MOONTALK #JurassicParm 15^ puntata / UN PECCATO FERMARSI

Ilaria-Mazzoni.jpg(Ilaria Mazzoni) – Nella scorsa puntata abbiamo sottolineato come e quanto fosse importante vincere il “secondo derby” dopo la vittoria del Mapei, in modo da sancire definitivamente la resurrezione crociata. Sull’onda di questo filo di pensiero, a maggior ragione, diciamo che, dopo la vittoria con il Lumezzane, è veramente un peccato che ci sia questa lunga pausa. Insomma, solo un mese fa attendevamo questo stop come un miraggio, una sorta di oasi nel deserto o un porto quieto foscoliano, ora, invece, ci pare proprio un peccato fermare questo bel momento dei gialloblù. Anche perché questo Parma, in palese emergenza di uomini e in condizione fisica non ottimale, ha dimostrato di essere stato capace, nonostante le difficoltà, di resuscitare dalle proprie ceneri e diventando una formazione compatta in cui ogni singolo si mette a disposizione del collettivo. La causa comune sopra a tutto.

1-cop-3Per queste ragioni è un peccato che la pausa sia giunta proprio ora, in questo “magico” momento per la squadra di D’Aversa in cui tutto sembra girare secondo i piani. La corsa delle avversarie, inoltre, si è rallentata ed i gialloblù ce la stanno mettendo proprio tutta per tentare di riacciuffare la cima della classifica. È doveroso, tuttavia, considerare che questa pausa può rappresentare un’occasione proficua per i crociati: un momento fondamentale per ricreare la condizione atletica che la squadra, in questo campionato, non ha mai dimostrato di avere. Sempre appesantita e in affanno ora potrà disporre di tempo utile per tentare di lavorare proficuamente sul recupero di fiato e muscoli. Oltre alla condizione atletica il nostro staff dovrà lavorare anche sul recupero degli infortunati, in parte figli proprio di questa preparazione. Poter tornare a contare su giocatori che ricoprono ruoli chiave sarebbe senza dubbio un ottimo risultato che permetterebbe all’allenatore di avere maggior soluzioni e di avere, di conseguenza, più frecce nell’arco crociato.

faggianoCon l’inizio della pausa si avrà, poi, anche l’apertura del mercato di Gennaio: se si vorrà tentare di vincere questo campionato sarà fondamentale questo momento. Uno snodo imprescindibile durante il quale andranno liberati, senza troppi sentimentalismi, tutte le pedine che non saranno ritenute utili per la causa, sia per motivi tecnici che per motivi motivazionali. Un giocatore deve vestire con il massimo impegno ed onore la maglia di una piazza, Parma, che deve essere considerata come un punto di approdo importante nella carriera di un calciatore. Chiunque sia qui per scaldare il banco e fare il compitino non è ben accetto e, di conseguenza, dovrà essere lasciato andare serenamente verso altri lidi.

lorenzo-saporettiDal punto di vista degli innesti, invece, le lacune di questa compagine sono oramai sotto gli occhi di tutti: assoluta penuria di terzini e mancanza di un regista di qualità. Qualcosa si potrebbe fare anche nel reparto offensivo per trovare un vero vice Nocciolini/Baraye anche se, a nostro avviso, Melandri e Mazzocchi sono ideali come sostituti. Una riflessione andrà fatta anche per quanto riguarda i centrali difensivi: prima di queste ultime gare avremmo detto che ci serviva un centrale veloce che si affiancasse a Lucarelli, ma ora Saporetti e Benassi hanno saputo dimostrate che queste caratteristiche, in realtà, le abbiamo già nella rosa.

andrea-concari-moontalkInutile specificare che, se dovessero arrivare innesti, dovranno essere per forza di cose giocatori di categoria superiore (non solo sulla carta, ma anche tecnicamente) abituati a vincere ma, soprattutto, alle pressioni. Per quanto ci riguarda dovrebbero anche essere disponibili ed utili per un progetto minimo biennale e che, quindi, possano essere idonei ad un eventuale prossimo campionato di serie B o a lottare nuovamente per vincere la Lega Pro. Anche perché per confermarsi “biologici” è importante riuscire a ideare una programmazione a lunga scadenza, progettando e costruendo una strada ed un percorso di crescita, cosa che, sino ad ora, non è stata fatta.

lumezzane-parma-0-2-gol-alessandro-lucarelliChiudendo questa parentesi di mercato, prima di passare al vero e proprio commento della partita con il Lumezzane, crediamo sia doverosa una piccola riflessione su Capitan Lucarelli: possiamo solo immaginare quali siano stati i suoi pensieri nel momento in cui, con un colpo di testa, cercato e spinto proprio con quei muscoli del collo che stavano per fargli saltare l’incontro, ha impattato la palla e l’ha insaccata in rete. Forse gli sarà tornato alla mente i momenti terribili lucarelli-sfiora-raddoppiodel crac, alla serate dell’Europa League, alle promesse, alle bugie, alla voglia di smettere di giocare per fermare quel terribile campionato e a quella invece di riprendere dai gradini più bassi. Avrà pensato a quel corridoio del Tardini quando l’ha risalito il giorno della prima partita amichevole del nuovo Parma, in cui tra tanti sconosciuti dilettanti, appena entrato in campo si è volto per cercare il saluto e l’appoggio della sua curva. Ora il campo gli ha regalato questa soddisfazione: aver segnato in serie A, B, Lega Pro e Serie D. Un’impresa di cui, forse, 2-cop-1qualche anno fa avrebbe fatto anche a meno, ma che ora lo ripaga degli sforzi e della volontà profusa sempre con il massimo impegno e lo consegna ufficialmente ai libri di storia. Capitano, ti manca, però, ancora un’impresa: quella del ritorno sui campi che meriti, quelli del massimo campionato. Eh si, sarebbe proprio bello rivederti calcare l’Olimpico o lo Juventus Stadium con lo sguardo di chi è ripartito dai campi di periferia per poi ritornare lì. Forse è un sogno, forse li calcherai da dirigente, ma niente è impossibile per chi, come te, lavora ogni giorno credendo di poter davvero realizzare i propri sogni. Per ora, quindi: complimenti!

3-cop-1Ma analizziamo la prestazione crociata contro il Lumezzane, anche perché prima di poter parlare dei prossimi avversari dovrà passare molta acqua sotto la Parma. Come abbiamo precedentemente detto, questa partita doveva essere l’occasione per dimostrare di avere ripreso il timone della nave e aver diretto la prua verso la testa del campionato. E così è stato. Fin dai primi minuti la squadra ha dato l’impressione di essere solida e, anche se da una fiammata, è giunto un vantaggio meritato e legittimato da una grande organizzazione crociata che ha consentito, si, al Lumezzane di prendere il possesso del gioco, ma di non riuscire mai ad affondare un colpo. Un Parma che, conscio delle sue difficoltà tecniche e fisiche, si è lasciatroberto-daversa-dopo-lumezzane-parmao attaccare ma senza mai cedere o concedere il fianco o un pezzo di terreno in più del necessario. La vera novità “made in D’Aversa” è stato il centrocampo: particolarmente apprezzato da noi in questa partita per la fase contenitiva e di supporto alla difesa che, in tal modo, non è mai stata lasciata sola in balia delle incursioni avversarie, ma sempre aiutata da tutta la squadra. Con il passare dei minuti il Lumezzane ha quindi perso lucidità e foga; scoraggiato è crollato esanime dopo vari tentativi di rimettere in piedi la propria gara.

Cosa rimane di quest’incontro?
4-copTre punti assolutamente fondamentali che saranno utili nel finale di campionato ed una ritrovata consapevolezza di squadra. In campo uno tra tutti si è distinto in particolar modo: Capitan Lucarelli. Giusto celebrarlo per quanto detto prima: un goal in ogni categoria, un esempio per il mondo dello sport. La prova vivente che non si deve mai mollare e credere in quello che si sta facendo, a prescindere dalle circostanze. Bravo Capitano. Anche questa volta Scavone è stato perfetto in tutte le fasi: sempre al centro del gioco riesce a rendere manuel-scavone-lumezzane-parmasua questa giornata. Sembra il gemello “bello” di quello che avevamo visto ad inizio campionato, insomma, comincia a prender in mano le redini del centrocampo. Ottimo, continua così! Infine una menzione per Saporetti, un difensore giovane, caduto da prima nel dimenticatoio e che, ora, piano piano, si sta conquistando il posto da titolare con merito. Ottima prestazione quella sua contro il Lumezzane: dimostra, oltre che il lavoro paga, di avere dei numeri importanti che il Parma stava rischiando di perdere. Giusto premiare questo ragazzo che presenta ancora molti margini di crescita e miglioramento.

In chiusura tutto lo staff del Moontalk ci tiene a porgervi i propri migliori auguri ringraziando ognuno di voi che ci ha letto, commentato o visto nei video. La strada è ancora molto lunga e sarà un piacere poter continuarla insieme. Forza Parma! Ilaria Mazzoni

12 pensieri riguardo “MOONTALK #JurassicParm 15^ puntata / UN PECCATO FERMARSI

  • 2 Gennaio 2017 in 01:16
    Permalink

    Lucarelli ancora in campo? Temo che potrebbe rimanere solo in caso di mancata promozione in B. è chiaro che non smetterà prima di averci riportato a un passo dalla A.

    • 2 Gennaio 2017 in 01:17
      Permalink

      P.s.: buon anno anche da parte mia!

      • 2 Gennaio 2017 in 15:11
        Permalink

        Grazie luca, mah secondo me un altro anno sia in b che il lega pro potrebbe farlo, dipende da come arriverà a fine stagione. Questo campionato è il migliore che sta giocando da 3 anni a questa parte

        • 2 Gennaio 2017 in 23:21
          Permalink

          Io lo spero, però mi dispiacerebbe che la sua carriera finisse male, con continue figuracce.

  • 2 Gennaio 2017 in 11:31
    Permalink

    Un peccato veramente fermarsi quasi un mese na pena assoluta

    Così come gocare partite in giorni e orari ke dire skifosi è poco

    Grazie sempre di ki comanda nel cacio cioè i soliti noti del nulla

    Complimenti scienziati avanti tutta ke c’è posto anke x i parenti

    E poi pretendete rispetto dai tifosi fa ti ke bel coraggio

    FORZA PARMA !!!! Avanti Bagalò sema i pù bò dabò

    • 2 Gennaio 2017 in 15:10
      Permalink

      Gli orari sono davvero incomprensibili, veramente demenziali, speriamo in un buon mercato!

  • 2 Gennaio 2017 in 17:30
    Permalink

    Naturalmente Buon Anno al bravo Moontalk x i suoi spartiti

    Aguroni alla ILaria oltre x la sua competenza la sua bellezza

    • 2 Gennaio 2017 in 21:44
      Permalink

      Grazie da parte di entrambi e buon anno! 🙂

    • 6 Gennaio 2017 in 17:41
      Permalink

      Come sempre il più carino ! Grazie mille e buon anno

  • 2 Gennaio 2017 in 19:03
    Permalink

    Dear Ilaria. Un bacio sotto il vischio. Buon anno. PS se non c’è il vischio me ne infischio.

    • 6 Gennaio 2017 in 17:40
      Permalink

      Grazie Gallo ! Buon anno il vischio comunque non deve mancare mai !

  • 6 Gennaio 2017 in 20:31
    Permalink

    Io amo il vischio, mi dà la cavica di advenalina

I commenti sono chiusi.