Parmaland 1913 di Mauro “Morosky” Moroni / Il borsino, la mia formazione ideale ad oggi e l’Oktoberfest

(Mauro “Morosky” Moroni) – Il gioco (Carneade): chi era costui ? Il gioco, ancora latitante dalla prima giornata di Lega Pro, dopo essere stato “condannato in contumacia” alla fine del campionato scorso, è definitivamente stato dichiarato SCOMPARSO/IRREPERIBILE pure a San Benedetto del Tronto (da non confondersi col presidente… ”tonto”) dove, un Parma riconoscibilissimo, appunto per il “quasi assoluto non gioco” e palla lunga, ha sì recuperato 2 volte lo svantaggio, ma ha pure confermato le sue lacune di impostazione nella manovra, nel fraseggio e nella ricerca di giocate per gli attaccanti se non con i soliti traversoni & lanci lunghi per la serie “butta avanti la bala e dig chis rangion“ (lancia avanti la palla e dì loro che si arrangino); questa, purtroppo, è la “mia disamina” della partita di sabato scorso, guardata in tv: campo difficile & caldo, avversario ostico, calciatori marchigiani più avvezzi alla battaglia, ritmi spesso più elevati dei nostri e, contrariamente a ciò che pensavo ad inizio campionato, altre due reti incassate: già troppe a mio avviso.

Ancora qualche errore individuale sui gol subiti, la terza ammonizione rimediata per falli inutili a centrocampo con uomo spalle alla porta a 60 metri dalla medesima, qualche… troppe palle gol ancora gettate alle ortiche, insomma ancora parecchie cose che non vanno, che devono essere limate/migliorate; dopo 7 giornate ed oltre 1 mese di campionato si deve tirare fuori qualcosa di più dalle capacità tecniche di tutti, dall’allenatore ad ognuno dei componenti la rosa (tutti molto utili, ma nessuno indispensabile): bisognerà darci sotto in questo nuovo ciclo di partite che, sempre e solo sulla carta, potrebbe essere un trampolino di lancio per recuperare punti e posizioni, anche considerando che, nel frattempo, ci saranno numerosi scontri diretti tra quelle che sono attualmente davanti in classifica (che sono poi le medesime squadre che ambiscono al primo posto finale – GAME OVER –) .

La mia formazione ideale “oggi”:

ZOMMERS… con davanti la linea a 4 (però vena a cà bonora da la Nasionela)

GARUFO CANINI LUCARELLI NUNZELLA

GIORGINO davanti alla difesa (ruolo che l’anno scorso lo rese “indispensabile uomo ovunque” e contribuì particolarmente sia alla fase difensiva di recupero palloni sia alla ripartenza dell’azione di fianco al suo gemello calcistico “Ciccio Corapinho”)

CORAPI & SCAVONE centrali “tuttocampisti” (sperando che tengano fisicamente e non si prendano nemmeno il più piccolo dei raffreddori invernali)

con davanti NOCCIOLINI (con maggiori compiti di copertura in aiuto al centrocampo ma pure in alternativa, visto lo stato di grazia sia fisico che realizzativo, alle due punte)

CALAIO’ ed EVACUO: per ora direi inamovibili, ma ritengo che, relativamente alle partite contro squadre chiuse (al Tardini), si potrebbe modificare lo schieramento iniziale inserendo Micio Melandri (sempre in grande spolvero) al posto di “Felice” (che tanto felice non sarà) spostando di conseguenza barba bomber “El Nocho” Manuel Nocciolini al centro dell’attacco con Calaiò e Melandri stesso a fare da guastatori mobili sia per la velocità sia per la fantasia delle giocate nelle loro corde.

Altra cosa che ritengo molto importante, salvo infortuni & inconvenienti, l’uso efficiente delle 3 sostituzioni in modo tale da modificare sia l’assetto della squadra sia per dare più imprevedibilità e soluzioni alla manovra offensiva (ricordo che… vorremmo vincere il campionato senza ritornare al via (facendo i play off) come nel gioco dell’oca: allo scopo saranno/diventeranno utili tutti gli elementi in rosa, vedi Baraye, Guazzo, Mazzocchi, così come tutti coloro non citati (da “baby boy” Panciroli a “fratello maggiore Cris Miglietta” il quale sono convinto si e ci toglierà ancora qualche soddisfazione in campo, ne sono certo perché la classe non è acqua ) .

…Le prossime gare dei crociati:

8^ Lunedì 10/10 ore 20,45 – PARMA-Feralpisalò (diretta RaiSport 1)

9^ Sabato 15/10 ore 20,30 – Forlì-PARMA

10^ Sabato 22/10 ore 20,30 – PARMA-Mantova

11^ Sabato 29/10 ore 18,30 – Fano-PARMA

12^ Sabato 05/11 ore 16,30 – PARMA-Gubbio

Feralpisalò: 13 punti, giocate 7, vinte 4 , pareggiate 1 , perse 2 , gol 13 / 8, in trasferta: vinte 2, pareggiate 0, perse 1 – gol 5 / 5

…ed i futuri prossimi scontri diretti:

08/10: Bassano/Pordenone – Venezia/Sambenedettese

15/10: Padova/Reggiana – Mantova/Bassano*

22/10: Bassano/Sambenedettese

29/10: Venezia/Bassano – Sambenedettese/Feralpisalò

05/10: Bassano/Padova – Reggiana/Sambenedettese – Santarcangelo/Venezia

N.B.: ho postato pure la partita Mantova/Bassano * per evidenziare come la formazione veneta, ora appaiata al Parma, si trovi ad affrontare un calendario, oserei dire molto difficoltoso, alla fine del quale non so come sarà piazzato in classifica rispetto ai crociati.

Direttamente da 12 Teleducato >>> Oktoberfest: Scalata alla classifica?

Suggestivo, auspicato e possibile titolo legato al cammino autunnale del Parma: riusciranno i Crociati a risalire la china nelle prossime 5 gare? Lo scoglio più difficile è sempre “la prossima partita”, quella col Feralpisalò che si trova avanti di un punto a quota 13: nella giornata di sabato 8 p.v. ci saranno gli scontri diretti “mangiapunti” relativi a Venezia-Sambenedettese e Bassano-Pordenone che potrebbero rallentare la marcia di almeno due rivali per la corsa al primato; al di la di queste gare i ragazzi del presidente Nevio dovranno fare bottino pieno a partire dal posticipo di lunedì sera per proseguire poi nel corso delle successive partite.

Gioco non gioco, lanci lunghi, identità e fisionomia di squadra, di uomini, di modulo e disposizione in campo: questi i tanti temi trattati, sviscerati, girati… triti e ritriti; ognuno di questi particolari da ritrovare, migliorare e perfezionare: nel frattempo è sempre il risultato la cosa più importante, la medicina che cura tutti i malati, il brodino che fa bene in ogni stagione sia per i piccoli raffreddori sia per le lunghe diagnosi “curabili”.

La squadra ha bisogno dell’allenatore, l’allenatore ha bisogno dei suoi uomini e questo gruppo, unito, ha bisogno dei suoi tifosi: da queste pagine rivolgo un appello a tutti i simpatizzanti, giovani, meno giovani, uomini, donne, appassionati, ultras, gruppi organizzati o “cani sciolti”, a tutto lo stadio affinché continui, come sempre, ad incitare la squadra, a non fischiare se magari non si vede “calcio spettacolo”, a supportare i ragazzi in campo con calore ed entusiasmo, mai domi e mai silenziosi; nei momenti di difficoltà (sportiva… beninteso) bisogna ancor di più e maggiormente aiutare a superare le asperità: un ulteriore importante contributo agli atleti ai quali, comunque, non difetta né l’impegno né il carattere già ampiamente dimostrati, a sprazzi, nel corso delle prime giornate di campionato.

Un grande forza Parma Calcio 1913 da parte di tutto lo stadio !!!!

La rappresentativa “provocatoria” del girone:

PASOTTI (Lumezzane)

Cacioli LUCARELLI DOMIZZI (Venezia)

CORAPI

SABATINO (Samb) GENEVIER (Lumezzane) BURRAI (Pordenone) GAROFALO (Venezia)

CALAIO’ ARMA (Pordenone)

Ogni tanto è bello pure sognare una difesa ultra 100 enne (rigorosamente a 3 duri da superare).

Buona Lega Pro a tutti

Dallo Stadio Tardini,

Cordialmente,

Mauro “Morosky” Moroni

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

CALCIO & CALCIO / ANGELLA, IL VATICINIO: “A FINE OTTOBRE PARMA IN TESTA”. MA FABRIS OBIETTA: “LA COESISTENZA CALAIO’-EVACUO E’ TUTT DA VERIFICARE”

diapositiva11

diapositiva1

diapositiva1111

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

14 pensieri riguardo “Parmaland 1913 di Mauro “Morosky” Moroni / Il borsino, la mia formazione ideale ad oggi e l’Oktoberfest

  • 6 Ottobre 2016 in 16:52
    Permalink

    Ma Cacioli cosa c’entra in tutto questo?

  • 6 Ottobre 2016 in 17:35
    Permalink

    In effetti mi chiedevo anch’io perchè Cacioli nel dreamteam di LegaPro?

    • 7 Ottobre 2016 in 07:56
      Permalink

      Magari il Mauro sa qualcosa del suo ritorno?

  • 6 Ottobre 2016 in 19:49
    Permalink

    4-3-3 con Evacuo a fare panca. è il più sacrificabile rispetto a Calaiò.

  • 6 Ottobre 2016 in 21:45
    Permalink

    Dopo sette giornate è ancora presto per esprimere giudizi. Se si gioca male e si muove la classifica significa che siamo competitivi. Mantenere la media inglese senza il bel gioco è un segno di forza. Rispettando la media inglese si arriva sicuramente ai play off. Il sistema di gioco è poco fluido perchè GIGI deve ancora capire come oliare la macchina.

  • 7 Ottobre 2016 in 08:25
    Permalink

    Scrivendo che era PROVOCATORIA mi pareva di aver già detto tutto : Luca Cacioli è un mio vecchio pallino del campionato scorso e, alla fin fine, ad oggi, penso che non avrebbe mica sfigurato + di tanti altri e, forse, avremmo anche preso meno gol di testa..forse
    ( Pro Piacenza, Venezia e Pordenone )
    ..
    sti ben ragass

  • 7 Ottobre 2016 in 08:40
    Permalink

    NO NO
    immagino che la sua scelta sia stata “personale “nel senso di “volere giocare” essendo protagonista, seppure in serie D,
    pertanto è una scelta da rispettare ( anche se erano in tanti a dire che non sarebbe andato bene x la Lega Pro e, allo scopo, affermo pure che gli attuali difensori non è che siano + veloci del nostro ex “marcan luca” ma ..va bene così )
    ..
    era solo uno dei miei beniamini preferiti, simbolo in campo di una schiera di calciatori antichi, di stampo in via di estinzione ( per la serie pochi tatuaggi e fronzoli, molta solidità fisica senza cercare il pelo nell’uovo, bando alle ciance / sottigliezze e giù sodo col randello, picco e badile quando serviva..)
    ..
    questione di gusti, di palato ma pure di concretezza

  • 7 Ottobre 2016 in 12:08
    Permalink

    Approvo il 4-3-3, le abbiamo provate tutte, perchè non il modulo con il quale il mister ama giocare, altri non lo sono se sono di sua impronta,ma quello è il modulo di Apolloni.
    Gli uomini per farlo li ha,hai i terzini,i due centrali, i 3 di centrocampo che danno affidabilità, Giorgino Corapi Scavone.
    Ma in avanti dentro gente che fa movimento, non possiamo più giocare palla lunga e pedalare,i due centravanti oggi come diceva qualcuno più saggio non possiamo forse permetterceli.
    Dentro Melandri con Nocciolini e Calaio in attacco. Credo che porterebbe qualche giovamento l’ingresso del micio al gioco della squadra.I sostituti anche lì ci sono, Evacuo della prima punta e Baraye dei due esterni d’attacco, e sono tutte armi che possono essere sfruttate invece di essere dei punti di debolezza.

  • 7 Ottobre 2016 in 14:47
    Permalink

    Per arrivare nei play off ..basta arrivare al 10° posto..
    non credo sia l’obiettivo della società nè la gioia dei tifosi..

    custi chi i vrisen river prim ….già tersz l’è cme river decim…an cambia gninta …

    in gara secca si affrontano le seguenti squadre di ogni girone ( in casa di chi si è piazzato meglio ):

    la terza contro la decima
    la quarta contro la nona
    la quinta contro l ottava
    e la sesta contro la settima

    rimagono 4 squadre x 3 gironi = 12

    aggiungono le tre arrivate al secondo posto e la vincitrice della coppa di lega pro…..

    si arriva a 16 squadre e da li..altri scontri diretti con gare di andata e ritorno …x gli ottavi e pure x i quarti…

    gare di sola andata sia x le due semifinali che x la finale in campo neutro…

    praticamente arrivando in finale si fanno ulteriori 7 partite oltre la fine del campionato ( i giocatori vogliono andare in ferie ..la stanchezza..gli infortuni….che menata…meglio arrivare primi no ragazzi ?? dico ai calciatori )

  • 7 Ottobre 2016 in 16:38
    Permalink

    mi viene il mal di testa con tutti ‘sti numeri. Penso anch’io che in fondo in fondo sia meglio arrivare primi….ehehehehe.
    Interessante la spiegazione dei play off, non ne conoscevo il meccanismo. meglio play boy che play off

  • 7 Ottobre 2016 in 17:12
    Permalink

    Pero’ se andiamo ai plai of forse c’è un vantaggio. Per quella data Minotti &Galassi avaranno tesseraro il centro campista giusto in tempo

  • 7 Ottobre 2016 in 23:14
    Permalink

    Il meccanismo lunghissimo dei play off lo hanno impostato x tenere avvincente il campionato fino all ultima giornata cosi tutte le squadre ( le prime 13..14 sicuramente x quanto sopra e le altre x…quanto sotto…= zona retrocessione )..
    alla fine del cerchio una squadra arrivata sesta oppure decima teoricamente potrebbe giungere alla finalissima x andare in serie B…..

  • 8 Ottobre 2016 in 13:48
    Permalink

    bene mi fa piacere constatare che quello che pensavo a luglio ti sia balenato ad ottobre.

    sapessi cosa penso di adesso ,ma balenerai a dicembre 🙂

  • 8 Ottobre 2016 in 14:11
    Permalink

    Oktober fest, november pok

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI