LEONARDI? ANGELLA E’ ANDATO A RIPRENDERSELO… DOMANI SERA (GIOVEDI) ALLE 20.45 L’EX PLENIPOTENZIARIO IN UN FACCIA A FACCIA SU 12 TELEDUCATO

leonardi-slide.jpg(Evaristo Cipriani) – Una breve news, diffusa in serata sul sito di 12 Teleducato, annunzia: “L’ex Ad del Parma Pietro Leonardi ospite a “Calcio&Calcio”. Edizione speciale del programma domani sera alle 20,45. Intervistato da Michele Angella. Saranno toccati tutti gli aspetti legati al fallimento del vecchio Parma calcio.” La trasmissione, secondo quanto abbiamo raccolto, è stata registrata nel pomeriggio di oggi negli studi reggiani di Corte Tegge, dove l’ex manager di Ghirardi sarebbe arrivato con un treno alta velocità da Roma, e subito ripartito verso la Capitale. Sempre secondo quanto abbiamo raccolto non ci sono stati toni da duello rusticano, così come ai bei tempi dell’Andiamocela a Riprendere, quando fioccavano le telefonate dell’allora AD quando si trovava (spesso) in disaccordo con la linea del programma. Un Leonardi, ci dicono, molto soft e senza quegli impeti di quando era Plenipotenziario. I contenuti? Per ora top secret, anche se pare che abbia un po’ corretto il tiro rispetto a quanto pubblicato pochi giorni fa da Repubblica laddove qualche inesattezza (vedi i presunti debiti ereditati dall’era Tanzi) avevano tolto credibilità ad altre denunce che potevano essere importanti (gli incontri con Tavecchio e Lotito che sapevano) o la support letter degli azionisti. Nelle ultime ore tutti i fantasmi del passato sono tornati a parlare (o a far scrivere i propri legali): incluso Taci che ha ammesso per la prima volta di aver comprato il Parma e subito dopo di averlo venduto a Manenti, senza servirsi, ora, dei vari paraventi di Kodra, Doca, etc. etc.: tutta questa improvvisa comune logorrea è forse l’anticipo di fatti prossimi ad accadere? Curiosità: all’uscita dagli studi di Corte Tegge, così come pochi giorni fa era toccato al suo ex braccio destro Antonello Preiti, anche Pietro Leonardi si è trovato nel parcheggio il videomaker Vanni Zagnoli… Evaristo Cipriani

Stadio Tardini

Stadio Tardini

33 pensieri riguardo “LEONARDI? ANGELLA E’ ANDATO A RIPRENDERSELO… DOMANI SERA (GIOVEDI) ALLE 20.45 L’EX PLENIPOTENZIARIO IN UN FACCIA A FACCIA SU 12 TELEDUCATO

  • 8 Febbraio 2017 in 19:47
    Permalink

    Incollato alla Tv domani! I miei complimenti ad Angella comunque…che colpo!!!!

  • 8 Febbraio 2017 in 21:01
    Permalink

    Io sinceramente di risentire tutti questi personaggi avrei fatto volentieri a meno. Non voglio sprecare neanche un secondo di tempo a pensare chi ha piu colpa o é piu responsabile. Questo é compito della magistratura…

  • 8 Febbraio 2017 in 22:07
    Permalink

    Mancava all appello il buon Manenti, e oggi ha lasciato la sua bella dichiarazione anche lui.. Come mai tutti si mettono a parlare adesso? Che brutte persone..

  • 8 Febbraio 2017 in 22:16
    Permalink

    Ma come mai adesso parlano tutti? Che paraculi…

  • 8 Febbraio 2017 in 23:08
    Permalink

    Non si prende più lo streaming di Teleducato?

  • 9 Febbraio 2017 in 00:18
    Permalink

    Va bene il giornalismo, ma questo è fare del male ai tifosi del Parma, c’è la rincorsa a questi personaggi, di balle ne abbiamo sentite troppe, ci hanno tolto la dignità e fa ancora troppo male.
    Per fortuna il nuovo Parma non si distrae da queste cose, c’è da pensare alla prossima gara e di riconquistarsi con i denti e l’orgoglio tutto quello che ci hanno sottratto.
    Altro tempo a questa gente non lo dedico, non se lo merita proprio.

  • 9 Febbraio 2017 in 09:07
    Permalink

    Cari lettori, in effetti mi sembra strano tutto questo insieme di interviste-dichiarazioni con effetto domino:
    è evidente che i nodi si stanno stringendo ed ognuna delle parti coinvolte cerca di dire la propria a sua discolpa.

    Così a spanne ( ma gli organi competenti, se faranno il loro corso nei giusti tempi, troveranno colpe e colpevoli ) mi sembrerebbe che le azioni di Manenti ( ultimo attore ) e Taci siano state ininfluenti al crack-dissesto finanziario: quindi, andando per esclusione ( visto che io e il Gallo eravamo a giocare a briscola, Cassano se n’era già andato, Paletta e Parolo pure ) ..mi pare che non restino che loro due , i quali “sembra abbiano fatto il bello ed il cattivo tempo” quando c’erano ed ora ( come in tutti i processi ) tutti si autoescludono addossando le colpe a qualcun altro:
    come sempre, la colpa an la vol mei nisson!!
    200 ? 300 ?? milioni di buco ??
    da qualche parte quei soldi saranno andati o no ?

    ragazzi basta ..non prendiamoci, anzi, non prendeteci per i fondelli ( culo )..
    qualcosa credo che sia successo , mi sembra palese: quindi, quel qualcosa ha una ( o due ) paternità ( con la benevolente occhiata di sindaci, amministratori, revisori ecc ecc )
    ..
    ora se la vogliono tirare alla lunga per fare decorrere i termini o per far scattare qualche cavillo legale di una burocrazia ( che fa acqua da tutte le parti ) prettamente italiana ( dove i reati li pagano solo i colleoni ) facciano pure..
    poi alla fine i buoni ( colleoni ) si stancano e ..non so poi che succede !!
    ..
    provate a chiedere a qualche fornitore, a qualche azienda che è rimasta coinvolta e non vedrà mai + i propri soldi ..!!

    provate a sentire costoro !!

    a me della giustizia sportiva ( che non ti consente + di eservitare attività o funzioni nell’ambito calcio ) non me ne frega un belino !

    punto !

    mauro moroni morosky

  • 9 Febbraio 2017 in 10:05
    Permalink

    Ma anche Angella perchè deve andare a cercare chi ci ha infangati e umiliati, per farsi raccontare cosa ???’
    Basta facciamo vedere le immagini di ERNESTO CERESINI ai bambini nelle scuole, non quelle di questi personaggi….VERGOGNA!!!

  • 9 Febbraio 2017 in 10:13
    Permalink

    Quoto totalmente. Si fanno sentire solo perché hanno paura della galera…tanto non la faranno mai, perché siamo nell’Italietta garantista con i potenti e giustizialista con i poveracci…

  • 9 Febbraio 2017 in 10:19
    Permalink

    Certo che la scena di Manenti ( rivista ieri sera in Tv ) a piedi in Via della Repubblica e poi sotto i Portici del Grano, con il gran codazzo di giornalisti -& fotografi – ecc ecc , sia di Parma che di altre testate giornalistiche ( Saverio Montingelli ) ..

    ( Direttore c’eri pure tu con la tua inseparabile e magica mini macchina fotografica, la vera inseparabile appendice della tua mano destra )

    è rimasta nel mio ricordo di come , il primo che passa per la strada, e che può scatenare audience per qualsiasi voglia motivo…
    vien seguito, osannato, reclamato dagli addetti ai lavori come se fosse un capo di stato, il papa o chissà quale famoso personaggio che ci illumina ( con le sue….zate )
    mi fa sbudellare dal ridere …

    manenti chi ???

    masticatore di chewingum nell’intervista farsa con il sosia di Marty Feldman !!
    mo che lavorrrr !!

    • 10 Febbraio 2017 in 09:32
      Permalink

      Be insomma osannato…..manenti quel giorno se non il linciaggio ha comunque schivato per un pelo una mano
      di bianco…ator che osannato

  • 9 Febbraio 2017 in 10:41
    Permalink

    Sono d’accordo con Moontalk

    Sarebbe meglio che Angella per fare audience intervistasse una persona positiva per la nostra squadra

    Soprattutto in questo momento che tutti hanno bisogno di un iniezione di fiducia dopo quegli anni d m….a che ci hanno fatto passare.

    Angella Voto 0

  • 9 Febbraio 2017 in 10:54
    Permalink

    Angella delude sempre più..
    Han fatto bene a divulgare a registrazione avvenuta altrimenti lo si andava a prendere a calci in culo

  • 9 Febbraio 2017 in 11:10
    Permalink

    mah, non capisco. I giornalisti per il loro lavoro intervistano. Hanno intervistato il re del narcotraffico in sudamerica, hanno intervistato i brigatisti, hanno intervistao il “mostro” del Circeo e potrei continuare, Non è solo audience che se c’è vuole anche dire che interessa se no non ci sarebbe audience. è che per il loro lavoro tendono a far sentire se possibile anche le altre campane solo i giornalisti possono riuscire a far parlare anche i personaggi scomodi ma spesso fondamentali per capire tutto, Capisco che ai più non è gradito questo anche perchè piace più sentire solo quello che piace. In questo caso anche io non vorrei più vedere Leonardi, direi basta così abbiamo già dato però sono anche curioso di sentire quello che cavolo dirà. Non è che intervistandolo Angella lo santifica, lo intervista e basta. Se devo essere sincero anche a me piacerebbe fargli un paio di domandine a sto qua dopo tutto quello che è successo quando era l’AD, cioè il massimo responsabile della gestione.

    • 9 Febbraio 2017 in 14:25
      Permalink

      Ben detto, tra l altro Angella sta solo facendo il suo lavoro secondo me…e mi vien da ridere a leggere che puo far del male o portare addirittura negatività sta cosa! ahahah Nessuno è obbligato guardare Calcio & Calcio stasera! http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_good.gif

  • 9 Febbraio 2017 in 14:30
    Permalink

    Vi lamentate tanto, ma so già che stasera sarete lì, davanti alla tivù, a guardare l’intervista di Angella a Leonardi. Non è così? http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_cool.gif

  • 9 Febbraio 2017 in 17:48
    Permalink

    Scusate ma Bar Sport che trasmissione è?

    Solo per casalinghe e pensionati…

    Suvvia….a Parma solo informazione da camera…..

  • 9 Febbraio 2017 in 18:19
    Permalink

    Un giornalista se ha l’occasione è giusto che intervisti anche Al-Baghdadi.
    in questo caso per il giornalista è facile attrarre critiche poiché a livello locale, a parte il rischio corso di veder sparire un patrimonio di coesione ed identità cittadina, ci sono persone che hanno chiuso attività o hanno lavorato gratis per molto tempo a causa della gestione predente del Parma. In un momento dove tutti i protagonisti di quel fatto fanno a gara a discolparsi tramite comunicati o interviste esiste il rischio che da parte della popolazione, ancora irritata, il tutto venga visto come la concessione gratis di un megafono a Leonardi per difendersi pubblicamente.
    Quando ci saranno sentenze e tutto potrà essere chiaro a tutti nei dettagli, quando sarà evidente alla popolazione come si sono accumulati quei debiti per davvero, quando qualcuno di esterno ai protagonisti ce lo spiegherà finalmente capiremo le responsabilità di ognuno nei particolari.
    Per ora so solo che la squadra aveva accumulato debiti enormi, so che (probabilmente) incautamente è stata ceduta a persone che non se ne sono occupate, hanno trascinato l’agonia e ci hanno umiliato.
    Per ora so che qualsiasi cosa queste persone abbiano fatto, i parmigiani hanno reagito, il Parma è vivo grazie ad una proprietà parmigiana ed ai suoi tifosi.
    Noi non ci nascondiamo quando andiamo per strada, Ghirardi e compagnia bella non lo so.

  • 9 Febbraio 2017 in 23:05
    Permalink

    Ho guardato l intervista e devo dire che l idea che mi ero fatto forse era esagerata. Mi ha dato l impressione di essere una persona svuotata e realmente dispiaciuta x quanto successo.sicuramente non è stato l unico artefice della catastrofe, ma x ora l unico a pagare!
    L unica cosa che spero è che si faccia chiarezza una volta per tutte,e chi deve pagare paghi.

    • 10 Febbraio 2017 in 09:28
      Permalink

      idem anche per me.
      errori ne sono stati fatti, e chi doveva vigilare e ripianare non l’ha fatto.
      per farci una idea attendiamo proseguo iter giudiziario.
      chi ha sbagliato ed ha mandato famiglie alla rovina, paghi!

    • 10 Febbraio 2017 in 17:10
      Permalink

      Leonardi ha raggiunto il suo scopo, far bere le sue balle al pubblico.
      Sicuramente qualche ragione qua e là ce l’avrà anche lui, ma era l’AD di un’azienda che è fallita non dall’oggi al domani (come un’azienda manifatturiera che perde i clienti più grossi o alla quale brucia il capannono) ma piano piano negli anni.
      Ricordiamoci, ad esempio, quanto costava il servizio di cambio lenzuola a collecchio (25.000 euro al mese per decine di mesi, parola dell’avvocato Giordano). Chi prendeva quei soldi? Quante incongruenze come questa c’erano? Dove finivano i soldi?

  • 10 Febbraio 2017 in 10:00
    Permalink

    Poche balle ragazzi, l’intervista l’ho seguita pure io:
    gli interessati possono dichiarare ciò che vogliono, e ciò ch fa loro comodo ..!!

    C’era un proprietario-padre-padrone-presidente , c’era un amministratore delegato con pieni poteri decisionali ( firme, contratti, trattative ecc ecc ) e, soprattutto c’era un consiglio amministrativo, c’erano dei revisori dei conti, un collegio sindacale per tutelare e vigilare su bilanci, faccende amministrative e quant’altro:
    il responsabile amministrativo, l’impiegato addetto alla contabilità e/o chiunque graviti nell’area amministrativa….
    non si dovevano allertare ?
    aprire ulteriormente occhi e orecchie ?
    dai la..
    su dai ..
    per favore …non prendiamoci per il ..gambetto del prosciutto

  • 10 Febbraio 2017 in 11:40
    Permalink

    Infatti il gambetto è buono ma costa meno del prosciutto

    Stì esseri NON sono ne mortadella ne cicciolatahahahah

  • 10 Febbraio 2017 in 13:00
    Permalink

    Appunto Morosky…proprio per quello non credo che le colpe siano tutte di Leonardi, ma da suddividere equamente.
    Per ora l’unico a pagare è stato lui però. Attendiamo fiduciosi, ricordando che il paese in cui viviamo si chiama Italia.

  • 10 Febbraio 2017 in 15:25
    Permalink

    Simone T Ci vuole tutta a difendere Leonardi …

    Ma che è ?

    Allora Difendiamo Tanzi !!
    Ghirardi
    Taci
    Manenti
    e il magiko trio che ci ha appena lasciato…

    • 11 Febbraio 2017 in 10:51
      Permalink

      Per Tanzi il discorso é un po’ diverso.

      Per quello che ha fatto ha pagato e sta pagando comunque in prima persone lui e tutta la sua famiglia, a ognuno di loro é cambiata la vita e i loro patrimoni più o meno… (e comunque “il tesoro di Calisto siamo NOI”…)

      Il Ciccio ci ha fatto fallire perché la MAMMONA non ci ha voluto mettere i soldi che era in dovere di mettere ( e che forse aveva anche sottoscritto nella famosa lettera di Leonardi)

      E si gode i suoi milioni per i cazzi suoi e alla faccia nostra.

      Per il resto sono d’accordo con te.

  • 10 Febbraio 2017 in 16:15
    Permalink

    La cosa peggiore è però dare la colpa al c.d. sistema. Questo è quello che i miserabili attori di questa squallida vicenda vorrebbero. Che la colpa sia di tutti, ovvero del “sistema” perchè alla fine non sia di nessuno. Il problema è che la macchina della giustizia è partita malissimo già prima del fallimento (vicenda sospensione vertici della finanza, etc.) e continuata peggio, il tutto a vantaggio di questi personaggi da avanspettacolo anni 70. Basti pensare alla scena del pigoramento dei comodini, water e bidet dalla casa dell’ “industriale” (?????) bresciano. Ad oggi l’impressione è cmq che non tutto quello che si poteva/doveva fare sia stato fatto per dare un pò di giustizia e la sicumera di certi avvocati difensori lo dimostra.

  • 10 Febbraio 2017 in 17:51
    Permalink

    C’è modo di rivedere la trasmissione in streaming?

  • 10 Febbraio 2017 in 21:14
    Permalink

    LucaB. Dove hai letto che ho difeso Leonardi? Ho detto che fino ad ora è stato l unico a pagare, come se le volte fossero tutte sue.sicuramente ha le sue responsabilità, ma non è l unico artefice del fallimento.poi se lo metti allo stesso livello dei Manenti e dei Ghirardi allora inutile discutere..

  • 10 Febbraio 2017 in 21:54
    Permalink

    Si Simone per me sono tutti uguali. Quando le cose vanno bene il merito è di tutti e quando vanno male la colpa è di tutti

  • 11 Febbraio 2017 in 01:07
    Permalink

    Acqua passata non macina più,le fietrologia non fa per me,certo a uno che prende la naspi ,gli può fregare di meno

  • 11 Febbraio 2017 in 01:11
    Permalink

    Se io voglio vedere la coerenza,e l’uomo tutto d un pezzo,ormai,devo andare al museo del Parma,e guardare la foto di cetesini,quella di angella e stata una commedia tiusita male,che non fa nemmeno tanto ridete

  • 11 Febbraio 2017 in 11:52
    Permalink

    Non mi fa pena neanche un po. Le solite balle raccontate già allora, niente di nuovo. Vergognoso

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI