SCALA: “APOLLONI SIAMO NOI. IL TECNICO MAI IN DISCUSSIONE: SIAMO UN GRUPPO DI CUI IO SONO IL RESPONSABILE”. MINOTTI: “I CAVALLI SI VEDONO ALLA FINE”. GALASSI: “MENO ISTERIA E PIU’ EQUILIBRIO”

galassi-scala-minotti(Andrea Belletti) Ronzano tanti rumors polemici in casa Parma. La società ne prende atto, non si nasconde dietro a un dito, affronta la situazione di petto e cerca di dipanare la nebbia andando a chiarire ogni punto. Ad uno ad uno. Così il presidente Nevio Scala e il suo staff (il direttore dell’area tecnica Lorenzo Minotti e il direttore sportivo Andrea Galassi) di fronte ai giornalisti toccano tanti argomenti cercando di spiegare in primis il modus operandi della società, per quanti ancora non lo avessero capito fino ad ora, visto che una certa “diversità” rispetto al normale calcio faceva parte del progetto iniziale del rifondato club. “Ho voluto questo incontro con voi – spiega il presidente Scala –  perché mi arrivano messaggi antipatici per ciò che riguarda il nostro lavoro e la nostra società. Accetto le critiche ma quando si sentono cose che oltrepassano la verità devo intervenire. Ho una delega salda che riguarda la gestione della società, io mi sono scelto la mia squadra composta da Minotti, Galassi, Apolloni più tutti i collaboratori. Io sono responsabile di questa scelta nessuno di noi ha mai pensato a mettere in discussione qualcuno, nemmeno in un momento in cui le cose non vanno come dovrebbero. Noi siamo una squadra che sta lavorando per migliorare giorno per giorno. Non c’è nessun caso ma il nostro modo di operare non cambia dopo una sconfitta così come non cambierebbe dopo una vittoria. E’ innegabile che ci sia qualcosa da migliorare ma stiamo lavorando con intensità in sintonia con il tecnico”. Apolloni dunque non è sulla graticola. “Gigi non ha bisogno di essere difeso ha compiuto un’impresa che resterà scritta negli annali ed ora dopo una sconfitta è ingeneroso gettargli la croce addosso. Apolloni siamo noi, sono io il responsabile. Tutti i mesi abbiamo il dovere di confrontarci con la proprietà per valutare il cammino che stiamo percorrendo. Dobbiamo credere di più in noi stessi ho parlato con la squadra per dare un apporto morale positivo e forse tutto questo porterà a qualcosa di buono. Dopo 8 giornate ci sta che non tutto giri alla perfezione. Ma abbiamo uno spogliatoio con uomini straordinari continueremo a lavorare poi vedrete che i risultati verranno. Non c’è nessuno individualmente che verrà messo in discussione vogliamo fare un calcio diverso dagli altri e non cambiamo idea difronte alle prime difficoltà. Vogliamo essere diversi per questo motivo perché ci mettiamo tutti in discussione senza esaltarci di fronte ad una vittoria o deprimerci nel momento in cui si perde una partita Questo è il messaggio che voglio lanciare ai tifosi”. Un messaggio che porta una ventata di novità in Italia. “Noi siamo un gruppo di lavoro che nel momento in cui le cose non dovessero andare bene è messo in discussione nella sua globalità, da presidente non scaricherò mai Lorenzo o Andrea ma io sarei il primo a farmi un esame di coscienza e a ricevere le critiche perché sono io il responsabile di quello che abbiamo costruito. Non può una sconfitta cancellare un lavoro che stiamo portando avanti da due anni. Dobbiamo valutare le cose che sono da migliorare, certamente, ma questo è il nostro calcio il calcio che vorremmo portare avanti per sempre. Questi siamo noi, siamo diversi, Apolloni è l’allenatore più seguito e supportato al mondo. Tutti i giorni condividiamo il suo lavoro e il suo operato, Apolloni siamo noi. Non sarà mai lasciato solo e non è stato mai lasciato solo. In questa società tutte le decisioni sono prese collegialmente a parte la scelta della formazione che spetta al tecnico. Ora c’è pochissimo da migliorare conta la convinzione. Ho parlato con Lucarelli che mi diceva: Quando si perde non si sta bene. E’ vero, ma le sconfitte aiutano a crescere se si è convinti della propria forza. Serve sfruttare il cervello più di quanto lo stiamo sfruttando ora”.

Per aumentare i giri di una macchina che va ancora a singhiozzo. “Siamo una squadra nuova costruita per vincere – interviene Lorenzo Minotti –  e dobbiamo lavorare crescere sotto tutti i punti di vista. Le prestazioni sono state alterne per una serie di motivi fino ad arrivare all’ultima sconfitta dove è mancato l’atteggiamento l’approccio alla gara. Ci ha lasciato tanta amarezza soprattutto dopo aver assistito al lavoro settimanale della squadra. La Feralpi ha fatto una grandissima partita ragion per cui quando poi abbiamo dovuto recuperare la gara non siamo riusciti a mettere in mostra quella lucidità e cattiveria agonistica utili per raddrizzare il risultato. E’ stato un passaggio a vuoto che dimostra come dobbiamo calarci nella mentalità di un campionato dove si gioca in maniera sporca con toni alti. In più nel girone troviamo squadre come il Bassano il Pordenone Feralpi Salò, che hanno valori tecnici buoni e che portano avanti un progetto tecnico tattico oliato già da alcuni anni. La Sambenedettese e il Gubbio stanno vivendo l’entusiasmo delle neopromosse Sono convinto del valore di questa squadra ho pochi dubbi. Poi anch’io avrei sperato in una partenza diversa ma sono fiducioso anche se sono consapevole che incontreremo tante difficoltà. Ma alla fine penso che ci giocheremo il primo posto perché i cavalli di una squadra vengono fuori alla distanza”.

Sulla stessa linea d’onda si trova Andrea Galassi: “Abbiamo un potenziale importante ancora inespresso Ci vuole tempo per dare a questa squadra la giusta fisionomia. I giocatori hanno ampi margini di miglioramento Non sarà un giocatore che stravolgerà questa squadra. E’ un gruppo competitivo dobbiamo trovare il bandolo della matassa. In questo momento dobbiamo ritrovare fiducia autostima ma la personalità di questi giocatori ci porterà dove vogliamo andare. Nel calcio bisogna avere equilibrio senza farsi prendere dall’isterismo. La squadra perfetta non esiste Dateci tempo e questo gruppo farà quello che deve fare Con un po’ di pazienza ne verremo fuori”. Andrea Belletti

DAL CANALE UFFICIALE YOU TUBE DEL PARMA CALCIO 1913 IL VIDEO INTEGRALE DELLA CONFERENZA STAMPA ODIERNA CONGIUNTA DEL PRESIDENTE NEVIO SCALA, DEL DIRETTORE DELL’AREA TECNICA LORENZO MINOTTI E DEL DIRETTORE SPORTIVO ANDREA GALASSI

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

65 pensieri riguardo “SCALA: “APOLLONI SIAMO NOI. IL TECNICO MAI IN DISCUSSIONE: SIAMO UN GRUPPO DI CUI IO SONO IL RESPONSABILE”. MINOTTI: “I CAVALLI SI VEDONO ALLA FINE”. GALASSI: “MENO ISTERIA E PIU’ EQUILIBRIO”

  • 13 Ottobre 2016 in 14:07
    Permalink

    Doveva essere la fiera delle banalità e così è stato…c’è pochissimo da migliorare hanno detto. Siamo a posto ragazzi.
    In ogni caso sbaglio o Galassi alla domanda sulle palle lunghe non ha risposto?

  • 13 Ottobre 2016 in 14:16
    Permalink

    Mo va’cagher Galassi quindi la colpa sarebbe del pubblico “isterico”??????O magari sarà dei giocatori che non avevano voglia? Ringrazia il cielo di avere una Curva come la nostra…etor che bali !!!!

  • 13 Ottobre 2016 in 14:31
    Permalink

    Tante parole ma di sostanza cosa si è detto ????? che siamo forti così bene ne prendiamo atto ma come gioco siamo ridicoli e la serie B è sempre più in miraggio.

  • 13 Ottobre 2016 in 14:33
    Permalink

    Cosa vi aspettavate?
    Loro sono stati coerenti.
    Loro hanno alzato l’asticella come a dire
    E TUTTO SOTTO CONTROLLO.
    HANNO GIOCATO L’ULTIMA CARTA
    Crediamoci
    Certo se poi rimarremo un altro anno in Lega Pro si saranno sputtanati ma se vinceranno il Campionto dovremo.prostarci ai loro.piedi e baciarglieli perche credetemi avrebbero fatto un capolavoro.
    IO MI METTO IN PRIMA FILA PER BACIARGLI I PIEDI
    Io direi prima di giudicare, di aspettare la fine del girone di andata
    Son poi certo che in separata sede, fuori dagli sguardi e dai taccuini dei giornalisri la proprietà ai giocatori abbiano parlato non certamente con voce calma ma si dice….si siano sentiti i muri tremare.
    Fidatevi domenica vinciamo 2-0
    Doppietta di Baraye.

    • 13 Ottobre 2016 in 15:07
      Permalink

      VOLEVO PRECISARE il marcatore del 2-0 di sabato.
      Ovviamente son certo che Baraye sabato segnerà i due gol della vittoria a un.patto però IMPRESCINDIBILE
      CHE GIOCHI DALL’INIZIO e
      CHE GIOCHI NEL SUO RUOLO
      In caso contrario se dovesse entrare nel secondo tempo o ancor peggio dovesse giocare da centrocampista, di gol ne segnerebbe zero virgola zero.
      Chi vuole scommettere con me?

    • 14 Ottobre 2016 in 08:13
      Permalink

      La verità caro The Rock è una sola, le loro sedie puzzano di bruciato, se non facciamo 9 punti nelle prossime 3 partite saltano tutti e 4. Gli sponsor che sono vincenti stanno premendo per un cambio di rotta immediato. La pessima esibizione in diretta tv di stato, ha fatto rizzare i capelli e non solo quelli ai comandanti del vascello Parma. Aspettiamoci colpi di coda importanti molto presto.

  • 13 Ottobre 2016 in 14:34
    Permalink

    Bah…prendo atto, non condivido, un ora di vita sprecata…che è un po’ ciò che penso dell’ora e mezza che passo fissando l’iphone per vedere la partita il sabato.

    cercherò di farmi furbo e pensare ad altro dalla prossima volta visto che per loro è a posto cosi.

  • 13 Ottobre 2016 in 14:37
    Permalink

    Ecco…probabilmente il problema è che non mi sembra che in questo momento la società sia cosi vicina al tifoso come essa stessa vorrebbe…

    • 13 Ottobre 2016 in 15:09
      Permalink

      Concordo in pieno con LucaDena. Anzi altro che vicina, sta snobbando il tifoso e dicendogli che non vede bene la situazione e che dovrebbe avere pazienza e fiducia in che lavora. La dirigneza che critica le critiche dei tifosi, mah… il biologico, termine molto abusato, e naturale, vero, ma e anche evoluzione per diventare il migliore. Io in queste partite non ho visto un evoluzione, che era pure abbastanza facile giudicando per quanto avesse giocato male la squadra nelle prime uscite, ma un involuzione. Non e giusto dire che nel calcio non si puo questo e quello. Io come manager di un azienda vengo licenziato se l’azienda non rende come dovrebbe, e non penso che i manager nel calcio dovrebbero essere trattati diversamente. Se poi cambiando manager, l’azienda non rende lo stesso, si cambiano dei dipendenti, in questo caso i calciatori. Ora se non si e daccordo con questo, allora non e biologico il termine da usare ma spensierato.

  • 13 Ottobre 2016 in 14:45
    Permalink

    possono dire quello che vogliono. La Gazzetta di Parma ovvero il quotidiano dei proprietari del Parma calcio, per la prima volta ha fatto un articolo di un certo tipo. Scusatemi ma di quello mi fido, delle parole di questi tre, no.

  • 13 Ottobre 2016 in 14:47
    Permalink

    Prendo atto che Scala, Minotti e Galassi hanno una percezione della situazione completamente diversa dalla mia e credo dal 90% dei tifosi.
    Per loro va quasi tutto bene, mentre per me di buono c’è veramente poco. Il problema non è il passaggio a vuoto dell’ultima partita, ma il completo non gioco e i risultati raccolti che comunque sono molto di più di quanto abbiamo dimostrato.

    Che dire…..speriamo abbiano ragione loro…..perchè altrimenti vedo difficile dei cambi di rotta da parte loro e quindi bisognerebbe ricostruire tutte da zero.

    Non parlatemi però di isterismo e disfattismo…..9’000 Abbonati……quasi 1’000 soci che hanno messo 500 Euro di tasca loro a perdere…..in trasferta numeri da seria A…..

  • 13 Ottobre 2016 in 14:48
    Permalink

    TUTTO COME PREVISTO ANDATEVI A LEGGERE IERI AVEVO GIA DATO LA CONFERENZA DEL TRIO LESCANO !!!!! vorrei solo chiedere a scala ma se poi la squadra non va in serie B allora la colpa di chi e’ dei tifosi troppo critici ? e dico ma i propietari i 7 nani cosa ci stanno a fare a farsi prendere per i fondelli da questi 3 personaggi in cerca d autore ?

  • 13 Ottobre 2016 in 14:50
    Permalink

    Come diceva Franco Califano in una delle sue canzoni:

    TUTTO IL RESTO E’ NOIA……

  • 13 Ottobre 2016 in 15:07
    Permalink

    LucaDena 14:37
    Probabilmente?
    Non ho letto uno-dico-uno commento positivo a questa conferenza stampa, da nessuna parte
    Ma noi siamo isterici e la squadra è fortissima vedrete…

    • 13 Ottobre 2016 in 20:05
      Permalink

      Mi sono limitato ad esprimere la mia opinione…sono pure di Torino per cui non ho il polso della situazione, vorrei dire che mi fa piacere che tutti la pensino come me..purtroppo non è così..sarebbe stato meglio sbagliassi

  • 13 Ottobre 2016 in 15:07
    Permalink

    Personalmente, non sono affatto soddisfatto di come gioca la squadra, da inizio stagione. I punti che abbiamo sono più di quelli meritati.
    Credo anche che dalla conferenza stampa non ci si potesse aspettare niente di diverso di quanto è stato detto, che questo staff sia confermato per tutta la stagione è altrettanto chiaro, c’è solo da sperare che abbiano il polso della situazione tecnico-tattica e che in breve tempo possano arrivare i risultati sperati, altrimenti a fine stagione saranno in tanti a fare le valige, con conseguente ridimensionamento dell’impegno economico dei cosiddetti Magnifici 7.

  • 13 Ottobre 2016 in 15:14
    Permalink

    Se la PROPRIETA’ vuole veramente salire quest’anno, e non ho motivo di non crederci visto tutto quello che han fatto e detto, questi 4 (mi spiace ma è così) arroganti hanno le settimane contate, altro che durare fino a giugno

  • 13 Ottobre 2016 in 15:20
    Permalink

    ISTERICI SIETE UN PUBBLICO ISTERICO !!!!! secondo me va bene farsi prendere in giro ma questi tre stanno esagerando il pubblico di parma deve tacere difronte a queste dichiarazioni , questi hanno una visione della realta’ distorta per lor va tutto bene e’ solo questione di tempo si il tempo necessario per il loro licenziamento

  • 13 Ottobre 2016 in 15:30
    Permalink

    La conferenza di oggi è dello staff tecnico messo con le spalle al muro dalla proprietà, è il loro “o la va o la spacca”,

    Non è stata una conferenza della proprietà.

    Dai non ci crede nessuno che va bene così e che manca poco….. che sono solo esagerazioni dei tifosi e che è solo la isteria dopo una sconfitta, cercano solo di difendere se stessi ma se mancheranno i risultati verranno fatti fuori tutti, speriamo non quando sarà troppo tardi.

  • 13 Ottobre 2016 in 15:51
    Permalink

    Imbarazzanti. Abbiamo indovinato tutti ieri quanto sarebbe stato detto stamani.

  • 13 Ottobre 2016 in 16:01
    Permalink

    Scala è stato molto chiaro…lui minotti e apolloni sono una cosa unica! Quindi se cade uno cadono tutti! Esonerare l’allenatore alle prime difficoltà non rientra nel loro modo di vedere il calcio,quindi apolloni a meno che non si dimetta rimane al suo posto fino alla fine dell’anno! Se la stagione andrà male l’anno prossimo credo sarà cambiato tutto il settore tecnico. Tutto quello che dobbiamo e possiamo fare è fare i tifosi…cioè tifare e invitare la squadra!

    • 13 Ottobre 2016 in 16:16
      Permalink

      Incitare…la squadra!

    • 13 Ottobre 2016 in 19:24
      Permalink

      Sante parole!! Ed è quello che si dovrebbe fare….

  • 13 Ottobre 2016 in 16:06
    Permalink

    Minotti su Agostinho Ca: non possiamo assolutamente pagare dei cartellini. Questo la dice lunga sulle reali possibilità economiche. Saluti.

    • 13 Ottobre 2016 in 16:15
      Permalink

      Ragioniere, non crede, forse, che l’attuale gestione voglia differenziarsi evitando di sputtanare soldi a vanvera acquistando cartellini inutili?
      Patetiche le sue insinuazioni sulle reali possibilità economiche di questa società che comunque è tra quelle che maggiormente hanno investito nella presente categoria.

      • 13 Ottobre 2016 in 18:50
        Permalink

        Già uno col tuo nik… vabbé va, ma tu che sei geometra sai quanti cartellini hanno pagato sul mercato? Solo 2 il resto o veniva a parmetro zero oppure oggi giocavamo con la stessa squadra dell’anno scorso

        • 13 Ottobre 2016 in 20:54
          Permalink

          Scusa ma i due cartellini che hanno pagato chi sono? A me risulta il solo Scavone (forse).

          • 13 Ottobre 2016 in 22:13
            Permalink

            Perché, è da più furbi del mondo spender soldi in cartellini?
            Non credo che la funzionalità di un giocatore al progetto dipenda dall’acquisto del suo cartellino o dall’arrivo a parametro zero. Mi pare che anche quando non c’erano problemi di soldi (tanto non si pagava nessuno) cercassero di prendere degli svincolati.
            Quindi che siano uno, nessuno o centomila gli arrivi a parametro zero non credo debba importare al tifoso, quanto questi possano rendere sul campo.

        • 13 Ottobre 2016 in 22:08
          Permalink

          Guarda, il mio nic è proprio per non dimenticare. Perché c’è troppa gente che dimentica quel che è accaduto.
          Chi dà dei piocioni ai magnifici 7 non si rende conto del danno sociale sul territorio della gestione dei due di cui porto il nome. Chi vuole una proprietà che spende e spanda non ha capito una cippa di questo progetto di rinascita e mi pare piuttosto nostalgico del vecchio regime. Del resto c’è qualche nostalgico che pensa a Lomonaco.

    • 13 Ottobre 2016 in 18:03
      Permalink

      Rodriguez docet
      Rodriguezdoveva venire da noi
      PER LUI NOI ERAVAMO UNA PRIMA SCELTA ma noi a differenza dell’Alessandria gli abbiamo offerto solo dei bruscolini e lui a malincuore non è venuto e intanto l’Alessandria sta volando grazie ai suoi gol
      Questo non è spendere bene ma spendere alla c….di cane

      • 13 Ottobre 2016 in 22:08
        Permalink

        …si chiama sempre Gonzales!

  • 13 Ottobre 2016 in 16:23
    Permalink

    Voglio solo vedere se sabato sera non si vince e convince a Forli cosa ci verranno a raccontare nella prossima conferenza…
    Scusate ma io saro’ disfattista ma a questo punto spererei in una disfatta totale per fare piazza pulita. questo tipo di atteggiamento da super uomini non mi piace….

    • 13 Ottobre 2016 in 18:05
      Permalink

      Diranno le stesse identiche cose che hanno detto oggi.
      IN FOTOCOPIA
      Non una parola di meno, non una parola di più.

  • 13 Ottobre 2016 in 16:30
    Permalink

    Egregio Dottore, quindi il giocatore da tesserare è inutile o è utile? Non ho capito. Me lo spieghi lei.

    • 13 Ottobre 2016 in 16:51
      Permalink

      Dipende dalle condizioni: se c’è da riconoscere un premio di valorizzazione al Barcellona sono soldi male; viceversa qualora il calciatore costasse il solo ingaggio, senza aggravi per il cartellino, potrebbe essere un affare.
      Penso sia apprezzabile che ci sia attenzione nella gestione del denaro da parte di chi ha ricevuto il portafoglio e amministra soldi non suoi

      • 13 Ottobre 2016 in 18:52
        Permalink

        Ma sei vero oppure solo ubriaco?

  • 13 Ottobre 2016 in 16:31
    Permalink

    Ora va bene tutto ma…

    i punti che hanno fatto – i soli calciatori – non li hanno certo rubati a nessuno:
    hanno forse “rubato” il mancato spettacolo, il mancato primo o seconto posto ( attuale ), tutto quello che si vuole ma..
    si hanno solo i punti fatti dati dal campo ( e mi manca sempre il gol di Nocciolini a Santarcangelo + 2 punti probabili )

    a parte Feralpi non ci ha massacrato nessuno,
    al Venezia abbiamo regalato due gol dopo l’88° …a partita finita e chiusa ( RICORDO CHE NON AVEVANO MAI TIRATO NELLO SPECCHIO DELLA PORTA ) ..ALTRI 3 PUNTI A PUTTANE

    il primo tempo di questa gara era stato piacevole e condito da bel gioco : qualcuno lo può confutare ??

    a Pordenone sappiamo com’è andata, calo degli altri o reazione dal campo di gioco ..gli abbimao dato 4 reti..

    DI GIOCO NON NE HO VISTO MOLTO NE’ MI SONO DIVERTITO TANTO ( MANCANO SICURAMENTE UN PAIO DI UOMINI )

    OGNUNO DI COSTORO, GIOCATORI IN PRIMIS, HANNO LE LORO COLPE…PERCHE’ SE HANNO FATTO DEI TEMPI INTERI DI BEL GIOCO …qualcosa ci sarà nelle loro corde..
    ..
    la Sambenedettese ci ha fatto due gol: il secondo, con portiere semicoperto, è andato in una posizione scomoda poi da prendere..
    il primo, da un errore di Garufo seguito da una loro rovesciata che andava a Macerata ha rimesso in gioco il laterale destro…

    Parlare ancora di tutto ciò non ha cmnq senso ma LE COLPE, CHE MAI NESSUNO VUOLE, SONO PURE DEI CALCIATORI ( non proprio scarsi come si penserebbe ), CON I LORO ERRORI, CON I LORO BLACK OUT E CON I LORO …PARECCHI GOL MANGIATI…( VE LI RICORDATE OPPURE LI VADO AD ELENCARE )
    ..
    che poi il MISTER ABBIA I SUOI PERCHE’ , certamente pure lui ha i suoi ma NON E’ L’UNICO …

    ricordiamoci che il mercato ( seppur promossi , qualcuno dice da gennaio..io dico da APRILE ) NON CREDO CHE SIA COSI SEMPLICE COME POTREBBE SEMBRARE :

    se tu vai a cercare qualcuno ( Bentivoglio, Antenucci, Sansone, Gonzalez, Volta, chi altro non ricordo ora e poi mi dico…ma tutti coloro che non sono venuti sono tutti migliori, + forti, + decisivi e ++++++++ IN TOTO ??????? ?
    ..
    tu vai a cercare qualcuno e visto che lo contatti LUI TI CHIEDE UN TOT DI CONTRATTO X UN TOT DI PERIODO ..2 ANNI MINIMO
    ..
    se nel portafoglio hai i soldi o meno non lo so..
    se hai un budget di spesa entro il quale tenere il costo della PIEDI dOPERA ( è la manodopera che gioca coi piedi ..di solito )
    bene, altrimenti lasci perdere …
    e, visto che ci sono stati calciatori che hanno chiesto cifre da LUNA E MARTE …credo che ognuno sia libero di fare le proprie scelte o decisioni..

    se hanno bluffato oggi in conferenza io non so, non l’ho ancora sentita ma non ha importanza: l’importante, come qualcuno ha citato, sarà il risultato finale..
    magari a gennaio fanno piazza pulita oppure mettono dentro 4/5 giocatori e cambiano radicalmente la squadra…
    e non diamo sempre la colpa alla riconferma di 15 ( non 17 ) provenienti dalla serie D : di costoro giocano titolari solo ZOMMERS, LUCARELLI E CICCIO CORAPI ..GIORGINO non sempre ..
    8 undicesimi sono nuovi ..
    e guarda caso l’ uomo + positivo e prolifico fino ad ora è stato proprio uno che viene dalla D, dalla squadra ora ultima in classifica
    …MANUEL NOCCIOLINI che da “brocco” di serie Dilettanti ha siglato 4 reti, 2 annullate, 3 incredibili sbagliate e tanto lavoro di raccordo tanto impegno e agonismo ( senza nemmeno giocare nel proprio ruolo )
    ..
    il problema, a volte, sta veramente nel manico ma ci sono anche situazioni che noi non conosciamo:

    …Guardiola è arrivato a Manchester ed ha SILURATO E FATTO VENDERE , SUBITO, IL PORTIERE TITOLARE DELLA SQUADRA CHE E’ PURE IL TITOLARE DELLA NAZIONALE..

    MOURINHO, dall’altra parte della città, si è fatto comperare subito IBRAIMOVIC E POGBA e poi ha silurato 6/7 elemnti della rosa precedente…

    questione di manico, di poteri forti e di NON IMPOSIZIONI DI SORTA da parte di dirigenti, giocatori di nome, ecc ecc ecc…

    un mio amico allenatore ( 700 panchine tra eccellenza e promozione ) la settimanA scorsa mi ha detto:

    APOLLONI non va bene perchè è una brava persona e non un fijo de na mignotta, per fare questo mestiere bisogna esser bastardi e non guardare in faccia nessuno sia che si chiami PINCO PALLINO SIA CHE sI CHIAMI ragazzino 16 enne agli esordi . PUNTO
    e credo che non abbia tutti i torti…

    OGNUNO PAGHERA’ PER I PROPRI ERRORI …
    e noi, i cappelletti a natale e il primo dell’anno li mangeremo lo stesso …
    mi a son sicur ….

    • 13 Ottobre 2016 in 18:14
      Permalink

      Morosky non mi hai detto se la classifica ti piace presumo di no. siamo noni, ma allora qualcuno ha colpa ma se la. colpa non è della societa’ dei giocatori. dell’allenatore, del preparatore atletico, del triunvirsto tecnico allora di chi è
      Forse di mia zia EVA?

  • 13 Ottobre 2016 in 16:38
    Permalink

    a Forlì, certamente non si convincerà….
    ma non serve ora nè conto l’ultima…
    serve sono GAGNER …I TRI PONT

    solo quello …3 PUNTI …

    LA PROSSIMA SETTIMANA, CON LA CHAMPIONS vi divertirete di +..io consiglio BARCA, REAL & atletico MADRID, BAYERN e, a volte , pure le zebrette …o i ciucci

  • 13 Ottobre 2016 in 16:49
    Permalink

    SIAMO TUTTI APOLLONI BENE ALLORA TUTTI A CASA CON APOLLONI

  • 13 Ottobre 2016 in 17:18
    Permalink

    MOROSKY guarda che il gioco del calcio è molto semplice e forse tu non lo hai ancora capito, se giochi a calcio 9 volte su 10 vinci se sei piu’ forte degli altri. Visto che i 4 moschettieri hanno dichiarato che siamo stati fatti per vincere il campionato vuol dire che siamo piu’ forti… Il problema e’ che il parma fa un altro sport che non è il calcio e quindi anche se sei piu’ forte (sulla carta) perdi contro chi è piu’ organizzato piu’ cazzuto di te e magari anche senza calcio biologico…

  • 13 Ottobre 2016 in 17:42
    Permalink

    Prendo atto che non verrà mai cacciato. O a meno che non subissimo tipo 5 sconfitte di fila. Non mi resta che tifare e basta.

  • 13 Ottobre 2016 in 17:49
    Permalink

    va be dai a gennaio vendiamo isterismo e compriamo equilibrio,amalgama ce lo ha gia’ soffiato qualcun altro

  • 13 Ottobre 2016 in 17:50
    Permalink

    x mino,i cavalli si vedono alla fine ma se sono asini si vede anche all’inizio

    • 13 Ottobre 2016 in 21:26
      Permalink

      Egregio dott. Assioma, se mancano i cavalli si fanno trottare gli asini

      • 14 Ottobre 2016 in 09:38
        Permalink

        eh in effetti poi si vedono i risultati

  • 13 Ottobre 2016 in 17:55
    Permalink

    Daila’ l era al Lentigione………….. MAnica di PAGLIACCI

  • 13 Ottobre 2016 in 18:39
    Permalink

    allora..
    da questa conferenza stampa si estrae il messaggio di compattezza tra Presidente, Direzione Sportiva Staff Tecnico e giocatori; fiducia incondizionata al Mister; penso sia giusto così, sono uniti e compatti.

    bisogna avere pazienza e aspettare che trovino il bandolo della matassa e risolvono tutti i problemi. Galassi dice “dateci tempo, un po’ di pazienza e pazienza…” poi il termine “c’è un po’ di isterismo” citato sempre da Galassi è virgolettato e più volte precisato da lui stesso.
    il messaggio è che sono convinti alla lunga questa squadra darà risultati.

    ma riprendo le parole di Minotti (al minuto 12..), quando ammette ai problemi di condizione atletica nelle prime gare e ai problemi tattici per trovare il giusto equilibrio ed il giusto atteggiamento; poi, altra cosa… pensava di partire meglio magari nascondendo le difficoltà ottenendo risultati strappati in qualche modo (minuto 16..), quindi.. noi tifosi non avevamo poi così tanto torto

    è ipotizzabile abbiano fatto una preparazione che darà frutti nel lungo periodo, aggiungiamo che il mercato si è concretizzato a preparazione in corso pertanto ha allungato ancora di più la quadratura del cerchio, non tutti i giocatori cercati sono venuti a parma quindi qualche cambio di strategia c’è stato; ecco spiegato il continuo cambio modulo e la rotazione dei giocatori, purtroppo l’abbiamo pagato caro con l’eliminazione dalla coppa italia e gare dai risultati e livelli di gioco altalenanti..

    noi tutti in questo spazio abbiamo evidenziato questi problemi, sopratutto quelli sulla condizione atletica (evidentissimi) nonostante però le smentite, ecco, secondo me un po’ più di sincerità non guastava e avvicinava un pò d più i tifosi.

    sbagliare è umano e può capitare a tutti,
    se lo ammetti i tifosi ti sosterranno, se lo neghi ottieni il risultato opposto.

    ora NOI stringiamoci attorno alla squadra a diamo a loro il nostro incondizionato sostegno; ma la società cerchi di far anche qualche passo avanti (a livello di comunicazione) verso i suoi tifosi, di fatto un bene prezioso e imprescindibile.

    Savo

  • 13 Ottobre 2016 in 18:48
    Permalink

    continuo a considerare strutturale il problema manifestato dal Parma e di questo, ovviamente, coloro che compongono la struttura non ne potevano parlare. Tuttavia la situazione è fluida e può cambiare, anche in meglio e lo spero. Però se il PArma dovesse vincere col Forlì (molto probabile) non si parli di riscatto, di crisi superata e di B possibile, ma solo di una squadra più forte che ha naturalmente battuto un’altra inferiore, quindi assoluta normalità.
    Se dovesse perdere è crisi conclamata. Se pareggia è agonia. Forza Parma

  • 13 Ottobre 2016 in 19:39
    Permalink

    spero che sabato vincono se nò è grigia ancora di più la situazione.. dai parma crederci reagisci c,,o

  • 13 Ottobre 2016 in 19:47
    Permalink

    Il dato di fatto e che se il campionato finisse adesso il parma non sarebbe in b qyindi non in linea con i programmi il resto e fuffa non vorrei che alla fine si dice che e stato un abbaglio o un sogno

  • 13 Ottobre 2016 in 19:53
    Permalink

    Ho grandi dubbi sulla conoscenza e la qualità di questo staff tecnico…per me non conoscono ne giocatori ne categoria.Diciamo che il Popolo Parmigiano vivi della storia di questi signori. Ci vogliono competenze capacità oltre ad una società di valore.Voglio aver fiducia ma posso garantirvi che questa squadra e inferiore ad almeno 5 squadre(spero di sbagliarmi).Sentire una conferenza di questo tenore mi mette paura.Signori sveglia così non andiamo lontani.Forza crociati

  • 13 Ottobre 2016 in 20:36
    Permalink

    Mamma mia che conferenza…..AIUTO.
    Come farsi amare sempre di più dai tifosi, non c’è che dire, complimenti.
    Siamo passati per imbecilli in pratica, anzi per degli allucinati che non si rendono conto che “c’è pochissimo da cambiare”.
    Mah…andrò a farmi vedere da qualcuno, cosa volete che vi dica?
    Ci vedo male, evidentemente, no perché io ho visto due tempi giocati bene ed altri due giocati decentemente su 8 PARTITE.
    Se poi dalla prossima giornata iniziano a vincere e convincere sarò il primo a godere come mai prima ovviamente…però EVITATEMI LE CONFERENZE INCAZZATE DOVE IL MALE DEL MOMENTO SEMBRANO I TIFOSI, per favoe.

  • 13 Ottobre 2016 in 20:37
    Permalink

    Una frase fatta che non mi piace è “se il campionato finisse adesso saremmo…”. Il campionato finisce a maggio e non adesso. Se, mia nonna avesse avuto le ruote, sarebbe stata una Jaguar (bè insoma, as fa par dir, forsi la saris steda un carel elevador va’)

    • 14 Ottobre 2016 in 09:14
      Permalink

      alora la andeva be in coppia con evacuo 🙂

  • 13 Ottobre 2016 in 21:04
    Permalink

    Scusa quali sarebbero le 5 squadre + forti del PARMA ?
    Considerato che non abbiamo ancora affrontato Gubbio, Bassano , Padova e Reggiana ?????

    • 14 Ottobre 2016 in 09:13
      Permalink

      ma, se guardo la classifica non faccio molta fatica nemmeno mancando di fantasia o di ostinazione

      • 15 Ottobre 2016 in 00:09
        Permalink

        ok, però la classifica non fa testo oggi.

        ci sono squadre che partono forti, altre che vengono fuori alla distanza, o altre che partono inceppate.
        poi anche altre che partono male e non si riprendono.

        basta pensare alla classifica dell’anno scorso in serie a, in questo periodo inter e fiorentina in vetta, poi…

  • 13 Ottobre 2016 in 21:51
    Permalink

    Moroski vai a vedere il tennis. Il calcio x te e’ fisica dei quanti….pianta li’ daila’! FARNETICHI? vai con Scala a zappare

  • 13 Ottobre 2016 in 22:16
    Permalink

    Caro pencroff ti stimo e trovo i tuoi articoli interessanti e competenti forse ti riferivi a me e’ vero i conti si fanno alla fine e mai prima pero l aderenza alla realtà deve essere una,componente imprescindibile fermo restando che si può salire in b dalla,porta di servizio dei play off com forza,ecrociati

  • 13 Ottobre 2016 in 22:34
    Permalink

    Play off con altre 27 squadre. Meglio un gratta e vinci..

  • 13 Ottobre 2016 in 23:44
    Permalink

    Bravo la penso come te , rimane l extrema ratio un lancio di dadi o la va o la spacca la rosa che ha il Parma meriterebbe altre ambizioni com niente e’ perduto

  • 14 Ottobre 2016 in 11:44
    Permalink

    annuncio
    inviti sabato 15 ottobre 2016 tutti i tifosi del parma cantiamo forza forza parma civadiamo tardini ore 16,30 partenza vai pagare euro 35,00 con pulman sono gianluca barazzoni aiutare disabile .
    inviti 16 ottobre 2016 domenica ore 14,45 rivogere gianluca barazzoni

  • 14 Ottobre 2016 in 11:46
    Permalink

    invito centro torri ore 17,10 bar n.3 cividiamo centro torri forza forza

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI