IL COLUMNIST / NON ERAVAMO BIDONI FINO A TRE GIORNI FA (CHECCHE’ QUALCUNO LO PENSASSE), NON SIAMO DEI FENOMENI ADESSO

(Luca Russo) – Le sconfitte con Lazio e Sampdoria per cominciare. L’illusoria vittoria contro il Torino al terzo tentativo. Poi le sberle prese in quel di Cagliari e la sonora batosta interna subita dal Palermo. Abbiamo appena oltrepassato il quinto turno di campionato, eppure l’Atalanta già langue in fondo alla classifica. Anzi quasi in fondo alla classifica, perché l’ultima piazza se l’è presa in esclusiva il Crotone, che in 450 minuti giocati ha spremuto un solo punticino. E’ il 21 settembre 2016, data che ci impone di salutare la bella stagione, ma nella Bergamo calcistica, ingiallita da un avvio di Serie A poco promettente, l’autunno ha fretta. Se Percassi desse il benservito a Gasperini, nessun tifoso della Dea – considerati i risultati di cui sopra – gli suggerirebbe il contrario. E invece il patron orobico decide di tenerselo, il Gasp. Diamogli il tempo di far vedere la sua mano, avrà pensato. Quel giorno il numero uno nerazzurro, però non lo sa ancora, va a dama. Lo avrebbe e lo avremmo capito un mese e mezzo dopo. Perché l’Atalanta decolla: vince a Pescara col Crotone, in casa col Napoli, strappa un punto al Franchi di Firenze e poi, in un crescendo a dir poco rossiniano, supera di slancio Inter, Pescara, Genoa e Sassuolo. Un poker che le vale l’alta classifica e un interrogativo dolcissimo: che sia l’anno giusto per corteggiare l’Europa? La morale di questa favola, al momento a lieto fine, è ben visibile: chi lascia la strada vecchia per quella nuova, sa quel che perde, ma non sa quel che trova. Se Percassi avesse esonerato Gasperini nel minuto in cui i risultati gli stavano offrendo il destro per assumere una decisione del genere, forse ora i bergamaschi terrebbero compagnia a Pescara, Palermo e Crotone in zona retrocessione. Ma Percassi ha preferito la via del remain a quella del leave e sbarrato la strada alla GaspExit. Scelta che gli ha corrisposto numerosi dividendi. E che in qualche modo è stata copiaincollata dal Parma per tracciare il destino professionale di Luigi Apolloni quando la piazza ne chiedeva a gran voce la giubilazione. Con una differenza non trascurabile: all’ex allenatore del Genoa, almeno nelle battute iniziali della stagione, son mancati i risultati, mai il gioco, ed è probabilmente questa la ragione che ha indotto il sodalizio nerazzurro a non privarsi dei suoi servigi, convinta (evidentemente a ragione) che da quel gioco prima o poi si sarebbero munti anche dei risultati; nel caso del nostro mister, il risultatismo ha tenuto in piedi la baracca, facendola sopravvivere all’assenza del gioco, cosa che ipotizzo abbia spinto i vertici societari a ragionare più o meno in questi termini: se si va a punti pur giocando male o comunque solo grazie alle pennellate geniali dei singoli, figuriamoci cosa combineremo quando Gigi troverà la quadra e finalmente ci metteremo a giocare di squadra e in maniera appena appena decente. Motivazioni diametralmente opposte ma ugualmente lungimiranti per concepire il medesimo verdetto: conferma. Per Gasperini. E per Apolloni. Perché non sempre cambiare significa migliorare. E specialmente se il cambio è originato dalla pancia. A proposito di giudizi affrettati: sabato scorso, contro il Gubbio, insieme alla vittoria si è materializzato anche, e ci risiamo, il gioco. O perlomeno una sua parvenza. Ma attenzione: prima di annunciare la primavera, aspettiamo che arrivi qualche altra rondine. Non eravamo dei bidoni fino a tre giorni fa (checché qualcuno lo pensasse), non siamo dei fenomeni adesso. Luca Russo

16 pensieri riguardo “IL COLUMNIST / NON ERAVAMO BIDONI FINO A TRE GIORNI FA (CHECCHE’ QUALCUNO LO PENSASSE), NON SIAMO DEI FENOMENI ADESSO

  • 8 Novembre 2016 in 08:26
    Permalink

    Parma, Reggiana Venezia e Bassano
    Penso che tra queste quattro uscirà la vinvitrice e presumo che sarà un campionato che si deciderà sul filo di lana.
    Noi siamo nettamente i più forti ma la testa a volte non va nella direzione giusta facendoci perdere l’autostima.
    Ora serve un ambiente coeso e SERENO senza polemiche
    UNO PER TUTTI
    TUTTI PER UNO
    Con una considerazione.
    Il campionato è lungo e alla fine vince la squadra migliore
    È sempre stato così
    Per r cui…
    Noi ricordatelo, dobbiamo essere SEMPRE il dodicesimo uomo in campo

  • 8 Novembre 2016 in 09:11
    Permalink

    Come Non essere d accordo….

  • 8 Novembre 2016 in 09:50
    Permalink

    Caro Rock, parole giuste le tue ma credo che cmnq siano solo le solite frasi fatte del calcio: in campo vanno i giocatori, fanno e sbagliano gol, passaggi, giocate; mettono energie, impegno, sudore così come lo fanno gli avversari, ognuno coi propri mezzi:
    se quelli del Forlì ( è un puro esempio ) avessero anche 15.000 spettatori abbonati non penso che aiuterebbero + di tanto le vistose carenze tecniche rispetto alle avversarie, giusto ?
    In tempi non lontani commentavo un articolo scrivendo:
    QUESTA SQUADRA PUO’ ANDARE IN CAMPO DA SOLA, certo, con gli uomini giusti e + in forma, al loro posto specifico, senza inventare strane manovre: calcio semplice, tanta corsa, grinta e, dare la palla a quei due / tre che poi la mettono in banca ( o in porta ); rotazione di 16/17 uomini che ogni partita devono dare il top, sia per 95 minuti sia per un parzialòe di tempo, ognuno col proprio massimo contributo di impegno e di agonismo, così come fanno gli avversari contro i crociati: correre, pedalare e mordere l’erba… semplice no ?

  • 8 Novembre 2016 in 10:13
    Permalink

    Fino a “sabato si è materializzato anche il gioco” è stato un bell’articolo.
    Ho letto diverse analisi su parma gubbio ma, seppur fatta a caldo, la migliore mi sembra sia stata quella del tecnico avversario. Considerato che si parla di una singola gara e non di tutto il campionato giocato sinora credo si possa dire che siamo stati anche fortunati. Speriamo di esserci sbloccati davvero, di recente miglioramenti ne ho visti soprattutto a livello di approccio ma sabato fino al pareggio sembrava una brutta giornata

    • 8 Novembre 2016 in 12:28
      Permalink

      Il tecnico del Gubbio ha detto che hanno fatto tutto loro, noi abbiamo giocato male e sottotono il primo tempo ma non abbiamo mai sofferto, lui ha bisogno di non abbattere il morale ai suoi ma credo che neanche in 6 ore avrebbero pareggiato quelli del Gubbio.

      E’ la prima partita che non abbiamo mai sofferto.

  • 8 Novembre 2016 in 10:59
    Permalink

    Infatti siamo ancora una squadra assemblata è costruita malissimo allenata malissimo che è pericolosamente a pari punti con altre 5 squadre e di cui solo una lascerà l’inferno a fine stagione.

  • 8 Novembre 2016 in 11:02
    Permalink

    E Grammatica vale da solo 3 volte insieme Minotti&Galassi.Io farei il cambio domani mattina. Due al prezzo di uno (anche se penso Grammatica costi più del nostro suo).

  • 8 Novembre 2016 in 11:28
    Permalink

    Vale talmente tanto che ad oggi la REGGIANA ha i nostri stessi punti che stiamo facendo cagare e veniamo da un fallimento….
    Imparare ad avere pazienza, quattro partite fa eravamo da retrocessione come la reggiana….

  • 8 Novembre 2016 in 11:53
    Permalink

    Con la regia in b ci dispiace ma x quest’anno è così T.Q .arzàn

    Tutti al Mirabello senza kiodi la storia siamo noi !!!! Infatti na pena

    Passa prima dal Marabù ke poi le pigli sempre tu gnocco brusè

  • 8 Novembre 2016 in 12:00
    Permalink

    Carissimo Luca Russo,

    i paragoni con le squadre di serie A non hanno alcun senso.

    Continui a scrivere “Racconti Fantasy”,

    fanno sorridere a mio fratello che ha 10 anni.

  • 8 Novembre 2016 in 12:18
    Permalink

    Davide mi pare tu faccia un po’ a cazzotti con la logica, prova a rileggerti…. tutto mal-ISSIMISSIMO, rosa, modulo, allenatore, ds etc.
    Bene. Com’è allora che siamo ad 1 punto dalla prima?. Ghè quel ca strusa

  • 8 Novembre 2016 in 13:14
    Permalink

    RUSSO hai scoperto l acqua calda nessuno aveva dubbi che non eravamo brocchi prima e non siamo il barcellona ora , anzi se ne vuoi un altra se mia nonna avesse le rotelle sarebbe una cariola……..e poi basta difendere apolloni che con gasperini non ci azzecca nulla …….dimmi russo se il parma lo segui se non avessimo licenziato cagni dopo un pareggio in trasferta e preso guidolin saremmo andati in serie B ‘ ‘ ? se non avessimo preso RANIERI ci saremmo salvati ? se avessimo continuato con MARINO dove saremmo finiti appena arrivato colomba la squadra ha iniziato a macinare punti ………eccccc come vedi i casi sono tanti e riguardono noi per esempio con maldini vincemmo tutte le partite e fummo promossi se rimaneva l altro non so come finiva.
    APOLLONI fraceva giocare male l squadra anche l anno scorso e ha vinto solo perche aveva una squadra nettamente piu forte d’altronde dala serie b e’ ginito al lentigione dopo 5 licenziamenti consecutvi per cui la tua storia di gasperini tienitela per te gasperini e’ anni che fa bene e bel gioco io sono convinto che con un altro allenatore che so’ quello della feralpi o poedenone per non dire gente come auteri o stellone de zerbi rastelli e tanti altri saremmi primi con 7-9 punti di vantaggio come l alessandria ………..dopo 12 giornate ha messo i giocatori nel suo ruolo ci voleva tanto ?

  • 8 Novembre 2016 in 13:18
    Permalink

    Beh. Posso dire che sabato poteva giocare la squadra dell’anno scorso con Nocciolini e Calajo la davanti.
    Alla fine della partita gli unici nuovi in campo erano Nunzella (e Ricci al suo posto non avrebbe sfigurato), Canini (che per ora fa rimpiangere Cacioli ma siam fiduciosi) e Calajò.
    Abbiamo fatto un decisivo passo avanti in attacco.

  • 8 Novembre 2016 in 13:49
    Permalink

    Siamo secondi a meno 1 dalla prima in mezzo ad altre sei squadre con società alle spalle ridicole. Quindi confermo che il mercato è stato fallimentare e la gestione tecnica parla da se. Siccome Apolloni non potrà andare in pensione col Parma vedrà Russo la carriera che farà al di fuori di Parma. (5 licenziamenti consecutivi preso dal Lentigione prima di paragonarlo a Gasperini direi ce ne vuole…ma se abbiamo paragonato Mazzocchi a CR7 ci sta).

  • 8 Novembre 2016 in 16:53
    Permalink

    Come paragonare la MAZZAMAURO alla BELLUCCI….

  • 8 Novembre 2016 in 18:19
    Permalink

    L’hai scritto bene: Gasperini perdeva, ma sempre dimostrando di avere un gioco, invece noi no. Comunque speriamo che da sabato sia finalmente cambiato qualcosa.

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI