Parmaland 1913 di Mauro “Morosky” Moroni / Nel segno della M (prima Mantova, poi Modena). L’8 Marzo, il giorno dopo

 

copertina parmaland

mauro moroni morosky ritratto autore(Mauro “Morosky” Moroni) – Oggetto: come recuperare 5 (+1) punti in 10 partite alla capolista? Sono già stati ampiamente disquisiti in tutte le sedi i motivi e le vicissitudini che hanno portato alla classifica attuale con lo svantaggio pure degli scontri diretti, quindi, cercando di tentare di aggrapparmi sugli specchi delle presunte difficoltà nostre, ma pure altrui, vorrei cercare di trovare partite o punti deboli legati al cammino dell’avversaria arancio nero verde. Sinceramente il compito credo che sia molto impegnativo e difficoltoso in quanto, primo non dipende solo dai Crociati e dalle loro performance vittoriose, e, secondo, appunto, bisogna sperare nell’aiuto “involontario” degli antagonisti, sotto forma di calo fisico, di flessione di rendimento e risultati (vedi Alessandria nel girone A che ha dilapidato un vantaggio iniziale che era diventato stratosferico sulle inseguitrici).

La prossima giornata: 10^ di ritorno, 29^ di campionato – domenica 12/03/2017

                                            punti   partite    vinte     nulle     perse    gol ft    gol sub  diff reti

VENEZIA 61 28 18 7 3 46 23 23
PARMA 56 28 16 8 4 45 28 17

Mantova – PARMA, ore 14,30

                                   punti   partite    vinte     nulle     perse    gol ft    gol sub  diff reti

MANTOVA 29 28 8 5 15 26 39 -13

                                            Ultime 12 gare Mantova          tot punti 17

MANTOVA 0 3 0 3 0 1 1 0 3 0 3 3

 VENEZIA – Modena,  ore 16,30

                                            punti   partite    vinte     nulle     perse    gol ft    gol sub  diff reti

MODENA 29 28 7 8 13 22 28 -6

                                              Ultime 12 gare Modena          tot punti 17

MODENA 1 0 3 0 3 0 3 0 3 3 0 1

Sulla carta, trattasi di gare con pari difficoltà ed impegno per entrambe le contendenti in quanto le avversarie, appaiate in 15^ e 16^ posizione, con il medesimo score legato alle ultime 12 gare, navigano appena sopra la zona retrocessione e quindi affamate di punti salvezza.

Ritengo che il Parma possa esprimersi meglio in trasferta visto che la partita, sempre sulla carta, dovrebbero farla i virgiliani e quindi si potrebbero creare molti più spazi per il gioco di rimessa dei crociati: tutto questo sempre nei pensieri dell’appassionato / tifoso, pensieri e concezioni non avvalorati da oggettivi motivi tecnici di sorta, anche perché, spesso, le partite si incanalano verso dinamiche diverse a seconda di episodi  e situazioni contingenti in ogni gara diversi.

La probabile formazione. Supponendo che il mister voglia ribadire la difesa a tre e vista la buona prestazione di Ricci opterei per la sua riconferma dal primo minuto: con l’attacco, privo di punta centrale per la squalifica di Calaiò, ritengo che il prescelto possa essere Baraye e, salvo giocatori recuperati anticipatamente rispetto alle previsioni dall’infermeria, (a tutt’oggi, Coly, Munari, Nocciolini, Frattali),  la formazione dovrebbe / potrebbe essere questa con l’eventuale alternativa Nunzella per Ricci con quest’ultimo per Edera: 

22 Bassi

2 Iacoponi    6 Lucarelli    17 Di Cesare  

7 Mazzocchi   8 Giorgino   13 Scozzarella   23 Ricci (Nunzella)

     32 Scaglia   10 Baraye   36 Edera  (Ricci) 

Visto che la gara in trasferta potrebbe diventare ostica, da non escludere pure il rientro (come laterale di destra) di Garufo con eventuale avanzamento di Mazzocchi nei 3 davanti: come sempre, al mister le scelte opportune .

Dell’ultima ora pure il rientro in gruppo di Scavone: altra pedina importante in un centrocampo oggi fisicamente “leggerino”, bentornato Manuel 29.

Situazione ammonizioni A 10 gare dal termine bisognerà tener conto pure della situazione cartellini gialli (immagino che per la “forse eventuale” fase play off si vadano ad azzerare, ma, per questo, gradirei conferma da chi più informato sul regolamento) che vede attualmente i seguenti ammoniti:

4 GIORGINO, LUCARELLI, NUNZELLA

3 CORAPI, SCAGLIA, SCAVONE

2 CALAIO’, COLY, DI CESARE, NOCCIOLINI, SCOZZARELLA

lucarelli bassi* Valutazione in pillole. Ho letto, tra i commenti, alcuni malcelati malumori circa la prestazione del portiere Bassi: l’azione ed il tiro del gol incassato, dal campo, li ho seguiti da molto lontano (ero dalla parte opposta, esattamente di lato rispetto all’area avversaria) ma, dopo averla guardata più volte in tv, ho l’impressione che il n. 22 non abbia visto partire la palla essendo probabilmente coperto da un difensore uscito a contrastare l’attaccante!

Posizione Zommers: leggo con interesse i commenti di tutti gli articoli e, sul tema portiere, all’inizio (appena arrivato Frattali) pure io avevo storto la bocca pensando che non fosse “giusto” (anche alla luce dell’ottimo campionato precedente) che Zommers passasse, da un giorno all’altro, dalla porta alla panca: il ragionamento viscerale (quindi di pancia) del tifoso non è razionale in quanto (come succedeva a me) si tende ad “innamorarsi” calcisticamente dei propri beniamini e li si vorrebbe sempre in campo e sempre titolari.

Valutato dal punto di vista dello staff tecnico, cioè da tutte le angolazioni e sfaccettature, il problema si risolve in altri termini, con freddezza ed estrema lucidità: hanno ritenuto che si necessitasse (anche per la crescita graduale del ragazzo lettone) di un portiere esperto, pure di categoria superiore, per ridurre al minimo i margini di errore (poi in campo può succedere di tutto anche ad un portiere navigato).

Zommers è un professionista, è un 20 enne molto promettente, è un ragazzo serio e coscienzioso e si è sempre impegnato al massimo sia in gara ma, soprattutto in allenamento dove ha sempre dato tutto per quanto concerne volontà, applicazione ed impegno: alla stregua di questo, una volta infortunatosi Frattali, potendo sfruttare le pieghe del regolamento, la società ha proseguito sulla linea portiere esperto; il ragazzo ha capito ed accettato la strada intrapresa dai responsabili: faccio il tifo per la società, per la squadra e per tutti i giocatori ma, in questo caso, ognuno di loro deve pensare all’obiettivo comune e non al proprio interesse personale che, in uno sport di squadra, deve venire sempre dopo quello del gruppo.

* Provocazione indecente? Esattamente 10 giorni fa, dopo Salò, giusto per dare voce al parere di alcuni tifosi (forse) lungimiranti, anche alla luce del fatto che l’antagonista non perde colpi,  avevo lanciato la sopra citata provocazione: meglio curare il secondo posto, recuperare i lungodegenti e programmare (per quanto possibile) i play off oppure non mollare di un cm la presa continuando a macinare punti e vittorie sperando nel miracolo?

Io credo che il nostro staff tecnico, anche se non verrebbe mai ammesso (forse  giustamente) possa anche aver pensato a questa possibilità: pensarla non significa mollare né aver paura di osare, pensarla, pianificandola, potrebbe essere frutto di un ragionamento intelligente e molto razionale: anche se io faccio tutto il fattibile per l’obiettivo, se gli altri non perdono due gare, io non riesco nel mio intento primario e rischio pure di bruciare energie vitali per le successive gare ad eliminazione diretta: dal 14 maggio a metà giugno circa infatti si apriranno le danze per le 27 squadre qualificatesi dal secondo al decimo posto oltre alla vincitrice della Coppa Italia; sull’argomento ribadisco la mia precedente tesi: dopo le gare del 5 e del 9 aprile (Padova-Parma e Padova-Venezia) i giochi per il primo ed il secondo posto potrebbero essere fatti e terminati li, questo ormai, salvo “terremoti” o eventi sovrannaturali, è il mio parere !!

E da quella ultima data per arrivare a fine campionato mancherà un mese, esattamente 4 partite !!

E chi non salta con noi cos’è ?  è un bagolon è un bagolon !!  E chi non salta con noi cos’è ? è un bagolon è un bagolon !!!

Appendice post 8 marzo 2017: rinnovo gli auguri al pianeta DONNA con alcune vignette ironiche sulle quali sorridere insieme

IMG-20170308-WA0021

coppia

dio creo'

vitello tonnato

terrorista

Dai Campett ed Via Szarott, av salut bomben,

Mauro “Morosky” Moroni

Stadio Tardini

Stadio Tardini

11 pensieri riguardo “Parmaland 1913 di Mauro “Morosky” Moroni / Nel segno della M (prima Mantova, poi Modena). L’8 Marzo, il giorno dopo

  • 9 Marzo 2017 in 13:39
    Permalink

    Se Scavone recuperasse sarebbe grasso che cola. Ci mancano incontristi in mezzo al campo.

    • 9 Marzo 2017 in 18:44
      Permalink

      Il grasso che cola per me è BARAYE.
      Avergli fatto il contratto la dice lunga
      sulla serietà e competenza di questa società
      Questo Baraye è un diamante grezzo
      Se l’orafo sarà bravo a plasmarlo
      diventerà il nostro nuovo Asprilla.

  • 9 Marzo 2017 in 16:16
    Permalink

    E’ passato l’8 marzo

    Allora come risposta all’ironia sulle donne facciamo un pò di ironia anche sul PIANETA uomo
    visto che è il 9 di marzo

    Dovreste smetterla di giudicare le donne dalle tette, ché se queste cominciano a giudicarvi dalle palle, molti di voi sono spacciati.

    Sessualmente, gli uomini sono come le vacanze. Non durano mai abbastanza.

    E la donna fu creata senza palle perché già si sapeva che la sua vita sarebbe stata piena di coglioni

    C’è un decoder che permette di vedere il contenuto del cervello maschile. L’ho comprato e si vedeva tutto buio.
    “Allora funziona”, mi son detta… ”

    Certi uomini hanno il quoziente intellettivo che varia tra i 10 e i 25 centimetri.

    Se si può inviare un uomo sulla luna, perché non si può mandarli tutti?

    Gli uomini si dividono in due categorie: gli uomini che parlano di donne e gli uomini che parlano con le donne.

    Gli uomini sono come gli spermatozoi. Solo uno su un milione è utile.

    Gli uomini sono esseri mitologici. Mezzi uomini e mezzi pirla.

    Un giorno un uomo chiese al genio della lampada di renderlo più intelligente di qualsiasi altro uomo sulla terra. Il genio lo trasformò in una donna.

    Una donna ha bisogno di un uomo come un pesce ha bisogno della bicicletta

    Ovviamente gli uomini conoscono qualunque cosa, tranne le cose che le donne conoscono meglio di loro.

    Nella vita abbondano i maschi, ma scarseggiano gli uomini.

    Un neurone arriva per caso in un cervello maschio. Tutto è nero, vuoto, senza presenza alcuna. “Yu-huuu!” fa il neurone. Risuona nel vuoto, nessuna risposta. “Yu-huuuuuu… c’è nessunoooo?” ripete il neurone. Finalmente dal buio sbuca un altro neurone: “Ehi, che ci fai qua da solo? Siamo tutti giù!!!”

    Gli uomini che stimano la donna uno “strumento” sessuale, sono incapaci di accordarlo.

    Abbiamo ragione di credere che l’uomo imparò a camminare eretto per poter avere le mani libere per masturbarsi.

    Gli uomini sono come una tempesta di neve. Perché non sai quando viene, quanti centimetri ti darà e quanto tempo dura.

    …. manca un aforisma sui terroristi perchè è un argomento su cui non mi va di scherzare

  • 9 Marzo 2017 in 20:58
    Permalink

    Ma perchè sei così incazzata contro un genere che fa quello che può?

  • 9 Marzo 2017 in 22:56
    Permalink

    Non sono incazzata
    questa è stata la mia CHIARA premessa. prendendo spunto dall’articolo di Moroni che avrai sicuramente letto e visto.

    “Allora come risposta all’IRONIA sulle donne facciamo un pò di IRONIA ANCHE sul PIANETA uomo”

    Se vorrai leggere con attenzione quello che sto per scrivere te ne ringrazio.

    Le frasi, come chiunque avrà BEN capito, NON SONO FRASI MIE ma sono SOLO delle BATTUTE IRONICHE per lo più di COMICI, prese dal WEB

    sono tante, non le ho messe tutte, forse ne ho messe troppe, ma intendevo far capire che se volessimo anche noi donne potremmo ironizzare ogni momento sugli uomini, se non lo facciamo è perchè portiamo rispetto

    Alcune sono pesanti e qualcuno si offende?
    Certo che gli uomini si possono sentire offesi!
    ma NELLO STESSO MODO ci possiamo sentire offese ANCHE noi donne
    quando parlate di noi pubblicamente come “coppa 4 o 5” e altre cose del genere
    Questo dovrebbe far capire come si dovrebbero “festeggiare” le donne, per chi lo vuole fare DAVVERO, rispettandole come esseri umani e di UNO STESSO PIANETA.

    Non serve a nulla usare frasi di circostanza l’8 marzo se non si passa al concreto, cioè al “rispetto vero” che si manifesta anche nelle piccole cose, come una vignetta o una battuta

    Per semplificare, prendendo spunto da quello che ho scritto, potrei riassumere:

    Gli uomini fanno IRONIA sulle DONNE
    tanto per RIDERE un pò INSIEME

    e VA BENE.

    se sono
    le donne a fare dell’IRONIA sugli UOMINI
    tanto per RIDERE un pò INSIEME

    NON VA PIU’ BENE

    questo era il mio intento, e adesso l’Amministratore se vuole può togliere il mio elenco di battute. Quello che volevo dire l’ho detto

  • 10 Marzo 2017 in 08:36
    Permalink

    Mafalda buongiorno, non era assolutamente mia intenzione fare ironia nè becera nè fuori luogo:
    personalmente, partendo da mia madre ( prima ancora le mie nonne ) ho il massimo rispetto per il genere femminile;
    l’8 marzo è solo una festa commerciale che serve per vendere mimose agli angoli della città e pure dai fioristi: giustamente, chi ha stima del genere umano ( donne e uomini per me sono uguali, ma forse gli uomini un pò meno ..!! ) rispetta sempre il medesimo..
    non faccio distinzioni tra donna avvocato o uomo netturbino così come donna delle pulizie o ingeniere nucleare …
    ..
    al di la delle mie vignette ironiche ( pure le mie arrivano da internet )
    ribadisco il rispetto in tutti i sensi per il genere femminile ( indipendentemente dalle misure, forme, età, quarte o quinte coppe ..)
    ..
    gli stronzi ed i collleoni esistono dall’una e dall’altra parte ..
    però la donna la deve smettere di fare la femminista quando vuole lei e poi, nel contempo, fare la F..A..usando armi prettamente femminili e di seduzione ..sempre quando vuole e fa comodo a lei..!!
    .
    personalmente ho un buon rapporto col genere ..vivo e lascio vivere..
    ..la mia replica risponde , a solo titolo personale, per ciò che penso io e che volevo significare con le vignette ..
    nulla di + di un sorriso come io fatto con le tue….
    ..
    mancava questa che l’Amministratore non ha messo:

    DIO PRIMA CREO’ L UOMO E POI LA DONNA : SBAGLIANDO SI IMPARA …

    potremmo andare avanti all’infinito ma ..di fatto..nella realtà ..la società e’ maschilista e..non l’ho certo inventata io ..
    ..
    replica tanto per chiarire il mio pensiero…non sulle donne ma sul genere umano..
    ..
    ognuno di noi ha pregi e difetti, vizi e virtù..
    non mi sento nè superiore ma nemmeno inferiore a nessuno..
    ognuno ha la propria storia, vita, educazione e concezione della medesima..
    .
    ..mi sento pure con la coscienza a posto ..sia verso le donne sia verso gli uomini..
    rispetto perchè voglio essere rispettato..
    ciao Mafalda ..buona giornata a te…pure oggi..10 marzo

    mauro moroni

  • 10 Marzo 2017 in 08:51
    Permalink

    p.s. la prima immagine, quella che ritrae la signora con la nipote, non è un immagine messa a caso o trovata su internet: trattasi di persone molto importanti per me, in senso assoluto, affettivamente e mentalmente ..
    ecco perchè era la prima ..
    poi, di seguito, ci sta un pò di sana ironia…
    e, comunque, ben venga pure ironia , di ritorno, anche dall’altra parte ..ci si stuzzica giusto per goliardare con simpatia..
    senza maschilismo nè presunta spacciata superiorità..di nessun genere … confermo !!!

    mauro

  • 10 Marzo 2017 in 11:57
    Permalink

    Avevo il mio post sulla partita di domenica e ho trovato il post di Mafalda.
    Ironia per ironia ha messo in evidenza, e lo ha anche spiegato bene, come noi uomini siamo in genere pronti a ironizzare sulle donne anche pesantemnete eccome! anche a sproposito cioè quando non c’entra niente, ma facciamo molta fatica ad accettare le ironie su di noi.

    Dobbiamo ammetterlo, ci danno parecchio fastidio, quindi non si fa fatica ad immaginere che allo stesso modo anche le donne possano esserne piuttosto infastidite.

    Tra le battute ne ho riconosciute molte che ho sentito in tv da comici famosi e alcune credo siano della Litizzetto. Ne ha messe troppe ma voleva sicuramente far notare il diverso metro usato per gli uni e per le altre e credo che ci sia riuscita.

    Personalmente devo dire che io non mi sento offeso (sono battute e alcune sono davvero divertenti, dai) ma ho ricevuto il messaggio e se mi capiterà ci penserò su prima di farle perchè ogni battuta ha il suo contesto infatti a volte ci stanno ma a volte proprio no.

  • 10 Marzo 2017 in 14:23
    Permalink

    Moroni perchè mai ti sei giustificato?
    Parlavamo di ironia o no?
    Si parlava di battute non di esperienze di vita personali.
    Tu hai messo delle battute ironiche sulle donne e io ho messe delle battute ironiche sugli uomini.
    Battute fatte da comici di professione.
    Le hai messe tu, le ho messe anche io.
    Non piacciono quelle sugli uomini? io lo capisco
    a me non piacciono quelle sulle donne quindi?
    Si accettano tutte o non se ne accetta nessuna

    Se ho fatto poi un aggancio alla festa delle donne è perchè lo hai FATTO tu non io e volevo dire che la festa se c’è non deve durare solo un giorno come spesso accade.
    Ammetto anche che ero curiosa di vedere la reazione.
    E la finisco qui

  • 10 Marzo 2017 in 21:19
    Permalink

    Ragazzi, io amo le donne. Mi piacciono proprio tanto, che posso fare?
    Ho un solo neurone

  • 11 Marzo 2017 in 20:25
    Permalink

    Non era una giustificazione ( non so chi sei e non devo rendicontare nessuno del mio operato ) , era solo una spiegazione sui concetti ..se poi due vignette scatenano una piccola piccola “polemica” !!
    Io ho letto le tue, mi hanno fatto sorridere, nel senso che girano su internet, su WhatsApp, è uno di quei giochini…
    x far parlare e far girare commenti oltre che sms..
    ..
    donne e uomini sono uguali ?
    qualcuno è + bravo di qualcun altro ?
    sono quei temi inutili e puerili che non voglio prendere in considerazione + di tanto ..
    ..
    la mia replica, visto che si scrive in pubblico ..tendeva a far capire che …ho comunque rispetto per il genere umano…donna o uomo che sia…

    … punto …anche io la finisco qui …
    ti saluto signora

    mauro moroni

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI