INCHIESTA DI PARMATENEO SUL TARDINI / I RESIDENTI, GLI ASSESSORI ALINOVI E MARANI E L’AD CARRA CONVERGONO: STADIO ALL’INGLESE CUORE DEL NUOVO PARCO DELLO SPORT

PARMATENEO TARDINI STADIO ALL'INGLESE(Fabio Manis e Carlotta Pervilli per Parmateneo.it) – Lo scorso 20 gennaio la società Parma Calcio 1913 si è (ri)aggiudicata il bando per la gestione dello Stadio Tardini sino al 2025. La concessione prevede la gestione ordinaria dello stadio e l’attribuzione dei costi di mantenimento alla società calcistica. Il nuovo accordo, stipulato per i prossimi 8 anni, potrebbe permettere di investire sulla struttura nel breve e lungo periodo, come dimostrano gli interventi già realizzati per il nuovo Store e per il Museo del Parma. Inoltre, potrebbe forse essere l’occasione per ristrutturare il Tardini, uno dei sogni della tifoseria parmigiana. Quali sono i piani d’intervento nel breve e lungo periodo per riportare il Tardini all’antico splendore?

DISAGI E NUOVE OPPORTUNITÀ – La posizione dello stadio comporta, durante le partite, alcuni disagi al traffico: i quartieri limitrofi, come quello della Cittadella, devono affrontare la chiusura di tratti di strada per evitare che si possano creare ingorghi.
Si potrebbe pensare che i residenti vedano lo stadio come un elemento di disordine, ma l’opinione degli abitanti della Cittadella è tutt’altro che negativa. Dalle dichiarazione della coordinatrice del Comitato Cittadini Volontari del quartiere Cittadella, Nadia Buetto, si nota il forte legame con lo stadio: “È ovvio che vengono a crearsi dei disagi di viabilità durante gli eventi sportivi. È idea generale, però, che avere lo stadio in città sia motivo di pregio”. L’unica cosa su cui si potrebbe migliorare è la gestione della viabilità, attraverso una campagna più incisiva che incentivi i cittadini a recarsi allo stadio attraverso piste ciclabili, percorsi pedonali o mezzi pubblici. “La cosa che dispiace è che la struttura venga utilizzata solo per accogliere l’evento sportivo ogni circa quindici giorni, quando invece potrebbe essere sfruttato per l’organizzazione di più eventi”, afferma Nadia Buetto.
Questa potrebbe essere la soluzione per andare incontro a quei cittadini non totalmente soddisfatti dell’attuale situazione ma che allo stesso tempo vorrebbero vedere maggiormente sfruttata la zona: avere molte più attività che animano il quartiere aiuterebbe a sopportare i disagi di due sole domeniche al mese. L’evoluzione dello stadio con l’arrivo di nuovi servizi permetterebbe di far crescere il quartiere.
Dal canto suo l’amministrazione comunale si è già mossa in questa direzione, cercando di accogliere le istanze dei cittadini. Infatti, giovedì 16 marzo, verrà presentato il nuovo Psc, piano strutturale comunale, ai quartieri limitrofi lo stadio in cui si dovrebbe concretizzare la realizzazione di un Parco dello Sport.

curva sudIL COMUNE IN CAMPO – Il nuovo Psc prevede appunto il rilancio dello stadio Tardini  attraverso la creazione di un Parco dello Sport, con il Parco Ferrari collegato con le strutture dello stadio: “Lo Stadio si inserirebbe all’interno di un sistema di aree pubbliche con dotazioni sportive per tutta la cittadinanza e verrebbe potenziata l’area pubblica del Parco Ferrari come luogo dedicato allo sport, al benessere e all’attività fisica” afferma l’assessore all’urbanistica Michele Alinovi. La cosa avviene già in maniera informale ma in questo modo si verrebbero a creare dei nuovi percorsi verdi che metterebbero in collegamento tutta la città. Il progetto prevede anche l’implemento di attività non direttamente collegate al calcio, come ad esempio la concessione di nuovi spazi per ristoranti, caffetterie o negozi di abbigliamento. Il tutto in previsione di un ritorno del Parma in Serie A.
Secondo l’opinione di Alinovi , “in questo modo diventerebbe uno stadio moderno e contemporaneo, sul modello di quelli nord europei, e quindi si aggiungerebbero nuove tipologie di servizi pubblici.”

Scartata invece l’idea di spostare lo stadio nella periferia della città per cancellare i disagi alla viabilità: “Lo stadio è sempre stato in centro e pensiamo che sia proprio per questo una ricchezza per la città. I cittadini che seguono le partire animano il quartiere e rendono la partita un momento di socialità. Metterlo in periferia, come per esempio in zona fiere, toglierebbe il problema traffico, ma lo renderebbe un contenitore vuoto senza significato”, afferma Alinovi. Gli stessi servizi, se lontani dai cittadini, rischierebbero di essere utilizzati solo in concomitanza delle partite. L’assessore accenna alla possibilità di pensare nel lungo periodo alla creazione di un parcheggio interrato sotto la struttura, “ma sono ragionamenti che potranno esseri fatti quando la squadra raggiungerà la massima lega”.

Il bando di gara per l’assegnazione della gestione dello stadio ad una società esterna ha visto la partecipazione della sola società Parma Calcio 1913, nata dall’unione tra Nuovo Inizio srl e Parma Partecipazioni Calcistiche srl, che è riuscita ad offrire un progetto che ben ricalcava le aspettative dell’amministrazione comunale, come spiega l’assessore allo sport Giovanni Marani: Hanno presentato delle progettualità che noi condividiamo. Se si parla di mantenere quell’impianto all’interno della città, deve essere qualcosa al servizio della città stessa.”
Quello che viene da chiedersi è perché il bando preveda una gestione di soli 8 anni, un lasso di tempo molto limitato in previsione di una possibile ristrutturazione. Marani motiva così la scelta: Bisogna tenere conto di tante variabili, tra cui l’ambizione della squadra ad accedere alle leghe successive, ma anche la stabilità della società”. In virtù di questa situazione, il bando prevede una concessione di soli otto anni, utili all’amministrazione per vedere lo svolgersi degli eventi e capire se il progetto darà i suoi frutti. Visti i trascorsi delle vecchia società calcistica Parma FC, la priorità è concentrarsi su obbiettivi a breve periodo, evitando di fare il passo più lungo della gamba. Avere una squadra in serie A è tutt’altra storia rispetto a quella attuale, di fatti: Con l’arrivo alla massima lega chiarisce Marani –  il soggetto gestore si troverebbe a dover affrontare  un ulteriore aumento dei costi che potrebbe essere difficile da gestire, quindi la scelta degli otto anni è un tempo ragionevolmente lungo da permettere l’ammortamento di alcuni investimenti. Ci siamo dati questo limite per poter fare poi dei progetti successivi”.

museo tardiniNUOVA SOCIETÀ, NUOVE AMBIZIONI – La linea organizzativa della società pare ricalcare le opinioni dell’amministrazione comunale. L’attenzione è posta sul creare un luogo di aggregazione che porti il Tardini ad essere molto più di un semplice stadio. Lo spostamento della struttura è un’idea esclusa a priori perché anacronistica e lontana dall’idea di stadio come centro pulsante della vita della città, come tutti i club delle città europee dove si evita la dispersione dei tifosi. Discorso diverso per la sua ristrutturazione, dato che gli ultimi interventi risalgono alla metà degli anni ’90: “Abbiamo già dovuto affrontare molte problematiche, come le perdite dalla tettoia della tribuna, l’allagamento della centrale termica, l’anello antincendio oppure il rifacimento dei bagni e di altre sale presenti nella struttura. Al di là dei problemi di manutenzione, noi puntiamo sul far sì che lo stadio possa vivere tutta la settimana” afferma Luca Carra, amministratore delegato del Parma Calcio 1913. Il progetto prevede lo sfruttamento delle aree che per anni sono state lasciate senza un utilizzo preciso:  esempi concreti del rinnovo sono lo Store e il Museo del Parma, ai quali andrebbero ad aggiungersi dei laboratori per i ragazzi dalle elementari alle superiori: “Vorremmo creare, con la collaborazione di Giocampus, una sorta di dopo scuola, dal laboratorio di danza a quello del gusto. In sostanza, una serie di attività che porterebbero i ragazzi allo stadio durante la settimana. È un peccato lasciarla così perché è una zona in centro città facilmente raggiungibile e che andrebbe vissuta”, dichiara l’ad.
Luca Carra ppOltre ai servizi culturali, la società vorrebbe accogliere un ristorante, utile a tutti coloro in visita allo stadio. Sul modello inglese, la società è in contatto con varie aziende che operano nel settore, augurandosi di poter aggiungere nel futuro altri tipi di esercizi commerciali. “Tutti a Parma lo chiamano ‘la casa dei tifosi’: lo deve essere tutta la settimana, non solo la domenica”. Avendo in gestione lo stadio solo per otto anni, non si può ancora parlare di progetti a lungo termine riguardo l’impianto e a una sua possibile ristrutturazione: “Non ci sono gli spazi per ammortizzare un investimento a lungo termine. Nel caso in cui, con una nuova amministrazione, si riesca ad ottenere un diritto di superficie trentennale o della durata di 99 anni, allora si potrà ristrutturare lo stabile, riducendone la capienza”. Quest’ultima andrebbe rivista alla luce dell’affluenza attuale dei tifosi. Attualmente lo stadio sarebbe in grado di ospitare circa 22 mila tifosi, ma lo stesso ad ritiene che sia una quantità eccessiva per la città di Parma. Lo scopo della società è di ridurre il numero di posti a sedere a 18 mila – 20 mila, ma con molti più comfort. Per il momento, però, non ci sono le condizioni per farlo. La gestione dello stadio comporta bassi introiti, ora come ora. Bisognerà puntare su maggiori entrate per poter garantire una solida base economica da usare per apportare cambiamenti significativi. La questione del parcheggio sotterraneo, per migliorare la viabilità della zona e cercare di arginare il più possibile i disagi creati dall’arrivo dei tifosi, non è ancora stata discussa, nemmeno con l’amministrazione comunale: “Bisognerà capire la reale necessità del parcheggio. Un piano che stiamo avviando, sfruttando l’area cortilizia, è quello di aprirla per il parcheggio e fornire un servizio di noleggio biciclette”, conclude Luca Carra. Fabio Manis e Carlotta Pervilli per Parmateneo.it

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

CANDIDATI SINDACI, NOI PARMIGIANI NON VOGLIAMO UNO STADIO NUOVO, MA UN TARDINI MIGLIORE. LO STADIO DOVE GIOCA IL PARMA CALCIO DEVE RIMANERE DOV’E’

Stadio Tardini

Stadio Tardini

3 pensieri riguardo “INCHIESTA DI PARMATENEO SUL TARDINI / I RESIDENTI, GLI ASSESSORI ALINOVI E MARANI E L’AD CARRA CONVERGONO: STADIO ALL’INGLESE CUORE DEL NUOVO PARCO DELLO SPORT

  • 15 Marzo 2017 in 17:20
    Permalink

    Ma quale ristoranti caffetterie e negozi di abbigliamento dai là

    Di Barilla Center ne abbiamo già uno basta e avanza

    Dallo Stadio Tardini poi percorrendo Via Niccolò Paganini

    Ci si arriva in poki minuti Assessori Competenti

    NON illudete troppo i tifosi ne tanto meno i residenti

    Etor ke parkeggio sotterraneo mo mama ke lavor

    Noi NON siamo Inglesi saimo Parmigiani !!!!

  • 15 Marzo 2017 in 17:51
    Permalink

    Bisognerebbe pensare anche a un sistema di trasporto veloce per i tifosi che arrivano in treno.

  • 16 Marzo 2017 in 17:01
    Permalink

    Speriamo che fra quattro mesi ci siano persone serie in Comune

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI