D’AVERSA: “MI AUGURO SIN DALL’INIZIO PULIZIA TECNICA NEL GIRO PALLA, PERCHE’ PERMETTE DI SVILUPPARE IL GIOCO IN MANIERA SERENA E VELOCE”

D’AVERSA: “MI AUGURO SIN DALL’INIZIO PULIZIA TECNICA NEL GIRO PALLA, PERCHE’ PERMETTE DI SVILUPPARE IL GIOCO IN MANIERA SERENA E VELOCE”

(Andrea Belletti) – Stavolta l’atteggiamento è in buona compagnia. Memore dei sofferti tre punti conquistati in casa dell’Albinoleffe mister Roberto D’Aversa spiega che Parma vorrebbe vedere domani al Tardini “Oltre all’atteggiamento, Roberto D'Aversa conferenza stampa del 22.01.2017 Parma-Santarcangelomi piacerebbe vedere una squadra che sia in grado di partire bene a livello tecnico. Non dobbiamo avere sbavature nella gestione della palla. Se così facessimo potremmo permettere al nostro gioco di svilupparsi in velocità. Ho a disposizione giocatori di qualità quindi chiedo a loro prestazioni che sono nelle loro corde. Dovremo cercare di rendere inoffensivo il pressing avversario cercando di far correre i nostri contendenti a vuoto”. Un obiettivo non facile da perseguire di fronte ad una Sambenedettese che vuole invertire l’inerzia negativa del suo girone di ritorno. “La Sambenedettese è una squadra arrabbiata Noi dobbiamo affrontare la nostra di partita senza farci influenzare dal risultato di Venezia Pordenone. Arriverà  una squadra che nel girone d’andata ha fatto molto meglio di adesso ma non dobbiamo pensare che possa essere una partita facile. Analizzando le partite fatte dal nuovo mister hanno sempre giocato con il 4-3-3 hanno dei giocatori rapidi davanti come Mancuso, e daranno tutto per ottenere un risultato positivo. Se scenderemo in campo con l’atteggiamento che ci ha sempre contraddistinto credo che riusciremo a far pendere la gara dalla nostra parte, se dovessimo d'aversa albinoleffepeccare di presunzione potremmo avere delle difficoltà a prescindere dall’avversario. Pensiamo solamente al nostro obiettivo a prescindere della squadra avversaria. Abbiamo l’obbligo di sfruttare sempre le situazioni senza sprecare energie dove non possiamo intervenire. Mi dispiacerebbe se da Venezia arrivasse un risultato favorevole a noi e non fossimo in  grado di sfruttare l’occasione”. Per ottenere bottino pieno con una infermeria che si affolla sempre più, ci sarà bisogno dell’apporto di tutti. “Scavone starà fuori tre settimane ma abbiamo sostituti all’altezza. Giorgino nella scorsa gara è entrato a partita in corso e ha fatto molto bene. Va dato merito ai ragazzi che c’erano prima che arrivassi io di avere un ruolo importante in questo gruppo. Sono loro infatti che hanno ridato entusiasmo a tutto l’ambiente che hanno permesso alla società di intervenire sul mercato. L’atteggiamento di tutti i componenti del gruppo è la chiave per ottenere i risultati. Giorgino è stato autore di un’ottima prestazione domenica scorso ma lo stesso discorso vale anche per Corapi. Sono stato fortunato ad avere trovato un gruppo capace di calarsi nella categoria. Sono fiducioso, se noi lavoriamo di squadra possiamo portare a casa il risultato”. Andrea Belletti

DAL CANALE UFFICIALE YOU TUBE DEL PARMA CALCIO 1913 IL VIDEO DELLA CONFERENZA STAMPA ODIERNA DI MISTER ROBERTO D’AVERSA ALLA VIGILIA DI PARMA-SAMBENEDETTESE

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

CATTIVO CITTADINO di Gianni Barone / D’AVERSA SULLE ORME DI VICIANI, CHE ARRIVO’ IN A VEDENDO LUNGO COL SUO GIOCO CORTO

22 pensieri riguardo “D’AVERSA: “MI AUGURO SIN DALL’INIZIO PULIZIA TECNICA NEL GIRO PALLA, PERCHE’ PERMETTE DI SVILUPPARE IL GIOCO IN MANIERA SERENA E VELOCE”

  • 18 Febbraio 2017 in 14:41
    Permalink

    Speravamo nel Pordenone….. dopo un minuto il Venezia vince 1-0 per me è già tutto deciso… un vergogna… danno il meglio solo contro il Parma…

  • 18 Febbraio 2017 in 15:54
    Permalink

    Noi pensiamo a far più punti possibile, senza guardare al Venezia. Solo così si rimane concentrati sull’obiettivo. Certo che quasi un’intero girone di andata buttato grazie alla vecchia gestione è un bel macigno da tirarsi dietro.

  • 18 Febbraio 2017 in 16:25
    Permalink

    Finita Venezia in b.

  • 18 Febbraio 2017 in 16:30
    Permalink

    Forse ha deciso il campionato il rigore di Lucarelli..adesso è impossibile forse meglio già pensare ai play off…. il Venezia non ne perde più… più facile che ne perdiamo noi…

  • 18 Febbraio 2017 in 16:34
    Permalink

    il macigno se vogliamo chiamarlo in questo modo è arrivato nel momento del cambio di gestione in sostanza quando siamo rimasti senza allenatore e non me ne voglia Morrone (incolpevole)
    Peggio non potevamo fare. una persa e una pareggiata
    prima di questo eravamo a -4 e seppure condivida il fatto che una svolta bisognava darla non trovo giusto dare sempre e cmq la colpa a chi c’era prima.

  • 18 Febbraio 2017 in 16:51
    Permalink

    il Parma ha il dovere di vincerle tutte.
    il Venezia potrebbe fare due pareggi..
    dobbiamo crederci.

  • 18 Febbraio 2017 in 16:59
    Permalink

    Beh sicuramente la colpa non è di chi è venuto dopo..comunque si il pordenone mi è parso ridicolo nella gara di oggi. Sono venuti qui a fare i fenomeni l’hanno presa nelle reni e adesso si scansano. Ho comunque l’impressione che le dirette avversarie preferiscano scansarsi col Venezia X favorirli. Noi siamo antipatici perché siamo oggettivamente più forti strutturati e con un blasone e una tifoseria che nessuno ha. Quindi se Padova Reggina Pordenone e soci possono sicuro favoriranno il Venezia scansandosi. Infatti sarebbe auspicabile quanto meno la contemporaneità.

  • 18 Febbraio 2017 in 17:03
    Permalink

    Calma noi dobbiamo pensare solo a vincere! Ci sono altre 12 partite!

  • 18 Febbraio 2017 in 18:24
    Permalink

    Il Venezia ha perso 3 partite nel girone di andata (o giù di li), per cui ne potrebbe perdere almeno 1 o 2 nel ritorno o comunque fare qualche pareggio. Per quanto riguarda al Parma è condannato a vincerle praticamente tutte, poi si vedrà…è chiaro che se il Parma non le vince (specialmente adesso con l’organico che è stato allestito) non merita di andare in B. Il Parma deve cercare la promozione per meriti propri e non demeriti degli altri.

  • 18 Febbraio 2017 in 18:36
    Permalink

    Si possono perdere punti in tutte le partite, noi dobbiamo fare il massimo che la stagione è lunga e possiamo fare ancora meglio.
    Il Pordenone è già tanto se arriva davanti a Padova e Reggiana, organizzato finché vuoi ma qualitativamente inferiore.
    Se non sbaglio alla fine miglietta fuori lista

  • 18 Febbraio 2017 in 18:38
    Permalink

    Mi sembra che si stia mollando un pò troppo presto… mancano 12 partite (13 x noi), vediamo come va a finire… intanto godiamoci le nostre gare e proviamo a vincerle tutte…

    Se il Venezia non molla niente (dubito) ci buttiamo negli inferi dei play off… è dura ma chi ci pesca si caga comunque addosso…

    Tutti al Tardini, Avanti Crociati

    • 18 Febbraio 2017 in 19:16
      Permalink

      Molleranno qualcosa di sicuro, anche statisticamente
      il venezia non ha mai messo a segno una serie con più di 3 vittorie di fila In effetti oggi è la quarta terna di vittorie consecutive per cui è prevedibile che non sconvolgeranno questo trend in modo clamoroso.
      Certo che noi dobbiamo continuare a vincere

      Intanto non molliamo noi, tutti allo stadio a fare un tifo mostruoso, poi si vedrà

  • 18 Febbraio 2017 in 19:27
    Permalink

    effetivamente il VENEZIA sta tenendo un ritmo pazzesco non sbagliano una partita e vincono con grande sicurezza e facilita’, forse er meglio andare nel girone A al posto della cremonese……personalmente inizio come ha gia’ detto un altro a pensare che il venezia goda anche delle simpatie del girone perche’ certe squadre che qua corrono si dannano al cospetto del venezia sembrano dei gattini , ecco non vorrei siccome non siamo responsabili del ns destino che le altre squadre decidessero chi debba andre in B d altronde i play off cosi lunghi e pazzeschi sono stati fatti per evitare quello che in lega pro e’ sempre successo vendita di partite o scelta di chi far retrocedere o vincere alle altre squadre che spesso rimanevano senza obiettivi per mesi ormai salve e facevano da arbitri e spesso vendevano le partite emblematio il savona contro il teramo che ando’ in B poi fu penalizzato …….comunque il venezia ha gia passato tre delle grandi parma reggiana pordenone chi li ferma ? il fano ?

  • 18 Febbraio 2017 in 19:36
    Permalink

    comunque a parte fanta calcio che prima ho esposto ma non va molto lontano dalla reata’ perhe’ continuano a parlare di parma gli altri vedi bassano reggiana pordenone padova venezia stessa inzaghi e perinetti parlano solo di noi che dei loro problemi ..ma perfin squadrette dopo mesi contro di noi li senti dire a parma meritavamo di piu a parma c era un rigore e puttanate varie evidentemente non gli siamo smpatici …….per cui forse c ‘e un certo astio nei confronti della nobile decaduta , debbo pero’ ammettere che il venezia oggi e’ molto forte sopratutto a differenza nostra ha giocatori da lega pro che corrono , picchiano e ha un gran carattere oltre che alcune ottime individuaita’ non sara’ facile prendergli 4 punti …..e speriamo che domani non si pareggi se no game ove veramente , il parma e’ forte ma non corre come le altre squadre vedi albinoleffe ci prssano e noi non riusciamo a combinare nulla bisogna adattarsi alla lega pro i ns e’ gente di serie B che non riesce ad adattarsi come dovrebbe invece il venezia e’ costruito per la lega pro questo lo dicevano gli addetti al lavoro gia a settembre or capisco che non avevano tutti i torti

  • 18 Febbraio 2017 in 20:08
    Permalink

    E anche domani siamo obbligati a vincere. Il Venezia continua a scularle e a rubacchiarle.

  • 18 Febbraio 2017 in 20:33
    Permalink

    In molti continuate a ribadire che il Venezia stia rubando e avendo fortuna ma in realtà ad oggi mi sembra la squadra più forte. Anche oggi hanno meritato contro una squadra che a noi ci ha umiliato sotto l’aspetto del gioco e che forse meritava almeno il pareggio, quindi comincerei a pensare in ottica play off perché buttare energie adesso sapendo di non riuscire a fare il sorpasso non credo sia producente. Inzaghi ad oggi ha indovinato tutto con una rosa molto inferiore alla nostra, io ribadisco non vedo il Parma quella corazzata che molti di voi stanno descrivendo…

    • 18 Febbraio 2017 in 21:21
      Permalink

      Che il Pordenone ci abbia umiliato è quantomeno ridicolo, i due goal li abbiamo regalati noi, nel secondo tempo non hanno quasi mai superato la metà campo è mai tirato in porta. Che i nostri goal siano arrivati alla fine è casuale avremm potuto segnare prima, abbiamo preso la traversa, rimpalli in area, parata da fenomeno del loro portiere su Nocciolini. Il Venezia è una buona squadra, ma non sono dei fenomeni non sono riusciti a scappare nel girone di andata quando abbiamo perso 4 partite e pareggiato con squadrette come Modena e Mantova. Se da qui alla fine non perderanno punti onore al merito, vuol dire che saranno stati più bravi, ma piangere quando mancano ancora 12 partite (13 per noi), vuol dire avere una visione molto miope. Forza Parma

  • 18 Febbraio 2017 in 20:46
    Permalink

    Credo che il Venezia sia forte, non sarebbe lì se non fosse così.
    Non sei primo per caso, suvvia.
    Ipotizzare complotti contro di noi mi fa sorridere.
    Abbiamo faticato è vero però abbiamo vinto partite importanti che ci permettono di essere in piena corsa.
    Il Venezia non può vincerle tutte, è ovvio. Nemmeno noi penso, ma c’è ancora tutto il tempo per farcela, non capisco cosa sia successo oggi da far traballare la fiducia di molti. Noi parliamo tanto del Venezia, del pordenone e loro parlano di noi, mi piace mantiene ancor più viva la competizione. Tutti allo stadio per favore! e con la massima fiducia, la squadra deve sentirlo per dare il massimo

    • 18 Febbraio 2017 in 20:58
      Permalink

      se i giocatori la vedessero come molti qui scenderebbero in campo col morale a terra. I campionati poi si possono vincere o perdere anche all’ ultima partita mi ricodo l’inter che perse a Roma 4 a 2 consegnando lo scudetto alla juve arrivando poi terza. Era il 2002, l’anno del famoso pianto di Ronaldo a fine partita che molti ricorderanno

  • 18 Febbraio 2017 in 21:18
    Permalink

    Da un quotidiano di Venezia copio e incollo “Al 2′ rete annullata per fuorigioco a Ingegneri ma sulla stessa azione Arma è trattenuto per la maglia: l’arbitro lascia correre. Al quarto d’ora della ripresa, grossa occasione per il Venezia con Soligo ma, solo davanti al portiere, calcia fuori. A metà tempo altri due episodi dubbi nell’arco di pochi secondi in area del Venezia, con protagonista sempre Domizzi ma l’arbitro lascia proseguire”.
    Questo fa un quotidiano on line Nuova Venezia. Vi risparmio cosa dicono a Pordenone. Perinetti si è lamentato preventivamente degli arbitri. Nessun complotto. Solo che arbitri emergenti non se la sentono.
    Sia chiaro che posto questo solo perché i presunti critici “obiettivi” Han rivisto venti volte le immagini del rigore di Varate che a velocità normale pare fuori dai dubbi e che invece dopo averlo esaminato al microscopio gli ha dato dei dubbi.
    Gli episodi sono episodi ma quei critici severi si divertono in modo masochistico a soffrire.

  • 18 Febbraio 2017 in 22:21
    Permalink

    Se Tra 15 giorni saremo in testa state zitti almeno e non fatevi vedere in piazza nel caso in cui a fine stagione ci sia da festeggiare

    P.S. Concordo che i 5 punti persi con L’incolpevole Morrone sono quelli che pesano più di tutti

  • 18 Febbraio 2017 in 23:46
    Permalink

    interessante l intervista nel dopo partita vnezia pordenone il lovisa presidente pordenone senza mezzi termini dice perinetti impari a strare zitto che e’ 2 mesi che rompe le scatole per i rigori agli altri e oggi ce ne era uno grosso contro ..ecccc……finalmente un presediente cazzuto che le dice al venezia , forse a noi manca un lovisa
    va bene fare i superiori ma quando ce vo ce vo w lovisa e addirittura finisce dicendo il venezia non andra’ in B il favorito e’ il parma ….va bhe sara’ l aria del derby si vede che ha cambiato idea anche lovisa

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI