martedì, Maggio 28, 2024
NewsIn EvidenzaVideogallery Amatoriale

LA LUCE IN FONDO AL TUNNEL, di Luca Tegoni / Un Calaiò da bustina Panini…

gol scavone, foto Alessandro Filoramo Wire Studio(Luca Tegoni, foto di Alessandro Filoramo – Wire Studio – per www.parmacalcio1913.com, video dal canale ufficiale YouTube del Parma Calcio 1913) – Due o tre azioni, compresa quella del primo goal sono giocate talmente bene per qualità tecnica e fluidità di gioco che lasciano pensare ad una squadra troppo più forte delle altre. Così, probabilmente, la presunzione alimentata dal narcisismo scavone esultanza, foto alessandro filoramo wire studioci fanno dimenticare quella affermazione così importante, addirittura etica, “prima correre, poi giocare”, che aveva colto le difficoltà mentali della squadra la notte prima della rivoluzione. Il primo tempo è questo, gli altri corrono, sudano, ci attaccano, e noi ci specchiamo nel nostro mare di sporadica bellezza. Scavone è goffo, quanto lo fu un tempo Nunzella, si aggroviglia sull’attaccante del Pordenone e i due cadono in area del Parma. L’arbitro non tentenna e fischia il rigore. Magari non c’era nemmeno il rigore e San Giovanni quasi quasi fa vedere gli inganni…

sfortunata deviazione frattaliArma tira la palla con violenza, centralmente, sulla traversa mentre Frattali, senza capire la direzione del tiro si lancia verso la propria destra. La palla scende verso il campo con un angolo molto acuto e inciampa sulle terga del portiere che, senza volerlo, la fa rimpallare alle proprie spalle. Peccato. Loro pareggiano, forse gol scavone portiere impotente foto filoramo wire studioanche con merito. Pareggiano, con un rigore, il nostro goal iniziale, splendido. Baraye poco dopo la metà campo, scarta con agilità un paio di difensori e vede lontano sulla destra Nocciolini. Lancio un po’ alto, anche se preciso, Nocciolini stoppa la palla di petto, la addomestica di destro, guarda i compagni e mette la palla in mezzo dove arriva con tempismo e velocità Scavone che di testa salta e incoccia con potenza la palla alle spalle del portiere. Gran bel vantaggio.

esultanza al gol di misuracaIl Parma non attacca, corre poco e rimane fuori ritmo, così con i tempi asincroni, Saporetti sbaglia un intervento a centrocampo, il Pordenone inizia un’azione quasi di contropiede. Saporetti recupera e si va a posizionare  a metà area a protezione dell’area piccola. Dallo sviluppo dell’azione d’attacco arriva la palla dalle parti di Saporetti che interviene con buona prontezza, purtroppo però appare fuori equilibrio e quello che avrebbe dovuto essere un robusto rinvio diventa un flebile, involontario passaggio per l’abile Misuraca che con destrezza colpisce a giro e infila, da fuori area, la porta di Frattali sul suo palo sinistro. Pordenone in vantaggio. Direi, per la volontà espressa e l’organizzazione di gioco, meritato. Due a uno. Il secondo tempo si attacca verso la Nord.

panini-1989-90Poi, Baraye. Imprendibile. L’assedio come da anni non vedevo al Tardini. L’intensità, la voglia, la concentrazione, molto di quanto non c’è stato nel primo tempo, tranne la fiducia. Troppa nel primo tempo, coniugata all’elenco testé scritto nel secondo, ha creato le condizioni per vincere, alla fine. Ancor più bello ed esaltante. Poi, con quella bustina Panini che Calaiò ha regalato, quasi fosse un Rombo di Tuono, quell’immagine, icona, vera icona, del calcio lo stadio esplode, tutti fratelli, abbracciati in campo come in tribuna.

Yves Baraye foto alessandro filoramo wire studioIl secondo tempo non lascia dubbi, il Parma vuole recuperare la partita e vincerla. Tantissimi i palloni in area ma per posizione o per sfortuna i nostri non riescono a concretizzare. Il portiere del Pordenone è bravo in alcune occasioni, con Calaiò di testa e Scaglia da fuori e fortunato con Baraye che scheggia la traversa. Aumenta la tensione in campo e gli scontri e i falli si fanno più frequenti. Mazzocchi, che ha sostituito Saporetti, sulla destra spinge e salta l’uomo con continuità, come mai nelle partite precedenti. Palle in mezzo in quantità dicevo, quasi sempre ribattute o deviate e, purtroppo, sulla seconda occasione, su quella palla vagante in area o nei pressi arrivano sempre per primi quelli del Pordenone. gol munari foto alessandro filoramo wire studioPoi, occhi al tempo che fugge, arriviamo ormai allo scadere. Baraye recupera un pallone in area, sulla destra d’attacco, dribbla in uno spazio molto stretto due difensori e si allarga appena per trovare lo spazio per calciare in mezzo. Lo fa cadendo all’indietro, la parabola scavalca l’ammucchiata centrale e continua a rimanere alta. Alta dove solo uno alto come Munari può arrivare. Ha il tempo giusto, sovrasta gli avversari e la mette in porta da un metro. Pareggio.

rovesciata calaiò foto alessandro filoramo wire studioC’è ancora tempo per farne un altro. Lo stadio è un solo grido che incita la squadra, Parma! Parma! Parma! Ci procuriamo un altro calcio d’angolo e manca pochissimo alla fine. Venti giocatori in area, palla in mezzo, saltano tutti e un difensore del Pordenone allunga la traiettoria dove non doveva. Perché c’è Calaiò che non perdona, si alza e in torsione il suo piede sinistro impatta il pallone con violenza e la gioia dello stadio che rivela il goal sembra tenerlo sospeso ancora un momento per la foto del gesto immortale, come un rombo di tuono, paradigma del centravanti.

Festa al Tardini, cantando sotto la pioggia, tre a due per noi e avanti il prossimo. Luca Tegoni, foto di Alessandro Filoramo – Wire Studio – per www.parmacalcio1913.com, video dal canale ufficiale YouTube del Parma Calcio 1913

wire studio

Stadio Tardini

Stadio Tardini

4 pensieri riguardo “LA LUCE IN FONDO AL TUNNEL, di Luca Tegoni / Un Calaiò da bustina Panini…

  • Robin Hood

    giornata fantastica….grande Calajò……….

  • Mauro "morosky" Moroni

    Godurioso …!!

  • Altra battaglia vinta contro una squadra ke gioca al calcio eccome

    Grazie Crociati ieri mai domi avete onorato la maglia e il museo

    Poi alla rete del Palermitano una gioia e goduta immensa da bò

    Ne approfitto x ringraziare la società dell’Albinoleffe ke domenica

    Vuole riempire lo Stadio di Bergamo con dei prezzi popolari

    Complimenti così si fa x portare più tifosi negli Stadi Italiani

    FORZA PARMA al di la del risultato

  • D’Aversa idolo assurdo! Che carica sotto la Nord!

I commenti sono chiusi.