Parmaland 1913 di Mauro “Morosky” Moroni / DOPO LA RIVOLUZIONE DI NOVEMBRE PARTE IL NUOVO PROGETTO TECNICO. DA -7

copertina parmaland

wp_20161205_22_52_57_pro__highres(Mauro “Morosky” Moroni) – Dopo la “rivoluzione di novembre”, i crociati, traghettati da Stefano Morrone, sono ottavi a 7 punti dalla vetta: è arrivato, col proprio staff, il nuovo Mister, Roberto D’Aversa (che, come documentato dal profilo Facebook ufficiale del Parma Calcio 1913, dopo Bar Sport, ha già apprezzato l’altra sera la cucina tipica parmigiana aggiungendo la trippa al tagliere di salumi, foto a lato) e si riparte dalla 17^ giornata col nuovo progetto tecnico impostato dalla società: dalle parole dei quadri dirigenziali (sentiremo alle 11.30 anche quelle del nuovo direttore sportivo Faggiano)  l’obiettivo mi pare luca-carra-daniele-faggiano-marco-ferraridi capire sia quello di cercare di accorciare le distanze dalla vetta arrivando alla sosta invernale del campionato con ancora qualche possibilità di provare a rilanciare dopo aver agito sul mercato e, nel contempo, reimpostato la preparazione atletica. Tre gare per chiudere l’andata e, a seguire, le prime due di ritorno per un tempo totale di 45 giorni circa per recuperare punti, dare tempo al mister di conoscere la squadra, vederne pregi e difetti, suggerire quelle che saranno le principali mosse di mercato e ripartire, nella prima decade di gennaio, per un nuovo corso tecnico/agonistico (campionato che riprenderà il 22/01/2017)

Queste a seguire le 5 gare per arrivare a fine dicembre:

08/12 >>>  Sud Tirol

11/12 TERAMO

19/12 >>>  Reggiana

23/12 MODENA

30/12 >>>  Lumezzane

Niente tabelle niente proclami, siamo in fase di emergenza: gioco, punti, condizione fisica e, non ultima, l’infermeria che sta togliendo giocatori dal campo.

ferrari-daversa-stretta-di-manoUna piccola riflessione sugli eventi delle ultime settimane: la netta e drastica decisione della società ha spiazzato forse la tifoseria dando un segnale forte anche alla squadra; chi ha deciso avrà valutato i pro ed i contro ed ha optato per questo scossone per ripartire col nuovo progetto tecnico di cui sopra.

Il mio appello alla tifoseria in primis, lasciamoli lavorare;

alla squadra, ora tocca a voi, dateci sotto, non ci saranno sconti né mezze misure, credo proprio per nessuno: per la serie, così come se ne sono andati tecnici e dirigenti potrebbero andarsene pure i calciatori, giovani o meno giovani che siano… A buon intenditore!!!

La prossima avversaria, Sudtirol, punti 18, vinte 4, nulle 6, perse 6 – gol f/s  15/17:

il suo ruolino segnala la conquista di ben 13 punti in casa  Bolzano) con 10 gol fatti e 6 subiti.

Tra le note, il centrocampista crociato Manuel Scavone è nato a Bolzano ed è cresciuto nella formazione locale giocando in C2 e 2^ Divisione Lega Pro dal 2004 al 2010.

 Abbozzo la “mia” formazione d’emergenza  per problemi legati ai molti difensori indisponibili :

ZOMMERS

MESSINA CANINI SAPORETTI (Dodi) NUNZELLA (Ricci)

       CORAPI GIORGINO SCAVONE

BARAYE

CALAIO’ NOCCIOLINI


Mauro-Moroni.jpgDai Campetti di Via Zarotto

e dalla Tribuna Est dello Stadio Tardini

Vi saluto cordialmente,

Mauro “Morosky” Moroni

diapositiva1

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

35 pensieri riguardo “Parmaland 1913 di Mauro “Morosky” Moroni / DOPO LA RIVOLUZIONE DI NOVEMBRE PARTE IL NUOVO PROGETTO TECNICO. DA -7

  • 7 Dicembre 2016 in 00:31
    Permalink

    Ora non ci sono più alibi. Spero solo che quei vecchi marpioni ei nostri non approfittino del fatto di avere di fronte un allenatore piuttosto giovane e un po’ inesperto.

  • 7 Dicembre 2016 in 09:00
    Permalink

    La formazione sembra sensata, mi piace!

    faccio una domanda…ma ricci a destra non può proprio giocare? quel ragazzo li ne ha…è un peccato lasciarlo seduto a fare il muschio…

    lo metterei anche mezzala con corapi centrale e scavone, giorgino lo vedo in difficoltà…

  • 7 Dicembre 2016 in 09:06
    Permalink

    Lancio anche un piccolo sondaggio…

    E’ stato preso un nuovo DS, il quale probabilmente avrà come primo compito quello di liberare slot over.

    Quali saranno i giocatori da cedere secondo voi? dico seriamente…non a casaccio…mi piacerebbe ci fossero dei motivi…

    Di conseguenza avrà ricevuto carta bianca e compito di rinforzare la squadra, sicuramente sulla mediana, ma in quali altri ruoli interverreste?
    Avete dei nomi che ritenete caldi?Perchè?Fedelissimi di D’Aversa? Fedelissimi di Faggiano?

    • 7 Dicembre 2016 in 10:36
      Permalink

      @Luca Dena :

      ritengo che i giocatori da cedere siano :

      – Melandri : non riesco a vederlo utile al gioco della squadra sia con il 433 che in un 442
      – Miglietta : non credo sia finito..ma la squadra e soprattutto il centrocampo dovrebbe essere costruito intorno a lui per esaltare il suo gioco…
      – Guazzo : è l’attaccante che al momento potrebbe avere richieste e sarebbe utile per liberare lo slot over e sfoltire un reparto pieno..mi dispiacerebbe molto perchè quando utilizzato fino ad ora ha ben figurato rispetto allo scorso anno;
      – Evacuo : l’alternativa alla cessione di Guazzo…poca compatibilità con Calaiò ma era prevedibile;

      Altri big non vedo perchè venderli…bisogna che chi è arrivato come preparatore riesca a ripristinare una squadra demotivata e scarica dal punto di vista fisico…

  • 7 Dicembre 2016 in 09:36
    Permalink

    Vagnati credo abbia offerto uno spettacolo squallido e micragnoso. Vagnati piociòn!

  • 7 Dicembre 2016 in 10:18
    Permalink

    A mio avviso potrebbe succedere questo:

    so che ai tifosi, in linea generale, ciò non importerà loro + di tanto, però io credo che la società, per una sorta di obbligo nell’ onorare gli impegni presi 1 mese fa ( dai dirigenti precedenti , sulla parola ) , dovrà tesserare il ragazzo portoghese rimasto in prova poi infortunatosi: suppongo che fatto questo lo manderanno in prestito per avere quel posto over libero per gente + esperta e concreta ( anche se il ragazzo non è male tecnicamente ).

    Una volta insediatisi allenatore e direttore sportivo chiaramente faranno il punto della situazione: sempre e solo a mio avviso ritengo che i ruoli da sfoltire siano, in primis, un paio in attacco mentre, da rinforzare, sicuramente un paio a centrocampo.
    Queste le prime mosse da fare per irrobustire la squadra cercando di colmare le lacune evidenziatesi in questa prima parte di campionato.

    Nomi è sempre delicato farne però gente che non gioca o che ha giocato solo una manciata di minuti non credo sia contenta ed entusiasta di stare sempre a scaldare la panchina pertanto, per l’attacco, credo che due tra Guazzo – Melandri e forse Evacuo potrebbero essere ceduti o scambiati con altre contropartite tecniche ( fermo restando gli ingaggi, non alla portata di tutte le squadre !!! ).

    A centrocampo bisognerà sicuramente rinforzare ed irrobustire lo spessore del reparto con almeno due forti elementi dotati sia tecnicamente sia come fisicità, un regista centrale ed un “medianaccio” cursore rubapalloni onnipresente, questo il mio pensiero.

    Difesa: necessita di un centrale esperto, veloce, 27/28 anni, che possa ricoprire tutti i ruoli della difesa…
    altra figura che servirà, un laterale destro, anche alla luce dell’infortunio di Garufo ( visti i continui acciacchi di Benassi e di Coly )

    Probabile che la società affianchi un portiere esperto a Zommers a seguito di alcune gare non proprio indenni da colpe, incertezze e timori.

    Ricapitolando, 1 portiere, due difensori, due centrocampisti..saranno necessari con conseguenti nominativi in partenza per poter rientrare all’interno dei 17 over consentiti.

    In lista di partenza potrebbero quindi essere ???
    Coric, Ca’, Giorgino , Miglietta, Melandri, Guazzo, Evacuo ???

    Per acquisirne 5 , pari numero ne dovranno uscire quindi ai nuovi arrivati dirigenti questo il primo compito dopo aver valutato squadra, singoli, pro e contro ( ingaggi sostenuti compresi )
    Buon lavoro signori.

  • 7 Dicembre 2016 in 10:27
    Permalink

    D’accordissimo, lasciamoli lavorare e pensiamo a una gara per volta, la classifica la guarderemo dopo il derby di ritorno.
    Si siamo in piena emergenza, il mister vede baraye dietro le punte per cui non ha abbozzato nulla di stravagante ma nel breve, viste le assenze, spero che non sia quello l’assetto altrimenti sulle fasce lasciamo 2 autostrade, non mi stupirei nel vedere giorgino centrale difensivo.
    Al lettore che scriveva di slot da liberare non so rispondere su chi possano essere gli obiettivi, su quelli da cambiare c’è solo l’imbarazzo della scelta, il più sarà riuscire a mandarli via

  • 7 Dicembre 2016 in 10:38
    Permalink

    Miglietta Giorgino Guazzo Melandri Garufo Nunzella Coric Saporetti. Evacuo sinceramente è l’unico che terrei. Non penso sia diventato balordo tutto di un colpo. Urgenza anche di un portiere vero questo non è affidabile.

  • 7 Dicembre 2016 in 10:44
    Permalink

    Per ciò che ho visto io, limitatamente alle squadre incontrate, se dovessi fare dei nomi da acquisire per rinforzare la squadra ( posto che possano essere operazioni concretamnte fattibili ) ecco la lista:

    26 GAROFALO – terzino sx del Venezia
    8 BURRAI centrocampista Pordenone
    7 FERRETTI esterno d’attacco Gubbio
    8 PROIETTI centrocampista Bassano
    7 SETTEMBRINI centrocampista Feralpi Salo’
    8 MARACCHI centrocampista Feralpi Salo’
    7 ZAMMARINI centrocampista Mantova (
    già proposto l’estate scorsa alla dirigenza crociata – non preso
    in considerazione )
    8 SABATINO centrocampista Sambenedettese
    7 CAZZOLA ala destra Fano

    …so che il nuovo D.S. è molto quotato, conosce il mercato , le squadre ed i calciatori che girano tra serie B e C..ben venga
    e..
    sperema cal toga di bon !!! ( speriamo che prenda dei buoni )

    • 7 Dicembre 2016 in 12:42
      Permalink

      Ovviamente noi siamo qui a fare il “fantacalcio”…senza badare troppo al capello insomma…diciamo che fingiamo di giocare a “Scudetto” o “Fifa” …finora belle risposte…questa l’unica che propone anche dei nomi interessanti…per ora 🙂

      bravo Mauro, sempre sul pezzo

  • 7 Dicembre 2016 in 11:01
    Permalink

    Mauro, mi fa un certa impressione vedere la in alto la Reggiana,
    ma è presto, molto presto per le decisioni finali, prima o poi a primavera la famosa crisi l’avranno tutti. Noi la stiamo passando adesso e siamo anche fortunati perchè è arrivata prima del mercato di riparazione. Con ritocchi sensati ce la giochiamo anche noi.
    Grazie.

    • 7 Dicembre 2016 in 21:38
      Permalink

      La Reggiana è una squadra costruita con testa da un signor DS mica il Duo Piadina…du povrass( in quanto a conoscenze e capacità)

  • 7 Dicembre 2016 in 11:13
    Permalink

    X Gabriele:

    la formazione di domani è soggetta ai numerosi indisponibili in difesa: come sempre, quella scritta, è la mia e non rispecchia ovviamente le scelte di nessuno !!
    Chi è arrivato ora ( allenatore e D.S.) in 3 giorni non potrà fare i miracoli: il lasciamoli lavorare significa dare tempo di prendere atto della situazione, dei singoli, della preparazione fisica e dell’ambiente in generale.
    Tra 15/20 giorni ( indipendentemente dai risultati ) avranno già fatto le loro valutazioni, pensato ai tagli da effettuare ed ai correttivi da inserire ( il tutto, non dimentichiamolo, con il portafoglio che verrà messo loro a disposizione ).
    ..
    Io sono un inguaribile ottimista da bicchiere mezzo pieno ..

    ma , oggi come oggi, i giocatori sono questi, il loro status atletico è questo oppure ?
    da domani cominciano a correre ??
    dalle 14,30 ????
    magari fosse così ma allora …
    dopo penso male ..!!!

