MOONTALK #JurassicParm 25^ puntata / MI ASPETTAVO UN PARMA D’AVERSO…

Andrea Concari(Andrea Concari) – Continua purtroppo il mal di pancia e con lui la serie di sconfitte consecutive di questa squadra e, come suggerisce il titolo, c’è veramente poco da aggiungere. Ci aspettavamo tutti un Parma diverso in questa ultima sua partita, un Parma che tirasse fuori la voglia di vincere, di onorare la maglia e l’orgoglio personale dei singoli individui di alta caratura ed abituati ad altri palchi di non perseverare in figuracce professionali. Invece nulla di tutto questo si è visto al Tardini nella sfida contro una SudTirol che, c’è da dire,,pareva quasi non impegnarsi neanche tanto per portare a casa i tre punti.

una squadra che non è una squadraSono passate già diverse ore da questa batosta casalinga, eppure il senso di sconcerto e di amarezza rimane forte e non accenna ad andarsene. La squadra che abbiamo visto Lunedì sera non pressa, non corre – non di certo per carenza di allenamento -, si accontenta del pareggio contro una squadra tecnicamente inferiore, affronta disimpegni con sufficienza, non lascia intravedere la disponibilità di aiutare il compagno. A conti fatti, insomma, si fatica a chiamarla “squadra”, ma pare più semplicemente un collettivo di ragazzi. Parliamo infatti di professionisti del pallone che sembrano essere in ferie, ma non solo per il ponte del 25, bensì per tutto il mese di Aprile. Viene da dire quindi che, se questo dev’essere l’atteggiamento, quantomeno sarebbe stato meglio vedere in campo dei ragazzi giovani che, seppur commettendo errori, manifestino  entusiasmo e voglia di fare: queste sconfitte con atteggiamento pusillanime sono infatti irritanti e fastidiose.

mi aspettavo un parma daversoPur continuando a sottolineare quanto la responsabilità vada imputata ai giocatori, la puntata di oggi vuole tuttavia parlare ancora una volta della  responsabilità oggettiva  da attribuire a D’Aversa. In questa partita ci aspettavamo un Parma che giocasse alla“maniera D’Aversa”: ovvero che ci provasse, che seguisse le indicazioni del mister in panchina. Invece, nonostante gli evidenti e ripetuti sforzi del nostro mister, questa squadra in questo momento non reagisce ai suoi stimoli ed alle sue indicazioni. Le cause non sta certo a noi scovarle, sono queste, infatti, certamente questioni interne che solo chi vive “l’ambiente Parma” da dentro a 360 gradi può fornire. societàNoi ci limitiamo ad analizzare i fatti e, se una squadra non gioca e non è motivata, il primo imputato deve essere l’allenatore che, a questo punto, deve fare assolutamente di più per riprendere in mano il timone della formazione. La società, nella figura di Ferrari, in questo senso gli è venuta in aiuto durante la conferenza stampa post partita: confermando apertamente la piena fiducia riposta nello staff tecnico, sottolineando che nel caso in cui qualcuno remi contro, sia giusto e necessario che si faccia da parte (o, aggiungiamo noi, venga messo da parte) e mettendo che fine ha fattoin ritiro la squadra fino a una nuova inversione di tendenza, decisione questa che ci trova quanto mai concordi. Ora quindi, ancora una volta, tocca al mister che dovrà giocoforza meritarsi la riconferma nella prossima stagione, sbrogliando la matassa che si trova in mano. Un compito che, per come si sono messe le cose, non risulta facile ma neanche impossibile. Con l’arrivo delle partite che contano, a partire dal Derby, la squadra avrà certamente un risveglio fisiologico, ma questo risveglio sarà completamente vano se non verrà coadiuvato da serietà, impegno e unione di intenti nello spogliatoio; anche, ci auguriamo, buttando a mare chi non dimostri di remare nella giusta direzione per disputare dei play-off di alto livello e, ancora prima, per conquistare il matematico secondo posto.

teramo parmaTeramo-Parma – Ultima partita “normale” di questo campionato di Lega pro del Parma e partita di rodaggio prima del derby, Teramo-Parma sarà anche la gara dove la squadra avrà l’ennesima occasione per dimostrare la propria professionalità, occasione questa che ci aspettiamo di cuore che venga colta senza ulteriori indugi.
Teramo-Parma sarà, oltre ai problemi già analizzati, una partita che presenterà numerose insidie. Il Teramo è, infatti, la squadra che milita al 15° posto, il limite della zona play-out a soli 2 punti dal Mantova, e che quindi dovrà necessariamente dare tutto fino all’ultima “goccia di sangue”, nella partita di domenica per rimanere ancorata alla speranza di evitare i play-out per la retrocessione in serie D. Il Parma sarà chiamato ad affrontare un Teramo che viene da un pareggio in casa della Maceratese per 0 a 0 e che deve le proprie fortune all’intesa tra il bomber Sansovini e Barbuti.

probabile formazioneProbabile formazione:

A proposito di chi indossa la maglia crociata vediamo appunto la formazione che vorremmo vedere in campo, formazione che riserverà alcune sorprese.

FrattaliPortiere confermato tra i pali

Difesa con un paio di novità, anche in controtendenza con quanto abbiamo detto nelle giornate scorse:

Scaglia, Lucarelli, Saporetti, Nunzella

Considerato il macroscopico errore di domenica scorsa, ci sarà sicuramente chi storcerà il naso nel vedere il “colpevole”  della partita persa dal Parma schierato tra i titolari, ma noi reputiamo che per  Nunzella questa possa essere un’occasione di “rinascita”; mai come ora infatti, dopo essere uscito tra le lacrime dal campo, il calciatore dovrà tirare fuori quella motivazione in più degli altri per dimostrare il suo valore, e su quest’onda di determinazione ci sentiamo di fare affidamento su di lui. Oltre a Nunzella, vogliamo dare fiducia anche a Saporetti, sperando che riesca a recuperare e con la certezza che non potrà che ricambiare con una prestazione di grande voglia.

Centrocampo a tre con:

Munari, Corapi, Scavone

In questo caso,vista l’ennesima prestazione deludente di Scozzarella, abbiamo deciso di lasciare spazio ad un giocatore che ha sempre fornito impegno e costanza di rendimento: Corapi; al suo fianco altre due garanzie, ovvero Munari e Scavone, giocatori che non hanno mai deluso.

Attacco a tre con:

Baraye, Calaiò, Nocciolini

Attacco classico scelto da noi anche perché, per quanto riguarda gli attaccanti disponibili in rosa ad esclusione di Mazzocchi, dobbiamo dire di non aver la minima idea del valore effettivo di Sinigaglia e di Edera, che rimangono due elementi oscuri ed evidentemente non pronti per essere schierati. Continuiamo quindi a chiederci che senso abbiano avuto queste due operazioni di acquisto.

In conclusione vi invitiamo come sempre a commentare i temi trattati e indicare quale sarebbe la vostra formazione titolare. Dal Moontalk i migliori auguri di un buon Parma a tutti. Andrea Concari

82 pensieri riguardo “MOONTALK #JurassicParm 25^ puntata / MI ASPETTAVO UN PARMA D’AVERSO…

  • 27 Aprile 2017 in 01:42
    Permalink

    Mi trovi d’accordo con la formazione …ma Coly ? Mi ricordo che non era male… cmq in altro articolo ho risposto esponendo il mio pensiero …via D’aversa ! In sostanza i giocatori servono nonostante non meritano la magia Crociata! Ci vuole qualcuno che li appenda al muro che abbia le pallet!
    Ciao

    • 27 Aprile 2017 in 10:28
      Permalink

      Ciao Gian Marco!
      Certo Coly sarebbe interessante vedere se è ancora un giocatore, stessa cosa vale per i due attaccanti misteriosi…
      Allontanare l’allenatore è sempre una cosa che non mi piace tanto. A due giornate dalla fine è molto difficile cambiare e trovare un soggetto che si inserisca nell’ambiente capendo subito che mosse fare. Ci vorrebbe un nuovo Gedeone Carmignani

      • 27 Aprile 2017 in 23:56
        Permalink

        Hai ragione ..in certi momenti butterei tutti giù dalla torre!! Ma a bocce ferme e ricordando ciò che disse un ex tecnico quest’estate che a Parma tornerebbe volentieri etutt’ora libero …tanti difetti magari ma grande professionista e ci ha guidato di già in serie A… Si…Guidolin! Per lui un pensiero c’è lo farei eccome….a volte ritornano…
        Ciao !!

        • 28 Aprile 2017 in 09:48
          Permalink

          Durante i giorni post esonero mi ero speso proprio per Guidolin, ma a lui è stato preferito D’Aversa perche come disse Ferrari, si voleva puntare su un soggetto giovane e ambizioso che aveva voglia di dimostrare e prendersi soddisfazioni piuttosto che un allenatore che avesse già raggiunto traguardi… A fine stagione tiriamo le somme poi

          • 28 Aprile 2017 in 16:12
            Permalink

            Allora speriamo che da Teramo giungano buone nuove perché in caso contrario come farebbero a proseguire con uno score da retrocessione con D’aversa?
            Cmq Forza Parma sempre!!!

          • 30 Aprile 2017 in 16:19
            Permalink

            Ah non hanno preferito D’Aversa perché costava meno e più alla nostra portata!?

  • 27 Aprile 2017 in 10:01
    Permalink

    Nel mio articolo ho buttato la provocazione ma ..di fatto, schiererei questi 11 :

    FRATTALI
    IACOPONI COLY LUCARELLI SAPORETTI
    MUNARI CORAPI SCAVONE
    MAZZOCCHI NOCCIOLINI BARAYE

    un turno di riposo e normale avvicendamento per Di Cesare, Scaglia , Scozzarella e Calaio’ ( a disposizione in panchina )

    il rientro di Coly e Saporetti ( potrebbero tornare molto utili nei play off )

    tenere sempre in considerazione Simonetti come eventuale sostituto a centrocampo, in qualsiasi delle 3 posizioni ..

    Questo potrebbe servire anche per rifiatare, riprendere energie e preparare, al meglio, il derby…e da li…i futuri playoff !!

    • 27 Aprile 2017 in 10:20
      Permalink

      Ciao Morosky
      Si sono d’accordo anche coly è un elemento che potrebbe essere recuperato, anche l’idea di mettere calaiò in panchina non è male, sono un po stanco dei suoi ossessivi colpi di tacco.

  • 27 Aprile 2017 in 10:24
    Permalink

    Caro MAURO, con questa formazione ne prendiamo due anche a TERAMO….. ma penso anche con quelli in panchina….
    Siamo al conto ragazzi….

  • 27 Aprile 2017 in 10:42
    Permalink

    Ma siamo ancora a parlare di Corapi, Coly e Nunzella?Ma siamo nei matti?Mazzocchi???Ditemi dal 14 agosto Parma Alessandria (in cui prese una bella stecca preventiva) le azioni pulite iniziate e concluse da Mazzocchi. Neanche una. Si tratta di uno dei più grossi pistapocci mai visti. Un Robben da prima categoria neanche da Eccellenza. Su Corapi penso sia ora di chiarirsi. Se si punta su di lui ancora sappiamo già dove si arriva. Si vince la D e si arriva in zona bassa play off lega pro.Su Nunzella, vorrei sapere cosa deve fare uno per non giocare più. Coly non dico nulla, non gioca da ottobre per un problema all’alluce. Milik con il crociato rotto sono già tre mesi che gioca.

    • 27 Aprile 2017 in 11:42
      Permalink

      Ciao Davide!
      Io su mazzocchi ti chiedo invece quante volte è stato schierato nel suo ruolo.
      Metterlo difensore/ala nel 532 non è certamente il suo ruolo cosi come terzino nel 442.
      Ha evidenti doti tecniche, e va fatto crescere accettando anche il rischio di fallire e vederli fare errori. e questo vale per tutti gli altri giovani in rosa, altrimenti è inutile prenderli per far panchina

  • 27 Aprile 2017 in 10:49
    Permalink

    Coly (che per me è il difensore più forte che abbiamo in rosa) ha la colpa di essere un giocatore della precedente gestione. L’epurazione violenta di gennaio, finalizzata a fare figli e figliastri, a demotivare i “vecchi” e a dare il massimo comfort ai nuovi con la certezza del posto. Per questo bisogna cacciare D’Aversa, con lui in panca i vecchi resteranno dei panchinari senza fiducia e i nuovi resteranno dei titolari inamovibili senza stimoli a dare il massimo per doversi conquistare il posto.

  • 27 Aprile 2017 in 10:51
    Permalink

    Alla domanda “siete d’accordo?” rispondo con una domanda. Perchè in autunno non si disse che “l’allenatore è apolloni e il ds minotti, chi non è d’accordo si faccia da parte”? Lo disse il presidente, ma non la proprietà…

    • 27 Aprile 2017 in 11:32
      Permalink

      Ciao luca !
      Osservazioni interessanti, specie quelli sulla società che si è schierata in difesa delle proprie scelte ora e non allora.
      Ben pochi tifosi, giornalisti e tecnici del settore, furono contrari all’esonero di Apolloni e dell’intera società.
      Io per riassumere direi che prima questa squadra aveva una progettualità a lungo periodo ma peccava nell’immediato, poi si è deciso di dare tutto nell’immediato trascurando una progettualità che per forza di cose era infattibile da studiare a treno in corsa. E i risultati sono un po questi, una squadra che si è spremuta all’osso per raggiungere un obiettivo e che come l’ha visto tramontare si è completamente schiantata. Sono convinto che con il Parma biologico di Scala in estate Apolloni e Galassi avrebbero comunque intrapreso altre strade senza psicodrammi e con rispetto reciproco. E si sarebbe continuato il percorso di crescita in maniera più lineare.

      • 27 Aprile 2017 in 11:44
        Permalink

        A proposito di progettualità, da quando è arrivato Faggiano, avete più sentito parlare di parma femminile? di settore giovanile? di progetti che vanno al di là di far giocare scozzarella o di comprare bassi per poi svincolarlo dopo 5 partite? ma soprattutto, avete più sentito Carra? prima era dappertutto in tv e sui giornali, adesso avrà parlato sì e no 2 volte da gennaio. E siamo certi che tra i proprietari, tutti siano uniti con Faggiano e D’Aversa e non ci sia qualcuno di loro magari più “biologico” di altri, che si è fidato a Novembre, ma poi vedendo chi è arrivato si è mangiato le mani di essersi fidato?

        • 27 Aprile 2017 in 12:31
          Permalink

          Il parma femminile è un progetto un po a se stante, peccato che non si riesca ad integrarlo di più con partite al tardini come l’anno scorso. Faggiano come ds è molto presente e bada tanto ai tifosi, cose che ad esempio minotti e galassi non facevano, lunedi si è fermato fino ad oltre mezzanotte a parlare con la tifosi praticamente uno ad uno. Ha altre qualità rispetto ai predecessori. Non mi sento di parlarne male, ha fatto degli errori, ma non ha neanche avuto il tempo di capire che cosa aveva in mano e quindi ha investito su personalità che conosceva esterne al parma. Io direi che più che Carra manca tantissimo la figura di un presidente in questo momento

        • 30 Aprile 2017 in 16:25
          Permalink

          Ti manca Carra? Non è stato esente nemmeno lui da errori…anzi… Non lo invocherei come se potesse salvare chissà cosa…

  • 27 Aprile 2017 in 11:38
    Permalink

    Ah si è vero all’andata in casa col Padova mi ricordo in effetti un partitone, con un Corapy alla Pirlo e un Nunzella alla Lichstenier. Non penso che in panchina ci siano Bonucci, Verratti & Co…forse Corapi, Coly e Saporetti possono anche stare a scaldare il legno senza che nessuno si scandalizzi, anche perchè quando hanno giocato non è che hanno illuminato la scena..riguardatevi Corapi in Parma Padova 1-4 Rosso in panca…imbarazzante
    ma per favore!

    • 27 Aprile 2017 in 11:49
      Permalink

      Ti ricordi che fino all’infortunio di Coly il parma non subiva mai gol?
      Ti ricordi che i Corapi e Nunzella che tu sfotti sono stati tra i migliori in campo nel derby?
      Ti ricordi che Parma-Padova nel primo tempo la stavamo dominando (sia come gioco che come risultato) prima che Zommers facesse due gatte?

      E soprattutto hai mai pensato che dire a dei giocatori che possono stare a scaldare il legno non è sicuramente il modo migliore né per farli rendere quando avrai bisogno di loro, né per ottenere un gruppo coeso e compatto? E purtroppo D’Aversa a quei giocatori, con il suo comportamento, con lo schierare i nuovi la domenica dopo che erano stati acquistati il venerdì e non avevano fatto neanche mezzo allenamento, gli ha proprio trasmesso il messaggio che loro son buoni solo per “scaldare il legno”.

  • 27 Aprile 2017 in 11:40
    Permalink

    Anch’io sono convinto che qualche giocatore abbia bisogno di un turno di riposo per “schiarirsi” le idee…tipo di cesare scozzarella e calaio’…munari e scaglia nonostante la brutta prova di lunedì li vedo ancora imprescindibili per questa squadra! Sono però d’accordo nel lasciare perdere mazzocchi e nunzella…il primo è inutile e il secondo è in uno stato di confusione tale da lasciare a casa sul divano che fa’ meno danni.

  • 27 Aprile 2017 in 11:44
    Permalink

    C’è un solo modo per salvare la stagione…VINCERE IL DERBY!! Non tanto per la rivalità con I cugini,che devo dire la verità non mi stanno neanche antipatici! Mi piace la rivalità sportiva ma in curva non canto”Reggio merda” o insulti vari verso i reggiani! Però vincere quella partita vorrebbe dire rilanciarsi e soprattutto riavvicinarsi ai tifosi!! Perché questo Parma senza i tifosi non supera neanche il primo turno dei play off.

  • 27 Aprile 2017 in 13:45
    Permalink

    Ma voi skerzate veramente NON si può sentire o meglio leggere

    Di giocatori ke devono riposarsi perkè sono stanki e senza idee

    Lunedì scorso sono stati inguardabili senza impegno e NON solo

    E mi venite dire ke sono stanki !!!!!!! stanco è l’operaio in catena

    Di montaggio in zincatura dopo 10 ore etor ke Coly siii e pomì

    Mo mama ke lavor !!!! Padre Lino pensaci tu x favore !!!! grazie

  • 27 Aprile 2017 in 13:51
    Permalink

    Secondo me per quanto riguarda coly il problema è che non c è stata una comunicazione adeguata, problema che qui dura da tempo immemore.
    Coly ha avuto un problema serio/noioso ma anche secondo me è il miglior difensore che abbiamo e penso che se fosse a livello degli altri come condizione giocherebbe anche con questo allenatore

  • 27 Aprile 2017 in 13:52
    Permalink

    Beh caro Luca Nunzellla purtroppo mi risulta abbia giocato molto anche dopo gennaio. E ricordo anche che durante il regno biologico in tanti tifosi si chidevano quando lui è l’altro oggetto misterioso Garufo avrebbero finalizzato in modo decente un cross. Ergo non penso che lo schifo che sta facendo Nunzella sia ad imputare a D’Aversa che a parer mio gli ha dato anche troppa fiducia. Per quanto riguarda Corapi se tutti compresa mia nonna a far inizio dalla figura di m…a col Piacenza in coppa Italia pregavano per l’arrivo di un centrocampista è forse perché il centromediano o fantasista ex Aquila non stava forse fornendo prestazioni super… o forse mi sbaglio io e abbiamo visto partite diverse.

  • 27 Aprile 2017 in 13:55
    Permalink

    Io il partitone in casa col Padova sinceramente non lo ricordo. Forse Minotti aveva visto un partitone quello si ricordo che lo disse. Ma solo lui se poi qualcuno si è incazzato e lo ha accompagnato al casello direzione San Donato studi di Sky.

  • 27 Aprile 2017 in 14:29
    Permalink

    Zommers

    Iacoponi Coly Saporetti Ricci

    Munari Corapi Scavone

    Mazzocchi Nocciolini Baraye

    Dentro chi ha fame e voglia di giocare.

    • 27 Aprile 2017 in 15:47
      Permalink

      Straquoto Ricci. rosa che da spazio ai giovani, è sicuramente una soluzione interessante. Personalmente mi piace molto. Ci vorrebbe tanto coraggio per schierare una formazione cosi.

      • 27 Aprile 2017 in 16:54
        Permalink

        Bisogna che D’Aversa improvvisi. La vedo come l’unica maniera per dare una scossa alla squadra.

  • 27 Aprile 2017 in 15:27
    Permalink

    che ci sia gente che insiste ancora con corapi giorgino zommer veramente non se ne puo’ piu’ ormai dovrebbero averlo capito che sono giocatori da lega pro di bassa classifica per cui se vuoi vincerlo il campionato non devi considerarli titolari ma riserve…….a parte che poi per un motivo o per l altro corapi ha giocato ancora tanto ma con le sue giravolte rallenta il gioco !!! tocca sempre 3 volte il pallone rallenta il gioco !!! non ha tempi d inserimento per cui di cosa stiamo parlando ? mazzocchi lo puo’ schierare dove vuoi ma e un pistapoci vuole scartare sempre senza averne le capacita’ mai visto fare un cross decente !! era riserva a rimiini e anche in serie D non era titolare fisso con apolloni qualcosa vorra dire !! coly e’ un mistero perche’ e ancora fuori ? comunque IL VENEZIA HA VINTO ANCHE LA COPPA ITALIA SCHIAFEGGIANDO SENZA FATICA IL MATERA 3 NEL GIRONE C …l errore piu grosso della stagione e’ stato non seguire il venezia che politicamnte aveva chiesto la separazione tra parma e venezia ma il ns ferrari era troppo intento a voler il derby e cosi la lega fu costretta a metterci nel girone B sarebbe stato moto meglio seguire perinetti fare pressioni assiem e ottenere il girone A dove avremmo vinto o almeno ce la saremmo giocata fino in fondo

  • 27 Aprile 2017 in 15:40
    Permalink

    bell’articolo… 🙂

    leggo e prendo spunto… giocare nella “maniera D’Aversa”.. ammiro questa fiducia incondizionata verso l’allenatore che è arrivato ed è diventato subito “senza se e senza ma” il nuovo Messia.

    Non intendio discutere le sue doti, non le ho ancora viste espresse, però è strano vedere questa squadra, a detta di tutti gli addetti ai lavori, rinforzata come in legapro altre concorrenti avrebbero sognato e desiderato, dissolversi..Hanno giocato infatti meglio le prime partite, col loro vecchio bagaglio di gioco che ognuno si portava dietro dal proprio passato calcistico.. e poi via via si sono spenti sotto la guida di questo tecnico.

    Questo è accaduto .. ma no.. continuiamo a dire che non hanno più voglia. In fondo sono solo dei lavativi. E’ la risposta più comoda. Ma anche la più tragica, perchè non li possiamo cambiare e recuperarli sembra un’impresa.L’allenatore è la GUIDA, non solo perchè imposta e insegna gli schemi tattici ma anche per la gestione del patrimonio umano. Non mi sembra che abbia fatto un gran lavoro nemmeno in questo.

    Ma è vietato muovere critiche a D’Aversa. Eppure è solo un giovane allenatore praticamente senza esperienza, con i suoi schemi in testa, ma che fa fatica a farli tradurre dai giocatori di cui dispone. …Munari disse poco tempo fa..dobbiamo fare quello che ognuno sa fare .. e farlo al meglio.. io ci leggo un piccolo messaggio, forse inconscio.. e forse mi sbaglio.. ma mi domando: non è che si chiede a questi giocatori quello che non hanno nelle loro corde? Una domanda bisognerà pur farsela..

    A me questi giocatori sembrano andati letteralmente in confusione. Basta riguardare le partite..in certi momenti si fermano letteralmente, guardandosi in faccia, senza saper cosa fare. A me non pare naturale per niente. Troppo banale e infantile adesso ridurre tutto al fatto che sono balordi e che non gliene frega nulla. Ma vi sembra minimamente logico? tutti??

    Però guai a nominare D’Aversa. Di fatto sta facendo la sua esperienza qui da noi, non ha mai vinto un tubo ma che c’entra .. lui non si tocca. Fiducia assoluta. Non si discute, e non si può discutere. Eppure questa piazza non ci ha messo un amen per crocifiggere un allenatore pochi mesi fa e addirittura ancora si continua con rabbia ad imputare a quella gestione la responsabilità di quello che succede ora.

    Se a D’Aversa non gli è bastato tutto il girone di ritorno per amalgamare la sua squadra e per dargli una fisioniomia quanto gli ci vuole in genere? .. no.. perchè sarebbe interessante saperlo. anche per il futuro

    Comunque io ho capito: la colpa è TUTTA dei giocatori: abbiamo pescato i più balordi in assoluto in tutti i sensi sia calcisticamente che umanamente.. (che sfiga!!) e guai a chi tocca l’allenatore. Si sa lui è il Messia.

    PS: noto che deve essere una terapia quella di offendere in continuazione Minotti & Co.. speriamo faccia almeno bene.

    • 27 Aprile 2017 in 17:11
      Permalink

      ciao Nico,
      Grazie per i complimenti e per la risposta molto approfondita e studiata.
      Da parte mia credo di non aver mai esagerato in elogi a D’Aversa, ne di avere affossato e infierito sul precedente staff tecnico. Cerco di commentare le partite senza lasciar spazio alla pancia e al nervosismo del momento che porta a facili conclusioni, espresse da qualcuno anche nello spazio commenti. Cambiare allenatore ora è “un bel casino” perche come ho già scritto ci vorrebbe un uomo alla Gedeone Carmignani capace di entrare da subito nella testa dei giocatori e capire subito come sfruttare al meglio il capitale a disposizione. Iniziando da 0 un percorso che ha una scadenza brevissima e cercando di guadagnarsi la stima della squadra in tempi esigui. Non è affatto facile. In generale sono d’accordo con te con la tendenza a far salvo D’Aversa e ad essere spietata con Apolloni anche quando vinceva. Ci vorrebbe più equità di giudizio.

      • 27 Aprile 2017 in 17:42
        Permalink

        ciao a te.. 😉
        Apprezzo sempre l’equilibrio dei tuoi commenti, in questo caso era solo una MIA analisi e quindi non riferita a quanto detto da te, ma ho solo preso lo spunto per spingermi oltre.

        E’ un pò la conseguenza di quello che capita di leggere nello spazio commenti, per cui mi sono sentito in dovere di prendere in considerazione, come è giusto, ANCHE il “fattore allenatore” oltre che quello “giocatori”, cosa che non si fa proprio, e direi anche stranamente, in questo periodo di crisi.. eppure in tempi non troppo lontani tu sai bene che non ci si è risparmiati.

        Non ce l’ho con D’Aversa, anche se può sembrare il contrario, ma anche lui ha le sue colpe e bisognerebbe dirlo, apertamente, almeno per un minimo di onestà .. diciamo intellettuale?

        Lo ripeto da molto.. se non si accettano e se non si riconoscono i propri limiti ed errori da parte di tutti e dico TUTTI, allenatore compreso, non si può nemmeno trovare la soluzione.

        Cambiare allenatore adesso non è auspicabile, troppo poco tempo, concordo con te.

        A meno che non ci sia pronto un allenatore con un forte carisma personale e un nome che sia da solo una garanzia per dare fiducia a tutta la squadra, riserve comprese.

      • 27 Aprile 2017 in 18:52
        Permalink

        No Nico l’allenatore DOPO IL MERCATO SONTUOSO DI GENNAIO dove ha chiesto e gli è stato dato tutto quello che ha voleva, non va esonerato ora, assolutamente.
        Se centra la B perché esonerarlo ?.
        Certo, se dovesse poi fallire il salto di categoria sarà la società a biglie ferme a fare tutte le valutazioni del caso e sarà lei a decidere il da farsi anche se per me non andando in B, il destino di D’Aversa è segnato e con lui molti dei giocatori che non hanno reso come si pensava.

    • 30 Aprile 2017 in 16:34
      Permalink

      Hai ragione.
      Il problema è che tutti sono intoccabili (non solo d’Aversa) finché sono al Parma e guai a chi osa proporre una critica, anche se costruttiva. Quando poi se ne vanno, vengono travolti da insulti come se piovessero…..

  • 27 Aprile 2017 in 17:02
    Permalink

    Eppure D’Aversa fino a fine gennaio, con la squadra fatta dai piadinari (cit. Davide), non mi sembra abbia lavorato male. Anzi…
    Tanto é vero che se non buttano fuori Canini a Venezia vinciamo anche la. E alla fine del mercato di gennaio la squadra era a 3 punti dalla prima.
    Quello che mi fa pensare sono gli acquisti di fine mercato.
    Che di fatto hanno rotto gli equilibri. Quelli che hanno tirato la carretta sono stati accantonati e i neoacquisti sono tuttora titolari inamovibili.

    P.s. Comunque il primo tempo di parma-padova 1-4 é stato uno dei migliori giocati dalla squadra di apolloni… Poi nel secondo sappiamo tutti com’è finita…

    P.p.s Smettiamola di mitizzare il bel calcio e il bel gioco. Cavoli siamo balordi, siamo in lega pro! Il Venezia non mi sembra che abbia questo gioco spumeggiante eppure hanno portato a casa campionato e coppa… Preferisco vincere tutte le partite 1-0 all’ultimo come i lagunari (segno che comunque ci credono fino alla fine) che giocare bene e portare a casa niente.

    • 27 Aprile 2017 in 17:35
      Permalink

      La partita di venezia non è andata in vacca per l’espulsione di canini, o meglio anche, ma poi la gestione dei cambi da parte di D’Aversa è stata oscena. Ha tolto gli unici due che tenevano alta la squadra (baraye e nocciolini) per tenere in campo 2 fantasmi (scozzarella e il povero munari che era arrivato il giorno prima) e ha fatto rinculare la squadra.

      • 27 Aprile 2017 in 19:52
        Permalink

        concordo ,d’aversa ha fatto una vaccata ,ma conoscendo le caratteristiche congenite di questi calciatori era ineluttabile ,vedi padova dove visto che abbiamo fatto il partitone a momenti pareggiano

        • 28 Aprile 2017 in 12:13
          Permalink

          io il partitone a padova non l’ho visto, ho visto un gol dopo 1 minuto che ha messo in discesa una partita che a momenti la prendiamo in c…

  • 27 Aprile 2017 in 17:07
    Permalink

    Conte Max ti straquoto. Corapi rallenta il gioco e non ha proprio nulla del giocatore da Lega Pro alta classifica/serie b e Mazzocchi è un pistapocce clamoroso.

  • 27 Aprile 2017 in 17:27
    Permalink

    MIRACOLO:

    qualcuno si è svegliato dal letargo……

  • 27 Aprile 2017 in 18:06
    Permalink

    Sta a vedar che adessa …l’è tuta colpa ed Corapi e di Mazzocchi …

    almeno chi du chi i s’impegnon , i corron e in tiren miga indrè la gamba..
    ..
    e i ian sempar de al masim ….questo non vuol dire che son delle cime …
    ma, soprattutto il primo, ci può stare in una squadra come questa ..
    ..
    ditemi cosa ha fatto Scozzarella di + di Corapi…
    cazzo…non basta scendere dalla serie B ..da quella che era ultima in classifica…
    cazzo…
    cosa cazzo ha fatto Scozzarella + di Corapi …??

    costoro dovevano essere migliori di quelli che erano a 3 punti dal Venezia NON SCORDATELO GIOVANI …

    quelli che sono arrivati a gennaio non HANNO, PER ORA, RESO COME DA ASPETTATIVE….D’AVERSA COMPRESO …

    si snobbano tanto coloro che hanno giocato prima e che non hanno mai mollato …cazzo…

    ricordatevi alla prima di ritorno eravamo già a 3 punti dal venezia..

    DOPO I NUOVI ARRIVI TUTTI IN PANCHINA …..senza esser + cagati da nessuno….vedasi Ricci, Saporetti, e pure Zommers ci metto…

    e qualcosa è successo …visto che qui sono tutti bravi a parlare dopo ….

    • 28 Aprile 2017 in 02:17
      Permalink

      Corapi non è all’altezza quindi dobbiamo urlarglielo in faccia che è un balordaccio buono a nulla… e che meglio uno scozzarella svogliato che un corapi balordaccio… ma dopo che l’abbiamo fatto, il beneficio per il parma qual è?

      • 28 Aprile 2017 in 02:18
        Permalink

        P.S. da quando i calci d’angolo li battono i due campioni del mercato di gennaio che vanno In due sul pallone e poi uno fa la scenetta che se ne va, abbiamo segnato centinaia di gol su calcio d’angolo…

        • 28 Aprile 2017 in 09:05
          Permalink

          Ogni volta che vedo quella scena mi sento male.

        • 28 Aprile 2017 in 09:53
          Permalink

          quella cosa li non l’ho mai capita ,rasenta la commedia dell’arte

          • 28 Aprile 2017 in 12:14
            Permalink

            è nonnismo verso corapi. un modo per dimostrare che quei 2 sono il centro dei pensieri dell’allenatore. nient’altro.

  • 27 Aprile 2017 in 18:08
    Permalink

    LUCA CON LA ESSE MAIUSCOLA

    Nella partita di Venezia, i da te citati Nocciolini e Baraye rientravano, entrambi, da infortunio e…non avevano probabilmente i 90 minuti nelle gambe…
    questo è un dato di fatto ..
    poi, chiaramente, la formazione la fanno i tecnici che li allenano e tastano il polso mattina e pomeriggio..
    ..

    • 28 Aprile 2017 in 02:14
      Permalink

      È la partita dove ti giochi tutto. Li lasci in campo a sputare sangue. Oppure non dovevi metterli entrambi dall’inizio.
      Togliendo entrambi hai detto al Venezia: assediateci, noi rinculiamo.

  • 27 Aprile 2017 in 20:04
    Permalink

    Ecco a vuoi una statistica interessante. Con la “vecchia” squadra (quella con zommers corapi Giorgino Mazzocchi etc…. Per intenderci) sono stati fatti 39 punti in 21 partite, inclusa la rimonta che ci ha portato fino a 3 punti dal Venezia e la vittoria nel derby, per una media punti di 1.85 punti a partita. Con la ” nuova” 27 punti in 15 partite con una media di 1.8. A mio parere la vecchia era più squadra e più forte caratterialmente, mentre la nuova solo una accozzaglia di mercenari mal guidati da D’Aversa

  • 27 Aprile 2017 in 20:06
    Permalink

    Il Parma e’ in crisi profonda, la prestazione di lunedi’ e’ stata sconcertante. Una squadra troppo brutta e senza idee che ha dato l’evidente impressione di scollamento interno. Sta alla societa’ intervenire, se ancora ritiene la vittoria nei play offs un obiettivo raggiungibile. Qualcosa si e’ rotto e va aggiustato.

  • 27 Aprile 2017 in 21:10
    Permalink

    insome’ ragass a sema gram bombe’ ,eh bruto mond ag vreve bombe’ a dirol ?

  • 27 Aprile 2017 in 22:56
    Permalink

    O SIGNORI !!! ma allora ha ragione d aversa a dire che i media creano solo confusione ancora gente che continua a menarla LA VECCHIA SQUADRA ha fatto 1,85 la nuova 1,80 statistihe puttanate varie (a parte che se le facevi prima di forli eravamo a 2,80 le avevamo vinte tutte come il venezia nel girone di ritorno e chiaro che il lato psicologico conta quando molli molli per cui statistiche del menga ) a parlare ancora di corapi zommer e giorgino ( con cui non vai certo in b ) MA SIGNORI gli stessi che la menano che rivogliono saporetti giorgino corapi zommer insomma la vecchia e famosa squadra !!! CHE TANTO A FATTO BENE INFATTI HANNO FATTO ESONERARE APOLLONI sono quelli che offendevano minotti perche’ il centrocmpo faceva schifo e hanno iniziato ad agosto a criticare che MANCAVA IL CENTROCAMPISTA CENTRALE siete gli stessi (guardate i vs post del passato ) che dicevate che la squadra era tutta da rifare a gennaio che avreste fattop un repulisti !!! gli stessi che dicevate che il centrocampo non corre che non fa gioco che minotti avev sbagliato tuitto che canini non andava bene !! eccccc tutti eravate d accorsdo che la scoieta doveva mettere soldi per rinforzare la squadra !!! tutti e adesso la menate che rivolete i vecchi prima del mercato ma quei vecchi erano a 8 punti dal venezia prima dell arrivo di d aversa !!! VERI CAMPIONI giocavano beneissimo vero ? si gran gioco vero !!! rivolete quelli che giocavano cosi bene con apolloni ? e allora perche nessuno si e lamentato dell esonero di apolloni se tutto andava bene ? me lo spiegate adesso rivolete quelli di fano macerata eccc manco un tiro in porta tutta la partita quel belò gioco volete ma su fate il piacere siete stati voi stessi nike name a volrere il repulisti andate a leggere i vs commenti a novembre andate

  • 27 Aprile 2017 in 23:08
    Permalink

    Mauro aggiungi anche Longobardi e Lauria che non tiravano indietro la gamba e vinciamo il campionato

  • 27 Aprile 2017 in 23:39
    Permalink

    Ci sta tutto, ma piantiamola di dire che abbiamo pagato la rincorsa al Venezia e da 2 mesi facciamo cagare perchè siamo stanchi! Mi risulta che il Venezia abbia stravinto il campionato e ha giocato anche in settimana in coppa italia! Ha giocato con le riserve in coppa? Bene… Mi ricordo che quando tempo fa giocavamo in coppa uefa si diceva che non riesci a preparare bene la partita del campionato.. Bene, noi abbiamo avuto 7 giorni sempre per preparare ogni partita! E poi da gennaio gioca metá squadra diversa da quella che c’era prima del mercato. Quindi?? Mi sa che di scuse non ce ne devono essere. Hanno avuto sicuramente più fortuna con gli infortunati.
    Conunque vorrei ricordare che il Trapani dopo che ha venduto Scozzarella è quasi a metá classifica… Era solo una considerazione

    • 28 Aprile 2017 in 10:26
      Permalink

      Si e la juve che ha venduto pogba vince lo scudetto mentre il manchester che lo ha preso annaspa..quindi è scarso pogba?

  • 28 Aprile 2017 in 09:31
    Permalink

    Cerchiamo di essere realisti.
    La difesa aveva bisogno di due terzini ma non di un centrale.
    Coly e Saporetti (con un possibile Giorgino di scorta) bastavano per supportare il capitano.
    Il centrocampo aveva bisogno di fisico (e va bene Munari) e di corsa ( non pervenuta)
    L’attacco che era sovrannumero giocando col 3 5 2 ha rinunciato a tre elementi giocabili (Evacuo Lauria e Guazzo) per due elementi improbabili pur giocando col 4 3 3.
    Si è comprato tanto ma delle volte si ha l’impressione che si sia comprato il comparabile e soprattutto si ha l’impressione che si sia persa l’unione di intenti, ammesso che la si sia mai avuta.
    Si ha la sensazione che DAversa dopo gennaio non sia più seguito dalla squadra. E che ognuno giochi da solo.
    Se esiste un rimedio urge trovarlo.

  • 28 Aprile 2017 in 10:11
    Permalink

    Le statistiche fatte qui..non sono puttanate come qualcuno dice, ma è la realtà tradotta in numeri. Dati reali
    Se non piace, non è colpa dei numeri. Poi ognuno li “prende” come gli pare.

    la sostanza è che i “vecchi” erano a -4 dal Venezia in 14 partite (Apolloni)
    Con Morrone in 2 partite e un solo punto, siamo andati a – 6
    (complice anche la sconfitta del Venezia)
    Con D’Aversa ora siamo arrivati a -13 dal Venezia in 20 partite

    dopo le prime UNDICI partite D’Aversa aveva una media di 2.72
    (fino al Forlì escluso)
    a cui hanno CONTRIBUITO e PARECCHIO, anche se dà molto fastidio e non capisco il perchè, i “VECCHI”

    e precisamente :
    vittoria con il Sudtirol
    pareggio col Teramo
    vittoria con la Reggiana
    vittoria col Modena
    e vittoria col Lumezzane …
    e non è poco.. cioè 13 punti in 5 partite

    I vecchi dunque gli hanno dato una mano, eccome!!! lo hanno tenuto a galla, che piaccia o no.

    mentre nelle ultime NOVE partite (dal forlì in poi) ha fatto solo una media di 1.22, che tradotta .. sono 11 punti in 9 partite e questa volta si che è poco. Anche in considerazione che i punti li abbiamo lasciati alle ultime della classe.

    Morale? la processione si conta alla fine. Per la buona pace di tutti.

  • 28 Aprile 2017 in 10:42
    Permalink

    Carissimo Gallo di Castione,

    oramai la stagione è giunta al termine.

    In B nemmeno con l’utilizzo del 118 riusciremo ad andare.

    Siamo realisti una buona volta.

    L’inesperienza della Società, il Trio piadina,

    l’esonero a novembre,

    l’arrivo del “Diverso” e del “Faggiano” grezzi e poco esperti

    ha portato a tutto ciò.

    Vorrei evidenziare pure che noi tifosi considerare

    questi giocatori dei “Fenomeni”! ha notevolmente

    peggiorato le cose…

    Saluti.

    • 28 Aprile 2017 in 12:15
      Permalink

      Scusa, ma dopo padova hai scritto “D’Aversa è il nostro Conte” e altri elogi a D’Aversa. La banderuola ha girato?

  • 28 Aprile 2017 in 10:42
    Permalink

    Caro Nico allora la proprietà ha fatto la cazzata del secolo. Poteva tenersi i biologici, i piadinari, Apolloni in panca e saremmo a andati molto meglio. Magari prendendo Cà invece di Munari e tenendo Canini al posto di Iacoponi (di cui nessuno parla ma che mi sembra anche in ottica dominio del prossimo campionato un grandissimo colpo). Caro mio si vede che tutto lo stadio dopo Parma Padova era impazzito a chiedere la testa dell’allenatore (che non mi sembra per altro abbia riscosso grandi consensi anche nella ricola serie D).
    Cmq se è così semplice si fa presto. Non penso che Galassi&C. abbiano la fila davanti a casa, quindi basta andare a riprenderseli. Ovviamente riaffidiamo le chiavi del centar dal càmp a Corapi e Miglietta e confidiamo sulle discese dulla fascia di Mazzocchi. E vedrai che campionatone che faremo!

    • 28 Aprile 2017 in 12:19
      Permalink

      I numeri sono quelli:
      Con quelli dell’anno scorso + Apolloni 1,78 punti/partita.
      Con quelli dell’anno scorso + D’Aversa 2,8 punti a partita.
      Con i mercenari Scozzarella Scaglia Frattali Bassi ecc 1,22 punti a partita.
      Se la matematica non è un’opinione, gli acquisti di gennaio hanno indebolito la squadra. Il perché (secondo il mio punto di vista) l’ho già espresso diverse volte in altri commenti.

  • 28 Aprile 2017 in 10:45
    Permalink

    e i cavalli si vedono a maggio….

  • 28 Aprile 2017 in 11:25
    Permalink

    Caro Davide, le statistiche sono fatte per chi le sa leggere, e ognuno le legge come vuole, a quanto vedo. Io ho solo fatto rilevare che i “vecchi balordi” hanno contribuito e non poco. Ed è la realtà!!
    La realtà fa male a quanto vedo, e non capisco..
    perchè costa tanto dire le cose come stanno?

    Quindi, quando si parla di loro, bisognerebbe riconoscere ANCHE quello che hanno fatto, certo questo può avvenire solo se uno ha un minimo di discernimento, però.

    Non so perchè ma dal Forlì in poi non è andata più bene.
    Questi sono i fatti. Che ti piaccia o no.

    E’ terapeutico criminalizzare tutto quello che c’era prima?
    Bene, se è una terapia spero che funzioni, come già dissi.

    Caro Davide a me di D’Aversa e di Apolloni, se vuoi saperlo, non mi importa niente, ma del Parma si, e molto.

  • 28 Aprile 2017 in 11:51
    Permalink

    Nico considera però una cosa non da poco. E te lo dico senza vis polemica. Il Parma 2 è crollato nell’ultimo mese e mezzo, quando era di fatto palese che l’obiettivo era sfumato. Esattamente come l’Inter tanto per fare un parallelo, dopo una grande rincorsa sfumata la champions è implosa. Il Parma 1 era in evidente difficoltà fin dal raduno. Ti rammento che siamo usciti dalla coppa italia col pro piacenza ed alla prima giornata ci siamo presentati a Modena con il presunto obiettivo di vincere il campionato con Miglietta e Corapi a governare il centrocampo.
    Non si possono paragonare due periodi così diversi e situazioni così diverse. La stagione dell’Inter è forse colpa di Pioli o di chi c’era prima? Il Parma di D’Aversa fino a che l’obiettivo primo posto era fattibile ha reso. Quando i lagunari (con tutti i se e i ma che vedrai saranno palesi nei prossimi mesi, dalla fuga di Inzaghi, etc.) hanno di fatto chiuso i giochi si è sgonfiato tutto. Certo è una colpa, grave. Ma fare il paragone con chi da maggio poteva e doveva lavorare per costruire e programmare non ha senso. Aggiungo che Faggiano lunedì si è comportato benissimo, ha cagato tutti quelli che gli chiedevano qualcosa e ci ha messo la faccia anche con l’ultimo dei tifosi. I piadinari arroganti erano solo buini di dire che andava tutto bene e che noi eravamo dei coglioni. Idem il loro capo trattorante.

    • 28 Aprile 2017 in 13:15
      Permalink

      Come avrai sicuramente notato io non ho fatto analisi tecniche. Ho riportato dei risultati numerici.
      Io guardo solo al Parma e a quello che è meglio per il MIO Parma, non per d’Aversa.
      E ammetterai che i numeri piuttosto impietosi inducono a qualche riflessione in più, meno semplicistica e comoda, come dare sempre e solo la colpa a chi c’era prima, non trovi?

      Le critiche per me son sempre le benvenute, però mi piacerebbe che si potesse essere nelle critiche, un pò più equilibrati, documentati ed anche educati.

      Anche Ferrari lo disse, “il prima” è metabolizzato, superato..conta l’ADESSO. E anche io guardo quello.

      Sul fatto del dire le cose come stanno … mah..sai tutto il mondo è paese, si tirano fuori alibi o balle di ogni tipo per giustificarsi, e lo fanno tutti, e lo comprendo anche… a differenza tua io però le prendo per quello che sono, non mi incantano, perchè sono palesamente frasi di circostanza, che però dopo un pò, se ripetute ad ogni partita, diventano stucchevoli.. almeno per me

      Quindi io, quello che dicono “questi” o “quelli di prima”.. lo prendo un tanto al metro….Di recente han persino dato la colpa dello “stress” ai mugugni dei tifosi e ai media..figurati. allora mi vien da dire ..qualcuno ha sbagliato mestiere.. no? Ma questo non c’entra, sono cose irrilevanti, dopotutto.

      Tu, se posso permettermelo, hai ancora dopo mesi, una rabbia furiosa, in ogni tuo commento, contro chi c’era prima, che sembra accecarti. Non lo capisco e mi dispiace. E lo dico senza polemica 😉

      • 28 Aprile 2017 in 19:59
        Permalink

        Io vedo che D’aversa e faggiano hanno fatto anche peggio di Minotti & co.

  • 28 Aprile 2017 in 12:24
    Permalink

    Continuiamo a farci delle seghe mentali su quali siano i problemi dei giocatori, quale rendimento dovremmo aspettarci e non abbiamo ancora capito che sono i primi loro a sbattersene altamente…. SVEGLIA RAGAZZI…….

  • 28 Aprile 2017 in 12:36
    Permalink

    Si però nelle vostre statistiche e conseguenti conclusioni omettete di considerare che siamo arrivati a -3 anche perchè il venezia (complimenti per il double) ha fatto un punto in 2 partite, mentre dopo la sosta, tra la 20a e la 30a giornata ha fatto 9 vittorie e 1 pari col parma.
    Fa quindi abbastanza sorridere che si andava meglio prima, se non analizzi anche gli avversari ha poco senso.
    Non mi pare molto convincente come analisi, il parma ha avuto il torto di mollare troppo presto, complici alcuni infortuni, e poi di non onorare campionato e maglia solo perchè l’obiettivo principale è sfumato.
    D’aversa, che a leggere qui non è capace di far niente, ha fatto una cosa tipo 9 vittorie su 11 e personalmente le ho trovate piu convincenti di quelle del 2016. Poi non so spiegarmi neppure io cosa sia successo, probabilmente qualcosa di simile a padova reggiana etc che hanno avuto rendimento analogo.
    Ora vedremo cosa succede, speriamo risolvano i problemi in fretta

    • 28 Aprile 2017 in 13:25
      Permalink

      A me non fa sorridere per niente se in 9 partite abbiamo fatto solo 11 punti..

      il Venezia era imprendibile, credo, per chiunque, dato il passo che ha tenuto, ma arrivargli sul “collo” forse lo avrebbe destabilizzato almeno un pò,

      Avere poi tanti punti di distacco lo trovo abbastanza umiliante e sintomo piuttosto preoccupante per i playoff.

      Perdere con le ultime in classifica mi spaventa e mi preoccupa, non mi fa sorridere.

      Se poi vogliamo trovare le giustificazioni ce ne sono state propinate a iosa, ma i numeri sono quelli e sono preoccupanti.

      Un allenatore si valuta dai risultati che ottiene, e quelli sono i SUOI numeri.
      Se le sue statistiche sono quelle adesso la colpa è chi le riporta? non ho capito. Guardiamo al parma va che è meglio,
      abbiamo un’ultima chance ma ci arriviamo in modo piuttosto sgangherato..

      speriamo bene

  • 28 Aprile 2017 in 14:23
    Permalink

    Non ho rabbia furiosa verso chi c’era prima, ma una sana incazzatura si. Perchè da maggio 2016 mi ero reso conto che non andava bene come si era impostato il lavoro. E quei 6 mesi persi (maggio/novembre) ci hanno rovinato la stagione e ci costringono a sorbirci anche l’anno prossimo lo schifo di vederci il Sudtirol il lunedì sera alle 20.45 o la trasferta a Salò.
    Tutto qui. Vatti a leggere i miei interventi e da aprile avevo capito che proprio così non poteva andare.

    • 28 Aprile 2017 in 15:45
      Permalink

      Ma sai Davide sbagliare sbagliano tutti, anche ora non è che si stia facendo tutto giusto.
      Dire ancora dopo 20 partite e con tutti i rinforzi di gennaio che è colpa di chi c’era prima ripeto è semplicistico. Si cambia allenatore per rimediare e di solito lo si fa con poco tempo davanti. Qui di tempo ce n’era e tantissimo..Si poteva fare di meglio non credi? Se perdiamo contro le ultime in classifica senza esprimere GIOCO non puoi dire che è colpa di Minotti o di Apolloni, non trovi?

      Noi nella nostra storia ci siamo passati e degli allenatori che ci hanno “salvato” con poco tempo a disposizione li abbiamo visti. Quindi non era una impresa impossibile. E ci credeva anche Ferrari, e la Società, visto quanto è stato speso.

      Sei stato attento e critico verso l’altra gestione e allo stesso modo ora ti trovo pronto a perdonare tutto a questa.

      Non è obbligatorio criticare, ovvio, se uno non ne vede il motivo, ma credo che in generale l’esercizio di critica debba essere equanime, e dico critica, bada bene, non condanna.
      Perchè tutti possono sbagliare. Valeva per la precedente gestione e vale per questa, almeno per me. D’Aversa sta facendo del suo meglio, come tentava di farlo Apolloni, però alla fine dei conti i risultati sono questi…. per il momento, perchè si può migliorare, una chance ce l’abbiamo ancora.

      Da parte mia non “condanno mai nessuno nel calcio” perchè parto sempre dal presupposto che tutti cercano di fare del loro meglio, a volte si riesce e a volte no. Le cronache sportive ne sono piene.

      Per me quindi vale per tutti, anche per D’Aversa, e anche se gli muovo qualche critica non lo apostroferò mai con nessun epiteto, perchè le persone sono degne del massimo rispetto in quanto persone.. tutte.. ma è solo un mio modo di vedere..

  • 28 Aprile 2017 in 14:55
    Permalink

    ma sai viviamo in un mondo di isterici,chissa’ se se la staranno spassando in romagna.

    per il resto spero ci mettano in un altro girone cosi’ invece di andare a bolzano andiamo a gorgonzola

  • 28 Aprile 2017 in 15:54
    Permalink

    O a Tuttocuio

    • 28 Aprile 2017 in 18:36
      Permalink

      gia’, e dove minchia gioca il tuttocuoio nel campionato sadomaso ?

  • 28 Aprile 2017 in 15:57
    Permalink

    NICO mi spiace ma di statischiche non ne capisci nulla lLE STATISTICHE SERVONO SE INTERPRETATE penso che altri ti abbiano gia spiegato in abbondanza se poi non vuoi capire ……..in ogni caso prima di forli era 2,80 media da promozione diretta se poi non capisci che ci sono stati infortuni importanti scavone munari e baraye e nocciolini hanno recuperato in fretta ma hanno tuttora dei problemi calaio squalificato ecccc poi come ti hanno spiegato hanno mollato guarda anche il venezia raggiunto l obiettivo ha mollato ma sopratutto il padova ha avuto la ns stessa reazione sfumata la serie B pèerche il venezia vinceva sempre una volta capito che non cera nulla da fare anche loro 4 sconfitte consecutive ……poi su sia con amcona ch con bolzano se si pareggiava null si poteva dire hanno fatto un tiro in porta le statistiche sercvono e vanno analizzate cosi come le usi tu non hanno alcun senso e in ogni caso mi fa ridere dire che si stava meglio quando si stava peggio ovvero con la gestione apolloni e poi abbi pazienza l interregno di morrone quello si che ha fatto danni

  • 28 Aprile 2017 in 16:43
    Permalink

    ” NICO mi spiace ma di statischiche non ne capisci nulla!
    Bene .. la ringrazio per i BEI modi.
    Comunque meno male che se ne intende lei. Se poi vuole tenermi un corso sulle statistiche sono sempre disponibile ad imparare, come recitava una famosa vecchissima trasmissione tv : ” Non è mai troppo tardi”

    “ubi maior minor cessat” : cioè mi inchino a chi ne sa più di me

    Eppure anche lei sta facendo un “piccolo” errore prendendo in esame solo un “settore del campionato”, cioè quello delle vittorie. Se lei vuol considerare solo quello, a me sta bene. Si figuri. Solo che la corsa finisce quando finisce non a metà percorso.

    però.. chissà perchè mi sta venendo in mente
    ” La volpe e l’uva”

    P.S: E non ho mai detto che era meglio prima, non parli per me, per favore.

    • 28 Aprile 2017 in 18:37
      Permalink

      NICO mi spiace ma insisti mase non le interpreti le statistiche non servono e poi scusa alla fine la vecchia e la nuova squadra (non tenendo conto che con d aversa le vinceva tutte fino al crollo pscicologico !! ) fanno piu o meno la stessa media mi sembra di aver capito e allora se dopo parma padova scala minotti si affrettarono ad affermre che tutto andava bene che non c’erano grossi problemi e lo stesso carra era su quella linea (rischiando poi il licenziamento anche lui ) bhe allora anche la nuova squadra sta facendo bene e non ci sono problemi ……….la diatriba vecchia e nuova squadra e ‘ allucinanante come le tue statistiche non so cosa dovrebbe dimostrare le tue statistiche ? se c’ e gente che afferma tuttora e leggi su che rivorebbero corapi giorgino zommer saporetti e magari anche lauria !! affermando che i vecchi avvevano le palle ed erano uomini veri le rivogliono i giocatori prima del mercato invernale se faceva bene la vecchia squadra allora fa bene anche la nuova visto che hanno la stessa meedia punti !!!!

      • 28 Aprile 2017 in 19:24
        Permalink

        Evviva la punteggiatura!

  • 28 Aprile 2017 in 21:54
    Permalink

    Eccezionale lettura degli ultimi commenti :

    NICO lascia perdere le polemiche , IO SONO CON TE, ALLINEATO CONCETTUALMENTE , ma questo non significa nulla..
    ..
    IO NON HO SPOSATO NE LA DIRIGENZA PRECEDENTE
    ( ALLENATORE COMPRESO …che è comunque SUPER PARTES come ONESTA’ INTELLETTUALE ) né la dirigenza attuale..
    stimo molto il D.S. FAGGIANO …non sicuramente un pappamolle né uno senza palle …
    il problema è la resa , il risultato parziale, e, di seguito , a consuntivo..il risultato finale
    COME SCRIVEVO ANZI TEMPO …IL CASARO, I CONTI DEL LATTE, LI FA A MAGGIO, IN QUESTO CASO TERMINERANNO A GIUGNO…con un supplemento di quote latte a disposizione , chi spremerà + energie, + sudore e + fatica..
    è probabile che riesca a vincere il premio finale ..
    IO , NONOSTANTE LE CRITICHE ATTRIBUITE, HO FIDUCIA IN QUESTO GRUPPO ..
    cito a caso ..GIANNI, MANUEL, CICCIO, MANUEL S., VALERIO, SIMONE, DAVIDE, YVES, LORENZO, PIERLUIGI, KRISTAPS, ALIOUNE, EMANUELE, MATTEO, MICHELE, GIACOMO JACK, PASQUALE TURBO, DAVIDE, SIMONE E., CROCEFISSO MIGLIETTA … DESIDERIO, MOMO, LEONARDO, ..e, sperando di non aver dimenticato nessuno , cito pure GUAZZO. EVACUO, LAURIA, MELANDRI, CACIOLI, CANINI, SERENI, MUSETTI…E LONGOBARDI

    I CONTI, COME SEMRE, SI FARANNO ALLA FINE DEL CAMPIONATO …. ah, già , dimenticavo ALESSANDRO …
    BEH…LUI NON HA BISOGNO DI APPREZZAMENTI ..
    il suo percorso, il suo PArMARES parla per lui …
    giocatore simbolo, capitano, sindacalista, sceso anche in Serie D ..( è come leggere che BUFFON, DEL PIERO e POCHI ALTRI , SONO SCESI IN SERIE B, concettualmente è la stessa cosa …credetemi )
    ..
    CHI VUOLE SCOMMETTERE CON ME CHE IL PARMA VINCERA’ I PLAY OFF ??
    Accetto le puntate ufficiali ALLAH, AL BAR si muore se arriva il kami kazzo ..

  • 29 Aprile 2017 in 08:28
    Permalink

    nico, per aspera all’Astra. È un consiglio

  • 29 Aprile 2017 in 11:52
    Permalink

    Nessuna polemica Moroni.. in effetti è tutto molto semplice…

    dissi già : “ubi maior minor cessat”..
    cioè in presenza di che ne sa di più .. IO MI TACCIO
    ………………………………………………………………………………….
    e ispirato dal succitato motto latino… aggiungo
    “e che attraverso le difficoltà, questo Parma possa raggiungere le stelle ! ”

    http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_bye.gif

  • 29 Aprile 2017 in 13:21
    Permalink

    ma se e’ da agosto che vai a dietro a dire che siamo la rosa e la squadra piu’ forte ,ma co dit dabo’ ?

    fatevi curare da uno bravo ti l’ancella ampole’ e anca chietro ed tv parma clemmej ahahaha

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI