UN GOL IN PARADISO, RICORDO DI FILIPPO RICOTTI, di Nicholas Barone

IMG-20170117-WA0013(Nicholas Barone) – Per ricordare Filippo Ricotti, (il 17enne calciatore della Langhiranese deceduto ieri mattina in un tragico incidente stradale, ndr) voglio partire dal mio ultimo momento passato insieme a lui: fianco a fianco nello stesso campo da calcio. Quel sabato pomeriggio Filippo parte dalla panchina, ma non è arrabbiato, anzi accetta, con il rispetto che lo contraddistingueva, la scelta del mister. La partita si mette bene, andiamo in vantaggio; però c’è molto nervosismo in campo, e allora l’allenatore decide di metterlo in campo; avevamo bisogno di lui, avevamo bisogno della sua calma e della sua tranquillità. Entra, ma come detto la partita sta diventando sempre più violenta; ed infatti un avversario gli rifila un calcione a palla lontana. Allora io IMG-20170117-WA0012mi avvicino a lui invitandolo a stare calmo, lui, quindi, alza lo sguardo e sorridendo mi risponde: “ma io sono calmissimo”.  Filippo era così: sereno, mai inopportuno, mai offensivo, ma soprattutto educatissimo. La sua educazione il suo rispetto per gli altri, infatti, erano qualcosa di sconvolgente: proprio per questo si differenziava da tutti gli altri. Il sorriso che mi ha mostrato sul quel campo da calcio è lo stesso che mostrava quando lo incontravi, lo stesso con il quale affrontava qualsiasi cosa: con quel sorriso era in grado di trasmetterti gioia senza nemmeno parlare. Filippo era anche un buon giocatore: centrocampista di interdizione bravo nel gioco aereo e soprattutto molto forte dal punto di vista atletico. Era un giocatore e un ragazzo generoso, o meglio era un uomo generoso: infatti aveva una maturità non comune in un ragazzo di appena diciassette anni. Quella partita di quel sabato pomeriggio era la prima che giocavamo insieme, non avrei mai potuto pensare che sarebbe stata l’ultima… Se provo a riflettere su quello che è successo capisco che è tutto assurdo, quasi paradossale: perché uno come te se ne è dovuto andare? Però poi penso che quella macchina può anche averti portato via fisicamente, ma il tuo sorriso e il tuo sguardo disteso accompagneranno ogni mia singola partita, e ogni mio singolo allenamento, te lo giuro.  Nicholas Barone (calciatore della Langhiranese Calcio)

 

 

Stadio Tardini

Stadio Tardini

9 pensieri riguardo “UN GOL IN PARADISO, RICORDO DI FILIPPO RICOTTI, di Nicholas Barone

  • 18 Gennaio 2017 in 01:05
    Permalink

    “La vita dei morti è riposta nel ricordo dei vivi ”

    E’ una frase scritta da qualcuno, ed è vera, e chi ha perso una persona cara lo sa bene.

    ma quello che hai detto sull’ amico che non c’è più
    è altrettanto importante e commovente, e dolce, e forte.

    “ma il tuo sorriso e il tuo sguardo disteso accompagneranno ogni mia singola partita, e ogni mio singolo allenamento, te lo giuro”

    Grazie per questa testimonianza

  • 18 Gennaio 2017 in 02:04
    Permalink

    una vita, una giovane vita,
    che inspiegabilmente se ne va.
    articolo toccante e commovente.
    resta dentro una profonda tristezza.

  • 18 Gennaio 2017 in 08:20
    Permalink

    Purtroppo non ci sono parole..

  • 18 Gennaio 2017 in 08:37
    Permalink

    Come mia sorella Chiara 40 anni fa in Viale dei Mille … 14 anni …Ciao Filippo salutamela !

  • 18 Gennaio 2017 in 13:27
    Permalink

    R.I.P. Sembrava un bravissimo ragazzo 🙁

  • 18 Gennaio 2017 in 14:01
    Permalink

    R.i.p. adesso sei un angelo. Ho un magone incredibile……

  • 18 Gennaio 2017 in 15:45
    Permalink

    Rip in pace piccolo…sei andato troppo presto….hai lasciato un vuoto immenso…😢😭http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_negative.gif

  • 19 Gennaio 2017 in 00:57
    Permalink

    Mi asdocio a quello detto daldirettore della gazzettadi parma. La vita che senso ha? Che sendo diamo all vita?non voglio affrontare discorsi troppo alti e la mia mente non e all altezza di affrontare,mi limito a dire a vokte ci arrabbiano per. Un goal sbagliato.,o cose banali,wuedto fatto urla che nella vita ci dono vose ben piu importanti ,e molte cose adciugate da tutto dono solo effimere

I commenti sono chiusi.