DIESEL SAPORETTI: SORRISO DA BRAVO RAGAZZO, TEMPRA DA GUERRIERO

andrea belletti(Andrea Belletti) – Mister D’Aversa in un mese ha cambiato la squadra. E ha invertito una rotta che avrebbe potuto rivelarsi deleteria per le ambizioni del club. L’operato del mister è sotto gli occhi di tutti, ma è stato reso possibile da diverse note liete. La prima che mi viene in mente risponde al nome di Lorenzo Saporetti, giovane di belle speranze che si sta ritagliando uno spazio da giocatore vero. Se la squadra ha cambiato marcia il merito è anche di questo talento romagnolo che dall’arrivo del nuovo tecnico si sta esprimendo su livelli da top player della categoria. Tanto che contro il Lumezzane, per far posto al prode Lorenzo, si è dovuto accomodare in panchina un certo Michele Canini. Saporetti in realtà sta ripercorrendo lo stesso film della passata stagione. Dopo un inizio in sordina, infatti, anche l’anno scorso il Diesel aveva cominciato a ritagliarsi spazio in pianta stabile nell’undici titolare. Perché dietro al sorriso da bravo ragazzo c’è un tempra da guerriero supportata da una professionalità esemplare che gli ha permesso finora di scalare settimana dopo settimana le gerarchie dell’allenatore. saporetti-lucarelli-reggio-emiliaE’ una bella storia questa, iniziata in una sera memorabile per la tifoseria parmigiana un 19 dicembre difficile da dimenticare. Al Mapei Stadium va in scena la Partita con la p maiuscola quel Derby aspettato da 20 anni che può sancire la svolta della stagione crociata. D’Aversa è arrivato da poco si va ad affrontare i cugini con un Parma decimato in difesa. Al centro della difesa giostrano il vecchio mestierante (definizione di Grammatica cubica) Lucarelli e il giovane apprendista Lorenzo Saporetti. Ebbene alla fine si fa fatica a distinguere il maestrolorenzo-saporetti-crociati-per-macerata dall’allievo. In una gara del genere si comprende subito di che pasta è fatto un giovane buttato nella mischia. Alla fine il centrale gialloblu termina la gara con la palma di migliore in campo. E da lì inizia il crescendo di un ragazzo che più lo fai giocare più diventa garanzia di rendimento. C’è bisogno di tanti leader silenziosi come il terzino cresciuto nel settore giovanile del Cesena. Ma di questo se ne saranno accorti anche la premiata e, finora vincente, ditta D’Aversa saporetti-lucarelli-lumezzane-Faggiano. Per cui aspettiamoci dal mercato di gennaio nuove leve che, oltre a portare in campo le sempre benvenute qualità tecniche, abbiano la testa, la generosità, la mentalità vincente di Lorenzo Saporetti. Un ragazzo partito dalla serie D che non molla mai, che non parla mai, ma che fa parlare il campo. E grazie al campo si sta costruendo un luminoso percorso. Lo stesso che vorrebbe percorrere anche il Parma. Andrea Belletti

24 pensieri riguardo “DIESEL SAPORETTI: SORRISO DA BRAVO RAGAZZO, TEMPRA DA GUERRIERO

  • 4 Gennaio 2017 in 09:38
    Permalink

    Eh si, sono d’accordo ora così come lo ero, in prima persona, lo scorso anno:
    alla scuola di Cacioli e Lucarelli ,questo ragazzo dalla faccia pulita, romagnolo purosangue, ha imparato l’arte del difensore arcigno;
    ha tutto per sfondare, fisico, grinta, applicazione, volontà e testa da giocatore: se sistema un pò la sensibilità del piede ( o della scarpa ??? ) ..farà grandi cose..
    vai Lorenzo…prosegui su questa strada…

    con simpatia e affetto
    mauro

  • 4 Gennaio 2017 in 09:45
    Permalink

    Voglio ringraziare Saporetti per l’impegno e la costanza che ci sta mettendo fin dall’anno scorso, lo ringrazio per aver difeso l’area durante il derby senza un centesimo di secondo di indecisione e senza paura, migliore in campo a Reggio Emilia, un vero crociato.

  • 4 Gennaio 2017 in 10:31
    Permalink

    Il mister fa giocare giustamente chi ha fame e voglia di faticare ed ecco saporetti e non canini, giorgino e non miglietta, guazzo invece che evacuo o melandri.
    Speriamo che anche Faggiano sia sulla stessa linea evitando (altri) giocatori in cerca dell’ultimo buon contratto della carriera

    • 4 Gennaio 2017 in 22:44
      Permalink

      Discorso perfetto fino a quando hai nominato Guazzo… io non vi capisco veramente, siete rimasti in 10 forse a tifare Guazzo a tal punto da raccontare balle per difenderlo. La fame di Guazzo dov’è? Ma soprattutto dove sono i minuti giocati?

      • 5 Gennaio 2017 in 01:09
        Permalink

        Non puoi ricordare ma lo scorso anno non gli ho certo risparmiato critiche. Quest anno vedo che gioca per la squadra e non per farsi vedere. Si parlava di atteggiamento, come qualità non è ne calaio ne baraye

  • 4 Gennaio 2017 in 10:38
    Permalink

    Auguri per i prossimi 18 anni di Andrea .. 34..PANCIROLI
    ..
    Auguri sportivi, per la scuola & famiglia e per la sigla di un piccolo buon contratto da calciatore professionista…
    Ciao neo maggiorenne

    Mauro morosky

  • 4 Gennaio 2017 in 11:20
    Permalink

    E, visto che siamo in tema di COMPLEANNI, completo l’opera di gennaio con gli auguri anche a …

    1 ZOMMERS …anni 20 il giorno 7 gennaio
    24 DODI … anni 18 il giorno 13 gennaio

    auguri ..morosky

  • 4 Gennaio 2017 in 11:22
    Permalink

    Saporetti bravo ragazzo, non c’è nulla da dire per l’impegno.
    Magari un giorno diventerà un Maldini chi lo sa….
    ma non facciamolo passare per un FENOMENO.

  • 4 Gennaio 2017 in 11:26
    Permalink

    Bravo a questo ragazzo che ha fatto parlare i fatti! Ora continua così perchè il bello deve ancora venire. Comunque io lo dico da inizio dell’anno che Lucarelli e Canini insieme non possono giocare! A differenza del suo predecessore, D’Aversa ha dimostrato personalitá a tenere in panchina uno come Canini che ha giocato in serie A e dare una nuova chances a Saporetti! Bisogna far giocare sempre chi è più in forma! Non come Gigi che ha schierato sempre Evacuo e Canini che erano e sono tuttora in condizioni fisiche improponibili!

  • 4 Gennaio 2017 in 12:06
    Permalink

    Come Lucarelli e Canini NON possono giocare insieme ?

    Ma stiamo skerzando ragass su là sono 2 difensori da esempio

    Certo Saporetti promette bene x fortuna ma NON paragonabile

    Etor ke condizioni fisike improponibili !!!! FORZA PARMA

  • 4 Gennaio 2017 in 12:53
    Permalink

    Mi pare lo abbia ammesso lo stesso Canini, non lo dico io, di aver saltato la preparazione e di non essere ancora al top! E siamo a metà campionato! Già è lento quando è in forma figuriamoci adesso! Nel derby è stata una fortuna che era squalificato! Tutti parlano di preparazione sbagliata bla bli bla bla, ma se invece di giocare in 11 tutte le partite le giochi in 9 (canini-evacuo sempre titolari con Gigi) poi so anch’io che fai fatica! Lasciare in panchina uno come Baraye per fare giocare Evacuo??dai la ma lesa pur li!!

  • 4 Gennaio 2017 in 13:05
    Permalink

    Come potete vedere ognuno di noi ha concezioni diverse, in questo caso sopra, diametralmente opposte…ma è giusto così:
    ogni persona vede e giudica a modo proprio e, anche se contrapposti, è giusto che ognuno esprima il proprio parere..

    spesso io sono stato criticato aspramente per le mie affermazioni o prese di posizione, a volte si ha ragione , a volte si ha torto ma non per questo bisogna venire denigrati o criticati …

    rispetto sia a Diego sia a Vekkia Nobiltà…
    magari esisterà una via di mezzo e la troveranno i tecnici ..chissà..

    questo per far capire che bisogna sempre accettare ( anche non condividendo ) le idee altrui…

    le mescolanze dei pareri fanno dibattito ed accendono le tematiche ..

  • 4 Gennaio 2017 in 13:25
    Permalink

    In effetti con Apolloni ( 14 gare ) Evacuo ne ha giocate 8 da titolare ( sostituito in 4 occasioni a poco dal termine ), 5 da subentrante e solo in una ( Gubbio ) non ha giocato;
    da Morrone in avanti ha giocato col Teramo ( Calaio’ squalificato ) , ha saltato sia Ancona che Reggiana ed è subentrato in 4 gare per 10/15 minuti …
    ..concordo con Diego ….poi che possa coesistere con Calaio’ non saprei, il fatto è che bisogna correre e tirare in porta…
    e , per ora, non ha reso secondo le aspettative…

  • 4 Gennaio 2017 in 14:08
    Permalink

    D’Aversa ha fatto un ragionamento strano su Evacuò ma calzante. Per andare in forma deve giocare ma per giocare deve essere in forma.
    Personalmente stimo il professionista ma mi chiedo perché non sia in forma visto che non ha saltato la preparazione.
    Su Canini credo che sia importante averlo in rosa ma lo vedo a comandare una difesa che ruota intorno a lui. Esattamente come Lucarelli. Che fortuna per i Mazzocchi e i Saporetti avere dei leader così importanti. Per via di giocare insieme lo vedo difficile perché il laterale di DX o di SX devono fare molto più movimento del centrale e devono essere veloci in copertura col modulo a tre e nel modulo a 4 uno dei due centrali deve essere bravo nei recuperi. Ora per fare il laterale non vedo ne Canini ne Lucarelli quindi la scelta è complessa. Ma averne di questi problemi di abbondanza. Abbondanza che col rientro di Coly e Garufo ci vede stracoperti a DX e che invece non abbiamo a SX dove Nunzella e Sapiretti non hanno sostituti di ruolo (Ricci in copertura si deve fare un po come Mazzocchi e di certo non può fare il centrale o il terzino nella difesa a 4)
    Io risolverei l’equivoco degli ultimi arrivati della passata stagione e comprerei tre giocatori di sicuro rendimento e levatura.
    Vediamo se il Pollastro selvatico ci azzecca. Ma le sue dichiarazioni (in attesa del suo operato) mi fanno ben sperare.

  • 4 Gennaio 2017 in 18:00
    Permalink

    Io credo che Saporetti sia un buon giocatore lo ha dimostrato il fatto che l’anno scorso ha giocato quasi tutte le partite del girone d’andata e poi a causa quelli infortunio è dovuto rimanere fermo però ricordiamoci anche che ha fatto qualche gol e comunque ha sempre offerto buone prestazioni. InFatti non capisco come mai l’anno scorso alla fine del campionato molti lo davano tra i bocciati e i non rinnovabili di questa squadra…
    Un altro che farei giocare con più continuità e ricci in quanto può garantire comunque un’ottima spinta offensiva è una buona copertura

  • 4 Gennaio 2017 in 18:12
    Permalink

    Buenos Tardes Todos …
    Da España …lejanos por kilómetros pero cerca de corazón y cabeza …. Con todo el respeto , admiración para Scala , Appoloni , Minotti y Galassi por Ellos estamos aquí en este momento positivo . Su campo el gran cambio ha empezado para mi con Morrone …el cambio de ” Coco ” de los jugadores ha empezado con un juego mejor adaptado para el Lega Pro . D`Áversa esta empezando ” Rematando la faena ” ( termino de la Corrida Español de Toros ) ,,,y es bello verlo . Me gusta pensar como analogía de La Algebra que esta pasando en el Parma …no solo en números ( puntos y Goles ,,,,recordando Manolo Escobar , cantante Español con su canción ” Goles son Amores ” ) pero en un crecimiento matemática del juego Algebristica .
    Feliz Año a todos ….
    P.S. Toma Paola se perece…. es tuyo

  • 5 Gennaio 2017 in 13:29
    Permalink

    Tutto merito di D’Aversa che gli ha cambiato probabilmente la testa. Con il Padova sembrava un giocatore da si e no Terza Categoria, mentre ora è quasi titolare inamovibile.

  • 5 Gennaio 2017 in 14:49
    Permalink

    un guerriero è morto proprio ieri sera: Ezio Pascutti.

    Molti non lo ricorderanno ma voglio ricordarlo io.

    Un campione del calcio, quel calcio che è di tutti, non importa quale sia la squadra di appartenenza.

    piccolo commento apparso sul corriere di Bologna

    “Rapinatore d’area, 130 gol tutti con il Bologna
    Il tuffo in Paradiso di Ezio. Emozione senza fine, come in quel dicembre del ’65, quando s’immortalò sotto l’Andrea Costa in un colpo di testa volante e vincente che è diventato l’icona del calcio a Bologna. La copertina di 107 anni di storia. «Il Bologna piange uno dei suoi figli più amati di ogni tempo» si legge sul sito rossoblù. L’immenso Pascutti ha sfondato la rete del cielo, andando a raggiungere due suoi compagni di reparto, Bulgarelli e Haller, e il tosto conterraneo Furlanis, friulano come lui. Il grande Ezio ha strappato e strapazzato i cuori di diverse generazioni di tifosi rossoblù, con la sua semplicità, talento, ingenuità, irruenza, avventure e disavventure, agonismo, con il suo sorriso, la pelata, l’italiano storto, le giocate improvvise, i gol impossibili, i colpi di testa, i pugni, i guizzi e i tuffi. ”

    Rest in peace

    • 5 Gennaio 2017 in 20:16
      Permalink

      Yo personalmente no conozco. ..pero Tus palabras Paolo dibuja un jugador de verdad. ..lo digo de mi parte. .
      Que El descansa en paz. ..

  • 5 Gennaio 2017 in 20:28
    Permalink

    Perdona Paola. ..que he puesto Paolo. ..mi teléfono está haciendo tonterías. ..

    • 5 Gennaio 2017 in 20:42
      Permalink

      Tus palabras son hermosas y muy apreciadas. Tampoco yo lo conocía, lo escuchaba de pequeña por mi papá. Pero un gran futbolista es grande para todos aquellos que aman el fútbol, No inporta de que equipo son

    • 5 Gennaio 2017 in 20:53
      Permalink

      No importa, pero si yo fuera un Pablo quizás sería más considerada
      ..quizás 🙂

      • 5 Gennaio 2017 in 20:57
        Permalink

        Jejeje ..que bueno. ..👍👌😎

  • 6 Gennaio 2017 in 01:00
    Permalink

    Con il Padova Saporetti ha fatto l’errore che ci è costato lo svantaggio.
    Lucarelli lo ha difeso nella circostanza e gli ha poi spiegato due cosine. Il ragazzo si applica ed impara subito ed il loro affiatamento pare funzionari bene.
    Pur tuttavia un rinforzo a sinistra pare necessario, magari che sappia fare sia il terzino nei 4 che il centrale nei 3.
    Perché dietro a Nunzella e Saporetti non c’è nessun mancino se si esime il capitano dal lasciare il posto in mezzo di comando.

I commenti sono chiusi.