Parmaland 1913 di Mauro “Morosky” Moroni / Avanti marsc’: 3 passi avanti… Dai c’andomm…

copertina parmalandmauro moroni morosky ritratto autore(Mauro “Morosky” Moroni) – Settima vittoria targata “Team D’Aversa-Faggiano per proseguire nella loro serie positiva iniziata con l’avvento alla 17^ giornata di campionato: Parma al cospetto di un’Albinoleffe aggressiva e corsaiola che ha messo in difficoltà i Crociati senza però impensierire troppo il portiere Frattali: la partita si è sbloccata con un calcio di rigore (a mio avviso concesso con  buona magnanimità dal direttore di gara) alla fine del primo tempo, ma, visto che l’imperativo era vincere e continuare la rincorsa ai nero verdi veneziani, non guardiamo troppo per il sottile e prendiamoci i 3 punti di giornata: missione compiuta. Mi piace ! Come sempre bandisco le parole atteggiamento e approccio per dire che la gara non mi è piaciuta gran ché ma, non perché i nostri non si siano impegnati o non abbiano giocato come di solito: diciamo che certe volte non sempre riesci nell’intento di condurre tu la partita ma, spesso la subisci, vuoi per l’avversario, vuoi per la giornata così così di qualche elemento, vuoi per la maggior aggressività di chi, molto inferiore tecnicamente, cerca di soffocarti pressandoti alto senza lasciarti troppo il pallino del gioco (vedi ingabbiamento di Scozzarella molto circoscritto dal loro “senza codino” Giorgione).

Albinoleffe Parma tutto sotto la curvaImmagino che, di gare come questa ne verranno altre (soprattutto in casa) al cospetto di squadre di medio-bassa classifica: il punto focale starà nel trovare il sistema per scardinare le difese chiuse e ben protette da centrocampisti in ripiego (tutti dietro la linea della palla) ma, soprattutto il sapere usare la stessa intensità fisica, un pizzico di velocità di manovra in più giusto per abbattere la fisicità degli avversari e non conceder loro, tramite la sola corsa, di ridurre il divario tecnico esistente.

La prestazione

Frattali: buona prestazione, uscite sicure, due parate importanti, raccolgo l’appello di parte dei tifosi (molto esigenti) che consiglia di portarlo a fare la convergenza al piede dx.

Iacoponi: un solo errore  che non macchia una buona prestazione difensiva, positivo

Di Cesare: ottimo esordio (seppur senza avversari temibilissimi) del Bucaniere a fianco dell’ “inossidabile”, per la serie  “vecchi marpioni” dell’area di rigore comandano loro!

Lucarelli: vedi sopra, la solita sapiente regia difensiva, di mestiere, condita dal lancio sinistro-comandato per l’azione chiave di Baraye al 46° !!!

Scaglia: meno brillante e propulsivo rispetto alla gara precedente, gara di contenimento

Munari: se troverà la condizione fisica ottimale (non sarà mai un centometrista) la sua fisicità darà un importantissimo contributo per esperienza, solidità e fase contraerea

Scozzarella: meno lucido e operativo del solito, a lungo ingabbiato a uomo. Giocatore però sempre importante oggi e… per il futuro

Corapi: senza valutazione i pochi minuti a Bergamo, ma ottimo come rendimento per il campionato disputato fino ad ora

Scavone: 20 minuti poi l’infortunio, auguri a Manuel sperando non sia niente di grave

Giorgino: codino c’è sempre e si sente la sua intelligenza tattica, corre, contrasta, copre e riparte, a tutto campo: la classe operaia del calcio ha in lui il prototipo del calciatore moderno

Nocciolini: meno dinamico del solito, forse un po’ appannato , ciò nonostante ricordo un bel colpo di testa e un tiro mancino che meritavano migliori fortune 

Mazzocchi: spezzone di gara in fase di contenimento

Calaio’: un paio di aperture no look da destra a sinistra, tanta corsa in fase difensiva e il “solito” (terzo) rigorino palla qui portiere di là

Baraye: come sopra, buona fase di non possesso; crea 3 azioni gol: nella prima si fa anticipare al momento del tiro, con la seconda si libera e calcia alto, nella terza, dritto per dritto punta l’uomo in area e… arriva il rigore ( che c’è quando arbitro fischia !!! )

D’Aversa: non mi piace mai elogiare troppo gli allenatori ma devo spassionatamente  affermare che, complessivamente, dal suo avvento, sono cambiate – in meglio – parecchie cose: sono stati rivitalizzati giocatori che parevano spenti, è aumentato il ritmo partita, l’intensità delle giocate, la qualità delle medesime e, finalmente, siamo tornati a vedere calcio: calcio giocato, manovrato, pulito come spesso lo chiama lui, palla pulita!!!

meduse senza cervelloTutto quanto sopra, con una buona organizzazione di gioco, con innesti di qualità e categoria superiore, con lo “sfoltimento” di giocatori (anche qualche sacrificio doloroso) in esubero e con i risultati del campo che parlano chiaro (7 vittorie 7 e solo due pareggi) ha riportato sorrisi, buonumore e grande entusiasmo in tutte le componenti interessate verso la rincorsa al sogno: compiere l’impresa double che la società, la squadra ed i tifosi meritano, ma, ci sono pure gli avversari, forti, importanti anche se un po’ “chiacchieroni timorosi ed impauriti” viste le loro continue dichiarazioni stampa inerenti gli affari crociati: a partire dalla campagna acquisti invernale ritenuta sontuosa (Inzaghi – Perinetti – Tacopina) per arrivare alle dichiarazioni relative ai rigori ricevuti a favore (Perinetti): tutto questo fa parte del solito gioco delle parti tramite il quale, si lanciano sui media parole tendenti solamente a “pararsi le chiappe” nei confronti dei propri tifosi andando pure a cercare di effettuare “terrorismo giornalistico” di bassa ed infima lega.

 Top 3  Nei parametri della mia ottica personale, seppur nell’ambito di una gara non particolarmente interessante,  cito in ordine: Giorgino, Baraye e Calaiò.

La classifica Considerato che manca la sola gara Teramo-Pordenone (che verrà recuperata mercoledì 22 p.v), domenica prossima con lo scontro diretto Venezia-Pordenone si potrebbero delineare nuovi scenari anche per il Parma: in caso di vittoria dei padroni di casa verrebbero quasi sicuramente tagliati fuori per il primo posto i friulani mentre, al contrario, in caso di vittoria dei ramarri pordenonesi, si rimescolerebbero ancora le carte per tutti: chissà, magari, alla luce di quanto sopra, dopo aver battuto la Sambenedettese al Tardini potremmo fare due conti migliori.

La prossima gara: Stadio E. Tardini – domenica 19/02 ore 14,30

                                   punti   partite    vinte     nulle     perse    gol ft    gol sub  diff reti

SAMBENEDETTESE 38 25 10 8 7 32 27 5
1 0 1 0 0 1 3 3 0  

(questo il cammino nelle ultime nove gare di campionato da parte dei marchigiani)

Probabile formazione

 schema formazione

IMG-20170123-WA0010Al “canton pramszan”con Davide al “veneszian”: movite monaaaa !!!

Sit stè a Bergamo ? Mi no, iò guardè la partita a cà sul divan e ti ? Mi son andà in montagna !

Alora a t arè fate el balotedi ! Mo la neva gh erla ? G avemo fatto na gran magnada ..alora as vedema domenica dop mesd’ al tardini, vena bonora ca bbema na sgnappa al Petitot.

Va ben mona at salut.

Dai Campett ed Via Szarott,

cmè sempar, av salut bomben,

Mauro “morosky” Moroni .

 

Stadio Tardini

Stadio Tardini

29 pensieri riguardo “Parmaland 1913 di Mauro “Morosky” Moroni / Avanti marsc’: 3 passi avanti… Dai c’andomm…

  • 15 Febbraio 2017 in 07:12
    Permalink

    Complimenti Mauro ….. bel articolo
    ” Più chiaro che aqua “

  • 15 Febbraio 2017 in 09:04
    Permalink

    Per D’Aversa aggiungo solo che, oltre ad avere tanti meriti, quello principale a mio parere è quello di far giocare finalmente i giocatori nei loro ruoli naturali…non è una roba complicatissima, ma evidentemente non tutti arrivano a fare ciò preferendo andare a cercare il freddo per il letto..Meno male che è arrivato il mister!

  • 15 Febbraio 2017 in 09:43
    Permalink

    Non mi pare che Scaglia sia un terzino sinistro e Mazzocchi un terzino destro.
    Non mi pare che Nocciolini e Baraye siano delle ali.
    L’indubbia bravura di D’Aversa non penso risieda esattamente nell’utilizzo dei calciatori nel loro ruolo naturale
    http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_bye.gif
    Alessio

  • 15 Febbraio 2017 in 10:40
    Permalink

    Certo ce ne saranno molte altre di partite cosi, speriamo con lo stesso epilogo.
    Ho letto qua e la di troppi errori, persino di partita fortunata (mentre il venezia domina) ma la migliore è proprio la lametela sui rinvii del portiere. Qua occorre un portiere esperto, forte tra i pali e bravo coi piedi .. la champions c’era ieri sera, ha vinto il psg contro il barcellona 4-0
    A bergamo 6/11 erano giocatori arrivati durante il mercato di gennaio, qualcuno all’ultimo, per essere al 15 febbraio direi che le risposte sono buone e si può continuare a lavorare con grande motivazione perchè non era facile fare 6 punti con pordenone e albonoleffe.
    Ricordo infine ai gufi e agli incontentabili che ci sono pur sempre i play-off, difficili da affrontare per noi ma pure per quelli che dovessero pescare il parma

  • 15 Febbraio 2017 in 11:44
    Permalink

    Grande Gabriele, sono completamente daccordo con te, qui è pieno di incontentabili (gufi)

  • 15 Febbraio 2017 in 11:44
    Permalink

    Alessio, Scaglia può ricoprire enne ruoli, quindi ovunque lo metti puoi dire che non è il suo ruolo.
    Nocciolini giocava terzino e ora gioca ala, con i risulati che sono sotto gli occhi di tutti.
    Baraye giocava centro panchina o dietro le punte e ora gioca in un ruolo che lui stesso non ha nascosto piacergli molto. Tu mi dirai che l’anno scorso giocava prima punta, ma correggimi se sbaglio, è stato il primo anno che ha giocato in quel ruolo, ed è talmente forte che può ricoprire anch’egli qualsiasi ruolo del reparto offensivo.
    Mazzocchi si è vero, è un’ala, e ha fatto il terzino per necessità, ma se consideri che prima non era assolutamente capace di difendere e ora ha imparato a fare anche quello, che dire… altra nota di merito di mister D’Aversa.
    Poi adesso che comunque è arrivato Iacopone dubito giocherà ancora terzino. Certo, in caso di bisogno lo farà, ma sicuramente ora farà l’ala che è quello che gli riesce meglio (vedi la partita col Pordenone).

  • 15 Febbraio 2017 in 11:47
    Permalink

    Etor ke dai c’andomm dai là do vòtt andèr in pilotà dai mandarè

    Nuetor bagolò vuetor nisò va via là piasà prampolè

    FORZA PARMA

  • 15 Febbraio 2017 in 12:40
    Permalink

    L unico che mi delude un po è Iacoponi che mi sembra davvero troppo statico e al contrario di quanto da lui detto poco propenso alla fase offensiva!!!

  • 15 Febbraio 2017 in 14:11
    Permalink

    che siamo contenti anzi contentissimi dei 3 punti a partita che stiamo portando a casa è fuori discussione!!! Ma dire che adesso ci sono trame di gioco addirittura belle, che ci sia come dice Moroni calcio giocato manovrato pulito mi lascia abbastanza se non molto perplesso. La partita con la Reggiana resta per ora l’unica degna di nota e non solo per il risultato. Abbiamo sempre subito il gioco degli avversari, non ci siamo mai imposti, il centroampo è peggiorato, talenti sulla carta ne abbiamo presi tanto da cambiare tutta la squadra quella che però ci piaccia o no ci ha portato fino a qui. Dico sulla carta perchè la differenza non si è ancora vista. Spero che D’aversa ne venga a capo ed in fretta.
    Calaiò e Baraye e Mazzocchi non li scopriamo ora e nemmeno d’aversa o faggiano li avevamo già e specie Calajò ci aveva già portato importanti punti. Non so se è rinato a me pare lo stesso. Uno di categoria superiore. Se andate a rivedere la partita con l’albinoleffe o quella col pordenone e se le guardiamo freddamente io di gioco non ne vedo. Abbiamo sofferto da cani, col pordenone solo 2 miracoli e uno più grosso dell’altro ci hanno dato i 3 punti, con l’albinoleffe ci siamo rintanati e siamo finiti a spazzare via la palla, Cambi di modulo poi non ne ho proprio visti, solo corse spasmodiche e sicuramente generose di tutti a liberare per non farci fare gol. Allora questo MI VA BENE perchè ci porta punti , ma dire che adesso giochiamo beh.. mi sembra troppo. Speriamo di farlo ed alla svelta.

  • 15 Febbraio 2017 in 14:16
    Permalink

    Ve la faccio breve. Rigore. TV Parma plebiscito “rigore netto”, Tele Ducato “rigore non c’era ” ma comunque tema del giorno.
    Io credo fosse rigore tanto quanto quello fischiato contro col Pordenone. Molto meno discusso.
    Gioco. Con sei NuoviNuovo elementi da inserire gli automatismi latitano e si è privilegiata la fase difensiva. Le fondamenta.
    Per costruire (fase di gioco senza la coperta corta ovverosia sganciato i terzini ed attacchiamo in otto) è meglio che prima le fondamenta siano molto solide altrimenti è meglio una vittoria risicata di uno splendido pareggio.

  • 15 Febbraio 2017 in 14:32
    Permalink

    Non credo fosse riferita a me ma, nel caso, sottolineo ciò che ho scritto ( ultima parte in corsivo…ironico )

    Frattali: buona prestazione, uscite sicure, due parate importanti, raccolgo l’appello di parte dei tifosi (molto esigenti) che consiglia

    di portarlo a fare la convergenza al piede dx.

  • 15 Febbraio 2017 in 14:35
    Permalink

    Secondo me iacoponi ha ricevuto ordini di non sganciarsi troppo per non sbilanciare la squadra visto che dalla parte sx Scaglia fa spesso su e giu ( è risaputo che, in fase difensiva, quando si sgancia il terzino, gli altri tre della difesa a 4 si >>> spostano da quella parte posizionandosi a tre fino al momento del recupero campo e posizione da parte dell’incursore )

  • 15 Febbraio 2017 in 14:50
    Permalink

    Allora io credo che il crocevia della stagione non sarà domenica ma sarà nelle due settimane che si giocherà PADOVA – PARMA e PADOVA – VENEZIA. Ecco secondo me l’unico campo dove veramente potremo perdere sarà proprio PADOVA. Non so a quanti punti arriveremo a Padova dietro al VENEZIA ma credo che quella partita varrà una stagione….. Domenica secondo me saremo ancora a -3, il VENEZIA col PORDENONE vincerà….sarà piu’ facile che il VENEZIA perda punti a SANBENEDETTO se noi battiamo la SAMBENEDETTESE……. Comunque è dura e se ci riusciremo sarà stato fatto un mezzo miracolo…..

  • 15 Febbraio 2017 in 14:53
    Permalink

    Scadagnuno può dire la propria, come sempre:

    circa il rigore a favore del Pordenone IO personalmente non ho scritto nulla in proposito giusto perchè era sacrosanto e marcio:
    attaccante furbo, questo si, che arresta di colpo la propria corsa in avanti e viene letteralmente travolto e montato da Scavone ..da tergo ( meglio che dire dal di dietro che..poi ..chissà cosa vanno a pensare !! )

    dopo aver rivisto parecchie volte l’azione di Baraye dico che, pur avendo fatto passare la palla oltre il difensore ( il quale era a gambe aperte e nell’impossibilità di eclissarsi smaterializzandosi )
    subito dopo gli è rovinosamente franato addosso ( pure lui furbescamente andando con la sua gamba destra dentro le gambe dell avversario …il quale e’ RIMASTO IMMOBILE )
    ..
    io, visto che mi sono lamentato del gol regolare non concessoci a Santarcangelo ( SCRIVENDOLO ) mi sento anche in dovere, visto che scrivo, DI ESSERE INTELLETTUALEMNTE ONESTO e dire le cose come stanno…ragione o torto, a favore o contro ..

    mi pare pure che i giornalisti della Gazza ( Piovani e Pacciani )
    abbiano detto le medesime cose relative ad una concessione dubbia e generosa : in modo soft ma il significato era quello !

    tengo a precisare che io tengo il Parma e, se accetto le decisioni a sfavore, ovviamente, mi prendo anche quelle a ns beneficio …ma questo non toglie che non si possa dire ..e scrivere …la verità vista, oltre che in campo, tv …pure dalle varie moviolate a seguire…
    PUNTO

    spero ne diano uno al Pordenone pure sabato prossimo ( a favore chiaramente…così Perinetti piscia per aria )

  • 15 Febbraio 2017 in 15:12
    Permalink

    a proposito di rigori ..

    La categoria degli arbitri dovrebbe provvedere a iniziare a fischiare i rigori pure quando ( in occasione di punizioni o corner ) i difensori si aggrappano alle mani, alle braccia, alle magliette, al collo ed al corpo degli attaccanti, trattenendoli vistosamente, sotterrandoli, impedendo loro di correre, scattare, muoversi, saltare in elevazione a causa e per effetto di queste ripetute, non fischiate, azioni visibilmente fallose a danno di coloro che sono dentro l’area :
    questo dovrebbe valere per tutti, i nostri ( Scavone vs Marchi con la Reggiana è un classico ripetuto almeno 3/4 volte nel secondo tempo ) e pure per gli altri: qui mi si dirà, mah, falli di quel genere ce ne sono decine ogni partita, ad ogni corner o punizione, è tutto un tirare, abbracciare, seppellire, montare, spingere, trattenere.
    Comincino a fischiare rigore ogni volta..vediamo chi si stanca prima ?
    il regolamento, quando le squadre italiane giocano in coppa, salta subito fuori , questo al cospetto di arbitri europei che non guardano in faccia nessuno, nè il nome nè il blasone delle squadre ma, giustamente applicano le regole, per tutti, anche se , ai nostri difensori, sembrano crimini di guerra incoffessabili ( vedasi Chiellini con tro Ronaldo o Cavani …negli anni scorsi )

  • 15 Febbraio 2017 in 15:56
    Permalink

    il rigore quando è a ns favore c’è se è contro di noi non c’è. Funziona così in tutte le tifoserie. Il difensore era lì piazzato baraye gli è andato addosso. Doveva spostarsi per farlo passare? insomma dai ce l’hanno dato, lo hanno dato in situazioni simili altre volte in altre partite con altre squadre e ce lo teniamo. Però un minimo di freddezza nel giudicare ci vorrebbe. La partita la fanno sempre gli altri. Il centrocampo non imposta partiamo sempre dai centrali di difesa ancora lanci lunghi non tiriamo in porta e ce ne sono di cose ancora da fare ma se portiamo a casa i punti siamo supercontenti. ora interessa SOLO VINCERE non importa come mancano poche partite e va bene così O dobbiamo dire sempre che va tutto bene che siamo bellissimi ecc se no si fa peccato?

  • 15 Febbraio 2017 in 16:19
    Permalink

    Secondo me il difensore non doveva “smaterializzarsi”, doveva arrivare sul pallone prima di Baraye che è stato bravo, o fortunato, a cambiare direzione dopo lo stop e quindi a coglierlo fuori equilibrio. E’ rigore perchè Baraye è arrivato prima e il difensore, che non era fermo ma in movimento, non lo ha fatto passare.

  • 15 Febbraio 2017 in 16:41
    Permalink

    Ma io, infatti, ho scritto che la partita è stata così così per tanti motivi …( non mi è piaciuta ) ma i 3 punti e la vittoria ( oltre che il ruolino nove gare 23 punti su 27 ) sanano sempre tutto…

    questo per la partita singola di domenica !

    per il filotto di gare dal dopo D’Aversa ( fino al 30 dicembre coi giocatori precedenti , da non dimenticare prestazioni, gioco e punti fatti ) mi pare che le cose di cui sopra siano cambiate, e parecchio, rispetto a prima..

    non mi lamentavo nella gestione precedente e non faccio salti di gioia ora ! ciò che conta è sempre e solo la classifica ( visto che l’imperativo è vincere il campionato ) coi suoi numeri che parlano chiaro:
    il gioco, se piacevole, fa gustare tutto l’insieme, ma se, a volte, anche per effetto degli avversari ( bravi o scarsi che siano ), si vedono prestazioni + opache e meno scintillanti ..ci può stare…

    Secondo me dal punto di vista prestazioni, gioco e punti sono stati fatti molti passi avanti: io credo che ..quando lo staff tecnico riuscirà a lavorare con calma, razionalità, mercato impostato ed effettuato in toto ( e non rilevato da precedenti gestioni ) e senza l’assillo di vincere a tutti i costi il campionato di turno, a mio avviso vedremo cose migliori, pianificazione, crescita giovani, progetti a medio lungo termine ( 4/5 anni ) cioè tutto il contrario di quello fatto dalla nascita, luglio 2015, in avanti con l’unico diktat …VINCERE SERIE D e , subito dopo, VINCERE LEGA PRO …con tutto ciò che è successo nel bel mezzo del campionato in corso.

    Senza tirare in ballo chi c’era e non c’è +, senza tirare in ballo scelte, errori e persone, una volta assestato campionato in corso e nuova squadra per il prossimo ( potrebbe essere ancora in Lega Pro ma potrebbe essere pure in serie B ) io credo che la società, con il suo staff, avendo pure due anni in + di gavetta ed esperienza e, circondandosi di nuovi o attuali professionisti, andrà ad impostare un vero progetto-programma per vedere cosa fare da grandi !!

    Questo è quanto penso !
    Gravitare in serie B o in serie A credo che comporti importanti e notevoli differenze ECONOMICHE, TECNICHE, STRUTTURALI ..
    anche in base al tipo di obiettivi che ci si andrà a porre.

    Per ora vinciamone ancora 11 o 12 ( ne mancano 13 ) poi vedreno cosa faranno gli altri: i conti del latte si fanno a maggio ….ma forse pure prima !!!!!

  • 15 Febbraio 2017 in 17:04
    Permalink

    Torno sul rigore e poi non vorrei parlarne + :

    quando ne fischieranno contro uno similare voglio vedere cosa verrà detto e scritto …

    p.s: come scrivevo sopra, ognuno la vede a modo proprio e, come sempre, non ha senso, ora, andare a rivedere interminabili moviole rallentate al millesimo di secondo: l’arbitro mi pare che non fosse lontano, ha fischiato l’azione in velocità e non ha avuto la facoltà di aspettare la moviola per giudicare quindi..se ha visto così ben venga…
    io vi dico che se una roba del genere la subisse Lucarelli protesta per un quarto d’ora e viene convocato pure l’assistente di linea ( 4 occhi sono meglio di 2 ) per confutare !

    Un paio d’anni fa Rizzoli ( se non erro ) nella gara Roma Sassuolo , dapprima concesse il rigore per “fallo” su Sansone ( ex Parma ) per poi, udite udite, dopo aver interpellato il calciatore stesso ( promettendogli la non ammonizione ) ritornò sulla propria decisione e fece riprendere il gioco, dopo 5 minuti, dando punizione contro al Sassuolo ….questo è quanto !! ovviamente Sansone disse che aveva lasciato li la gamba andando a prendersi il fallo ..anzi a procurarsi ..come si dice oggi !!!

    Il problema ( non credo sia il caso di domenica scorsa a Bergamo )
    sta nel fatto di chi arbitra e, soprattutto, di quali squadre sono in campo:

    vogliamo parlare di rigori fischiati contro oppure a favore di quella squadra piemontese con la maglia a strisce verticali ??

    Il punto diventa importante anche alla luce del fatto che su 100 arbitri, non tutti hanno un metro di giudizio univoco e, di conseguenza, un fallo fischiato dall’arbitro A, può essere che non venga fischiato dall arbitro B ..questo è stato già verificato e dimostrato nel senso che, comunque, non c’è uniformità di giudizio..

    Io, dalla tv, di primo acchito ho pensato che fosse sfondamento, poi ho rivisto e ..va beh…..ognuno è libero di dire la propria …
    a volte, anche rivedendo ripetutamente le immagini , non si riesce a slatarci fuori..

    io spero che uno così , contro, non ce lo diano ….perchè mi farebbe inca$$$$are molto …( ma pure il capitano )

    by by

  • 15 Febbraio 2017 in 17:22
    Permalink

    il difensore non si è tolto? era sbilanciato non poteva togliersi anche volendo baraye non l’ha dribblato forse potendolo fare ma gli è andato addosso secondo me era uno scontro inevitabile per entrambi quindi senza colpe ma di rigori così ne danno spesso
    nel basket sarebbe sfondamento senza tanti giri di filosofia ma questo è il calcio

    cmq rigore c’è quando arbitro fischia.
    E a noi ha fatto comodo eccome visto che da quel momento abbiamo solo pensato a portare a casa quei 3 punti nonostante la partita fosse ancora lunga

  • 15 Febbraio 2017 in 17:27
    Permalink

    Si chiama danno procurato, non serve l’intenzionalità, baraye anticipa e fa il tunnel, se passa la palla e non l’uomo è rigore tutta la vita

    • 15 Febbraio 2017 in 19:40
      Permalink

      questa spiegazione efficace e stringata mi ha convinto. non ci avevo pensato in questo termini
      http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_good.gif

      • 15 Febbraio 2017 in 21:11
        Permalink

        Danno procurato non esiste nel regolamento ma se leggi L art 12 il principio è quello, altrimenti non era rigore neppure iuliano su Ronaldo 🙂

    • 16 Febbraio 2017 in 01:14
      Permalink

      Danno procurato infatti…diedero lo stesso rigore all italia nei mondiali 2006 contro l australia! Quello è rigore…

  • 15 Febbraio 2017 in 18:08
    Permalink

    Fatto ne è che non avendo contestato l’espulsione di Canini e non avendo lanciato dubbi sulla volontarietà del mani di Lucarelli o sulla ricerca del fallo del Pordenone siamo stati un ora a riguardare alla moviola il fallo su Baraye.
    Una forma di inconfessabile masochismo che qualche critico alimenta.
    Poi avremo pure giocato male (coi tre punti) contro i bergamaschi ma il livello di intesa con sei giocatori nuovi era pari all’esordio col Modena e a me la partita è piaciuta di più perché la difesa era ben messa e se fosse servito eravamo in grado di accelerare. Si ha la sensazione che se la squadra attacca sia pericolosa e che se si difende sia sicura.

    • 15 Febbraio 2017 in 19:28
      Permalink

      Concordo. Si parla del rigore come si parla di altre cose, Il rigore ce l’hanno dato e va bene. Anzi benissimo. Mi preoccupa di più la mancanza di gioco, gioco che ancora latita. Ci sono mille spiegazioni, innesti nuovi ecc , però è vero che stiamo faticando sotto questo punto di vista. E’ vero che la difesa appare buona e che le sensazioni come le chiami tu siano buone soprattutto per l’attacco che a mio modo di vedere è veramente molto forte ma decisamente POCO sfruttato. Lasciamo sempre che siano gli altri a fare la partita. Il centrocampo, soprattutto domenica, mi è parso assente, Ci siamo sempre appoggiati sui centrali di difesa per far partire o ripartire l’azione come al solito. Infatti è sempre stato un punto debole, speriamo che gli innesti nuovi diano dei risultati a breve. Non credo che mettere in evidenza le mancanze che ancora ci sono sia negare che passi avanti sono stati fatti D’Aversa sta lavorando e portando dei risultati, però lui stesso ammette certe mancanze anche se non può ovviamnete essere critico come invece possiamo esserlo noi, lui la squadra la deve giustamente difendere. Nessuno nega i miglioramenti poi se vinciamo lo stesso come abbiamo fatto finora va benissimo, anzi ci farei la firma

  • 15 Febbraio 2017 in 18:34
    Permalink

    Noto che ci sono un sacco di nostalgici dell’era Apolloni, altrimenti non si spiegherebbero le critiche ad un’allenatore che ha accumulato 23 punti in 9 partite ! Quanto meno un po’ di palle giocate ora se ne vedono. Prima era solo uno scaraventare il pallone in avanti, senza uno straccio di idea. Siamo seri per piacere!

  • 15 Febbraio 2017 in 23:20
    Permalink

    Chiaro che ci saranno altre partite del genere, perciò mi piacerebbe vedere una squadra più cazzuta dall’inizio.

    • 16 Febbraio 2017 in 10:00
      Permalink

      Anche’io

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI