STELLE INZANI / IL RITORNO A PARMA DI NEVIO SCALA: “QUI HO VISSUTO QUALCOSA DI STRAORDINARIO, MA…” (video)

(Ilaria Mazzoni)- Questo pomeriggio, per l’ora del the, al Circolo Inzani di Moletolo si è svolta la trentesima edizione della “Festa dello Sport” durante la quale la famosa polisportiva assegna diversi premi ai personaggi che più si sono distinti durante l’anno. Uno di questi riconoscimenti, il “premio fair play” è stato consegnato all’ex Presidente del Parma Calcio 1913: Nevio Scala. Sono passati solo due mesi da quell’addio che aveva rivoluzionato radicalmente lo staff crociato, la ferita è ancora fresca per il celebre allenatore che, però, dichiara di non voler voler uscire da quel silenzio che ha mantenuto dalle dimissioni. Insomma, si dichiara deluso dai comportamenti della dirigenza gialloblù ma non c’è nessun sassolino da levare dalla scarpa; l’anno passato, quello che ha portato una squadra distrutta a rinascere dalle proprie ceneri, è stato, in ogni modo, un momento fantastico. Una sfida, quella di risollevare le sorti crociate, ardua, un progetto che ha affrontato con grande difficoltà perché viveva con serietà il peso e la responsabilità di dover scegliere uno staff che potesse riuscire nell’impresa. Certamente il mantra di Scala è quello di non piangere sul latte versato, di lasciarsi, pertanto, alle spalle quel 22 Novembre alle spalle e di ricordarsi dei momenti belli vissuti nella nostra città e non solo di quelli gloriosi delle passate stagioni ma, soprattutto, quelli legata alla bellissima cavalcata dell’anno passato. Un anno, quello passato nella lega dei dilettanti, che ha coinvolto non solo tutta la città ma anche il resto del mondo e in cui la gente ha apprezzato il motto di volere cambiare il modo di fare calcio perché, si, conta vincere ma è più importante farlo con i modi giusti. Una Serie D che ha gratificato l’ex dirigente che ha vissuto intensamente il suo ruolo e che ha sofferto più di quando sedeva in panchina proprio perché sentiva la responsabilità verso la città ed il peso del suo ritorno dopo dieci lunghi anni. Impossibile, per il grande allenatore crociato, non commuoversi dinanzi ai ricordi ammettendo che : “Parma mi ha regalato qualcosa di straordinario”. Una piazza che gli ha permesso di farsi conoscere e che continua a dimostrargli grande affetto e riconoscenza, una casa per lui che dici “Parma non mi dimentica ma io non dimentico Parma”. Chiusa la parentesi da presidente, Nevio Scala non esclude un possibile ritorno al vecchio mestiere di allenatore: “Stavo pensando di tornare in panchina… Vediamo… Mi è tornata la carica… Ho in mente grandi cose…”. Non è mai troppo tardi. (Ilaria Mazzoni)

I VIDEO DELLA ODIERNA PREMIAZIONE AL CIRCOLO INZANI DI NEVIO SCALA

1 – LE INTERVISTE PRE INCONTRO

2 – INCONTRO CON GIAN LUCA ZURLINI E PREMIAZIONE

37 pensieri riguardo “STELLE INZANI / IL RITORNO A PARMA DI NEVIO SCALA: “QUI HO VISSUTO QUALCOSA DI STRAORDINARIO, MA…” (video)

  • 28 Gennaio 2017 in 22:15
    Permalink

    Caro Nevio, ti rispetto tanto, ma fattene una ragione. Basta frecciatine gratuite. Il progetto biologico è fallito,ti sei avvalso di persone che dopo un anno di serie d non sono più riuscite a dare quello che ci si aspettava. Conferenze surreali, squadra costruita senza un senso logico e offese gratuite ai tifosi. Hai ragione caro Nevio. Meglio non parlarne… In bocca al lupo, noi adesso siamo benissimo

  • 28 Gennaio 2017 in 22:41
    Permalink

    Lo ripeteró sino alla noia. Scala grande homo, grande allenatore e grande presidente.
    Quando i valori arrivano prima dei risultati sportivi.
    Ma in un mondo che deve produrre risultati, interessi economici e potere lui resta fedele a se stesso, senza polemiche ma un poco deluso dalla mancanza di tempo per far maturare il raccolto.
    Lo avremmo voluto ancora e sempre come presidente ma lui non è un uomo da compromessi.
    Grazie Nevio.

    • 29 Gennaio 2017 in 03:12
      Permalink

      Mi accodo tuo pensiero…grazie comunque Nevio!

      • 1 Febbraio 2017 in 23:24
        Permalink

        la società l’estate scorsa doveva scindere i ruoli dividendo la parte tecnica dalla presidenza, Nevio Scala figura ideale nel ruolo di Presidente Onorario e di rappresentanza; figura italiana e internazionale di rilievo, tutti ricordano la sua creatura, ponte ideale tra passato e futuro, nel rispetto dei valori, biologici o non, ma pur sempre valori e senso di appartenenza da trasmettere ai giocatori. Noi siamo Parma!

  • 28 Gennaio 2017 in 23:48
    Permalink

    Stima massima e gratitudine eterna per la persona, però aveva scelto persone non adeguate al ruolo. Non costa nulla ammetterlo 😉

  • 29 Gennaio 2017 in 00:49
    Permalink

    Un grazie a Scala. Per sempre. Da parte mia.

    Con lui abbiamo visto nascere il Parma dei primi veri trionfi, i più inaspettati e genuini. Il Parma del bel gioco, quel Parma che ancora è ricordato, e non solo in Italia, come quello di Scala. Se possiamo andarne ancora oggi fieri è anche grazie a lui ed ai suoi ragazzi.

    Con lui abbiamo visto anche risorgere il Parma dalle sue ceneri. Un Parma che doveva essere diverso, con una mentalità nuova per portare un modo nuovo di intendere e vivere il calcio. Non è andata così.

    Comunque grazie, da parte mia, per averci provato.

    “Non falliscono le persone che provano a cambiare e non ci riescono ma quelle che si lamentano sempre senza provare.” (cit)

  • 29 Gennaio 2017 in 00:59
    Permalink

    mi spiace ma scala sara’ stato ripeto stato perche’ dopo parma non ha piu combinato nulla (per favore non citatemi la coppa intercontinentale che la vincevo anch io con quella squadra )ma come presidente ha lasciato molto a desiderare e se uno e’ un tifoso del parma lo guda o le segue sia che ci sia apolloni che ci sia d aversa o che ci sia minotti o atri.
    Detto questo non penso che siano molte le persone che l incontrono dicendogli era meglio quando c era lei ……almeno che’ quelle non siao tifosi del parma ma della reggiana………penso che la propieta’abbia avuto molta molta molta pazienza con il quartetto se una propieta’ coi amica di scala alla fine ha allonattanato i suoi rgazzi e ‘ propio perche’ non se ne poteva piu’ ,vedo la partita in curva e nei distinti non c era piu una persona che avesse fiducia nel progetto di scala e sopratutto nessuno piu si divertiva allo stadio questa e’ la verita’ se lui a sassolini la propieta,’ avrebbe macigni da tirar fuori………..non hanno mai fatto autocritica scala e company una cosa allucinante raccontavano favole che non esistevano per cui basta con i ringraziamenti e’ meglio per tutti cosi’ per lui che puo fare il vino in tranqullita’ e per noi che vediamo gente seria e professionisti veri al lavoro e non dilettanti ( ci scommetto che minotti non fara’ mai piu il dirigente di calcio e apolloni finira in serie D e non tornera piu tra i professinisti )

    • 29 Gennaio 2017 in 01:10
      Permalink

      Solo una cosa: Basta coi ringraziamenti che è meglio per tutti, non lo dire.
      Io per quel che mi riguarda ringrazio chi mi pare, quando e quanto voglio.
      Tu pensa e parla per te.

  • 29 Gennaio 2017 in 01:41
    Permalink

    cara PAOLA la tua reazione e’ incompresbile e la capirei se avessi detto paola smettila ma non mi pare, la capirei se avessi detto caio semprenoio o tizio smettetela , la capirei se avessi detto smettetela al plurale zittendo qulcuno o le idee i qualcuno io ho detto basta, basta e’chiaro e lampante che riguarda me in quanto in passato potrei anche averlo ringraziato adesso basta e’ chiaro che e per me, io sono una persona educata non ho offeso nessuno o espresso una mia opinione ……piuttosto tu devi smetterla di intervenire su qualsiasi cosa uno dica che non corrisponde al tuo pensiero in maniera arrogante se non mi sbaglio avevi comunicato che non eri piu’ la moderatrice l hai scritto 10 volte su un post lo ricordo bene , che poi cosa moderavi ? aizzi e basta e visto che sei di parola immagino che non sei piu la moderatrice per cui la tua opinione vale come la mia tu ringrazi io dico basta ringraziarlo ( e anche tanzi lo aveva mandato via ) per quanto mi riguarda non obbligo nessun altro
    Noto che ormai monopolizzi tutte le discssioni guarda su ogni post ci saranno 10 tuoi interventi non stai esagerando ? non ti accorgi che si sono allontanati tutti ormai rimangono 7-10 persone che commentano sempre le solite tanto vale che vi trovate al bar e parlate fra voi per cui scusa se ho detto la mia opinione che poi guarda e’ la stessa di centinaia di tiifosi sia che tu lo creda che no , se uno non offende e non fa reati non vedo i tuoi interventi a gamba tesa cosa servano

    • 29 Gennaio 2017 in 02:34
      Permalink

      Hai detto basta coi ringraziamenti che stiamo meglio TUTTI, era in generale.
      Hai commentato sotto il mio post in cui avevo appena ringraziato e l’ho presa sul personale.
      Per non essere frainteso (se è come dici) bastava che dicessi “io non ringrazierei più” e così era chiaro.
      Io commento come tutti quando mi va di farlo e come capita a tutti qui dentro esprimo il mio parere che può essere contrario a quello di qualcun altro.
      Quindi secondo te è meglio se sto zitta. Chiaro.
      Parlo troppo? Quindi ho un limite? Quante volte posso farlo in una giornata?
      Si sono allontanati tutti perchè ci sono io? Possiamo trovarci al bar noi 6 o 7? perchè mai? qui siamo più comodi ognuno a casa sua senza spostarsi.
      Non ho detto che non puoi esprimere la tua opinione. Non hai letto bene. Ho solo detto di “non dire di non ringraziare cosi stiamo meglio tutti” perchè non puoi parlare per tutti.Almeno credo. Il resto non mi interessa.
      Ripeto meglio se dicevi.. IO non ringrazierei così era chiaro che parlavi per te soltanto.
      Non chiamarmi cara Paola. Non mi conosci. Non sta bene. Risulta offensivo se rivolto a chi non si conosce. E lo sai.
      Sul fatto che io “AIZZI” non mi interessa se lo pensi, però vedo che, se mi permetti “fate benissimo anche da soli”
      (parole pesanti, ed altro sono sempre arrivate anche senza di me, i numerosi post, anche nel passato recente quando non c’ero, lo provano)

    • 29 Gennaio 2017 in 23:45
      Permalink

      Beh che poi la.gente non scriva x via di Paola che monopolizza nn credo.proprio….chi ha voglia ha diritto di scrivere…. Gli altri si vede che preferiscono fare altro. Ma cmq tutti sono rispettabili nelle.loro.scelte.
      Per ciò che mi riguarda uno come Scala va ringraziato x sempre!!! Tanzi l.ha mandato.via!? Hai detto tanzi!? Beh hai già detto tutto x ciò che mi riguarda… Sicuramente tanzi non è il.mio.modello di vita e nemmeno di dirigente sportivo dato che il.Parma l.ha SOLO.USATO!!! Ricordi??? Io si e bene…..ciao

  • 29 Gennaio 2017 in 04:16
    Permalink

    PAOLA(tolgo il cara visto che ti arrabbi ) adesso che tu mi debba sindacare e mettere in dubbio siamo alle comiche se permetti io non ho timore di dire le mie idee se dette senza offendere ,per cui se dico che era personale era personale addirittura mi dici cosa dovevo scrivere per farmi capire !!! (ma leggi la tua prima risposta se era arrogante o no del tipo non sai chi sono io taci merdacci parla pe r te ) e continui nella tua supponenza mettendo in dubbio le parole di altri …se per metti te lo dico io cosa avrei scritto se avessi voluto dire quello che vuoi tu avrei scritto SMETTETE DI RINGRAZIARE ecco io avrei usato questo termine o al limite dovete smettere , ma basta e’ singolare e riferito a me stesso , al limite avrei messo un basta!!! con esclamativo ma cosi’ per me e’ personale , invece il tutti e una concessione pluralis maiestatis e comunque era io e scala plurale (cosa c entri tu ? te pensi che tutti scrivano pensando a te ? ) stiamo meglio tutti ovvero io e scala , sia io che scala infatti se leggi dicevo che fara ‘ il suo vino meglio eccc possibile che tu sindachi tutto ? anch le intenzioni altrui !!! detto questo invece non penso che majo avesse voluto fare un blog per te vai a vederti i post molti hanno sotto i 10 commenti quini poca gente commenta e in quelli piccoli la maggioranza interventi sai di chi e ? immagina …ma lasciamo perdere prendiamo quello di moroni di 2 gg fa quello con piu commenti dell ultimo periodo in assoluto 98 commenti che bello !!! quante persone che bello stadiotardini ritorna ad essere uno scambio di idee… poi ti vai a leggere e vedi che 28 interventi sono dell paola ovvero il oltre il 28% uno su tre !!!! altro che dire la tua idea come tutti se permetti tu sei come il 33% di tutti se poi ci metti quelli di moroni ……….in due praticamnete andate oltre il 60% capisci cosa voglio dire quando dico che cosi sono scappati tutti e credimi prima eravamo in tanti a intervenire ma ormai se uno interviene poi viene bachettato dalla paola capisci anche tu che passa la voglia o deve entrare in polemica con te gurda i post vedrai che in quasi tutti hai piccol incomprensioni chiamiamole cosi’ con qualcuno …..per cui tutti hanno diritto a dire le propie idee ma esagerare diventa un monopolio o duopolio (capisci a chi alludo ) e che tu creda o no molta gente si e’ allontanata ma se non mi credi basta che vedi chi sono che intervengono e li conterai su due mani non penso che majo avesse questo spirito quando ha creato il gruppo o blog per pochi o per la paola alcuni sono propio spariti per fin la cibbi (almeno non fossi tu ) questo e’ il mio pensiero naturalmente posso sbagliarmi , gusto che ci sia una pluralita’ di interventi senza che alcuno sindachi le parole di altri o le chimichi o con la lente d ingrandimento e se non e’ allineato lo bacchetti , e sicuramnete e’ la mia perosnale opinione magari sbagliata sicuramnete sbagliata ma a me uno che mi dice che il PARMA NON LO SEGUE PIU DAL 22 DI NOVEMBRE mi sta sui…………..se uno e’ tifoso del parma lo anche se e’ stato esonerato o se si e dimesso e’ poco rispeto anche per la tifoseria ma aggiungo io PER ME SCALA IL PARMA NON LE SGUE PIU DAL 22 NOVEMBRE MA FORSE ANCHE PRIMA

    • 30 Gennaio 2017 in 00:20
      Permalink

      Ciao Mario, se ho.capito.bene pensi che Paola e io possiamo essere la.stessa persona!? Beh assolutamente no…una volta di recente abbiamo avuto anche scambi di opinione abbastanza accesi (poi risoltisi molto bene fortunatamente)….siamo due persone distinte e io, in particolare, non ho.mai.usato altri.nickname!
      Io scrivo poco sul sito dall’anno scorso e da molto prima che Paola diventasse moderatrice…lei non c’entra proprio nulla nella mia scelta… .anzi la considero un valore aggiunto… Semmai il.problema era Velonoso e i suoi alias.
      Cmq la mia decisione di commentare poco è dovuta in parte alle.polemiche che spesso.nascono.x nulla, x cui preferisco usare il tempo diversamente.
      Inoltre (anzi soprattutto) non sono d’accordo con la scelta della società di non rispettare alcuni impegni presi con chi aveva fatto l’abbonamento tessera crociata e di cui ho.parlato.spesso la.scorsa.stagione, essendo mio malgrado una spina nel.fianco di.Majo x questo.
      Dato che la.ritengo una grave mancanza nei.confronti di chi (come me) aveva fatto quell’abbonamento x vivere da vicino la.squadra e a cui non è stato permesso, adesso preferisco seguire il parma dal.divano di casa e partecipare il meno possibile alle discussioni inerenti il.parma, ecc….
      Quando non si ottiene soddisfazione (nonostante promesse fatte addirittura in faccia) e si.resta.profondamente delusi , la miglior cosa è stare nel.proprio.guscio e amen…anche se magari un ultimo contatto x chiedere scusa ci sarebbe stato bene, dato che “errare è umano ma perseverare è diabolico”… E spero di non commettere lesa maestà dicendo che in quella.situazione.si è perseverato.
      Queste.puntualizzazioni perché magari non sei.l unico a chiederti.perche.la.mia.verve di commentatrice si sia affievolita fino.quasi a.spegnersi…ciao e sempre Forza Parma!

      http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_bye.gif

  • 29 Gennaio 2017 in 08:58
    Permalink

    Quoto Mario.. In tutto,poco da aggiungere

    • 29 Gennaio 2017 in 10:23
      Permalink

      no no aggiungi pure anche il poco che manca…

      Siccome non voglio assolutamente impedire a questo blog “di fiorire o di ri-fiorire” con i miei commenti, tolgo il disturbo, con buona pace di tutti quanti
      Buona continuazione.

      E forza parma: Crederci sempre, arrendersi mai!

      • 1 Febbraio 2017 in 23:47
        Permalink

        mmm… mi sono perso qualcosa?
        preso dalla trasferta di Venezia e dal mercato mi sono perso questo articolo su Scala e tutti i suoi commenti.
        Paola non leggendoti più ti pensavo in vacanza, invece..
        non penso tu abbia allontanato qualcuno, il numero di commenti sono conseguenti agli argomenti e al momento che vive la squadra, io certi giorni mi assento altri scrivo più post, dipende dal momento.. ovviamente con il calciomercato mi sono scatenato, così come a ridosso delle partite che contano (il derby che goduria!!!), questa è una valvola di sfogo per noi tifosi, una ottima trovata del nostro Direttore, ovviamente ognuno è libero di pensarla come crede, così come fai tu io e tutti gli altri, “tutti noi siamo stadiotardini” (riferimento al protagonista dell’articolo) pertanto ti invito, e sono serio, a tornare a scrivere e commentare come hai sempre fatto. spero leggerai. a presto (spero).
        http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_wink.gif

  • 29 Gennaio 2017 in 11:36
    Permalink

    Reazione prevedibile…chi non sa fare una buona autocritica in genere reagisce proprio in questo modo…amen

    • 29 Gennaio 2017 in 11:43
      Permalink

      ormai il passato è andato, qualsiasi cosa dica bisogna guardare al Parma di oggi e allo staff che lo dirige

  • 29 Gennaio 2017 in 11:56
    Permalink

    vedi apola come sei , non volevo certo che arrivassi a questa conclusione (che poi avevi gia’ pprmesso almeno un altra volta se non sbaglio ) vedi come sei diventataa rissosa e suscettibile il mio era uno spassionato consiglio in quanto arrivare a 33/% degli interventi se poi aggiungi moroni di certo non aiutaa rifiorire al blog era solo un consiglio sopratutto perche’ ormai qualunque cosa uno scrive intervieni come se fosse una cosa personale se avessero scritto contro o pro a te e come una bambina se uno da ragionea ll altro allora prendi il giocattolo e vai (sai anche tu che l orario di immisione non e’ istantaneo per cui uno puo’ scrivere non sapendo cosa avesse scritto l altro a parte che io leggo solo il post e poi scrivo e dopo leggo cosa dicono gli altri se ho tempo per cui non devi pensare che le risposte siano a te )
    Io paola me la ricordo come un elemento positivo che interveniva sempre in maniera corretta secondo le sue logiche di buonismo e sentimentalismo non sempre a me consone ma intervenivaa ragion veduta poche e giuste volte e sempre da paciere adesso ormai da amesi vedo solo una paola critica pur finenso sempre cn un smile ,che bacchetta le idee altrui che entra in stupide polemiche che si arroga la traduzione del pensiero altrui ecco il mio era solo un consiglio mi piacerebbe vedere la vecchia paola tutto li anche per che capisci ce gia moroni che monopilizza (ma almeno e simpatico e non cerca mai la rissa un po pesa ma ….si va avanti chi vuole non lo legge lui stesso lo chiede ) se poi c e un altro da 30 % allora e’ finita nel senso buono sopratutto se chimichi le intenzioni degli altri o ti metti a discutere su cosa volesse dire uno o l altro ………a te piace scala a me no , lo trovo un falso democristiano una persona non vera falsa che racconta alcune cose ma ne poensa altre e credimi anche negli anni 90 tanti calciatori non lo sopportavano e ricodati che’ e’ stato mandato via anche dalla vecchia dirigenza e non in gran rapporti neppure quella volta aveva spaccato tutto lo spogliatoio perche o sei un boys di scala o sei finito e guarda e rimasto tale e quale per esempio MELLI E IL CLASSICO ESEMPIO DEL CARATTERE DI SCALA se non sei nel cerchio magico ti esclude ma almeno avesse il coraggio di dirlo in faccia invece dice davanti alla gente si si ci sara’ posto per melli ecccc poi non lo pensa falso democristiano capisci a me piace la gnte che dice chiaramnete le cose non le falsita’ detto questo guarda io sono contraroio a melli per cui non me ne puo fregar di meno ma e la amniera di lavorare di scala che non mi e piaciuta non puoi andare in conferenza a dire va tutto bene !!!! quando la squadra fa schifo e sono stati commessi errori meglio dire arriviamo a gennaio e poi corregiamo …………capisci quello che volgio dire e poi scusa paola vatti a rileggere alcuni tuoi commenti dopo alcne partite mi ricordo che tra me e me pensai se anche la paola e diventata cosi feroce con i biologici vuol dire che siamo al limite …..e infatti li esonerarono vatti a rileggere alcuni post o se ne hai memoria e vedrai che anche tu non ringraziavi i biologici !!!
    comunque finisco non era mia intenzione farti uscire (tanto so che non lo farai ) ma era solo un consiglio per rivedere la vera paola

    • 29 Gennaio 2017 in 12:14
      Permalink

      io acccetto la critica, checchè ne pensi tu o Simone T., perchè come vedi essendo rissosa ed arrogante, e visto che condiziono così malamente coi miei commenti la buona riuscita del blog, non mi resta che togliere il disturbo. Più di così che devo fare? E’ vero avevo già detto che me ne andavo. Come può capitare a tutti ci avevo ripensato. Però ora visto che mi rendo conto che non sono ben accetta, per tutti i miei gravi difetti che hai continuato ad elencare, me ne vado. Nessuno resterebbe dove è mal visto. Il Passato è andato, lo sappiamo tutti, ma siccome si parlava di Scala nel thread a lui dedicato, quindi ero in tema, volevo ringraziarlo col mio pensiero personale. Dire che il bene di tutti era smettere di ringraziarlo non mi ha trovato d’accordo perchè io ci tenevo a ringraziarlo e per me il bene mio era poterlo fare.
      Non ho commentato altro. Non ho detto niente sul tuo libero pensiero su di lui.
      Cmq, questa era una precisazione che ci tenevo a fare, per non smentirmi, visto che sono arrogante.
      Ora saluto davvero e come dice qualcuno.. AMEN..

      • 30 Gennaio 2017 in 00:27
        Permalink

        Paola se ti fa star bene scrivere sul sito rimani…a me farebbe piacere.leggerti ancora.. Anzi mi.dispiacerebbe nn leggerti piu. http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_rose.gif

  • 29 Gennaio 2017 in 12:02
    Permalink

    scusa paola un ultima provocazione IO RINGRAZIO MALESANI che ci ha aftto vincre tre coppe in 100 giorni e’ scusa quando ci vuole ci vuole tu ringrazi scala il falso io ringrazio malesani che dice le cose vere pane al pane e vicno al vicno fore per questo non lo amano

    • 30 Gennaio 2017 in 00:29
      Permalink

      Malsani!?!? Nn nominarmelo.neanche…. Chiedi al.sassuolo.quanto è bravo come allenatore che loro l.hanno.provato poche stagioni fa…non si è mai.fatto amare a.Parma.cmqhttp://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_negative.gif

    • 30 Gennaio 2017 in 12:16
      Permalink

      Malesani ci ha fatto vincere 3 coppe in 100 giorni na tristezza

      Ma in campo ci vanno i calciatori e ke calciatori na fortuna

      Poi NON si può leggere ke è uno skietto mo mama ke sgrisòr

      Infatti uno ke scappa da uscite secondarie dal Tardini kissà

      Perkè NON voleva incontrare la stampa e i tifosi ma kissà

      Aggiungo poi forse la cosa più importante sulle coppe vinte

      L’ultimo allenatore ke allenava il Parma ke ha vinto la coppa

      NON è il Veronese ma bensì Gedeone Carmignani va mo là

      Cioè un professionista serio competente etor ke canelì

  • 29 Gennaio 2017 in 12:29
    Permalink

    dquoto mario al 100% da quando e’ andato via scxala non fa che offendere la dirigenza sui giornali per radio e ora si permette di dire che non segue il parma ( se mai lo ha seguito ) cosa volgiamo ringrazirlo ? ma su ………….. e negli anni 90 era pagato profumatamenete ha fatto solo, il suo dovere di allenatore e sda quando e andato via da parma in italia nel calcio vero non ha piu combinato nulla di buono come mai ?

    • 30 Gennaio 2017 in 00:31
      Permalink

      Non c’entra… Mel.calcio ci sono.i..periodi
      .vedi prandelli

  • 29 Gennaio 2017 in 12:30
    Permalink

    ah scusate poi adesso scala racconta anche le barzelette !!!! vuol tornare in panchina !!!! ahahaha ma dove nel roncocapocanneto ? pseran sperando che non si offendano

  • 29 Gennaio 2017 in 12:31
    Permalink

    Dai Paola su, anche Mario torto torto non ha. Un po’ di dibattito ci vuole, altrimenti chi a pera ormei d’esor al Romanè.
    Voglio Majo!

  • 29 Gennaio 2017 in 12:54
    Permalink

    mario mi sembra abbia detto cose vere senza offendere nessuno cosa rara oggi per cui ……scala e’ gia’ stato ringraziato dalla societa’ quando si e’ dimesso e lui la ringrazia andando in tv o radio a sparlare direi che di ringraziamento per quello che ha fatto da presidente ne’ ha gia avuti a sufficenza e per quanto riguarda gli anni 90 che cavolo andiamo un po’ oltre se riamniamo agli anni 90 ……..non se ne puo’ piuu mi sembra nostalgia da vecchi che si rcordono solo le cose di quando erano giovani pensiamo ad adesso e la soluzione migliore era out scala e sopratutto out i suoi ragazzi

  • 29 Gennaio 2017 in 12:59
    Permalink

    Credo che Nevio, che ringrazierò per sempre per i bellissimi trionfi cui ha portato il Parma da allenatore, andasse bene come presidente onorario. Un Presidente normale non avrebbe continuato e non continuerebbe a difendere quElli che è stato un insuccesso totale in lega pro con Minotti doppiolavorista che con Minotti ha costruito una squadra che faceva pena e con Apolloni che, con la verve di Don Matteo, ci ha fatto vedere partite ignobili. Il Parma di Faggiano e d’Aversa è una signora squadra ed è da pazzi pensare di paragonare il Parma dei 4 a questo Parma.

    • 29 Gennaio 2017 in 17:57
      Permalink

      Concordo, probabilmente la scelta migliore sarebbe stata quella di insignirlo di un titolo di presidenza onoraria in virtù di tutto quello che ha fatto, nel passato, per questa maglia. Bellissimi i ricordi che, personalmente, mi lascia, ricordi di infanzia legati alle prime partite che andavo a vedere al Tardini che non possono essere intaccati dal famoso 22 Novembre. Teniamoci stretti quelli e la cavalcata gloriosa dell’anno passato e guardiamo avanti

  • 29 Gennaio 2017 in 13:31
    Permalink

    prima di ringrziare scala e io non lo ringrazio , fra i tanti episodi che lo riguardano vi ricordo che nell era di ghirardi il parma veleggiva male ui unvitato a tornare a parma con ponti d oro per dare una mano alla salvezza ma il buon scala se ne frego’ altamente (cosa da lui ammessa per cui ufficiale ) e grazie a dio ci penso qualcun altro a salvare il parma mettendosi in gioco e rischiando l immagine il buon guidolini per cui che se ne stia a padova poi ragazzi andate a vedere quante volte a detto rtorno in panchina scala decine di volte forse non lo vogliono piu in panchina …………

  • 29 Gennaio 2017 in 18:04
    Permalink

    Paola ha ragioni da vendere: la serieta’ e la gratitudine sono VALORI che appartengono ai veri tifosi del Parma.
    Chi guarda ai risultati a breve termine è solo un povero fanatico che dovrebbe aiutare la moglie a fare il bucato !
    I veri risultati sportivi si COSTRUISCONO con serietà, impegno e cona la dovuta gradualità costruendo basi societarie degne di una citta’ come Parma.
    Brava Paola !

    Anche i sentimenti contano. E a volte valgono più dei risultati.

  • 29 Gennaio 2017 in 20:41
    Permalink

    La realtà è che, e lo sapete tutti Voi pseudo tifosi, sino a che Scala è tornato utile a catalizzare l’entusiasmo dei tifosi per ripartire con una società a costo zero vedendosi riconosciuto lo status di società avente diritto a rappresentare Parma calcisticamente, ve ne siete serviti; salvo poi, ottenuto lo scopo, scaricarli. Tipici comportamenti di persone di basso livello.

    Grande Nevio e tutti coloro che al parma hanno dato la loro vita, se pur in parte.
    Grande Gigi, Lorenzo ed Andrea.

    Grande Ferrari e tutti quelli che vogliono bene al parma.

  • 29 Gennaio 2017 in 23:15
    Permalink

    ma chi e’ il marito di paola asdente per dire una serie di cobellerie del genere ma che discorsi fa ? guardi che la societa’ parma calcio a sempre ammesso che l obiettivo era la promozione in serie B non fra 3-4 anni ma quest anno , si informi per favore in che mondo vive se permette lo dica a pizzarotti o barilla o ai 7 soci che ci vuole calma e tempo per raggiungere gli obiettivi bruciando ogni anno 7-10 milioni di eur , vedra’ cosa le dicono ………siamo in un campionato professionistico ognuno ha le sue responsabilita’ chi sbaglia paga e i scala boys hanno sbagliato ,comunque scala se ne andato lui non l hanno cacciato e lui che continua a sparlkare della societa’ il parma come societa’ calcio e tifosi gli hanno dat piu riconoscenza di quella che lui ha dato …ma cosa dice cosa vorrebbe dire che i tifosi sono stati ingrati con scala ? nessun gli ha mai detto nulla nonostante gli evidenti errori nella scelta delle persone , a preso piu onoroficenze e premi lui che napoleone nell ultimo anno e lei si permette di dire che siamo ingrati e di fare il bucato ma lo faccia lei il bucato e magari assieme alla paola di cui immagino sia un fun

  • 30 Gennaio 2017 in 00:15
    Permalink

    Ognuno può e deve farsi una propria idea su quel è successo al Parma. Probabilmente si è deciso che la squadra avesse bisogno di un impegno “a tempo pieno” e che se in serie D si poteva avere altre attività oltre agli incarichi societari ciò non fosse più possibile nei professionisti.
    Prendiamo l’immagine del gatto e la volpe nella sede del calciomercato che devono comprare un centrocampista e che aspettano che qualcuno li cerchi per avere l’onore di giocare nel Parma. Resta solo uno slot over vuoto.
    L’anno precedente arrivavano giocatori in prova a Collecchio per fare le prove. Quest’anno bisogna combattere col borsellino in mano intavolando venti trattative per formalizzare una.
    Eh si. Ci vuole molto tempo, un lavoro a tempo pieno.

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI