Parmaland 1913 di Mauro “Morosky” Moroni / Né csema miga: do you like play off ? il primo posto del girone è in banca. A Venezia…

copertina parmaland

mauro moroni morosky ritratto autore(Mauro “Morosky” Moroni) – No, né csema miga dabon: dall’ultimo bollettino meteo di Bassano, la temperatura massima a Parma (rispetto alla Laguna) è di meno 10 (-10): sfumato (da 2/3 giornate) definitivamente il tanto auspicato tentativo di aggancio, dopo essere stati dalla 20^ alla 27^ a meno 3 dai lagunari, nell’ultimo trittico di partite lo svantaggio è andato dapprima a -5,  poi a -7 ed infine a -10, e oggi,  a 8 giornate dal termine, abbiamo temporaneamente perso pure il secondo posto, ma, tranquilli, le vie dei play off sono “infinite” e, tra le pieghe del regolamento, ho scoperto una possibile, ipotetica, ma fattibile strada percorribile per arrivare alla seconda fase bypassando quindi gli scontri diretti all’interno del girone. Ma veniamo per gradi: sconfitta interna contro il Fano, non meritata, evitabile, ma, da parte mia, nulla da eccepire, né arbitraggi, né rigori, poche cannelle, pochi alibi o proteste inutili: abbiamo perso e, forse, abbiamo toccato il fondo, sia come prestazione sia come risultati (due punti in tre gare, di cui due in casa, assomiglia a un cammino da retrocessione altro che da primato!).

parma fano undici crociato coreografia* La prestazione: 0-1 il risultato finale, se non sbaglio, ho annotato il primo tiro nello specchio della porta esattamente al 72° con Scavone, ben parato dal portiere avversario; 3 minuti dopo la seconda palla gol nitidissima capita a Calaiò che, solo davanti al portiere, si sgagna un gol che sembrava fatto (cose non da lui, ma domenica, evidentemente, non era giornata propizia ): in precedenza, sul finire del primo tempo, a distanza di un metro dalla porta, Nocciolini aveva calciato il pallone in Via Torelli e/o dintorni!!!
L’ultima occasione, con Scaglia, in diagonale ma il portiere para e mantiene il vantaggio.
Closed, game over: ho sentito parlare in sala stampa di una quindicina di occasioni da gol: ribadisco che nello specchio della porta si è iniziato al 72° perché, quelli fuori, a lato, contano poco, un po’ come i soldi del “Monopoli”!

* Top 4: Circa la partita di domenica diventa arduo trovare i migliori però credo che Iacoponi, Lucarelli, Baraye e Scavone abbiano dato buone risposte in campo elevandosi sugli altri compagni di giornata.

* Play off. Partiamo dal fatto che parteciperanno alla seconda fase dei play off :

– le tre squadre arrivate seconde nei gironi;

– le vincitrici degli sconti diretti del proprio girone dalla terza alla decima (pertanto rimarranno 4 squadre ogni girone, 12 in totale)

– e, per ultima, la vincitrice della Coppa Italia nel caso che non abbia diritto ad altre opzioni (quindi esclusa la prima e l’ultima di ogni girone e coloro già partecipanti a play off o play out): ora, visto che la finale di Coppa Italia 2016/2017 sarà Matera-Venezia, si può tranquillamente affermare che entrambe saranno già impegnate, per diversi motivi (una vincerà il campionato e l’altra parteciperà di diritto ai play off) e quindi non potranno, nessuna delle due, aderire come vincitrice (o sostituta) della Coppa Italia: il regolamento, in questo caso, permette alla miglior terza dei tre gironi di partecipare come finalista di questo titolo e, nel caso di questa opzione, oggi il Parma sarebbe favorito rispettivamente di 4 e 5 punti sia sulla terza del girone A che del C. In questo caso parteciperebbero alla prima fase (ad eliminazione diretta) dalla quarta all’undicesima squadra del girone B, appunto come da regolamento. Per salvaguardare l’attuale terzo posto si dovranno guardare sia i propri risultati ma pure quelli degli altri gironi, un po’ complicato, ma fattibile e non troppo remoto: si può fareeeeeeeeeeeeee!

nocciolini parma fano* Il futuro. E’ stato ufficializzato ieri sera un ritiro anticipato (assolutamente non punitivo) verso l’Umbria in modo da cercare di ritrovare umore e ambiente nonché la forza e la compattezza (da grande squadra) tali da proseguire al meglio la stagione per prepararsi ai futuri, certi, play off: in quale posizione di classifica dipenderà dai Crociati e dalle ultime 8 gare, ovviamente.

parma venezia finale inzaghiNon conoscendo a priori le problematiche della Lega Pro (se non solo per sentito dire), dopo 30 giornate, ritengo che, di fatto, sia un campionato duro, difficile, pieno di difficoltà ed insidie, su tutti campi e contro tutte le avversarie; penso pure che non sia tutto da buttare in questo anno calcistico: certo,  non arriveremo perinetti gazzetta di modenaprimi, anche perché, oltre ai nostri errori e demeriti, abbiamo avuto sempre davanti una squadra che ha sbagliato pochissimo, che è stata costruita con solidità, esperienza e lungimiranza e, se oggi è prima, lo merita, nel modo più assoluto: i loro numeri parlano chiaro, 67 punti, 20 vittorie, 7 pareggi, solo 3 sconfitte, 49 gol fatti e 24 subiti. Bisogna pure tributare il merito a costoro, con rispetto ed ammirazione, non hanno mai mollato e, se hanno vinto parecchie gare oltre il 90°, significa anche che, “fino a quando l’arbitro non fischia la fine”, non si molla e si continua a macinare gioco.

* Prossimo turno: domenica 26/03/2017 Gubbio – PARMA ore 16,30, con gli umbri che arrivano da un “Kappotto” 6-0 in quel di Teramo: avranno anch’essi i loro problemi da sbrigare ma, ognuno si leccherà le proprie ferite: giustamente, una volta trovato il problema si deve ottenere il massimo fattibile per risolverlo, presto e bene.

Io sono sempre convinto che la condizione fisica globale sia il primo punto da verificare (ritrovare refresh e brillantezza), subito seguito da una “svegliata generale” nel senso di responsabilizzare tutte le componenti societarie:  giocatori in primis, naturalmente!!

Io, in precedenza, avevo scritto di alcuni scricchiolii legati a prestazioni poco convincenti (seppur vittoriose), che avevano mascherato col risultato le anomalie ma, pure lanciato dei piccoli segnali: Santarcangelo, Venezia, Pordenone, Albinoleffe, Sambenedettese, Feralpi, per poi arrivare all’ultimo trittico (Forlì, Mantova, Fano) attualmente fatale sia ai fini del primo, ma pure del secondo posto in classifica.

Ribadisco che non mi sento di parlare né tanto meno criticare scelte di formazione, sistemi di gioco o presunti torti arbitrali: qualche contrarietà c’ è stata sotto forma di ripetuti infortuni, spesso nello stesso reparto, di prestazioni non all’altezza oppure sotto tono, di errori dei singoli sia in difesa che in area avversaria: fa parte del calcio, errori umani, piccoli o grossi non devono diventare pretesti né alibi: farsi su le maniche, testa bassa e riprendere a vincere, medicina sempre salutare per guarire tutti i raffreddori ed i mal di pancia.

Le altre gare

Pordenone-Lumezzane

Sambenedettese-Reggiana

AlbinoLeffe-Modena

Ancona-Südtirol

Maceratese-Feralpisalò

Mantova-Teramo

Venezia-Santarcangelo

Forlì-Fano

Padova-Bassano Virtus

 

La probabile formazione

Bassi

Iacoponi   Di Cesare   Lucarelli   Scaglia

Giorgino  Scozzarella  Scavone 

Nocciolini  Calaiò  Baraye

 

IMG-20170123-WA0010*Al canton pramszan col veneszian: Ciao mona! Ciao vecio! Te gavevo dito che al Veneszia al moleva miga, i gondolieri ien tosti e son stati braviiii!  Putosto voatri sti tenti al second post, mo anca al terso ! Se moli’ apena as reva na frana grossa ! Speremo de trovarse in Serie B; si si ti va avanti e spetta che rivema, prima o po a rivema, an so miga a che ora… mo rivema !!                    

E chi non salta con noi cos’è?  E’ un bagolon, è un bagolon!  E chi non salta con noi cos’è? E’ un bagolon è un bagolon !!!

Dai Campett ed Via Szarott, av salut bomben,

Mauro “Morosky” Moroni

Stadio Tardini

Stadio Tardini

48 pensieri riguardo “Parmaland 1913 di Mauro “Morosky” Moroni / Né csema miga: do you like play off ? il primo posto del girone è in banca. A Venezia…

  • 22 Marzo 2017 in 08:19
    Permalink

    Il campioonato è andato a puttana.
    Ripartire dai play off con una mentalità diversa.
    Se falliamo la lotteria dei play off presumo che molti giocatori attualmente in rosa, cambieranno casacca
    Recuperiamo energie, ai play off dovremo andarci con la mente libera e con una preparazione atletica adeguata.
    Ora non vibreggiamo fisicamente in piedi e con.la testa non ci siamo proprio.

  • 22 Marzo 2017 in 12:03
    Permalink

    Continuo a ritenere certe gare del Venezia poco limpide. Ripeto guardare la parita di lunedì. Il gola dopo 7 minuti, il pareggio da mai dire goal casualissimo e il 2-1 al 94′. Gara simile ad altre.

    • 22 Marzo 2017 in 13:40
      Permalink

      in un certo senso l’ho pensato anche io…
      dopo le tue affermazioni vorrei metterci anche :
      il gol non gol a Santarcangelo, e un altro che non mi ricordo con chi
      l’espulsione stupida (ma dubbia ) contro il venezia al ritorno,
      il rigore dell’altro giorno su giorgino (che non è un alibi)…
      purtroppo le annate a volte vanno così…
      non credo che ci sia bisogno di dover a tutti i costi far tabula rasa…

    • 22 Marzo 2017 in 17:00
      Permalink

      Stessa cosa che ho scritto io…

  • 22 Marzo 2017 in 12:21
    Permalink

    Morosky purtroppo siamo ai titoli di coda…….
    Anche se ce la vogliono fare bere, è stato un anno disastroso a partire da luglio. Adesso il problema sarà riuscire ad avere ancora l’entusiasmo che eravamo riusciti a costruire……
    Molta gente è navigata e credo che ormai sia palese per tutti che i play off saranno l’ennesima delusione. Poi vedremo che parole verrà a conferire FERRARI…..

  • 22 Marzo 2017 in 13:04
    Permalink

    Comunque vada quest’anno mi auguro che non si spenga quell’entusiasmo che ci ha reso unici in Italia.
    Io penso che se non ce la faremo quest’anno NON POTREMO SBAGLIARE IL PROSSIMO ANNO per non disperdere veramente questo tifo non da Lega Pro ma da serieA.
    Ecco perché dovremo scegliere per il prossimo anno se non ce la faremo quest’anno giocatori MOTIVATI e l’allenatore dovrà senza pietà eliminare dal progetto tecnico quei giocatori che voluti da lui lo hanno deluso anche perché se non ce la faremo quest’anno e nemmeno il prossimo, a D’Aversa non penso gli verrà concesso un terzo anno quindi in futuro per la scelta dei giocatori NON SI POTRA PIÙ SBAGLIARE. D’Aversa e Faggiano NON POTRANNO PIÙ SBAGLIARE.
    Io spero che quello che è successo nell’ultimo giorno di mercato e che cibha privato di 2 attaccanti che non sono stati sostituiti.
    serva d’esperienza per un prossimo futuro

  • 22 Marzo 2017 in 13:41
    Permalink

    @moroni scusa se ho capito bene dal tuo articolo la migliore 3a
    va alle semifinali???

  • 22 Marzo 2017 in 14:07
    Permalink

    RISPETTO, meno male che i tifosi del Parma non sono tutti come te, altrimenti il calcio a Parma sarebbe finito da un pezzo…mo che lavor

  • 22 Marzo 2017 in 14:50
    Permalink

    X JOE ..

    A dire il vero, dopo che si era andati in “stampa”, mi era sorto il dubbio, tutt’ora non fugato;

    Mi sono riletto, tra le pieghe del regolamento play off, il passaggio inerente la vincitrice di Coppa Italia che, come tutti sanno andrà alla seconda fase come 16^ squadra.

    Finale coppa : VENEZIA MATERA

    Il Venezia o vince il girone e va in serie B direttamente oppure arriva seconda e passa alla seconda fase direttamente

    Il Matera, se arrivasse secondo accederebbe direttamente alla seconda fase ….e, se arrivasse terza – e qui sta il punto – dovrebbe accedere alla prima fase CORREGGETEMI SE SBAGLIO MA PER ME E’ POCO CHIARO !!!

    A quel punto si dovrebbe guardare, tra le terze dei gironi quella che ha conseguito il miglior punteggio e da li ..passare appunto alla seconda fase come ” COPPA ITALIA ” ma pur continuando a leggere il regolamento mi suona strano e temo, purtroppo per il Parma, che il Matera, con qualsiasi posto oltre il secondo
    nel suo girone vada, di diritto alla seconda fase ( sia che vinca sia che perda la finale di coppa )

    …era un quesito che mi ero già posto 1 mese fa..quando vedevo gli stenti dei crociati …mah dai ragazzi..
    teniamo duro pure noi….cercando di arrivare secondi e di puntare alla seconda fase dei play off come seconda chance…
    non ci resta che questo ..!!!

    • 22 Marzo 2017 in 15:21
      Permalink

      Il Matera se arriva alla fine del campionato posizionato dal terzo posto in poi sino al quindicesimo, accede direttamente alla seconda fase, sia che vinca sia che perda la finale di Coppa Italia (non penso che il Venezia possa finire oltre il secondo posto nel suo girone) ed il suo posto alla prima fase dei play off sarà preso dalla 11ma del suo girone, se la sua posizione finale era compresa tra la terza e la decima.
      Solo se il Matera (come ovviamente il Venezia) arriva primo o secondo nel suo girone, accede direttamente alla seconda fase la migliore terza dei tre gironi ed a quel punto viene inserita alla prima fase l’11ma del girone della migliore terza.
      Spero di essere stato chiaro.

  • 22 Marzo 2017 in 15:06
    Permalink

    sempre con molto RISPETTO ( per tutti )

    Io credo che, da tempo, si debba lasciar perdere il fatto di rievocare il passato: questa squadra, con questa nuova gestione, è arrivata a 3 punti dal Venezia ( 20^ giornata quando loro hanno perso a Forlì ), ha tenuto botta per 7 gare a meno 3 ( con tutti i nuovi acquisti in rosa , 3 dei quali, FRATTALI MUNARI E SCOZZARELLA hanno iniziato a giocare dal 22 gennaio contro il Santarcangelo ) e, alla 28^ ha pareggiato col Forlì: da li è inutile ricordare cosa è successo ..siamo andati a 10 punti MA LUGLIO NON C’ENTRA + RAGAZZI e nemmeno il QUARTETTO ESONERATO : punto a capo, il loro capitolo si è chiuso dopo 1-4 in casa col Padova, 14^ giornata.
    Il dopo è un capitolo nuovo !!!
    SETTE PUNTI LI HA PERSI QUESTA SQUADRA, CON QUESTI GIOCATORI, CON QUESTI DIRIGENTI..

    Certo, la partenza è stata ad handicap ma…era al 8 dicembre ..cavolo ..sono passati 3 mesi e mezzo ….

    • 22 Marzo 2017 in 17:49
      Permalink

      …io invece moroni sempre con tantissimo RISPETTO vorrei ricordarti che nella partita contro il Forli si giocava per 9/11 con la squadra creata a luglio per colpa di infortuni che hanno a mio avviso dato il colpo di grazia a questa squadra…perchè ricordiamocelo bene fino alla partita precedente dove si era vinto male ma tenendo botta in partite complicate…noi tutti tifosi dicevamo che la squadra costruita a Gennaio era la migliore del girone…gli infortuni hanno segato le gambe alla squadra in quanto è tornata a giocare con la squadra creata ad Hoc dai 4…io purtroppo reputo il 90% delle colpe a Scala e compagni….

      • 23 Marzo 2017 in 11:02
        Permalink

        Forse tenere Guazzo avrebbe giovato… È stato un errore lasciarlo (o direi.costringerlo dato che non veniva mai impiegato) andare via

  • 22 Marzo 2017 in 15:12
    Permalink

    Siamo tutti rimasti scottati, arrabbiati, delusi: io, te, noi
    i giocatori, i tecnici di prima, i dirigenti di prima e quelli di oggi: in tanti hanno commesso errori
    in primis i giocatori ( i gol li fanno e li sbagliano loro )
    ma poi tutta una serie di circostanze:

    tiriamo una riga, si prepareranno per i play off sperando che riescano a gestire al meglio..
    1) queste rimanenti 8 partite
    2) il recupero di tutta la rosa
    3) tutti gli impegni, la pressione e la parte atletica..
    4) varie ed eventuali…non credo che andare a Fatima, Lourdes o altrove serva molto..non credo a queste robe da ..bassa creduloneria bigotta

    credo ai fatti, alla realtà, concretezza, grinta e cinismo …
    e pedalare, come sempre..!!!

  • 22 Marzo 2017 in 15:16
    Permalink

    Ho letto il regolamento dei play off e se non ho capito male se anche arrivassimo terzi, dovremmo fare una sola partita in piu tra l’altro in casa e contro la decima del nostro girone….Quindi non capisco quale sia quel gran vantaggio di arrivare secondi…..

  • 22 Marzo 2017 in 15:31
    Permalink

    Provate a pensarci:

    se io fossi un calciatore di una squadra avversaria, arrivo al Tardini ( indipendentemente dagli impegni di classifica, alta o bassa che sia )..10.000 spettatori, squadrone avversario costruito dichiaratamente per la serie B; alla lettura delle formazioni..

    BASSI, MUNARI, LUCARELLI, CALAIO’ …tanta serie A
    IACOPONI, DI CESARE, SCAVONE, SCOZZARELLA tanta serie B
    e gli altri…tanta serie C

    LE FORZE SI CENTUPLICANO, L’IMPEGNO PURE, LA GRINTA ANCHE … ed ogni pallone diventa l’ultimo sul quale andare a fare takle, ogni corsa è per arrivare primo sulla sfera, ogni recupero è alla morte..
    sembra strano ma è così.. anche per dimostrare agli altri, ma pure a se stessi..che si può almeno provare a competere contro i ( presunti o tali ) + forti in campo: nomi, curriculum, esperienze, gol vittorie, piccole o grandi squadre… tutto

    questa è la realtà , questo è quanto hanno fatto tante squadre sia all’andata che al ritorno:

    4 modena
    6 lumezzane
    4 santarcangelo
    1 venezia
    6 pordenone
    6 albinoleffe
    4 sambenedettese
    3 feralpi
    4 forlì
    4 mantova
    3 fano

    3 GUBBIO
    1 maceratese
    0 padova
    0 ancona
    0 bassano
    3 sud tirol
    1 teramo
    3 REGGIANA

    ho ricordato solo i punti fatti ma le prestazioni sia contro le prime due che contro tante piccole sono state deludenti…
    non ho altro da scrivere …
    play off E BASTA …SE NO ….NAL SO MIGA

    • 23 Marzo 2017 in 11:06
      Permalink

      Allora, se gli altri tirano fuori la.grinta ma sono cmq di serie C, sarebbe stato meglio se gli ex A e B che ora militano nel parma avessero tirato fuori gli artigli e le doti che li avevano fatti stare nelle serie maggiori…le doti di questi ultimi dovevano essere superiori alla grinta degli altri ma ultimamente cosi non è stato…

  • 22 Marzo 2017 in 15:38
    Permalink

    NO INFATTI …terza contro decima NON DA GROSSE NOIE
    ma dopo cè già il tabellone precompilato ..
    questa vincente della 3° contro 10° ( 14 maggio ) del nostro girone incrocia in andata e ritorno ( 21/ 24 MAGGIO ) la vincente della 4° contro la 9° del girone C ( oggi juve stabia e fidelis andria ma ci sono pure matera casertana e cosenza coinvolte ..e non sono campi facili …come il Tardini )

  • 22 Marzo 2017 in 15:46
    Permalink

    Mauro non voglio contraddirti ma se il parma vince andra ad affrontare la vincente fra la 5 e l’8 del girone A (Giana Erminio, Piacenza, Renate e Como) non proprio il real madrid. Se abbiamo paura di affrontare questi turni è meglio stare a casa da subito….

    • 22 Marzo 2017 in 17:51
      Permalink

      …tu non hai capito come va inteso il calcio…
      non si tratta di aver paura o meno..ma si tratta del fatto che ogni partita ha una sua storia…vedi Fano Forlì e Mantova…

  • 22 Marzo 2017 in 15:47
    Permalink

    Sinceramente il parma puo’ arrivare anche terzo e non cambierebbe molto…. Le partite difficile arriverebbero comunque dai quarti di finale…

  • 22 Marzo 2017 in 15:58
    Permalink

    Massari …hai pienamente ragione

    ed io …avevo cannato di brutto
    anche perchè non sarebbe stato logico che chi arriva in finale di coppa ( anche perdendola ) non possa poi accedere alla seconda fase ;

    falso allarme …mo tanta ..partida + partida meno …dopo se ne fanno 2 in 3 giorni …

  • 22 Marzo 2017 in 16:08
    Permalink

    Io ciapè la tramontana ..

    hai ragione RISPETTO

    se il Parma arrivasse terzo, vincendo poi contro la nostra decima ..
    andrebbe ad affrontare la vincente tra la 5° e 8° del girone A
    esattaemnte le squadre ( in questo momento) che hai citato tu..

    sto perdendo dei colpi..!!http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_cool.gifhttp://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_cool.gif

  • 22 Marzo 2017 in 16:52
    Permalink

    Caro Mauro, Tu dici che gli avversari contro di noi moltiplicano le forze (io direi che moltiplicano anche i falli vedasi Succi del Forlì che avrebbe dovuto prendere 8 giornate) e siamo tutti d’accordo. Contestualmente però io ho notato che al di là della compattezza, bla bla gli stessi avversari contro la Tacopina gang queste stesse forze le azzerano. Eppure anche loro, anzi soprattutto loro sono partiti per vincere. In estate mentre i biologici trattoranti si perdevano nelle sabbie mobili dell’Ata hotel di Milano senza avere un argano che tirasse fuori il trattore e farneticavano di “squadra fatta per competere, non per arrivare prima” (ricordate bene) Perinetti&Tacopina senza mezze misure sostenevano di essere i più forti. E’ quindi molto strano questo atteggiamento dei peones avversari. Uccidono noi che siamo partiti umili e “per comptere” e si scansano con gli arroganti lagunari?Boh. Ripeto la partita del Bassano di lunedì sera è emblematica.

    • 22 Marzo 2017 in 18:06
      Permalink

      credo anche io che ci sia qualcosa sotto…ma vabbeh ormai è andata…

  • 22 Marzo 2017 in 16:56
    Permalink

    Non credo che dipenda dalla posizione di arrivo ma da come ci si arriva ai play off.
    In linea puramente teorica arrivare secondi o terzi non fa una gran differenza c’è ovviamente una partita in più se arrivi terzo, ma è in casa contro la decima e basta il pareggio per passare il turno, ovvio se poi esce una partita come contro il Fano vai fuori, ma se ci si arriva così si fa poca strada anche se si è secondi.
    Non cambia neppure al secondo turno perchè se arrivi secondo incontri la vincente 6-7 girone A, mentre terzo incontri la vincente 5-8 girone A, parliamo di squadre tipo Giana Erminio, Piacenza, Renate e Como, con partite di andata e ritorno con il ritorno in casa e bastano anche qui due pareggi per passare il turno.
    Il problema vero di questi play off arriva ai quarti, perchè hanno deciso di fare un tabellone, quattro da una parte e quattro dall’altra con sorteggio integrale senza tenere conto della posizione di classifica, quindi può capitare di trovare, se ti va male la sorte, dalla tua parte la Cremonese o l’Alessandria, il Foggia o il Lecce ed il Padova, mentre dalla parte opposta si trovano il Livorno, l’Arezzo o la Reggiana, la Juve stabia o il Pordenone ed il Matera o viceversa se la sorte ti è a favore.
    Il bello o il brutto dei play off è che non sempre la migliore vince, però se giochi bene le probabilità di vincere aumentano.

  • 22 Marzo 2017 in 17:28
    Permalink

    Non sono del tutto convinto che nel secondo turno la partita di ritorno sia in casa……

    • 22 Marzo 2017 in 17:51
      Permalink

      Prima era a sorteggio poi è stato modificato dal Consiglio Federale nella riunione del 19 luglio 2016, pubblicato con COMUNICATO UFFICIALE DELLA FIGC N. 38/A DEL 4 AGOSTO 2016

  • 22 Marzo 2017 in 17:58
    Permalink

    così sarebbe ancora in auge la teoria che contro di noi si dannano e gli altri li lasciano vincere?

    Anche noi con la Juventus ce la mettevamo tutta e allora? Mica la Juve si grippava per questo, mi pare.

    premesso che Tutti giocano per vincere, anche all’oratorio.,
    faccio presente che la rosa del venezia vanta fior di giocatori che sicuramente si sono meritati sul campo le vittorie altro che palle

    e noi ancora qui a piangerci addosso:
    ” si ma loro li hanno aiutati..”

    questi i giocatori del venezia con le precedenti esperienze

    FACCHIN b a,
    MALOMO b
    DOMIZZI a
    MODOLO b a
    GAROFALO b a
    PEDERZOLI b
    BENTIVOGLIO b a
    SOLIGO b
    STULAC a
    FERRARI b
    FABIANO b
    MARSURA b
    MOREO b
    GEIJO b a

    • 23 Marzo 2017 in 11:14
      Permalink

      Hai ragione,….
      Per me la differenza reale l ha fatta la.condiZione dei loro giocatori e quella dei nostri. I nostri fin da inizio stagione non correvano (ma l.arrivo del nuovo staff ci ha messo una pezza) e abbiamo avuto infortuni…gli altri mi risulta corrano a perdifiato e siano in ottima forma dalla prima di campionato ad oggi

    • 23 Marzo 2017 in 12:30
      Permalink

      Bravo, evidenzialo a tutti gli scienziati del “abbiamo sbagliato pertchè in c ci vogliono giocatori da c”

  • 22 Marzo 2017 in 18:41
    Permalink

    Non capisco a che pro sparare delle balle colossali

    La partita col Forlì l’abbiamo vista e la formazione la conosciamo tutti

    Bassi; Iacoponi, Lucarelli, Di Cesare; Mazzocchi, Scozzarella, Corapi, Nunzella (1′ st Ricci); Scaglia (41′ st Giorgino), Baraye; Calaiò

    NUOVI : Bassi, Jacoponi, Di Cesare, Scozzarella, Scaglia

    Menzione a parte Baraje e Calajò e magari anche Nocciolini che evidentemente fanno parte dei disastrosi acquist dell’ odiato gruppo di biologici

    Ricordo a tutti, inoltre, che siamo andati in fretta (grazie anche al pronto efficace intervento di D’aversa) a -3 con “quei poveretti” quei ” fardelli” di inizio stagione, vincendo 4 partite e pareggiandone 1

    e ricordo solo per la cronaca che abbiamo perso il TRAM della B nelle ultime 3 partite

    • 22 Marzo 2017 in 20:13
      Permalink

      Colpa mia effettivamente!!!non ne ricordavo cosi tanti in campo…mi ricordavo solo di scaglia e bassi…forse perché scozzarella (che ritengo un buon giocatore) e iacoponi non mi hanno impressionato più di tanto…
      Per il resto sul fatto che ci sia un complotto contro di noi mi sono spiegato male…però ci sono cose strane come dicevo ieri..cpn i due gol non gol dati nel girone di andata saremmo comunque a meno 4…
      Io su nocciolini esprimevo giudizi positivi già da metà serie d…
      Su calaio ho sempre detto che era un ottimo acquisto e su baraye dissentì solo sulla posizione…
      E comunque si abbiamo buttato via tutto contro le ultime tre della classe…su questo sono d accordissimo!!!

  • 22 Marzo 2017 in 20:48
    Permalink

    Mo basta con stò caos creato apposta da ki comanda la lega pro

    Bisogna tornare alla vekkia serie C con 2 gironi etor ke canelì

    Forse ci vuole qualke scienziato meno pagato dai là

  • 23 Marzo 2017 in 00:47
    Permalink

    arrivati a questo punto terzi o secondi conta poco meglio prepararsi al play off coon cura fare ruotare i giocatori fare riposare calaio’ e baraye cercare di recuperare bene gli infortunati e fare una preparazione adeguata …………comunque ho guardato la rosa del venezia e debbo dire ch e ‘ nettmente inferiore a noi per cui sara’ questione di manico o di personalita’ dei giocatori i ns non sono mai stati squadra….. per i play off direi parma padova cremonese e lecce se la giocheranno pero’ le altre squadre sono inferiori ma non di troppo per cui dipende dallo satto di foma il como di 2 anni fa insegna …..per capirci se parma e piacenza si incontro e il piacenza e al 90% di forma il parma al 70 % il piacnza puo passare il turno ecco perche’ e importante non sbattersi per il secondo posto ma cercare la forma massima per quel periodo

  • 23 Marzo 2017 in 10:08
    Permalink

    Adesso che il Venezia è promosso con un buon margine sono certo che qualche avversario non si scanserà più e ne perderanno un paio (chiaramente sconfitte ininfluenti). Se vogliamo scommettere. Ripeto fino alla noia. O Perinetti è un veggente o in estate aveva già previsto tutto. Ovviamente il Parma nato in estate gli ha provocato un orgasmo, però..c’è sempre qualcosa che non mi torna.

  • 23 Marzo 2017 in 11:46
    Permalink

    quindi secondo la teoria del COMPLOTTO il piano di questo altro famigerato TRIO ha avuto successo.

    che PIANO Avevano?
    Con chi lo hanno attuato?
    In che modo?

    Si può supporre che si sono riuniti in una specie di spelonca, nottetempo, tutti quelli del girone B per mettere a punto una strategia che potesse fermare il tanto “odiato” Parma. ?

    Come no? VEROSIMILE davvero.

    Credo che essere incazzati per questa situazione che ci vede a – 10 sia umano e comprensibile,
    essere frustrati perchè non è andata come volevamo è di nuovo comprensibile,
    odiare chi ci ha battuto quindi insultarli in ogni modo permette di avere uno sfogo anche se infantile ed è ancora comprensibile.

    Poi però parlare di complotto … non ho parole.

    Se il Venezia mollerà un pò e dico SE (vista la mentelità che hanno cioè NON arrendersi mai) sarà perchè con il margine che hanno potrebbero perdere LORO sì un pò di concentrazione.

    Se noi gli stavamo a -3 allora sì che era tutta da vedere altro che complotto del cavolo.

  • 23 Marzo 2017 in 12:38
    Permalink

    Beh il piano può essere molto banale e se leggi la storia del Presidente di Brooklyn ci puoi arrivare da solo. Di soggetti con valigette piene di fogli colorati ne abbiamo avuti a bizzeffe in serie B, figuriamoci in Lega Pro. Non c’è bisogno di nessuna spelonca, ma basta una busta piena. Io siccome non mi sono MAI fidato del duo al timone dei lagunari mi sono guardato tutte le loro partite fin dalla prima giornata e ti posso garantire che se le confronti con le nostre, c’è una netta differenza sia nell’atteggiamento degli avversari, sia nell’atteggiamento arbitrale. Ti posso anche dire che seppur li biasimo per l’atteggiamento di killeraggio fisico che hanno mostrato qui al Tardini la sola squadra che ha avuto lo stesso identico atteggiamento contro di loro è stato il Forlì. E infatti il Venezia non a caso ha perso. Se guardi le ultime partite giocate contro Bassano e Pordenone siamo al limite del grottesco. E per favore non facciamo quelli che vivono sulla luna. Siamo in Lega Pro, provate a leggere un pò di cronoca giudiziaria delgi ultimi 10 anni.

  • 23 Marzo 2017 in 12:39
    Permalink

    E sono pronto a scommettere adesso in un paio di sconfittucole ininfluenti.

  • 23 Marzo 2017 in 13:06
    Permalink

    per dire la verità anche io mi sono visto delle partite del venezia, non tutte perchè non avevo quella gran voglia di comprarle tutte e di registrarle visto che Il Parma é davanti a tutto e non potevo fare le 2 cose contemporaneamente calcolando anche i tempi che ho speso in giro per le trasferte,

    Non ci ho visto niente di che se non una squadra che ci crede fino all’ultimo, che non molla esattamente come il suo allenatore lo era da calciatore, ma io ho una forma mentis diversa e non passo il tempo a fare speculazioni.

    Non mi interessa parlare dei dirigenti del Venezia non mi interessa parlare di partite vendute e comprate anche per carità di patria.

    Mi interessa parlare di calcio giocato.
    Mi interessa capire perchè non abbiamo vinto contro squadre di bassa classifica, perchè abbiamo faticato sempre o quasi con tutti, ripeto bastava non TOPPARE queste ultime 3 partite visto che non era nemmeno un’impresa non farlo, ed eravamo ad un passo. Questo conta,

    Il mea culpa lo dobbiamo fare noi.

    Per inciso dopo 7 VITTORIE consecutive che è un RECORD non ci vuole una cima per immaginare che questo filotto per il Venezia potrà interrompersi
    e se noi eravamo a -3…..

  • 23 Marzo 2017 in 14:16
    Permalink

    ecco, il Gomblotto. Questo di ha battuto, non il Fano o il Venezia o il Feralpi Salò all’andata.
    Gontro il Gomblotto, se c’è, allora nemmeno i cesenati potevano far nulla…

  • 23 Marzo 2017 in 14:47
    Permalink

    ritengo che e’ ora di dire stupidaggini ma dove sono i complotti !!! il venezia e’ piu forte e stop anche a parma sono venuti qui il 2 tempo hanno giocato ad una porta e dopo il goal che qualunque squadra si sarebbe accontentata hanno preso loro la palla velocemente perche’ volevano vincere e infatti…….a venezia il 2 tempo non abbiamo passato la metacampo una volta !!!! signori eravamo in 10 ma io ne ho viste di parite ma di squadre che ci hanno schiacciato come loro mai visto non abbiamo fatto un contropiede che sia uno !!! ecco la differenza e li loro aggrediscono pressano le squadrette come hanno fatto con noi e le squadrette vanno in titlt altro che si scansano ……..e poi la storia che gli altri fano la partita della vita contro di noi !!! e allora ? la juve e 7 anni che gli fanno la partita della vita contro ma vince cois il milan ai suoi tempi o l’inter ecccc se non siamo buoni di avere la cattiveria agonistica non e’ colpa degli altri !! gli arbitraggi hanno fatto errori come favori a noi come al venezia eccc tra l altro e quella con meno rigori a favore delle prime quindi smattiamola di palrare di complotti

    • 23 Marzo 2017 in 15:44
      Permalink

      Io penso che e proprio quello che non sappiamo fare bene, il contropiede. Sinceramente non ne capisco il perche siccome i giocatori veloci ce li abbiamo e quelli coi piedi buoni a lanciargli la palla, pure. L’unica ragione che mi viene in mente e che nessuno si vuole prendere la colpa dei suoi demeriti.

      • 23 Marzo 2017 in 18:56
        Permalink

        La tendenza è quella di portare la palla.
        C’è sempre un tocco in più.

        Nota come siamo impacciati nelle transizione fra fase difensiva e fase offensiva, spesso non riusciamo a concludere l’impostazione arrivando anche a ripassare indietro al portiere, per cui anche il contropiede essendo troppo schiacciati non riesce

        Il lancio del contropiede lo dovrebbe in genere fare il regista che è quello che ha la visione del gioco, ha il piede e i tempi giusti, in linea di massima

        La squadra regina del contropiede era l’Inter di Herrera (anni ’60) tutti i suoi contropiedi partivano da Suarez, il suo regista.

        Mi ricordo per quello che ci riguarda il contropiede di Reggio quando Corapi l’ha data a Baraye che poi ha fatto tutto da solo, non ne ricordo altri, ma ce ne sarà qualcun altro spero.

  • 23 Marzo 2017 in 19:02
    Permalink

    Il Bassano ha fatto la partita della vita contro il Venezia?Ma ripeto l’avete vista la partita o parlate per slogan?Cazzo allora il Chelsea di Conte si è trasferito in laguna se voi vedete questa grande intensità e qualità nell’undici di Perinetti. Allora sono dei fenomeni non me ne ero accorto.

  • 23 Marzo 2017 in 19:04
    Permalink

    Ripeto io le ho viste TUTTE e spesso nei primi tempi il Venezia a giocato malissimo senza intensità con la differenza che gli avversari passeggiavano e non so travestivano da killer.

  • 24 Marzo 2017 in 22:30
    Permalink

    Chilù le un dietrologo dabò

I commenti sono chiusi.