D’AVERSA: “MI ASSUMO LA RESPONSABILITA’, CI VUOLE MENTALITA’ VINCENTE CHE OGGI NON ABBIAMO DIMOSTRATO; ABBIAMO FATTO UN PO’ TUTTO AL CONTRARIO DI TUTTO”

mister roberto d'aversa dopo parma ancona 0-2(Ilaria Mazzoni) – Dopo il pesante risultato che ha visto uscire dal campo di casa propria i crociati con una sonora sconfitta contro l’ultima classe del suo girone, Mister D’Aversa chiarisce come il problema di questa gara non stia stato il cambio del modulo di gioco. Anche perchè, spiega l’allenatore, la sua squadra ha subito due reti proprio quando ha deciso di ritornare allo schema classico abitualmente adottato dai gialloblù. Il tecnico non usa molti giri di parole per commentare questa gara: dall’inizio alla fine la partita è stata inguardabile. Una prestazione che una squadra come il Parma non può mettersi, la dimostrazione che, se non si fanno le cose con la determinazione necessaria, anche la seconda in classifica può trovarsi in difficoltà con la squadra che occupa l’ultima posizione. Insomma, questo pomeriggio il tecnico si aspettava risposte positive dal campo che, invece, non sono arrivate. Necessario, in vista dei play-off, per D’Aversa è acquisire l’abilità di ampliare la rosa, anche perchè tutti i giocatori di questo Parma hanno qualità, e non si può pensare di non riuscire a vincere se manca qualche pedina in campo. Preoccupato, anche, dal fatto che il Parma oggi ha dimostrato di essere sensibile a quelle che si definiscono squadre “piccole”; non si può gettare alle ortiche la promozione a causa di un’errata mentalità. Nonostante ciò per l’allenatore il pasticcio non è stato causato da una mancanza di attenzione, rimangono, comunque, una grande squadra, ma oggi non hanno dimostrato la cattiveria e la determinazione indispensabile per vincere e di ciò se ne assume la responsabilità. Al termine della gara, rivela, negli spogliatoi ha detto ai suoi giocatori di tornare a casa e pensare ognuno alle proprie responsabilità, cosa che, ovviamente, farà anche lui stesso; da domani, invece, si valuterà la prestazione. Gara di cui dovrà tenere conto e che influenzeranno le sue decisioni per le ultime partite che restano. L’obiettivo, quello di acquisire la promozione, è ancora raggiungibile ma, per farlo, il Parma deve dimostrare quella mentalità vincente che, oggi, ha lasciato negli spogliatoi. E, per quanto riguarda proprio i play-off, per l’allenatore sarebbe importante riuscire ad arrivarci dalla seconda posizione, in modo da potersi evitare un turno di gioco; si potrebbe riuscire a recuperare qualche energia. Ma il pensiero predominante dell’allenatore è riuscire a migliorare il giro palla che oggi è stato sporco e deficitario, certamente non all’altezza dell’avversaria che, tra l’altro, abbiamo dovuto, tra le mura di casa, rincorrere. Insomma, un’interpretazione della partita che non ha in alcun modo soddisfatto il tecnico che afferma che oggi è stato fatto un “pò il tutto al contrario di tutto”. Ilaria Mazzoni

DAL CANALE YOUTUBE UFFICIALE DEL PARMA CALCIO 1913 IL VIDEO DELLA CONFERENZA DI MISTER D’AVERSA DOPO PARMA-ANCONA (0-2)

25 pensieri riguardo “D’AVERSA: “MI ASSUMO LA RESPONSABILITA’, CI VUOLE MENTALITA’ VINCENTE CHE OGGI NON ABBIAMO DIMOSTRATO; ABBIAMO FATTO UN PO’ TUTTO AL CONTRARIO DI TUTTO”

  • 9 Aprile 2017 in 20:06
    Permalink

    Io ho molta paura in chiave playoffs. Questa squadra non regge un mese dove dovremo lottare con il coltello tra i denti.

  • 9 Aprile 2017 in 20:18
    Permalink

    Mister però..
    se non lo sa lei qual’è la causa noi da qui possiamo aiutarla ben poco..
    http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_wacko.gif

    • 9 Aprile 2017 in 22:57
      Permalink

      Forse sarò cattivo.. ma il mister lo sa qual’è il problema.. anzi i problemi :
      1) La rosa non è stata costruita per lui e si vede e a gennaio Faggiano non ha pescato tutti i giocatori richiesti dal mister, sicchè tante volte deve fare buon viso a cattivo gioco
      2) D’aversa non è bravo coi giovani o dal mercato di gennaio ha deciso in maniera scelllerata di metterli da parte senza probabilmente dirgli dove poter lavorare per crescere e infatti i vari mazzocchi, ricci, simonetti etc quando vanno in campo fanno sempre gli stessi errori tattici, di movimenti..

      • 10 Aprile 2017 in 10:29
        Permalink

        giochi contro una squadra quasi retrocessa che si è sparata 4 ore di pullman prima della partita, e il problema è la rosa? dici sul serio?

        sul secondo punto, condivido totalmente. A quelli che non sono nell’11 titolare è come se avesse detto “voi siete balordi, siete riserve, io non ho fiducia in voi”. Non glielo ha detto, ma glielo dice il suo atteggiamento. E quando poi ha bisogno di loro, si è ritrovato dei cadaveri, l’ombra di loro stessi prima dell’arrivo di D’Aversa.

        • 10 Aprile 2017 in 12:32
          Permalink

          però Mazzocchi, Simonetta, Ricci, Zommers, ecc sono stati confermati dalla precedente direzione tecnica, non penso siano così scarsi.
          sono un patrimonio della società e vanno valorizzati.

          ieri Calaiò, Scaglia, Baraye, Nocciolini erano tutti cadaveri, quindi sono tutti balordi? neppure questi ieri hanno dato risposte al mister, quindi?

          è un problema di testa che riguarda tutti, dal più forte al più scarso. anche il meno dotato inserito in un contesto dove tutto gira bene farebbe la sua figura, ma se ci sono problemi tutto và a rotoli.

          ci vuole umiltà, più impegno, più corsa, più cuore!!! meno colpi di tacco e tuffi in area, così non siamo squadra.

  • 9 Aprile 2017 in 20:23
    Permalink

    Sono molto deluso da tutto:
    dall’allenatore ai giocatori, tutti, nessuno escluso !!!

    Non mi si dica che è una questione di testa, di atteggiamento o di approccio: cavolo non sarà mica la champions questa lega pro, è una categoria in cui serve correre e mangiare il campo, oltre che gli avversari: fra l’altro l’Ancona non ha fatto nemmeno bagarre, non ha picchiato, non ha fatto ostruzionismo, ha giocato al pallone, ha tenuto campo e concesso non molto: due occasioni alla fine del primo tempo, entrambe sgagnate ed il gioco è fatto..
    nel secondo tempo nemmeno un tiro in porta …contro l’ultima..mi sembra uno scherzo del ca..$$$$ o..
    Non mi importa se col Padova sia stata la miglior gara…questa di oggi è stata una delle peggiori ..e, ripeto, gli avversari non hanno fatto né catenaccio ne fatto i fabbri ferraioli picchiatori..
    hanno solo giocato a calcio in modo normale…

    CACIOLI, LUCA CACIOLI, MEGLIO DI CANINI E PURE DI TANTI ALTRI….ALTRO CHE SERIE B E PALLE ..
    CACIOLI TUTTA LA VITA ….GIOCATORE DI ALTRA TEMPRA, DECISO. DURO, FORTISSIMO DI TESTA E GRINTOSO ..
    SE TUTTI GIOCASSERO COME LUI…grinta, passione, impegno sempre al massimo, contro tutti ….

    qualcuno prenda esempio dalla roccia …Cacioli

    …per il resto una pena ….oggi, una pena …
    non so e non conosco la ricetta….

    un po’ di bastone servirebbe ..su tutto il gruppo..
    un po’ di cazziamento generale…e anche la panchina farebbe bene a qualcuno…

    credo che qualcosa di suo ci abbia messo pure il mister..e, come da tempo asserisce LUCA AMPOLLINI ..
    C’E’ UNA PROFONDA SPACCATURA TRA GLI 11 TITOLARI E LE PRESUNTE SECONDE LINEE, GIOVANI O MENO GIOVANI CHE SIANO….

    nessuna colpa specifica ma certi giocatori visti oggi non sono di alto livello per giocare in una squadra che deve vincere il campionato: a buon intenditore …poche parole …

    buona pasqua
    mauro moroni

    • 9 Aprile 2017 in 20:54
      Permalink

      Mauro perfetta analisi. A calcoli fatti se tutto andrà nel verso giusto saranno comunque 2 mesi dove davvero ci sarà da soffrire. Non siamo squadra perché se nota bene abbiamo fatto più punti fuori dal Tardini che in casa, poi abbiamo raccolto ben poco contro le piccole e tutti sanno che per vincere i campionati bisogna vincere contro di esse. Davvero giocato in modo vergognoso, speriamo bene ma bisogna essere realisti con un mercato del genere a gennaio come minimo dovevamo vincerle tutte tranne qualche pareggio,poi un po di rispetto verso noi tifosi. Ma questi giocatori si rendono conto che abbiamo 9000 abbonati numeri da serie A. Ora basta o danno l’anima o meglio che rescindono, tanto… Ciao Mauro

    • 10 Aprile 2017 in 07:15
      Permalink

      Ieri l’Ancona non ha preso gol, a te che piacciono le statistiche vatti a vedere quanti gol ha subito l’Ancona nelle 7 partite precedenti con Cacioli titolare…

      • 10 Aprile 2017 in 10:32
        Permalink

        non mi piace fare quello che l’aveva detto. ma quando a gennaio ho visto come stavano operando, avevo scritto che alla lunga questo avrebbe spaccato lo spogliatoio, rovinato il gruppo, e i risultati non sarebbero più arrivati. che i nuovi non avrebbero mai avuto l’attaccamento alla maglia di quelli di prima, e quelli di prima a forza di essere sbattuti in panchina come dei brocchi che non meritano di giocare in questa squadra, l’avrebbero perso l’attaccamento. fui preso a insulti. purtroppo avevo ragione.

    • 10 Aprile 2017 in 09:58
      Permalink

      di la verita’ moro,non sembrava di essere a piacenza il 14 di agosto ? ciao grilo ta be

  • 9 Aprile 2017 in 20:53
    Permalink

    Dopo 10 minuti di frenesia (come già successo) ha cominciato udite udite a GIOCARE l’Ancona che ha preso tranquillamente campo.. come succede sempre , a meno che non si giochi contro degli ectoplasmi come Maceratese, Gubbio e Padova (che tra l’altro svegliandosi solo nei minuti finali è riuscito persino a farci tremare)

    E solo ieri il Mister a dire che la prestazione c’è sempre stata.. bene così, fortuna che è un grande psicologo, e che sa leggere le partite come scrive qualcuno spesso.

    ma se gioca persino l’Ancona ma porca miseria perchè non dovremmo giocare anche noi.. ?

    L’allenatore ha la responsabilità, e non deve scaricare le colpe sui giocatori che non hanno avuto l’approccio, l’atteggiamento giusto. perchè se non lo sa, dire che non hanno avuto l’atteggiamento giusto, vuol dire dare la colpa ai giocatori, e basta

    e può essere mooooolto controproducente

    in 18 partite non ci ha capito ancora nulla ed è ancora qui a menarla con l’atteggiamento..

    ma scherziamo o dzema da bon???

  • 9 Aprile 2017 in 22:30
    Permalink

    ragazzi…

    nessuno avrebbe scommesso sulla vittoria dell’Ancona (squadra con grosse difficoltà societarie con giocatori partiti stamattina in pulmino perche non possono permettersi l’hotel, eppure nonostante il viaggio in giornata in campo correvano più di noi..).
    qualcuno forse ci ha anche scommesso, e ha fatto bingo!

    quando è arrivato D’Aversa tutti, ripeto TUTTI, abbiamo ammesso che ci voleva una scossa, e scossa è stata.
    i risultati (derby compreso) ne sono la prova.
    poi la rivoluzione di gennaio con il calciomercato, la gara sfortunata di Venezia (dove ci voleva un Cacioli e non un Canini), ma l’effetto D’Aversa è poi sfumato.
    un’altro calo e un’altra scossa e qualche risultato è arrivato ma poi altra batosta con l’ultima in classifica!!!
    quindi il problema era, ed è, un’altro.
    qualcuno dovrà capirlo e risolverlo.

    hanno lasciato qualche perplessità la gestione dei portieri, la valutazione dei vecchi giocatori in rosa da parte della nuova gestione tecnica, io ero e sono ancora oggi contrario alla rivoluzione che c’è stata.
    alle tante entrate non hanno corrisposto tante uscite, poi è difficile gestire una rosa facendo giocare i nuovi arrivati e lasciando in panchina chi giocava prima.

    si poteva fare meglio spendendo molto meno.
    con i nomi non si va da nessuna parte.
    umiltà altrimenti sarà sempre più dura.

    Savo

  • 9 Aprile 2017 in 22:37
    Permalink

    Ingiustificabili. TUTTI IN RITIRO!!!!

    • 9 Aprile 2017 in 23:36
      Permalink

      Punitivo però…

  • 9 Aprile 2017 in 23:23
    Permalink

    Noi bastava che non toppassimo da cioccolatai le 3 partite ormai famose ed eravamo prima di oggi a -1
    Col fiato sul collo del Venezia e con la partita di oggi da giocare vicinissimi al sorpasso..

    invece sappiamo come è andata.

    Non diciamo che i giocatori di categoria superiore non contano, perchè DEVONO contare e contano
    Vorrei vedere se una squadra di serie A o anche di serie B non farebbe la differenza.. in questa legapro.

    E basta dire che sono arrivati tanti giocatori nuovi e via discorrendo (magari salterà fuori anche l’amalgama) perchè dopo 18 dico 18 partite questa cosa non sta più in piedi

    I giocatori ci sono. Ma le vediamo le altre squadre o no? Abbiamo toppato poi con le ultime ,,, perchè chiudendosi non ci fanno giocare? Stiamo scherzando? Siamo noi che dobbiamo imporre il nostro gioco altro che palle se pretendiamo la B
    Ecco perchè con le più forti poi facciamo meglio, perchè ci appoggiamo sul loro di giochi.

    Giocare semplice, senza troppe fisse tattiche perchè non siamo il Barcellona, non dobbiamo insegnare niente a nessuno, dobbiamo in fondo solo cercare di fare goal e i giocatori che li fanno li abbiamo. Tant’è che ci hanno salvato ben più di una partita mascherando i problemi che puntualmente si ripresentano

    Basta farli GIOCARE. A chi tocca farli giocare?
    Chi deve dargli una fisionomia a questa squadra? Quella fisionomia che ancora non ha?

    Non si deve parlare dell’allenatore?
    Ma chi è che guida il gioco di questi giocatori?
    Non certo noi tifosi
    A me di D’Aversa importa niente.

    Mi interessa SOLO il Parma
    e vorrei proprio che andasse in B.

  • 9 Aprile 2017 in 23:26
    Permalink

    Mister oramai il disco è rotto. Cambia musica…
    dici sempre le stesse cose…..

  • 9 Aprile 2017 in 23:41
    Permalink

    Quante squadre hanno i Mazzocchi, i Simonetti o i Ricci di turno? Ne sono praticamente piene tutte e ci sono LO STESSO appena dietro a tampinarci.
    Se l’Ancona oggi avesse avuto Calajò o Baraje ci faceva 4 goal anzichè due.. non scherziamo.
    I giocatori che fanno la differenza li abbiamo non nascondiamoci dietro un dito.

  • 10 Aprile 2017 in 01:21
    Permalink

    spero che se non si raggiunga la serie b non si faccia l errore di confermare d aversa ci vuole uno che sappia vincere abbia gia vinto in lega pro e conosco la categoria

  • 10 Aprile 2017 in 01:23
    Permalink

    e dall inizio dell anno che sia apolloni che d aversa dicono sempre le stesse cose che e’ questione di approccio !!! e possibile che i giocatori ancora non l abbiano capito cosa voglia dire ?

  • 10 Aprile 2017 in 08:50
    Permalink

    Quando ci sono prestazioni del genere la colpa è dell’allenatore, non ci sono discussioni in ciò…

    Paolo,
    anche io temo in una riconferma di D’aversa …non credo sia l’uomo adatto…basta fare riconferme così a caso.

    a metà giugno si tira una riga e si riparte da zero, se ne tengono 5-6 e il resto vanno cambiati tutti!!!!!!!!!!

    questa squadra è Calaiò dipendente se nn c’è o non è in giornata si perde sistematicamente…senza di lui saremmo a pari col Bassano e il Sudtirol.

  • 10 Aprile 2017 in 11:43
    Permalink

    temo che simone B abbia ragione senza calaio saremmo a livello di bassano e sud tirol se gli viene un raffreddore siamo a terra l errore e stato confermare troppa gente dalla serie D non hanno capito che c era un abisso d altronde anche i tifosi volevano tenerli mi ricordo i piagnistei per cacioli e l altro che e andato via ……e tuttra c’e gente che reclamava zommer o corapi prendete corapi e la dimostrazione della differenza tra serie d e lega pro qui non fa la differenza non una punizione non un tiro da fuori non un assist e non ditemi che non gioca perche alla fine gioca sempre per un motivo o per l altro ma non e’ la serie d ……..ma i tifosi volevano le conferme adesso teneteveli non so cosa abbiamo confermato gente come messina fall ricci simonetti saporetti oi vari melandri guazzo miglietta eccc tutti soldi buttati era meglio prenderne 2 ma validi ……adesso se i titolarri hanno un raffreddore c eun abisso invece il venezia aveva una rosa piu equilibrata manca uno c e l altro e via a far punti noi se manca calaio chi abbiamo ? o se manca munari ‘

  • 10 Aprile 2017 in 11:49
    Permalink

    altra cosa cari tifosi avete rotto i cosidetti per fare il derby sarete contenti ……e poi vedaimo c e il caso che pareggiano il conto …..ma cosi facendo vicepresidente ferrari compreso che reclamava il derby vi siete tagliati i cosidetti da soli perche la lega e’ stata costretta a metterci nel girone B , il vecchio perinetti invece aveva preparato venezia da una parte parma dall altra come l anno scorso ( vi ricordate quante venete avevamo nel girone ma non il venezia e non aveavmo fiorenzuola e piacenza !!! ) ma il furbone di ferrari voleva il derby e gli lo hanno dato !!!! bravo salvo prendersi per forza anche il venezia se invece seguivamo perinetti la lega metteva parma girone A reggiana girone b ma i furbi sono furbi ….lo stesso che allontana apolloni senza un sostituto o che fa scegliere l allenatore a palmieri salvo poi prendere faggiano

    • 10 Aprile 2017 in 13:03
      Permalink

      concordo solo nelle ultime due righe (ci voleva subito il sostituto di Apolloni, il pastrocchio Palmieri e Faggiano che non ha scelto lui il mister), dissento sul resto.
      non credo che volere il derby dopo vent’anni sia la causa dei nostri problemi.
      la società ha fatto alcuni errori, in primis non dividere la presidenza dalla gestione tecnica al ruolo di allenatore, e ritrovarsi senza 4 persone tutto d’un colpo… poi (peccato di gioventù) non saper prendere decisioni velocemente e aspettare gente che non è venuta. in ultimo, da inesperta, dare carta bianca a Faggiano permettendogli di rivoluzionare troppo la squadra
      prendere 2 portieri esperti umiliano Zommers che senso ha? un minimo di rispetto per chi ha vinto lo scorso campionato ci vuole..
      poi via Guazzo (non mi piaceva) per prendere Sinigallia?!? ma che senso ha? e poi Edera?
      qualcuno deve spiegarmi l’involuzione di Scozzarella, nelle prime partite era un giocatore di due spanne sopra gli altri, ora si è livellato al gruppo, perché?
      Vi siete accorti che anche Corapi non è quello di inizio campionato? anche lui, ex titolare, si sarà smaronato con l’arrivo di Scozzarella, ripiegando in panchina, sta al mister tenere tutti uniti e carichi a mille.
      se il gruppo non è unito ed affiatato di chi è colpa?
      Faggiano ha rivoluzionato troppo, il Mister non riesce a gestire questa rosa, la Società è presente ma lo dovrà essere sempre più, la delega non funziona secondo me, ci vogliono confronti e punti della situazione continui.

      Noi tifosi siamo affezionati ai giocatori che hanno vinto l’anno scorso, personalmente vedere andar via Melandri, Cacioli, Lauria, (aggiungo anche Musetti) è dispiaciuto non poco.
      se guardi la Rosa dell’Ancona (in coda) o del Venezia (in vetta) questi giocatori che non sfigurano, potevamo tenerceli.

      a gennaio bastavano solo ritocchi.
      speso troppo per un secondo posto così sofferto.

  • 10 Aprile 2017 in 14:23
    Permalink

    fichi ASSIOMA …co fet ?
    sit resuscitè ?
    ..
    dai fat sentir in tal me articol ..che chi sema trop indrè…

  • 10 Aprile 2017 in 15:04
    Permalink

    a D’Aversa sembra dica ci siano 12-13 titolari in rosa..
    ieri avete visto Calaiò? e Scavone? e Scaglia e Scozzarella? insomma..

    allora..

    questa è la formazione che contro ogni pronostico ha vinto a Reggio Emilia, dominando i granata, una partita molto sentita con molta pressione, in campo 14 leoni gialloblu, altro che bali..

    PARMA (4-3-3): Zommers; Benassi (41′ st Ricci), Lucarelli (18′ st Messina), Saporetti, Nunzella; Corapi, Giorgino (8′ st Simonetti), Scavone; Mazzocchi, Calaiò, Baraye.

    ora veniamo a dire che molti di questi giocatori non sono all’altezza? QUESTE SONO SOLO BALLE!!!

    la rivoluzione di gennaio ha stravolto e rotto un ambiente ritrovato, certi equilibri non andavano guastati, nel mercato bastavano pochi inserimenti mirati NON una RIVOLUZIONE.

    sono problemi del mister compattare il gruppo e tenere tutti a mille e far giocare bene la squadra.
    se è un problema di testa.. BUON LAVORO MISTER!

    ricordatevi tutti dei 14 leoni del Mapei Stadium (Zommers, Simonetti, Saporetti, Nunzella, Giorgino, ecc), E POCHE BALLE.

    Savo
    http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_bye.gif

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI