PARMA- A.J. FANO 0-1 (finale di gara) – LA CRONACA LIVE DI ALESSANDRO DONDI

LA CRONACA LIVE DI PARMA-A.J. FANO A CURA DI ALESSANDRO DONDI

SECONDO TEMPO

Primo cambio nel Parma: fuori Nunzella e dentro Calaiò

3′ Scaglia serve molto bene Baraye: il senegalese prova un tiro a giro che è però fuori misura

6′ Cuttone opera il primo cambio: fuori Filippini e dentro Borrelli

12′ Lanini stende Baraye e si prende il giallo

15′ Ci prova Nocciolini con un mancino a girare: palla a lato

27′ Occasione per Calaiò: Menegatti respinge in angola girata dell’arciere. Sugli sviluppi del corner Nocciolini, di testa, manda alto

28′ Nel Parma esce Scavone ed entra Edera

29′ Calaiò termina a terra in area ma per l’arbitro si può proseguire

30′ Calaiò si mangia il pareggio!

33′ Giallo a Menegatti per perdita di tempo

34′ Secondo cambio nel Fano: fuori Melandri e dentro Masini

40′ Nel Parma esce Giorgino ed entra Corapi

41′ Terzo cambio nel Fano: fuori Fioretti e dentro Cazzola

45′ Calaiò prova la battuta al volo: pallone fuori

Quattro minuti di recupero

47′ Menegatti salva su Scaglia!

 

PRIMO TEMPO

Partiti!

12′ Scaglia tenta il cross dalla destra: pallone fuori misura che si perde sul fondo

14′ Punizione dalla sinistra per il Fano: la battuta di Filippini termina direttamente tra le braccia di Bassi

21′ Primo corner per il Parma: i crociati metto paura al Fano. Gli ospiti ripartono in contropiede ma Nunzella chiude molto bene e riparte a propria volta innescando Baraye che conclude verso la porta: palla di poco a lato. In occasione del corner proteste dei crociati per un atterramento in area di Giorgino.

24′ Baraye mette a sedere un paio di difensori del Fano e lascia partire un destro che termina a lato

29′ RIGORE PER IL FANO! Fioretti spiazza Bassi e porta in vantaggio il Fano!

34′ Lucarelli prova la battuta al volo: pallone alto

46′ Grande occasione per Nocciolini: la sua battuta a rete è deviata in corner

Due minuti di recupero

46′ Sugli sviluppi del corner Nocciolini si mangia il pareggio sparando alto un pallone a pochi passi dalla porta

23 pensieri riguardo “PARMA- A.J. FANO 0-1 (finale di gara) – LA CRONACA LIVE DI ALESSANDRO DONDI

  • 19 Marzo 2017 in 16:53
    Permalink

    Forza ragazzi! Torniamo alla vittoria!

  • 19 Marzo 2017 in 17:16
    Permalink

    Chiudo qua. Ci sentiamo. Stagione completamente andata.

  • 19 Marzo 2017 in 17:25
    Permalink

    Questo Fioretti dev’essere l’unico giocatore al mondo che tira i rigori peggio di Zaza.

    Tra l’altro era da ribattere, all’ultimo ha chiaramente arrestato la “rincorsa”, anche con quel passo da ottuagenario era difficile da notare.

  • 19 Marzo 2017 in 17:39
    Permalink

    Nocciolini ha sbagliato un gol che avrebbe fatto anche un paralitico su una sedia a rotelle
    ARRIDATECI APOLLONI ! ! ! !

  • 19 Marzo 2017 in 18:21
    Permalink

    Non cambia niente, sempre i playoff dobbiamo fare.

  • 19 Marzo 2017 in 18:35
    Permalink

    Il prossimo anno tabula rasa. Vi voglio vedere sputare sangue. Indegno finale di stagione.

  • 19 Marzo 2017 in 18:41
    Permalink

    Come mai tutti gli allenatori che vengono a,Parma ci danno lezioni di tattica di gioco mentre noi non abbiamo gioco non abbiamo idee.?
    CHI ME LO SA DIRE?
    Certo che,Niocciolini e Calajo hanno b sbagliato due gol che uno zombie che sarebbe poi un morto vivente avrebbe FACILMENTE fatto.
    Con questi uomini si esce,al primo turno ai play off.
    SQUADRA DA RIFARE PER IL PROSSIMO ANNO.

  • 19 Marzo 2017 in 18:41
    Permalink

    Complimenti al mister…
    Finalmente si vede il suo reale valore http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_good.gif

  • 19 Marzo 2017 in 18:42
    Permalink

    Da quando D’Aversa ha i giocatori che voleva lui, non abbiamo più gioco e dinamismo. Quando c’erano i vecchi giocatori con lui era tutto un altro Parma. Comunque 2 punti contro tre pericolanti….. meno male che era il Venezia che doveva perdere colpi. Se continueranno a giocare così rischiamo anche dii non arrivare ai playoff

  • 19 Marzo 2017 in 19:12
    Permalink

    Nelle ultime due partite in casa con le ultime della classe abbiamo fatto un punto.
    Una media da retrocessione diretta in D
    Ma non avete ancora capito che questa squadra cammina mentre gli avversari corrono?
    Ma non avete ancora capito che per vincere i campionati ci vogliono giocatori di categoria e non di serie B che vengono a Parma pensando di vincere camminando e non correndo appunto perché vengono dalla B?
    Perché invece di D’Aversa non si è preso un allenatore pratico di questo campionato che magari lo ha anche già vinto?
    Io son certo che con un altro tipo di giocatori che invece di camminare corrono, allenatori come quello di oggi o come,quello di Mantova o di Forlì avrebbero vinto CON NOI il campionato.
    Non c’è gioco, non ci sono idee.
    Anche un profano lo vede
    Ogno domenica al Tardini è una sofferenza
    Dalla partita col Modena abbiamo sempre sofferto CON TUTTE.
    Si balla in difesa, a centrocampo ci si mette le mani nei capelli e all’attacco si sbagliano gol che nemmeno sbagliano le squadre dei pulcini.
    Come diceva il buon BARTALI.
    “L’è tutto sbagliato,
    L’è tutto da rifare”
    Certo noi abbiamo una squadra di grandi nomi ma io sono dell’idea che è meglio un asino vivo che un dottore morto.
    Chi vuol capire….capisca.
    Chi invece pensa che tutto sommato è meglio un dottore morto non si lamenti per favore.

  • 19 Marzo 2017 in 19:26
    Permalink

    parto da Lucarelli..
    quando vediamo il nostro capitano sbagliare passaggi facili, disinpegni, la squadra non gira, e ho detto tutto.
    sotto di un gol, gioco fumoso, tanto impegno ma.. poca sostanza.
    disordine, poche idee.. tanti errori.
    poi tutti al centro e pochi sbocchi sulle fasce.
    in molti in giornata no, e i minuti passavano.
    certo gli avversari in vantaggio si sono arroccati bene dietro, però non li abbiamo assediati come si deve, questo il quesito principale, perchè non abbiamo creato più occasioni e più concrete? perchè quelle poche occasioni non l’abbiamo buttata dentro?
    cosa manca oggi a questo Parma?
    è un problema mentale?

    prima sconfitta di D’Aversa ma era nell’aria già da qualche domenica..

    qualcosa di positivo?
    bene Baraye, Scavone e Scaglia (che mi conquista sempre di più).

    archiviamola reuperiamo le energie mentali e le motivazioni, poi però ripartiamo.

  • 19 Marzo 2017 in 19:28
    Permalink

    Adesso voglio vedere chi ha il coraggio di dire che il problema era apolloni minotti e scala… vergogna!!!!!

  • 19 Marzo 2017 in 19:39
    Permalink

    Ormai arrivare secondi o terzi non cambia nulla, tanto si viene eliminati subito qualunque squadra si incontri.
    SOFFRIAMO MALEDETTAMENTE I NOSTRI TIFOSI.
    I play off bisognerebbe giocarli non al Tardini ma in provincia ovviamente è una provocazione ma in casa siamo abulici fermi come paracarri.
    Mazzocchi e Nunzella sono due larve due giocatori inutili.
    Questa è una squadra che ai primi caldi si è sciolta come neve al sole o meglio come neve sotto una fiamma ossidrica da saldatori.
    Non ha valori gioco personalità. escluso Munari. rimpiango la rosa dell’anno scorso e gli acquisti di gennaio e pensare che il portiere del Fano, costava poco ma……dimenticavo non interessava al Parma. non proveniva dalla B.
    Oggi ha parato tutto e…di più.
    L’ avessimo avuto noi. ci parava anche il rigore.

  • 19 Marzo 2017 in 19:40
    Permalink

    loro sono una squadra simpatica per cui meglio che abbiano vinto loro al parma non cambiava nulla anzi ora pensranno solo ai play off tanto arrivvamo terzi comunque con questa squadra a padova ne prendevamo 3 anzi il padova e favorito per me

    • 19 Marzo 2017 in 21:38
      Permalink

      Non arriviamo memmeno terzi.

  • 19 Marzo 2017 in 21:15
    Permalink

    Il problema è che giocando così i play off è meglio non giocarlo. Si risparmia qualche soldo. D’Aversa e Faggiano hanno giocato 4 partite con i vecchi giocatori ed il gioco non era male, correvano e sembravano avere qualche idea ed un poco di personalità. Poi a fine gennaio il cambio di giocatori, e dopo il primo tempo a Venezia …. IL BUIO. Una involuzione che si vede partita dopo partita. Condizione atletica, personalita, schemi etc…. Non c’è nulla. Adesso D’Aversa e Faggiano hanno 8 partite per dimostrare di valere qualcosa e dare gioco idee e personalità ad una squadra, preparatori atletici in primis. Altrimenti la proprietà a giugno dovrà effettuare un altro ripulisti e ricominciare da capo, investendo meglio i propri soldi? perché così non si va proprio da nessuna parte. Pertanto consiglio a Barilla e Co di cominciare a telefonare ad un certo GUIDOLIN…… A buon intenditor. …

  • 19 Marzo 2017 in 21:16
    Permalink

    The r o c interventi ineccepibili i tuoi..ma la cosa che mi fa incazza e il far finta di niente e di dare false speranze.

  • 19 Marzo 2017 in 21:17
    Permalink

    Penso inoltre che la società debba essere e mostrarsi più forte e presente. Via pertanto Carra e Ferrari, mosci come budini…. Queste cariche devino essere ricoperte dai soci proprietari

    • 20 Marzo 2017 in 09:33
      Permalink

      ahahaha ma di cosa parli? Ferrari non è un proprietario? Guarda che se tutto è rinato lo dobbiamo a lui! Prima di sparare merda in cielo guarda che non ti ricada in testa

  • 19 Marzo 2017 in 21:30
    Permalink

    Oggi come oggi non riusciremmo a vincere con nessuno, siamo svuotati mentalmente non c’è la fame della vittoria. Non c’entra nulla il modulo, la tattica, i singoli giocatori che vanno in campo. Forse la causa è il Venezia che non ha perso colpi ed ha conseguentemente impedito la rimonta che ci si era illusi di poter fare, così facendo abbiamo abbassato le mani come un pugile che attende il colpo del KO per finire il match ed andare a casa. Unica nota lieta è che ci sono ancora due mesi ai play off per cui abbiamo il tempo ma soprattutto il dovere di recuperare uno stato di forma mentale decente e ritornare ad essere vincenti. Bisogna lavorarci su parecchio.

  • 19 Marzo 2017 in 22:22
    Permalink

    NUNZELLA è da real Madrid

  • 20 Marzo 2017 in 21:29
    Permalink

    Ma scusate, abbiamo perso contro l’Al Fano?!

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI