LUCARELLI: “SIAMO I PRIMI A VOLERE CHIAREZZA E PROVE, NON ABBIAMO NIENTE DA NASCONDERE E NON ACCETTIAMO CHE CI DICANO CHE ABBIAMO VENDUTO LA PARTITA” (video)

(www.parmacalcio1913.com) – La prima squadra del Parma Calcio, oggi, al termine della seduta di allenamento pomeridiana, guidata da Capitan Alessandro Lucarelli, il quale ha parlato a nome di tutti i calciatori della rosa Crociata, ha indetto una conferenza stampa. Queste le dichiarazioni del Cap:

Penso sia doveroso, da parte nostra, mettere la faccia, perché da cinque giorni ci stanno riempiendo di merda, E’ giusto che ci mettiamo la faccia dopo tutte le stronzate che sono state dette, fino a ora, da leoni da tastiera e da leoni della penna. Quanto è stato scritto, dopo Parma-Ancona, sono solamente sciocchezze che non valgono nulla. Al giornalista de Il Mattino di Napoli chiedo di fare nomi e cognomi. A chi ha ricevuto la soffiata chiediamo di fare nome e cognome di chi ha detto che il Parma avrebbe perso 0-2. Ci vogliono dati certi prima di sparare certe dichiarazioni. Altrimenti è terrorismo mediatico. E’ troppo facile sparare merda su padri di famiglia, non solo sui giocatori. C’è un organo di controllo che segue questi aspetti, gli chiediamo di aprire un’indagine. Siamo noi che chiediamo di andare fino in fondo a questa vicenda. Se c’è stato qualcosa di anomalo, vogliamo essere noi i primi a saperlo. Metto la mano sul fuoco per tutti i miei compagni. Io sono qui da dieci anni, faccio da garante. Servono dati precisi per fare certe accuse. Non siamo qui per difenderci, siamo qui per chiedere a chi ha fatto certe accuse di portare fatti concreti e non voci. A chi ha scritto certe cose, domando di portare testimonianze e prove. Se c’è qualcuno qui dentro da attaccare al muro io lo attacco, ma voglio che chi sa qualcosa parli. Se ci sono ombre, sono sui flussi delle scommesse, ma non sulla squadra che si è venduta la partita. Qualsiasi cosa vogliano fare gli organismi competenti, noi siamo qui a disposizione. Noi siamo questi qui. Noi siamo aperti. Noi vogliamo essere i primi a saperlo, non abbiamo nulla da nascondere. Io ho tre figli e devo guardarli in faccia. Chi ha fatto accuse, deve portare le prove. Noi non abbiamo niente da nascondere. Ho parlato anche con Tommasi, il presidente dell’Associazione Italiana Calciatori, noi vogliamo fare chiarezza e rassicurare i tifosi. L’indagine del Viminale ? Ho portato qui tutta la squadra apposta, non abbiamo niente da nascondere. Il mio post personale su Facebook domenica sera era rivolto a chi ha detto che ci siamo venduti la partita e, poi, magari, se andiamo in Serie B viene a festeggiare. Era un pensiero solo mio, individuale, non c’entra la squadra. Il problema sono i social, che anche in questa circostanza hanno fatto più danni della grandine. Qualcuno vuole metterci in mezzo e ci sta riuscendo. Abbiamo un campionato da vincere. Vogliamo fare chiarezza per i tifosi, che devono avere la totale fiducia nella squadra. Abbiate fiducia in questa squadra. Ripartiremo per vincere contro il Bassano, per vincere il derby, per andare ai play off e, poi, in Serie B. Noi siamo questi qua. Noi non abbiamo niente da nascondere. Da sabato ripartiremo per vincere tutte le partite rimaste e per vincere i playoff. Dopo cinque giorni di accuse, illazioni e calunnie, era giusto fare chiarezza, oltretutto dopo un articolo come quello pubblicato stamattina da Il Mattino di Napoli”. 

Durante l’appuntamento stampa, sono intervenuti anche l’amministratore delegato Luca Carra e il direttore sportivo Daniele Faggiano.

Le parole dell’ad Carra:

Ci sono ombre anche in molti passaggi nell’articolo odierno de Il Mattino. Si scrive di cifre molto curiose. Se ogni scommettitore ha vinto centomila-duecentomila Euro, il volume di scommesse vinte ammonterebbe a circa quaranta-cinquanta milioni di Euro. Sembra poco credibile”. 

Le parole del ds Faggiano:

Se non si hanno gli attributi, per dire chi ti ha fatto la soffiata, è meglio stare zitti. Mi sembrano strani i conti fatti dal giornale Il Mattino. Con quaranta, cinquanta o sessanta milioni di Euro di vincite, Pozzuoli diventa Montecarlo. Voglio vedere in quanti girano con la Ferrari da domani a Pozzuoli. Il Viminale sta indagando ed è giusto che sia così. Siamo noi i primi a volere che si faccia chiarezza. Voglio, però, sottolineare che nessuno ha detto che venivamo da tre vittorie e che si può soffrire la pressione di un campionato che ti sfugge. Il Crotone ha vinto con l’Inter e tanto di cappello, ma alcuna insinuazione. Se qualcuno ci vuole mettere in mezzo, noi non dobbiamo cascarci”.

VIDEO DAL CANALE UFFICIALE YOU TUBE DEL PARMA CALCIO 1913

Stadio Tardini

Stadio Tardini

33 pensieri riguardo “LUCARELLI: “SIAMO I PRIMI A VOLERE CHIAREZZA E PROVE, NON ABBIAMO NIENTE DA NASCONDERE E NON ACCETTIAMO CHE CI DICANO CHE ABBIAMO VENDUTO LA PARTITA” (video)

  • 13 Aprile 2017 in 23:05
    Permalink

    Notare la provocazione continua di un certo noto giornalista. Lasciamo stare, va. Era roba da sbatterlo fuori dalla sala stampa per l’arroganza dimostrata, come se gli interessasse più di se stesso che del fare buon giornalismo.

    • 14 Aprile 2017 in 03:19
      Permalink

      giornalista per la prima volta in sala stampa visto che non è stato riconosciuto dal DS.

      purtroppo lui (il giornalista) è sempre pungente e negativo verso il parma, esprimerà la sua opinione, sarà anche simpatizzante come dice ma stringi stringi critica sempre.

      dovrebbero smettere di invitarlo alle trasmissioni radio e tv, a palare male del parma ci guadagna pure..

      con questo non intendo che si deba parlare solo bene ma che ci sia equilibrio e non sempre contro.

      mia opinione.

  • 13 Aprile 2017 in 23:36
    Permalink

    Per Lucarelli la causa sono i social che fanno più danni della grandine, spiegategli che l’alert è partito da alcune ricevitorie , mica da Instagram, spiegategli che l’iter di indagini è partito da lì, non da Twitter o il Mattino…

    • 14 Aprile 2017 in 07:35
      Permalink

      Non è ancora partita nessuna indagine. Smettiamola di fare i sensazionalisti che scavano nel torbido.

      • 14 Aprile 2017 in 11:39
        Permalink

        In realtà si, l’iter è partito sabato alle 19.44 per l’esattezza.

        “Emerge da un tabulato telefonico e da una email. Alle 19.44 di sabato scorso, infatti, da Pozzuoli è partita una telefonata con la quale il responsabile locale dei tre centri di scommesse Intralot, Dario Lubrano, segnalava al responsabile trading Italia della società di betting la presenza di «strani personaggi fuori la sede di Licola, sul litorale domitio-flegreo, chechiedevano con insistenza di puntare 100 euro a testa sulla vittoria secca dell’Ancona»,con un gol nei minuti di recupero. In quel preciso momento il server nazionale della Intralot segnalava un warning: in alcuni punti scommesse di Mugnano e Arzano c’erano già decine e decine di puntate strane su quella partita.”

  • 14 Aprile 2017 in 04:36
    Permalink

    caro luca anche a me il noto giornalista mi sta sui ………ma non mi e’ piaciuto l attegiamneto di faggiano e l arroganza nel filmato e’ evidente se non sa chi e’ il giornaista che e’ li da 25 anni si informi prima se non c era majo faceva un altra frittata (peggio dei pisani contro majo e di scala con trupo )ed e recidivo ( dopo pordenone )penso sia meglio che non parli faggiano assomiglia ad un altro ma con molte minor capacita’ …………..e’ meglio che faccia il suo mestiere che finora i risultati non lo premiano con l extra budjet della propieta’ direi sontuoso e strartosferico ….a combinato poco o nulla pensi piu al calcio e meno alle polemiche con giornalisti e altri dirigenti ,detto qusto ho visto molto neervosismo troppo nervosismo e non mi hanno dato una bella idea in questa conferenza stampa forse era meglio che parlasse solo majo ….non hanno dato una bella immagine e non penso abbiano fatto cambiare idea a chi dubitava (non io che non ho dubbi che trattasi di bufala )sicuramnete qualcuno trama e incendia certe situazioni perche i play off si avvicinano bisognerebbe capire chi …..sicuramnte ci temono e dopo perinetti altri inzieranno il gioco psiocologico contro di noi giusto rispondere colpo su colpo visto che perinetti lo abbiamo lasciato dire e alla fine ha vinto lui

    • 14 Aprile 2017 in 09:24
      Permalink

      Faggiano e Lucarelli si sono comporyati da GRAN SIGNORI.
      Mehlio di così non avrebbero potuto difendere la societa’

  • 14 Aprile 2017 in 06:54
    Permalink

    Schianchi arrogante!!

  • 14 Aprile 2017 in 08:07
    Permalink

    Caro Direttore Majo, visto che lei segue il sito la informo che il grande giornalista di Parma andrea schianchi (scritto in minuscolo appositamente) ogni qual volta ci sia da sparar merda sul PARMA è sempre in prima linea. Anche oggi articolo a tutta pagina sulla gazzetta dello sport, che fino a ieri non sapeva neanche dove giocasse il PARMA. Io non voglio credere a nessuno, ne ai giornalisti ne ai giocatori, purtroppo queste cose sono quelle che allontanano la gente dal calcio, PARMA credo poi abbia già dato molto sotto il punto di vista della lealtà. Comunque ogni qual volta che cerchiamo di risalire un metro, scivoliamo giu almeno due, sia nel campionato che in quello che lo circonda. Rimango in attesa di seguire gli eventi, purtroppo questa sarà la scusa nel caso (probabile) in cui ai play off verremo mangiati. Un saluto a tutti i tifosi del PARMA e almeno noi teniamo duro che siamo veramente gli UNICI che amano questa società….

  • 14 Aprile 2017 in 09:48
    Permalink

    Dal mio punto di vista ieri abbiamo toccato veramente il fondo.

    Da Faggiano al nostro capitano.

    La classica tragedia napoletana.

    Ci siamo sempre fatti distinguere da tutti soprattutto

    dai giornali nazionali con eleganza e serietà.

    Bastava una semplice dichiarazione, classica e pacata.

    Capisco l’amarezza del Capitano ma c’è modo e modo.

    Abbiamo fatto proprio la figura del “cioccolatino campagnolo”.

  • 14 Aprile 2017 in 09:53
    Permalink

    Schianchi è come un tumore per la nostra città. Ma qualcuno mi spiega cos’ha questo pseudo giornalista?Perchè gode così tanto a sparare merda ogni qual volta ne ha l’occasione?
    Ma perchè nessuno gli ricorda le sue lingue in bocca con Ghirardi e lo fa tecere definitivamente?

  • 14 Aprile 2017 in 10:06
    Permalink

    Questo è l’articolo tratto dal Mattino di Napoli in edicola questa mattina. A ciascuno le proprie considerzaioni

    POZZUOLI – Il boom anomalo di vincite registrato a Pozzuoli domenica scorsa per la gara Parma-Ancona, nel campionato di Lega Pro, finisce in una informativa dei carabinieri, che ieri hanno acquisito le matrici dei tagliandi vincenti, avviato i controlli antiriciclaggio sulle vincite superiori ai tremila euro e ascoltato alcuni noti pregiudicati della zona flegrea. Da parte degli investigatori c’è strettissimo riserbo, ma le indagini puntano innanzitutto a capire chi abbia fornito la soffiata vincente e convinto centinaia di persone, soprattutto nel popoloso quartiere di Monterusciello, a puntare i loro soldi sulla vittoria dell’Ancona per 2-0, incassando migliaia di euro.

    E dalle prime indagini emerge una novità: un flusso anomalo di scommesse su questa gara, quotata 16 volte la posta, si è registrato anche a Mugnano e Arzano. Emerge da un tabulato telefonico e da una email. Alle 19.44 di sabato scorso, infatti, da Pozzuoli è partita una telefonata con la quale il responsabile locale dei tre centri di scommesse Intralot, Dario Lubrano, segnalava al responsabile trading Italia della società di betting la presenza di «strani personaggi fuori la sede di Licola, sul litorale domitio-flegreo, che chiedevano con insistenza di puntare 100 euro a testa sulla vittoria secca dell’Ancona», con un gol nei minuti di recupero. In quel preciso momento il server nazionale della Intralot segnalava un warning: in alcuni punti scommesse di Mugnano e Arzano c’erano già decine e decine di puntate strane su quella partita. Sintomo evidente che qualcosa non quadrava. Un fiume in piena di tagliandi giocati con il «2 fisso» e una voce che circolava da giorni tra gli scommettitori: «Giocatevi la vittoria secca dell’Ancona, ultimo in classifica in Lega Pro, contro il Parma. È vittoria sicura». Un invito colto al volo da pensionati, studenti universitari, ma anche casalinghe e imprenditori.

    E quando i centri scommessi hanno iniziato a bloccare le puntate temendo che il banco saltasse, come ha fatto l’Intralot sabato sera per tutelare le regole del gioco e applicare tutte le norme di sicurezza, gli scommettitori hanno provato vari escamotage. Hanno frazionato le somme in modo da non dare troppo nell’occhio, dividendo 100 euro in 10 biglietti da 10 euro ciascuno. Hanno usato il «prenotatore online», un monitor touch collegato ad un computer grazie al quale si prenota la giocata evitando la fila agli sportelli e, di riflesso, il blocco alle giocate. Hanno iniziato un giro compulsivo tra Pozzuoli e Mugnano a caccia di qualcuno che consentisse loro di scommettere. L’occasione di una vincita sicura era, evidentemente, troppo ghiotta per lasciarsela scappare.

    Ma chi ha messo in giro quella voce, poi confermata dal campo? Perché si vociferava già dal mercoledì precedente, nei rioni popolari del Napoletano, che il Parma avrebbe perso malamente in casa? C’è un legame tra il giro vorticoso e anomalo di scommesse vincenti e la camorra flegrea del clan Longobardi-Beneduce? Saranno ora i carabinieri e la procura di Napoli ad accertare cosa sia accaduto in quelle concitate 72 ore precedenti la gara. Al momento, sia chiaro, non ci sono indagati e le due società calcistiche Parma e Ancona sono da considerarsi del tutto estranee ai fatti. Addirittura potrebbero essere parte lesa in questa strana storia.

    Ma al vaglio degli inquirenti c’è anche un pestaggio avvenuto mesi fa a Pozzuoli e di cui rimase vittima un ex calciatore. Il giocatore sarebbe stato punito da qualcuno per un presunto giro di scommesse illegali. C’è poi da chiarire il legame tra Pozzuoli e Parma.

    Continua a leggere sul Mattino Digital
    Venerdì 14 Aprile 2017, 08:46 – Ultimo aggiornamento: 14-04-2017 08:46
    © RIPRODUZIONE RISERVATA

  • 14 Aprile 2017 in 10:12
    Permalink

    Schianchi quando c’è d’attaccare il Parma dall’anominato risorge ed è sempre in prima linea.
    http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_negative.gif
    Fosse un testaquadra lo capirei ma diamine è “pramzan”

  • 14 Aprile 2017 in 11:08
    Permalink

    Vedremo come andrà a finire…speriamo bene anche se come scritto domenica dopo la.partita x me c’era qualcosadi strano e lo scrissi subito dopo la partita senza aspettare strani articoli…
    Per ora pensiamo solo a lottare sul campo!!!

  • 14 Aprile 2017 in 11:11
    Permalink

    A me sembra che Schianchi abbia fatto una riflessione lucida e condivisibile, il problema non è un articolo di giornale ma la segnalazione di un flusso anomalo di scommesse e la conseguente indagine che ne è scaturita. Poi si vedrà se, come evidenzia giustamente schianchi, siamo nell’ipotesi 1 (combina) o 2 (manovra di disturbo a danno del parma), difficile pensare a una terza via.
    Faccio comunque i complimenti a lucarelli perchè, al di là di qualche espressione un po infelice, si è fatto garante di tutti i suoi compagni, io probabilmente non lo avrei fatto.

  • 14 Aprile 2017 in 11:31
    Permalink

    Escludendo l’ipotesi 1 che non voglio nemmeno prendere in considerazione, resta in effetti l’ipotesi 2. Manovra di disturbo. E qui entrano in gioco quei personaggi che da settembre hanno in bocca il nome del Parma e che come purtroppo temevo alla fine l’han vinta loro. Maledetti

    • 14 Aprile 2017 in 12:02
      Permalink

      Chi? Nomi, please.

    • 14 Aprile 2017 in 12:36
      Permalink

      …e infatti quei personaggi fanno scattare la trappola dopo che hanno stravinto il campionato da tre o quattro settimane senza nessuna resistenza da parte nostra! Ma loro inesorabili portano a termine il loro diabolico piano!!! Ma davvero esiste qualcuno che può credere a queste ca…volate? Possibile che da anni in Italia non si faccia altro che ordire piani diabolici e complotti ai danni del Parma? Certo che per un film di fantascienza la trama è azzeccata, per un campionato di calcio un po’ meno. Ragazzi, non offendiamo la nostra intelligenza e lasciamo perdere queste teorie complottistiche e guardiamo la sostanza, se e quando ci sarà.

    • 14 Aprile 2017 in 12:52
      Permalink

      Piu volte sono stato d accordo con te.. ma ora che senso avrebbe che hanno vinto il campionato continuare a portare avanti il loro piano cioè e poi con una cosa così complicata secondo te quale sarebbe il loro scopo

  • 14 Aprile 2017 in 12:50
    Permalink

    Lucarelli ancora una volta ha dimostrato di essere una bella persona, un vero signore, s’è assunto la responsabilità anche dei suoi compagni pur non potendo conoscerli nel loro intimo segreto.
    Io non l’avrei però fatto anche per questo Alessandro è un grande.
    Ci mette sempre la faccia, è sempre in prima linea e deve sempre rispondere al fuoco nemico in prima persona.
    E’ un uomo vero.
    Ora si faccia chiarezza, il danno d’immagine per il Parma calcio 1913 è ENORME qualsiasi sia l’esito finale.
    Il responsabile o i responsabili di questa squallida vicenda giornalisti o no, devono pagare salatissimo questa AUTENTICA VIGLIACCATA

  • 14 Aprile 2017 in 12:59
    Permalink

    Se è vero che è stata bloccata la giocata sulla partita per un flusso anomalo di giocate tutte col segno 2 vuol dire che qualcosa c’è… C’è da capire perché solo in quei quartieri napoletani… Non credo che tutti si sono svegliati al mattino e di scommettere il parma perdente, perlopiù giocarci anche dei bei soldini…. Io credo che come in tutte le cose le bugie hanno le gambe corte e che si scoprirà se siamo vittime o no.

    • 14 Aprile 2017 in 15:30
      Permalink

      Surtout pas trop de zèle… dal momento che sono state avviate inchieste dal Procuratore Federale Giuseppe Pecoraro a capo della Figc, dal Gico, (Gruppo di Investigazione sulla criminalità organizzata aggregato alle strutture del Viminale che indaga sui flussi informatici delle scommesse) e da Interpol io ci andrei piano a prendere prepotentemente posizioni complottiste, accusatorie o assolutorie, qui la verità verrà fuori e nessuno di noi la sa.

  • 14 Aprile 2017 in 13:00
    Permalink

    E anche oggi come ogni santo giorno Perinetti tira fuori il Parma. Io dico da mesi di stare attenti. Ma possibile che nessuno gli chieda di stare zitto e di pensare ai suoi? Questi qui ci hanno devastato l’anno. Ma ce ne vogliamo rendere conto o no?

  • 14 Aprile 2017 in 13:18
    Permalink

    sinceramente una conferenza condotta male da lucarelli troppo nervosismo e argomentazioni poche(come fa a mettere la mano sul fuoco su tutti ? ) la squadra alle sue spalle sembrava preoccupata e tesa , preoccupazione con non dovrebbe esserci allo stato attuale delle cose , non mi risulta che i giocatori dell ancona si siano sentiti offesi abbiano fatto smentite e conferenze stampa o comunicati ……calma e gesso forse era meglio non sovrastimare la cosa fare un comunicato fatto bene da parte della societa’ (e non quello fatto ) preciso senza polemiche e senza dare troppo peso alla cosa
    personalemte ritengo CHE SIA SOLO LA LEGGE DEI GRANDI NUMERI ovvero a napoli in quel quartiere ogni settimana ci saranno decine di soffiate che poi risultano bufale alla fine su mille CASULAMENTE PUO CAPITARE DI AZZECARCI tutto li chissa quanti soldi ha perso in passato il condomino !!! questo per dire che e’ stato forse solo un caso che soffiata e risultato sono stati azzecati su mille puo capitare che una volta il caso ci azzecchi tutto li io non mi preoccuperei

  • 14 Aprile 2017 in 13:29
    Permalink

    comunque vorrei dire che per taroccare una partita bastono 2 giocatori per parte(pr esempio portiere e centrale da una parte attacanti dall altra ma attenzione e solo per farvi capire io non ci credo manco morto che ci sia del torbido ) ma per tarocare non solo la partita ma addirittura il risultato addirittura con goal nel recupero !!! ci vuole una partecipazione quasi totale delle due squadre , direi che e’ una cosa molto molto molto improbabile sinceramnete se e’ vero che ci sono le scommesse non posso dire che sia una bufala ma come ho gia detto solo la legge dei grandi numeri in quel quartiere ogni domenica ci saranno decine di pseudosoffiate che al 99 % sono errate poi a forza di dirle una su 1000 puo’ capitare che accada casulmente senza che ci sia combine ma come capitaa ad un normale scommettirore alla fine qualche volta ci si azzecca io non ho dubbi sulla regolarita’ della partita ma speo gli serva da lezione che a giocare male si creano solo problemi per cui si diano da fare ……..e forse questo servira a compattare la squadra per i play off forse non tutto il mal vien per nuocere

  • 14 Aprile 2017 in 13:54
    Permalink

    caro lorenz..allora dimmi perchè chi ha stravinto il campionato anche oggi nomina il Parma, ieri la stessa cosa, l’altro ieri etc.
    Spiegamelo tu visto che siamo tutti delle verginelle che la Lega Pro è pulita. Che senso hanno le quotidiane esternazioni di un soggetto terzo aventi ad oggetto il Parma. Mi dai una spiegazione vera visto che i complotti non esistono?

  • 14 Aprile 2017 in 14:11
    Permalink

    Ai Mondiali 2006 la Nazionale dopo lo scandalo Moggiopoli e derivati si compattò tanto da vincere un mondiale. A noi basterebbe vincere dei miseri Playoff di Lega Pro !!! E se stessimo mirando nella direzione sbagliata? Questa storia più che danneggiarci potrebbe ( se questi giocatori hanno veramente le palle) farci fare il salto….. lo scopriremo solo vivendo!!!

  • 14 Aprile 2017 in 14:29
    Permalink

    Allora. si.legge nell’articolo del mattino che il secondo gol doveva esserci nel recupero e nel recupero c’è stato ma chi contrastava colui che avrebbe segnato?
    Lucarelli.
    A questo punto per me è tutta UNA BUFALA, Lucarelli non potrebbe mai fare niente di simile
    NON CI CREDEREI NEMMENO SE CONFESSASSE.
    Ha giocato un anno senza stipendio corre come un ragazzino per il Parma stravede e lui avrebbe dovuto tradirci come fece GIUDA ISCARIOTA nei confronti di Cristo?
    Ma fatemi il piacere.
    No la società deve colpire chi ha buttato fango sul Parma.
    MA DEVE COLPIRE DURAMENTE SENZA PIETA’
    Deve chiedere ai responsabili milioni di risarcimento.
    Ecco ora son certo che nei play off non ce ne sarà per nessuno, come la Nazionale di calcio che vinceva i mondiali dopo essersi trovata in situazioni analoghe alla nostra, così il Parma INCAZZATO NERO tirerà fuori gli artigli e sbranera’ tutte le squadre.
    A noi mancava la cattiveria, statene certi in futuro l’avremo.
    Eccome se l’avremo.
    Domani giocheremo e….sbraneremo.

  • 14 Aprile 2017 in 14:42
    Permalink

    qulache furbone quando si parla di complotto velatamente o esplicitamnete ancora allude al venezia ma signori al limite sara’ qalcuno che viene al play off e ci sono anche squadre campane ………signori e vero parlano ancora del parma perinetti e inzaghi ma cosa dicono ? che e’ uno squadrone che siamo fortissimi ecccc mica ne parlano male anzi il loro scopo e vendersi al meglio inzaghi sta cercando un altra squadra per cui vuole far sapere di aver battuto una super squadra come il parma e continua a dire che il parma era molto forte per cui ? lui e molto bravo non lo avete capito !!!! idem perinetti che deve chiedere l aumento a tacopina ….ed evidenzia che con un budjet inferiore a dato 11 punti la parma nonostante i superrinforzi di gnnaio mentre lui non ha speso nulla…….quondi la coppia non tra sul parma ma la usa per i suoi affari quelli si che sono due gran volponi

  • 14 Aprile 2017 in 15:23
    Permalink

    Beh ci sono anche n squadre che si sono scansate per fare un piacere a qualcuno e che ai play off hanno tutto l’interesse ad avere un Parma frastornato.
    Concordo in pieno con quanrto sopra. Il 2 a 0 è colpa di Lucarelli, quindi di cosa stiamo parlando???????Che la società la faccia pagare duramente a quei porci che hanno creato questo castello di m…a.
    E Schianchi abbia la decenza di sparire da Parma

  • 14 Aprile 2017 in 15:38
    Permalink

    Tutta la vicenda è stata gestita male. Da un’improvvida reazione della società a boutades presenti sui social che meritavano solo un “assurdo”, al capitano che la domenica sera dichiara in conferenza che avrebbe dovuto portare lì tutta la squadra ma non l’ha fatto perchè sarebbe stata una pagliacciata ( salvo poi finirci tre giorni dopo a parlare del nulla perchè dubito che la squadra sia al corrente delle anomalie dei flussi di scommesse) , a prese di posizione troppo serie della società. Io non penso niente, aspetto ma non sono molto fiducioso.
    UNICO DATO APPARENTEMENTE CERTO è l’anomalia dei flussi di scommesse. Il resto è oggetto di attività istruttoria. Se qualcuno ha sbagliato pagherà e con esso anche i tifosi, unici sempre profanati analmente negli ultimi anni visto che la squadra verrà penalizzata ( da 3 punti per resp. oggettiva fino a radiazione per resp. diretta). Il rischio è di aver compromesso con una cazzata enorme ( se è stata fatta) non solo una ma due stagioni.

  • 14 Aprile 2017 in 22:03
    Permalink

    Mo che dò balì con ‘sti Perinetti, Tacopina, Inzaghi & c. Mo chi eni chilor? (a perta Insaghi). Davide, va’ dal barber e restog un bel po’, e sensa telefonè, va’ là là

  • 16 Aprile 2017 in 14:28
    Permalink

    non capisco miglietta che non ha giocato non e nella rosa ha finito la carriera calcistica cosa ci faccia in prima fila lui che e’ un ex dell ancona gran conosciitore della piazza ha gicoato anche nelle givanile ha vinto 2 campionati , forse e il rappresentante dell ancona nello smentire la combine ?visto che l ancona non ha fatto comunicati di alcun genere nee conferenze stampe forse lui rappresenta l ancona comunque per me non ci sono dubbi che e tutta una fuffa ha napoli ogni domenica ci sono queste soffiate alla fine una su 1000 l azzeccano casulamente

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI