lunedì, Maggio 20, 2024
Bar SportNewsVideogallery Amatoriale

NOCCIOLINI A BAR SPORT: “DOPO VENEZIA CI RIMANE LA CONSAPEVOLEZZA DI ESSERE UNA GRANDE SQUADRA. ABBIAMO MESSO SOTTO LA PRIMA DELLA CLASSE…”

Manuel Nocciolini a Bar Sport Tv Parma(www.parmacalcio1913.com) – L’attaccante del Parma Calcio 1913 Manuel Nocciolini, ieri sera, lunedì 30 gennaio 2017, è stato ospite di Bar Sport, il talk show sportivo settimanale di Tv Parma condotto da Sandro Piovani con Francesca Mercadanti.

Questa la sintesi dei suoi interventi:

“Non era facile contro una grande squadra organizzata come il Venezia: abbiamo provato a soffrire da squadra, da gruppo, però il calcio è anche questo: loro sono stati bravi a fare il 2-1 e a fine partita riacciuffare il pareggio. Però rimane la consapevolezza di essere una grande squadra che ha messo sotto la prima della classe. Siamo stati rimontati da loro sia all’andata che al ritorno? Penso sia un caso: entrambe le volte abbiamo disputato un grandissimo primo tempo, perché anche ieri 11 contro 11 avevamo fatto un grandissimo primo tempo. Poi, dopo l’espulsione, abbiamo un po’ sofferto comunque contro una grande squadra come il Venezia. Il fatto di esser rimasti chiusi dietro, nella ripresa, è stata una scelta: il mister a fine primo tempo ha chiesto a me e a Baraye come stavamo, e ha deciso di cambiare prima lui; poi, siccome stavamo un po’ soffrendo, e visto che io non ero ancora al 100% e non riuscivo a fare tutta la partita, ha preferito mettere un difensore per limitare le discese degli avversari. Cosa abbiamo detto all’arbitro? Sinceramente non lo so perché io ero lontano, anche se ho visto che qualcuno ha parlato con lui sia a fine primo tempo che a fine partita, ma il mister ha cercato di portarci tutti lontano dall’arbitro, perché tanto la partita era ormai finita e non serviva a nulla, anzi si rischiava che buttasse qualcuno fuori. Canini, come era normale che fosse, era dispiaciuto. Ma al di là del pareggio abbiamo fatto una gran partita: abbiamo lottato e ci siamo sacrificati l’uno per l’altro: rimane però il rammarico di non aver portato a casa il bottino pieno. Però, tutto sommato, penso che abbiamo fatto una gran partita. Qual è il ruolo che preferisco? La risposta è abbastanza scontata cioè basta giocare… Comunque mi sta bene questo ruolo. Se mi taglio la barba in caso di promozione? Mi sembra un po’ esagerato, ma ci può stare…”

DAL CANALE UFFICIALE YOU TUBE DEL PARMA CALCIO 1913 I VIDEO DAL BACKSTAGE DEGLI STUDI DI TV PARMA CON GLI INTERVENTI DI MANUEL NOCCIOLINI A BAR SPORT

1

2

3

4

5

6

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 60 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 a Dicembre 2023 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società. Dal 2010, a conferma di una indiscussa poliedricità, ha iniziato un percorso come attore/figurazione speciale di film e cortometraggi: l'apice l'ha raggiunto con il cammeo (parte parlata) all'interno del pluripremiato film di Giorgio Diritti "Volevo Nascondermi" (con presenza nel trailer ufficiale) e partecipazioni in "Baciato dalla Fortuna", "La Certosa di Parma", "Fai bei sogni" (del regista Marco Bellocchio), "Il Treno dei bambini" di Cristina Comencini, "Postcard from Earth" del regista Darren Aronofsky, "Ferrari" del regista Michael Mann. Apparizioni anche nei cortometraggi nazionali "Tracce", "Variazioni", "L'Assassinio di Davide Menguzzi", "Pausa pranzo di lavoro"; tra i protagonisti (Ispettore Majo) della produzione locale della Mezzani Film "La Spétnèda", e poi nei successivi lavori "ColPo di Genio" e "Franciao".

6 pensieri riguardo “NOCCIOLINI A BAR SPORT: “DOPO VENEZIA CI RIMANE LA CONSAPEVOLEZZA DI ESSERE UNA GRANDE SQUADRA. ABBIAMO MESSO SOTTO LA PRIMA DELLA CLASSE…”

  • Volevo chiedere a Nicolo fabbris che so che legge il portale come mai non ha risposto a dovere al giornalista schianchi questa sera a calcio e calcio. Schianchi e l’avvocato sono stati veramente imbarazzanti, cercando la polemica su ogni argomento riguardante la società, addirittura ipotizzando un futuro fallimento con questa gestione non oculata. Il solo ampollini ha ribattuto l’arroganza di questo personaggio….

  • Grande Noccio. Sei la nostra arma segreta. Fatelo rinnovare subito.

  • Simone T.

    Addirittura ha ipotizzato il fallimento?Che pover’uomo…

  • Schianchi è stato vergognoso.
    Ha criticato tutto e il suo contrario, senza portare un contributo costruttivo.

    Poi Schianchi quando incontrerà la proprietà sarà il primo a genuflettersi, come faceva con Leonardi e Ghirardi o come quando parlava a Tv parma di piani industriali di Taci…….

    Bravo Ampollini che ha ribattuto, una tirata di orecchie ad Angella e a Fabbris che sono stati sempre zitti.

  • Simone T.

    Mi sorpende anche il fatto che venga chiamato ospite in una qualsiasi trasmissione.

  • Siberianhusky

    Schianchi ha espresso le sue opinioni e non mi e’ apparso particolarmente polemico, ha solo dissentito circa la politica sportiva della proprieta’. Lui avrebbe preferito che si cercasse la promozione in B con una crescita graduale per avere, una volta saliti nella categoria superiore, una squadra con prospetti futuribili. Un po’ quello che fece la proprieta’ di allora nei tre anni di B prima dell’ingaggio di Scala. Questo perche’, vista l’eta’ di diversi giocatori in rosa e la loro cifra tecnica, ritiene che in caso di promozione si dovra’ rivoluzionare la squadra.

I commenti sono chiusi.