    • 7 Dicembre 2016 in 14:04
      Permalink

      ” Io sono un inguaribile ottimista da bicchiere mezzo pieno ..” grande Mauro …. Yo tambien igual…nunca cambio…. me gusta mucho Tu positvismo …… aprendo mucho de tus discursos …tan lejos de Parma …que estoy …en general aprendo mucho de Stadiotardini.it … y sus escritores y comenteristas …. …
      ahora esta pasando algo nuevo para mi ….antes cuando abro Stadiotardini.it …pincha los articulos para leer ….ahora primero mira los comentarios y pincho alli primero y luego leo los articulos
      Un Saludo de la España …
      Forza Parma

    • 7 Dicembre 2016 in 15:09
      Permalink

      tus discursos son interasantes pero mas que todo …en el sentivo positivo ….provocativos …por ejemplo el excelente comentario a las 13.36 de Luca Tegoni ….punto y pelota

      • 7 Dicembre 2016 in 20:43
        Permalink

        punto y pelota es una exprecion catalana? no ha algo para dicir?

        comentario puntual 🙂

    • 7 Dicembre 2016 in 18:18
      Permalink

      Certo,ha perfettamente ragione, emergenza infortuni e calendario fitto non aiutano certamente il nuovo mister ma la missione è solo una: diventare una squadra il prima possibile. Anche io non mi sorprenderei se qualche calciatore iniziasse a rendere un po di più ed i giovani si sa che nelle difficoltà faticano più degli altri. Ci voleva questa svolta ma non aspettiamoci miracoli perchè nel breve sarà dura. Per questo credo non serva a nulla guardare la classifica e il distacco dalle prime, ora son nettamente superiori a fine campionato saranno probabilmente ancora davanti ma bisogna dare il massimo ugualmente per non avere rimpianti iniziare davvero a costruire qualcosa. Condivido anche le sue analisi a seguire su rosa e ruolo del ds

  • 7 Dicembre 2016 in 11:26
    Permalink

    Caro Mauro. Il nuovo Ds ha un vantaggio. Far meglio di Minotti&Galassi ci vuole poco. Mi sembra che ormai anche i difensori pro trattori e natura si della prima ora convengono sulla necessità di rivolatare la squadra come un calzino..ergo a parte l’acquisto casuale di Calaio’ i 3 moschettieri han sbagliato TUTTO. Dalle conferme ai nuovi acquisti.

  • 7 Dicembre 2016 in 12:04
    Permalink

    Su altro articolo si parla della figura del Direttore Sportivo ed io vorrrei ampliare il concetto a livello generale.

    A mio avviso questo ruolo, molto delicato, deve essere svolto da persona che conosca il calcio, i suoi risvolti, le tematiche e, soprattutto, il campo: deve masticarne, visionare calciatori, sia dal vivo ma anche in video, vedere partite su partite e conoscere pure gli aspetti caratteriali personali dei calciatori.

    Altro aspetto fondamentale, oltre alla grande competenza, è quello legato all’integrità, all’onestà ed al senso degli affari, e mi spiego meglio:
    chi fa gli acquisti, chi agisce sul mercato, maneggia denaro non proprio, effettua transazioni economiche, compie operazioni finanziarie, acquisti, compravendite, prestiti, parla e tratta con direttori sportivi, presidenti, calciatori, procuratori, faccendieri e assortiti: oltre alla competenza tecnica deve esser dotato di pelo sullo stomaco, non comprare per comprare ma comprare col senno e con la vista lunga ( anche se non sempre si riesce ) e, soprattutto, oltre al non farsi intortare, deve essere un uomo integro e non prestarsi a giochi, giochini e mannelli vari come spesso, anche in passato è successo ( sottobanco e tra le pieghe dei contratti naturallmente ).
    Questo discorso, del tutto generico, è motivato dal fatto che in questo mondo, in questo panorama circolano pesci, pesciolini, pesci grossi e pure parecchi squali che fanno del mare aperto il loro territorio di caccia;
    tutti questi giri di mercato, di nominativi di allenatori, di dirigenti sportivi che sono stati collegati o allineati nelle vicinanze di Collecchio, così come di qualsiasi altra sede di ogni squadra di calcio, fanno parte del grande giro del calcio , e tutto fa parte del business; il soggetto A rescinde con la squadra B per mettersi sul mercato; il direttore sportivo C, a libro paga della squadra D, fa l’occhiolino all’altra squadra per alzare polvere oppure per alzare il tiro e fare asta di mercato ??
    Lo abbiamo visto da 1 mese a questa parte, una ridda di nomi e cognomi, sia sulla stampa sia nelle voci di mercato, alimentate solo da chi vuole alzare la posta in palio…di ingaggi, contratti e intermediazioni economiche .
    A me questo, da un lato fa un pò schifo e dall’altro mi fa sempre di meno credere al genere umano …
    ..
    ed è x quello che preferisco guardare il campo e chi vi gioca sopra…
    tutte le altre beghe, denaro, plusvalenze, bilanci, voci, pissi pissi bau bau ..sono solo fregnacce di cui non mi importa nulla …
    ..
    e siamo solo in Lega Pro…
    provate a pensare ai piani + alti quanti giri di ….che noi non abbiamo nemmeno idea…
    ..o no ??

    • 7 Dicembre 2016 in 21:41
      Permalink

      Per tutto questo preferisco gli animali agli uomini.
      Ma se vivi nel mondo del calcio sai che devi sguazzare nel sangue e nel letame e devi farlo rimanendo sempre con la testa alta

  • 7 Dicembre 2016 in 12:15
    Permalink

    discorso al mercato:
    Veh giovanni stai vendendo?
    Si, si.. se trovo chi compra

  • 7 Dicembre 2016 in 12:24
    Permalink

    Scusa Morosky, ma tu pensi veramente che le squadre che lottano per il vertice ci vendano i loro pezzi migliori per farci risalire a noi??? Veramente lo pensi?

  • 7 Dicembre 2016 in 13:36
    Permalink

    Ma il messaggio non era “lasciamoli lavorare”?
    a parte il fatto che se anche noi tifosi diciamo la nostra loro lavorano lo stesso, mi pare un po’ contraddittorio dirgli che cosa dovrebbero fare nei prossimi mesi.
    è vero. è vero questo è un blog di calcio, si può sostenere la qualsiasi. un po’ come in politica …
    non vedo l’ora che arrivi domani pomeriggio

  • 7 Dicembre 2016 in 14:02
    Permalink

    No io non penso che gli altri vendano a noi ma :

    se il Napoli vende Higuain alla juve
    se la Roma fa la medesima cosa con Pianic ( sempre alla juve )

    non vedo perchè Feralpi, Gubbio, Bassano o Pordenone ( che arriveranno 5, 6, 7, e 8ava ) non possano cedere ad un altra squadra, pagando, qualche loro giocatore …
    il campionato se lo giocheranno Venezia, Reggiana, Padova e forse…Parma ..quindi le altre saranno solo comprimarie che giornata x giornata metteranno i bastoni tra le ruote alle altre..

    Tra i nomi ho messo solo Garofalo del Venezia ( anche se non + ragazzino l’è bon ed szugher ) e nessuno di Padova o Reggiana ..come vedi ..si tengano pure i loro pezzi pregiati…
    ci saranno altri giocatori che altrove ..o non giocano ( serie B ) o non pigliano stipendio o lottano per perdere ..tempo ..
    ..vedremo i nuovi timonieri cosa faranno ..

  • 7 Dicembre 2016 in 14:10
    Permalink

    Davide says: 7 dicembre 2016 alle 11:26 Caro Mauro. Il nuovo Ds ha un vantaggio. Far meglio di Minotti&Galassi ci vuole poco. Mi sembra che ormai anche i difensori pro trattori e natura si della prima ora convengono sulla necessità di rivolatare la squadra come un calzino..ergo a parte l’acquisto casuale di Calaio’ i 3 moschettieri han sbagliato TUTTO. Dalle conferme ai nuovi acquisti.

    Nocciolini è una loro scommessa ..vincente credo !!

    Baraye, come giocatore, è stato un buon acquisto l’anno scorso e, se fatto giocare con continuità, credo che possa dare buoni frutti ( anche se non è Ronaldo ne Neymar )

    Ricci e Simonetti possono avere un futuro …non so fino a dove ….ma sono bravini..certo, bisogna farli giocare ed esprimere ..
    lo stesso Zommers , a parte il momentaccio passato ( spero ) può solo che migliorare….

    Mazzocchi è un altro con potenzialità non ancora espresse ( sempre dalle parti della serie C o giu di li …oltre non saprei )

    secondo me ho l’impressione che, con un nuovo manico, tanti calciatori renderanno di + e meglio ..
    lo spero x tutti …
    noi e loro ..oltre alla squadra

  • 7 Dicembre 2016 in 14:16
    Permalink

    Anche io la penso allo stesso modo, si dovrà andare a pescare in serie B o gli svincolati, sicuro chi sta davanti al parma non vende nessuno…

  • 7 Dicembre 2016 in 14:44
    Permalink

    Ciao Douglas grazie per le belle parole ….bisogna crederci ..e vederla si con ottimismo..

    la critica va bene ma , adesso, qui ci sono nuove persone che avranno necessità del loro tempo ..

    ciao Espagna ..
    un saluto cordiale
    Mauro

  • 7 Dicembre 2016 in 15:36
    Permalink

    Io credo che il problema, sia ora, ancor + di prima, legato alle questioni economiche.
    Ho letto che la società, prima di esonerare tutto il settore tecnico, ha fatto i suoi conticini aumentando quello che era il previsto budget di spesa:
    ricapitolando, dovranno pagare fino al 30 giugno 2018 gli esonerati in toto, dovranno pagare, ovviamente i nuovi arrivi e dovranno reimpostare, con costoro, la campagna acquisti di riparazione ( se così posso chiamarla ).
    Bisogna ora considerare che per acquisire almeno 5 pezzi discreti, oltre al denaro per acquisirne i contratti, bisognerà pure, necessariamente, cedere altrettanti pezzi-over per liberarne i posti entro i 17: tutti sanno bene che i contratti di determinati calciatori hanno delle cifre importanti e che non sarà facile ( anche per questo motivo oltre a quello tecnico ) cederne le prestazioni se non agevolando la loro dipartita verso squadre, da una parte consenzienti ed interessate, e, dall’altra , agevolate solo se o ti accolli parte dell’ingaggio o se incentivi gli interessati tramite congrue buonuscite.

    I tifosi sono liberi di fischiare, di criticare, di incitare alla vittoria nel derby ma….di fronte a queste serie ed importanti problematiche ??

    E’ per questo che il diritto di critica, si, vuole tutelato e garantito ma è pure importante pensare a tutte le tematiche, economiche, sportive, societarie …in generale a 360° : non ultima l’ennesima multa di 2.500 euro per l’inutile e ripetuto ( terza volta in campionato ?? ) lancio di bottigliette !!!

    Qua si vorrebbe tutto e subito, tifosi da Serie A, squadra da Serie A, giocatori da Serie A……coi soldi degli altri ???
    Credo che non sia proprio così semplice …e se ne sono accorti pure in società: non basta chiamarsi PARMA CALCIO, l’appeal di un tempo non esiste + e i professionisti dello sport vanno dove trovano progetti ed offerte, nel tempo, migliori…è un dato di fatto.
    Quasi inconfutabile .
    Questo è solo il mio pensiero …che non vuole andare contro il parere di nessuno , è solo il mio modo di vedere le cose.

    Ma tanto, tranquilli, nei pronostici non c’azzecco mai …

  • 7 Dicembre 2016 in 17:15
    Permalink

    Tranquillo Moroski ora ci rimane la buseka bona bon bè

    Tà bè apasionè e FORZA PARMA !!!!

  • 7 Dicembre 2016 in 22:55
    Permalink

    Mauro
    Perché non ti proponi come direttore di stadio tardini?

  • 8 Dicembre 2016 in 09:57
    Permalink

    Oh là…… dopo aver fatto scappare Luca Russo adesso vogliamo Morosky come direttore e Velenoso capo redattore !!!

  • 8 Dicembre 2016 in 10:49
    Permalink

    Mauro for director, concordo pienamente!

  • 8 Dicembre 2016 in 12:36
    Permalink

    No grazie ..preferisco scrivere articoli e commenti…
    servono persone equilibrate, competenti e pacate..
    ..
    io a volte sono fumantino e mi lascio scappare la pazienza..ah ah ah

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI