L’EX PRESIDENTE DEL MANTOVA LORI RICORDA QUANDO BERTA E GUIDOLIN FECERO IRRUZIONE NELLO SPOGLIATOIO DELL’ARBITRO…

fabrizio lori gazzetta di mantova(Carlo Apuano) – Giova subito ricordare, anche se la Gazzetta di Mantova s’è ben guardata dal farlo,  che il Parma di oggi non è quello di allora. In mezzo c’è stato un fallimento. Anzi due. Oltre a quello del defunto Parma F.C. di Ghirardi anche quello del Mantova di Fabrizio Lori, che oggi apprendiamo essere consulente dell’attuale presidente dei Virgiliani tale Marco Claudio De Sanctis. Quest’ultimo, come scriveva la stessa Gazzetta di Mantova addì 30 settembre del 2016, fino a non molto tempo fa, era soltanto Marco De Sanctis; il secondo nome è stato aggiunto di recente, evidentemente con regolare richiesta alla Prefettura di Roma (comune di nascita del nostro), tanto che il giovane imprenditore e manager ha ricevuto un nuovo codice fiscale. Il cambio di nome può impedire a chi cerca informazioni su una persona di sapere tutta la verità, questo è palese”. Ma gli investigatori, nella fattispecie il cronista autore dell’articolo Vincenzo Corrado, nonostante l’artifizio scoprì e non esitò a scrivere che risultano“A suo nome quarantamila euro di buco tra assegni scoperti e cambiali non pagate”. E lui replicò: «Ho sanato tutti i miei debiti”. Vabbè fatti loro. Comunque il consulente di De Sanctis, Fabrizio Lori, a distanza di qualche anno, è tornato a parlare, sulle colonne del giornale locale, degli accadimenti del 25 ottobre 2008, allorché in serie B si affrontarono allo stadio Martelli il suo Mantova e il Parma dell’allora rampante Tommaso Ghirardi, che ancora si avvaleva, quale direttore sportivo, di Andrea Berta (oggi all’Atletico Madrid!) e come allenatore di Francesco Guidolin, subentrato da poche giornate all’esonerato Gigi Cagni. Questa la ricostruzione dei fatti di allora proposta oggi dall’ottica di Lori, che non è detto possa essere esattamente corrispondente alla realtà obiettiva dei fatti, ma che è la sua verità.

“Il Mantova perse una partita guastata da alcuni episodi, dopo un primo tempo bello da parte nostra. Invece nell’intervallo l’allenatore Guidolin, che poi fu espulso, e il Ds Berta entrarono nello spogliatoio dell’arbitro Ciampi di Roma (lo stesso che diresse Mantova-Pavia 3-0 il 19 giugno 2005, ndr) chiusero la porta e restarono per diversi secondi all’interno poi uscirono dopo aver nominato la parola “strage” non certo in segno di augurio. Un episodio che condannammo pesantemente e che il Parma provò a minimizzare ma è un fatto che nella ripresa il gol del loro pareggio venne realizzato con un’azione partita da palla ampiamente fuori. Finì che mi toccò anche di sentire i giornalisti emiliani dire che non era la prima volta che i loro dirigenti facevano così…”.

C0me chiosato nell’attacco, il Parma di allora non è quello di oggi, come il Mantova di Lori non è quello dell’attuale Consulente, però che queste vetuste diatribe arbitrali vengano tirate a mano, quasi a guisa di richiesta di risarcimento danni postuma, può risultare fastidiosa, vieppiù considerando i rapporti non certo idilliaci del Parma post-biologico con la classe arbitrale, visto il pesante conto pagato con il doppio stop di Mister Roberto D’Aversa e, soprattutto, dell’Arciere Calaiò (e la perdurante inibizione del Ds Faggiano). Per la cronaca, poi, la gara di allora finì con un secco 3-1 in remuntada, risultato che non lascia adito a dubbi sui valori realmente espressi sul campo, al di là del poco piacevole aneddoto di loriana memoria. E’ la stessa Gazzetta di Mantova, a riportare la fredda cronaca: “Quel sabato il Mantova di Giuseppe Brucato (esonerato dopo quell’incontro) chiuse i primi 45’ in vantaggio per una prodezza di Caridi al 10’; al 4’ st il pari con Zenoni, al 14’ rigore di Cristiano Lucarelli e al 20’ terzo gol di Reginaldo, l’ex damo di Elisabetta Canalis che siglò il 3-1”.

L’autore dell’articolo, Alberto Fortunati, parla di “rapporto calcistico effervescente tra due città imparagonabili per successi nazionali e, soprattutto, internazionali (nella terra di Verdi hanno vinto e dato spettacolo in Europa per due decenni)” e “permeato di acredine e di astio sportivo”, che immaginiamo non venga attutito dopo l’odierno amarcord… Carlo Apuano

 

Stadio Tardini

Stadio Tardini

7 pensieri riguardo “L’EX PRESIDENTE DEL MANTOVA LORI RICORDA QUANDO BERTA E GUIDOLIN FECERO IRRUZIONE NELLO SPOGLIATOIO DELL’ARBITRO…

  • 10 Marzo 2017 in 15:12
    Permalink

    DAVIDE , prova mo a direg a chilù d’ander dal barber !
    Cal s faga toser cmè von normel che ormei al gha i so ani o no ?

    Mi a prov la formaszion mo l’è miga facil domenica ciaperla:

    BASSI
    IACOPONI LUCARELLI DI CESARE
    MAZZOCCHI GIORGINO SCOZZARELLA NUNZELLA
    SCARPA BARAYE RICCI

    alternativa RICCI al posto di MAZZOCCHI con cambio di ruoli ;
    NOCCIOLINI e SCAVONE in panchina disponibili ma credo che non li rischierà dal primo minuto !!!

    • 10 Marzo 2017 in 19:48
      Permalink

      SCARPA ultimamente non lo vedo molto…
      al suo posto gli preferirei SCAGLIA.
      🙂

  • 10 Marzo 2017 in 16:13
    Permalink

    Eh no se metti scarpa voglio anche Ancelotti o almeno bonci.. .ahahah

  • 10 Marzo 2017 in 16:25
    Permalink

    Caro Mauro Lori (che se volete incontrare gestisce una botteguccia in centro strorico) ha molte affinità con il nostro ex patron diversamente magro. Entrambi infatti dipendevano dai (presunti) soldi di una vecchia madre poi rivelatisi in realtà soldi del monopoli, entrambi amavano i locali notturni e le balere della riviera romagnola, entrambi sono finiti malissimo (purtroppo le patrie galere ad oggi si sono aperte solo il capellone mantovano). Entrambi godevano anche di buona stampa e venivamno presentati come giovani imprenditori rampanti. Purtroppo le attuali vicende calcistiche testimoniano come personaggi di tale risma non siano affatto estinti. Basta vedere i Tacopina, i Piazza, la pagliacciata Palermo, la vicenda Latina e Pisa.

  • 10 Marzo 2017 in 17:35
    Permalink

    Netòr ke al va bè il consulente ex presidente del Mantua

    Personggio ke gira e NON solo nel mondo calcistico mo mama

    Di male in peggio ki lù etor ke canelì

  • 10 Marzo 2017 in 22:24
    Permalink

    Io ero al Martelli in quella data. Sinceramente, mi persi il pari, essendo ancora al bagno. Ma ricordo un secondo tempo totalmente dominato dai nostri.

  • 11 Marzo 2017 in 20:04
    Permalink

    Scusate ..lapsus enorme….SCAGLIA SCAGLIA …
    CI MANCHEREBBE …

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI