IL DS FAGGIANO AL DOPO TG DI 12 TELEDUCATO: “IL NOSTRO AMBIENTE DEVE ESSERE SEMPRE PIU’ COMPATTO ANCHE QUANDO LA SQUADRA FATICA”

Daniele Faggiano ospite di Teleducato(www.parmacalcio1913.com) – Il direttore sportivo del Parma Calcio, Daniele Faggiano, questa sera, è stato ospite in studio della rubrica ‘Dopo Tg’ di Teleducato Canale 12, intervistato dal giornalista Michele Angella: “A Parma, come in qualsiasi piazza in cui vado a lavorare, voglio instaurare un rapporto vero e sincero con la città. Con la proprietà ci siamo prefissati un obiettivo. La scommessa con il Parma l’ho fatta io, perchè non sono intervenuto su contenuti contrattuali se non sul premio commisurato al traguardo che ci prefiggiamo, perchè ci credo e ci crediamo. Il nostro ambiente, anche allo stadio, deve essere sempre più compatto, anche quando la squadra fatica in campo. Il prolungamento del mio contratto ? Con la proprietà del Parma, in questi primi mesi di conoscenza reciproca, volevo instaurare un rapporto sia umano che lavorativo, volevo farmi conoscere. Il contratto prevedeva un’opzione del Parma, non mia. Questo per me non è un punto di arrivo, ma un punto di partenza. Ho bisogno sempre di stimoli e il Parma me ne sta dando tanti. Incidenti di percorso come contro il Fano al Tardini possono succedere, soprattutto quando hai fatto una lunga serie di risultati utili consecutivi, in particolare di vittorie, in cui abbiamo dato tanto. Poi, non siamo stati fortunati con gli infortuni, che hanno colpito giocatori dello stesso reparto. Dispiace. Però, andiamo avanti. Io ci credo sino alla fine. Il Venezia ha cambiato tantissimo a inizio stagione, dopo esser stato promosso dalla D, e quasi nulla a gennaio. L’ esatto opposto del Parma. Le categorie ci sono, esistono e bisogna stare attenti, perchè la Lega Pro è un campionato duro, in cui vince solo la prima. Non bisogna mai innamorarsi. Innamorarsi, a livello calcistico, non porta sempre i frutti sperati. Non sono contentissimo del mercato di gennaio, che è un mercato di riparazione, in cui devi prendere giocatori pagandoli qualcosa in più o adattandoti”.

DAL CANALE UFFICIALE YOU TUBE DEL PARMA CALCIO 1913 IL VIDEO DAL BACKSTAGE DEGLI STUDI DI TELEDUCATO DELLA PARTECIPAZIONE DEL DS DANIELE FAGGIANO AL DOPO TG-L’INTERVISTA DI 12 TELEDUCATO AL MICROFONO DI MICHELE ANGELLA

Stadio Tardini

Stadio Tardini

16 pensieri riguardo “IL DS FAGGIANO AL DOPO TG DI 12 TELEDUCATO: “IL NOSTRO AMBIENTE DEVE ESSERE SEMPRE PIU’ COMPATTO ANCHE QUANDO LA SQUADRA FATICA”

  • 30 Marzo 2017 in 09:36
    Permalink

    Direttore, il mercato di gennaio è stato buono ma qualcosa si è inceppato dopo:

    – brillantezza e freschezza fisica calate di tono
    – lunga serie di infortuni a centrocampo ( zona nevralgica dove abbiamo constatato che Corapi e Scozzarella insieme, un pò si pestano i piedi e, giocando entrambi, viene meno quel tasso di fisicità che possono dare, al contrario, sia Scavone che Munari )
    – atteggiamento, approccio, concentrazione, determinazione ferrea: chiamiamola come vogliamo ma è la cattiveria agostica, sportivamente parlando, che bisogna mettere in campo, sempre, dal 1° minuto al 95°, cosa che le altre fanno eccome, sia contro di noi che ,pure, contro il Venezia;
    – giocare + corti e sempre per la squadra, non per se stessi, non per il gol individuale ma per il gruppo..

    Pure io ho fiducia, a gioco lungo i valori importanti devono saltar fuori, emergere alla grande..poi ci vuole pure un pizzico di buona sorte, come sempre !!

    Recuperiamo tutti , rimescoliamo le carte e ..vai Direttore..che non ce n’è per nessuno: io lo posso dire..auspicandolo !!!

    • 30 Marzo 2017 in 19:33
      Permalink

      mauro non pensi che Simonetti sia più utile quando manca uno delle 2 mezzali?inoltre il ragazzo fin qui non ha mai sfigurato.

  • 30 Marzo 2017 in 10:57
    Permalink

    “llVenezia ha cambiato tantissimo a inizio stagione, dopo esser stato promosso dalla D, e quasi nulla a gennaio. L’ esatto opposto del Parma”.

    Ecco questo spiega tutto ed è quello che sostengo da mesi. Chi ora dimentica la pesantissima responsabilità del trattorante si legga quanto sopra che è la verità. Noi ci siamo presentati in ritiro con la molecola di sodio Lucarelli e la squadra della serie D, squadra che non è mai stata completata. Questa è la prima e pesante differenza tra noi e la gang di Perinetti&Tacopina. Fare le robe a gennaio ed in rincorsa non è chiaramente la stessa cosa.

    • 30 Marzo 2017 in 15:20
      Permalink

      Ma certo. Aggiungici poi un allenatore che faceva giocare il nostro giocatore più forte da medianaccio e la frittata è fatta.

  • 30 Marzo 2017 in 15:54
    Permalink

    Quando si riportano le frasi occorre riportarle integralmente.
    “Il Venezia ha cambiato tantissimo a inizio dell’anno e non ha cambiato quasi nulla a gennaio, l’opposto del Parma. La Lega Pro è un campionato duro, vince solo una: non bisogna mai innamorarsi a livello calcistico perché non porta sempre i frutti sperati. Fare il ritiro tutti insieme con lo stesso allenatore qualcosa in più ti dà”.
    Dalla frase mi sembra che stia dividendo le colpe tra i tifosi (contenti dei tanti rinnovi qualcuno rimpiangeva anche Lauria) ed i dirigenti e staff tecnico (che non hanno valutato le reali capacità dei giocatori)
    E questo criterio di ragionare mi rende più tranquillo, perchè in caso di serie B, se non si vuole lottare per la salvezza sino all’ultima giornata, tre quarti della squadra attuale deve essere cambiata (da serie B di media/alta classifica attualmente abbiamo solo Munari e Scozzarella)

  • 30 Marzo 2017 in 17:32
    Permalink

    Secondo me di tifosi contenti dei tanti rinnovi ce n’erano pochi molto…almeno io è da maggio che dicevo che era una follia rinnovare la squadra della D e non credevo alle cannelle dell’amalgama della squadra della D.

  • 30 Marzo 2017 in 19:37
    Permalink

    comunque ieri ho visto il venezia,è vero si che giocavano le riserve ma in 90 minuti un solo tiro in porta

  • 31 Marzo 2017 in 11:05
    Permalink

    Su Simonetti ti ho già risposto nel mio articolo : è bravo, ordinato, vede il gioco ma..
    1) difetta di esperienza
    2) non ha quella fisicità nè malizia che aiuterebbe di + sia lui che la squadra..

    con questo, quando ha giocato, pure a me è piaciuto …e evidentemente ,per farsi le ossa e i contro – st..ca $$$ i dovrebbe solo giocare …è qui, da noi, mi sembra dura…

  • 31 Marzo 2017 in 11:07
    Permalink

    RICORDO SEMPRE CON MOLTO PIACERE CHE:

    i confermati dalla Serie D, coi soli innesti di CALAIO, NOCCIOLINI e NUNZELLA …sono coloro che al 26 dicembre erano a 3 punti dal Venezia …
    ed io INSISTO

  • 31 Marzo 2017 in 12:21
    Permalink

    questo mercato, di riparazione o no, è stato fatto con la borsa piena di soldi e senza tanti freni a quanto pare: tanto che abbiamo comprato in pochi minuti un giocatore che costa 400mila euro attraverso un messaggio su WhatsApp (parole di Ferrari su PFZ)

    a differenza di un mercato “all’impronta di un tetto di spesa a cui bisognava attenersi”
    a cui furono costretti quelli che hanno preceduto Faggiano, bravo si ma con tanti soldi forse quei giocatori li compravo anche io. Se vado a far spesa con 50 Euro posso comprare certe cose se ci vado con 500 ne posso comprare altre.

    La filosofia di partenza di TUTTO il Parmacalcio 1913 era diversa da quella che ora si sta portando avanti.
    Si è cambiata la direzione? Bene. Andiamo avanti con questi autisti ma i paragoni si fanno quando si guidano le stesse macchine. Meglio smetterla col passato.

    Era un’altra storia. Un’utopia che è rimasta tale
    non si criminalizza chi ci aveva creduto mettendoci faccia, volontà e disponibilità.

    Tutti possono sbagliare compresa la proprietà che pure lei si era illusa di poter fare un calcio in un modo diverso evidentemente. Per cui sarà anche ora di finirla di scaricare tutto sempre su quelle persone, e offenderle per una filosofia che era anche di TUTTA la Società a quel tempo.

    E’ stato un errore? Ok. Punto e a capo. E lo abbiamo fatto.

    Ma basta trattare quelli che c’erano prima come dei criminali innominabili che addirittura ci fanno schifo o ci irritano se concedono delle interviste come se noi fossimo i padroni del mondo.

    Là fuori c’è un MONDO intero che NON gira intorno al Parma.

  • 31 Marzo 2017 in 13:28
    Permalink

    per quello che riguarda la diffamazione fatta di fronte a più di una persona, e vale anche per il Web
    si ricordi che la Cassazione ha stabilito che:

    “ ha natura offensiva l’espressione “zappatore”, qualora nel contesto in cui sia pronunciata rivesta il significato di incompetente. (Nella specie, la qualifica di lavoratore della terra, nella sua funzione più umile, era estranea all’attività svolta dalla persona offesa alla quale è stata attribuita con l’invito a tacere in quanto evidentemente ritenuta inidonea ad intervenire con le necessarie competenze (‘tu statte zitto, cà sì “nu zappatore”)” (Cass. Pen. 23.06.2011 n. 30187);

    si applicherà anche a trattorista, o a venditore di piadine?

  • 31 Marzo 2017 in 15:00
    Permalink

    Vinciamo. ..vinciamo. ..Vinciamo e Vediamo. ..
    Forza Parma. …
    Amore Giallo Blu. .senza condizione

  • 31 Marzo 2017 in 16:14
    Permalink

    Fi..a Nico ..hai due palle ….
    codigne ..vedo

    giusto ciò che dici …

    Mi vanto di non avere mai “sputato articoli” contro il “manico” precedente : sono stati commessi errori in tante cose, nelle scelte, nei giocatori, nell’inesperienza forse, avverso un campionato a tanti sconosciuto (squadre, dinamiche, tipo di calcio e di calciatori ) ma, è bastato dare una sferzata di manico, CON GLI STESSI GIOCATORI, e lo ripeto da mesi…
    ed i risultati sono venuti fuori….la rincorsa stava procedendo bene poi…
    trittico di M ….nutella ( a seguito di altre prestazioni opache, grigie, stirassedi, un pò ded chi e un pò ded là )
    ed hop ..siamo inciampati ..
    solo cadendo ci si può rialzare giusto ?
    PARMA , RIALZATI E CAMMINA ..lazzaro ne….( minchia quante ne so )

    magari inciampa pure qualcun altro ..chissà ?
    e se così non fosse ..saremo e saranno i calciatori artefici del nostro e loro destino..
    LE VINCANO TUTTE E POI VEDIAMO
    E SE SARANNO PLAY OFF NON SARA’ MICA SCANDALO
    LE VINCANO TUTTE PURE LI
    e dimostrino che i soldi spesi a gennaio ..avevano un senso
    ..
    i tifosi, per parte loro hanno risposto ad agosto 2016…10.000 abbonati..gli stessi della Serie D, con un anno di vita calcistica in +..
    hanno continuato a rispondere con trasferte da oltre 1.000 persone ..con oltre 3000 a Reggio …tutti i ntrasferta, noi ed i reggiani ..
    ora tocca a vuetar ….come dice il DIDO a PIOVANI ..adessa tocca a ti …ADESSA TOCCA A TI….

    ..
    NICO ha ragione …a gennaio è probabile ( mi pare lampante )
    che siano stati allargati i cordoni del bors ..ellone e siano usciti parecchi DINARI non previsti nel primo BUDGET DI SPESA:

    società giovane, società inesperta ma SOCIETA’ SVEGLIA, ha rilanciato, come a poker, TEXAS HOLDEN, all in, ma ora…
    con tutte le fiches sul tavolo bisogna avere carte buone in mano
    qui non si bluffa, nè nelle rimanenti ultime gare, nè agli eventualisssimi play off..
    ALL IN
    e noi , allo show down, caliamo i due assi in mano NOSTRA

    BARAYE e CALAIO’ …

    mentre sul BOARD si trovano già i NOSTRI altri assi

    …MUNARI SCOZZARELLA SCAGLIA NOCCIOLINI, IACOPONI, DI CESARE, LUCARELLI, CORAPI, SCAVONE, FRATTALI, ZOMMERS, BASSI, SINIGAGLIA, EDERA, COLY, MESSINA, NUNZELLA, RICCI, GARUFO, MIGLIETTA, SAPORETTI, SIMONETTI, MAZZOCCHI, GIORGINO, MASTAJ, DODI,
    FALL, …FAGGIANO E TUTTO LO STAFF TECNICO ….

    chi vuole venire a vedere il nostro ALL IN deve mettere le fiches….
    in queste sette gare e poi, forse, nei play off….
    TUTTE LE FICHES …all in

  • 31 Marzo 2017 in 18:12
    Permalink

    La sterzata l’avrebbero fatta con qualsiasi allenatore fosse venuto

    che ci piaccia o no dei valori tecnici c’erano in quella vecchia squadra ed è stato dimostrato coi risultati che ben conosciamo.

    La sterzata o sferzata.. è proprio quello che accade quando si cambia l’allenatore.
    I giocatori o mollano o si danno una MOSSA.
    E’ mezzo secolo che seguo il calcio e accade così da sempre,

    ed è per questo che l’allenatore lo cambiano di continuo…
    per questo è stato cambiato PERSINO Ranieri, lo ha detto chiaramente il suo vicepresidente, se qualcuno avesse per caso letto la sua intervista.

    Per cui non mitizzerei più di tanto “la sterzata”.

    Capitolo Nunzella:
    Mi sono riguardato i filmati di tutti i goals che abbiamo preso perchè mi piace parlare di DATI CONCRETI non dei sentito dire o di SENSAZIONI.

    Ho considerato i goals che abbiamo preso da Sinistra, Da Destra e dal Centro.
    (Ho considerato solo i goals su azione quindi ho escluso quelli presi da calci d’angolo sia da DX che da Sinistra)

    7 goals dal nostro fronte DX
    7 Goals dal CENTRO
    8 goals dalla SX qui però sono compresi i 2 rigori cagionati da Nunzella

    apro un “capitoletto” : sull’ultimo rigore dove tutta la difesa era sbilanciata con tutti gli spazi aperti potevano aiutarlo visto che era sul fondo in preda al panico, bastava dargli una VOCE almeno invece che stare a guardare

    In questi 8 da SX NON ho GIUSTAMENTE considerato un cross operato dalla SX che taglia l’area e cade su un avversario al centro che rispedisce a sinistra dove trova un compagno che insacca

    E un altro dove il controllo dell’avversario a SX è stato mancato da Lucarelli, essendo Nunzella in fase di rientro da una incursione, quindi non poteva averne la responsabilità.

    Far pagare tutto a Nunzella, mi pare eccessivo e forse anche approssimativo se vogliamo capire cosa non va.

    • 31 Marzo 2017 in 18:17
      Permalink

      …..

      Non voglio ricordare Il Sassuolo che cambiò quasi tutta la squadra a gennaio..

      non lo faccio per scaramanzia…

  • 31 Marzo 2017 in 22:55
    Permalink

    Ah mancheva etor che la “cassazione”! Ma non spariamo cassate va’ e lasciamo perdere i linguaggi giuridic-forbiti, su lá

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI