!

  • 10 Ottobre 2016 in 23:27
    Permalink

    La realtà ci ha portati tutti per terra!!! Umiliati meritatamente dalla feralpi salo che in molti solo qualche anno fa pensavano fosse una ditta metalmeccanica…. per il bene del Parma abbiamo creduto che scala potesse diventare il presidente perfetto, che minotti potesse risolvere i problemi come col goal fatto a wembley che apolloni ci potesse portare ancora nel l’apice del calcio italiano… bene il Parma ha fallito…. non abbiamo una società non abbiamo un presidente non abbiamo i dirigenti e non abbiamo un allenatore adeguati…..non lo dico solo per la sconfitta di stasera che è’ stata umiliante ma lo dico perché l’entusiasmo sta andando ai minimi storici e questo è’ il fallimento più grande….

  • 10 Ottobre 2016 in 23:30
    Permalink

    La partita di stasera è stata una delle più brutte che abbia mai visto giocare al Tardini negli ultimi 25 anni. Dopo una prestazione del genere l’unica cosa da fare per avere ancora una speranza di promozione quest’anno è mandare via subito l’allenatore. Quello che mi fa imbufalire è che giochiamo in punta di fioretto, gli altri corrono tutti più di noi, arrivano prima sui palloni, vincono i contrasti, hanno un’idea di gioco, noi invece il nulla. Sconforto più totale.

  • 10 Ottobre 2016 in 23:33
    Permalink

    2 bocciati stasera: la curva nord o parte di essa che nella migliore delle ipotesi ci farà prendere una bella multa, come se il portiere avversario avesse qualche colpa delle nostre disgrazie e l’allenatore. Rinnovo la mia stima personale ma non può più essere il tecnico del Parma. La squadra non ha un minimo di gioco, i giocatori non sanno mai cosa fare della palla quindi la buttano su sperando che qualcosa succeda. Il Salo’ ha vinto strameritatamente ma è l’ottava squadra che ci mette in difficoltà. Non c’è stata una sola partita ben giocata finora.

  • 10 Ottobre 2016 in 23:37
    Permalink

    Ma….vogliamo spendere 2 parole anche per ….le incredibili stonature…..di Michele Pertusi ? Sembrava ….gia’ un segnale premonitore….

  • 11 Ottobre 2016 in 00:18
    Permalink

    Ma il DUO, un paio di provini a qualche allenatore non lo fa? Come cazzo si fa a voler provare hofbauer quando l’alternativa è far giocare Giorgino?!?!

  • 11 Ottobre 2016 in 00:32
    Permalink

    Aspettiamo 3 parite poi tiriamo le somme

  • 11 Ottobre 2016 in 00:34
    Permalink

    La classifica e ancora corta nessuna squadra in fuga se facciamp 9 punti siamo in zona

    • 11 Ottobre 2016 in 12:10
      Permalink

      È la.mentalita’ della squadra che non va…come li fai cosi 9 punti!?

    • 11 Ottobre 2016 in 13:29
      Permalink

      il nostro campionato comincia domenica prossima (cit)

      ps: ma non erano 12 punti in 4 partite ?

      e second ti con cla squedra chi at ve avensor a forli’ (riciti)

  • 11 Ottobre 2016 in 08:22
    Permalink

    Ci sta di perdere contro chiunque ma senza mai tirare in porta!?! Come dovrebbero arrivare i gol, via email? Buttare dentro 10 attaccanti non fa alcuna differenza se non li dia palloni giocabili. In somma, squadra inesistente.

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI