SOLLEVATI DAGLI INCARICHI MINOTTI, GALASSI ED APOLLONI. NEVIO SCALA LASCIA LA PRESIDENZA. LA PRIMA SQUADRA AFFIDATA TEMPORANEAMENTE A MORRONE. DOMANI ALLE 11 A COLLECCHIO CONFERENZA DEL VICE PRESIDENTE FERRARI

logo-parma-calcio1(www.parmacalcio1913.com) – La Società Parma Calcio 1913 comunica di aver sollevato dai rispettivi incarichi di responsabile area tecnica, direttore sportivo e allenatore Lorenzo Minotti, Andrea Galassi, Luigi Apolloni e di aver preso atto delle dimissioni di Nevio Scala dalla presidenza del Consiglio di Amministrazione.
La prima squadra viene temporaneamente affidata all’allenatore della formazione Berretti Stefano Morrone.
La proprietà del Parma Calcio 1913 desidera ringraziare di cuore Nevio Scala, Lorenzo Minotti, Andrea Galassi e Luigi Apolloni che con la propria passione e professionalità hanno contribuito a compiere il primo passo della rinascita del club.
Domani, mercoledì 23 novembre 2016, alle ore 11.00 a Collecchio si svolgerà una conferenza stampa del Vice Presidente Marco Ferrari.

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

95 pensieri riguardo “SOLLEVATI DAGLI INCARICHI MINOTTI, GALASSI ED APOLLONI. NEVIO SCALA LASCIA LA PRESIDENZA. LA PRIMA SQUADRA AFFIDATA TEMPORANEAMENTE A MORRONE. DOMANI ALLE 11 A COLLECCHIO CONFERENZA DEL VICE PRESIDENTE FERRARI

  • 22 Novembre 2016 in 20:08
    Permalink

    Speriamo trovino subito un direttore ed un allenatore di livello.

    • 22 Novembre 2016 in 21:27
      Permalink

      Adesso vi dico perché la società ha fatto bene a fare piazza pulita.
      Il Parma attuale è inguardabile senza gioco senza schemi senza idee ridicollizzato come gioco da tutte le squadre fin qui incontrate. con giocatori demotivati che non corrono, che svernano fuori ruolo e fuori di testa
      Cambiando ora, i giocayori daranno il massimo perché le gerarchie precedenti NON ESISTERANNO PIÙ.
      Cambiando ora si è dato modo al nuovo allenatore che spero sia Guidolin di visionare i giocatori in rosa e dopo un mese e mezzo avere la possibilità nel mercato di gennaio di poter aggiustare la squadra secondo le sue direttive.
      Era assurdo che Scala si sarebbe dimesso e così pure Galassi e Minotti se,Apolloni fosse stato esonerato ma questa cosa non stava né in cielo né in terra.
      Ma chi comandavano loro?
      La società mi ha sorpreso perché lo ammetto non credevo che avessero LE PALLE.
      Li vedevo succubi con loro
      Finalmente anche quest’anno non viene buttato via.
      Il nuovo allenatore se a gennaio verranno centrati i rinforzi, potrà dire la sua già quest’anno ma se quest’anno dovesse andare buca. son certo che verrebbe presentata per il prossimo anno una squadra schiacciasassi ma credetemi con un nuovo allenatore di rango però, 4 punti li possiamo facilmente recuperare.
      SOCIETÀ AVETE FATTO QUELLO CHE IO AL VOSTRO POSTO AVREI FATTO DA DUE MESI E I MIE POST SONO A DIMOSTRARLO.
      Società vi amo.

    • 23 Novembre 2016 in 10:31
      Permalink

      Meglio tardi che mai.
      Quante volte ho detto che
      Apolloni non avrebbe
      MANGIATO LE CASTAGNE.
      Le ha mangiate ma non
      fino in fondo ma per lo meno il
      PANETTONE NO.
      Ora spero che non si vada su
      CRESPO.
      Un ragazzo eccezionale
      come è APOLLONI,
      DUE PERSONE VERE
      ma Crespo sarebbe
      un nuovo Apolloni
      IN FOTOCOPIA.
      Sarebbe il suo clone.
      Tanto valeva allora
      tenere il buon Gigi.
      CRESPO ex stella del Parma
      non ha esperienza
      ESPERIENZA
      Zero virgola ZERO.
      Qui ci vuole gente
      ESPERTA anzi
      molto ESPERTA
      se si vuole recuperare
      questo campionato.
      Due nomi su tutti
      Guidolin o Rossi
      Ora i giocatori
      non hanno più alibi.
      Ora i prossimi ad essere
      “ESONERATI” a gennaio
      sono loro, I FAMIGERATI
      SVERNATORI
      NON LI VOGLIAMO PIÙ.
      Un Delio Rossi lo vedo bene.
      Questo attacca ai ganci
      dello spogliatoio gli
      SVERNATORI.
      Sa farsi rispettare.
      L’ho sempre detto che
      in questa squadra ci vuole un
      mister temuto un così detto “in buona”
      figlio di buona donna
      e Apolloni nello spogliatoio
      non era temuto, non era un
      figlio di buona donna
      In questo momento
      Delio Rossi è la miglior
      medicina per questo gruppo.
      Con lui quei 4 punti possiamo
      recuperarli
      Però ragazzi è da una
      vita che vi dico che
      Apolloni non andava.
      Doveva essere esonerato dopo
      la partita col Feralpi
      Io lo scrivevo ma niente.
      Come dicevo
      MEGLIO TARDI CHE MAI.
      Ed ora sotto con
      DELIO ROSSI e MARINO.
      Basta nel mettere nello staff
      VECCHIE GLORIE
      del Parma che fu.
      Come presidente,
      per quello che ha fatto
      merita non per quello che ha
      fatto come Capitanoin campo
      ma durante il fallimento
      per averci messo la faccia
      impavido e senza paura
      CRISTIANO LUCARELLI.
      e’ vero anche n lui è
      una vecchia gloria ma questo
      il presidente l’ha fatto
      per lungo tempo quando
      prima di fallire la squadra
      era allo sbando e
      IL PRESIDENTE invisibile
      era lui e l’ha fatto MOLTO BENE.
      Certo fino a fine stagione
      ci sarà un traghettatore
      ma poi a stagione conclusa
      LUCARELLI PRESIDENTE
      FOREVER.
      E ora inizia l’inseguimento.
      ma non con Crespo vi prego.
      Forza Parma e grande grandissima società per aver fatto quello che andava fatto semza paura impavida e vincente
      Se arriva Rossi
      l’entusiasmo salirà
      specialmente se dovessimo
      riiniziare a vincere e a convincere
      Società vi amo.

  • 22 Novembre 2016 in 20:14
    Permalink

    bene mi e’ passata la depressione e’ gia’ un buon segno per il parma 🙂

    • 22 Novembre 2016 in 21:01
      Permalink

      Ave assioma, ti ho criticato per le tue critiche che mi sembravano gratuite, ora i fatti ti danno ragione….. Onore e scuse a te.

      • 23 Novembre 2016 in 08:49
        Permalink

        io critico perché amo 😉 ,a volte esagero ma per far rendere l’idea

  • 22 Novembre 2016 in 20:18
    Permalink

    Speriamo solo non sia troppo tardi, Io avrei fatto piazza pulita dopo la conferenza stampa di Scala, veramente presuntuosa.

    • 22 Novembre 2016 in 20:56
      Permalink

      guarda non e’ mai troppo tardi per ripartire,tanto i playoff li fai ,meglio farli con un altra squadra e un altro spirito,a gennaio parecchi raus,investiamo suii giovani che e’ meglio quelli non sono mai soldi buttati

    • 23 Novembre 2016 in 13:40
      Permalink

      TFOSO
      non e trppo tardi 4 punti si possono recuperare, ma serve un allenatore di lunga esperienza ,pertanto crespo lo lascerei maturare ancora un po,

  • 22 Novembre 2016 in 20:19
    Permalink

    Secondo me hanno esagerato un po’ troppo però non conosco le motivazioni interne quindi nn mi esprimo…la piazza è troppo esigente nn sa che siamo una squadra appena nata ci voleva più pazienza

    • 22 Novembre 2016 in 20:57
      Permalink

      non hai capito,questa era una squadra senza un futuro ,ricominciamo a costruirlo

  • 22 Novembre 2016 in 20:19
    Permalink

    Speriamo solo scelgano bene, un Delio Rossi non sarebbe male, Zeman malissimo anche perché non avrebbe giocatori adatti al suo gioco.

  • 22 Novembre 2016 in 20:26
    Permalink

    Alleluja alleluja finalmente.
    È da tempo che dicevo che Apolloni andavan esonerato e se poi SClcala dava le dimissioni col suo calcio biologico, tanto meglio.
    Finalmente la società ha fatto capire che quest’anno si può ancora arrivare primi e LORO SONO I PRIMI A CREDERCI.
    Ed ora sotto con un allenatore che facaci finalmente giocare la squadra e abbia idee finalmente
    Devo essere sincero pensavo che la società fosse succube di Scalela e Company invece mi devo ricredere.
    BRAVI BRAVI BRAVI e poi ancora bravi.
    Società vi amo.

  • 22 Novembre 2016 in 20:33
    Permalink

    Bene, le intenzioni di vincere rimangono inalterate.

  • 22 Novembre 2016 in 20:38
    Permalink

    Un bel Pierpaolo Marino come direttore generale.

  • 22 Novembre 2016 in 20:39
    Permalink

    Io voto Guidolin!
    aveva fatto sembrare Lunardini un campione..

    però sono così sorpresa che mi sono andate via le parole..

    • 22 Novembre 2016 in 23:18
      Permalink

      Condivido Guidolin ma anche con Zeman lo spettacolo sarebbe assicurato.

      • 23 Novembre 2016 in 16:39
        Permalink

        Guidolin….. Por favor. …

    • 23 Novembre 2016 in 01:37
      Permalink

      concordo pienamente con Paola, Guidolin l’uomo ideale, inoltre conosce già la piazza e l’inserimento ambientale sarebbe più veloce.

      per la scelta della società sono ancora stordito, lasciatemi riprendere e poi dirò la mia.

      mi spiace molto perdere persone come il Presidente e il Mister, penso nonostante tutto ci abbiano messo il cuore e tanta dedizione.. la campagna dell’anno scorso con l’immagine di Scala e i bambini e lo slogan Noi Siamo Parma mi ha dato un emozione indelebile.

      oggi mi sento di dire un grazie a Scala e Apolloni per il loro impegno, non penso sia completamente colpa loro.

      lasciatemi metabolizzare questa notizia shock.

      FORZA \+/ PARMA
      sempre avanti crociati

  • 22 Novembre 2016 in 20:42
    Permalink

    Io non sono così tranquillo.. Non ho mai digerito la scelta di Apolloni (dal primo giorno in serie D), ma questa scelta mi sembra esagerata.
    Così va a farsi benedire il discorso decantato del “calcio biologico” a conduzione familiare ecc ecc.. e sembra proprio il segnale di una mancanza di idee.
    L’errore grosso della società è stata quella di proclamare a chiare lettere e ripetutamente che questo campionato l’avremmo vinto in un anno: tutto ciò quando avevamo ancora la rosa di serie D..
    Rimango convinto infine che i giocatori non giocano meglio se li fischi, ma a quanto pare questa sembra solo una mia opinione.

  • 22 Novembre 2016 in 20:44
    Permalink

    Questa notizia è clamorosa. Non mi sarei mai aspettato un ribaltone simile. Due riflessioni: chi ha preso le decisioni? A quanto ne so, a parte Ferrari e Majo, non conosco la competenza calcistica del board….
    In secondo, direi che questo potrebbe essere un segnale che questa Proprietà non può attendere di fare più di un anno nell’inferno della lega Pro, pena il possibile fallimento del progetto…
    Qua si riscrive tutto: un colpo di mano del genere nemmeno il miglior Zamparini l’aveva ancora fatto…
    Speriamo in bene…

  • 22 Novembre 2016 in 20:46
    Permalink

    Mai decisione fu più azzeccata far peggio di Scala Minotti e Galassi penso sia impossibile… Io li avrei cacciati il giorno dopo che è stato chiuso il mercato!!!!

    Purtroppo per quest’anno i danni che hanno fatto non penso siano irrecuperabili

    Dai forza Parma!!!!!!!!

    Aspettando Eugenio Corini

  • 22 Novembre 2016 in 20:47
    Permalink

    Zeman no, allenatore immenso ma complicato, quantomeno non adatto ad un subentro a metá o quasi campionato. Delio Rossi buono. Ma altro problema é ricostruire tutto l’organigramma. Se si può fare con qualche senso il toto-allenatore, più difficile è individuare un nuovo presidente, anche se preciso che le colpe si condensano sempre al vertice e Scala è stato un grandissimo allenatore ma un presidente miope e legato al suo glorioso passato, figurine comprese.

  • 22 Novembre 2016 in 20:55
    Permalink

    Speriamo Delio Rossi

  • 22 Novembre 2016 in 20:58
    Permalink

    Adesso peronin rimpiangiamoli se non vinciamo ad ancona

  • 22 Novembre 2016 in 21:02
    Permalink

    Non voglio fare il qdietrologo ma non vorrei che queste dimissioni anticipano un mercato non all sltezza e la mancatacopertura di acquisti importanti

  • 22 Novembre 2016 in 21:13
    Permalink

    Non si poteva fare altrimenti. La squadra non è stata costruita bene e l’allenatore non ci capiva niente da inizio campionato. Ora mi piacerebbe un ritorno di Guidolin, con Marino come DS.

  • 22 Novembre 2016 in 21:17
    Permalink

    Eh si che cattivi quei criticoni che dicevano che Minotti&Galassi erano inadeguati….che criticoni senza motivo…
    Voglio una pubblica ammenda dei teorici del va bene così perché con il biologico si vince. E adesso becchiamo un. El marpione alla Perinetti altro che balle.

  • 22 Novembre 2016 in 21:17
    Permalink

    Ma Guidolin che si era dimostrato interessato? Delio Rossi non è di mio gradimento, ricordo solo esoneri…ma anche un allenatore di categoria non andrebbe male, non credete?
    Mi spiace veramente tanto per tutti quattro ma ormai Gigi non era più difendibile anche se la rosa a sua disposizione ha evidenziato diverse lacune.

  • 22 Novembre 2016 in 21:18
    Permalink

    Pensavo l’allenatore ma un ribaltone così non si era mai visto!

  • 22 Novembre 2016 in 21:29
    Permalink

    Il vero dramma è che dovrò riscrivere la puntata del moontalk da 0, questi alti vertici non pensano mai a chi prepara i programmi 🙂

    • 23 Novembre 2016 in 08:37
      Permalink

      Ma non vogliono inciucci e compromessi.
      Non si prendono in giro i tifosi con conferenze stampa assurdi.
      Parma ha dato l’esempio di correttezza e intelligenza nei suoi capi, ora lo stadio pieno come un uovo, da adesso in avanti.
      GRAZIE,GRAZIE.

  • 22 Novembre 2016 in 21:38
    Permalink

    Finalmente la proprietà ha posto fine a questo strazio. Ad uno credo importi zero dell’esonero perché ha sempre vissuto con sufficienza l’incarico di responsabile tecnico , avendo altro incarico che interessava molto di più. Gli altri due si sono impegnati ma non erano all’altezza. Ora il Parma può ambire a vincere il campionato. Prima lo dicevano solo i 4 ex.

  • 22 Novembre 2016 in 21:40
    Permalink

    Bene così. Non ne l aspettavo minimamente, anche in base alle dichiarazioni di Barilla di ieri. Ma bene così.

  • 22 Novembre 2016 in 21:40
    Permalink

    In bocca al lupo a tutti.
    Non se ne poteva più ben venga il ribaltone possiamo solo migliorare

  • 22 Novembre 2016 in 22:30
    Permalink

    Le parole di Scala furono giuste, via uno via tutti, ero d accordo allora e lo sono adesso: la proprieta’ parla poco ma, quando parla…sono fatti concreti..e, visto che i soldi li mettono loro, le decisioni spettano a loro.
    Spero in una svolta totale, ora voglio proprio vedere che succede in queste 7 partite pre sosta invernale..con gli stessi giocatori e la stessa preparazione fisica: voglio proprio vedere cosa succederà

    • 23 Novembre 2016 in 09:14
      Permalink

      niente ,pero’ non sentiro’ piu’ cazzate di conferenze stampa e mi sembra gia’ unbuon inizio,mi accontento di poco io,salutami pesenti 😀

  • 22 Novembre 2016 in 22:58
    Permalink

    Ecco subito, Giudolin, Pier Paolo Marino. Ragas, stì con i pè in tera. Siamo in lega pro ed in più, salvo rovesciamenti o change control (tò, a voj fer al fè anca mi), il budget le sempor col ed primá

  • 22 Novembre 2016 in 23:04
    Permalink

    Meglio così dopo che Galassi ha detto punto guadagnato dopo macerata senza aver fatto un tiro in porta una campagna acquisti fatta da Minotti (così come le formazioni) ma che si limiti a fare il cronista…….

  • 22 Novembre 2016 in 23:12
    Permalink

    Incredibile, mi sono preso del gufo, mi è stato detto che voglio il male del Parma se non ho pazienza, mi lamento del gioco e non mi bastano i risultati.
    Adesso Moroni e Russo queste accuse le rivolgete anche alla società o fate una piroetta e cambiate versione?

  • 22 Novembre 2016 in 23:15
    Permalink

    Nevio perdonali.

    • 23 Novembre 2016 in 08:47
      Permalink

      c’e’ pieno di gufi nei 7 proprietari eh ? scantati che sarebbe ora,ci conto

  • 22 Novembre 2016 in 23:16
    Permalink

    Sicuramente è un forte segnale della proprietà di voler vincere da subito questo campionato. Mossa peraltro che presuppone anche importanti investimenti pianificati per il mercato di gennaio. Per quanto riguarda il toto nomi la testa mi direbbe di scegliere qualcuno esperto della categoria che abbia fame e che in passato abbia già vinto questo campionato; il cuore invece mi porta a Crespo perché sinceramente è la persona che stimo di più: la pancia invece mi porta a nomi più blasonati come Guidolin o Reja. Stiamo a vedere

  • 23 Novembre 2016 in 00:52
    Permalink

    Credo che volessero esonerare l’allenatore, m poichè erano legati tutti ad un medesimo filo penso che gli altri se ne siano andati di conseguenza. Non so se li hanno esonerati ad uno ad uno o se vista la situazione, come aveva detto Scala, “se se ne va Apolloni me ne vado anche io” è stato “un bene ce ne andiamo anche noi”
    Era una squadra messa insieme dal Presidente, e cadendo uno sono caduti tutti. .. boh

    • 23 Novembre 2016 in 12:45
      Permalink

      Da quel che si legge sopra, hanno esonerato Minotti Galassi e Apolloni, dopo di che Scala si è dimesso anche se non era stato sollevato dall incarico… Non credo sia andata diversamente

  • 23 Novembre 2016 in 00:56
    Permalink

    GUIDOLIN tutta la vita.
    Allenatore che fa rendere al meglio quello che ha, sottovalutato e molto. All’Udinese gli vendevano sempre i migliori e lui a poco a poco ricostruiva, ricordiamoci anche qui da noi..di certi Lanzafame, Lunardini.. sembravano dei fenomeni.. anche Biabiany con lui ha dato il meglio. Poi è uno che fa il Mortitolo in bici, ha la pelle dura

  • 23 Novembre 2016 in 01:05
    Permalink

    Guidolin in un intervista disse che a Parma srebbe venuto e lo disse che eravamo in serie D. Adesso sì sarebbe interessante vedere se viene davvero

    • 23 Novembre 2016 in 09:35
      Permalink

      Guidolin piacerebbe anche a me, ma non so se può per via del regolamento sugli esoneri..cioè è stato esonerato quest’anno e mi pare di ricordare che non si possono ingaggiare tecnici esonerati nello stesso anno calcistico..poi oh..magari visto che è stato esonerato in inghilterra, sta regola non vale..

    • 23 Novembre 2016 in 09:39
      Permalink

      …si lo disse ma ancora non aveva il contratto firmato in Premier per oltre un milione di sterline all’anno e quei soldii continua a prenderli perchè è stato esonerato. Non credo che ci siano molte possibilità per noi

  • 23 Novembre 2016 in 01:10
    Permalink

    Perchè Scala ? Non capisco …

    • 23 Novembre 2016 in 01:26
      Permalink

      scala si è dimesso in sostanza, gli hanno bocciato i suoi uomini, mi pare ovvio

  • 23 Novembre 2016 in 01:46
    Permalink

    sabato in tribuna c’era un certo Crespo…

    ma ora come ora preferisco di gran lunga un maestro di calcio come Guidolin, con lui puoi lavorare solo sui giovani e di qualsiasi nazionalità, ora con l’esperienza inglese ritengo sia ancora più preparato, con lui il Parma potrebbe essere il nuovo Leicester..

    molto importanti le figure societarie che dovranno lavorare col nuovo mister, sopratutto per la parte tecnica sportiva.

  • 23 Novembre 2016 in 07:28
    Permalink

    Tutti i sapienti che c davano dei Gufi e dei criticoni sono spariti.

    Chi ha un po di Long Look lo diceva da Luglio, che era una squadra senza senso !

    Le colpe maggiori sono state della supponenza del nostro presidente che non è un caso se è rimasto fuori dal calcio x 20 anni, e cascate dei suoi due discepoli.

    Ci vogliono dei professionisti
    UN PRESIDENTE E NON UN AGRICOLTORE
    UN DIRETTORE GENERALE E NON UN COMMENTATORE
    UN DIRETTORE SPORTIVO E NON UN MANICHINO

    Brava la società che ha fatto questa scelta coraggiosa anche se ormai x quest’anno il primo posto è perso, 6 partite x limitare i danni prima del mercato penso siano troppe.

    Assio,
    Quando avevamo visto Garufo e Nunzella contro la rappresentativa ravanetti🙈🙈🙈
    Un giocatore si capisce da come corre/cammina

    • 23 Novembre 2016 in 08:46
      Permalink

      me lo diceva sempre un mio vecchio allenatore quando giocavo nei pulcini 🙂

    • 23 Novembre 2016 in 12:51
      Permalink

      Vabbe adesso dare dell agricoltore a uno che ci ha fatto vincere coppe e raggiungere risultati straordinari negli anni 90 che mai più abbiamo raggiunto è ignobile…. È una vergogna non lasciare a Scala almeno quei meriti!! !

      • 23 Novembre 2016 in 13:11
        Permalink

        Che classe i nostri profeti!

        Forza Parma

        • 23 Novembre 2016 in 13:28
          Permalink

          chi toglie i meriti??
          Non era adatto a fare il presidente, punto. Non era il suo mestiere, e le colpe più grosse piaccia o no sono sue.
          Chiedete a chi lo ha sentito parlare a telecamere spente…”a dicembre abbiamo già vinto il campionato” si e cucù…e Grammatica e Perinetti stanno li a fare le comparse??

          Cmq FERRARI ha parlato benissimo, giù il cappello come sempre, l’importante è che in società ci sia gente come lui!!!!

      • 23 Novembre 2016 in 13:42
        Permalink

        non e’ mica un offesa anzi ,probabilmente dopo 20 anni e’ piu’ propenso a scegliere quale tipo di coltivazione fare in un determinato campo che a scegliere calciatori punto.

        piuttosto sono gli altri due che hanno dei limiti al di la di un campionato dilettanti

  • 23 Novembre 2016 in 07:33
    Permalink

    Qua tutti che galoppano coi nomi da serie A….qualcuno forse ha già dimenticato il motivo per cui, 2 anni fa, il Parma è finito nei Dilettanti….Siamo in lega Pro, non ci sono entrate, se non quelle di sponsor che credono in un progetto!! E per ora il progetto è fallito, mi pare chiaro.
    Stimo Marco Ferrari ed ho fiducia in lui ma deve essere chiaro a tutti che in una situazione del genere, con i quadri tecnici azzerati a stagione in corso, realisticamente, sarà difficile vincere questo campionato.

    • 23 Novembre 2016 in 08:39
      Permalink

      dissento in parte, in quanto..

      oggi, a 4 punti dalla prima (poco più di 1 partita) e a 24 partite dalla fine del campionato (72 punti in palio) tutto è ancora alla nostra portata..

      un allenatore d’esperienza può in queste partite che mancano alla sosta/mercato mettere ordine all’assetto della squadra provare a mettere in cascina più punti possibili e individuare gli elementi che vanno cercati nel mercato riparatorio per completare la rosa con la sua idea di squadra.

      diversamente, se non si riesce a portare Guidolin, io andrei sempre su un allenatore di provata esperienza in questa categoria (LegaPro o Serie B), magari un nome non conosciuto ma che abbia l’esperienza per sistemare le cose velocemente.

      eviterei in questo momento Crespo, solo per il fatto della poca esperienza acquisita, magari in unprossimo futuro.. anche Apolloni non aveva tanta esperienza ma dietro aveva un certo Nevio Scala.. ora dobbiamo solo mettere le cose a posto e ritrovare entusiasmo (tutti: squadra e tifosi).

      la cosa che mi preoccupa di più è la preparazione atletica, gli altri (tutti) li abbiamo visti, corrono l’intera partita (o quasi) più di noi !!! a questo c’è una soluzione?

  • 23 Novembre 2016 in 08:17
    Permalink

    Grazie della pulizia.
    GRAZIE di tutto. Ora aria pulita a gennaio.
    Cerchiamo di non perdere molti punti restando attaccati alle prime fino al prossimo mercato di riparazione, con idee chiare.
    HANNO BALLATO NEL MANICO CON SOLDI NON SUOI, il PARMA è UN’AZIENDA, chi sbaglia paga, è giusto così.
    Questo è l’esempio.
    GRAZIE.

  • 23 Novembre 2016 in 09:03
    Permalink

    A me basta che lo staff tecnico precedente se ne sia andato, ora sinceramente non so cosa aspettarmi da qui in avanti, ma una cosa è certa: con Apolloni e company sicuramente il campionato non si sarebbe vinto, questo è poco ma sicuro. Magari non lo vinceremo comunque, ma gli errori penso siano stati fatti a monte.
    Nella lettera che hanno scritto i silurati parlano di decisione presa “causa”social, ebbene, non credo siano così sprovveduti. Sicuramente i dirigenti hanno capito che a Parma stava finendo l’entusiasmo e senza entusiasmo è difficile raggiungere qualsisi risultato. Non conosco un tifoso contento dell’operato di Apolloni, in curva dove ti metti ti metti e senti solo imprecazioni nei suoi confronti. Forse la gente è tutta impazzita, che ne so, ma io no lo credo.
    Staremo a sentire alle 11 cosa diranno, perchè dopo un colpo di scena del genere non so più cosa aspettarmi.

  • 23 Novembre 2016 in 09:24
    Permalink

    Monsieur Parme, credo che sia molto diffjcile che io abbia apostrofato qualcuno, nello specifico, come gufo:
    ora voglio vedere in queste 7 partite cosa succede, succederà..se i giocatori, gli stessi, con la medesima preparazione fisica, cosa faranno ( qualcuno ricorda !o scorso anno il Bologna ? Via dello rossi, arriva Donadoni : resurrezione della squadra e dei singolii…
    uguale ..calciatori sotto accusa

    Io non avevo nulla contro chi è stato silurato, verso nessuno dei 4
    : a me interessavano ed interessano pure ora solo i punti e la classifica.
    e, soprattutto, salire in serie B..
    non ho pecore a messo con nessuno, ne dirigenti ne calciatori, se lo spettacolo non mi piace guardo altro, certamente non critico + di tanto è non fischio..
    buon natale

    • 23 Novembre 2016 in 10:06
      Permalink

      be dai ultimamente lo hai fatto dai,vatti a rileggere,ma siccome so chi sei l’ho presa sul ridere

    • 23 Novembre 2016 in 10:34
      Permalink

      Cosa vuole che succeda che i giocatori scelti faranno ancora alquanto schifo, han fatto danni anche per il futuro perchè i contratti son pluriennali.
      Intanto ci tiriamo una riga e iniziamo finalmente il calcio professionistico

      • 23 Novembre 2016 in 13:39
        Permalink

        sintetico ma maledettamente esaustivo

    • 23 Novembre 2016 in 14:54
      Permalink

      Bene, già fatta la piroetta.
      Era prevedibile, i commenti denigratori ed offensivi verso chi auspicava un cambio di allenatore per almeno tentare di salvare il salvabile sono nei post precedenti ed innegabili, se vuoi puoi negarli anche se sono ancora presenti, fai come meglio credi.
      La maggior parte delle persone sempre attaccate da te dicevano le stesse cose che ha detto Ferrari nel cappello introduttivo, non vedo perchè un uomo adulto non mantiene la sua posizione senza guardare in faccia nessuno.
      Vedrai Moroni che anche con la squadra che abbiamo adesso vedremo dei miglioramenti da subito, scommettiamo che anche l’inesperto Morrone sarà in grado di coprire le fasce? scommettiamo che Nocciolini per tutto il resto della sua carriera non farà mai più il terzino abbandonato solo sulla fascia?

      • 23 Novembre 2016 in 15:10
        Permalink

        Morosky lo sapeva gia’ dal 21 agosto che Apollo non avrebbe mangiato le castagne ,prova a chiedergli chi glielo aveva detto mentre usciva dal galleana 😀

  • 23 Novembre 2016 in 09:50
    Permalink

    Leggo che per l’allenatore ci vuole uno che conosca la categoria… si ma i migliori si sono già accasati. Chi vai a prendere a Novembre ? Leggo che un allenatore tipo Guidolin non conoscerebbe la categoria.
    Ma in questa situazione serve un allenatore che sappia gestire la rosa che ha a disposizione e farla rendere al meglio. Non deve suggerire acquisti. Il 90 % della rosa è questa !!! Serve invece come il pane un direttore sportivo che conosca la categoria !!! Per fare acquisti mirati a gennaio e cercare di porre rimedio ad una missione quasi impossibile. Ad un allenatore come Guidolin bastano 10 secondi per inquadrare un giocatore. Guidolin arrivò in serie B e non conosceva la categoria. Li mise tutti in fila in Conte compreso. Il calcio lo si vuole complicare troppo. Il primo ingrediente però resta la motivazione. E questa la deve dare l’allenatore. e deve avere personalità. Perchè questi giocatori che abbiamo un giovane allenatore rampante se lo mettono in tasca e lo tirano fuori quando gli viene voglia.
    Se Guidolin avesse la certezza di un progetto pluriennale sarebbe la persona giusta. A Parma è stato bene. Feeling con la piazza. Risultati. No stress. Poi se vogliamo Delio Rossi che pianta 4 cartoni in panchina a Baraye…. non sarebbe male.

    • 23 Novembre 2016 in 10:40
      Permalink

      Effettivamente
      GUIDOLIN
      e
      DELIO ROSSI
      sono l’unica
      medicina
      l’unico antidoto
      per guarire
      questo Parma
      malato di
      abulia cronica

  • 23 Novembre 2016 in 10:16
    Permalink

    Solo gente con le fette di prosciutto sugli occhi poteva NON vedere la totale inadeguatezza del lavoro della dirigenza tecnica e dello staff tecnico. Sono mesi che dico come una squadra promossa in aprile non poteva essere ancora incompleta il 31 agosto, sono mesi che dico che le dichiarazioni di M&G di agosto, settembre sul mercato ottimo erano ridicole. Evidentemente chi caccia la pila e non quelli che si autodefiniscono i veri tifosi ha notato queste evidentissime lacune e ha preso i provvedimenti. Per altro l’arroganza di autodefinirsi diversi palesata dai trombati (Apolloni personalmente l’ho sempre assolto, è un brav’uomo adatto a compiti diversi dal vincere campionati e a cui hanno dato una squadra mal fatta), altra cosa che faccio notare da mesi gli si è rivoltata contro, come è giusto che sia. Ora finalmente lasciamo stare il biologico, la retorica perchè nel calcio come in ogni attività chi caccia la pila giustamente VUOLE RISULTATI. E affidiamoci a vecchi marpioni, a gente che il 31 agosto non resta col cerino in mano aspettando Sbaffo che firma con Grammatica.

  • 23 Novembre 2016 in 10:18
    Permalink

    E per favore smettiamola con le classiche e i punti che portano sfiga!

  • 23 Novembre 2016 in 10:24
    Permalink

    Ma com’è che bruciava in modo cosi’ esagerato che il Capitano lavorasse anche per Sky? Io l’ho sempre considerato un valore aggiunto perché gli permetteva di vedere centinaia di giocatori, partite e mantenere contatti con una moltitudine di addetti ai lavori, cosa che si sarebbe potuta rivelare di grande utilità anche per il Parma, in fin dei conti, in modo non ufficiale, rappresentava sui vari campi la nostra società.
    Per me resta, nonostante tutto, una persona che di calcio ne capisce parecchio, e alla quale mi sentirò sempre molto legato, e mi mette tristezza questo tiro al piccione (non solo nei suoi confronti) che va tanto di moda tra i tifosi.

    • 23 Novembre 2016 in 13:56
      Permalink

      Nessuno è contro Scala, Minotti o Apolloni !!!
      Quando mai possiamo scordare cosa sono stati per il Parma?
      Come persone poi sono splendide

      Si prende atto di quanto successo.

      Gli azionisti non sono contenti del lavoro svolto da questo gruppo, quindi come scelta “aziendale” hanno desiso di cambiarlo.. Era un gruppo che formava un tutt’UNO ed è per questo che se ne va il gruppo intero
      Ma l’ha spiegato benissimo Ferrari.. quindi..

      • 24 Novembre 2016 in 00:17
        Permalink

        per quanto riguarda Minotti, mi sono già espresso e ripeto: stima per il calciatore e come uomo, come commentatore lo reputo uno che di calcio ne capisce, purtroppo per noi in un Cesena-Parma (nonostante la sua carriera gialloblu) parlò non bene della nostra squadra, era molto fazioso e mi diede fastidio che un ex capitano commentasse così quella partita (mi aspettavo più equilibrio e riconoscenza, lo fanno anche Marocchi e Vialli..), come direttore sportivo mi è sembrato un pò sipponente e troppo sicuro di se, poco umile a mio avviso.. sotto l’aspetto umano mi spiace più perdere Scala e Apolloni, quest’ultimo l’ho sempre contestato ma non nego l’impegno la dedizione e l’amore puro per i nostri colori.
        massimo rispetto per Galassi.
        Nevio e Gigi per sempre nel mio cuore!!!
        ora andiamo avanti.
        per fortuna abbiamo Ferrari, a mio avviso il punto di riferimento per tutti noi, l’ho conosciuto e non posso che parlarne bene.

        avanti \+/ crociati!

  • 23 Novembre 2016 in 10:35
    Permalink

    Basta che non ritorna Melli

  • 23 Novembre 2016 in 10:42
    Permalink

    Crespo lo amiaamo tutti, anche Apolloni e Minotti erano bandiere.
    Bastsa bandiere, abbiamo già dato.

    Lo dico nello sconforto più totale.
    Questi ragazzi ci hanno accompagnato nel calcio europeo, con loro abbiamo visto un Parma che ci ha fatto sognare e anzi ci ha fatto entrare nel sogno..chi li dimentica?

    Ma visto che è andata così basta vivere nel passato. Per cui boccio Crespo. Ha meno esperienza di Apollo, qui ci vuole uno con le palle, scusate il termine ma è l’unico che rende l’idea.

    • 23 Novembre 2016 in 13:31
      Permalink

      Condivido Paola. Qui ci vuole come allenatore un figlio di buona donna che applichi la meritocrazia, che nel silenzio degli spogliatoi appenda ai ganci dello stesso chi pur volendo giocare, gioca da schifo, chi sverna e chi non sente l’importanza della maglia che indossa e chi non accetta la panchina e CREA CASINI

      • 24 Novembre 2016 in 00:24
        Permalink

        mi associo.
        Hernan magari tra qualche anno, per lasciare un segno indelebile.
        evitiamo esperienze alla Pioli (arrivato a Parma acerbo, ora si che darebbe un valore aggiunto!).
        puntiamo su un nome di esperienza duttile che sistemi le cose velocemente, accettando l’attuale rosa, che nonsconvolga nulla ma che metta a posto le cose, ottimizzandole, perchè se siamo a soli 4 punti dalla vetta non tutto sinora è stato sbagliato.. qualche ritocco servirà, ma la rosa può esser stimolata e riazzerata e ripartire con nuovi stimoli non può che far bene.
        se non possiamo permetterci nomi altisonanti, opterei su un mister di categoria con provata esperienza e investirei sul direttore sportivo.. sarà lui il valore aggiunto, che con i suoi contatti e conocenze porterà a Parma i nomi (giovani o di esperienza) giusti per il nostro progetto di risalita.

        forza \+/ crociati!

  • 23 Novembre 2016 in 10:49
    Permalink

    A parte che tutti quei nomi conoscono la categoria anche se fatta tanti anni fa sono partiti da li io preferisco guidolin Grande maestro di calcio

  • 23 Novembre 2016 in 10:55
    Permalink

    Quindi chi è rimasto che tecnicamente ne capisce qualcosa di calcio? Veramente in video l’ingenuità e la poca conoscenza della lega pro di buona parte dei fruitori di questo forum…

  • 23 Novembre 2016 in 11:00
    Permalink

    Animo …..adelante ..
    Forza Parma Siempre

  • 23 Novembre 2016 in 11:21
    Permalink

    Ma si certo, qualche critica, il funerale del gioco, ultimamente l avevo buttata sulla satira: d.s. Pierpaolo Marino e allenatore Deliorossi o Guidolin non sarebbe male ..ma il don prende i soldi dallo swansea e può andare in bici o a pescare gratis, e chi glielo fa fare di prendersi una patata bollente ???

    • 23 Novembre 2016 in 13:37
      Permalink

      Guidolin è un puro, ama le sfide, ma secondo indiscrezioni, sarebbe il primo candidato alla panchina del BetisSiviglia che sta per esonerare l’attuale allenatore…
      m allora può allenare anche se è stato esonerato.. se ha qualche fondamento questa notizia

  • 23 Novembre 2016 in 12:58
    Permalink

    Secondo me il Don non è uno che pensa solo ai soldi o che ha paura delle sfide, sopratutto a Parma dove credo sia stato molto bene. Detto questo non ho idea di chi possa venire, ma la cosa che mi fa più paura è il fatto che dicono che ancora non hanno niente in mano.
    Cavolo, fai un ribaltone del genere e rimani scoperto? Questo sinceramente non me lo aspettavo…

  • 23 Novembre 2016 in 12:59
    Permalink

    …credo che la scelta di ieri sera sia completamente corretta…come disse Scala se va via uno vanno via tutti…per Nevione un pò mi spiace ma a dirla tutta non mi è mai piaciuto troppo per via del suo modo di parlare e di comportarsi nei confronti della squadra…
    ora che c’è bisogno di un cambiamento è giusto come ha detto Ferrari in conferenza fare le cose con calma per non sbagliare nuovamente…
    A chi dice di non sognare troppo non vedo perchè non pensaere a nomi di grido (Marino, Reja, Rossi, Guidolin) in una Lega Pro che vanta già personaggi illustri..
    A gennaio credo servano dei cambiamenti importanti sulla rosa…il primo da spedire è Baraye poi a ruota cercherei di piazzare qualcun’altro…e poi 3/4 inserimenti mirati per raddrizzare la situazione…

    • 23 Novembre 2016 in 15:36
      Permalink

      No Baraye deve essre provato con un nuovo allenatore che deve essere figlio di buona donna e vedrete che si metterà in riga.
      Ha tempo fino a gennaio per dimostrare al nuovo tecnico il suo valore come ha tempo metà squadra, per farlo.
      EVACUO in primis deve dimostrare che quando l’abbiamo acquistato, non babbiamo preso una cantonata.
      Prevedo però a gennaio se i giocatori giocheranno come ora vendite a GO GO.

  • 23 Novembre 2016 in 14:29
    Permalink

    Tanti soloni pontificano a raffica per il GUSTO DEL CAMBIAMENTO
    FINE A SE STESSO.

    Questi soloni – spesso maestri del dileggio – non sanno una cosa che un nuovo allenatore non deve essere solo un nome altisonante , MA DEVE CONOSCERE LA CATEGORIA COME LE SUE TASCHE.

    Cosa difficile anche per chi vanta meriti ed esperienze di serie A.

    Tutto il resto sono pure cialtronerie dette magari con la scusa di amare il Parma o porcherie del genere.
    Tali Tifosi meriterebbero la galera a vita !

    • 23 Novembre 2016 in 15:32
      Permalink

      ok… tu sei convinto di quello che dici , altri lo sono a loro volta. Non credo che tacciare i tifosi di cialtroneria o mandarli in galera perchè esprimono pareri diversi sia un buon esercizio
      Ognuno dice quello che pensa. Punto.
      Le classifiche di “esperti” o di “buoni tifosi” non spetta a nessuno farle.

      in my opinion

  • 23 Novembre 2016 in 17:25
    Permalink

    Guidolin….

  • 23 Novembre 2016 in 19:41
    Permalink

    Allora, Guidolin potrebbe arrivare solo se lo pagano gli inglesi

  • 23 Novembre 2016 in 23:30
    Permalink

    Si sta cercando di portare Guidolin a Parma. La dirigenza è attiva sui social e sa che è l’allenatore più gradito alla piazza, peró ha un contratto eventualmente da risolvere ed ecco perchè si è preso tempo e ad Ancona siederà Morrone in panchina. Credo che se le prime scelte fossero uno tra Pillon, Corini, Rossi o Reja avrebbero già chiuso il contratto oggi e domani avrebbero guidato giá il primo allenamento.. Lunedì ufficializzeranno il nuovo allenatore.. Qualunque esso sia peró Guidolin è la loro prima scelta.

    • 24 Novembre 2016 in 00:33
      Permalink

      Guidolin in primis.
      poi opterei su uno cazzuto: Reja.
      di conseguenze Pillon, ma è un rischio..
      Delio Rossi, non me ne voglia.. non mi piace.

    • 24 Novembre 2016 in 00:48
      Permalink

      eh… magari !!!!!

      Ancora mi ricordo una delle prime partite dopo Cagni.. giocammo in un modo… incomprensibile, assurdo.. lui (Guidolin) perplesso in conferenza stampa disse .. ” è stata una gran.. baruffata” mi preoccupai ma lì lo conobbi perchè bastò poco tempo prima che sistemaasse tutto
      Rivalutò giocatori come lunardini, Vantaggiato, lanzafame mariga, lo stesso Biabiany.. tutti scomparsi o quasi dopo di lui.
      Sa fare le nozze coi fichi secchi..
      Il fico è sinonimo di nulla (non valere un fico) ,

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI